You are on page 1of 384

Dispense di Analisi II

Pietro Zecca
16 gennaio 2003

ii

Indice
1 Integrali Impropri
1.1 Idee Base ed Esempi . . . . . . . . . .
1.1.1 Unaltra Impropriet . . . . . .
1.1.2 La Definizione Formale . . . . .
1.1.3 Esercizi . . . . . . . . . . . . .
1.2 Convergenza . . . . . . . . . . . . . . .
1.2.1 Esempi Importanti . . . . . . .
1.2.2 Confronto di Integrali Impropri:
1.2.3 Convergenza Assoluta . . . . .
1.2.4 Esercizi . . . . . . . . . . . . .

. . . . . . . .
. . . . . . . .
. . . . . . . .
. . . . . . . .
. . . . . . . .
. . . . . . . .
Due Teoremi
. . . . . . . .
. . . . . . . .

2 Serie Numeriche
2.1 Limiti di Successioni . . . . . . . . . . . . . . . . .
2.1.1 Esercizi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
2.2 Serie: Convergenza e Divergenza. . . . . . . . . . .
2.2.1 Convergenza: Definizioni e Terminologia . .
2.2.2 Serie Geometriche e Serie Telescopiche . . .
2.2.3 Propriet Algebriche delle Serie Convergenti
2.2.4 Convergenza o Meno delle Serie . . . . . . .
2.2.5 Esercizi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
2.3 Criteri di Convergenza e Stima . . . . . . . . . . .
2.3.1 Esercizi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
2.4 Serie a Segni Alterni . . . . . . . . . . . . . . . . .
2.4.1 Convergenza e Convergenza Assoluta . . . .
2.4.2 Convergenza e Stima dellErrore . . . . . . .
2.4.3 Esercizi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.
.
.

1
2
4
5
8
11
11
13
16
19

.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.

25
30
35
37
37
40
43
44
46
49
57
60
61
64
67

3 Serie di Potenze
69
3.1 Serie di Potenze come Funzioni . . . . . . . . . . . . . . . . . 71
3.1.1 Cosa Dicono gli Esempi . . . . . . . . . . . . . . . . . 75
3.1.2 Convergenza delle Serie di Potenze . . . . . . . . . . . 76
iii

INDICE

iv
3.1.3 Esercizi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
3.1.4 Serie di Potenze: Integrazione e Derivazione
3.1.5 Algebra e Calcolo delle Serie . . . . . . . . .
3.1.6 Un Atlante Sintetico . . . . . . . . . . . . .
3.1.7 Esercizi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
3.2 Serie di Taylor e Mac Laurin . . . . . . . . . . . . .
3.2.1 Esercizi. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.

79
83
86
90
92
95
101

4 Funzioni di Pi Variabili
4.1 Coordinate Cartesiane in Tre Dimensioni. . . . . . . .
4.2 Equazioni e Loro Grafici . . . . . . . . . . . . . . . .
4.2.1 Equazioni Lineari. . . . . . . . . . . . . . . .
4.2.2 Sfera . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
4.2.3 Cilindro . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
4.2.4 Orientazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
4.2.5 Esercizi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
4.3 Funzioni di Pi Variabili . . . . . . . . . . . . . . . .
4.3.1 Perch Studiare Funzioni di Pi Variabili. . .
4.3.2 Grafici . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
4.3.3 Attenzione ai Grafici ... . . . . . . . . . . . . .
4.3.4 Esercizi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
4.4 Derivate Parziali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
4.4.1 Derivate in Pi Variabili. . . . . . . . . . . . .
4.4.2 Derivate Parziali e Mappe di Contorno. . . . .
4.4.3 Derivate Parziali ed Approssimazioni Lineari.
4.4.4 Esercizi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
4.5 Ottimizzazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
4.5.1 Esercizi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.

105
105
106
107
108
109
111
113
115
115
116
117
119
121
121
124
125
129
131
136

5 Integrali Multipli
5.1 Integrali Doppi. . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
5.1.1 Lintegrale come Limite . . . . . . . . . .
5.1.2 Esercizi. . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
5.1.3 Calcolo degli Integrali per Iterazione. . . .
5.1.4 Integrali su Regioni Non-Rettangolari . . .
5.1.5 Esercizi . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
5.1.6 Integrali Doppi in Coordinate Polari . . .
5.1.7 Rettangoli Polari. . . . . . . . . . . . .
5.1.8 Esercizi. . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
5.2 Integrali Tripli. Coordinate Cilindriche e Sferiche.
5.2.1 Coordinate Cilindriche. . . . . . . . . . . .

.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.

139
141
143
147
148
152
155
157
158
164
165
168

.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.

INDICE

v
5.2.2
5.2.3

Coordinate Sferiche . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 169


Esercizi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 171

6 Curve nel piano


6.1 Curve Piane ed Equazioni Parametriche. . . . . . . . . . . .
6.1.1 Equazioni Parametriche. . . . . . . . . . . . . . . . .
6.2 Esercizi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
6.3 Funzioni a Valori Vettoriali . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
6.3.1 Derivate delle Funzioni a Valori Vettoriali, Vettori Tangenti. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
6.3.2 Rotazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
6.3.3 Il Vettore Velocit e la Lunghezza di una Curva. . . .
6.4 Esercizi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
6.5 Moti Bidimensionali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
6.5.1 Integrali di una Funzione a Valori Vettoriali . . . . .
6.5.2 Esercizi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
6.5.3 Moti Lineari, Circolari e Combinati. . . . . . . . . . .
6.5.4 Principio di Sovrapposizione degli Eetti . . . . . . .
6.6 Esercizi. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
6.6.1 Curvatura . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
6.7 Esercizi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.

7 Derivate
7.0.1 Punti Stazionari, Massimi e Minimi . . . . . . . . .
7.0.2 Esercizi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
7.1 Il Gradiente . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
7.1.1 Gradiente ed Approssimazione Lineare . . . . . . .
7.1.2 Esercizi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
7.2 Linearit Locale: Teoria della Derivazione . . . . . . . . .
7.2.1 Approssimazione Lineare e Funzioni Dierenziabili
7.2.2 Esercizi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
7.2.3 Derivazione di Funzioni Composte . . . . . . . . . .
7.2.4 Esercizi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
7.3 Derivate di Ordine Superiore . . . . . . . . . . . . . . . . .
7.3.1 Derivate Seconde e Superiori . . . . . . . . . . . . .
7.3.2 Esercizi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
7.4 Massimi e Minimi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
7.4.1 Esercizi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
7.5 Moltiplicatori di Lagrange . . . . . . . . . . . . . . . . . .
7.5.1 Gradienti e Condizioni di Lagrange . . . . . . . . .
7.5.2 Moltiplicatori di Lagrange . . . . . . . . . . . . . .

221
. 223
. 227
. 228
. 231
. 235
. 237
. 237
. 240
. 242
. 251
. 253
. 253
. 259
. 261
. 268
. 270
. 272
. 274

.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.

173
. 173
. 174
. 182
. 185
186
187
189
193
195
196
203
205
210
213
215
219

INDICE

vi
7.5.3

Esercizi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 277

8 Integrazione
8.1 Cambio di Variabili negli Integrali Multipli . . . . . . . .
8.1.1 Coordinate Sferiche e Cilindriche . . . . . . . . .
8.1.2 Cambiamento di Variabile negli Integrali Multipli
8.2 Esercizi. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
8.3 Integrali Curvilinei . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
8.3.1 Campi Vettoriali . . . . . . . . . . . . . . . . . .
8.3.2 Curve Orientate . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
8.3.3 Calcolo degli Integrali Curvilinei . . . . . . . . . .
8.3.4 Esercizi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
8.4 Un Teorema Fondamentale . . . . . . . . . . . . . . . . .
8.4.1 Esercizi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
8.5 Il Teorema di Green . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
8.5.1 Un Risultato Analogo al Teorema Fondamentale .
8.5.2 Il Teorema di Green in Regioni con i Buchi . . . .
8.5.3 Esercizi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.

279
. 281
. 282
. 282
. 287
. 289
. 289
. 292
. 293
. 296
. 298
. 307
. 309
. 310
. 316
. 319

9 Superfici ed Integrazione
321
9.1 Curve, Superfici e Dimensioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . 321
9.1.1 Parametrizzazione di una Superficie. Esempi. . . . . . 323
9.1.2 Esercizi. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 326
9.2 Integrali di Superficie . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 327
9.2.1 Definizione di Integrale Superficiale . . . . . . . . . . . 327
9.2.2 Esercizi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 335
9.3 Derivate ed Integrali di Campi Vettoriali . . . . . . . . . . . . 337
9.3.1 Integrali di Flusso . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 337
9.3.2 Divergenza e Rotore: Derivate di un Campo Vettoriale 339
9.3.3 Esercizi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 344
9.4 Teoremi di Stokes e della Divergenza. . . . . . . . . . . . . . . 347
9.4.1 Cinque Teoremi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 348
9.4.2 Teorema di Stokes . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 349
9.4.3 Da Stokes a Green . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 350
9.4.4 Il Teorema della Divergenza . . . . . . . . . . . . . . . 351
9.4.5 Esercizi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 356
10 Appendice 1
10.1 Gli operatori GRAD, DIV, ROT . . . . . . . . . . . . . . . .
10.1.1 Significato del Gradiente . . . . . . . . . . . . . . . .
10.1.2 Loperatore . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

359
. 359
. 359
. 362

INDICE

vii
10.1.3 Divergenza di un campo vettoriale. . . . . . . . . . . . 368
10.1.4 Rotore di un Campo Vettoriale . . . . . . . . . . . . . 372

