You are on page 1of 96

Esercizi e complementi relativi al corso

Analisi Matematica I
(12 C.F.U.)
(a.a. 2011/2012)

Elisabetta Barletta

Indice
1.
2.
3.
4.
5.
6.
7.
8.
9.
10.

Esercizi sul principio di induzione matematica


Esercizi sulle successioni e serie di numeri reali
Esercizi sui limiti di una funzione di una variabile reale
Esercizi sullo studio del grafico di una funzione di una variabile reale
Esercizi sugli sviluppi di Taylor e Mac Laurin
Esercizi sugli integrali indefiniti
Esercizi sugli integrali generalizzati
Esercizi sui numeri complessi
Esercizi sulle equazioni differenziali del I ordine
Esercizi sulle equazioni differenziali a coefficienti costanti di ordine
n2
11. Appendice

4
8
29
42
51
64
73
77
81
86
95

1. Esercizi sul principio di induzione matematica


Teorema 1.1 (Principio dinduzione matematica). Sia {P (n)}nN una famiglia di proposizioni enunciate ciascuna per il naturale n N. Se
i) P (0) `e vera,
ii) per n N limplicazione P (n) P (n + 1) `e vera,
allora la proposizione P (n) `e vera per ogni n N.
Dal principio dinduzione matematica segue il seguente
Corollario 1.1. Sia {P (n)}nN una famiglia di proposizioni enunciate ciascuna
per il naturale n N. Se
i) P (n0 ) `e vera per un certo n0 N,
ii) limplicazione P (n) P (n + 1) `e vera per n N, n n0 ,
allora la proposizione P (n) `e vera per ogni n N, n n0 .
Esercizio 1.1. Dimostrare che per ogni n N `e:
n(n + 1)
,
i) 1 + 2 + + (n 1) + n =
2
ii) 1 + 3 + + (2n 1) + (2n + 1) = (n + 1)2 ,
n(n + 1)(2n + 1)
iii) 12 + 22 + + (n 1)2 + n2 =
.
6
 Soluzione di i). Sia P (n) data da:
n(n + 1)
.
2
Per dimostrare la formula data, basta usare il principio dinduzione matematica.
` ovvio che per n = 0 i membri
A tal fine verifichiamo la veridicit`a della P (0). E
delluguaglianza scritta sopra sono entrambi uguali a 0 e dunque P (0) `e soddisfatta.
Supponiamo ora che P (n) sia soddisfatta; vogliamo provare che anche P (n + 1) `e
soddisfatta. Essa afferma che
(n + 1)(n + 2)
(n + 1)[(n + 1) + 1]
1 + 2 + + n + (n + 1) =
=
.
2
2
Si ha:
P (n) n(n + 1)
+n+1=
1 + 2 + + n + (n + 1) =
2
n(n + 1) + 2(n + 1)
(n + 1)(n + 2)
=
=
.
2
2
Dunque il principio dinduzione matematica ci permette di affermare che la formula
n(n + 1)
1 + 2 + + (n 1) + n =
2
`e vera per ogni n N.
P (n) : 1 + 2 + + (n 1) + n =

Soluzione di ii). Sia ora P (n) data da:


P (n) : 1 + 3 + + (2n 1) + (2n + 1) = (n + 1)2 .
Per dimostrare la formula data, anche qui basta usare il principio dinduzione
matematica. Verifichiamo la veridicit`a della P (0). Per n = 0 i membri delluguaglianza scritta sopra sono entrambi uguali a 1 e dunque P (0) `e soddisfatta.
Supponiamo ora che P (n) sia soddisfatta; vogliamo provare che anche P (n + 1) `e
soddisfatta, e cio`e che
P (n + 1) :

1 + 3 + + (2n + 1) + (2n + 3) = (n + 2)2 .

Si ha:
P (n)

1 + 3 + + (2n + 1) + (2n + 3) = (n + 1)2 + 2n + 3 =


= n2 + 2n + 1 + 2n + 3 = n2 + 4n + 4 = (n + 2)2 .

Esercizi sul principio di induzione matematica

Dunque il principio dinduzione matematica ci permette di affermare che la formula


1 + 3 + + (2n 1) + (2n + 1) = (n + 1)2
`e vera per ogni n N.
Soluzione di iii). Sia P (n) data da:
n(n + 1)(2n + 1)
.
6
Usiamo anche qui il principio dinduzione matematica. Per n = 0 i membri
delluguaglianza scritta sopra sono entrambi uguali a 0 e dunque P (0) `e soddisfatta.
Supponiamo ora che P (n) sia soddisfatta; vogliamo provare che anche P (n + 1) `e
soddisfatta, e cio`e che
(n + 1)(n + 2)(2n + 3)
P (n + 1) :
12 + 22 + + n2 + (n + 1)2 =
.
6
Si ha:
P (n) n(n + 1)(2n + 1)
+ (n + 1)2 =
12 + 22 + + n2 + (n + 1)2 =
6
n(n + 1)(2n + 1) + 6(n + 1)2
(n + 1)[n(2n + 1) + 6(n + 1)]
=
=
=
6
6
2
2
(n + 1)[2n + n + 6n + 6]
(n + 1)(2n + 4n + 3n + 6)
=
=
=
6
6
(n + 1)(n + 2)(2n + 3)
(n + 1)[2n(n + 2) + 3(n + 2)]
=
.
=
6
6
Dunque il principio dinduzione matematica ci permette di affermare che la formula
n(n + 1)(2n + 1)
12 + 22 + + (n 1)2 + n2 =
6
`e vera per ogni n N.

P (n) : 12 + 22 + + (n 1)2 + n2 =

Esercizio 1.2. Dimostrare che per ogni a, b R e n N \ {0} `e:


an bn = (a b)

n1
X

ak bn1k .

k=0

 Soluzione. Poniamo
P (n) : an bn = (a b)

n1
X

ak bn1k .

k=0

Per n = 1 il primo membro delluguaglianza `e a b, cos` come lo `e il secondo.


Quindi P (1) `e soddisfatta.
Supponiamo vera P (n) e proviamo P (n + 1), cio`e che
n
X
an+1 bn+1 = (a b)
ak bnk .
k=0

Scriviamo
an+1 bn+1 = an+1 an b + an b bn+1 =
"
#
n1
X
n
n
n P (n)
n
k n1k
= a (a b) + b(a b ) = (a b) a + b
a b
=
k=0

= (a b)[an + bn + abn1 + an1 b] = (a b)

n
X

ak bnk .

k=0

Pertanto per il principio dinduzione matematica, la formula proposta `e vera. 

Elisabetta Barletta

Esercizio 1.3. Dimostrare la disuguaglianza di Bernoulli, e cio`e, per a


R, a > 1 e per n N si ha
(1 + a)n 1 + na.
 Soluzione. Posto

P (n) : (1 + a)n 1 + na ,
per n = 0 la disuguaglianza `e soddisfatta (in tal caso vale luguaglianza). Tenuto
conto che 1 + a > 0 si ha che
P (n)

(1 + a)n+1 = (1 + a)(1 + a)n (1 + a)(1 + na) = 1 + na + a + na2 >


> 1 + (n + 1)a
e di conseguenza P (n) implica P (n + 1). Dal principio dinduzione matematica si
ottiene allora la disuguaglianza scritta.

Esercizio 1.4. Dimostrare la formula del binomio di Newton e cio`e che per
ogni a, b R e n N `e

n 
X
n
n
(a + b) =
ak bnk .
k
k=0

 Soluzione. Per n = 0 la formula `e banalmente verificata. Posto



n 
X
n
n
P (n) : (a + b) =
ah bnh
h
h=0

si ha che
n+1

(a + b)

= (a + b)(a + b)


n 
X
n
= (a + b)
ah bnh =
h

n P (n)

h=0

(1.1)

n 
X
h=0

n
h

ah+1 bnh +

n 
X
h=0

n
h

ah bn+1h .

Nella prima sommatoria di (1.1) poniamo k = h + 1 cosicche h = k 1 e





n 
n
n+1
X
X
X n 
n
n
ah+1 bnh =
ak bn+1k =
ak bn+1k .
h
k1
k1
h=0

k1=0

k=1

Quindi sostituendo otteniamo



n+1
n 
X n 
X
n
n+1
k n+1k
(a + b)
=
a b
+
ak bn+1k =
k1
k
k=1
k=0






n 
n 
X
X
n
n
n
n
k n+1k
n+1
n+1
a b
+
a
+
b
+
ak bn+1k =
k1
n
0
k
k=1
k=1


 



n 
X
n
n
n
n
n+1
k n+1k
=
b
+
+
a b
+
an+1 .
0
k1
k
n
k=1

Ora



n!
n!
n
n
+
=
+
=
k1
k
(h 1)!(n + 1 k)! k!(n k)!


n!k + n!(n + 1 k)
(n + 1)!
n+1
=
=
=
k
k!(n + 1 k)!
k!(n + 1 k)!

e quindi
(a + b)n+1 = an+1 +


n 
n+1
X
X n+1 
n+1
ak bn+1k + bn+1 =
ak bn+1k
k
k

k=1

k=0

Esercizi sul principio di induzione matematica

che d`
a la veridicit`
a della P (n + 1).

Esercizio 1.5. Dimostrare che 2n n! < nn per n N, n 6.
 Soluzione. Sia

P (n) : 2n n! < nn .
Per n = 6 si ha che 2n n! = 26 6! = 46.080 mentre nn = n6 = 46.656 e dunque la
disuguaglianza `e verificata. (Si osservi che per 1 n 5 la disuguaglianza `e falsa.)
Supposta ora vera P (n), proviamo P (n + 1). Si ha:
n+1
X n+1 
(n + 1)n+1 = (1 + n)n+1 =
nn+1k
k
k=0






n+1
n+1
n+1

nn+1 +
nn +
nn1 =
0
1
2
3
1
nn+1 + (n + 1)nn + (n + 1)nn = nn [n + (n + 1)]
2
2
nn (2n + 2) = 2(n + 1)nn ,
cio`e
(1.2)

2(n + 1)nn (n + 1)n+1 .

Si osservi che
2n+1 (n + 1)! = 2(n + 1) 2n n! < 2(n + 1)nn
per cui, tenuto conto della (1.2), si ottiene che
2n+1 (n + 1)! < (n + 1)n+1
che `e lasserto della P (n + 1).


Elisabetta Barletta

2. Esercizi sulle successioni e serie di numeri reali


Esercizio 2.1. Dimostrare che
lim

a=1

per a R, a > 0.
 Soluzione. Lasserto `e banalmente vero se a =1.
Se a > 1 allora n a > 1 e dunque potremo scrivere n a = 1 + an , con an > 0. Allora
a = (1 + an )n 1 + nan > nan da cui an < a/n. Pertanto
a
0 < an <
n

e dal teorema dei due carabinieri si ha limn an = 0 e dunque limn n a =


limn (1 + an ) = 1.

Se 0 < a < 1 allora 0 < n a < 1 e 1/a > 1. Si pone n a = 1/(1 + an ), con an > 0.
Allora a = 1/(1 + an )n e siccome ancora (1 + an )n 1 + nan > nan , segue che
an < 1/na. Pertanto
1
0 < an <
na

e dal teorema dei due carabinieri si ha limn an = 0 e dunque limn n a =


limn 1/(1 + an ) = 1.

Esercizio 2.2. Calcolare
lim an

per a R, a 6= 0.
 Soluzione. Se a = 1 il limite proposto `e 1. Se a = 1 si ottiene la successione
{(1)n }nN il cui limite non esiste.
Se 0 < a < 1, poniamo a = 1/(1 + h), con h > 0. Allora
1
1
1
<
0 < an =

(1 + h)n
1 + nh
nh
e dal teorema dei due carabinieri segue che il limite proposto `e 0.
Se 1 < a < 0 allora 0 < |a| < 1 e per quanto visto limn |a|n = 0. Se
fosse limn an = ` 6= 0 allora sarebbe limn |a|n = |`| =
6 0 ed essendo questo
assurdo, segue che limn an = 0 anche nel caso 1 < a < 0.
Se a > 1 allora scriviamo a = 1 + h, con h > 0 e quindi an = (1 + h)n 1 + nh >
nh. Siccome limn nh = +, per ogni K > 0 esiste nK N tale che per ogni
n N, n > nK , si abbia nh > K e di conseguenza per lo stesso nK , se n > nK , si
ha che an > K ovvero che limn an = +.
Se infine a < 1, scriviamo a = b, per b > 1. Ne segue che an = (1)n bn
n n
e il limite
della successione
b }nN non esiste in

quantole due sottosucces


 {(1)
2k
2k 2k
sioni (1) b kN = b kN e (1)2k+1 b2k+1 kN = b2k+1 kN divergono rispettivamente a + e .
Ricapitolando si ha

lim an =

se 0 < |a| < 1

se a = 1

se a > 1

non esiste

se a 1 .


Esercizi sulle successioni e serie di numeri reali

Osservazione 2.1. Per a = 0 si ha la successione costantemente nulla ed `e ovvio


che limn an .
Esercizio 2.3. Dimostrare che
lim

n=1.

p 2
 p 2

n
 Soluzione. Si scriva n n =
n
= n n . Siccome n 1, allora
p
p

n
n > 1 e scriviamo n n = 1 + an , con an > 0. Ne segue che

n = (1 + an )n 1 + nan > nan

da cui 0 < an 1/ n e, per il teorema dei due carabinieri, limn an = 0. Si ha


allora
 q 2

n
n = lim (1 + an )2 = 1 .
lim n n = lim
n


Esercizio 2.4. Dimostrare che
lim

n = 1

per R.

 Soluzione. Per = 0 `e ovvio; altrimenti si scrive n n = ( n n) . Se N \ {0},


i.e. = m N \ {0}, allora

lim n nm = ( lim n n) ( lim n n) = 1 .


n
n
n
|
{z
}
m

Se invece Z \ N allora si pone = m, per m N \ {0}, e

1
=1.
lim n n = lim ( n n)m = lim
n
n ( n n)m
n
Infine se R \ Z, tenuto conto che [] [] + 1, si ha

( n n)[] ( n n) ( n n)[]+1
e dal teorema dei due carabinieri si ricava lasserto.

Esercizio 2.5. Calcolare
lim

n
,
an

per a R, a 6= 0.
 Soluzione. Se 0 < |a| < 1 allora limn an = 0. Se 0 < a < 1 allora 1/a > 1 e
dunque limn 1/an = limn (1/a)n = +, di conseguenza



n
1
lim n = lim n
lim n = + .
n a
n
n a
Se invece 1 < a < 0 allora a = b con 0 < b < 1. La sottosuccessione




2k
2k
=
(1)2k b2k kN
b2k kN
della successione {n/(b)n }nN diverge a +, mentre la sottosuccessione




2k + 1
2k + 1
= 2k+1
(1)2k+1 b2k+1 kN
b
kN
diverge a . Di conseguenza non esiste il limn n/an per 1 < a < 0.
Anche per a = 1 questo limite non esiste, mentre per a = 1 il limite `e +.

10

Elisabetta Barletta

Se a > 1 allora limn an = + e limn n/an sipresenta nella forma


indeterminata /. In questo caso a > 1 e scriviamo a = 1 + h, con h > 0.
Allora

( a)n = (1 + h)n 1 + nh > nh


da cui an > n2 h2 e quindi
n
1
<
.
n
a
nh2
Applicando il teorema dei due carabinieri si ricava che limn n/an = 0 per a > 1.
Se invece a < 1 allora si pone a = b, con b > 1, e 0 |n/an | = n/bn < per
ogni > 0, per n > n , essendo limn n/bn = 0. Ne segue che limn n/an = 0
per a < 1.
Ricapitolando,
0<

lim

se 0 < a 1

n
non esiste
se 1 a < 0
=

an

0
se a > 1, a < 1 .


Osservazione 2.2. Si noti che


lim

an
= +
n

se a > 1

(essendo in tal caso an > 0 per ogni n N) mentre non esiste se a < 1.
Pi`
u in generale,
an
= +
lim
n n
per a > 1 e > 0.
Infatti
an
=
n

an/
n


=

(a1/ )n
n


=

bn
n

dove si `e posto b = a1/ e b > 1. Per ogni K > 0 si consideri K 1/ > 0 e poiche
limn bn /n = +, si ha che esiste nK N tale che, per n N, n > nK , sia
bn /n > K 1/ . Quindi anche (bn /n) > K e perci`o limn (bn /n) = +.
Esercizio 2.6. Dimostrare che
lim

an
=0,
n!

per ogni a R.
 Soluzione. Se |a| < 1 allora limn an = 0 e limn 1/n! = 0, dunque
limn an /n! = 0.
Se a = 1 allora banalmente il limite proposto `e nullo; se a = 1, per ogni > 0
si ha che


(1)n
1
1


n = n! < n <
per n > n , n = [1/] + 1. Dunque ancora limn an /n! = 0.
Se a > 1 poiche limn a/n = 0, per ogni > 0 esiste n N tale che per n N,
n > n , si abbia a/n < . In particolare per = 1/2 si pu`o prendere n > [2a] + 1.
Supponiamo allora di aver fissato k N con k > [2a] + 1. Ogni n N, n > k, `e un

Esercizi sulle successioni e serie di numeri reali

11

naturale maggiore di [2a] + 1 e anche k + 1 > [2a] + 1 e cosi via i suoi successivi
fino a n. Ne segue che a/(k + 1) < 1/2, a/(k + 2) < 1/2, ecc., a/n < 1/2, da cui
0<

an
ak
ank
ak a
a
a
=
=
<
n!
k! (k + 1) n
k! k + 1 k + 2
n
|
{z
}
nk

<

ak 1
ak
1
=
k! |2 {z 2}
k!

 nk
 n
(2a)k 1
1
=
.
2
k!
2

nk

Ora limn (1/2) = 0, dunque lasserto segue dal teorema dei due carabinieri.
Se a < 1, posto a = b, con b > 1, allora an /n! = (1)n bn /n! e poiche
limn bn /n! = 0, si ottiene che anche il limite proposto per a < 1 `e nullo.

Esercizio 2.7. Dimostrare che

lim

n! = +

 Soluzione. Sia k > 0, allora sappiamo che limn k n /n! = 0. Dunque per ogni
> 0 esiste n N tale che per n > n si abbia (k n /n!) < . In particolare per
= 1 esiste n1 N per cui per n > n1 sia (k n /n!)
< 1. Questo accade se e solo se

n
n
per n > n1 `e n! > k ovvero se per n > n1 `e n! > k. Dalla scelta arbitraria di
k > 0 segue allora che

n
lim
n! = + .
n


Esercizio 2.8. Dimostrare che
lim

n!
=0.
nn

 Soluzione. Sappiamo che per n 6 `e 2n n! < nn ; allora


 n
1
n!
0< n <
n
2
e pertanto lasserto segue dal teorema dei due carabinieri.

Esercizio 2.9. Calcolare
lim

n+1

n.

 Soluzione. Basta scrivere

( n + 1 n)( n + 1 + n)

n+1 n=

n+1+ n
da cui si ricava che

lim ( n + 1 n) = lim

1
=0.
n+1+ n


Esercizio 2.10. Sia {an }nN una successione divergente a +. Se b > 1 dimostrare che
an
lim
=0.
n ban

12

Elisabetta Barletta

 Soluzione. Senza perdere di generalit`a, si pu`o supporre che sia an > 1, cosicche
la parte intera [an ] 1. Di conseguenza
[an ]
=0.
b[an ]

lim

Poiche
[an ]
an
[an ] + 1
an
,
b
b[an ]+1
b[an ]
passando al limite per n tendente allinfinito, dal teorema dei due carabinieri si ha
la tesi.
Da questo segue anche che
a
lim ann = 0
n b
per ogni R.

Esercizio 2.11. Calcolare
lim

(log n)
e
n

lim

n (log n)
,
an

per a > 1 e , R.
 Soluzione. Per il primo limite, posto an = log n, si ha che n = ean e dunque,
dallesercizio precedente, segue che
lim

(log n)
an
= lim
=0.

n (e )an
n

2
Per il secondo limite, posto an = (( a)n ) , siccome a > 1, si ha
n (log n)
n (log n)
n (log n)
n

= n n = n
n
a
n
( a) ( a)
( a)
( a)n
e ciascun fattore `e il termine generale di una successione convergente a 0.

Esercizio 2.12. Calcolare
lim

sin n
.
n

 Soluzione. Osserviamo che



sin n
1
n
n
e dunque
per ogni > 0 esiste n N tale che, per n N, n > n , si abbia

1/ n < . Dunque per lo stesso n , per n > n , `e | sin n/ n| < , ovvero


lim

sin n
=0.
n


Esercizio 2.13. Calcolare

lim ( n n 3) .

Esercizio 2.14. Calcolare


lim

n 
Y
k=2

1
k2


.

Esercizi sulle successioni e serie di numeri reali

13

 Soluzione. Poiche 1 1/k 2 = (k 2 1)/k 2 = (k 1)(k + 1)/k 2 , si ha



n 
Y
13 24
(n 1)(n + 1)
(n 1)!(n + 1)!
n+1
1
=
=
1 2 = 2 2
2
2
k
2
3
n
2(n!)
2n
k=2

e pertanto
lim

n 
Y

k=2

1
k2


=

1
n+1
1
lim
= .
2 n n
2


Esercizio 2.15. Calcolare


lim

n
Y
k3 1
k3 + 1

!
.

k=2

 Soluzione. Si ha che (k 3 1)/(k 3 + 1) = (k 1)(k 2 + k + 1)/[(k + 1)(k 2 k + 1)],


inoltre (k + 1)2 (k + 1) + 1 = k 2 + k + 1 e dunque
! n
!
n
n
Y
Y (k + 1)2 (k + 1) + 1
Y
k1
k3 1
=
=
k3 + 1
k+1
k2 k + 1
k=2

k=2

k=2

1 2 (n 1) 3 3 + 1 4 4 + 1
(n + 1)2 (n + 1) + 1
2
2

=
3 (n + 1)
2 2+1 3 3+1
n2 n + 1
=

2(n 1)![(n + 1)2 (n + 1) + 1]


2(n2 + n + 1)
=
.
3(n + 1)!
3n(n + 1)

Pertanto
lim

n+

n
Y
k3 1
k3 + 1

k=2

2
.
3


Esercizio 2.16. Sia a R, |a| < 1. Calcolare


lim

n
X

ak .

k=0

 Soluzione. Dal fatto che


n
n
X
X
1 an+1 = (1 a)
ank = (1 a)(an + an1 + + a + 1) = (1 a)
ak
k=0

segue che

Pn

k=0

k=0
n+1

a = (1 a
lim

)/(1 a) e siccome |a| < 1 si ha che


!
n
X
1 an+1
1
k
a
= lim
=
.
n
1a
1a

k=0


Si noti che questo fatto permette di dire che la serie
+
X

an

n=0

detta serie geometrica di ragione a, converge per |a| < 1 ed ha somma S = 1/(1a)
ovvero
+
X
1
(2.1)
an =
,
|a| < 1
1

a
n=0
mentre diverge per |a| 1.

14

Elisabetta Barletta

Esercizio 2.17. Calcolare


lim

n
X

k=1

1
k(k + 1)

!
.

 Soluzione. Si noti che per ogni k N \ {0} `e


1
1
1
=
k(k + 1)
k k+1
e quindi
n
X
1 1 1
1
1
1
1
= 1 + + +
=1
,
k(k + 1)
2 2 3
n n+1
n+1
k=1

pertanto
lim

n
X
k=1

1
k(k + 1)

!
=1.


Si noti che questo fatto permette di dire che la serie


+
X
n=1

1
n(n + 1)

detta serie di Mengoli converge ed ha somma 1.


Esercizio 2.18. Verificare che la serie
+
X
1
n!
n=0

converge.
 Soluzione. Poiche limn 2n /n! = 0 segue che per = 1 si ha che esiste
n1 N tale che per n > n1 , sia 1/n! < 1/2n = (1/2)n e dal criterio del confronto,
P+
poiche la serie n=0 (1/2)n converge, si ottiene la convergenza della serie proposta.

La serie convergente
(2.2)

+
X
1
n!
n=0

si chiama serie esponenziale e la sua somma si chiama il numero di Nepero che si


indica con e, ovvero
+
X
1
e :=
.
n!
n=0
Esercizio 2.19. Provare che la successione

n 
1
1+
n
nN\{0}
`e strettamente crescente.
 Soluzione. Osserviamo dapprima che




n+1
(n + 1)n!
n
n+1
=
=
k
k
k!(n k + 1)(n k)!
nk+1
da cui



 
 



k
n+1k
n
n+1
n
n+1
=
=
= 1
.
k
k
k
k
n+1
n+1

Esercizi sulle successioni e serie di numeri reali

Siccome 1/(n + 1) > 1 si ha che



k
1
1
n+1

Bernoulli

15

k
n+1

e quindi


n
k


1

n
k

1
n+1

ovvero


n
n+1

cio`e


n+1
k

k 

k 

(n + 1)k
nk

n+1
k


n+1
k

n
k


.

Allora
n+1 n+1
X n+1 
1
1
=
=
k
n+1
(n + 1)k
k=0



n 
X
1
1
n+1
n+1
=
+
>
k
n+1
(n + 1)k
(n + 1)n+1
k=0

n 
X
1
n+1
>

k
(n + 1)k
k=0



n
n
X
1
1
(n + 1)k
n
= 1+

k
nk
(n + 1)k
n

1+

k=0

cio`e an+1 > an .



