You are on page 1of 2

Gli stanziamenti Germanici

Tra il 400 fino al 900 e 1000 in Europa ci furono molte invasioni e migrazioni. I nuovi popoli
influenzarono fortemente le etnie, la lingua e i caratteri culturali degli abitanti precedenti.
Al nord Europa, la presenza di trib germaniche fu cos intensa da far sparire
completamente la lingua latina (sostituita dai nuovi dialetti).
Anche gli Angli e i Sassoni in Britannia cancellarono le tracce dellimpero.
I Visigoti in Spagna e gli Ostrogoti e i Longobardi in Italia si fusero con le popolazioni gi
esistenti integrando lingua, vestiti e costumi ed etnie in generale.
La popolazione nativa della Gallia del Nord-Orientale fini per assimilare quasi
completamente la lingua dei Franchi.
La cristianizzazione dei Franchi e degli Anglosassoni
La conversione di alcuni capi dei Franchi nel sesto secolo era una delle ragioni per le
assimilazioni precedenti; i vescovi cristiani ottennero degli onori riservati in cambio di una
consacrazione religiosa al potere politico.
Nel settimo secolo anche in Britannia, gli Anglosassoni lasciarono le proprie tradizioni e si
convertirono al cristianesimo. In Inghilterra si form un colto ceto di monaci e ecclesiastici che
utilizzava il latino come lingua scritta.
Lespansione degli slavi e dei bulgari
LImpero Bizantino nel quinto secolo era riuscito a respingere le invasioni da parte delle
popolazioni germaniche ma verso la fine del settimo secolo trov qualche difficolt a
fronteggiare le migrazioni delle trib slave (provenienti dallattuale Ucraina). Questi popoli si
dirigevano nella penisola balcanica: lImpero, nellottavo secolo si organizz per espellere o
obbligare ad assimilarsi nella Grecia quindi non ci furono influenze etniche e linguistiche in
questa area ma nel resto dellaria balcanica la popolazione slava (serbi, croati, sloveni) cancell
ogni traccia dellImpero Bizantino. Le migrazioni slave si spinsero anche verso i principati russi
e le coste del mar Baltico fino a entrare in contatto con le popolazioni germaniche.
Le terre dellUcraina meridionale erano abitate da popoli nomadi di allevatori di cavalli e di
montoni. I primi cavalieri armati di arco che volevano conquistare quelle terre furono gli unni
ma successivamente i bulgari riuscirono nellimpresa.
A differenza dei nomadi rimasti in Ucraina, i Bulgari compirono un rapido processo di
sedentarizzazione fecero anche assimilare a diverse popolazioni slave, da cui erano circondati,
lingua e costumi.
La Spagna araba
LImpero Bizantino, oltre alle perdite dei territori Balcani, sub la travolgente avanzata
dellImpero musulmano. Alla fine del settimo secolo gli arabi iniziarono dalla conquista
dellAfrica per poi spingersi in Spagna dove trovarono una lieve resistenza e avanzarono alla
conquista delle terre.
Nel 756 la Spagna si rese indipendente dai califfi di Baghdad formando cos una civilt arabospagnola.
LEuropa e lImpero di Carlo Magno
Con i Carolingi il potere dei franchi si riafferm su tutta la Gallia e dal 768, quando Carlo Magno
divenne Re, si espansero i confini e i domini. Da ricordare la notte di Natale dell800 dove Carlo
Magno si fece incoronare Imperatore del Sacro Romano Impero da Papa Leone III (per rinforzare
anche i rapporti con la chiesa). Dopo la sua morte, limpero passo a suo figlio Ludovico il Pio. I
tre figli di Ludovico si contesero col le armi leredit. Dopo di loro la dinastia cont ancora
quattro imperatori fino all887.
Le incursioni normanne
La distrutta dellImero carolingio era accaduto anche a causa delle nuove invasione.
Aumentano gli attacchi dei pirati che le fonti dellepoca chiamano Normanni (uomini del Nord)
o Vichinghi.
I danesi risalivano i fiumi Europei e saccheggiavano le citt che trovavano davanti, alcuni di
loro si stabilirono in Inghilterra. Gli svedesi verso oriente e si stazionarono nei pressi della
Russia. I norvegesi in un primo momento si unirono ai danesi in Inghilterra e Irlanda, poi

affrontarono unimpresa molto pi grande, solcando i mari e nel 985 scoprirono una nuova
terra che chiamarono Groenlandia (Terra Verde).

La pirateria dei saraceni