INDICE

viii

La matematica il linguaggio
dellintero Cosmo.
Chi non lo conosce non pu leggere
il grandissimo libro dellUniverso
Galileo Galilei, Il Saggiatore

Apprendere senza pensare


tempo perso.
Pensare senza apprendere
cosa vana
Confucio

INDICE

ix

Prefazione
In queste note si intende presentare lanalisi delle propriet delle funzioni
di pi variabili sotto gli aspetti simbolici, numerici ed anche, quando possibile, grafici. Si assume che gli studenti abbiano seguito con profitto il corso di
Analisi I, ma non si intende comunque dare una presentazione rigorosa come
nei testi classici di Analisi Matematica. Lidea che muove la scrittura di
queste dispense quella di fornire agli studenti uno strumento che permetta
loro di avvicinarsi ai concetti principali e ai metodi dellanalisi di funzioni di
pi variabili e capire come questi estendano le idee e i metodi gi incontrati
nel I corso.
Poich, specialmente nel caso dellanalisi di pi variabili, il calcolo e la
rappresentazione grafica possono essere a volte complicate, o comunque di
lettura non immediata, ed a volte lintuizione geometrica pi dicile da visualizzare, pu essere di aiuto luso di strumenti tecnologici per illustrare e
confrontare i punti di vista grafico, numerico e simbolico.
Per questo facciamo uso e riferimento a Maple, ma altri programmi come
Mathematica, Derive, etc. possono esplicare la medesima funzione.
Ogni capitolo delle dispense pensato per essere letto da cima a fondo.
Gli esempi, in particolare tendono a illustrare idee, a renderle concrete, a
fornire elementi per nuove idee piuttosto che come esemplificazione degli
esercizi.
Cos, anche i grafici non sono decorazioni del testo, ma parte importante
nella crescita dellintuizione geometrica. La capacit di visualizzare i problemi altrettanto importante quanto quella di saperli impostare teoricamente.
Infine, la matematica non un linguaggio naturale, ma ha un suo
vocabolario, una sua grammatica ed una sua sintassi. Imparare ad usare correttamente questo linguaggio fondamentale per capire, impostare e risolvere
i problemi che lanalisi ore allo studente.

INDICE

Capitolo 1
Integrali Impropri
Ognuna delle scritture seguenti rappresenta un integrale improprio
Z +
Z +
Z +
1
1
1
dx
dx ,
dx ,
2
2
x
x
1 + x
1
1
Z 1
Z 1
Z +
1
1
x2
dx .
e dx ,
dx ,
2
x
0
0 x
0
Laggettivo improprio una etichetta attaccata ad integrali
che difRb
feriscono in qualche modo dagli integrali ordinari del tipo a f (x) dx, nei
quali lintervallo [a, b] un intervallo finito e la funzione f (x) limitata,
quando non continua su [a, b] .
Gli integrali che vogliamo esaminare possono avere due diversi tipi di
impropriet:
Lintervallo di integrazione pu essere infinito, come nei primi quattro
esempi. Questo fatto contrasta con la definizione di integrale di Riemann che abbiamo dato al primo corso, perch la definizione formale
di integrale indefinito basata sulla partizione di intervalli finiti.
Lintegrando pu essere illimitato nellintervallo di integrazione, come
negli ultimi due esempi. Anche questo fatto contrasta con la definizione
di integrale, nella quale si richiedeva la limitatezza della funzione su
tutto lintervallo di integrazione.
Alcuni tipi di integrali, quali ad esempio
Z +
1

dx
x + x2
0
1

CAPITOLO 1. INTEGRALI IMPROPRI

ammettono entrambe le impropriet. Per essere risolti, come vedremo


pi avanti, essi hanno bisogno di unattenzione speciale che tenga conto di
entrambe le situazioni precedenti.

1.1

Convergenza e Divergenza: Idee Base ed


Esempi

Alcuni degli integrali presentati, sebbene impropri, ammettono comunque


come risultato un valore finito; essi vengono chiamati convergenti. Per gli
altri, limpropriet fatale, nel senso che non ammettono valore finito; essi
sono chiamati divergenti.
Iniziamo con alcuni esempi concreti.
Z +
1
Esempio 1.1 Dare un senso al simbolo
dx .
x2
1
Soluzione. Cosa pu voler significare lintegrale dato? Se linterpretiamo geometricamente, esso rappresenta larea racchiusa tra il grafico della
funzione integranda, lasse delle x e la retta x = 1.
1
0.8
0.6
0.4
0.2
0
-0.2

x 6

10

R + 1
dx come area
Lintegrale improprio 1
x2

La regione si estende indefinitamente verso destra, pu la sua area essere


finita?
la risposta positiva; la ragione coinvolge luso delloperazione di limite.
Per ogni numero r > 1, consideriamo
Z r
1
dx = area tra x = 1 e x = r .
2
1 x
Questarea pu essere calcolata esattamente:
r
Z r
1
1
1
dx =
=1 .
2
x 1
r
1 x

1.1. IDEE BASE ED ESEMPI

Facendo tendere r +, il risultato tende ad 1. in altre parole, larea


totale della regione racchiusa dal grafico di 1/x2 , sebbene infinitamente lunga,
ammette area finita. In simboli

Z r
1
1
lim
dx = lim 1
= 1.
r+ 1 x2
r+
r

Aermiamo perci che lintegrale converge ad 1.


Z +
1
Esempio 1.2 Dire se
dx converge o diverge.
x
1
Soluzione. A prima vista la situazione sembra simile alla precedente
1
0.8
0.6
0.4
0.2
0
-0.2

x 6

10

R + 1
dx come area
Lintegrale improprio 1
x
Il problema, ancora una volta, quello di capire se la regione illimitata, racchiusa tra il grafico della funzione integranda, lasse delle x e la retta
x = 1, ammette area finita. Per dare una risposta a questa domanda, operiamo esattamente come prima. Consideriamo r > 1 e calcoliamo larea
nellintervallo [1, r] . Si ha
Z r
1
dx = ln x]r1 = ln r .
1 x
Adesso, facciamo il limite per r +. Si ha limr+ ln r = +.
Concludiamo perci che questo integrale improprio diverge a +. In
simboli:
Z r
1
lim
dx = lim ln x]r1 = + .
r+ 1 x
r+
Esempio 1.3 Dire se converge
ore.

1
dx. In tal caso, trovarne il val1 + x2

CAPITOLO 1. INTEGRALI IMPROPRI

Soluzione. Lintegrale improprio ad entrambi gli estremi, lo dividiamo


quindi in due integrali
Z 0
Z +
Z +
1
1
1
dx =
dx +
dx
2
2
1 + x2
1 + x
0
1 + x
che trattiamo separatamente. Cominciamo dallultimo integrando. Un calcolo diretto,
Z +
Z r
1
1
dx = lim
dx
2
r+ 1 1 + x2
1+x
0

= lim arctan x]r0 = lim arctan r =


r+
r+
2
ci dice che lintegrale converge a /2.
Poich lintegrando una funzione pari, anche il primo integrando ha lo
stesso valore. Ne segue che:
Z 0
1

dx = .
2
2
1 + x
La conclusione chiara: lintegrale dato converge a . In simboli
Z +
Z 0
Z +
1
1
1
dx =
dx +
dx = .
2
2
1 + x2
1 + x
0
1 + x

I precedenti esempi mostrano anche una delle sottigliezze degli integrali


impropri, a cui fare attenzione. I grafici di 1/x2 e di 1/x appaiono simili:
entrambe le funzioni tendono a zero quando x +. Tuttavia, il primo
grafico racchiude unarea unitaria, il secondo unarea infinita.

1.1.1

Unaltra Impropriet

Le impropriet degli esempi precedenti coinvolgono intervalli illimitati. Lo


stesso tipo di strategia sia applica nel caso di integrandi illimitati.
Z 1
1
Esempio 1.4 Discutere
dx .
2
0 x
Soluzione. In questo caso, la questione geometrica quella di capire se
la regione illimitata verticalmente, rappresentata nel grafico seguente ha, o
meno, area finita.

1.1. IDEE BASE ED ESEMPI

100
80
60
40
20

0.2

0.4

0.6

0.8

R1 1
Lintegrale improprio 0 2 dx come area
x
Per decidere la questione, troviamo ancora una volta il limite di unarea
- questa volta quando r tende a 0 da destra. Per ogni valore di r > 0 il
seguente integrale ha senso:
1
Z 1
1
1
1
dx =
= 1.
2
x r r
r x
Il risultato mostra che, quando r tende a 0+ , larea in questione tende
allinfinito. In simboli:

Z 1
1
1
lim
1 = + .
dx = lim+
r0+ r x2
r0
r

Quindi, lintegrale diverge allinfinito.

1.1.2

La Definizione Formale

Abbiamo usato la stessa idea base per ognuno degli integrali precedenti,
sia che fosse illimitato lintervallo di integrazione, o che fosse illimitata la
funzione:
Dapprima si localizza limpropriet, a + ( oppure a ), od ad un
estremo (finito) dellintervallo di integrazione (se lintegrale improprio in pi
di un punto, lo si riscrive come somma di integrali pi semplici, ognuno con
una sola impropriet). Quindi, ogni integrale con una sola impropriet viene
considerato come limite di un integrale ordinario, con un estremo variabile
che tende verso il valore problematico, da destra o da sinistra.
Nel primo caso esaminato (intervallo illimitato) la definizione la seguente.
R +
Definizione 1.5 Consideriamo lintegrale I = a f (x) dx, dove f una
funzione continua per x a. Se il limite
Z r
f (x) dx
L = lim
r+

CAPITOLO 1. INTEGRALI IMPROPRI

esiste finito, allora I converge a L. Altrimenti, diverge.