Esercizio 2.20. Dimostrare che1

lim

1
1+
n

n
=e.

 Soluzione. Se sn `e la somma parziale n-esima della serie esponenziale allora


e = limn sn . Quindi per ogni > 0 esiste n N tale che per ogni m N,
m > n sia e < sm < e + . Dallo sviluppo del binomio di Newton per n N,
n > m, si ha:

n X
  k X
n 
n
1
1
n(n 1) (n k + 1) 1
n
1+
=
=

k
n
n
nk
k!
k=0

k=0

m
X
n(n 1) (n k + 1) 1

nk
k!
k=0

da cui si ricava

n X


m
1
n(n 1) (n k + 1)
1
1+

lim
=
n
n
k! n
nk
lim

k=0

m
X
1
= sm
k!

k=0

e quindi per ogni > 0 `e



lim

1
1+
n

n
>e.

1E. Giusti, Analisi Matematica I, Bollati Boringhieri, Torino 1988, pp. 76-77

16

Elisabetta Barletta

Daltra parte
n(n 1) (n k + 1) 1
1

nk
k!
k!
da cui


n
n
X
1
1
e < lim 1 +
lim
= lim sn = e
n
n
n
k! n
k=0

che, per larbitrariet`


a di > 0 d`a

lim

1+

1
n

n
=e.


Esercizio 2.21. Calcolare



1

lim

1
n

n
.

 Soluzione. Si ha che
1

n1
1
=
=
n
n

di conseguenza si pu`
o scrivere
n

1
=
1
n

1
n
n1

1+

1
n1

1
n1+1
n1

1
n1 

1
,
1
1 + n1

1+

1
n1

e tenuto conto dellosservazione precedente, si ha che

!

n
1
1
1
1

lim 1
lim
= .
= lim 
n1 n
1
n
n
n
e
1 + n1
1
1 + n1

Esercizio 2.22. Sia r Q, r > 0. Provare che

rn
1
lim 1 +
=e.
n
rn
 Soluzione. Dal fatto che 0 [rn] rn [rn] + 1, si ha

[rn] 
[rn] 
rn
1
1
1
1+
1+
1+

[rn] + 1
rn
rn

[rn]+1 
[rn]+1
1
1
1+
1+
,
rn
[rn]
inoltre, poiche [rn] = m N, si ha che

[rn]

m
1
1
lim 1 +
= lim 1 +
=
n
m
[rn] + 1
m+1
m+1

1
1 + m+1
= lim
=e,
1
m
1 + m+1
e anche
[rn]+1

m 

1
1
1
= lim 1 +
1+
=e.
n
m
[rn]
m
m
Dal teorema dei due carabinieri, si ha la tesi.


lim

1+

Esercizi sulle successioni e serie di numeri reali

17

Esercizio 2.23. Calcolare i seguenti limiti di successioni



n
1
sin n cos n2
1) lim
.
,
2)
lim
log
1
+
n n2 n + 6
n
n
 Soluzione del n. 1). Poiche


sin n cos n2 | sin n| + | cos n2 |
2


2
n2 n + 6
n2 n + 6
n n+6
e limn 1/(n2 n + 6) = 0 segue che


sin n cos n2
2


n2 n + 6 n2 n + 6 <
per n N, n > n , per un certo n N. Dunque
lim

sin n cos n2
=0.
n2 n + 6

Soluzione del n. 2). Poiche limn (1 + 1/n)n = e allora



n
1
= log e = 1 .
lim log 1 +
n
n

Esercizio 2.24. Calcolare i seguenti limiti di successioni

(2n)n
n+1
1) lim
, 2) lim
.
n
n
n!
3 nn
 Soluzione del n. 1). Abbiamo
(2n)n
lim
= ( lim 2n )
n
n
n!

nn
lim
n n!


= + .

Soluzione del n. 2). Poiche limn n n = 1 e limn n = + allora

n+1
lim
= + .
n
3 nn

Esercizio 2.25.

n
n+2
1) lim

n
3 nn

n4
.
2) lim
n
2 2n

 Soluzione del n. 1). Poiche limn n n = 1 allora

n
3
n+2
.
lim
=
n
3 nn
31
Soluzione del n. 2). Il limite si presenta nella forma indeterminata /.
Proponiamo due diversi modi per risolverlo. Per via algebrica:



4
n
1

n4
2
2
1 4/ n
2
n
=

=
lim
lim 
lim
=
n
2 n n 1 1
2 n 1/ n 1
2
2 2n
n

18

Elisabetta Barletta

perche limn 1/ n = 0. In altro modo notando che sia il numeratore che il


denominatore
sono infiniti di ordine 1/2, si ottiene che il limite `e il rapporto dei
coefficienti di n, cio`e

n4
2
=
.
lim
n
2
2 2n

Esercizio 2.26. Calcolare i seguenti limiti
n1/4 + n1/5 + 2
1) lim 2/3
n n
n1/3 + 3


,

2) lim

1
1
+
2 2n

n
.

 Soluzione del n. 1). Il limite si presenta nella forma indeterminata /.


Anche in questo caso mostriamo due diversi modi per risolverlo. Per via algebrica
si ha

1
2
n1/4 1 + n1/20
+ n1/4
n1/4 + n1/5 + 2
 =
= lim
lim
1
1
n n2/3 1 1/3
n n2/3 n1/3 + 3
+ n2/3
n



1
1 + 1/n1/20 + 2/n1/4
=01=0.
= lim
lim
n
n 1 1/n1/3 + 3/n2/3
n
In altro modo, tenuto conto che il numeratore `e un infinito di ordine 1/4, il denominatore `e un infinito di ordine 2/3 e che 2/3 > 1/4, `e immediato che
lim

n1/4 + n1/5 + 2
=0.
n2/3 n1/3 + 3

Soluzione del n. 2). Abbiamo


n
n

 n 
1
1
1
1
+
lim
= lim
1+
=
n 2
n 2
2n
n
n 


 n  
1
1
lim 1 +
=0e=0.
= lim
n
n 2
n

Esercizio 2.27. Calcolare i limiti
2n

1
1) lim 1
n
3n

n

1
.
2+
n
n

2) lim

 Soluzione del n. 1). Si ha



2n

 2 3n

3n !2/3
1
1 3
1
lim 1
= lim 1
= lim
1
= e2/3
n
n
n
3n
3n
3n
Soluzione del n. 2). Anche qui si ha

n

 2n
1 2
1
n
= lim 2 1 +
=
lim 2 +
n
n
n
2n


2n !1/2
1
= +
= ( lim 2n ) lim
1+
n
n
2n
perche
n

lim 2 = +

lim


2n !1/2

1
1+
= e.
2n


Esercizi sulle successioni e serie di numeri reali

19

Esercizio 2.28. Calcolare i seguenti limiti




n
n
1
1
1
1) lim
, 2) lim 1 +
, aZ.
+
n 3
n
5n
an
 Soluzione del n. 1). Abbiamo

 n 
n
35n
1
1
1
1 5 3
=
lim
= lim
+
1+ 5
n 3
n 3
5n
3n


 n 
 53 n !3/5

1
1
lim
= 0 e3/5 = 0 .
= lim
1+ 5
n 3
n
3n
Soluzione del n. 2). Abbiamo

n
an 1/a

1
1
= lim
1+
= e1/a .
lim 1 +
n
n
an
an

Esercizio 2.29. Provare che
lim

nn
=0.
(n!)2

 Soluzione. Posto an = nn /(n!)2 per n 6= 0, si ha che



n

n
an+1
n+1
n+1
1
(n + 1)n+1 (n!)2
1
e
=
=
=
1
+

<1
an
(n + 1)!2 nn
n
(n + 1)2
n
n+1
n+1
per n [e 1] + 1 = 2; per n = 1 si ha a1 = 1, a2 = 22 /22 = 1 da cui a1 a2 .
Pertanto la successione {an }nN `e decrescente e quindi limn an = inf nN {an }.
Siccome an 0 per ogni n N, `e inf nN {an } 0 per cui limn an 0.
Sia ` = limn an , allora
e
0 an+1 an
n+1
e passando al limite per n si ha
0 ` ` 0 = 0 ovvero ` = 0 .

Definizione 2.1. Una successione si dice regolare se ammette limite (finito o infinito).
Esercizio 2.30. Sia {an }nN una successione regolare. Dimostrare che anche la
successione {(a1 + + an )/n}n1 `e regolare e che
a1 + + an
lim
= lim an .
n
n
n
 Soluzione. I) Supponiamo che limn an = `; posto bn = an ` si ha che
limn bn = 0 e poiche


b1 + + bn
a1 + + an n`
a1 + + an
lim
= lim
= lim
`
n
n
n
n
n
n
basta provare che limn (b1 + + bn )/n = 0. Per ogni > 0 esiste n0 N tale
che per n > n0 sia |bn | < /2; inoltre {bn }nN `e limitata per cui esiste L > 0 tale
che |bn | L per ogni n N. Allora


b1 + + bn |b1 |
|bn0 | |bn0 +1 | + + |bn |


+ +
+
<


n
n
n
n
<

n0
n n0
L+
<
n
n
2

20

Elisabetta Barletta

per n0 L/n < /2, i. e. per n > n = [2 L n0 /] + 1.


II) Se invece limn an = + allora per ogni M > 0 esiste n0M N tale che
per n > n0M sia an > M . Pertanto `e anche an > M per n > 2n0M e
a1 + + an
a1 + + anM
an +1 + + an
=
+ M
>
n
n
n
|a1 + + anM | n nM
+
M.
>
n
n
Sia LM = |a1 + + anM |. Poiche limn LM /n = 0, per ogni > 0 esiste n N
tale che per n > n sia LM /n < . Sia nM = max (n0M , n ), allora per n > 2nM `e
a1 + + an
n nM
> +
M.
n
n
Ora
2n 2nM
n + (n 2nM )
n
1
n nM
=
=
>
= .
n
2n
2n
2n
2
Per K > 0 poniamo M = 4K e = K, quindi nM nK ed avremo che per n > nK
`e
a1 + + an
1
> K + 4K = K
n
2
ovvero
a1 + + an
lim
= + = lim an .
n
n
n
III) Se limn an = allora limn (an ) = + e dunque
lim

(a1 ) + + (an )
a1 + + an
= lim
=
n
n
n
= lim (an ) = lim an = .
n


Il numero

a1 + + an
n
si chiama media aritmetica dei numeri a1 , , an .
Esercizio 2.31. Sia {an }nN una successione di numeri non negativi regolare.

Dimostrare che anche la successione { n a0 an }n1 `e regolare e che

lim n a0 an = lim an .
n

 Soluzione. I) Se limn an = 0, per ogni > 0 esiste n0 N tale che per


n > n0 si abbia |an | = an < 32 , cosicche
s
0
3n a0 an0

2
n
a0 an < n
.
0
3
(2)n
Poiche
s
lim

3n a0 an0
=1
(2)n

allora esister`
a n00 N tale che per n > n00 si abbia
s



n 3n0 a0 an0
1

1 <

n
(2)

2
cosicche per n > n00 `e
s
n

3n a0 an0
3
< .
(2)n
2

Esercizi sulle successioni e serie di numeri reali

21

Sia n = max (n0 , n00 ), allora per n > n si ha


s
0
3n a0 an0

2
< 0 n a0 an < n
<
0
3
(2)n
e quindi
lim

a0 an = 0 = lim an .
n

II) Se limn an = ` 6= 0 allora posto bn = an /` si ha limn bn = 1 e

n
p
a0 an
lim n b0 bn = lim
.
n
n
`
Se proviamo che
p
lim n b0 bn = lim bn = 1
n

allora

n
lim

a0 an
=1
`

ovvero

lim

a0 an = ` = lim an .
n

Poiche limn bn = 1, per ogni > 0 esiste n0 N tale che per n > n0 sia
|bn 1| < i.e.
1 < bn < 1 +
da cui
0

(1 )n (1 )nn < bn0 +1 bn < (1 + )nn (1 + )n


e quindi
q
1 < n bn0 +1 bn < 1 + .
p
Daltra parte limn n b0 bn0 = 1 e pertanto in corrispondenza a esiste
n00 N tale che per n > n00 sia
q
1 < n b0 bn0 < 1 + .
Quindi posto n = max (n0 , n00 ), per n > n si ha
p
(1 )2 < n b0 bn < (1 + )2
dove (1 )2 = 1 2 + 2 > 1 2 > 1 3.
Sia 0 < < 3 e si prenda = /3; allora (1)2 > 1 mentre (poiche 0 < < 1)
(1 + )2 = 1 + 2 + 2 < 1 + 3 = 1 + . Di conseguenza per n > n n si ha
p

p
n

1 < n b1 bn < 1 +
ovvero
b0 bn 1 < .
p
Se invece 3, si prenda = /3 1 cosicche 1 = 1 3 2 1 3 mentre
(1 + )2 = 1 + 2 + 2 < 1 + 3 2 = 1 + da cui per n > n si ha
p

p
n

1 < n b0 bn < 1 +
ovvero
b0 bn < .
In ogni caso
lim

p
n

b0 bn = 1 .

II) Se limn an = + allora per ogni K > 0 esiste n0K N per cui an > 2K
per n > n0K e quindi
r
p

a0 anK

n
a0 an > n a0 anK n (2K)nnK = n
2K
(2K)nK
p
dove limn n (a0 anK )/(2K)nK = 1. Quindi per ogni > 0 esiste n > 0 tale
che per n > n si abbia
r
a0 anK
<1+.
1< n
(2K)nK

22

Elisabetta Barletta

In particolare per = 1/2 esiste n00 N tale che per n > n00 sia
p
1
n
(a0 anK )/(2K)nK > .
2
Si prenda nK = max (n0K , n00 ), allora per n > nK si ha

2K
n
a0 an >
ovvero
lim n a0 an = + = lim an .
n
n
2

Il numero

a1 an
`e detto media geometrica dei numeri a1 , , an .
Esercizio 2.32. Si provi che

a1 + + an
n
a1 an
.
n
Esercizio 2.33. Sia {an }nN una successione di numeri positivi. Dimostrare che

an+1
lim n an = lim
.
n
n
an
 Soluzione. Si consideri la successione (di numeri positivi) {bn }nN cos` definita:
an
b0 = a 0 ,
bn =
per n 1 .
an1
Allora
p
lim n b0 bn = lim bn = lim bn+1
n

dove
lim

p
n

b0 bn = lim

an
a1 a2
n a

= lim n an
0
n
a0 a1
an1

e
lim bn+1 = lim

Dunque
lim

an = lim

an+1
.
an
an+1
.
an


Come applicazione dellesercizio precedente svolgiamo il seguente


Esercizio 2.34. Calcolare

n
lim

 Soluzione. Notiamo che

n!
.
n

r
n!
n n!
=
n
nn
e quindi applicando il risultato dellesercizio precedente si ha

n
n!
(n + 1)! nn
(n + 1)n!
nn
lim
= lim
= lim
=
n+1
n
n n
n (n + 1)
n (n + 1) (n + 1) n!
n!

n

n
n
n+11
= lim
= lim
=
n
n
n+1
n+1

n+1 
1
1
1
1
= lim
1
1
= .
n
n+1
n+1
e

Esercizio 2.35. Dimostrare il seguente criterio

Esercizi sulle successioni e serie di numeri reali

23

Teorema 2.1 (Ces`


aro-Stolz). Sia {bn }nN una successione a termini positivi
crescente e divergente. Allora per ogni successione {an }nN si ha
an
an+1 an
lim
= lim
.
n bn
n bn+1 bn
Esercizio 2.36. Verificare leventuale convergenza delle serie
X
X en2
1
1)
, a, b N, a 6= b , 2)
.
(n + a)(n + b)
n
n0

n1

 Soluzione del n. 1). Una tale serie `e sempre convergente perche


1
1
2
(n + a)(n + b) n2 =
(n + a)(n + b)
n
e dal criterio del confronto si ha la tesi.
Per calcolarne la somma si decompone
1
A
B
=
+
(n + a)(n + b)
n+a n+b
determinando A, B R in modo che lidentit`a sia soddisfatta. Si ricava che A =
1/(b a) = B e quindi


1
1
1
1
=

.
(n + a)(n + b)
ba n+a n+b
Siamo allora ricondotti a trovare la somma della serie


1 X
1
1
.

ba
n+a n+b
n0

Senza perdere di generalit`


a, si pu`o supporre che sia b > a; sia sn la somma parziale
P
n-sima della serie n0 [1/(n + a) 1/(n + b)] e poniamo m = b a N. Allora
 X

n 
n 
X
1
1
1
1

=
sn =
k+a k+b
k+a k+a+m
k=0
k=0
n 
X
1
1
1
1
1
=

+

k+a k+a+1 k+a+1 k+a+2 k+a+2
k=0

1
1
1

+

=
k+a+m1 k+a+m1 k+a+m
 X

n 
n 
X
1
1
1
1
=

+
k+a k+a+1
k+a+1 k+a+2
k=0
k=0

n 
X
1
1
+

=
k+a+m1 k+a+m
k=0
 


1
1
1
1

+
=
a n+a+1
a+1 n+a+2


1
1
+

=
a+m1 n+a+m


1
1
1
=
+
+

a a+1
a+m1


1
1
1
+
+ +

a+1+n n+a+2
n+a+m
e da questo segue che la somma della serie
X
1
(n + a)(n + b)
n0

24

Elisabetta Barletta

`e
S=

m1
X 1
1
1
1
lim sn =
=
n
ba
ba
a+k
ba
k=0

ba1
X
k=0

1
a+k

ovvero
(2.3)

X
n0

1
1
=
(n + a)(n + b)
ba

ba1
X
k=0

1
.
a+k

Soluzione del n. 2). Poiche n 1, si ha:


1
1
1
n2 = n n .
(e )
nen2
e
Ora en e per n 1, dunque
 n
1
1
2
n
e
ne
P
e siccome la serie geometrica n0 (1/e)n converge, dal criterio del confronto converge anche la serie proposta.

Esercizio 2.37. Verificare leventuale convergenza della serie
X en
, p N \ {0} .
np
n1

 Soluzione. Il termine generale della serie `e an = 1/np en , dunque la serie `e a


termini positivi e
1
lim
=0
p
n n en
quindi ancora non si pu`
o dire niente sul comportamento della serie. Si ha
1
np
1
1
np en
an+1
 =

=
=
an
(n + 1)p en+1
e np 1 + n1 p
e 1 + n1 p
dove

1
1+
n

p
>1

quindi
an+1
1
< <1
an
e
per ogni n N, n 1 e dal criterio del rapporto, la serie converge

Esercizio 2.38. Verificare leventuale convergenza delle seguenti serie numeriche
1)

+ n
X
3 + 4n
5n
n=0

2)

+ n
X
3
.
n!
n=0

 Soluzione del n. 1). La serie `e a termini positivi e il termine generale `e an =


(3n + 4n )/5n ; si ha
 n  n

3n + 4n
4
3
lim
= lim
+1 =0
n
n 5
5n
4
che non permette di concludere nulla sul comportamento della serie. Tuttavia
 n
3
1
4

Esercizi sulle successioni e serie di numeri reali

25

per ogni intero n 1 e dunque


 n  n

 n
4
3
4
an =
+1 2
.
5
4
5
P
Poiche la serie geometrica n0 (4/5)n converge, dal criterio del confronto, converge
anche la serie data.
Soluzione del n. 2). Qui an = 3n /n! quindi la serie `e a termini positivi con
3n
=0
n n!
che non permette di concludere sul comportamento della serie. Ora
lim

3
3n+1
n!
an+1
=
=

an
(n + 1)! 3n
n+1
` sempre possibile ad esempio avere
per n N. E
1
3

n+1
2
se n 5. Pertanto per n 5 si ha
an+1
1
<1
an
2
che dal criterio del rapporto d`a la convergenza della serie data.

Esercizio 2.39. Studiare il comportamento delle seguenti serie delle seguenti serie
numeriche
+
+
X
X
2
n4
.
1)
3n , 2)
4n
n=0
n=1
2

 Soluzione del n. 1). Il fatto che limn 3n = 0 non ci permette ancora di


2
concludere niente sul comportamento della serie. Poiche 3n 3n allora
 n
2
1
3n
3
P
per ogni n N e siccome la serie geometrica n=0 (1/3)n converge, dal criterio del
confronto la serie data converge.
Soluzione del n. 2). Si noti che
n4
=0
n 4n
dunque ancora non possiamo concludere niente sul comportamento della serie. Usando il criterio del rapporto si ha

4
an+1
(n + 1)4 4n
1
1
=
1+
4 =
an
4n+1
n
4
n
e

4
1
1+
<2
n

se n [1/( 4 2 1)] + 1 da cui


an+1
1
<
an
2
che prova dal criterio del rapporto che la serie data converge.

lim

26

Elisabetta Barletta

Esercizio 2.40. Verificare leventuale divergenza delle seguenti serie numeriche


1)

+
X
n!
n
n
n=3

2)

+
X
(1)n
.
n
n=1

 Soluzione del n. 1) Poiche


n!
=0
nn
ancora non possiamo concludere niente sul comportamento di questa serie. Usando
il criterio del rapporto si ha

n 
n
nn
an+1
(n + 1)!
n
1

=
=
= 1
.
an
(n + 1)n+1 n!
n+1
n+1
Poiche


n
n+1 

1
1
1
1
= lim 1
lim 1
1
=
n
n
n+1
n+1
n+1
e
lim

scelto = 1/e si ha che esiste n N tale che per n > n sia



n
2
1
< <1
1
n+1
e
e dunque scelto n n + 1, dal criterio del rapporto si conclude che la serie data
converge.
Soluzione del n. 2). La successione {1/n}nN\{0} `e decrescente e convergente a
0. Dal criterio di Leibnitz la serie data converge.

Esercizio 2.41. Provare se le seguenti serie numeriche convergono
1)

+
X

(1)n

n=0

n+1
n2 + 2

2)

+
X

(1)n

n=0

n+1
.
2n 1

 Soluzione del n. 1). La serie `e a segni alterni; si osservi che


n+1
lim (1)n 2
=0
n
n +2
e dunque non si pu`
o concludere niente sul comportamento della serie. Daltra parte,
posto
n+1
an = 2
n +2
si ha che a0 = 1/2, a1 = 2/3 e quindi a0 < a1 , mentre si verifica facilmente che
an+1 < an per n 1. In ogni caso la successione {an }nN non `e decrescente anche
se limn an = 0. Non possiamo allora usare il criterio di Leibnitz. Tuttavia
+
X
n=0

(1)n

1 X
n+1
n+1
= +
(1)n 2
2
n +2
2 n=1
n +2

dove adesso per il criterio di Leibnitz la serie


+
X

(1)n

n=1

n+1
n2 + 2

converge. Pertanto la serie data converge.


Soluzione del n. 2). Anche questa serie `e a segni alterni. Qui
n+1
lim (1)n
n
2n 1
non esiste, pertanto la serie diverge.

Esercizi sulle successioni e serie di numeri reali

27


Esercizio 2.42. Determinare il comportamento delle seguenti serie numeriche
1)

X
n0

2
n+5

2)

+
X

3
.
(n + 1)(n2 + 4)
n=0

 Soluzione del n. 1). La serie data `e a termini positivi e


!
2
1
2
=0
lim
= lim
n
n + 5 n n 1 + 5n
quindi non si pu`
o ancora concludere niente circa il comportamento della
serie. Si
n + 5)}nN
osservi per`
o che per n il comportamento
della
successione
{2/(

`e lo stesso della successione {1/ n}nN . Allora


2
1

=
n+5
n

2
1 + 5n

dove per n 1
5
1+ 1+5=6
n
e di conseguenza
2
1
5 3 .

1+ n
Pertanto per n 1

1 1
2

3 n
n+5

e la serie
X 1

n1

diverge. Dal criterio del confronto la serie data diverge.


Soluzione del n. 2). La serie data `e a termini positivi e
3
1
lim
= lim
n (n + 1)(n2 + 4)
n n3

3
1+

1
n

1+

4
n2

=0

quindi il comportamento della successione {3/(n + 1)(n2 + 4)}nN `e come quello


della successione {1/n3 }n1 . Si ha 1 + 1/n > 1, 1 + 4/n2 > 1 per n 1 e quindi
3
1+

1
n

1+

4
n2

 <3.

Allora per n 1 `e
!
3
1
3
3

 < 3
= 3
(n + 1)(n2 + 4)
n
n
1 + n1 1 + n42
P
e siccome la serie n>0 1/n3 converge, converge anche la serie data.

Esercizio 2.43. Verificare leventuale divergenza delle seguenti serie numeriche

+ 
+ n3
X
X
e
n+1
1)
,
2)
4
.
n+2
n3/2
n=1
n=0

28

Elisabetta Barletta

 Soluzione. Per le due serie (entrambe a termini positivi) si ha


3

n+1
en
= +
,
lim 4
=4
3/2
n
n n
n+2
e questo basta per dire che le due serie divergono.
lim


Esercizio 2.44. Calcolare la somma delle serie
+
+
X
X
3
1
, 2)
.
1)
n!
n!
n=0
n=3
 Soluzione). Le serie sono entrambe assimilabili alla serie esponenziale (2.2) e
precisamente:


+
+
X
X
1
1
1
5
=
1+1+
=e
n!
n!
2
2
n=3
n=0
e
+
+
X
X
3
1
=3
= 3e .
n!
n!
n=0
n=0

Esercizio 2.45. Determinare, se possibile, la somma delle seguenti serie
 n
+
+
X
X
2
1
.
1)
(1)n
, 2)
3
2(n + 1)(n + 3)
n=2
n=3
 Soluzione del n. 1). La serie `e assimilabile alla serie geometrica
n

X
2

3
n=0
che converge alla somma S = 3/5 (cfr. (2.1)). Allora
 n X
n 

+

X
2
2
2
4
(1)n

=
1
=
.
3
3
3
15
n=2
n=0
Soluzione del n. 2). La serie `e assimilabile alla serie
+
X

1
(n
+
1)(n
+ 3)
n=0
che dallesercizio 2.36 converge e ha somma (cfr. (2.3))
S=

2
X
k=0

1
1 1
11
=1+ + =
.
k+1
2 3
6

Allora
+
X



+
1
1X
1
1 11 1 1
1
157
=
=

=
.
2(n
+
1)(n
+
3)
2
(n
+
1)(n
+
3)
2
6
3
8
15
120
n=3
n=0


Esercizi sui limiti di una funzione di una variabile reale

29

3. Esercizi sui limiti di una funzione di una variabile reale


Esercizio 3.1. Calcolare i seguenti limiti:
1)

x2
cos(1/x)

lim

x+

2) lim x tan x .

x 2

 Soluzione del n. 1). Cambiando variabile e ponendo y = 1/x `e y 0+ ,


dunque
1
1
x2
= lim+ 2
= + .
lim
x+ cos 1
y
cos
y
y0
x
Soluzione del n. 2). Qui dobbiamo distinguere i due limiti laterali
lim

x(/2)

x tan x

lim

x(/2)+

x tan x

avendo quindi
lim x tan x =

x
2

lim x tan x =

+
x
2

x
2

+
x
2

lim tan x = + ,

lim tan x = .


Esercizio 3.2. Calcolare i seguenti limiti:


1) lim+ (log x)x3
x0


,

2) lim+
x0

1
x+2

log x
.

 Soluzione del n. 1). Si osservi che la funzione (log x)x3 `e definita per log x > 0,
cio`e per x > 1. Dunque il limite proposto non ha senso.
Si osservi che invece sarebbe stata diversa la situazione di
lim | log x|x3 = lim e(x3) log | log x|
x0+

x0+

dove limx0+ (x 3) log | log x| = 3 limx0+ log | log x| = da cui


lim | log x|x3 = lim+ e(x3) log | log x| = elimx0+ (x3) log | log x| = 0 .

x0+

x0


log x
1
`e definita per
Soluzione del n. 2). Si noti dapprima che la funzione x+2
x > 0, inoltre

log x
1
1
= e(log x)log(x+2) = e(log x)[log(x+2)]
x+2
dove
lim (log x)[log(x + 2)] = .

x0+

Pertanto

lim+

x0

1
x+2

log x

= lim+ e(log x)[log(x+2)] = lim ey = + .


x0


Esercizio 3.3. Calcolare i seguenti limiti:


p

x
1
1) lim logx ex +
, 2) lim
x2 3x + 2
.
x+
x2
2
x2

30

Elisabetta Barletta

 Soluzione del n. 1). Poiche





log ex + 21
1
x
logx e +
=
,
2
log x
limx+ ex = 0 si ha




1
1
1
lim log ex +
= lim log y +
= log
x+
y0
2
2
2
mentre
lim log x = + .
e

x+

Allora


log ex + 12
lim logx e
= lim
=0.
x+
x+
log x

Soluzione del n. 2). La funzione f (x) = x2 3x + 2 `e definita per x2


x
3x + 2 0 cio`e per x (, 1] [2, +); la funzione g(x) = x2
`e definita per
x 6= 2. Pertanto il limite proposto `e in realt`a
p

x
lim+
x2 3x + 2
.
x2
x2

Si ha che limx2+ x2 3x + 2 = 0 mentre, essendo x 2 > 0, `e


x
= + .
lim
x2+ x 2
Pertanto
p

x
2
lim
x 3x + 2
= .
x2
x2+



1
+
2

Esercizio 3.4. Calcolare i limiti


log(2 x)
1) lim
+
log(x 1)
x1

2) lim

x2

e2x
.
2x

 Soluzione del n. 1).


lim

x1+

log(2 x)
log(2 x)
log(2 x)
2x
= lim+
= lim+

=
log(x 1)
(x 1)
2x
log(x 1)
x1
x1



log(2 x)
2x
= lim+
lim
=00=0.
2x
x1
x1+ log(x 1)

Soluzione del n. 2). Cambiando variabile e ponendo y = 2 x `e y 0+ per


x 2 e quindi
e2x
ey
lim
= lim+
= + .
2 x y0 y
x2

Esercizio 3.5. Calcolare i limiti:
1) lim+ xlog

2)

x0

lim x4 log 2x .

x+

 Soluzione del n. 1).


lim xlog

x0+

= lim e(log

x)(log x)

x0+

= lim elog
x0+

dove limx0+ log3 x = . Allora


lim elog

x0+

= lim ey = 0
y

Esercizi sui limiti di una funzione di una variabile reale

31

e quindi
lim xlog

=0.

x0+

Soluzione del n. 2).


lim x4 log 2x = lim e4(log 2x)(log x)

x+

x+

dove limx+ (log 2x)(log x) = + e quindi


lim e4(log 2x)(log x) = lim e4y = +

x+

y+

da cui
lim x4 log 2x = + .

x+


Esercizio 3.6. Calcolare i seguenti limiti:
1
1
1) lim
earctan sinh x ,
x cosh x

2) lim p
x0+

1
x + |x2 2|

 Soluzione del n. 1). Si osservi che


lim

1
=0
sinh x

quindi
lim arctan

1
= lim arctan y = 0
sinh x y0

da cui
lim earctan

1
sinh x

= lim earctan y = lim ez = 1

y0

mentre
lim

Allora
lim

z0

1
=0.
cosh x

1
earctan
cosh x

1
sinh x

=01=0.

Soluzione del n. 2).


lim p

x0+

1
x + |x2 2|

1
1
= .
| 2|
2


Esercizio 3.7. Calcolare i seguenti limiti:


1) lim

4x3 + 5x2 + 2x 1
2x2

2)

lim

x3 + 1
.
x1

 Soluzione del n. 1). Poiche limx 4x3 + 5x2 + 2x 1 = ed `e un unfinito del


terzo ordine, limx 2x2 = ed `e un unfinito del primo ordine, si ha che
lim

4x3 + 5x2 + 2x 1
=
2x2

Soluzione del n. 2). Poiche limx x3 + 1 = ed `e un unfinito del terzo


ordine, limx x 1 = ed `e un unfinito del primo ordine, si ha che
lim

x3 + 1
= + .
x1


32

Elisabetta Barletta

Esercizio 3.8. Calcolare i seguenti limiti:

x + 2 2x

,
1) lim
x2
x2

2) lim

x1

x+1 x
.
(x 1)2

 Soluzione del n. 1). Il limite ha senso per x 2+ , inoltre si presenta nella forma
indeterminata 0/0. Razionalizzando sia il numeratore che il denominatore si ha

(2 x) x 2
x + 2 2x
x2

=
=

x2
(x 2)( x + 2 + 2x)
x + 2 + 2x
e quindi

lim+

x2

x + 2 2x
x2

=0.
= lim+
x2
x2
x + 2 + 2x

Soluzione del n. 2). Poiche limx1 x + 1 x = 1, limx1 (x 1)2 = 0 (con


(x 1)2 > 0) si ha che

x+1 x
= + .
lim
x1
(x 1)2

Esercizio 3.9. Calcolare i limiti:

x+ x

1) lim
x+
2 x


x
1
2) lim+ 1 +
.
x
x0

 Soluzione del n.1). Poiche limx+ x + x = + ed `e un infinito del primo


ordine, limx+ 2 x = + ed `e un infinito di ordine 1/2, si ha

x+ x

lim
= + .
x+
2 x
Soluzione del n. 2).
x

1
1
= lim+ ex log(1+ x )
lim+ 1 +
x
x0
x0
dove


1
log (1 + 1/x)
log(1 + y)
lim+ x log 1 +
= lim+
= lim
=0
y+
x
1/x
y
x0
x0
perche il numeratore `e un infinito di ordine 0 < k < 1 (si noti anche che per
y + `e log(1 + y)/y > 0); quindi

x
1
lim 1 +
= lim+ ez = 1 .
x
x0+
z0

Esercizio 3.10. Calcolare i limiti:
1)

lim

x+

x2 x + 1
x

2)

lim

x4 + 4
.
x2 1

 Soluzione del n. 1). Si ha che limx+ x2 x + 1 = +, infinito del secondo


ordine, limx+ x = +, infinito del primo ordine, quindi
lim

x+

x2 x + 1
= + .
x

Esercizi sui limiti di una funzione di una variabile reale

33

Soluzione del n. 2). Si ha che limx x4 + 4 = +, infinito di ordine 4,


limx x2 1 = +, infinito del secondo ordine, quindi
lim

x4 + 4
= + .
x2 1


Esercizio 3.11. Calcolare i seguenti limiti:

x2 3 x + 1

1) lim
,
x1
2 x2 + 5 x ( 5 + 2)

2)

lim

x+

x2

x1
.
+ 2x 5

2
2

Soluzione
del
n.
1).
Si
ha
che
lim
x

3
x
+
1
=
2

3,
lim
2x +
x1
x1

5 x ( 5 + 2) = 0 quindi

x2 3 x + 1

=.
lim
x1
2 x2 + 5 x ( 5 + 2)

Soluzione del n. 2). Si ha che limx+ x 1 = +, infinito di ordine 1/2,


limx+ x2 + 2x 5 = , infinito del secondo ordine, quindi

x1
lim
=0.
x+ x2 + 2x 5

Esercizio 3.12. Calcolare i limiti:

3
1 x2
1) lim
3
x1
1 x3

2) lim

x2

4 x2

.
3 5x 1

 Soluzione del n. 1). Il limite si presenta nella forma indeterminata 0/0, tuttavia

3
3
3
1 x2
1x31+x
1+x

=
=
.

3
3
3
3
3
2
x2 + x + 1
1x
1x 1+x+x
Pertanto

3
3
1 x2
1+x
3 2

.
lim
=
lim
=
x1 3 1 x3
x1 3 x2 + x + 1
3

Soluzione del n. 2). Il limite si presenta nella forma indeterminata 0/0.


Razionalizzando il denominatore si ha

4 x2
1
(2 x)(2 + x)(3 + 5x 1)

= (2 + x)(3 + 5x 1) .
=
9 (5x 1)
5
3 5x 1
Allora
lim

x2

1
36
4 x2

=
lim (2 + x)(3 + 5x 1) =
.
5 x2
5
3 5x 1


Esercizio 3.13. Calcolare i seguenti limiti:


1) lim+
x0

3
x2
5
x2

2
x
6
x

7
+5

2) lim+ (sin x)tan x .


x0

 Soluzione del n. 1). Il limite dato `e ricondotto al calcolo del limite


lim

y+

3y 2 2y 7
5y 2 + 6y + 5

34

Elisabetta Barletta

dove limy+ 3y 2 2y 7 = +, infinito del secondo ordine, limy+ 5y 2 +


6y + 5 = +, infinito anchesso del secondo ordine. Quindi
lim

x0+

3
x2
5
x2

2
x
6
x

7
3
= .
5
+5

Soluzione del n. 2).


lim (sin x)tan x = lim+ e(tan x) log sin x

x0+

x0

dove
(sin x) log sin x
lim (tan x) log sin x = lim
=
+
+
cos x
x0
y0

 



1
1
lim (sin x) log sin x = lim+
lim y log y =
= lim+
cos x
cos x
x0+
x0
y0+
x0
log y
= lim+ y log y = lim+
=0
1/y
y0
y0
perche al numeratore si ha un infinito di ordine 0 < k < 1 e al denominatore si ha
un infinito del primo ordine. Quindi
lim (tan x) log sin x = 0

x0+

con (tan x) log sin x < 0. Allora


lim (sin x)tan x = lim e(tan x) log sin x = lim ey = 1 .
y0

x0+

x0+


Esercizio 3.14. Calcolare i limiti
1) lim+ 1 + sin2 x

1/x4

2) lim

x0

x0

sin 3x
.
sin 2x

 Soluzione del n. 1).


lim+ 1 + sin2 x

1/x4

x0

dove
lim+

x0

= lim+ e(1/x

) log(1+sin2 x)

x0

log(1 + sin2 x)
log(1 + sin2 x) sin2 x
=
lim
x4
x4
x0+
sin2 x

log(1 + sin2 x)
log(1 + y)
= lim+
=1,
2
y
x0
y0
sin x
sin2 x 1
1
sin2 x
=
lim
= lim
= + ,
lim
4
2
2
+
+
+
x
x
x
x2
x0
x0
x0
lim+

quindi
lim+

x0

log(1 + sin2 x)
= + .
x4

Allora
lim+ 1 + sin2 x

1/x4

x0

= lim ey = + .
y+

Soluzione del n. 2).


lim

x0

dove
lim

x0

e quindi

sin 3x
3
sin 3x 2x
=
lim
sin 2x
2 xto0 3x sin 2x
sin 3x
=1 ,
3x

lim

x0

2x
=1
sin 2x

Esercizi sui limiti di una funzione di una variabile reale

35

sin 3x
3
= .
sin 2x
2

lim

x0

Un altro modo per risolvere il limite proposto `e notare che la funzione sin ax `e
un infinitesimo per x 0 del I ordine e precisamente si comporta come la funzione
ax. Si pu`
o scrivere allora che
3x
3
sin 3x
= lim
= .
lim
x0 2x
x0 sin 2x
2

Esercizio 3.15. Calcolare i seguenti limiti
x sin x
3x tan x
1) lim
, 2) lim
.
x0
x0 sin x + tan2 x
x
 Soluzione del n. 1). Il calcolo diretto `e


x sin x
sin x
lim
= lim 1
=11=0.
x0
x0
x
x
Soluzione del n. 2). Sappiamo che la funzione f (x) = tan x per x 0 `e
un infinitesimo del I ordine e si comporta come la funzione x. Stessa cosa per la
funzione sin x. Allora
3x tan x
3x x
2
lim
= lim
= lim
=2.
x0 sin x + tan2 x
x0 x + x2
x0 1 + x

Esercizio 3.16. Calcolare i seguenti limiti
1 cos3 x
1) lim
x0 x sin x cos x

2) lim+
x0

1 cos x
.
x

 Soluzione del n. 1). Si ha


lim

x0

= lim

x0

(1 cos x)(1 + cos x + cos2 x)


1 cos3 x
= lim
=
x sin x cos x x0
x sin x cos x

1 cos x
x2
1 + cos x + cos2 x
1
3

lim

lim
= 13= .
x0 x sin x x0
x2
cos x
2
2

Soluzione del n. 2). Si ha


r

1 cos x
1 cos x
2
lim
= lim
=
.
x
x2
2
x0+
x0+

Esercizio 3.17. Calcolare i limiti
sin x + cos x 1
1) lim
x0
x

2)

lim
x/2

(1 sin x)2
.
cos x

 Soluzione del n. 1). Poiche


sin x + cos x 1
sin x
1 cos x
= lim
lim
x0
x0
x
x
x
e la funzione f (x) = 1 cos x `e un infinitesimo del II ordine per x 0, `e
lim

x0

lim

x0

1 cos x
=0
x

36

Elisabetta Barletta

da cui
lim

x0

sin x + cos x 1
=1.
x

Soluzione del n. 2). Posto y = x/2 `e y 0 per x /2, inoltre sin x = cos y,
cos x = sin y. Pertanto
1 sin x
1 cos y
lim
= lim
y0
x 2
cos x
sin y
dove le funzioni f (y) = 1 cos y e f (y) = sin y sono infinitesime per y 0
rispettivamente del II e del I ordine. Quindi
1 sin x
lim
=0.
x
cos x
2

Esercizio 3.18. Calcolare
cos x cos a
1) lim
xa
xa

2) lim+ (log x log sin x) .


x0

 Soluzione del n. 1). Usando le formule di prostaferesi2 e ponendo y = x a si ha


lim

xa

cos x cos a
sin y/2
y + 2a
= 2 lim
lim sin
= sin a .
y0
y0
xa
y
2

Soluzione del n. 2). Abbiamo


lim+ (log x log sin x) = lim+ log

x0

x0

x
sin x

e posto y = x/ sin x `e y 1+ per x 0+ e dunque


x
lim log
= lim log y = 0 .
+
sin x y1+
x0

Esercizio 3.19. Calcolare
1 sin x
1) lim
x/2 (x /2)2

2)

lim (tan x)(1 sin x) .


x/2

 Soluzione del n. 1). Posto y = x /2 il limite proposto `e ricondotto al calcolo


di
1 cos y
1
1 sin x
lim
= .
lim
2 = y0
2
x
(x

)
y
2
2
2
Soluzione del n. 2). Il limite si presenta nella forma indeterminata 0. Posto
y = x /2 `e sin x = cos y, cos x = sin y quindi
1 cos y
lim (tan x)(1 sin x) = lim (cot y)(1 cos y) = lim cos y lim
y0
y0
y0
x 2
sin y
dove le funzioni f (y) = 1 cos y e f (y) = sin y sono infinitesime per y 0
rispettivamente del II e del I ordine. Di conseguenza
1 cos y
lim
=0
y0
sin y
da cui
lim (tan x)(1 sin x) = 0 .
x 2


2 cos x cos a = 2 sin x a sin x + a .

Esercizi sui limiti di una funzione di una variabile reale

Esercizio 3.20. Calcolare


1)

lim

x+

x + sin x
2x sin x

2)

lim

x+

37

3 x + 2x

.
x1

 Soluzione del n. 1). Si ha


lim

x+

1+
x + sin x
= lim
2x sin x x+ 2

sin x
x
sin x
x

dove

sin x
=0.
x
Infatti pur non esistendo il limx+ sin x, `e | sin x| 1 per ogni x R, dunque
per ogni > 0 si ha


sin x
1


x |x| <
per |x| > 1/ ed in particolare per x > 1/; questo prova che
lim

x+

sin x
=0.
x

lim

x+

Soluzione del n. 2). Abbiamo


lim

x+




3
3 + 2
x
x + 2
3 x + 2x
x
 = lim

= lim 
x
= + .
x+
x+
x1
1 1x
x 1 1x


Esercizio 3.21. Calcolare, usando la regola di LH


ospital, i seguenti limiti:

2
sin x + x
sin(x)
1) lim+
, 2) lim
.
3
tan x
x0
x1
x2 1
 Soluzione del n. 1). Il limite si presenta nella forma indeterminata 0/0.
Applicando la regola di LH
ospital si ha

(1/2)x1/2 cos x + 2x
sin x + x2
= lim+
lim+
tan x
x0
x0
1 + tan2 x
dove

cos x
1/2

cos x = lim
lim x
= + ,
x
x0+
x0+
lim+ 2x = 0 ,
lim+ 1 + tan x = 1
x0

x0

ed allora

lim

x0+

sin x + x2
= + .
tan x

Soluzione del n. 2). Il limite si presenta nella forma indeterminata 0/0. Posto
y = x + 1 per x 1 `e y 0 , inoltre sin x = sin (y 1) = sin(y ) =
sin y, x2 1 = (y 1)2 1 = y(y 2), dunque siamo ricondotti al calcolo di
lim

y0

sin y
[y(y 2)]1/3

che applicando la regola di LHospital d`a


lim

y0

cos y
3
(cos y) [y(y 2)2/3 ]
=

lim
=0.
1
2/3 (2y 2)
2 y0
y2
3 [y(y 2)]


38

Elisabetta Barletta

Esercizio 3.22. Calcolare, usando il teorema di LH


ospital, i seguenti limiti:

sin x + cos 2x
sin x 1
1) lim
, 2) lim
.
2
x/2 1 + sin 2x + cos 2x
x1+ cos(x/2)
 Soluzione del n. 1). Posto y = x /2 `e sin x = cos y, cos 2x = cos 2y,
sin 2x = sin 2y, quindi siamo ricondotti a calcolare3
lim

y0

= lim

y0

sin y + 2 sin 2y
cos y cos 2y
= lim
=
1 + sin2 2y cos 2y H y0 4 sin 2y cos 2y + 2 sin 2y

1
cos y + 4 cos 2y
1 1
1
sin y + 2 sin 2y
=
lim
= = .
2 sin 4y + 2 sin 2y H 2 y0 4 cos 4y + 2 cos 2y
2 2
4

Soluzione del n. 2). Posto y = x 1 siamo ricondotti al calcolo di

sin y
sin y
(cos y) y 1/2
1
 = lim
lim
=
lim
=

2 y0+
y0+ sin 2 y H
y0+ cos
2 cos 2 y
2 (y + 1)

cos y
1
 = .
=
lim+
y0
y cos 2 y

Esercizio 3.23. Calcolare, usando i teoremi di lH
ospital i limiti
1) lim (log x log sin 2x)
x0+

lim (tan x)(1 sin x) .

2)

x/2

 Soluzione del n. 1). Si ha


lim (log x log sin 2x) = lim log
x0+

x0+

dove
lim

x0+

x
sin 2x

x
sin 2x

si presenta nella forma indeterminata 0/0. Usando la regola di LHospital si ha


lim+

x0

x
1
1
= lim+
= .
sin 2x H x0 2 cos 2x
2

Quindi posto y = x/ sin 2x abbiamo


lim+ log

x0

x
1
= lim+ log y = log = log 2 .
sin 2x y 12
2

Soluzione del n. 2). Posto x /2 = y si ha sin x = cos y, cos x = sin y, quindi


lim (tan x)(1 sin x) = lim

x
2

y0

= lim

H y0

cos y(1 cos y)


=
H
sin y

sin y(1 + sin y)


=0.
cos y


Esercizio 3.24. Calcolare, usando la regola di lH


ospital, i limiti
1)

lim 5x tan

x+

2) lim

x1

arctan2 (x 1)
.
(1 x)2

3= `
e luguaglianza che si ottiene usando il teorema di LH
ospital.
H

Esercizi sui limiti di una funzione di una variabile reale

39

 Soluzione del n. 1). Posto y = /x il limite `e ricondotto a


tan y
5 lim
= 5 lim+ (1 + tan2 y) = 5 .
y0
y H
y0
Soluzione del n. 2). Posto y = x 1 siamo ricondotti a
lim

y0

arctan2 y
y2

che si presenta nella forma indeterminata 0/0. Allora usando il teorema di


LH
ospital si ha
lim

y0

arctan y
1
arctan2 y
= lim
= lim
=1.
H y0 y(1 + y 2 ) H y0 (1 + y 2 )(1 + 3y 2 )
y2


Esercizio 3.25. Calcolare, usando i teoremi di LH


ospital, i limiti


3

sin 2x

1) lim 2
2) lim
x
arctan x .
x+
x0 x arctan x
2
 Soluzione del n. 1). Il limite si presenta nella forma indeterminata 0/0.
Applicando il teorema di lH
ospital si ha
lim

x0

= 6 lim

x0

= 6 lim

x0

6 sin2 2x cos 2x
sin3 2x
=
lim
=
x2
x2 arctan x H x0 2x arctan x + 1+x
2

(1 + x2 ) sin2 2x cos 2x
sin 2x
(1 + x2 ) sin 4x
= 3 lim

=
2
2
x0
2x(1 + x ) arctan x + x
x
2(1 + x2 ) arctan x + x

(1 + x2 ) sin 4x
2x sin 4x + 4(1 + x2 ) cos 4x
4
= 6 lim
= 6 = 8 .
2
2(1 + x ) arctan x + x H x0
4x arctan x + 2 + 1
3

Soluzione
del n. 2). Il limite si presenta nella forma indeterminata 0, ma
posto y = 1/ x si ha


/2 arctan 1/y 2
lim
arctan x = lim+
=
x
x+
H
2
y
y0



2
1
1
2
y
= lim+

= 2 lim+ 2
=
H y0
1 + 1/y 2
y3
y + 1 y3
y0
1
= 2 lim
= + .
y0+ y(y 2 + 1)

Esercizio 3.26. Usando la regola di LH
ospital, determinare i limiti
1) lim

x0

x2 arctan x2
(1 cos x)3

2) lim

x0

sin 3x
.
sin 2x

 Soluzione del n. 1). Il limite si presenta nella forma indeterminata 0/0.