Dal punto di vista grafico la questione riguarda il comportamento asintotico del grafico. Quando r + larea converge o diverge?

Convergenza: cosa accade per r + ?

Gli integrali negli Esempi 2 e 4 divergono allinfinito. Il prossimo esempio


illustra un altro modo in cui lintegrale pu non convergere.
R
Esempio 1.6 Dire se I = 0 cos x dx converge o meno.
Soluzione. La definizione ci da una risposta rapida. Infatti
Z r
cos x dx = sin x]r0 = sin r .
0

Ne segue che
lim

r+

cos x dx = lim sin r


r+

Questultimo limite non esiste: quando r + la funzione sin r oscilla tra


1 e 1. Ne segue che I diverge.

Diamo adesso una definizione di integrale improprio, simile alla precedente, ma pi generale
Rb
Definizione 1.7 Sia I = a f (x) dx improprio in a o in b (i casi a =
e b = + sono permessi). Se
Z b
Z r
lim+
f (x) dx e lim
f (x) dx
ra

rb

esistono ed hanno valore finito L, allora diremo che I converge ad L.


Altrimenti I diverge.

1.1. IDEE BASE ED ESEMPI

Nota:
Ogni integrale improprio il limite di un integrale proprio.
Se c pi di una impropriet (per es. se lintegrale improprio ad
entrambi gli estremi), pu essere spezzato in due integrali in modo
conveniente; lintero integrale converge se convergono entrambi i termini.
Z +
1
Esempio 1.8 Discutere I =
dx .
x2
0
Soluzione. Lintegrale improprio ad entrambi gli estremi. Per separare
le impropriet scriviamo,per esempio:
Z 1
Z +
Z +
1
1
1
dx =
dx +
dx = I1 + I2 .
2
2
x
x2
0
0 x
1
Come abbiamo visto prima, I2 converge, ma I1 diverge a +. Ne segue che
I diverge.

CAPITOLO 1. INTEGRALI IMPROPRI

1.1.3

Esercizi

1. Spiegare perch i seguenti integrali sono impropri


Z
2
x2 ex dx ;
(a)
0
Z 1
x

dx ;
(b)
x2 3x + 2
0
Z 4
1
dx ;
(c)
2
1 x ln x
Z 3
1
dx ;
(d)
2
0 x x2
Z /2
tan x dx ;
(e)
0
Z 2
cos x

dx
(f)
1 + cos x
0
Z
1
dx diverge.
2. Mostrare che lintegrale improprio
x3
0
Z /2
cos x
p
dx non improprio.
3. Spiegare perch lintegrale
0
1 sin2 x
4. Calcolare i seguenti integrali impropri
Z
ex dx ;
(a)
Z0
1
dx ;
(b)
x ln2 x
e
Z
1
dx ;
(c)
x (1 + x)
1
Z 4
1
dx ;
(d)
x
0
Z 2
2x + 1

dx ;
(e)
3
x2 + x 6
2
Z
ex sin x dx ;
(f)
Z
arctan x
dx ;
(g)
(1 + x2 )3/2
0

1.1. IDEE BASE ED ESEMPI


(h)

x
p
dx .
|x2 9|

5. Trovare i valori del parametro a che rende il valore dellintegrale improprio minore di 105
Z
ex dx ;
(a)
Za
1
dx ;
(b)
(1 + x2 )
a
Z
1
dx .
(c)
x ln3 x
a
Z
Z a
x dx = 0 . Spiegare perch
x dx diverge.
6. Mostrare che lima+
a

7. Dire se i seguenti integrali convergono o divergono. Nel primo caso


calcolarli.
Z
x
dx ;
(a)
(1 + x2 )1/2
0
Z
arctan x
dx ;
(b)
1 + x2
0
Z
1
dx ;
(c)
x ln x
e
Z
x
dx ;
(d)
(x 42 )3
3
Z 2
ex dx ;
(e)

(f)

1
dx ;
x

dx ;
3x
2
Z
1
dx ;
(h)
x ln2 x
1
Z
1
dx ;
(i)
x
x
e + e
Z 1
x

dx .
(j)
1 x2
0
(g)

CAPITOLO 1. INTEGRALI IMPROPRI

10
8. Mostrare che

1
dx diverge.
x

1
dx converge se p > 1.
xp
1
Z 1
1
dx ?
10. Per quali valori di p converge
p
0 x
Z
1
dx ?
11. Per quali valori di p converge
x lnp x
e
Z e
1
dx ?
12. Per quali valori di p converge
p
1 x ln x
9. Mostrare che

13. valutare i seguenti integrali per tutti i valori di C per i quali converge

Z
C
2x

dx ;
(a)
x2 + 1 2x + 1
0

Z
3x
C

dx ;
(b)
x + 1 2x2 + 1
1

Z
1
Cx2

dx ;
(c)
x3 + 1 3x + 1
1

Z
C
1

dx ;

(d)
x2 + 4 x + 2
0

Z
1
Cx

dx .
(e)
x2 + 1 2x
1
14. Trasformare gli integrali impropri in integrali propri, usando le sostituzione date
Z
x
dx , u = x1 ;
(a)
3
x +1
1
Z /2

cos x

dx , u = 2x .
(b)
2x
0
Z
Z
1
x2
dx
=
dx .
15. Mostrare che
x4 + 1
x4 + 1
0
0
Z 1
Z
3 x
x e dx =
( ln x)3 dx .
16. Mostrare che
17. Calcolare

x ln x
dx .
x4 + 1

1.2. CONVERGENZA

1.2

11

Come Determinare la Convergenza e Stimare i Limiti

Nel paragrafo precedente abbiamo introdotto il concetto di integrale


Z improf (x) dx,
prio e lidea della sua convergenza. Dato lintegrale improprio
Z r 0
f (x) dx.
il problema semplice quando siamo in grado di calcolare
0

Calcolare lintegrale precedente non sempre semplice ed a volte anche


impossibile. Anche nel caso in cui sia possibile calcolare lintegrale, pu non
essere banale calcolarne il limite per r .
In questa situazione, possibile, come nel caso degli integrali definiti,
usare metodi numerici per stimare gli integrali impropri. Per semplicit
esamineremo solo il caso degli integrali con un intervallo di integrazione
infinito.

1.2.1

Esempi Importanti

La stima numerica degli integrali impropri richiede


unattenzione speciale.
R
Un problema ovvio: lintegrale improprio 0 f (x) dx calcolato su un
intervallo infinito, mente tutte le formule per la stima degli integrali definiti
coinvolgono la lunghezza dellintervallo. Come applicarle?
I seguenti esempi suggeriscono alcune strategie per trattare queste dicolt. Essi illustrano e motivano la teoria.
Z
1
Esempio 1.9 Dire se I =
dx converge o diverge.
5
x +1
1
Soluzione. Il problema si enuncia facilmente:
Z r
1
dx?
Esiste il limite limr+
5
1 x +1
Pi dicile rispondere simbolicamente. Lintegrale dato non
ammette una primitiva semplice, ed anche se riuscissimo a scriverla, ricavare da essa il limite non sarebbe banale.
Daltra parte invece relativamente semplice notare che
0<

1
1
<
per 1 x < +
x5 + 1 x5

e quindi che
Z r
Z r
1
1
dx <
dx
0<
5
5
1 x +1
1 x

qualunque sia r > 1 .

CAPITOLO 1. INTEGRALI IMPROPRI

12
ne risulta allora che
Z
lim
r+

1
dx lim
5
r+
x +1

1
dx .
x5

Notiamo infine, che relativamente semplice il calcolo del secondo


limite, si ha infatti

Z r
1
1
1
1
lim
4 = .
dx = lim
5
r+ 1 x
r+ 4
4r
4
Ne segue allora che
Z
1

1
dx <
5
x +1

Quindi lintegrale dato converge.


Z
Esempio 1.10 Sappiamo che I =
1

1
1
dx = .
5
x
4

1
dx converge.
x5 + 1

A quale valore converge?

Soluzione. Come abbiamo visto il metodo simbolico non funziona, per questa ragione proviamo ad usare un metodo numerico.
Le regole dellintegrazione numerica si applicano per agli intervalli finiti [a, b]. Avendo chiare questa restrizione, dividiamo I in
due parti (per esempio)
Z 10
Z
Z
1
1
1
dx =
dx +
dx = I1 + I2
I=
5
5
5
x +1
x +1
1
1
10 x + 1
Notiamo, prima di tutto, che la scelta dellintervallo [1, 10] arbitraria, avremmo potuto scegliere [1, 100]. Il secondo integrale
chiamato in gergo la coda di I; esso rappresenta larea totale che speriamo piccola - del grafico alla destra di x = 10.
Cominciamo col calcolare I1 usando, per esempio 50 suddivisioni
di punto centrale. Il risultato (calcolato con Maple)
Z 10
49
9 X
1
1
M50 =
dx
0.178916 .
5
109
5
9
x +1
50 i=0
+
i
+
1
1
100
50
Ci aspettiamo che I1 approssimi il valore di I, ma qual lapprossimazione? Ci sono due fonti di errore:

1.2. CONVERGENZA

13

1. Lerrore che M50 commette nello stimare I1 ;


2. Lerrore dovuto allavere ignorato la coda I2 .
Per quanto riguarda il primo tipo di errore, rimandiamo al (ai)
corsi di Calcolo Numerico, aermiamo solo, per completezza, che
la usuale formula della stima dellerrore per il punto medio ci dice
che in questo caso lerrore minore di 0.0005.
Trovare una stima dellerrore per I2 ci rifacciamo allesercizio
precedente. Ricordando la disuguaglianza
0<

1
1
<
x5 + 1
x5

per tutti gli x che ci interessano, si ha che


Z
Z
1
1
dx <
dx .
5
5
10 x + 1
10 x
Questultimo integrale semplice da calcolare:
r
Z
1
1
1
= 2.5 105 .
dx = lim 4
=
5
r+
x
4x
40,
000
10
10
Il risultato una limitazione superiore dellerrore che si commette
trascurando la coda I2 .
Possiamo allora concludere che la stima trovate, I 0.178916
ammette un errore minore di 5 104 + 2.5 105 = 5.25 104 .