Applicando la regola di LH
ospital si ha
2x

lim

x0

2x 1+x4
x2 arctan x2
=
= lim
3
H x0 3(1 cos x)3 sin x
(1 cos x)

2
x5
lim
=
3 x0 sin x(1 cos x)2 (1 + x4 )



2
x 
x4
1
=
lim
lim
lim
=
x0 (1 cos x)2
x0 1 + x4
3 x0 sin x
=

40

Elisabetta Barletta

2
=
lim
3 x0

x
1 cos x

2
=

2
8
4= .
3
3

Soluzione del n. 2). Dovendo usare la regola di LHospital per questa forma
indeterminata 0/0 (che tuttavia potrebbe essere facilmente risolta con banali
passaggi algebrici e tenendo conto del limite notevole limx0 sin x/x) si ha
lim

x0

sin 3x
3 cos 3x
3
= lim
= .
x0
H
sin 2x
2 cos 2x
2


Esercizio 3.27. Usando la regola di LH


ospital, risolvere le forme indeterminate
dei seguenti limiti


sin x + cos x 1
1
1
1) lim
, 2) lim+

.
x0
x
sin x x
x0
 Soluzione del n. 1). Dovendo usare la regola di LHospital per questa forma
indeterminata 0/0 (che tuttavia potrebbe essere facilmente risolta considerandone
lordine degli infinitesimi) si ha
lim

x0

sin x + cos x 1
= lim (cos x sin x) = 1 .
H x0
x

Soluzione del n. 2). Abbiamo




1
x sin x
1 cos x
1

= lim
= lim
=
lim+
sin x x
x sin x H x0+ sin x + x cos x H
x0
x0+
= lim+
H x0

sin x
=0.
2 cos x x sin x


Esercizio 3.28. Risolvere le forme indeterminate dei seguenti limiti usando i teoremi di LH
ospital:
1) lim

x0

1 cos x
x sin x

2) lim

x0

x arctan x
.
arcsin x x

 Soluzione del n. 1). Questa forma indeterminata 0/0 risolta con il teorema di
LH
ospital d`
a
lim

x0

1 cos x
sin x
cos x
= lim
= lim
=.
x sin x H x0 1 cos x H x0 sin x

Soluzione del n. 2). Usando il teorema di LHospital per questa forma indeterminata 0/0 si ottiene
lim

x0

1
x arctan x
= lim
arcsin x x H x0 1

1
1+x2

1x2



x2 1 x2
x2

= lim
= lim
x0 (1 + x2 )(1
x0 1
1 x2 )
1 x2
= lim

x0

x2

= lim
1 1 x2 H x0

lim

x0

1 x2
1 + x2

!
=

p
2x
=
2
lim
1 x2 = 2 .
1
2 )1/2 (2x)
x0
(1

x
2


Esercizi sui limiti di una funzione di una variabile reale

41

Esercizio 3.29. Risolvere le forme indeterminate dei limiti seguenti usando i teoremi di LH
ospital:


ex ex 2x
1
1) lim
, 2) lim cot2 x 2 .
x0
x sin x
x
x0+
 Soluzione del n. 1). Applicando il teorema di LHospital a questa forma indeterminata 0/0 si ottiene
lim

x0

ex ex 2x
ex + ex 2
ex ex
ex + ex
= lim
= lim
= lim
=2
H x0
H x0
x sin x
1 cos x H x0 sin x
cos x

Soluzione del n. 2). Il limite si presenta nella forma indeterminata .


Tuttavia

 2


cos x
1
x2 cos2 x sin2 x
1
2

=
lim
=
lim+ cot x 2 = lim+
x
x2
x0
x0+
x0
sin2 x
x2 sin2 x
(x cos x sin x)(x cos x + sin x)
=
2
2
 x0
xsin x

x cos x sin x
x cos x + sin x
= lim+
lim
=
x2 sin x
sin x
x0
x0+

 


x cos x sin x
x cos x
= lim+
lim
+
1
=
x2 sin x
sin x
x0
x0+
x cos x sin x
= 2 lim+
x2 sin x
x0
e questultimo si presenta nella forma indeterminata 0/0. Usando allora il teorema di LH
ospital si ottiene
x cos x sin x
x sin x
lim
= lim
=
H
x2 sin x
x0+
x0+ 2x sin x + x2 cos x
x sin x

= lim+
cos x =
x0
x sin x 2 + xsin
x
1
1
= lim
x cos x = .
3
x0+ 2 + sin x
Quindi


1
2
lim+ cot2 x 2 = .
x
3
x0

= lim+

Esercizio 3.30. Calcolare i seguenti limiti usando i teoremi di LH


ospital:




2
2
1 x /2 cos x

2
1) lim
, 2) lim tan x
x
.
x0
x 2
x4
2
 Soluzione del n. 1). Applicando il teorema di LHospital a questa forma indeterminata 0/0 si ha
lim

x0+

1 x2 /2 cos x
x + sin x
1 + cos x
1
= lim
= lim
=
.
H x0+
H x0
x4
4x3
12x2
24

Soluzione del n. 2). Posto y = x /2 si ha sin x = cos y, cos x = sin y e allora


"
#


1
1
2
2
lim
tan
x

=
lim
cot
y

2
+

y2
y0+
x
x
2
2

che `e lo stesso del n. 2 dellesercizio 3.29.




42

Elisabetta Barletta

4. Esercizi sullo studio del grafico di una funzione di una variabile


reale
Esercizio 4.1. Studiare il grafico delle seguenti funzioni
f1 (x) =

x2
1

x2

f2 (x) =

1 + x3/5
.
1 x3/5

 Studio della f1 (x).


A) Dominio della funzione
Il dominio della funzione `e
D(f1 ) = {x R : x2 1 6= 0} = R \ {1, 1} = (, 1) (1, 1) (1, +) .
B) Comportamento agli estremi degli intervalli che compongono il dominio
lim

x2
=1 ,
x2 1

x2
= + ,
x2 1

lim

x1

lim +

x1

x2
=
x2 1

x2
x2
x2
=

,
lim
=
+
,
lim
=1.
x+ x2 1
x2 1
x1
x1+ x2 1
La retta di equazione y = 1 `e un asintoto orizzontale per x , mentre le rette
di equazione x = 1 e x = 1 sono asintoti verticali.
C) Ricerca dei punti di estremo locale e monotonia della funzione
I punti da determinare sono da ricercare tra i punti dellinsieme
lim

{x D(f1 ) : f10 (x) = 0} .


Essendo D(f1 ) un aperto e f1 derivabile con
f10 (x) = 2x(x2 1)2
si ha
{x D(f1 ) : f10 (x) = 0} = {x D(f1 ) : 2x = 0} = {0} .
Sia I(0, r) D(f1 ) un intorno di 0; se x I(0, r), x < 0, ovvero r < x < 0, allora
2x < 0 e quindi f10 (x) > 0 da cui f1 `e strettamente crescente nellintorno sinistro di
0; se invece x I(0, r), x > 0, ovvero 0 < x < r, allora 2x > 0 e f10 (x) < 0 da cui f1
`e strettamente decrescente nellintorno destro di 0. Il punto 0 `e pertanto un punto
di massimo locale per f1 che tra laltro risulta esserne lunico punto di estremo
locale. Dallespressione di f10 (x) si noti che per x D(f1 ), x < 0, `e f10 (x) > 0
cvvero f1 `e strettamente crescente in (, 1) (1, 0], mentre, in modo analogo,
f1 `e strettamente decrescente in [0, 1) (1, +).
D) Ricerca dei punti di flesso e convessit`
a della funzione
I punti di flesso della funzione sono i punti dellinsieme

{x D(f1 ) : f100 (x) = 0} .


Poiche4
f100 (x) = 2(x2 1)3 (3x2 + 1) ,
non ci sono punti di flesso ed essendo 3x2 + 1 > 0 per ogni x R, si ha che f100 < 0
per (x2 1)3 < 0 ovvero per x2 1 < 0, i.e. per x (1, 1); mentre `e f100 > 0 per
(x2 1)3 > 0 ovvero per x2 1 > 0, i.e. per x (, 1) (1, +). Quindi f1 `e
concava in (1, 1) ed `e convessa in (, 1) (1, +).
Studio della f2 (x).
A) Dominio della funzione
4f `
1 e derivabile due volte.

Esercizi sullo studio del grafico di una funzione di una variabile reale

43

D(f2 ) = {x R : 1 x3/5 6= 0} = {x R : x3/5 6= 1} = {x R : x 6= 1}


dunque
D(f2 ) = R \ {1} = (, 1) (1, +)
che `e un insieme aperto.
B) Comportamento agli estremi degli intervalli che compongono il dominio
1 + x3/5
1 + x3/5
= 1 ,
lim
= + ,
3/5

x 1 x
x1
1 x3/5
1 + x3/5
1 + x3/5
=

,
lim
= 1 .
lim+
x+ 1 x3/5
x1
1 x3/5
La retta y = 1 `e un asintoto orizzontale per x mentre la retta x = 1 `e un
asintoto verticale.
C) Ricerca dei punti di estremo locale e monotonia della funzione
I punti di estremo locale sono da ricercare in
lim

{x d(f2 ) : f20 (x) = 0} .


Poiche

6 2/5
x
(1 x3/5 )2
per x 6= 0
5
la funzione `e priva di estremi locali in D(f2 ) \ {0}. Inoltre in tale insieme f20 (x) > 0
per cui la funzione in D(f2 ) \ {0} `e strettamente crescente. In 0 si ha


1 1 + x3/5
f2 (x) f2 (0)
= lim
lim
1 =
x
x0 x
x0
1 x3/5
f20 (x) =

x3/5
1
f2 (x) f2 (0)
= 2 lim 2/5
= + = lim+
x
x0
x0
x0
x(1 x3/5 )
x (1 x3/5 )
che prova che 0 `e un punto di cuspide. Siccome f2 (0) = 1, se x appartiene ad un
intorno sinistro di 0 allora x3/5 < 0, quindi 1 + x3/5 < 1 x3/5 con 1 x3/5 > 0,
dunque in un intorno sinistro di 0 si ha
= 2 lim

f2 (x) =

1 + x3/5
< 1 = f2 (0) .
1 x3/5

In un intorno destro di 0 si ha x3/5 > 0, quindi 1 + x3/5 > 1 x3/5 ; possiamo


supporre che sia 0 < x < 1 cosicche in un intorno di 0 abbastanza piccolo sia
1 x3/5 > 0. Allora in un intorno destro di 0 `e
1 + x3/5
> 1 = f2 (0) .
1 x3/5
Le due disuguaglianze provano che 0 `e un punto di massimo locale.
D) Ricerca dei punti di flesso e convessit`
a della funzione
I punti di flesso sono i punti dellinsieme
f2 (x) =

{x D(f2 ) : f200 (x) = 0} .


Poiche

12 7/5
x
(1 x3/5 )3 (4x3/5 1)
25
i punti di flesso sono i punti di D(f2 ) per cui
f200 (x) =

4x3/5 1 = 0 .
` ovvio quindi che x = (1/4)5/3 D(f2 ) `e lunico punto di flesso.
E
Per x < 0 si ha x7/5 < 0, 1 x3/5 > 0, 4x3/5 1 < 0, di conseguenza f200 (x) > 0
che implica f2 (x) convessa in (, 0).
Se 0 < x (1/4)5/3 allora x7/5 > 0, x3/5 1/4 < 1 che d`a 1 x3/5 > 0,

44

Elisabetta Barletta

4x3/5 1 0, di conseguenza f200 (x) 0 che implica f2 (x) concava in (0, (1/4)5/3 ].
Se (1/4)5/3 x < 1 allora x7/5 > 0, 1/4 x3/5 < 1 che d`a 1 x3/5 > 0,
4x3/5 1 0, di conseguenza f200 (x) 0 che implica f2 (x) convessa in [(1/4)5/3 , 0).
Infine per x > 1 `e x7/5 > 0, 1 x3/5 < 0, 4x3/5 1 > 0, di conseguenza f200 (x) < 0
che implica f2 (x) concava in (1, +).

Esercizio 4.2. Studiare il grafico delle funzioni
f3 (x) = e1/x x1/3

f4 (x) = 6x log x (3x 2)[log (3x 2) + 1] 4 log 2 .

Esercizio 4.3. Studiare il grafico di


q
f5 (x) = 1 x + (x2/3 1) (x2 + 1)1/3

1+sin x

f6 (x) = 1 e 1+sin x .

Esercizio 4.4. Studiare il grafico di


f7 (x) =

2x+1 + 1
2x 1

f8 (x) = x1/(4 log

x)

Esercizio 4.5. Studiare il grafico di


1
f9 (x) = arctan x x
2


,

f10 (x) = arctan

4x 1
1

4x
4|x|


.

Esercizio 4.6. Studiare il grafico di


p
1
f11 (x) = log ( x2 + 1 x) 2 arctan ,
x
log x 1
f12 (x) = arctan
+ log(log2 x + 1) .
log x + 1
Esercizio 4.7. Studiare landamento delle funzioni
f13 (x) = x + log cosh x tanh x

f14 (x) = arcsin

Esercizio 4.8. Studiare il grafico di


p
f15 (x) = 1 + x2 + arcsin (1 + x2 )1/2

p
p
1 x2 + 1 x2 .

2 log1 x
f16 (x) = p
.
| log x|

Esercizio 4.9. Studiare il comportamento del grafico delle funzioni


f17 (x) = |x2 2x| ex

f18 (x) = x2 e

|x|1
|x|

Esercizio 4.10. Studiare il grafico di


f19 (x) =

1 + | log x|
1 | log x|

f20 (x) = | sin x| esin x .

Esercizio 4.11. Studiare il grafico della funzione f (x) =


funzione assegnata.
 Soluzione. A) Dominio della funzione
Il dominio della funzione f (x) `e:
D(f ) = {x R : g(x) 0}.

g(x), dove g(x) `e una

Esercizi sullo studio del grafico di una funzione di una variabile reale

45

La funzione f (x) non `e derivabile nei punti dove g(x) = 0; questi sono punti di
cuspide per la funzione f (x).
B) Comportamento agli estremi degli intervalli che compongono il dominio
Nel caso in cui si debbano determinare i limiti limx f (x) si noti che questi
hanno senso se limx g(x) 0. In tal caso, se essi sono finiti, si ha:
q
lim g(x),
lim f (x) =
x

invece se lim g(x) = +, allora


x

lim f (x) = +.

In questultimo caso vanno poi ricercati gli eventuali asintoti obliqui col metodo
noto.
Se g(x) ha un asintoto verticale in x = a (i.e. lim g(x) = ) e a `e un punto di
xa

accumulazione di D(f ), allora anche f (x) ha un asintoto verticale in x = a; inoltre,


poiche questo pu`
o accadere solo nel caso lim g(x) = +, si ha che lim f (x) =
xa
xa
+.
C) Ricerca dei punti estremali
Poiche f (x) = g(x)1/2 allora
1
g(x)1/2 g 0 (x).
2
Ne segue che i punti estremali della funzione g(x) (g 0 (x) = 0) sono anche punti
estremali della funzione f (x) e inoltre il segno della derivata f 0 (x) `e il segno della
derivata g 0 (x). Questultimo fatto implica che se x0 `e un punto di minimo (risp.te
massimo) locale della funzione g(x) allora x0 `e anche un punto di minimo (risp.te
massimo) locale della funzione f (x). Riassumendo si ha:
f 0 (x) =

x0 punto di minimo locale di g(x) = x0 punto di minimo locale di f (x),


x0 punto di massimo locale di g(x) = x0 punto di massimo locale di f (x).
D) Eventuali punti di flesso
1
1
f 00 (x) = g(x)3/2 g 0 (x)2 + g(x)1/2 g 00 (x) =
4
2

1
= g(x)3/2 2 g(x)g 00 (x) g 0 (x)2 .
4
I punti di flesso della funzione f (x) sono i punti interni del dominio D(f ) per cui
2 g(x)g 00 (x) g 0 (x)2 = 0.
Inoltre, poiche lo studio `e condotto per g(x) 0, la funzione f (x) `e convessa dove
2 g(x)g 00 (x) g 0 (x)2 > 0 (ed `e concava dove 2 g(x)g 00 (x) g 0 (x)2 < 0).

p
Esercizio 4.12. Studiare il grafico della funzione f (x) = 3 g(x), dove g(x) `e una
funzione assegnata.
 Soluzione. A) Dominio della funzione
Il dominio della funzione f (x) `e:
D(f ) = D(g).

46

Elisabetta Barletta

La funzione f (x) non `e derivabile nei punti interni del dominio D(g) dove g(x) = 0:
tali punti sono punti di cuspide per f (x).
B) Comportamento agli estremi degli intervalli che compongono il dominio
Nel caso in cui occorra calcolare limx f (x) si noti che se limx g(x) `e finito
allora
q
lim f (x) = 3 lim g(x),
x

se limx g(x) = allora


lim f (x) = ;

in questultimo caso si cercheranno gli eventuali asintoti obliqui con il metodo noto.
Se g(x) ha un asintoto verticale in x = a (i.e. lim g(x) = ) allora anche f (x)
xa

ha un asintoto verticale in x = a e
lim f (x) = se

xa

lim f (x) = +

xa

se

lim g(x) = ,

xa

lim g(x) = +.

xa

C) Ricerca dei punti estremali


Poiche f (x) = g(x)1/3 allora
1
g(x)2/3 g 0 (x).
3
Dunque i punti estremali di g(x) sono anche punti estremali di f (x), inoltre il segno
della derivata f 0 (x) `e lo stesso della derivata g 0 (x). Quindi
f 0 (x) =

i punti di minimo locale di g(x) sono punti di minimo locale di f (x) ,


i punti di massimo locale di g(x) sono punti di massimo locale di f (x) .
D) Eventuali punti di flesso
2
1
f 00 (x) = g(x)5/3 g 0 (x)2 + g(x)2/3 g 00 (x) =
9
3

1
5/3
00
= g(x)
3 g(x)g (x) 2 g 0 (x)2 .
9
I punti di flesso della funzione f (x) sono i punti interni del dominio D(f ) per cui
3 g(x)g 00 (x) 2 g 0 (x)2 = 0.
Inoltre nei punti interni di D(f ) dove g(x) 0 la funzione f (x) `e convessa (risp.te
concava) dove 3 g(x)g 00 (x) 2 g 0 (x)2 > 0 (risp.te 3 g(x)g 00 (x) 2 g 0 (x)2 < 0), invece
nei punti interni di D(f ) dove g(x) 0 la funzione f (x) `e convessa (risp.te concava)
dove 3 g(x)g 00 (x) 2 g 0 (x)2 < 0 (risp.te 3 g(x)g 00 (x) 2 g 0 (x)2 > 0).

Esercizio 4.13. Studiare il grafico della funzione
r
2
3 (x 1)
f (x) =
.
x
 Soluzione.

Esercizio 4.14. Per a > 0 e b > 1/2, studiare la funzione
1
f (x) = | ax + b| +
.
|ax + b|

Esercizi sullo studio del grafico di una funzione di una variabile reale

47

 Soluzione. A) Dominio della funzione




b
D(f ) = R \
.
a
I caso.

ax + b 0

ax b

ax + b > 0

ax > b

ovvero (poiche a, b > 0) per

x a

b b
,
a a

x
.

x>
a
In tal caso | ax + b| = ax + b e |ax + b| = ax + b ; la funzione da studiare `e allora
f1 (x) = ax + b +

1
ax + b

b b
x ( , ] .
a a

(Si noti che, essendo a, b > 0, `e b/a < 0 < b/a).


IB ) Comportamento di f1 agli estremi degli intervalli che compongono il
suo dominio


1
lim
f1 (x) =
lim
ax + b +
= + ,
ax + b
x(b/a)+
x(b/a)+
1
b
.
f1 ( ) =
a
2b
Siccome b > 1/2, allora 1/b < 2 = 0 < 1/2b < 1.
IC ) Ricerca dei punti estremali di f1
f1 (x) = ax + b + (ax + b)1 = f10 (x) = a a(ax + b)2
cio`e
f10 (x)


= a 1 +


1
.
(ax + b)2

1
Poiche (ax + b)2 > 0 si ha che 1 + (ax+b)
2 > 1 > 0 ed essendo a > 0 ne segue che
b b
0
f1 (x) < 0, per ogni x ( a , a ), dunque f1 `e decrescente in ( ab , ab ) e non ha punti
estremali e quindi tantomeno, ha punti di estremo.

ID ) Eventuali punti di flesso di f1


f100 (x) = 2a2 (ax + b)3
e poiche siamo nel caso ax + b > 0, ne segue che (ax + b)3 > 0, dunque f100 (x) > 0,
i.e. f1 `e convessa in (b/a, b/a).
II caso

ax + b 0

x a

b
= x <

b
ax + b < 0

x<
a
ovvero x (, (b/a). In tal caso |ax + b| = ax b e si ha da studiare la
funzione
1
b
f2 (x) = ax + b
, x (, ).
ax + b
a

48

Elisabetta Barletta

IIB ) Comportamento di f2 agli estremi degli intervalli che compongono


il suo dominio


1
lim f2 (x) = lim
ax + b
= +
x
x
ax + b


1
lim
f2 (x) =
lim
ax + b
= +.
ax + b
x(b/a)
x(b/a)
Ricerca delleventuale asintoto per x


f2 (x)
1
1
lim
= lim
ax + b
=
x
x x
x
ax + b



1
1
= lim
a +
b
= a
x
x
ax + b



1
lim [f2 (x) (ax)] = lim
ax + b
+ ax =
x
x
ax + b


1
=b
= lim
b
x
ax + b
Si ha dunque lasintoto y = ax + b.
IIC ) Ricerca dei punti estremali di f2
f2 (x) = ax + b (ax + b)1 = f20 (x) = a + a(ax + b)2
ovvero
f20 (x) = a





1
1
1

1
+
1
.

1
=
a
(ax + b)2
ax + b
ax + b

Allora f20 (x) = 0 se e solo se 1/(ax + b) 1 = 0 o 1/(ax + b) + 1 = 0 da


cui ax + b 1 = 0 o ax + b + 1 = 0, cio`e f20 (x) = 0 per x1 = (1 b)/a e
x2 = (1 + b)/a. Si noti che x1 `e da scartare perche (1 b)/a = 1/a b/a > b/a
(1/a > 0) e lintervallo studiato `e (, b/a). Invece x2 (, b/a) perche
(1 + b)/a < b/a.
Si noti che 1/(ax2 +b) 1 = 1/(1+b) 1 < 0 e siccome la funzione 1/(ax+b) 1
`e continua in un intorno di x2 , essa rimane negativa in tale intorno (se questo `e
scelto abbastanza piccolo).
Se x `e un punto dellintorno cos` scelto, allora per x < x2 , ax + b < 1, ovvero,
tenuto conto che siamo nel caso ax + b < 0, 1 > 1/(ax + b), i.e. 1 + 1/(ax + b) > 0.
Pertanto se x < x2 allora f20 (x) < 0 e questo implica che f2 (x) `e decrescente.
Se invece x > x2 allora x > (1+b)/a = ax+b > 1 ovvero 1 < 1/(ax+b) =
1+1/(ax+b) < 0. In tal caso allora f20 (x) > 0 e questo implica che f2 (x) `e crescente.
Dalla discussione fatta ne segue che il punto x2 = (1 + b)/a `e un punto di minimo
locale, inoltre f2 (x2 ) = f2 ((1 + b)/a) = 2b + 2.
IID ) Eventuali punti di flesso di f2
f200 (x) = 2a2 (ax + b)3 .
Siccome nel caso studiato ax+b < 0, allora (ax+b)3 < 0 e di conseguenza f200 (x) > 0,
cio`e f2 (x) `e convessa.
III caso

ax + b 0

xa + b > 0

x a

x>
a

b
,
a

Esercizi sullo studio del grafico di una funzione di una variabile reale

49

ovvero x [b/a, +). In tal caso | ax + b| = ax b, |ax + b| = ax + b e dobbiamo


studiare la funzione
1
b
f3 (x) = ax b +
, x [ , +).
ax + b
a
IIIB ) Comportamento di f3 agli estremi degli intervalli che compongono
il suo dominio
 
b
1
f3
=
a
2b


1
= +
lim f3 (x) = lim
ax b +
x+
x+
ax + b
Ricerca delleventuale asintoto obliquo per x +


f3 (x)
1
1
lim
= lim
ax b +
=
x+
x+ x
x
ax + b



1
1
= lim a +
b +
= a,
x+
x
ax + b



1
lim (f3 (x) ax) = lim
ax b +
ax =
x+
x+
ax + b


1
1
=
b +
= b.
ax + b
ax + b
Si ha dunque lasintoto y = ax b.
IIIC ) Ricerca dei punti estremali di f3

1
.
f3 (x) = ax b + (ax + b)
=
= a a(ax + b)
(ax + b)2
Ragionando come nel II caso si trova facilmente che f30 (x) = 0 per x3 = (1 b)/a
e x4 = (1 + b)/a ed entrambe sono da scartare perche minori di b/a.
Pertanto f3 non ha punti estremali ne tantomeno punti di estremo.
1

f30 (x)


=a 1

IIID ) Eventuali punti di flesso di f3


f300 (x) = 2a2 (ax + b)3 > 0
perche siamo nel caso ax + b > 0, quindi f3 `e convessa.
IV caso

ax + b 0

ax + b < 0

x a

x<
a

Questo caso non si verifica mai.