1.2.2

Confronto di Integrali Impropri: Due Teoremi

Gli esempi precedenti hanno usato i confronti


Z
Z
Z
Z
1
1
1
1
dx
<
dx
<
dx
,
dx .
e
5
5
x5 + 1
x5
1
1
10 x + 1
10 x
Dalla prima disuguaglianza abbiamo ricavato la convergenza della serie, dalla
seconda una stima del valore della coda . Il seguente teorema garantisce la
legittimit di quanto fatto.
Teorema 1.11 (Confronto degli Integrali Impropri Nonnegativi).
Siano f e g funzioni continue. Supponiamo che per tutti gli x 0 si abbia
0 f (x) g (x) .

CAPITOLO 1. INTEGRALI IMPROPRI

14
Se

R +

Se

R +

R +
g (x) dx converge, allora converge anche a f (x) dx , inoltre
Z +
Z +
f (x) dx
g (x) dx .
a

f (x) dx diverge, allora diverge anche

R +
a

g (x) dx .

Il teorema utile da due punti di vista, sia per riconoscere convergenza


o divergenza, che per stimare il valore dei limiti. Illustriamo le aermazioni
con esempi.
R +
2
Esempio 1.12 Dire se I = 1 ex dx converge. In caso di risposta positiva, stimare il valore del limite.
Soluzione. Dobbiamo determinare se esiste finito il valore del seguente
limite
Z r
2
lim
ex dx .
r+

Poich non sappiamo trovare una primitiva dellintegrando, non ci rimane


che cercare di stimare il limite. Per vedere se I converge, cerchiamo di capire
se possibile maggiorare lintegrando con una funzione di cui conosciamo la
primitiva e della quale sappiamo che lintegrale convergente. Notiamo che
per tutti gli x 1 si ha che
2

ex x ex .
Applichiamo adesso il teorema, esso ci dice che
Z +
Z +
2
x2
e dx
x ex dx .
1

Il secondo integrale si pu calcolare, si ha:


#r
Z r
Z +
2
ex
1
x2
x2
.
x e dx = lim
x e dx = lim
=
r+
r+
2
2e
1
1
0

Ne segue che I converge anchesso a qualche limite (sconosciuto).


Per calcolare un valore approssimato dellintegrale procediamo
come negli esempi precedenti. Dividiamo I in due parti
Z +
Z 4
Z +
2
x2
x2
I=
e dx =
e dx +
ex dx = I1 + I2 .
0

1.2. CONVERGENZA

15

Per stimare I1 usiamo, per esempio, M100 0.886226 (la formula per la stima dellerrore da un valore minore di 0.00054). Per
valutare I2 si ha
Z +
Z +
1
2
x2
e dx
x ex dx = 16 0.000000056 .
I2 =
2e
4
4
Se ne conclude che il valore di I dista da 0.886226 per un errore

inferiore alla terza cifra decimale.


Lidea del test del confronto semplice. Il vero problema quello di decidere quale integrale conosciuto confrontare con quello
incognito. Molti integrali impropri possono essere confrontati con
i seguenti integrali di riferimento

ex dx = 1 ;

0
+

1
1
dx =
p
x
p1

se p > 1 ;

1
dx = +
xp

se p < 1 .

Lultima equazione aerma che lintegrale diverge allinfinito.


Z +
1
Esempio 1.13 Dire se I =
dx converge o diverge.
x+1
0
R +
Soluzione. Lovvio confronto sembrerebbe con 1 x1 dx che
diverge. Sfortunatamente, si ha che
1
1

x+1
x
e quindi la divergenza del secondo integrale non ci dice niente
sulla divergenza di I. Tuttavia, per x 1 si ha che
1
1

.
x+1
2x

CAPITOLO 1. INTEGRALI IMPROPRI

16

Ne segue che, per il Teorema 1.11 si ha


Z +
Z
Z +
1 + 1
1
1
dx
dx =
dx = + ,
x+1
2x
2 1
x
1
1
quindi I diverge, come ci aspettavamo.
Esempio 1.14 Discutere la convergenza di I =

2x2
dx .
x4 + 2x + cos x

Soluzione. Osserviamo subito che per valori grandi di x il denominatore si comporta come x4 . Inoltre, per x 3 sicuramente
2x + cos x 0 per cui
2
2x2
2 per x 3 ,
4
x + 2x + cos x
x
da cui
Z

2x2
dx
x4 + 2x + cos x

2
2
dx = .
2
x
3

Ne segue allora che I converge.

1.2.3

Integrandi che Cambiano Segno. Convergenza


Assoluta

Lintegrale
Z

sin x
dx
x2

converge o diverge ? Il Teorema 1.11 non ci aiuta perch si applica solo a


funzioni nonnegative. Tuttavia, il Teorema 1.11 ci dice qualcosa di utile.
Poich

sin x
1 per tutti gli x 1 ,

x2 x2

ne segue che:
Z

|I| =

Z +
Z +
sin x
sin x
1

dx
dx
dx = 1 .

2
2
x
x
x2
1
1

Ci fa supporre che anche I converga, poich I |I|. Il seguente teorema


giustifica lipotesi fatta.

1.2. CONVERGENZA

17

Teorema 1.15 (Convergenza Assoluta) Siano f e g funzioni continue


tali che per tutti gli x a si abbia

Supponiamo che
verge, e si ha

R +
a

0 |f (x)| g (x) .
g (x) dx converga. Allora anche

f (x) dx

R +
a

f (x) dx con-

g (x) dx .

+
Il Teorema 1.15 aerma, tra laltro, che se a f (x) dx converge, lo
R +
stesso fa a f (x) dx. La condizione chiamata di convergenza assoluta.

Suggerimenti per la Coda

In ogni integrale improprio, ci che va visto con attenzione il comportamento della coda. infatti, ogni integrale di questo tipo, come abbiamo visto,
pu essere diviso in due parti come segue:
I=

f (x) dx =

f (x) dx +

f (x) dx .

Il primo termine un integrale proprio e pu essere trattato sia ricercando


la primitiva, sia per via numerica. La convergenza di I dipende solo dalla
convergenza del secondo termine. Se la coda converge, converge lintegrale.
Se, meglio ancora, riusciamo a rendere piccola la coda, come negli esempi
precedenti, allora il primo termine approssima bene il valore dellintegrale.
Il confronto, nel senso dei due teoremi precedenti, la chiave per avere
una coda piccola. Illustriamo questo fatto con un ultimo esempio.
Z

sin x
dx convergono.
x2
1
1
Per ognuno di essi trovare una coda di valore assoluto minore di 103 .

Esempio 1.16 Entrambi I =

dx e J =

R +Soluzione. Per ognuno dei due integrali bisogna trovare un b tale che
f (x) dx < 0.001.
b
Per I, trovare b relativamente facile. Basta notare che per ogni b si ha
Z +
r
1
ex dx = lim ex b = eb = b .
r+
e
b

CAPITOLO 1. INTEGRALI IMPROPRI

18
Quindi,
Z +
b

ex dx =

1
< 0.001 = eb > 1000 b > ln 1000 6.9 .
b
e

Per trattare J, abbiamo bisogno del Teorema 1.15. Poich

sin x
1

x2 x2

il Teorema 1.15 garantisce che


Z +
Z +

sin x
1

dx
dx .

2
x
x2
b
b

Si ottiene quindi che


Z +
1
1
dx = < 0.001 b > 1000.
2
x
b
b

1.2. CONVERGENZA

1.2.4

19

Esercizi

1. (a) Spiegare perch la disuguaglianza x 1 x + sin x x + 1


valida per tutti gli x R.
(b) Usare il test del confronto ed una delle disuguaglianze precedenti
per mostrare che lintegrale improprio
Z
1
dx
x + sin x
2
diverge.
(a) Spiegare perch la disuguaglianza x2 x2 +
per tutti gli x 1.

x 2x2 valida

(b) Usare il test del confronto ed una delle disuguaglianze precedenti


per mostrare che lintegrale improprio
Z
1
dx
2
x + x
1
converge.

(a) Spiegare perch la disuguaglianza x x2 + x 2 x valida


per tutti gli x 1.
(b) Usare il test del confronto ed una delle disuguaglianze precedenti
per valutare se lintegrale improprio
Z 1
1
dx
2
x
0 x +
converge.
(c) Dire se lintegrale improprio
Z
0

x2

1
dx
+ x

converge o meno.

(a) Spiegare perch la disuguaglianza 12 x2 x2


per tutti gli x 2

x x2 valida

(b) Usare il test del confronto ed una delle disuguaglianze precedenti


per valutare se lintegrale improprio
Z
1
dx
x2 x
3
converge.