Si noti che il punto x0 = b/a `e un punto angoloso per la funzione f (x) in quanto
f (x) f (x0 )
f (x) f (b/a)
= lim
=
x

x
x b/a
x(b/a)
xx0
0


a
a
1
1
= lim
(f (x) f (b/a)) = lim
(ax + b) +

=
ax + b 2b
xb/a ax b
xb/a ax b



a
1
1
a
2b ax + b
= lim a +

= a + lim
=
ax b ax + b 2b
xb/a
xb/a ax b 2b(ax + b)
1
b ax
1
= a +
lim
= a 2 ,
2b xb/a (ax b)(ax + b)
4b
lim

50

Elisabetta Barletta

mentre in modo analogo si calcola che


f (x) f (x0 )
f (x) f (b/a)
1
lim
= lim +
= a 2.
x

x
x

b/a
4b
x(b/a)
xx+
0
0


Esercizi sulle formule di Taylor e di Mac Laurin

51

5. Esercizi sugli sviluppi di Taylor e Mac Laurin

Sia f derivabile n volte in un punto x0 D(f ), n N. La formula o lo sviluppo


di Taylor di ordine n di f in x0 `e lespressione
f 00 (x0 )
f (n) (x0 )
(xx0 )2 + +
(xx0 )n +Rn (x; x0 )
2!
n!

f (x) = f (x0 )+f 0 (x0 )(xx0 )+


ovvero
f (x) =

n
X
f (k) (x0 )
k=0

k!

(x x0 )k + Rn (x; x0 ) .

Il polinomio di grado n
Pn (x; x0 ) =

n
X
f (k) (x0 )
k=0

k!

(x x0 )k

`e detto il polinomio di Taylor di grado n di f in x0 e la funzione Rn (x; x0 ) `e detta


il resto di Taylor di ordine n di f in x0 ; esso ha la propriet`a
lim

xx0

Rn (x; x0 )
=0
(x x0 )n

Rn (x; x0 ) = o((x x0 )n ) .

Si hanno le seguenti rappresentazioni del resto:


se f `e derivabile n + 1 volte in x0 allora
 (n+1)

f
(x0 )
Rn (x; x0 ) =
+ (x) (x x0 )n+1
(n + 1)!
dove limxx0 (x) = 0.
se f : D(f ) R `e derivabile n volte in un intorno I(x0 , r) e per 0 < < r
esiste f (n+1) in (x0 , x0 + ), allora per ogni x (x0 , x0 + ) e per ogni
funzione continua in [x0 , x], derivabile in (x0 , x) con 0 6= 0 esiste
(x0 , x) tale che
Rn (x; x0 ) =

(x) (x0 ) f (n+1) ()


(x )n .
0 ()
n!

In particolare per (y) = x y si ha il resto nella forma di Cauchy


f (n+1) ()
(x )n (x x0 )
n!
mentre per (y) = (x y)n+1 si ha il resto nella forma di Lagrange

Rn (x; x0 ) =

Rn (x; x0 ) =

f (n+1) ()
(x x0 )n+1 .
(n + 1)!

se f : D(f ) R `e di classe C n+1 in un intorno di x0 allora esiste un intorno


I(x0 , ) nel quale si abbia la rappresentazione integrale
Z
1 x (n+1)
Rn (x; x0 ) =
f
(t)(x t)n dt .
n! x0

Siano f, g C n (I(x0 , r)) per I(x0 , r) D(f ) D(g) intorno del punto x0 D(f )

D(g). Poiche
(f + g)(k) (x0 ) = f (k) (x0 ) + g (k) (x0 )
per 0 k n, lo sviluppo di Taylor di f + g in x0 `e dato da
(f + g)(x) =

n
X
f (k) (x0 ) + g (k) (x0 )
(x x0 )k + Rn (x; x0 ) =
k!

k=0

= Pn,f (x; x0 ) + Pn,g (x; x0 ) + Rn (x; x0 )

52

Elisabetta Barletta

dove Pn,f (x; x0 ) e Pn,g (x; x0 ) sono rispettivamente il polinomio di Taylor di f e g in


x0 . Se f e g sono derivabili n+1-volte in un intorno destro di x0 , la rappresentazione
del resto nella forma di Lagrange `e
Rn (x; x0 ) =

(f + g)(n+1) ()
(x x0 )n+1 =
(n + 1)!

f (n+1) () + g (n+1) ()
(x x0 )n+1 , x0 < < x .
(n + 1)!
Sotto le stesse condizioni del caso precedente, poiche
k  
X
k
(f g)(k) (x0 ) =
f (m) (x0 )g (km) (x0 )
m
m=0
=

per 0 k n, lo sviluppo di Taylor di f g in x0 `e dato da


!
k  
n
X
1 X k
(m)
(km)
(f g)(x) =
f (x0 )g
(x0 ) (x x0 )k + Rn (x; x0 )
k! m=0 m
k=0

dove rappresentiamo anche in questo caso il resto nella forma di Lagrange


Rn (x; x0 ) =
=

1
(n + 1)!

n+1
X
m=0

(f g)(n+1) ()
(x x0 )n+1 =
(n + 1)!
!


n + 1 (m)
f ()g (nm+1) () (x xo )n+1
m

x0 < < x .

Ad esempio se f (x) = (x x0 )g(x) C n (I(x0 , r)), essendo


f (k) (x) = (x x0 )g (k) (x) + kg (k1) (x)
lo sviluppo di Taylor in x0 `e
(x x0 )g(x) =

n
X
kg (k1) (x0 )
(x x0 )k + Rn (x; x0 ) =
k!

k=0

n
X
k=0

g (k1) (x0 )
(x x0 )k + Rn (x; x0 )
(k 1)!

dove, se g `e derivabile n + 1 volte in un intorno destro di x0 , rappresentando il resto


nella forma di Lagrange, `e
Rn (x; x0 ) =

g (n) ()
g (n+1) ()
(x x0 )n+1 +
( x0 )(x x0 )n+1
n!
(n + 1)!

x0 < < x .

La formula o lo sviluppo di Mac Laurin di ordine n di una funzione `e la formula


di Taylor di ordine n della funzione in x0 = 0. Riportiamo qui di seguito le formule
di Mac Laurin delle funzioni elementari e di alcune funzioni pi`
u comuni:
n

ex = 1 + x +

X xk
x2
xn
+ +
+ Rn (x, 0) =
+ Rn (x, 0)
2
n!
k!
k=0

il cui resto nella forma di Lagrange `e


Rn (x; 0) =

e
xn+1
(n + 1)!

0<<x;

x5
(1)n
x3
+
+ +
x2n+1 + R2n+2 (x; 0) =
3!
5!
(2n + 1)!
n
X
(1)k
=
x2k+1 + R2n+2 (x; 0) ,
(2k + 1)!

sin x = x

k=0

Esercizi sulle formule di Taylor e di Mac Laurin

il cui resto nella forma di Lagrange `e


cos
R2n+2 (x; 0) =
x2n+3
(2n + 3)!

0<<x;

x2
x4
(1)n 2n
+
+ +
x + R2n+1 (x; 0) =
2
4!
(2n)!
n
X
(1)k 2k
=
x + R2n+1 (x; 0) ,
(2k)!

cos x = 1

k=0

il cui resto nella forma di Lagrange `e


cos
R2n+1 (x; 0) =
x2n+2 , 0 < < x ;
(2n + 2)!
 
 
 

2
n
(1 + x) = 1 +
x+
x + +
x + Rn (x; 0) =
1
2
n
n  
X
k
=
x + Rn (x; 0) ,
k
k=0

il cui resto nella forma di Lagrange `e





Rn (x; 0) =
(1 + )n1 xn+1
n+1

x0 < < x ;
n

X
1
xk + Rn (x; 0)
= 1 + x + + xn + Rn (x; 0) =
1x
k=0

dove, poiche
1 xn+1 = (1 x)

n
X

xk

X
xn+1
1
xk +
=
1x
1x

=
(x6=1)

k=0

da cui
Rn (x; 0) =

k=0

xn+1
;
1x

log

X xk+1
1
=
+ Rn (x; 0)
1x
k+1
k=0

con il resto dato da


Z

Rn (x; 0) =
0

log(1 + x) =

n
X

tn+1
dt ;
1t

(1)k

k=0

con il resto dato da

xk+1
+ Rn (x; 0)
k+1

(1)n+1 tn+1
dt ;
1+t
0
queste ultime due formule danno la formula
Z x 2n+2
n
1
1 + x X x2k+1
t

log
=
+
dt ;
2
1x
2k + 1
1
t2
0
Z

Rn (x; 0) =

k=0

arctan x =

n
X

(1)k

k=0

x2k+1
+ Rn (x; 0)
2k + 1

dove
Rn (x; 0) = (1)n+1

Z
0

t2n+2
dt ;
1 + t2

53

54

Elisabetta Barletta

arcsin x =

n
X
(2k 1)!! x2k+1
+ Rn (x; 0)
(2k)!! 2k + 1

k=0

dove5
Rn (x; 0) =

(2n + 1)!!
(1 + )n3/2
(2n + 2)!!

t2n+2 dt .

Sia f (x) una funzione derivabile n volte in un punto x0 D(f ) e si supponga


che per t = xx0 sia noto lo sviluppo di Mac Laurin fino allordine n della funzione6
g(t) = f (t + x0 ),
g 00 (0) 2 g 000 (0) 3
g (n) (0) n
t +
t + +
t + Rn (t; 0) .
2
3!
n!
Poiche x = (t), per (t) = t + x0 , si ha
g(t) = g(0) + g 0 (0)t +

g(t) = f (t) = f (t + x0 )

= g(0) = f (x0 )

g 0 (t) = f 0 ((t))0 (t) = f 0 ((t)) = f 0 (t + x0 )

= g 0 (0) = f 0 (x0 )

g 00 (t) = f 00 ((t))0 (t) = f 00 (t + x0 )

= g 00 (0) = f 00 (x0 )

g 000 (t) = f 000 ((t))0 (t) = f 000 (t + x0 )

= g 000 (0) = f 000 (x0 )

..
.

..
.

g (n) (t) = f (n) ((t))0 (t) = f (n) (t + x0 )

..
.

= g (n) (0) = f (n) (x0 )

e quindi la formula di Mac Laurin di g(t) diventa


f 000 (x0 )
f 00 (x0 )
(x x0 )2 +
(x x0 )3 +
2
3!
f (n) (x0 )
+
(x x0 )n + Rn (x; x0 )
n!
che `e dunque lo sviluppo di Taylor di ordine n di f in x0 perche
Rn (t; 0)
Rn (x; x0 )
= lim
=0.
lim
xx0 (x x0 )n
t0
tn
f (x) = f (x0 ) + f 0 (x0 )(x x0 ) +

Esercizio 5.1. Determinare la formula di Taylor delle seguenti funzioni nei punti
indicati a fianco di ciascuna di esse:
1)

f (x) =

1
, x0 6= 1
1x

2)

f (x) =

x2 + x + 1
, x0 = 0 .
x+1

 Soluzione di 1). Il dominio di f `e R \ {1} che `e aperto e per ogni x 6= 1 si ha


f (k) (x) = k!(1 x)k1

k N ,

allora la formula richiesta `e


n
X
1
(x x0 )k
=
+ Rn (x; x0 )
1x
(1 x0 )k+1
k=0

dove, rappresentando il resto nella forma di Lagrange, `e


Rn (x; x0 ) =

(x x0 )n+1
(1 )n+2

x<<x.

Si osservi che
(x x0 )n+1 (1 x0 )n+1 = (x 1)

n
X

(x x0 )k (1 x0 )nk

k=0
5(2k)!! := 2 4 (2k 2)(2k) e (2k + 1)!! := 1 3 (2k 1)(2k + 1).
6E
` ovvio che g(t) `
e derivabile fino allordine n in 0.

Esercizi sulle formule di Taylor e di Mac Laurin

55

da cui si ricava per x 6= 1


n

X
(x x0 )n+1
(1 x0 )n+1

=
(x x0 )k (1 x0 )nk
x1
x1
k=0

di conseguenza, con passaggi elementari, si ottiene


n

X (x x0 )k
(x x0 )n+1
1
+
=
1x
(1 x0 )k+1
(1 x0 )n+1 (1 x)
k=0

che per paragone con la formula di Taylor scritta sopra d`a


(x x0 )n+1
.
(1 x0 )n+1 (1 x)

Rn (x; x0 ) =

Soluzione di 2). Il dominio della funzione `e (, 1) (1, +) sul quale f `e


C . Poiche x2 + x + 1 = x(x + 1) + 1 si ha
1
x+1
quindi per la formula richiesta basta scrivere la formula di Mac Laurin della funzione
1/(x + 1). Questa si ottiene dalla formula di Mac Laurin della funzione g(x) =
1/(1 x) sostituendo x al posto di x, cio`e
f (x) = x +

k=0

k=0

X
X
(1)n+1 xn+1
(1)n+1 xn+1
1
=
(x)k +
=
(1)k xk +
.
1+x
1+x
1+x
Siccome

x+

X
(1)n+1 xn+1
1
=x+
(1)k xk +
=
1+x
1+x

=x+1x+

k=0
n
X

(1)k xk +

k=2

(1)n+1 xn+1
1+x

lo sviluppo richiesto `e
n

X
(1)n+1 xn+1
x2 + x + 1
(1)k xk +
=1+
.
x+1
1+x
k=2


Esercizio 5.2. Determinare le formule di Taylor delle seguenti funzioni nei punti
a fianco indicati.
x+1
1
1
1) f (x) =
, x0 =
, 2) f (x) = 2 cos2 x cosh x , x0 = .

2
(2 + x)1/2
 Soluzione di 1). Il dominio della funzione `e (2, +) nel quale la funzione f (x)
`e C . Poiche 1/ (2, +), ha senso scrivere la formula di Taylor di f (x) in
questo punto. Posto t = x 1/ `e x = (t) per (t) = t + 1/, di conseguenza la
funzione g(t) = (f )(t) `e tale che g(1 (x)) = (f )(1 (x)) = f ((1 (x))) =
f (x). Basta allora determinare lo sviluppo di Taylor di g nel punto 1 (1/) = 0
essendo 1 (x) = x 1/, ovvero basta determinare lo sviluppo di Mac Laurin
della funzione g(t). Si noti che g(t) = (t + a)h(t) per
a=1+

h(t) =

1
.
(t + a + 1)1/2

Poiche
g (k) (t) =

k  
X
k
(t + a)(m) h(km) (t)
m
m=0

56

Elisabetta Barletta

con (t+a)(m) = 0 per m 2 e (t+a)0 = 1, allora g (k) (t) = (t+a)h(k) (t)+kh(k1) (t)
da cui g (k) (0) = ah(k) (0) + kh(k1) (0). Pertanto lo sviluppo di Mac Laurin di g(t)
di ordine n `e
n
X
ah(k) (0) + kh(k1) (0) k
g(t) =
t + Rn,g (t; 0) =
k!
k=0

=a

n
X
h(k) (0)
k=0

k!

t +

n
X
h(k1) (0)
k=1

tk + Rn,g (t; 0) =

(k 1)!

= aPn,h (t; 0) + tPn1,h (t; 0) + Rn,g (t; 0)


dove Pn,h (t; 0) indica il polinomio di Taylor di grado n di h nel punto t = 0. Ora

1/2
t
1/2
1/2
= (a + 1)1/2 (1 + s)1/2
h(t) = (t + a + 1)
= (a + 1)
1+
a+1
per s = t/(a + 1). Dallo sviluppo di Mac Laurin della funzione (1 + s)1/2 si ha
" n 
#
X 1/2
1/2
k
h(t) = (a + 1)
s + Rn (s; 0)
k
k=0

quindi il polinomio di Taylor di h(t) in t = 0 `e




n 
n 
X
X
1/2
tk
1/2
tk
.
Pn,h (t; 0) = (a + 1)1/2
=
k
(a + 1)k
k
(a + 1)k+1/2
k=0

k=0

Allora
n1
X 1/2
tk
tk+1
+
+ Rn,g (t, 0) =
k+1/2
k
k
(a + 1)
(a + 1)k+1/2
h=0
k=0


n 
n 
X
X
1/2
tk
1/2
t`
=a
+
+ Rn,g (t; 0) =
k+1/2
k
` 1 (a + 1)`1+1/2
(a + 1)
k=0
`=1





n
X
a
tk
1/2
1/2
=
+
a+
(a + 1) + Rn,g (t; 0)
k
k1
(a + 1)1/2 k=1 (a + 1)k+1/2

g(t) = a


n 
X
1/2

dove7





 1/2
1/2
1/2
1/2  a
(a + 1) =
a +
a+
(a + 1) =
k
k1
k1
2k
k1


 1/2 a + 2k
1/2  a
=
+1 =
.
k1
2k
k1
2k
Dunque lo sviluppo di Mac Laurin di g `e
!

n 
X
1
1/2 a + 2k k
g(t) =
a+
t
+ Rn,g (t; 0) .
k 1 k(a + 1)k
a+1


k=1

Se rappresentiamo il resto di g nella forma di Lagrange si ha


Rn,g (t; 0) =

g (n+1) () n+1
t
(n + 1)!

0<<t

dove, tenuto conto che


h(k) (t) =
7Per ogni R `
e



1/2
k!(t + a + 1)1/2k ,
k

   k + 1
=
.
k
k1
k

Esercizi sulle formule di Taylor e di Mac Laurin

57

`e
( + a)h(n+1) () + (n + 1)h(n) () n+1
Rn,g (t; 0) =
t
=
(n + 1)!





1/2
1/2
3/2n
1/2n
( + a)( + a + 1)
+
( + a + 1)
tn+1 =
n+1
n



1/2
2n + 1
=

( + a) + + a + 1 ( + a + 1)3/2n tn+1 =
n
2(n + 1)



1/2
+a
=
+ 1 ( + a + 1)3/2n tn+1 .
n
2n + 2
Ne segue che


k !
n 
X
1
1/2 a + 2k
1
1
a+
x
+
g( (x)) =
k 1 k(a + 1)k

a+1
k=1





n+1
1/2
+a
1
+
+ 1 ( + a + 1)3/2n x
n
2n + 2

e posto = + 1/ si ottiene lo sviluppo richiesto


"
r

k #

n 

1 X 1/2 1 + 1/ + 2k
1
f (x) =
1+ +
x
+
2 + 1

k 1 k(2 + 1/)k
k=1



n+1


1
1
+1
1/2
+ 1 ( + 2)3/2n x
,
<<x.
+
2n + 2

n

Esercizio 5.3. Determinare le formule di Mac Laurin delle seguenti funzioni:

x+3
,
2) f (x) = 4 x 2 + sin x .
1) f (x) = 2
x 3x + 2
Esercizio 5.4. Scrivere la formula di Mac Laurin con il resto nella forma di Lagrange per le seguenti funzioni:

1) f (x) = 4 x + 2 + 3 x 3
,
2) f (x) = |x| sin x .
 Soluzione di 2). La funzione f (x) = |x| sin x `e sicuramente continua in R e C (R\
{0}); verifichiamo se `e anche derivabile in tutto R: leventuale non derivabilit`a pu`o
essere solo in 0. Quindi
lim

x0

f (x) f (0)
|x| sin x
x sin x
= lim
= lim
=0,
x0
x
x
x
x0

f (x) f (0)
|x| sin x
x sin x
= lim
= lim
=0
+
x0
x
x
x
x0
che prova invece la derivabilit`
a di f in 0 . Si osservi che

(x sin x) per x < 0

dx

f 0 (x) =
0
per x = 0

d (x sin x)
per x > 0
dx
cio`e

sin x x cos x per x < 0

0
0
per x = 0
f (x) =

sin x + x cos x
per x > 0
lim

x0+

58

Elisabetta Barletta

e
lim f 0 (x) = lim (sin x + x cos x) = 0 = f 0 (0)

x0

x0

lim+ f 0 (x) = lim (sin x + x cos x) = 0 = f 0 (0) .


x0

x0

Quindi f 0 `e continua in 0 e di conseguenza f `e di classe C 1 (R). Verifichiamo ora la


derivabilit`
a in 0 di f 0 :
lim

x0

sin x x cos x
sin x
f 0 (x) f 0 (0)
= lim
= lim
+ cos x = 2 ,
x0
x0 x
x
x

sin x + x cos x
sin x
f 0 (x) f 0 (0)
= lim
= lim
+ cos x = 2 .
+
x0
x0 x
x
x
x0
Dunque f 0 non `e derivabile in 0 e f
/ C 2 (R); possiamo scrivere solo la formula di
Mac Laurin fino al I ordine
lim

f (x) = f (0) + f 0 (0)x + R1 (x; 0)

|x| sin x = R1 (x; 0)

dove, essendo tuttavia f C (R \ {0}), possiamo rappresentare R1 nella forma di


Lagrange e precisamente, se x < 0 allora per qualche (x, 0) `e
2 cos + sin 2
f 00 () 2
x
R1 (x; 0) =
x ,
2
2
in modo analogo, se x > 0 allora per qualche (0, x) `e
R1 (x; 0) =

R1 (x; 0) =

2 cos sin 2
x .
2


Esercizio 5.5. Scrivere la formula di Mac Laurin fino al III ordine con il resto
nella forma di Lagrange per la funzione

1 (x2 + 1)1/3

, x 6= 0
x
f (x) =

0
, x=0.
Esercizio 5.6. Scrivere la formula di Taylor fino al II ordine nei punti x0 = 1 e
x0 = 1 per le funzioni
1)

f (x) =

x2 + x + 1
x+1

2)

f (x) =

x2 x + 1
.
x1

 Soluzione di 2). Il dominio di f (x) = (x2 x + 1)/(x 1) `e R \ {1} e intanto non


`e possibile scrivere lo sviluppo di Taylor di f in 1. Rimane da scrivere lo sviluppo
in 1 il quale `e possibile perche f C (R \ {1}). Si ha f (1) = 3/2 e
f 0 (x) = (2x 1)(x 1)1 (x2 x + 1)(x 1)2 =


= (x 1)2 (2x 1)(x 1) x2 + x 1
da cui

3
4
f 00 (x) = 2(x 1)3 (x2 2x) + (x 1)2 (2x 2) =


= (x 1)3 2(x2 2x) + (x 1)(2x 2)
f 0 (x) = (x 1)2 (x2 2x)

f 0 (1) =

da cui
f 00 (x) = 2(x 1)3

f 00 (1) =

1
.
4

Allora si ha la formula di Taylor del secondo ordine in 1


x2 x + 1
3 3
1
= + (x + 1) (x + 1)2 + R2 (x; 1) .
x1
2 4
8

Esercizi sulle formule di Taylor e di Mac Laurin

59

Se ad esempio rappresentiamo lerrore nella forma di Lagrange si ha, per qualche


(1, x) (o (x, 1)),
R2 (x; 1) =

f 000 ()
(x + 1)3
3!

R2 (x; 1) =

(x + 1)3
( 1)4

(perche f 000 (x) = 6(x 1)4 ).



Esercizio 5.7. Determinare la formula di Taylor fino al II ordine con il resto nella
forma di Lagrange per le seguenti funzioni nei punti a fianco indicati:
2
2
(x 4) log |x 2| , x 6= 2
1) g(x) =
, in x = 2 ,

0
, x=2

2)

h(x) =

2
(x 9) log |x 3| ,

x 6= 3

x=3

in x = 3 .

 Soluzione di 1). Il dominio di g `e R e di classe C (R \ {2}). Verifichiamo


dapprima la continuit`
a di g in 2:
lim (x2 4)2 log |x 2| = lim (x + 2)2 (x 2)2 log |x 2| = 0 = g(2) ,

x2

x2

dunque g `e continua. Verifichiamo ora la derivabilit`a di g in 2:


g(x) g(2)
(x2 4)2 log |x 2|
= lim
=
x2
x2
x2
x2
(x + 2)2 (x 2)2 log |x 2|
= lim
= lim (x + 2)2 (x 2) log |x 2| = 0 .
x2
x2
x2
Di conseguenza possiamo affermare che g `e derivabile in R e

d 2

(x 4)2 log(2 x) per x < 2

dx

0
0
per x = 2
g (x) =

d 2

(x 4)2 log(x 2) per x > 2


dx
cio`e

4x(x2 4) log(2 x) (x2 4)2 (2 x)1 per x < 2

0
per x = 2
g 0 (x) =

2
2
2
1
4x(x 4) log(x 2) + (x 4) (x 2)
per x > 2
lim

che possiamo scrivere come


2
(x 4)[4x log(2 x) + x + 2] per x < 2

0
0
per x = 2
g (x) =

2
(x 4)[4x log(x 2) + x + 2] per x > 2 .
` ovvio che g 0 C 0 (R \ {2}), quindi verifichiamo soltanto la continuit`a di g 0 in 2:
E
lim g 0 (x) = lim (x2 4)[4x log(2 x) + x + 2] =

x2

x2

lim 4x(x 4) log(2 x) + lim (x2 4)(x + 2) = 0 = g 0 (2) ,


2

x2

x2

lim+ g 0 (x) = lim (x2 4)[4x log(x 2) + x + 2] =

x2

x2

60

Elisabetta Barletta

= lim 4x(x2 4) log(x 2) + lim (x2 4)(x + 2) = 0 = g 0 (2) .


x2

x2

Perci`
o g C (R); vediamo se g `e derivabile in 2:
g 0 (x) g 0 (2)
(x2 4)[4x log(2 x) + x + 2]
= lim
=
x2
x2
x2

lim

x2

= lim (x + 2)[4x log(2 x) + x + 2] = lim 4x(x + 2) log(2 x) + lim (x + 2)2 = + .


x2

x2

x2

Ne segue che g non `e derivabile in 2 e quindi g


/ C in un intorno di 2: non `e
allora possibile scrivere la formula richiesta.