CAPITOLO 1. INTEGRALI IMPROPRI

20

(a) Mostrare che la disuguaglianza


gli x 0.

ex
1

1 valida per tutti


2
1 + ex

(b) Usare il test del confronto ed una delle disuguaglianze precedenti


per valutare se lintegrale improprio
Z
ex
dx
1 + ex
0
converge.
1
1
x
valida

(a) Mostrare che la disuguaglianza
x
2x
1 + x3
per tutti gli x 1

(b) Usare il test del confronto ed una delle disuguaglianze precedenti


per valutare se lintegrale improprio
Z
x

dx
1 + x3
0
converge.
(a) Mostrare che la disuguaglianza
tutti gli x 1.

x 1 + x 2 x valida per

(b) Usare il test del confronto ed una delle disuguaglianze precedenti


per valutare se lintegrale improprio
Z
1
dx
1+ x
0
converge o meno.
2. Per ognuno dei seguenti integrali impropri , trovare un integrale definito che approssimi gli integrali dati a meno di 105 (Non calcolare
lintegrale definito).
Z

1
dx ;
+ ex
0
Z
1

dx ;
(b)
x4 2x3 + 1
1
Z
arctan x
dx ;
(c)
(1 + x2 )3
0
(a)

x2

1.2. CONVERGENZA
(d)

21

ex
dx
2 + cos x

3. Considerate lintegrale I =

1
dx .
ln2 x

(a) Spiegare perch I un integrale improprio;


(b) Mostrare che 1 ln2 x x2 per tutti gli x e ;

(c) Spiegare perch le disuguaglianze in (b) non ci aiutano a valutare


la convergenza o meno di I.

(d) Mostrare che 1 ln x x per tutti gli x e ;


(e) Mostrare che I diverge.

(a) Mostrare che 0

x
2

sin x se 0 x 1;

(b) Usare le disuguaglianze precedenti per mostrare che lintegrale


improprio
Z 1
1

dx
sin x
0
converge.
Z
1

dx .
4. Sia I =
x + x4
0
(a) Spiegare perch I improprio;
(b) Mostrare che 1 I 3
5. Per ognuno degli integrali seguenti, usare il test del confronto per
determinare se gli integrali convergono o meno
Z
1
dx ;
(a)
1 + x4
0
Z
1

dx ;
(b)
x1
2
Z
esin x dx
(c)
0
Z
1

dx ;
(d)
x x+1
1

CAPITOLO 1. INTEGRALI IMPROPRI

22
(e)
(f)
(g)
(h)
(i)
(j)
(k)

1
dx ;
x + ex
0
Z
1
dx ;
x + ex
0
Z
1

dx ;
3 x6 + x
1
Z
x
dx ;
x+1
0
Z
x
dx ;
ln x
3
Z
1
dx ;
(x + 1) x
0
Z
sin2 x
dx ;
(x + 1)2
0
Z

dx .
x + x3
0
1
Z x
e
dx converge;
(a) Mostrare che lintegrale improprio
x
0
Z
(b) Trovare e in modo tale che lintegrale definito

6. Mostrare che

dx =
x + x3

ex
dx
x

approssimi lintegrale improprio della parte (a) a meno di 5 103 .


Z x
tet dt .
7. Sia f (x) =
3

(a) Mostrare che limx f (x) esiste finito;


(b) Trovare a in modo tale che f (a) approssimi
di 103 .
Z
3
f (x) dx dove f (x) = ex sin2 x.
8. Sia I =

t
te dt a meno

(a) Mostrare che I converge;


(b) Trovare una stima di I a meno di 5 103 . Spiegare come si
ottenuta laccuratezza della stima. [Sugg.: per ogni x 0,
3 < f 00 (x) < 2 e 44 < f (4) (x) < 61.]

1.2. CONVERGENZA
(a) Mostrare che

23
Z

cos x
dx converge.
x2

sin x
dx con(b) Usare lintegrazione per parti per mostrare che
x
1
verge.
Z
sin (ex ) dx converge [Sugg.:
(c) Usare (a) e (b) per mostrare che
usare la sostituzione u = ex .]

24

CAPITOLO 1. INTEGRALI IMPROPRI

Capitolo 2
Serie Numeriche
Iniziamo ricordando la nozione di successione e le operazioni definibili tra
successioni. Questo permetter di poter definire, con una certa semplicit la
nozione di somma infinita (serie) ed il modo di operare con le serie.

Definizione 2.1 Una successione una lista infinita di numeri, che scriveremo nella forma generale come
a1 , a2 , a3 , a4 , , an , an+1 ,
spesso chiameremo termini i singoli elementi della successione; cos per
esempio a4 il quarto termine della successione e an lennesimo elemento.
Parlando in termini analitici, la successione limmagine di una funzione
f : N R il cui dominio sono i numeri naturali e limmagine i reali.
Un modo per indicare linsieme degli elementi della successione dato da
{an }
n=1 o semplicemente {an } .
Ricordo che linteresse principale nello studio delle successioni quello di
capire quale il loro limite, cio qual il comportamento dei termini della
successione quando lindice muove verso linfinito.
Continuiamo la trattazione con alcuni esempi semplici che ci permettano,
da un lato di capire cosa intendiamo per comportamento dei termini quando lindice muove verso linfinito e dallaltra per continuare ad introdurre
notazioni e terminologia.
Esempio 2.2 Studiare la successione {an }
n=1 i cui termini sono definiti
dalla formula an = 1/n.
25

26

CAPITOLO 2. SERIE NUMERICHE

Soluzione. I termini della successione sono dati da


1 1 1
1 1 1
1
1
1
, , , ... ,
,
, ,
,
, ,
,
1 2 3
10 11 12
100 101
1000
Si vede subito che al crescere dellindice la successione tende a zero. Al
crescere di n il termine 1/n si avvicina sempre pi a zero. Dal punto di vista
simbolico scriviamo
1
= 0.
lim an = lim
n
n n
ed aermiamo che la successione converge a zero.

Esempio 2.3 Supponiamo che la successione {bk }


k=1 sia data da
bk =

(1)k
, k = 1, 2, 3 , . . .
k

Qual (se esiste) il limk bk ?


Soluzione. Scriviamo i termini della successione, si ha
1 1
1
1 1
1
1
1
1
1
, , , ... , ,
, ,
,
, ,
,
,
1 2
3
10
11 12
100
101
1000
1001
Sebbene i termini oscillino in segno, essi si avvicinano comunque a zero al
crescere dellindice. Possiamo quindi aermare che, da un certo indice in
poi, rimangono allinterno di qualsiasi intervallo scelto, centrato in zero. La
successione converge e si ha
(1)k
=0
k
k

lim bk = lim

Esempio 2.4 Consideriamo la successione {ci }


i=0 data da ci = i. Cosa si
pu dire della successione?
Soluzione. Scrivendo i termini della successione si ha
0, 1, 2, 3, 4, , i, i + 1,
Al crescere dellindice i i termini della successione crescono indefinitamente,
o come si dice la serie diverge a pi infinito. Si scrive allora
lim ci = +

27
Esempio 2.5 Converge la successione {dj }
j=0 il cui termine generale dato
j
da dj = (1) ?
Soluzione. Se scriviamo esplicitamente i termini della successione abbiamo
1, 1, 1, 1, 1, 1, , 1, 1,
E chiaro che i termini della successione oscillano tra i due valori 1 e 1
senza poter quindi convergere , n divergere verso niente. Diremo che la
successione non converge n diverge.

Nota 2.6 Come si pu osservare negli esempi precedenti a volte la successione inizia con lelemento di indice zero, altre volte con lindice uno. Questo
non ha nessuna importanza nella determinazione del comportamento della
successione, cos come non ha alcuna importanza che lindice che determina
gli elementi sia indicato con la lettera n, k, i, o j. Chiaramente
an =

1
, n = 1, 2, 3, oppure
n

ak =

1
, k = 1, 2, 3,
k

determinano la stessa successione cos come f (x) = sin x


determinano la stessa funzione.

f (t) = sin t

In realt, successioni e funzioni f : R R sono strettamente correlate


potendo dire che
Definizione 2.7 Una successione pu essere considerata come la restrizione
di una funzione reale di variabile reale agli interi positivi.
Abbiamo gi detto come una successione pu essere vista come una funzione f : N R, ed in fondo le due definizioni dicono la stessa cosa.
Ricordando che il grafico di una funzione f : R R linsieme delle
coppie (x, y) del piano tali che y = f (x) possiamo parlare del grafico di una
successione come linsieme delle coppie del piano del tipo (n, an ) quando n si
muove sui naturali.
Vediamo un esempio
Esempio 2.8 Consideriamo la funzione f e la successione {an } definita da
f (x) =

cos x
cos n
; an =
.
x
n

Disegnare entrambi i grafici. Cosa ci dicono i grafici sul limite della successione?

28

CAPITOLO 2. SERIE NUMERICHE


Soluzione.

0.4

0.2

10

20

30

40

50

0.2

Grafici di

cos x
x

e di

cos n
n

I grafici sovrapposti mostrano come la successione {an } sia una campionatura, sugli interi, della funzione f. I grafici ci fanno inoltre vedere come al
tendere di x o di n allinfinito la funzione e la successione, sebbene in modo
oscillatorio, convergano a zero.