Esercizio 5.8. Scrivere la formula di Mac Laurin delle seguenti funzioni in modo
che il loro valore nei punti indicati sia determinato a meno di un errore di 103 :
f (x) = cos2 x arctan x

1)

2)

g(x) =

x+1
(x + 2)1/2

in x =

in x =

1
,
4

1
.

 Soluzione di 2). Per la g(x) = (x + 1)(2 + x)1/2 si ha:



x 1/2
(x + 1)(2 + x)1/2 = 21/2 (x + 1) 1 +
=
2
 

x 1/2
1
x 1/2 
+ 1+
= 1/2 x 1 +
.
2
2
2
Posto y = x/2 `e


1+


n 
X
1/2 k
x 1/2
= (1 + y)1/2 =
y + Rn (y, 0) =
k
2
k=0


n 
X
1/2 xk
2k

k=0

+ Rn

x
2


;0

dove
Rn

x
2


;0 =

1
2n+1


1/2
(1 + )n3/2 xn+1
n+1

0<<

x
.
2

Pertanto
(x + 1)(2 + x)

1/2

"

1
21/2


n 
X
1/2 xk+1


n 
X
1/2 xk
k=0

k=0

2k

+ Rn

2k
x
2


;0

+ xRn

x
2


;0 +

dove

n 
X
1/2 xk+1
k=0

2k




n 
X
1/2 xk
1/2 xn+1
=
+
,
k 1 2k1
n + 1 2n
k=1


n 
X
1/2 xk
k=0

2k

=1+


n 
X
1/2 xk
k=1

2k

Esercizi sulle formule di Taylor e di Mac Laurin

61

e poiche Rn (x/2; 0) = O(xn+1 ), xRn (x/2; 0) = O(xn+2 ) si ha8


"
 
 

n 
X
1
1
1/2
1/2
1
1/2
(x + 1)(2 + x)
= 1/2 1 +
+ k
+
xk +
k1
k
2k1
2
2
k=1



 n+1 
n+1
1/2
1/2 x
3/2n x
+
(1
+
)
=
+
n+1
n + 1 2n
2n+1




n
i
X
1
1/2 k
1
1/2 h
1
3/2n
= 1/2 + 3
xn+1 .
x
+
2
+
(1
+
)
2
2k+1/2 k
2n+3/2 n + 1
k=1

Risulta allora che il resto n-simo della formula di Mac Laurin di g(x) `e


i
1
1/2 h
x
Rn (x; 0) = n+3/2
2 + (1 + )n3/2 xn+1 , 0 < < ;
n+1
2
2
si vuole che





Rn 1 ; 0 103

cio`e
1
2n+3/2

i 1/2 1
1

3 .
2 + (1 + )n3/2
n + 1 n+1
10

per 0 < < /2. Poiche (1 + )n3/2 < 1 allora 2 + (1 + )n3/2 < 3, inoltre
1/ n+1 < 1/3n+1 . Perci`
o baster`a scegliere n in modo che sia


1/2
1
< 1 .

2n+3/2 3n n + 1 103
Siccome


1/2
1/2(1/2 1) (1/2 n)
1 3 (2n + 1)
=
= (1)n+1 n+1
=
n+1
(n + 1)!
2
(n + 1)!
(2n + 1)!!
+ 1)!
allora basta scegliere n N in modo che sia
= (1)n+1

2n+1 (n

(2n + 1)!!
1
3 .
10
21/2 22n+2 3n (n + 1)!

Esercizio 5.9. Determinare lo sviluppo di Mac Laurin delle seguenti funzioni in
modo che il loro valore nei punti indicati sia dato a meno di un errore non superiore
a 104 :
x
2
1) f (x) = sin2 arctan x in x = ,
2
3
1
2) g(x) = 2 sin2 x sinh x in x = ,
2
1
3) h(x) = cos2 x + 2 cosh x in x = .
6
8Infatti per R e k N si ha:

  
( 1) [ (k 2)]
( 1) [ (k 1)]
+
=
+
=
k1
k
(k 1)!
k!




1
(k 1)
k+k+1
= ( 1) [ (k 2)]
+
= ( 1) ( k + 2)
=
(k 1)!
k!
k!
 + 1
( + 1)( 1) ( k + 2)
=
=
.
k!
k

62

Elisabetta Barletta

 Soluzione di 2). La funzione (x) = sin2 x `e C su R e


0 (x) = 2 sin x cos x = sin 2x

= 0 (0) = 0

00 (x) = 2 cos 2x

= 00 (0) = 2

(3) (x) = 22 sin 2x

= (3) (0) = 0

(4) (x) = 23 cos 2x

= (4) (0) = 23

(5) (x) = 24 sin 2x

= (5) (0) = 0

(6) (x) = 25 cos 2x

(6) (0) = 25

..
.

..
.

..
.

da cui facilmente si ricava


(2k) (x) = (1)k+1 22k1 cos 2x = (2k) (0) = (1)k+1 22k1
(2k+1) (x) = (1)k 22k sin 2x

= (2k) (0) = 0 .

Si ha allora la formula di Mac Laurin


n
X
22k1 2k
2
x + R2n+1, (x; 0) .
sin x =
(1)k+1
(2k)!
k=0

Per la funzione (x) = sinh x si ha


(2k) (x) = sinh x

(2k) (0) = 0

(2k+1) (x) = cosh x

(2k+1) (0) = 1

quindi
n
X
x2k+1
sinh x =
+ R2n+2, (x; 0) .
(2k + 1)!
k=0

Pertanto per g(x) si ha


2 sin2 x sinh x =

n
X

(1)k+1

k=0

22k x2k X x2k+1

+ 2R2n+1, (x; 0)
(2k)!
(2k + 1)!
k=0

dove



(2n+2) () 2n+2 22(n+1)1 cos 2 2n+2
= 2
=
|2R2n+1, (x; 0)| = 2
x
x


(2n + 2)!
(2n + 2)!
2n+2

2
cos 2 2n+2
22n+2
=
x

|x|2n+2 .

(2n + 2)!
(2n + 2)!
Siccome in x = 1/2 deve essere |2R2n+1, (1/2; 0)| 104 e si ha
|2R2n+1, (1/2; 0)|

22n+2
1
1
=
,
2n+2
(2n + 2)! 2
(2n + 2)!

basta scegliere n N in modo che sia (2n + 2)! 104 , e.g. n = 6.



Esercizio 5.10. Determinare lo sviluppo di Mac Laurin fino al III ordine con la
rappresentazione dellerrore nella forma di Cauchy per le seguenti funzioni:
1)

f (x) = (2 + 2x)1/3

2)

g(x) =

x2 3x
.
2x + x2

Esercizi sulle formule di Taylor e di Mac Laurin

63

Esercizio 5.11. Determinare lo sviluppo di Mac Laurin fino al III ordine con la
rappresentazione dellerrore nella forma di Lagrange per le seguenti funzioni:
2x + 1
1) h(x) = tan2 x 3x2
.
,
2) k(x) = 2
x x
Esercizio 5.12. Scrivere lo sviluppo di Mac Laurin e di Taylor in x = 3 fino al
IV ordine con il resto in forma integrale della funzione
`(x) =

3x3 2x2 5x + 6
.
x2 2x 3

64

Elisabetta Barletta

6. Esercizi sugli integrali indefiniti


Premettiamo una breve ricapitolazione delle sostituzioni da fare in alcuni tipi di
integrali classici.
Integrazione di funzioni razionali fratte
Si consideri lintegrale
Z
I=

ax2

dx
+ bx + c

dove = b2 4ac < 0. La sostituzione


2ax + b
2Aa

t=
permette di scrivere
Z

I=

A dt
1
=
arctan t + C =
2
(t + 1)
aA


2ax + b
2
arctan
+C .
=

aA2

Si consideri lintegrale
Z
p(x)
I=
dx
q(x)

p(x), q(x) polinomi in x

i) se gr(p(x)) < gr(q(x)) e


q(x) = a(x x1 )m1 (x xh )mh (a1 x2 + b1 x + c1 )n1 (ak x2 + bk x + ck )nk ,
j = b2j 4aj cj < 0 per 1 j k si decompone

h
k 
X
Bj
Cj (2aj x + bj )
p(x) X Ai
=
+
+
+
q(x)
x xi j=1 aj x2 + bj x + cj
aj x2 + bj x + cj
i=1
!
d
s(x)
+
.
Qh
Qk
nj 1
mi 1
2
dx
i=1 (x xi )
j=1 (aj x + bj x + cj )
e quindi
h
X

k
X
2B
p j arctan
I=
Ai log |x xi | +
j
i=1
j=1

k
X

2aj x + bj
p
j

!
+

Cj log (aj x2 + bj x + cj )+

j=1

s(x)
+C ;
Qk
nj 1
2
i=1 (x xi
j=1 (aj x + bj x + cj )
ii) gr(p(x)) gr(q(x)): si esegue la divisione tra p(x) e q(x) ottenendo
+ Qh

)mi 1

p(x) = m(x)q(x) + r(x) , gr(r(x)) < gr(q(x))


e quindi
Z
I=
Z
e lintegrale

p(x)
dx =
q(x)

Z
m(x) dx +

r(x)
dx si risolve come in i).
q(x)

r(x)
dx
q(x)

Esercizi sugli integrali

65

Integrali trigonometrici
Si consideri lintegrale
Z
I=

R(cos x, sin x) dx ;

la sostituzione
t = tan

x
2

d`
a
2t
1 t2
2
,
sin x =
, 0 (t) =
1 + t2
1 + t2
1 + t2
e queste riconducono lintegrale dato allintegrale di una funzione razionale fratta.
cos x =

Integrali abeliani
Si consideri lintegrale
Z
I=

R(x,

p
1 x2 ) dx

con la sostituzione
r

1x
1+x
ci si riconduce ad un integrale di una funzione razionale fratta.
t=

Si consideri lintegrale
Z
I=

R(x,

x2 + a) dx

con la sostituzione
(t + x)2 = x2 + a

aR

ci si riconduce allintegrale di una funzione razionale fratta


Si consideri lintegrale
Z
I=

R(x,

ax2 + bx + c) dx .

Se a > 0 si considera la sostituzione


2ax + b

t=
.
2 a
Se a < 0 si considera la sostituzione
2ax b

t=
.

In ogni casi si `e ricondotti allintegrale di una funzione razionale fratta.


Integrale differenziale binomio
Si consideri lintegrale
Z
Im,n,p =

xm (a + bxn )p dx

con m, n, p Q. Questo `e risolubile se almeno uno tra p, (m + 1)/n, p + (m + 1)/n


`e intero. Le sostituzioni da fare sono:
Se p Z si considera la sostituzione
t = x1/s1 s2

per m = r1 /s1 , n = r2 /s2 .

Se p Q \ Z, scritto p = r/s, si considerano due casi:

66

Elisabetta Barletta

(i) se
m+1
Z
n
allora si prende
t = (a + bxn )1/s ,
(ii) se
p+

m+1
Z
n

allora si prende
1/s
a + bt
.
t=x , u=
t
In ogni caso si `e ricondotti allintegrali di una funzione razionale fratta.


Esercizi

Esercizio 6.1. Calcolare i seguenti integrali indefiniti


Z
Z
1)
sinh x dx
,
2)
cosh x dx .
 Soluzione di 1). Lintegrale `e immediato e
Z
sinh xdx = cosh x + C .
Soluzione di 2). Come per 1),
Z
cosh x dx = sinh x + C .

Esercizio 6.2. Calcolare i seguenti integrali:
Z
Z
p
1)
x4/5 dx
,
2)
x2 x3 + 5 dx .
Esercizio 6.3. Calcolare i seguenti integrali
Z p
Z
1)
x 6 + x2 dx
,
2) (x + 1)(x2 + 2x 5)6/7 dx .
Esercizio 6.4. Calcolare
Z
1)
sin3 x cos4 x dx
Esercizio 6.5. Calcolare
Z
1)
sin log x dx

Z
,

2)

x4 log x dx .

Z
,

Esercizio 6.6. Calcolare i seguenti integrali


Z
1)
arccos x dx
,

2)

arcsin x dx .

Z
2)

1
dx .
x

Esercizio 6.7. Calcolare i seguenti integrali


Z
Z
6
1)
dx
,
2)
4 sinh x dx .
x4/5

Esercizi sugli integrali

Esercizio 6.8. Calcolare


Z
3x
1)
dx
x2 3x + 2

Z
,

Esercizio 6.9. Calcolare


Z
1

dx
1)
1 x2
Esercizio 6.10. Calcolare
Z
1
1)
dx
x/3
e

67

2)

Z
,

2)

Z
,

dx .

5
dx .
cos2 x

3
dx .
cos x

2)

Esercizio 6.13. Calcolare gli integrali


Z
3
dx
,
1)
sin x

(4x 9)5 dx .

2)

Esercizio 6.12. Calcolare gli integrali


Z
1
1)
dx
,
sin2 x

2
x2

cos 2x
dx .
sin x cos x

2)

Esercizio 6.11. Calcolare gli integrali


Z
1) (3x + 1)2/3 dx
,

2x + 1
dx .
x2 3x + 3

2)

Esercizio 6.14. Calcoalare i seguenti integrali

Z
Z

1)
dx
,
2)
dx .
2
1 + tan2 x
1 x arcsin x
Esercizio 6.15. Calcolare
Z
arcsin x

1)
dx
1 x2

Z
,

2)

arcsin4 x

dx .
1 x2

Esercizio 6.16. Risolvere i seguenti integrali:

Z
Z
sin(1 x)
arcsin4/7 x

1)
dx
,
2)
dx .
2 x
1 x2
Esercizio 6.17. Risolvere gli integrali:
Z
2 + sin x
1)
dx
(sin x cos x)3
Esercizio 6.18. Risolvere
Z
1)
e4x cos x dx

Z
,

Z
,

2)

Esercizio 6.19. Risolvere gli integrali:


Z
x3 + 1
1)
dx
,
x3 + 3x2 4
Esercizio 6.20. Risolvere gli integrali
Z
x2 + x + 1
1)
dx
(2x + 3)2 (3x 1)

2)

Z
2)

Z
,

2)

x4 sin x dx .

x log x dx .

x3 1
dx .
x3 + 3x2 4

4x 3
dx .
(2x2 3x + 2)3

68

Elisabetta Barletta

Esercizio 6.21. Risolvere


Z 3
x x2 + x 1
1)
dx
(2x2 3x + 2)2

Z
,

Esercizio 6.22. Calcolare gli integrali


Z
sin x
1)
dx
,
1 + cos x
Esercizio 6.23. Calcolare gli integrali
Z
sin x
1)
dx
,
1 + sin x

Z
2)

2)

tan x
dx .
1 sin x

2)

cos x
dx .
1 + cos x

Z p
a x2 dx , a > 0 .

Esercizio 6.24. Trovare le formule iterative per


Z
Z
In = sinn x dx
,
Jn = cosn x dx,
dove n N.
Esercizio 6.25. Trovare le formule iterative per
Z
Z
n
x
In = e sin x dx
,
Jn = ex cosn x dx ,
dove n N \ {0}.
Esercizio 6.26. Determinare in funzione di m, n N \ {0} la soluzione dellintegrale
Z
Im,n = sinm x cosn x dx .
Esercizio 6.27. Calcolare i seguenti integrali:
Z
Z
x3
x3 1
1)
dx
,
2)
dx .
4
2
(x + 1)
(x4 + 1)2
Esercizio 6.28. Calcolare:
Z
x2 + x 1
1)
dx
(2x + 1)2 (x2 + 2x + 2)
Esercizio 6.29. Calcolare
Z p
x2 + 5 dx
1)
Esercizio 6.30. Calcolare
Z
x

1)
dx
x2 + 11

2)

Z
,

2)

Z
,

2)

Esercizio 6.31. Risolvere gli integrali


Z p
1)
x2 + x 1 dx
,
Z
3)

Z
,

(x + 2)

2)

x+

dx

.
1 x2

x+1

dx .
x2 2

x1
dx .
x2 3x + 2

Z p

x2 + x + 1 dx ,

x2 + 4x + 3 dx .

Esercizi sugli integrali

69

Esercizio 6.32. Trovare la formula iterativa per


Z
dx
,
In =
(x2 1)n
per n N \ {0}.
 Soluzione. Si ha
Z
, cR
s

Z
x 1
dx
+c , cR

I1 =
= log
x2 1
x + 1

per n = 0 ,

I0 =

per n = 1 ,

dx = x + c

perche
1
A1
A2
=
+
x2 1
x1 x+1
Sia n 2 e decomponiamo
(6.1)

A1 = A2 =

1
.
2

1 x2 + x2
x2
1
1
=
=
2
(x2 1)n
(x2 1)n
(x2 1)n
(x 1)n1

dove
Z

1
2

x2
1
dx =
2
n
(x 1)
2

Z
(x2

(x2 1)n+1
1
x
1n
1n

2x
x dx =
per parti
1)n
Z


(x2 1)n+1 dx =

1
x
1

In1 .
2 2n (x2 1)n1
2 2n
Allora integrando la (6.1) si ottiene
1
x
1
In =

In1 In1
2 2n (x2 1)n1
2 2n
=

ovvero la formula iterativa


(6.2)

In =

1
x
3 2n

In1 .
2 2n (x2 1)n1
2 2n


Esercizio 6.33. Trovare la formula iterativa per


Z
dx
Jn =
,
(x2 + 1)n
per n N \ {0}.
 Soluzione. Si ha
Z
per n = 0 ,

J0 =

dx = x + c
Z

per n = 1 ,

J1 =

cR

dx
= arctan x + c , c R .
x2 + 1

Sia n 2 e decomponiamo
(6.3)

1
1 + x2 x2
1
x2
=
=

(x2 + 1)n
(x2 + 1)n
(x2 + 1)n1
(x2 + 1)n

dove
Z

x2
1
dx =
2
n
(x + 1)
2

Z
(x2

2x
x dx =
per parti
+ 1)n

70

Elisabetta Barletta

1
=
2

(x2 + 1)n+1
1
x
1n
1n
=

(x + 1)

n+1


dx =

1
x
1

Jn1 .
2 2n (x2 + 1)n1
2 2n

Allora integrando la (6.3) si ottiene


Jn = Jn1

1
x
1
+
Jn1
2
n1
2 2n (x + 1)
2 2n

ovvero la formula iterativa


3 2n
1
x
.
Jn1
(6.4)
Jn =
2 2n
2 2n (x2 + 1)n1

Esercizio 6.34. Sia a R. Trovare la formula iterativa per
Z
Z
dx
dx
,
J
=
.
Ia,n =
a,n
2
2
n
2
(x a )
(x + a2 )n
 Soluzione per Ia,n . Posto t = x/a si ha
Z
Z
1
dx
a
1
1
 
n = 2n
Ia,n = 2n
dt = 2n1 In
a
a
(t2 1)n
a
x 2
1
a
Applicando allora la formula iterativa (6.2) si ottiene


1
t
3 2n
1
Ia,n = 2n1

I
n1
a
2 2n (t2 1)n1
2 2n
ovvero, essendo Ia,n1 = In1 /a2n3 , a conti fatti, si ha la formula iterativa


1
x
(6.5)
Ia,n =

(3

2n)I
a,n1 .
(2 2n)a2 (x2 a2 )n1
Soluzione per Ja,n . Posto t = x/a si ha
Z
Z
1
1
1
dx
a
 
n = 2n
dt = 2n1 Jn
Ja,n = 2n
a
a
(t2 + 1)n
a
x 2
+1
a
Applicando allora la formula iterativa (6.4) si ottiene


1
3 2n
1
t
Ja,n = 2n1
Jn1
a
2 2n
2 2n (t2 + 1)n1
ovvero, essendo Ja,n1 = Jn1 /a2n3 , a conti fatti, si ha la formula iterativa


1
x
(3

2n)J

.
(6.6)
Ja,n =
a,n1
(2 2n)a2
(x2 + a2 )n1

Esercizio 6.35. Siano a, b, c R. Trovare la formula iterativa per
Z
dx
.
Kn =
2
(ax + bx + c)n

Esercizi sugli integrali

71

 Soluzione. Sia t = 2ax + b, allora


#
"

2

b2 4ac
c
b
b
2
2

=
ax + bx + c = a x + x +
=a x+
a
a
2a
4a2
1
1
[(2ax + b)2 ] = 2 (t2 ) .
4a
2 a
Pertanto integrando per sostituzione si ha:
Z
dt
Kn = 22n1 an1
2
(t )n
=

Se > 0, posto = A2 si ottiene


Kn = 22n1 an1 IA,n

1
Kn
22n1 an1

IA,n =

che dalla (6.5) d`


a


22n1 an1
t
Kn =
(3 2n)IA,n1 =
(2 2n)A2 (t2 A2 )n1


22n1 an1
2ax + b
3 2n
=
2n3 n2 Kn1
(2 2n)A2 [(2ax + b)2 ]n1
2
a
ovvero, essendo (2ax + b)2 = 4a(ax2 + bx + c), si ha la formula iterativa


1
2ax + b
(6.7)
Kn =

2a(3

2n)
K
.
n1
(1 n)A2 (ax2 + bx + c)n1
Se invece < 0, posto = A2 si ottiene
Kn = 22n1 an1 JA,n

1
Kn
22n1 an1

JA,n =

che dalla (6.6) d`


a


22n1 an1
t
Kn =
(3 2n)JA,n1 2
=
(2 2n)A2
(t + A2 )n1


22n1 an1
3 2n
2ax + b
=
Kn1
(2 2n)A2 22n3 an2
[(2ax + b)2 ]n1
ovvero (essendo sempre (2ax+b)2 = 4a(ax2 +bx+c)), si ha la formula iterativa


1
2ax + b
(6.8)
Kn =
2a(3

2n)
K

.
n1
(1 n)A2
(ax2 + bx + c)n1
Si osservi che la (6.7) e la (6.8) sono la stessa formula.

Esercizio 6.36. Calcolare i seguenti integrali
Z
Z
x+1
x2
dx
,
2)
dx .
1)
2
3
(x 3)
(x2 + 2)4
Esercizio 6.37. Calcolare
Z
dx
1)
(x2 + 2x + 2)2
Esercizio 6.38. Calcolare
Z
1)
x2 (x2 3)3/2 dx

Z
,

2)

(x2

Z
,

2)

x2
dx .
3)3/2

x5
dx .
x3 + 6

72

Elisabetta Barletta

Esercizio 6.39. Calcolare i seguenti integrali:


Z
Z
x7
x3
1)
dx
,
2)
dx ,
(3 + 2x)1/2
(3 + 2x5 )3/2
Z
3)
x3 (3x2 + 5)5/2 dx .

Esercizi sugli integrali

73

7. Esercizi sugli integrali generalizzati


Esercizio 7.1. Verificare leventuale convergenza dei seguenti integrali generalizzati:
Z +
Z +
dx
sin x
1)
,
2)
dx .
3 log x)
x
log
x
x(x
3
1
Esercizio 7.2. Verificare la convergenza dei seguenti integrali ed eventualmente
calcolarli:
Z +
Z +
x
dx
,
2)
1)
dx .
3
4+1
(x

1)
x
1
2
Esercizio 7.3. Verificare la convergenza di
Z +
x+5
dx
,
1)
2
2
(x + 3)
Esercizio 7.4. Verificare la convergenza di
Z +

1)
x sin x2 dx
,
1

2)

2)
1

sin x
dx .
x

dx
, R.
x

Esercizio 7.5. Verificare la convergenza di


Z +
Z +
dx
x+1

1)
,
2)
dx .
x
log
x
(2
x + 7)8/5
5
0
Esercizio 7.6. Verificare la convergenza degli integrali impropri:
Z +
Z +
dx
dx

,
2)
.
1)
8/5
(2 x + 7)
(2 x + 7)8/3
0
0
Esercizio 7.7. Verificare leventuale convergenza degli integrali impropri:
Z 1
Z 1
2x 1
dx
1)
dx
,
2)
.
5 )4 + 3
5 )4 + 3
(1

x
(1

Esercizio 7.8. Quali dei seguenti integrali diverge?


Z +
Z 1 

x3
x1/3
1)
dx
,
2)
1
+
e
dx .
x3 log x

1
Esercizio 7.9. Calcolare i seguenti integrali impropri
Z +
Z 0
dx
3x + 1
1)
,
n N \ {0}
,
2)
dx .
n
3
x
log
x
5
x + 4
Esercizio 7.10. Calcolare i seguenti integrali
Z +
Z +
dx
log x
1)
,
2)
dx ,
4+1
2+3
x
x
0
0
Z +
dx

3)
.
1 x4
0
Esercizio 7.11. Verificare leventuale convergenza dei seguenti integrali generalizzati:
Z +
Z +
sin x2 dx
,
2)
cos x2 dx .
1)

74

Elisabetta Barletta

 Soluzione di 1). Si ha
Z +
Z 0
Z
sin x2 dx =
sin x2 dx +

sin x2 dx = 2

sin x2 dx

perche in ogni caso x2 [0, +). Ora


Z
Z
1
sin t
dt
sin x2 dx =
2
t
avendo considerato la sostituzione x2 = t, quindi

Z 1
Z +
Z +
1
sin t
sin t
dt +
dt .
sin x2 dx =
2
t
t
0
0
1
Siccome


sin t
1
t
t
lintegrale generalizzato
Z
0

sin t
dt
t

converge. Si ha poi
Z +
1

b
Z +
sin t
1
cos t
cos t
dx = lim 1/2
dt =
b+ t
2
t3/2
t
1
1


Z +
cos t
1
cos b

cos
1

dt .
= lim
1/2
b+
2 1
b
t3/2

Poiche
lim

t+

cos t
=0
t3/2

lim

t+

non esiste
cos
t
t 3/2

t
=0

se 3/2
se 1 < < 3/2 ,

lintegrale
Z

cos t
dt
t3/2

sin t
dt
t

converge e pertanto converge anche


Z
1

ovvero lintegrale dato converge.


Soluzione di 2). Si risolve come 1) appena svolto.

Esercizio 7.12. Sia a > 0. Determinare per quali valori di u, v > 0 convergono
gli integrali generalizzati
Z +
Z +
u
v
1)
x sin x dx
,
2)
xu cos xv dx
a

 Soluzione di 1). La funzione integranda f (x) = xu sin xv non ha singolarit`a in


[a, +) per a > 0. Integrando per parti si ottiene
Z +
Z +
b u v + 1
cos xv
1
lim (xuv+1 cos xv ) a +
dx =
xu sin xv dx =
v b+
v
xvu
a
a
Z +
1
cos bv
cos av
uv+1
cos xv
=
lim
+
+
dx .
vu1
vu1
v b+ b
va
v
xvu
a

Esercizi sugli integrali

Si ha
v

lim

b+

non esiste

75

se v u 1 0

cos b
bvu1

=0
se v u 1 > 0
allora resta soltanto il caso v u > 1 e quindi
Z +
Z +
cos av
uv+1
cos xv
xu sin xv dx = vu1 +
dx .
va
v
xvu
a
a
Poiche


cos xv
1


xvu |x|vu
e v u > 1, lintegrale generalizzato
Z +
cos xv
dx
xvu
a
converge. In conclusione se u, v > 0 allora lintegrale generalizzato dato converge
per v u > 1.
Soluzione di 2). Si precede esattamente come per la soluzione di 1) appena
svolta.

Esercizio 7.13. Studiare la convergenza dellintegrale
Z +
dx
2 + bx + c
ax
0
al variare di a, b, c R.
Esercizio 7.14. Sia a > 0. Studiare la convergenza dellintegrale
Z +
xm sinn x dx
a

al variare di m, n N.
Esercizio 7.15. Calcolare i seguenti integrali:
Z 2
Z 3
dx

1)
,
2)
log (9 x2 ) dx .
4 x2
1
3
Esercizio 7.16. Calcolare gli integrali
Z 1
dx
,
1)
1 x
Esercizio 7.17. Calcolare gli integrali
Z 1
1 + cos x
1)
dx
,
(1
x3 )4/3
0
Esercizio 7.18. Calcolare
Z 2
dx
1)
(x

1)2/3
0

1/2

Z
2)
0

Z
2)
0

Z
,

2)
0

dx
.
x log x

2 2 cos x
x

dx .

log (2 x)
dx .
(2 x)3

Esercizio 7.19. Divergono i seguenti integrali?


Z 2
Z 1/2
dx
dx
1)
,
2)
, n N \ {0} .
n
3 sin x
x
x
log
x
0
0

76

Elisabetta Barletta

Esercizio 7.20. Quali dei seguenti integrali converge?


Z 1
Z 4
dx
x+1

1)
,
2)
dx .
1/2
1x
0
0 x
Esercizio 7.21. Verificare leventuale convergenza di
Z
Z 23
dx
dx
1)
,
2)
.
2x
1
+
cos
2
+
cos x
0
0
Esercizio 7.22. Verificare la convergenza di
Z 1
x+2
dx
1)
2 2x + 1)(x + 3)2/3
(x
3

Z
,

2)
0

dx
.
1 x4

Esercizio 7.23. Sia > 0. Studiare la convergenza dellintegrale


Z +
x1 ex dx .
() =
0

La funzione (), > 0, sopra definita si chiama integrale di Eulero di seconda


specie (o funzione Gamma di Eulero o anche Gamma euleriana).
Esercizio 7.24. Dimostrare che
i) 1) = 1,
ii) ( + 1) = (), e di conseguenza
iii) (n + 1) = n! per ogni n N \ {0}.
Esercizio 7.25. Calcolare i seguenti integrali
Z +
Z
3 x
1)
x e dx
,
2)
0

x5/2 ex dx .

Esercizio 7.26. Calcolare i seguenti integrali


Z 1/2
Z 5/2
dx
dx
1)
,
2)
,
(x + 1) log(x + 1)
(x 2) log3 (x 2)
1
2
Z 3
Z 1
x+1
2x + 1

3)
dx
,
4)
dx ,
3 3x2 + 4
x
(x
+
2) x 1
0
2
Z 2 2
Z 0
2x x 1
x+1
5)
dx
,
6)
dx ,

2
2
2
1 x +x2
2 (x 2)
Z +
Z 0
dx
1 x2
7)
,
8)
dx ,
3
2
(x2 + 4x + 5)3
x 5x + 3x + 9
1
Z 3/2
Z /2
1 sin x
x
9)
dx
,
10)
dx ,
x

cos x
/2
0
Z + 2
Z 1 2
x + 2x 3
x +1
11)
dx
,
12)
dx .
4+1
x
+
3
x
3

Esercizi sui numeri complessi

77

8. Esercizi sui numeri complessi


Esercizio 8.1. Verificare che per ogni a, b, , R il numero complesso
(a + bi)ei + (a bi)e+i
`e reale.
Esercizio 8.2. Provare che se z, w C sono tali che |z + w| = |z w| allora
arg z = /2 + arg w.
Esercizio 8.3. Che relazione intercorre tra z e w C affinche sia

z+w
= ?
Arg
zw
2
Esercizio 8.4. Determinare la forma algebrica e polare dei seguenti numeri complessi


3
6 + 2 + i( 6 2 .
1) (2 2i)4
,
2)
Esercizio 8.5. Determinare la forma polare e algebrica dei numeri complessi
1)

(32i)1/5

2)

Esercizio 8.6. Determinare la forma polare di


q

4
4 4 3i
,
2)
1)

11/6 .

r
3

(1 i)5
.
1+i

Esercizio 8.7. Determinare la forma algebrica dei numeri complessi



1/3
i1/4
h

(i 1)4
.
1)
,
2)
( 3 + 7i)( 3 + i)
i
Esercizio 8.8. Sia t =
algebrica e polare di

3 + 7i, w =
t+

3 + i e z = 2i. Determinare la forma

zw
.
z+w

Esercizio 8.9. Determinare la forma algebrica e polare dei seguenti numeri complessi

i 3
1 + 3i

1)
,
2)
.
(1 i)7
( 3 i)10
Esercizio 8.10. In C risolvere le seguenti equazioni
1)

(1 + i)3 z 4 = 1

2)

z 3 + 64 = 0 .

Esercizio 8.11. In C risolvere le seguenti equazioni


1)

|z| +

3(Im z)i = 4 3i

2)

|z

(
2| =

|z
|z +

6|

6|

Esercizio 8.12. In R2 determinare i seguenti insiemi:




3
1) {z C : |z 2| 4}
,
2)
z C : Arg z = ,
4






z 1
1
=4
3)
z C :
,
4)
z

C
:
|z
+
1|
=
|(2Im
z
+
1)i|
.
z + 1
2

78

Elisabetta Barletta

Esercizio 8.13. Determinare i valori di R per cui


1) lequazione z 2 2z + 1 = 0 ha radici complesse coniugate di modulo 1
2) lequazione z 2 2z + 1 = 0 ha radici complesse coniugate di modulo 1/2
3) lequazione z 4 2z 2 + 4 = 0 non ha radici reali.
Esercizio 8.14. Determinare i valori di C affinche siano risolubili i seguenti
sistemi lineari
( 2
( 2
xy =0
x + y = 1 + 2
1)
,
2)
.
||x + y 1 2 = 0
x + 2 y = (1 + 2 )
Esercizio 8.15. Risolvere in C le seguenti equazioni
1)

z 4 2iz 2 1 (1 + i)2 = 0
3)

2)

z6 + z3 + 1 = 0 ,

2z 6 + 2z 3 + 1 = 0 .

Esercizio 8.16. Determinare la forma algebrica dei numeri complessi


4 2i
5i
,
, 2 + 3i + (2 + 3i)(1 3i) .
2i
3 4i
Esercizio 8.17. Trovare z C tale che sommato al doppio del suo coniugato dia
5 3i.
Esercizio
8.18. Rappresentare
in forma polare i numeri complessi 3,

6
1, 11/6 , (1)1/3 , 3 i, i1/3 .

2, 4 + 4i,

Esercizio 8.19. In C risolvere le equazioni


z 2 + 2z + i = 0

z |z| 2z 1 = 0

z 2 + zz = 1 + 2i

z 3 6z + 4 = 0 .

Esercizio 8.20. Determinare i valori di R per cui tutte le soluzioni dellequazione z 4 2z 2 + = 0 non siano reali.
 Soluzione. Poniamo w = z 2 C, quindi lequazione diventa w2 2w + = 0.
Poiche9
b2 4ac
4 4
=
=1R
4a2
4
le soluzioni dellequazione sono


p
Arg(1 )
Arg(1 )
+ i sin
w = 1 |1 | cos
2
2
dove in tal caso |1 | `e il valore assoluto del numero reale 1 e Arg(1 ) = 0
se 1 0 e Arg(1 ) = se 1 < 0. Per = 1 `e w = 1 e pertanto
lequazione z 4 2z 2 + = 0 ha le due soluzioni reali
(ciascuna di molteplicit`a due)
z = 1. Se 1 > 0 (i.e. < 1) allora w = 1 1 R
e di conseguenza
lequazione z 4 2z 2 + = 0 ha tutte radici
non
reali
se
1

1 < 0 ovvero

se in contemporanea `e 1 < 1 e 1 > 1. Poiche la prima `e falsa, nel


caso < 1 lequazione z 4 2z 2 +
= 0 ha almeno una soluzione reale.
Infine se
1 < 0 (i.e. > 1) allora w = 1 1(cos /2 + i sin /2) = 1 i 1 e le
soluzioni
dellequazione dellesercizio sono tutte
complesse (date da z0 , z 0 , z0 , z 0
per z0 = (cos + i sin ) con = (arctan 1)/2).
9Se az 2 + bz + c = 0, per a, b, c C, allora le sue soluzioni sono

z=




r cos + i sin
2a
2
2

2

 2

b 4ac
, = Arg b 4ac .
per r =

4a2
4a2

Esercizi sui numeri complessi

79

In conclusione lequazione z 4 2z 2 + = 0, per R, ha tutte soluzioni non reali


per > 1.

Esercizio 8.21.
` noto che per x R si ha
Osservazione 8.1. E
eix = cos x + i sin x

eix = cos x i sin x

da cui si ricava
eix + eix
eix eix
,
sin x =
.
2
2i
I secondi membri della (8.1) hanno senso anche per z C e quindi definiamo il
coseno e il seno di un numero complesso z C come
(8.1)

cos x =

cos z :=

eiz + eiz
2

sin z :=

eiz eiz
.
2i

Esercizio 8.22. Verificare che per z C


1. cos (z + 2k) = cos z, sin (z + 2k) = sin z, k Z;
2. cos2 z + sin2 = 1;
3. cos 2z = cos2 z sin2 z, sin 2z = 2 sin z cos z;

1/2

1/2
z
1 + cos z
z
1 cos z
4. cos =
, sin =
.
2
2
2
2
 Soluzione. Per la 1. si ha
ei(z+2k) + ei(z+2k)
eiz ei2k + eiz ei2k
cos (z + 2k) =
=
=
2
2
eiz + eiz
= cos z ,
=
2
eiz ei2k eiz ei2k
eiz eiz
ei(z+2k) ei(z+2k)
=
=
= sin z .
sin (z+2k) =
2i
2i
2i
Per la 2. si ha
2
2 i 1  2iz

1 h iz
cos2 z+sin2 z =
e + eiz eiz eiz
=
e + 2 + e2iz e2iz 2 + e2iz =
4
4

1 2iz
=
e + 2 + e2iz e2iz + 2 e2iz = 1 .
4
Per la 3. si ha
2
2
eiz + eiz
eiz eiz
e2iz + 2 + e2iz + e2iz 2 + e2iz
2
2
cos zsin z =
+
=
=
4
4
4
2e2iz + 2e2iz
e2iz + e2iz
=
=
= cos 2z ,
4
2
eiz eiz eiz + eiz
e2iz e2iz
2 sin z cos z = 2
=
= sin 2z .
2i
2
2i
Infine per la 4. si ha


1 + cos z
1
eiz + eiz
2 + eiz + eiz
=
1+
=
=
2
2
2
4
2
ei z/2 + ei z/2
2 + e2i z/2 + e2i z/2
z
=
=
= cos2 ,
4
4
2
1 cos z
1
=
2
2



eiz + eiz
2 eiz eiz
2 e2i z/2 e2i z/2
1
=
=
=
2
4
4

80

Elisabetta Barletta

ei z/2 ei z/2
=
4

2
= sin2

z
2

di conseguenza
cos

z
=
2

1 + cos z
2

1/2
,

sin

z
=
2

1 cos z
2

1/2


Esercizi sulle equazioni differenziali

81

9. Esercizi sulle equazioni differenziali del I ordine


Premettiamo una breve ricapitolazione per la risoluzione di alcuni tipi di equazioni differenziali del I ordine.
Equazione differenziale ordinaria: y 0 (x) = f (x).
La soluzione `e
Z
x

y(x) y(x0 ) =

f (t)dt .
x0

Equazione differenziale ordinaria a variabili separabili (o separate):


y 0 (x) = a(x)b(y(x)).
Se lequazione numerica b(y) = 0 ha una soluzione y0 ,
y(x) = y0
`e soluzione dellequazione differenziale.
Se b(y) non `e identicamente nulla e se esiste una primitiva B della funzione
1/b(y) allora
Z x
B(y(x)) B(y(x0 )) =
a(t) dt
x0

generalmente permette di trovare la soluzione y(x).


Equazione differenziale lineare omogenea del I ordine:
y 0 (x) + a(x)y(x) = 0.
La soluzione `e
R
x a(s) ds
y(x) = y(x0 ) e x0
.
Equazione differenziale lineare affine del I ordine:
y 0 (x) + a(x)y(x) = b(x)
La soluzione `e
Z x
R
Rt
xx a(s) ds
0
y(x) = y(x0 ) e
+
b(t) e x a(s) ds dt .
x0

Equazione differenziale di Bernoulli: y 0 (x) + a(x)y(x) = b(x)y n (x)


La soluzione `e
h
R
(n1) xx a(s) ds
0
y(x) = y 1n (x0 ) e
+
Z x
i1/(1n)
Rt
+(1 n)
b(t) e(1n) x a(s) ds dt
.
x0

Equazione differenziale di Riccati: y 0 (x) + a(x)y(x) = b(x)y 2 (x) + c(x).


Determinata una soluzione particolare y0 (x) si pone z(x) = y(x) y0 (x) e sostituendo nellequazione differenziale y(x) = z(x) + y0 (x) si ottiene lequazione differenziale di Bernoulli con n = 2
z 0 (x) + (a(x) 2b(x)y0 (x))z(x) = b(x)z 2 (x) .
Equazione differenziale di Clairaut: y(x) = x y 0 (x) + f (y 0 (x))
Per derivazione si ottiene
y 00 (x) (x + f 0 (y 0 (x))) = 0 .
Una soluzione `e y(x) = ax + b. Per t = y 0 si ha la soluzione in forma parametrica
(
x = f 0 (t)
y = tf 0 (t) + f (t) .
Equazione differenziale di DAlembert-Lagrange:
y(x) = xf (y 0 (x)) + g(y 0 (x)).
Si pone t = y 0 e derivando rispetto a x si ottiene
t0 =

t f (t)
.
+ g 0 (t)

xf 0 (t)

82

Elisabetta Barletta

Poiche t0 = dt/dx = 1/x0 (t) si ricava lequazione differenziale affine del primo ordine
(nella variabile t)
f 0 (t)
g 0 (t)
x0 (t) +
x(t) =
f (t) t
t f (t)
che permetter`
a di determinare x in funzione del parametro t e dunque, tenuto conto
dellequazione differenziale iniziale, si ha la soluzione parametrica

x = x(t)

y=

x(t)f (t) + g(t) .

Equazione differenziale di Manfredi: y 0 (x) = (x, y(x)) dove : R2 R


`e una funzione di due variabili reali, continua e omogenea di grado 0.
Ponendo t = y/x e differenziando rispetto a x si ottiene y 0 = t + xt0 da cui
0
xt = f (t) t che d`
a lequazione differenziale a variabili separabili
f (t(x)) t(x)
x
la cui soluzione t(x) permette di ricavare y(x) =xt(x).

ax + by + c
Equazioni differenziali del tipo y 0 = f
a1 x + b1 y + c1
Caso 1)
"
#
a b
det
6= 0
a1 b1
si prende
(
X = ax + by(x) + c
t0 (x) =

Y =
e si avr`
a

x = AX + BY (X) + C
y=

Allora

a1 x + b1 y(x) + c1

A1 X + B1 Y (X) + C1 .

dx

dX = A + BY (X)

dy

= A1 + B1 Y 0 (X)
dX
per Y 0 (X) = dY /dX. Lequazione differenziale data diventa


A1 + B1 Y 0 (X)
X
=f
A + BY 0 (X)
Y (X)
che generalmente si risolve ponendo T = Y /X.
Caso 2)
"
#
a b
det
=0
a1 b1
Si pone
t(x) = ax + by(x)
ottenendo lequazione differenziale


t0 (x) a
t(x) + c
=f
.
b
t(x) + c1
Esercizio 9.1. Risolvere le equazioni differenziali ordinarie
1) y 0 = 3x2 5x + 10

2) y 0 = tan x + x .

Esercizi sulle equazioni differenziali

83

Esercizio 9.2. Risolvere le equazioni differenziali a variabili separabili

1) y 0 = 4y 2 y + 7
,
2) y 0 = 2 y 2 + 2y + 2 .
Esercizio 9.3. Risolvere le equazioni differenziali a variabili separabili
1) y 0 = (3y 2)x4

2) (x3 + 1)y 0 = (x 1)(y 2 + y + 1) .

Esercizio 9.4. Risolvere le equazioni differenziali a variabili separabili


1) (2x2 x+1)y 0 = (x2 +2x1)(y 3 1)

2) (x2 +2x1)y 0 = (2x2 x+1)(y 3 +1) .

Esercizio 9.5. Risolvere le equazioni differenziali


1
1) y 0 + 2 y = 0
,
2) y 0 = sin x cos y ,
x
log x
3) y 0 =
,
4) y 0 + 2xy = 0
,
5) y 0 = x2 y 3 .
y
Esercizio 9.6. Risovere le seguenti equazioni differenziali lineari affini:
1
1) y 0
yx=0
,
2) y 0 y tan x = sin x cos2 x .
1x
Esercizio 9.7. Risolvere le equazioni differenziali lineari affini:
1) y 0 + 2xy = x3

2) y 0 + (x2 + x)y = (x2 + x)(x3 +

3 2
x + 1) .
2

Esercizio 9.8. Risolvere le seguenti equazioni differenziali


6x
1
1) y 0 + 2
y=
,
2) y 0 y sin x = sin x .
3x 1
1 + 3x2
Esercizio 9.9. Risolvere le seguenti equazioni differenzaili del I ordine:
1) yy 0 + 2x5 = 0

2) y 2 y 0 + x3 = 0 .

Esercizio 9.10. Risolvere le equazioni differenziali del I ordine:


1) xy 0 = y +

x2 ex
4y 3

2) xy 0 = y +

x3 ex
.
4y 2

Esercizio 9.11. Risolvere le equazioni differenziali del I ordine



2
x + y 1
xy+1
0
0
1) y =
,
2) y =
.
x+y1
2x 2y + 1
 Soluzione di 1). Posto
(

X = x + y + 1
Y =x+y1

il determinante del sistema `e



1


1


1
= 2 6= 0
1

da cui si ricava

X 1 1


Y +1 1
x=
2

y=


1


1


X 1

Y +1
2

84

Elisabetta Barletta

ovvero

1
1

x= X+ Y
2
2

1
1

y = X + Y +1
2
2

1
dx

= +Y0

dX
2
dy
1

= +Y0
dX
2

dove Y 0 = dY /dX. Poiche


y0 =

dy
dX
dx
dX

2Y 0 + 1
2Y 0 1

allora lequazione differenziale 1) diventa


2Y 0 + 1
X
=
0
2Y 1
Y

1 X +Y
.
2 X y

Y0 =

Posto T = Y /X si ricava Y 0 = XT 0 + T da cui


1 1+T
1 2T 2 T + 1
T 0 =
2 1T
X
2 2T
che `e unequazione differenziale a variabili separabili. Se B(T ) `e una primitiva di
(2 2T )/(2T 2 T + 1) = (1 T )/(T 2 1/2 T + 1/2) allora
Z X
d
B(T ) B(T0 ) =
X0
ovvero
XT 0 = T +

B(T ) = log |X| + C

(9.1)

dove C = B(T0 ) log |X0 |, X0 = x0 + y(x0 ) + 1, Y (X0 ) = x0 + y(x0 ) 1 e


T0 = Y (X0 )/X0 . Poiche il discriminante del trinomio T 2 1/2 T +1/2 `e = 7/4,
decomponiamo
T2

1T
A1
B1 (2T 1/2)
= 2
+ 2
1/2 T + 1/2
T 1/2 T + 1/2 T 1/2 T + 1/2

che, per il principio di identit`


a dei polinomi, d`a A1 = 3/4 e B1 = 1/2. Allora
r

3
7(4T 1)
1
1
B(T ) =
log T 2 T +
7 arctan
4
7
2
2
Sostituendo B(T ) nella (9.1) e tenuto conto che T = Y /X si ottiene
r

7(4Y X)
Y 2 XY + X 2
3
7 arctan
log
= log |X| + C .
4
7X
2X 2
Siccome
4Y X = 4(x + y 1) (x + y + 1)

4Y X = 5x + 3y 5

Y 2 XY + X 2 = (x + y 1)2 (x + y + 1)(x + y 1) + (x + y + 1)2


2

Y XY + X = (x 1) + 3y
si ottiene la soluzione in forma implicita
s

3
7(5x + 3y 5)
(x 1)2 + 3y 2
7 arctan
log
= log | x + y + 1| + C .
4
7(x + y + 1)
2(x + y + 1)2
Esercizio 9.12. Risolvere le seguenti equazioni differenziali del I ordine:
3x + 2y 1
xy+3
1) y 0 =
,
2) y 0 =
x.
x + 2y 3
2x 2y + 1
Esercizio 9.13. Risolvere le equazioni differenziali
1) x2 y 0 = x3 + y

2) x2 y 0 = x2 xy + y 2 .

Esercizi sulle equazioni differenziali

Esercizio 9.14. Risolvere


1) y 0 + xy = x2 y 3

2) xy 0 = (y x)3 + y .

Esercizio 9.15. Risolvere le seguenti equazioni differenziali


2
x
y
,
2) y 0 +
1) y 0 + 2 = 3
y = x2 1 ,
x
x
x+1
4x
1
3) y 0 + 2
y = 3x2 + x + 1
,
4) y 0
y=x,
x +1
1x
5) y 0 y tan x = sin x cos2 x .

85

86

Elisabetta Barletta

10. Esercizi sulle equazioni differenziali a coefficienti costanti di


ordine n 2
Premettiamo anche qui una breve ricapitolazione per la risoluzione dellequazioni
differenziali del tipo
y (n) + an1 y (n1) + + a1 y 0 + a0 y = b(x)

(10.1)

aj R, 0 j n 1. Sia S lo spazio delle soluzioni dellequazione differenziale (10.1) e y0 (x) una soluzione particolare di (10.1); considerato il polinomio
caratteristico di grado n
p() = n + an1 n1 + + a1 + a0
associato allequazione differenziale lineare omogenea
y (n) + an1 y (n1) + + a1 y 0 + ao y = 0 ,
se
p() ha n radici reali e distinte 1 , n allora
(
)
n
X
n
j x
S = y C (A) : y = y0 +
cj e , cj R, 1 j n .
j=1

p() ha radici reali distinte 1 , , k , k < n, ma una di esse ha molteplicit`


a, ad esempio k ha molteplicit`a mk (2 mk n), allora
(
mX
k
k 1
X
S = y C n (A) : y = y0 +
cj ej x +
ckh xh ek x ,
j=1

h=1

)
cj , ckh R, 1 j k, 1 h mk 1

p() ha una radice complessa semplice, ad esempio n = n + in , allora


(
n1
X
S = y C n (A) : y = y0 +
cj ej x + c1n en x cos n x + c2n en x sin n x,
j=1

)
cj , c1n , c2n R, 1 j n 1

p() ha una radice complessa con molteplicit`a, ad esemio k = k + ik


con molteplicit`
a mk allora,
(
k1
X
S = y C n (A) : y = y0 +
cj ej x +
j=1

mX
k 1


c1kh xh ek cos k x + c2kh xj ek x sin k x ,

h=0

)
cj , c1kh , c2kh R, 1 j k 1, 1 h mk 1

Una soluzione particolare y0 (x) per lequazione differenziale (10.1) si pu`o determinare nei modi seguenti10.
1. Il dato b(x) `e un polinomio di grado r
se a0 6= 0 allora ricerchiamo
y0 (x) = br xr + br1 xr1 + b1 x + b0 ;
10Usando il principio di identit`
a dei polinomi o lindipendenza lineare delle funzioni una volta
sostituito y0 e le sue derivate in (10.1).