Non tutte le successioni possono essere lette, in modo naturale, come


una campionatura, sui naturali, di una funzione semplice. Per esempio, la
successione {n!} non ha una semplice interpretazione rispetto alla funzione
x! (che pure esiste).
Come abbiamo cercato di far vedere, le successioni sono dei tipi speciali di
funzioni che hanno come dominio N piuttosto che R. Ne consegue che anche
la definizione di limite per successioni ricalca, in buona sostanza, quella data
per le funzioni, possiamo allora dire che
Definizione 2.9 (Informale) (Limite di successioni). Sia {an }
n=1 una
successione ed L un numero reale. Se al crescere dellindice n, la distanza
di an da L diminuisce al di sotto di qualunque tolleranza prefissata, allora la
successione converge ad L. In simboli
lim an = L

29
Nota 2.10 :
Divergenza allInfinito. Se an + o an , quando n ,
diremo che la successione diverge a (pi o meno) infinito. Scriveremo, per
esempio
lim n! = +

(verificare).
Asintoti. Una successione, cos come una funzione, converge ad un limite
finito L se e solo se il suo grafico ammette un asintoto orizzontale in y = L.
Successioni, funzioni e limiti. Molte successioni, come abbiamo visto,
possono essere lette come discretizzazioni di funzioni . Non sbagliato, in
questo caso usare e studiare le propriet di queste funzioni per ricavare le
notizie che interessano rispetto alle successioni. Possiamo infatti dire che
Criterio 2.11 Sia f : R R una funzione definita per x 1.
Se limx+ f (x) = L ed inoltre an = f (n) per tutti gli n 1, allora
limn an = L.
Esempio 2.12 Studiare il comportamento della successione {ak }
k=1 il cui
termine generale ha la forma ak = sin k.
Soluzione. Lo studio del grafico pu esserci utile per cercare di capire
se possibili individuare una tendenza di comportamento della successione
1
0.8
0.6
0.4
0.2
0
0.2

20

40

60

80

100

0.4
0.6
0.8
1

Il grafico di sin k , 1 k 100


Come appare chiaro, il grafico, non solo non ci da unindicazione sul valore
del limite, ma sembrerebbe indicare una NON esistenza (almeno fino al valore
100 del parametro). Si tratta di sostanziare questa impressione (provate).

30

2.1

CAPITOLO 2. SERIE NUMERICHE

Limiti di Successioni

Procediamo per esempi.


Esempio 2.13 Sia data la successione an = 2n /n2 . Qual il suo comportamento allinfinito?
Soluzione. Consideriamo la funzione f (x) = 2x /x2 . Quando x +
la funzione assume una forma del tipo + / + perci possibile usare la
regola dellHospital per capire lesistenza o meno del limite. Si ha
lim

x+

2x
2x log 2
2x log 2 log 2
=
lim
= +
=
lim
x+
x2 x+ 2 x
2

Poich f (x) + allora anche an +.


Esempio 2.14 Trovare, se esiste, il limite della successione n1/n .
Soluzione. Apparentemente, la regola dellHospital sembra fuori luogo,
visto che non esiste alcuna forma del tipo 00 o
. Proviamo, per, ad

applicare la funzione logaritmo naturale, si ha


an = n1/n = ln (an ) =

ln n
n

Adesso possiamo applicare il nostro parallelo ed usare la regola dellHospital.


E
lim

x+

ln x
1/x
= lim
=0.
x+ 1
x

Da questo risultato segue che


lim ln (an ) = 0

e quindi

lim an = 1

Esercizio 2.15 Provare a dimostrare che


limn x1/n = 1 per tutti i valori di x > 0
1
limn k = 0 per tutti i valori di k > 0
n
limn rn = 0 per 1 < r < 1

2.1. LIMITI DI SUCCESSIONI

31

Parlando ancora di limiti sembra plausibile aermare che

1
3n
1
3n
lim
+
= lim + lim
=0+3=3
n n
n n
n n + 1
n+1

Questo risultato poggia su un teorema, visto in Analisi 1 per le funzioni, che


aerma
Teorema 2.16 Supponiamo che per n si abbia an L , bn M
dove L , M , sono numeri finiti. Sia inoltre c una costante reale. Si ha
(c an ) c L ,

( an bn ) L M ,
L
an

bn
M

Inoltre, se M 6= 0 si ha

( an bn ) L M

Il teorema dei Carabinieri (o del sandwich), gi formulato in Analisi I per


le funzioni, pu essere riparafrasato per le successioni
Teorema 2.17 (dei Carabinieri) Supponiamo che per tutti gli n > 0 si
abbia
an bn cn

lim an = lim cn = L .

Allora si ha
lim bn = L .

sin k
= 0.
k
Soluzione. Poich per ogni x R vale la disuguaglianza 1 sin x 1,
possiamo scrivere che
Esempio 2.18 Dimostrare che limk

1
sin k
1

k
k
k
per tutti i k > 0. Poich al tendere di k sia k1 che
sin k
= 0.
ne segue che limk
k

1
k

tendono a zero,

Non sempre possibile riuscire a trovare il valore del limite di una successione. Possiamo per porre il problema pi debole di sapere se una
successione converge o meno, pur senza trovare il valore del limite. Una situazione che appare particolarmente favorevole a dare una risposta a questa
domanda si ha quando la successione monotona.
Ricordiamo che una successione detta monotona crescente se an an+1
n N. La definizione di monotona decrescente consequenziale.
Il seguente teorema relativamente evidente

32

CAPITOLO 2. SERIE NUMERICHE

Teorema 2.19 Supponiamo che la successione {an } sia monotona crescente


e limitata superiormente da un numero M. In altre parole che
a1 a2 a3 an an+1 M .
Allora la successione {an } converge ad un qualche limite finito A, con A M.
In modo del tutto simile, se {bn } una successione monotona decrescente e
limitata inferiormente da un numero N, allora {bn } converge ad un numero
B tale che B N.

n
Esempio 2.20 Sia data la successione {an } , con an = 1 + n1 . Verificare
che convergente.
Soluzione. Verifichiamo prima che la successione monotona crescente
e poi che limitata superiormente. Consideriamo il quoziente an+1
si ha
an

n+1
n+1
1
1
1 + n+1
1 + n+1
an+1

n >
n
=
1
an
1 + n1
1 + n+1

an+1
1
> 1,
da cui
=
1+
> 1 , cio an+1 > an ,
n+1
an

la successione dunque monotona crescente.


1
1
> 1 ed
, quindi 1 + n1 > 1 + n+1
Il risultato si ottenuto perch n1 > n+1
n
n
noto che se 1 < A < B allora 1 < A < B , n positivo.
Pi laborioso e complicato dal punto di vista del calcolo verificare che
la successione limitata superiormente. Usando la formula del binomio di
Newton si ha:

n X
n
n k
1
an =
1+
=
n
n
k
k=0



n 1
1
n 1
n 1
= 1+n +
+ +
+ +
2
k
n
2 n
k n
n nn
n 1
Consideriamo il generico elemento k nk , scriviamo esplicitamente e operiamo delle maggiorazioni, si ha
n-termini

z
}|
{

n (n 1) (n 2) (n k + 1) 1
n 1
1
n!
=
=
k nk
k! (n k)! nk
k!
nk
n n1
n n

1
=
1
k!
=

n2
nk+1 1

n
n
k!

1
2
k1
1
1
1
<
n
n
n
k!

2.1. LIMITI DI SUCCESSIONI

33

con la maggiorazione che viene operata per ogni termine con k 2. Lultimo
passaggio si ha perch ognuno dei termini nel prodotto minore di uno e
quindi si maggiora sostituendolo con 1. Si ha allora che il termine an pu
essere maggiorato con



n 1
n 1
n 1
an = 1 + 1 +
+

+
+

+
2 n2
k nk
n nn
< 1+1+
ma

1
1
1
+ + +
2! 3!
n!

1
pu essere maggiorato nel seguente modo
k!
1
1
1
1
=

= k1 .
k!
2 3 (k 1) k
2 2 2 2
2

Ne consegue che si ha
an < 1 + 1 +
= 1+

1
1
1
1
1
1
+ + +
1 + 1 + + 2 + + n1
2! 3!
n!
2 2
2

1 21n
1
1 1+
1 2
1

1
2

= 3.

Quindi la successione {an } ha la propriet cercata.


Si ha infatti a1 a2 a3 an an+1 3.

Definizione 2.21 Si indica con e il numero

n
1
e = lim 1 +
n
n
Il numero e un numero irrazionale ed il suo valore approssimato alla quindicesima cifra decimale dato da
e 2, 718281828459045 .
Esempio 2.22 Consideriamo la successione {an } definita da

a1 = 0 , an+1 = 2 + an , n 1 .
Mostrare che la successione converge.

34

CAPITOLO 2. SERIE NUMERICHE

Soluzione. proviamo a calcolare i primi elementi della successione, si ha


q

a1 = 0 , a2 = 2 , a3 = 2 + 2 1. 847 8 ,
s
r
r
q
q

a4 =
2 + 2 + 2 1.961 6 , a5 = 2 + 2 + 2 + 2 1.9904 ,
v
s
u
r
u
q

t
a6 =
2 + 2 + 2 + 2 + 2 1.9976
v
v
u
s
u
u
r
u
q
u

t
t
a7 =
2 + 2 + 2 + 2 + 2 + 2 1.9994

Da questi conti sembrerebbe che an < an+1 ed inoltre che an < 2, allora
usando la formula che definisce la successione si ha

an+1 = 2 + an < 2 + 2 = 2
Ne segue che nessun termine della successione maggiore di 2. Ne consegue
che la successione monotona crescente limitata superiormente, ammette
perci limite che non pu essere maggiore di 2. (In realt proprio 2). Rimane
ovviamente il problema che NON abbiamo dimostrato che la successione
monotona, lo abbiamo solo SUPPOSTO estrapolandolo dal comportamento
dei primi sette termini. E davvero cos ?.(Provare)

2.1. LIMITI DI SUCCESSIONI

2.1.1

35

Esercizi

Negli esercizi 1-4 dedurre lespressione simbolica per il termine generale della
successione
1 1
1 1
,...
1. 1, , , ,
3 9
27 81
2. 3, 6, 9, 12, 15, . . .
3.
4.

1 2 3 4 5
, , ,
,
,...
2 4 8 16 32
1 1 1 1 1 1
, ,
,
,
,
,...
2 5 10 17 26 37
Negli esercizi da 5 a 24 calcolare dapprima i termini a1 , a2 , a5 , a10
(eventualmente in modo approssimato alla quarta cifra decimale). Determinare poi il limn an (se esiste).

5. an = (3/2)n
6. an = (0.8)n

n
7. an = sin 4
n
8. an =
e

9. an = (1/n)n

n
10. an = arcsin 12
11. an = arctan n

12. an = en
!n
39
13. an =
17
14. an = (1.1)n
15. an = (0.9)n
k2
3k2 + 2k + 1
r
3k + 3
17. an = 3
k+1
16. an =

36

CAPITOLO 2. SERIE NUMERICHE

18. an = sin n
19. an = cos

1
n

log (3 + k3 )
20. an =
log (2 + 4k)
21. an = n sin

1
n

22. an = (2n + 3n )1/n


23. an =

n2
en

24. Mostrare che limn x1/n = 0 per tutti gli x > 0

x k
25. Sia ak = 1 +
con x numero reale.
k
(a) Mostrare prima che limk ln (ak ) = x.
(b) Usare la parte (a) per calcolare limk ak

n
1
26. Calcolare limn 1
2n

2.2. SERIE: CONVERGENZA E DIVERGENZA.

2.2

37

Serie: Convergenza e Divergenza.

Una serie una somma di infiniti termini, cio unespressione della forma

X
ak = a1 + a2 + a3 + a4 + + ak + ak+1 +
k=1

1
allora si ha
k2

X
X
1
1 1
1
ak =
=
1
+
+
+
+
2
k
4
9
16
k=1
k=1

Se, per esempio ak =

Se ak = k si ha

ak =

k=1

X
k=1

k = 1 + 2 + 3 + 4 + 5 + 6 +

Il problemi che solleva la definizione di una serie sono i seguenti


Cosa significa sommare infiniti numeri?
Quali serie hanno per somma un numero finito e quali no?
Se una serie ha somma finita come si pu calcolare, o almeno stimare?

2.2.1

Convergenza: Definizioni e Terminologia

P
Consideriamo la serie
k=1 ak = a1 + a2 + a3 + a4 + + ak + ak+1 + .
Chiameremo ak il termine generale k-esimo della serie.
La somma parziale n-esima Sn la somma (finita) dei primi n termini
della serie.
n
X
ak = a1 + a2 + a3 + a4 + + an .
Sn =
k=1

Chiameremo Rn resto n-esimo della serie la dierenza tra la somma infinita


e la somma parziale n-esima, cio

X
Rn = an+1 + an+2 + an+3 + =
ak
k=n+1

Come suggerisce la denominazione Rn ci che rimane della serie una volta


sommati i primi n termini, per cui

n
X
X
X
ak =
ak +
ak = Sn + Rn .
k=1

k=1

k=n+1

38

CAPITOLO 2. SERIE NUMERICHE

Definizione
P 2.23 Se limn Sn = S per qualche valore finito S diremo che
la serie k=1 ak converge ed ha come somma S. Se il limite va allinfinito
diremo che la somma diverge, altrimenti che la serie indeterminata.
Nota 2.24 La definizione ci dice che

ak = lim

k=1

n
X

ak

k=1

se il limite esiste. Poich abbiamo definito S = Sn + Rn la convergenza


di Sn S implica che limn Rn = 0. Inoltre, la convergenza della serie
implica la convergenza della successione delle somme parziali {Sn }
n=1 .
Vogliamo qui ricordare la similitudine con gli integrali impropri per i quali
abbiamo una definizione con le stesse caratteristiche
Z
Z n
f (x) dx = lim
f (x) dx .
n

Esempio 2.25 Dire se converge la serie (serie geometrica)

X
1
.
k
2
k=0

Soluzione. Cominciamo col calcolare le somme parziali, si ha


S0 = 1 = 2 1
3
1
1
S1 = 1 + = = 2
2
2
2
1
1 1
7
S2 = 1 + + = = 2
2 4
4
4
1
15
1 1 1
=2
S3 = 1 + + + =
2 4 8
8
8
1
1
1
1
S4 = S3 +
=2 +
=2
16
8 16
16
Se ne ricava un andamento che dice
Sn = 2

1
2n

1
Ne segue che limn Sn = limn 2 n = 2. La serie converge e la sua
2

P
1
1
1
somma 2. Inoltre Rn = k=n+1 k = 2 Sn = 2 2 n = n .
2
2
2

2.2. SERIE: CONVERGENZA E DIVERGENZA.


Esempio 2.26 Consideriamo la serie

k=1

39

(1)k . Dire se converge o meno.

Soluzione. Scriviamo le somme parziali, si ha:S0 = 1, S1 = 0, S2 =


1, S3 = 0. La successione {Sn }
n=1 allora data da 1, 0, 1, 0, 1, che non
converge n diverge. La serie indeterminata.
Esempio 2.27 Consideriamo adesso la serie (armonica)

X
1
k=0

Cosa possiamo dire del comportamento di questa serie?


Soluzione. La successione selle somme parziali chiaramente monotona
crescente. Il termine Sn si ottiene dal precedente sommandogli il numero
positivo 1/n
Sn = Sn1 +

1
.
n

Sappiamo che le successioni monotone (crescente in questo caso) convergono o divergono, dipendentemente dal fatto che siano o meno superiormente
limitate. Per decidere quindi della convergenza della serie rimane aperto il
problema della limitatezza o meno della successione monotona {Sn }
n=1 .
Nota 2.28 Decidere se una serie converge o meno non sempre semplice
cos come non stato semplice decidere in Analisi I la convergenza degli
integrali impropri. Serie del tipo

X
1
k=0

X
1
e
k
k2
k=0

pongono entrambe il problema della convergenza (notare che in entrambi casi


limk ak = 0) cos come lo ponevano i due integrali impropri
Z
Z
1
1
dx e
dx .
x
x2
1
1
Anche per questi integrali, lintegrando tende a zero per x , ma abbiamo
visto che si hanno risultati diversi, il primo diverge, il secondo converge.
Possiamo provare a disegnare le due serie precedenti per cercare di capire
landamento di crescita

40

CAPITOLO 2. SERIE NUMERICHE

2 4 6 8 10 12 14 16 18 20 22 24 26 28 30

Figura 2.1: Elementi e somme parziali di

2.2.2

1/k

Serie Geometriche e Serie Telescopiche

Le serie geometriche formano una classe importante e semplice.


Definizione 2.29 Una serie geometrica ha la forma

X
k=0

rk = 1 + r + r2 + r3 + r4 + + rn +

Il numero r viene chiamato ragione della serie.


La propriet pi importante delle serie geometriche che non solo facile
decidere della loro convergenza o meno, ma possibile, con pochissimo sforzo,
calcolarne la somma. Infatti si ha
Proposizione 2.30
Sn =

n
X
k=0

rk =

1 rn+1
, r 6= 1
1r

2.2. SERIE: CONVERGENZA E DIVERGENZA.

41

Dimostrazione. Per verificare che la formula vera basta moltiplicare


luguaglianza per (1 r) , si ha
(1 r)

n
X

rk =

k=0

n
X
k=0

n
X

rk r
rk

n
X

rk =

k=0

n
X

n
X
k=0

rk

n
X

r rk

k=0

rk+1

k=0
k=0

1 + r + r2 + r3 + r4 + + rn

r + r2 + r3 + r4 + + rn + rn+1
= 1 rn+1 .

La formula ci fornisce la convergenza

0
n
+
lim r =
n

o meno della serie. Si ha infatti


se |r| < 1
se r > 1
se r 1

Possiamo esprimere e condensare il risultato nel seguente modo.


P
Teorema 2.31 Se |r| < 1 la serie geometrica nk=0 rk converge ed ha come
1
. Se |r| 1 la serie non converge.
somma
1r
1
1
1
Esempio 2.32 Consideriamo la serie 13 + 16 + 12
+ 24
+ 48
, . . . . Cosa possiamo
dire della sua convergenza?

Soluzione. Riscriviamo i termini della serie nel seguente modo,

1 1 1
1
1
1+ + + +
+ .
3
2 4 8 16
Si riconosce che siamo di fronte alla serie data da

1 X 1
3 k=0 2k

la cui ragione 1/2 e la somma data da


1 1
3 1

1
2

2
.
3

42

CAPITOLO 2. SERIE NUMERICHE

Esempio 2.33 Consideriamo la serie


possiamo dire della sua convergenza?

1
,
5

1
10
,

1
,
20

1
40
,

1
,
80

. . . . Cosa

Soluzione. Analogamente a prima, vediamo che possiamo riscrivere il


tutto come

k

1 1 1
1
1
1
1 X
1 + +
=

.
5
2 4 8 16
5 k=0
2
La ragione della serie 1/2 e la somma della serie data da
1 1
1
1
1 =
5 1 2
51+

1
2

1 2
2
=
.
5 3
15

Abbiamo visto come le serie geometriche ci permettano di calcolare la


somma della serie facilmente. La stessa propriet anche delle serie telescopiche Vediamo con un esempio cosa intendiamo con questo nome
Esempio 2.34 Provare la convergenza e trovare la somma della serie

X
k=1

1
k (k + 1)

1
pu essere scomposto, come noto anche
k (k + 1)
dallalgebra studiata per la soluzione degli integrali di funzioni razionali, nella
1
1
forma
da cui
k k+1


X
X
1
1
1
=

.
k (k + 1) k=1 k k + 1
k=1
Soluzione. Il fattore

Costruiamo adesso la somma parziale n-esima Sn . Si ha


X
n
n
n
X
1
1 X 1
1
Sn =

=
k k+1
k k=1 k + 1
k=1
k=1
=

n
X
1
k=1

n+1
X
1
k=2

=1

1
n+1

Dalla prima alla seconda riga si passa notando semplicemente che scrivere
1
1
facendo variare k da 1 ad n equivalente a considerare
mentre k
k+1
k
varia da 1 ad n + 1.