Esercizi sulle equazioni differenziali

87

se a0 = a1 = = am1 = 0 e am 6= 0 allora ricerchiamo


y0 (x) = xm (br xr + br1 xr1 + b1 x + b0 ).
2. Il dato b(x) `e multiplo della funzione f (x) = ekx , per k R
k non `e radice del polinomio caratteristico p() allora ricerchiamo
y0 (x) = c ekx ;
k `e radice di p( con molteplicit`a m 1 allora ricerchiamo
y0 (x) = c xm ekx .
3. Il dato b(x) `e il prodotto di un polinomio di grado r e di ekx
k non `e radice del polinomio caratteristico, allora ricerchiamo
y0 (x) = ekx (b0 + b1 x + + br xr ) ;
k `e radice del polinomio caratteristico con molteplicit`a m, allora ricerchiamo
y0 (x) = xm ekx (b0 + b1 x + + br xr ) .
4. Il dato b(x) `e una combinazione lineare delle funzioni f (x) = cos kx e
g(x) = sin kx, per k R
ik non `e radice del polinomio caratteristico allora ricerchiamo
y0 (x) = cos kx + sin kx .
5. Il dato b(x) non rientra nei casi precedenti
si usa il metodo della variazione delle costanti. Si determinano n
soluzioni linearmente indipendenti u1 , , un dellequazione
Pn differenziale omogenea e scritta la sua generica soluzione u(x) = j=1 cj uj (x),
per cj R, ricerchiamo
y0 (x) =

n
X

cj (x)uj (x)

j=1

dove le funzioni incognite cj (x), 1 j n, si determinano risolvendo


il sistema di equazioni differenziali del I ordine
n
X

c0j (x)uj (x) = 0

j=1

..

.
n
X
(n2)

c0j (x)uj
(x) = 0

j=1

(n1)

c0j (x)uj
(x) = b(x) .

j=1

Esercizio 10.1. Risolvere le seguenti equazioni differenziali omogeneee del secondo


ordine a coefficienti costanti
1) y 00 + y = 0

2) y 00 2y 0 3y = 0 .

Esercizio 10.2. Risolvere le seguenti equazioni differenziali omogenee del III ordine
a coefficienti costanti
1) y 000 + 2y 0 + 3y = 0

2) y 000 2y 00 y 0 + 2y = 0 .

Esercizio 10.3. Risolvere le seguenti equazioni differenziali omogenee del V ordine


a coefficienti costanti
1) y (5) 5y (4) 9y 0 + 45y = 0

2) y (5) 5y (4) + 7y 000 3y 00 = 0 .

88

Elisabetta Barletta

 Soluzione di 1). Il polinomio caratteristico `e p() = 5 54 9 + 45


che
4
si decompone
in
p()
=
(

5)(

9).
Le
sue
radici
sono

=
5,

=
3,
1
2

3 = 3, 4 = 3 i, 5 = 3 i = 4 , tutte semplici. Pertanto le soluzioni


dellequazione differenziale omogenea proposta sono

y(x) = c1 e5x + c2 e 3 x + c3 e 3 x + c4 cos 3x + c5 sin 3x , ci R, 1 i 5 .


Esercizio 10.4. Risolvere le seguenti equazioni differenziali omogenee di ordine
superiore al primo
1) y (6) + 3y (4) + 3y 00 + y = 0

2) y 000 8y 00 + 25y 0 26y = 0 .

Esercizio 10.5. Risolvere le seguenti equazioni differenziali omogenee:


1) y (4) 4y 000 2y 00 + 12y 0 + 9y = 0

2) y (4) 4y 000 + 8y 00 8y 0 + 4y = 0 .

Soluzione di 2). Il polinomio caratteristico `e p() = 4 43 + 82 8 + 4.


Si osservi che
4  
X
4 k
4
( 1) =
(1)4k = 1 4 + 62 43 + 4
k
k=0

e quindi
p() = (1)4 +22 4+3 = (1)4 +2(2 2+1)+1 = (1)4 +2(1)2 +1 =

2
= ( 1)2 + 1 .
Le radici di p() sono le soluzioni (ciascuna con molteplicit`a 2) di ( 1)2 + 1 = 0
ovvero 1 = i che d`
a 1 = 1 + i, 2 = 1 i = 1 . Pertanto le soluzioni
dellequazione differenziale proposta sono
y(x) = c1 ex cos x + c2 ex sin x + c3 xex cos x + c4 xex sin x

ci R, 1 i 4 .


Esercizio 10.6. Risolvere le seguenti equazioni differenziali a coefficienti costanti


1) y (3) 3y 0 2y = ex cos x

2) y (4) 2y (2) + y = 5ex sin x + x2 + 1 .

Esercizio 10.7. Risolvere le seguenti equazioni differenziali


1) y (5) 2y (4) + 2y 000 4y 00 + y 0 2y = ex cos(x + 2)

2) 2y 00 + y 0 y = 2ex .

Esercizio 10.8. Risolvere le equazioni differenziali


1) 2y 00 + y 0 y = 2ex cos x

2) y 00 + 3y 0 + 2y = xex .

Esercizio 10.9. Risolvere le equazioni differenziali


1) y 00 + y 0 = sin x cos x

2) y 00 y = sin x ex .

Esercizio 10.10. Risolvere le equazioni differenziali


1) y 00 y = ex + sin x

2) y (2) 3y 0 + 2y = (2x 1)ex .

 Soluzione di 1). Il polinomio caratteristico `e p() = 2 1 le cui radici (semplici)


sono 1 = 1, 2 = 1. Quindi le soluzioni dellequazione differenziale omogenea
associata sono
u(x) = c1 ex + c2 ex , c1 , c2 R .
Cerchiamo una soluzione particolare del tipo
y0 (x) = a1 xex + a2 sin x + a3 cos x

Esercizi sulle equazioni differenziali

89

somma delle soluzioni particolari dellequazioni differenziali


y 00 y = ex

y 00 y = sin x .

Derivando si ottiene:
y00 = a1 ex + a1 xex + a2 cos x a3 sin x
y000 = 2a1 ex + a1 xex a2 sin x a3 cos x
che sostituite nellequazione differenziale y 00 y = ex +sin x danno il sistema lineare

2a1 = 1

2a2 = 1

2a3 = 0
la cui soluzione `e a1 = 1/2, a2 = 1/2, a3 = 0. Pertanto una soluzione particolare
`e y0 (x) = 1/2 xex 1/2 sin x e le soluzioni dellequazione differenziale data sono
1
1
y(x) = xex sin x + c1 ex + c2 ex , c1 , c2 R .
2
2
Esercizio 10.11. Risolvere le equazioni differenziali
1) y 00 2y 0 + y = ex x + sin x

2) y 000 + y 00 y 0 y = (x + 1)ex .

 Soluzione di 1). Il polinimio caratteristico `e p() = 2 2 + 1 = ( 1)2 che


ha = 1 come radice doppia. Le soluzioni dellequazione differenziale omogenea
associata sono
u(x) = c1 ex + c2 xex , c1 , c2 R .
Ricerchiamo una soluzione particolare del tipo
y0 (x) = a0 + a1 x + a2 x2 ex + a3 sin x + a4 cos x
somma delle soluzioni particolari delle equazioni differenziali
y 00 2y 0 + y = x
Si ha

y 00 2y 0 + y = ex

y 00 2y 0 + y = sin x .

y00 = a1 + a2 xex (2 + x) + a3 cos x a4 sin x ,

y000 = a2 ex (2 + 4x + x2 ) a3 sin x a4 cos x .


Sostituendo nellequazione differenziale si ottiene il sistema lineare

a0 2a1 = 0

a1 = 1

2a2 = 2

2a3 + a4 = 0

a3 + 2a4 = 1
che ha la soluzione a0 = 2, a1 = 1, a2 = 1/2, a3 = 1/5, a4 = 2/5. Pertanto una
soluzione particolare `e
1
1
2
y0 = 1 2x + x2 ex + cos x + sin x
2
5
5
e le soluzioni dellequazione differenziale data sono
1
1
2
y(x) = 1 2x + x2 ex + cos x + sin x + c1 ex + c2 xex , c1 , c2 R .
2
5
5
Soluzione di 2). Il polinomio caratteristico `e p() = 3 + 2 1 che si
decompone in p() = ( + 1)2 ( 1): ha quindi la radice semplice 1 = 1 e
la radice doppia 2 = 1. Le soluzioni dellequazione omogenea associata sono
dunque
u(x) = c1 ex + c2 ex + c3 xex .

90

Elisabetta Barletta

Siccome il dato `e b(x) = (x + 1)ex (cio`e prodotto di un polinomio per unesponenziale ekx con k = 1 che `e radice doppia del polinomio caretteristico) cerchiamo
una soluzione particolare del tipo
y0 (x) = x2 (a0 + a1 x)ex .
Derivando successivamente si ha

y00 = a1 x3 + (3a1 a0 )x2 + 2a0 x ex ,

y000 = a1 x3 (6a1 a0 )x2 + 2(3a1 2a0 )x + 2a0 ex ,

y0000 = a1 x3 + (9a1 a0 )x2 2(9a1 3a0 )x + 6a1 6a0 ex .
Sostituite nellequazione differenziale y 000 + y 00 y 0 y = (x + 1)ex danno il sistema
lineare
(
12a1 = 1
6a1 4a0 = 1
la cui soluzione `e a0 = 3/8, a1 = 1/12 ovvero y0 (x) = x2 (1/12 x + 3/8)ex .
Le soluzioni dellequazione differenziale proposta sono pertanto


3 x
1
x+
e + c1 ex + c2 ex + c3 xex , c1 , c2 , c3 R .
y(x) = x2
12
8

Esercizio 10.12. Trovare le soluzioni delle seguenti equazioni differenziali di ordine superiore al primo a coefficienti costanti:
1) y (3) + y (2) = x2 + 2x + ex

2) y 00 2y 0 + y = cos x ,

3) y 00 + y = sin x .
 Soluzione di 1). Lequazione differenziale omogenea associata `e y (3) + y (2) = 0 il
cui polinomio caratteristico `e p() = 3 + 2 = 2 ( + 1). Le sue radici sono 1 = 0
(doppia) e 2 = 1 (semplice). Le soluzioni dellequazione omogenea associata
allequazione differenziale data sono
u(x) = c1 + c2 x + c3 ex .
Poiche il dato b(x) = x2 + 2x + ex `e somma di un polinomio di II grado e di
unesponenziale e la prima derivata non nulla nellequazione differenziale `e la seconda, cerchiamo una soluzione particolare del tipo
y0 (x) = x2 (a2 x2 + a1 x + a0 ) + a3 ex
che `e la somma delle due soluzioni particolari dellequazioni differenziali
y (3) + y (2) = x2 + 2x

y (3) + y (2) = ex .

Derivando successivamente si ha
y00 = 4a2 x3 + 3a1 x2 + 2a0 x + a3 ex ,
y000 = 12a2 x2 + 6a1 x + 2a0 + a3 ex ,
y0000 = 24a2 x + 6a1 + a3 ex .
Quindi sostituendo nellequazione differenziale si ottiene il sistema lineare

12a2 = 1

12a2 + 3a1 = 1

3a1 + a0 = 0
2a3 = 1

Esercizi sulle equazioni differenziali

91

che ha le soluzioni a0 = a1 = 0, a2 = 1/12, a3 = 1/2. La soluzione particolare `e


1 4 1 x
y0 (x) =
x + e
12
2
e quindi le soluzioni dellequazione differenziale data sono
1 4 1 x
y(x) = c1 + c2 x +
x + e + c3 ex , c1 , c2 , c3 R .
12
2
Soluzione di 2). Il polinomio caratteristico `e p() = 2 2 + 1 = ( 1)2 che
ha = 1 come radice doppia. Le soluzioni dellequazione differenziale omogenea
associata sono allora
u(x) = c1 ex + c2 xex

c1 , c2 R .

Cerchiamo una soluzione particolare del tipo


y0 (x) = a1 cos x + a2 sin x
Derivando si ha

a1 , a2 R .

y00 = a1 sin x + a2 cos x

y000 = a1 cos x a2 sin x


che sostituite nellequazione differenziale y 00 2y 0 + y = cos x d`a
2a1 sin x 2a2 cos x = cos x
per cui `e a1 = 0, a2 = 1/2 e la soluzione particolare cercata risulta essere y0 (x) =
1/2 sin x. Ne segue che le soluzioni dellequazione differenziale data sono
1
y(x) = sin x + c1 ex + c2 xex , c1 , c2 R .
2
Soluzione di 3). Il polinomio caratteristico `e p() = 2 + 1 che ha le radici
(semplici) complesse e coniugate 1 = i, 2 = i. Le soluzioni dellequazione
differenziale omogenea associata sono
u(x) = c1 cos x + c2 sin x

c1 , c2 R .

In questo caso per determinare una soluzione particolare useremo il metodo della
variazione delle costanti. Sia dunque
y0 (x) = c1 (x) cos x + c2 (x) sin x .
Derivando
y00 = c01 cos x + c02 sin x c1 sin x + c2 cos x

con c01 cos x + c02 sin x = 0

y000 = c01 sin x + c02 cos x c1 cos x c2 sin x


da cui, sostituendo nellequazione differenziale y 00 + y = sin x e tenendo conto della
condizione imposta a c01 cos x + c02 sin x si ottiene il sistema di equazioni differenziali
del I ordine
( 0
c1 cos x + c02 sin x = 0
c01 sin x + c02 cos x = sin x .
Risolvendo si ha

c01 = sin2 x
c02 = sin x cos x

che integrate danno c1 (x) = 1/2 x + 1/2 sin x cos x, c2 = 1/2 sin2 x. La soluzione
particolare risulta allora essere y0 (x) = 1/2 x cos x + 1/2 sin x e di conseguenza
le soluzioni dellequazione differenziale data sono
1
y(x) = x cos x + c1 cos x + c2 sin x , c1 , c2 R
2
(essendo 1/2 sin x gi`
a compresa in c2 sin x).


92

Elisabetta Barletta

Esercizio 10.13. Usando il metodo della variazione delle costanti, determinare le


soluzioni delle equazioni differenziali
1) y 00 + 2y 0 + 5y = 2xex cos 2x

2) y 00 y = ex sin x ,

3) y 00 2y 0 + y = (x 1)4 cos x
 Soluzione di 1). Il polinomio caratteristico `e p() = 2 + 2 + 5 le cui radici
(complesse e semplici) sono 1 = 1 + 2i, 2 = 1 = 1 2i. Allora le soluzione
dellequazione differenziale omogenea associata sono
u(x) = c1 ex cos 2x + c2 ex sin 2x

c1 , c2 R .

Cerchiamo dunque una soluzione particolare del tipo


y0 (x) = ex (c1 (x) cos 2x + c2 (x) sin 2x) .
Usando il metodo della variazione delle costanti si ha
y00 (x) = ex [sin 2x(2c1 (x) c2 (x)) + cos 2x(c1 (x) + 2c2 (x))]
con
ex (c01 (x) cos 2x + c02 (x) sin 2x) = 0 ,
y000 (x) = ex [sin 2x (2c01 (x) c02 (x) + 4c1 (x) 3c2 (x)) +
+ cos 2x (2c02 (x) c01 (x) 3c1 (x) 4c2 (x))] ;
sostituendo nellequazione differenziale si ottiene
ex [c01 (x)(2 sin 2x cos 2x) + c02 (x)(2 cos 2x sin 2x)] = 2xex cos 2x .
Dobbiamo dunque risolvere il sistema
( 0
c1 (x) cos 2x + c02 (x) sin 2x = 0
c01 (x)(2 sin 2x + cos 2x) + c02 (x)(2 cos 2x sin 2x) = 2x cos 2x
ovvero
(

c01 (x) = (tan 2x)c02 (x)


c02 (x)[(2 sin 2x + cos 2x) tan 2x + (2 cos 2x sin 2x)] = 2x cos 2x .

Se cos 2x 6= 0 la seconda equazione differenziale del sistema si riscrive


c02 (x)(2 sin2 2x + sin 2x cos 2x + 2 cos2 2x sin 2x cos 2x) = 2x cos2 2x
che d`
a
c02 (x) = x cos2 2x .
Poiche
Z
cos2 2x dx =

1
1
(t + sin t cos t) + c = (2x + sin 2x cos 2x) + c =
4
4
1
= (4x + sin 4x) + c
8
allora


Z
Z
1
x cos2 2x dx =
x(4x + sin 4x) (4x + sin 4x) dx =
8


1
1
1
=
4x2 + x sin 4x 2x2 + cos 4x + c =
(8x2 + 4x sin 4x + cos 4x) + c
8
4
32
per cui
1
c2 (x) =
(8x2 + 4x sin 4x + cos 4x) .
32
Poiche c01 (x) = x cos2 2x tan 2x = x sin 2x cos 2x = 1/2 x sin 4x e


Z
Z
1
1 1
1

x sin 4x dx =
x cos 4x
cos 4x dx =
2
2 4
4
t=2x

1
2

cos2 t dt =

Esercizi sulle equazioni differenziali

1
8

Z
x cos 4x

93




1
1
cos 4x dx =
x cos 4x sin 4x + c
8
4

allora
c1 (x) =

1
(4x cos 4x sin 4x) .
32

Pertanto
1 x
e [(4x cos 4x sin 4x) cos 2x + (8x2 + 4x sin 4x + cos 4x) sin 2x] .
32
Le soluzioni dellequazione differenziale data sono
1 x
y(x) =
e [(4x cos 4xsin 4x+c1 ) cos 2x+(8x2 +4x sin 4x+cos 4x+c2 ) sin 2x] ,
32
per c1 , c2 R.
y0 (x) =

Soluzione di 3). Il polinomio caratteristico `e p() = 2 2 + 1 = ( 1)2 che


ha = 1 come radice doppia. Le soluzioni dellequazione differenziale omogenea
sono
u(x) = c1 ex + c2 xex , c1 , c2 R .
Sia
y0 (x) = c1 (x)ex + c2 (x)xex
abbiamo allora
y00 = c01 ex + c02 xex + c1 ex + c2 (ex + xex ) con c01 ex + c02 xex = 0
y000 = c01 ex + c02 (ex + xex ) + c1 ex + c2 (2ex + xex )
che sostituite nellequazione differenziale assieme alla condizione imposta a c01 ex +
c02 xex d`
a il sistema di equazioni differenziali del I ordine
(
( 0
c01 ex + c02 xex = 0
c1 = x(x 1)4 ex cos x

c01 ex + c02 (ex + xex ) = (x 1)4 cos x


c02 = (x 1)4 ex cos x .
Per n N siano
Z

(x 1)n ex cos x dx = Fn (x) + C ,

(x 1)n ex sin x dx = Gn (x) + C ;

In =
Jn =

`e facile verificare che


n
n
1
In = (x 1)n ex (sin x cos x) + In1 Jn1 ,
2
2
2
n
n
1
Jn = (x 1)n ex (sin x + cos x) + In1 + Jn1 ,
2
2
2
da cui si ricavano
In + Jn = (x 1)n ex cos x + nIn1
inoltre

In Jn = (x 1)n ex sin x nJn1 ,

1 x
e (sin x cos x) + C ,
2
Z
1
J0 = ex sin x dx = ex (sin x + cos x) + C .
2
Z
c2 (x) = I4 = F4 (x) + C , c1 (x) = xF4 (x) + F4 (x) dx
I0 =

Poiche

ex cos x dx =

le relazioni sopra scritte permettono di calcolare




1
4
3
2
x
F4 (x) = e sin x (x 1) + 2(x 1) + 3(x 1) 3 +
2


1
+ex cos x (x 1)4 + 3(x 1)2 + 6(x 1) + 3
2

94

Elisabetta Barletta



1
4
3
F4 (x) dx = e sin x (x 1) 2(x 1) + 12(x 1) + 15 +
2


(x 1)ex cos x 2(x 1)2 + 9(x 1) + 12 + C .
x


Esercizio 10.14. Risolvere le seguenti equazioni differenziali
2

1*) 2yy 00 + 4xy 0 y 0 2 = 0

,
2

3*) 27y 0 y 00 (1 + 9y 0 )

2) y 00 sin y 00 = 0 ,
y 000
=0.
y 00

 Soluzione di 2). Derivando si ottiene


y 000 y 000 cos y 00 = 0

y 000 (1 cos y 00 ) = 0 .

Se y 000 = 0 allora y = ax2 +bx+c con a, b, c R; se cos y 00 = 1 allora y = ax2 +bx+c


con a, b, c R.


Appendice

95

11. Appendice
Esercizio 11.1. Il limite
lim cos n

non esiste.
 Soluzione. Se fosse limn cos n = + allora per ogni K 2 dovrebbe
esistere nK N tale che per ogni n > nK sia cos n > K 2 e questo `e assurdo. In modo analogo non pu`o essere limn cos n = . Supponiamo allora che sia limn cos n = `. In particolare sarebbe limn cos 2n = ` ovvero
limn (2 cos2 n 1) = ` e questo equivarrebbe a 2 limn cos2 n = ` + 1. Per
lunicit`
a del limite necessariamente dovrebbe dunque essere 2`2 = ` + 1. Pertanto
1
(11.1)
`=1
o
`= .
2
Daltra parte sarebbe anche limn cos 3n = ` ovvero, poiche cos 3n = 4 cos3 n
3 cos n, dovrebbe essere (sempre per lunicit`a del limite) 4`3 3` = `. Questo,
tenuto conto della (11.1), darebbe lunica soluzione
(11.2)

`=1.

Ora sarebbe
lim sin2 n = lim (1 cos2 n) = 0

e quindi per ogni > 0 esisterebbe n N, tale che per n > n si avrebbe sin2 n < 2
ovvero | sin n| < . Dunque sarebbe limn sin n = 0. Siccome per la (11.2)
sarebbe anche limn cos(n + 1) = 1, si avrebbe lassurdo
1 = lim (cos 1 cos n sin 1 sin n) = cos 1 .
n

Ne segue allora che il limite limn cos n non esiste.



Lesercizio sopra implica che anche il limite
lim sin n

non esiste.
Esercizio 11.2. Calcolare
lim

log n!
.
n log n

 Soluzione. Poiche per n 2



n
n!
1
log n!
log
= log n! log n = log n
1
n
n
n log n
e

n!
1
= log = 1
n
e
allora per ogni > 0 esiste n N, n 2, tale che per ogni n N, n > n si abbia






log n log n! 1 + 1 <


n log n
lim log

cio`e


1 < log n

da cui


log n!
1 <1
n log n

+1
log n!
1
<
1<
.
log n
n log n
log n

96

Elisabetta Barletta

In particolare per = 2 esiste n2 N tale che per n > n2 sia


3
log n!
1

<
1<
.
log n
n log n
log n
Applicando il teorema dei due carabinieri si ottiene
log n!
=1.
lim
n n log n

Esercizio 11.3. Dimostrare la seguente generalizzazione del Teorema di Rolle:
Teorema 11.1. Sia f : (, a] R una funzione continua, derivabile in (, a)
e tale che limx f (x) = f (a). Allora esiste x0 (, a) tale che f 0 (x0 ) = 0.
In modo analogo, se f : [a, +) R `e una funzione continua, derivabile in
[a, +) e tale che limx+ f (x) = f (a), allora esiste x0 [a, +) tale che
f 0 (x0 ) = 0.
 Soluzione. 1) Supponiamo che esista x1 < a per cui f (x1 ) = f (a): dal teorema
di Rolle esisterebbe x0 (x1 , a) per cuif 0 (x0 ) = 0 e questo concluderebbe la dimostrazione. 2) Se invece f (x1 ) 6= f (a) per ogni x1 < a, poiche la funzione f ha
minimo e massimo sul compatto [x1 , a], si pu`o supporre che essi cadano in x1 e a,
per ogni x1 < a. Se ad esempio a `e il punto di minimo e x1 `e il punto di massimo
allora f (a) < f (x1 ). Daltra parte per ogni x2 < x1 i punti di estremo di f su
[x2 , a] sono x2 e a. Se a fosse il punto di massimo allora per ogni x [x2 , a] sarebbe
f (x) f (a): in particolare sarebbe f (x1 ) f (a) (perche x1 [x2 , a]) che sarebbe
dunque un assurdo. Pertanto per ogni x2 < x1 , a `e il punto di minimo e x2 `e il
punto di massimo di f su [x2 , a]. Allora, poiche f (x2 ) 6= f (a), `e f (x2 ) > f (a) e per
ogni x2 < x1 , f (x1 ) f (x2 ), cio`e f `e decrescente su (, x1 ] e di conseguenza
f (a) = lim f (x) =
x

sup

f (x)

x(,x1 ]

da cui lassurdo f (x2 ) f (a). In modo analogo si procede se a `e il punto di


massimo. In ogni caso dunque se per ogni x1 < a `e f (x1 ) 6= f (a) allora esiste
x01 < a per cui almeno uno dei punti di estremo di f su [x01 , a] sia in (x01 , a): se x0
`e tale punto, si ha f 0 (x0 ) = 0.
In modo analogo si procede se limx+ f (x) = f (a).