2.2. SERIE: CONVERGENZA E DIVERGENZA.

43

Nota 2.35 Prima di andare avanti vogliamo qui ricordare due comandi di
Maple che possono risultare utili per unanalisi numerica dei problemi che
stiamo arontando. Il primo riguarda la somma delle serie o delle somme
parziali. Il secondo ricorda come si fa a valutare numericamente un espressione o un elemento simbolico
Isum(f(k), k) calcola la somma indefinita di f(k) rispetto a k:
Isum(f(k), k=m..n) calcola la somma di f(k) nellintervallo m..n,
cos calcola f(m) + f(m+1) + ... + f(n);
in entrambi i casi, se Maple non riesce a trovare la soluzione in forma chiusa
da come risposta la funzione stessa.
Ievalf(espressione, n) calcola numericamente il valore dellespressione
con n cifre significative.

2.2.3

Propriet Algebriche delle Serie Convergenti

Come gi visto per funzioni e successioni, combinando tra loro in modo algebrico delle serie si ottengono nuove serie. La combinazione algebrica di serie
convergenti da luogo a serie convergenti.
X
X
Teorema 2.36 Supponiamo che
ak converga al numero A e
bk
k=1
k=1
converga al numero B. Sia una costante. Si ha

X
k=1

(ak bk ) = A B

ak =

k=1

ak = A .

k=1

Queste propriet seguono direttamente dalle propriet analoghe stabilite


per le successioni convergenti.
X 5 + 2k
.
Esempio 2.37 Valutare
k=1
3k
Soluzione. Dividiamo il temine generale della serie data nei due addendi
k
5 + 2k
5
2k
1
2
=
+
=
5
+
. Si ha allora
3k
3k 3k
3k
3

k
X
X
X
5 + 2k
1
2
= 5
+
k
k
3
3
3
k=1
k=1
k=1
= 5

1
1

1
3

1
1

2
3

15
21
+3=
.
2
2

44

CAPITOLO 2. SERIE NUMERICHE

Esempio 2.38 Data la serie geometrica


alla somma parziale S10 .

k=1

3
calcolare il resto relativo
2k

Soluzione. Indicato con R10 il resto si ha

X
X
3
1
1
1
1
=3
= 3 11 + 12 + 13 +
R10 =
k
k
2
2
2
2
2
k=11
k=11

1
1
1 X 1
1
= 3 11 1 + + 2 + = 3 11
2
2 2
2 k=0 2k
= 3

1
211

1
1
2

3
3
=
.
10
2
1024

2.2.4

Convergenza o Meno delle Serie

La conoscenza della somma di una serie risolve in toto il problema di sapere


se una serie converge o meno. Rimane comunque da vedere se e quali sono
i metodi che ci permettano di sapere se una serie convergente o meno.
Cominciamo col notare la condizione necessaria per la convergenza.
Abbiamo definito la convergenza della serie attraverso la convergenza della
sua successione delle somme parziali, cio se esiste finito il limn Sn = S.
Questo fatto implica che la dierenza tra i due termini Sn e Sn1 tenda a
zero per n tendente allinfinito. Ma la dierenza Sn -Sn1 = an ,. si ha cos
Teorema 2.39 (Condizione necessaria per la convergenza)
Se limn an 6= 0 la serie non converge.
Nota 2.40 Fate attenzione allaermazione del teorema. Essa NON garantisce la convergenzaX
della serie se limn an = 0.

La serie armonica
1 / n n un classico esempio. Il teorema garann=1
tisce solo la non convergenza se limn an 6= 0. E quindi, come si dice, un
criterio necessario (se non soddisfatto non c sicuramente convergenza) ma
non suciente
(se soddisfatto la serie potrebbe comunque non convergere,
X
vedi
1 / n ).

Per determinare la convergenza delle serie si ha bisogno di test pi sofisticati che vedremo nel prossimo paragrafo.

2.2. SERIE: CONVERGENZA E DIVERGENZA.


Esempio 2.41 Dire se converge la serie

k=1

2k
.
106 + 2k

Soluzione. Il termine generale della serie an dato da an =


ha che limn an = limn

45

2k
. Si
106 + 2k

2k
= 1. La serie non converge.
106 + 2k

46

CAPITOLO 2. SERIE NUMERICHE

2.2.5

Esercizi

1. La serie

k=0

ak =

k=0

1
converge al numero e 2.718282.
k!

(a) Calcolare a1 , a2 , a5 , ed a10 .


(b) Calcolare S1 , S2 , S5 , e S10 .
(c) Spiegare come mai {Sn } una successione monotona crescente.

(d) Calcolare R1 , R2 , R5 , e R10 .

(e) Spiegare come mai {Rn } una successione monotona decrescente.


(f) Con la calcolatrice o il computer determinare il primo valore di n
per cui Sn dierisce da e meno di 0.001

(g) Con la calcolatrice o il computer determinare il primo valore di n


per cui Sn dierisce da e meno di 0.00001.
2. La serie

k=0

ak =

k=0

2
1
converge
al
numero
1.64493.
k2
6

(a) Calcolare a1 , a2 , a5 , ed a10 .


(b) Calcolare S1 , S2 , S5 , e S10 .
(c) Spiegare come mai {Sn } una successione monotona crescente.

(d) Calcolare R1 , R2 , R5 , e R10 .

(e) Mostrare che Rn < 0.05 per n 20.


(f) Calcolare limn Rn .

3. Considerate la serie

k=0

ak =

k=0

1
5k

(a) Calcolare a1 , a2 , a5 , ed a10 .


(b) Calcolare S1 , S2 , S5 , e S10 .

(c) Mostrare che la successione Sn monotona crescente, limitata


superiormente.
(d) Trovare la somma della serie.
(e) Calcolare R1 , R2 , R5 , e R10 .
(f) Mostrare che la successione Rn monotona decrescente, limitata
inferiormente.
X
X
4. Considerate la serie
ak =
(0.6)n
k=0

k=0

2.2. SERIE: CONVERGENZA E DIVERGENZA.

47

(a) Calcolare a1 , a2 , a5 , ed a10 .


(b) Calcolare S1 , S2 , S5 , e S10 .
(c) Trovare la somma della serie.
(d) Calcolare R1 , R2 , R5 , e R10 .
(e) La successione Sn monotona? Giustificare la risposta.
(f) Valutare landamento della successione Rn .
(g) Mostrare che al successione {|Rn |} monotona decrescente.

(h) Calcolare limn Rn .


5. Considerate la serie

k=0

ak =

(a) Calcolare S1 , S2 , S5 , e S10 .

k=0

1
k + 2k

(b) Mostrare che la successione Sn monotona crescente.


(c) Mostrare che ak 2k per ogni k 0.

(d) Usare (c) per dimostrare che la successione Sn limitata superiormente.


(e) Mostrare che la serie converge.
6. Sapendo che

k=1

X
X 1
1
1
4
calcolare
=
,
.
m=0 (m + 1)4
k=3 k 4
k4
90

7. Trovare il valore della somma delle seguenti serie:

1
1
1
1
1
1
1 1
+ + +
+ . . . + i+4 + ; 2 7 + 8 + + + +
16 32 64 128
2
3 9 27
1
1
+ + n +
81
3
X e n X
X
n
e ;
;
(arctan 1)n ;
(b)
n=1
n=0
n=1
X l l
X 1 k X 3 j
2 +3

;
;,
(c)
l
k=0
j=1
l=1 4
2
4
(a)

8. Mostrare che la serie

n=1

1
diverge.
n + cos n

9. Trovare unespressione per la somma parziale delle seguenti serie. Usare


il risultato per determinare la convergenza o meno della serie. Valutare,
infine, la somma della serie.

48

CAPITOLO 2. SERIE NUMERICHE


(a)

k=0

arctan (k + 1) arctan k ;

n=2

1
;
n (n 1)

X
n
3
;
;
n=1 (n + 1)!
r=0 r 2 + r
X
X

X 1

1

;
ln 1 + 1j ;
cos i .
(c)
m=1
j=1
i=0
m
m+2

(b)

10. Esprimere

m=4

2m+4
come numero razionale.
5m

11. Dire per quali valori di x convergono le seguenti serie.


X

x2k .
k=3
(1 x)k
X
X cos x k X
(b)
(ln x)n ;
;
(arctan x)k
k=1
k=0
k=0
2
X
X x k
X
xk ;
(1 + x)k ;
.
(c)
k=1
k=0
k=0
4
Z m
X

X X Z n+1 1

x
n
e;
dx ;
e dx .
(d)
n=1
n=1
m=0
x2
0
n
(a)

k=0

xk ;

k=0

2.3. CRITERI DI CONVERGENZA E STIMA

2.3

49

Criteri di Convergenza e Stima

In teoria il problema della


convergenza o meno delle serie , come abbiamo
P
visto semplice: la serie
k=0 ak converge ad S se e solo se la successione
delle somme parziali{ Sn } converge ad S.
In pratica il problema si complica alquanto, visto che i casi in cui possibile
calcolare esplicitamente la somma parziale Sn sono pochi. Si deve allora
cercare di costruire criteri che ci permettano di valutare, pur senza poter
calcolare la somma parziale Sn , la convergenza o meno della serie.
Iniziamo lo studio nel caso pi semplice, quando la serie a termini positivi,
cio ak 0 k N. Come abbiamo gi osservato, in questo caso si ha che
S1 S2 S3 Sn Sn+1
La successione delle somme parziali monotona crescente, la domanda da
porsi allora quella di sapere se questa successione o meno superiormente
limitata; in questo caso anche convergente.
Esempio 2.42 Dire se converge la serie

k=0

1
.
2k + 1

1
1
< k k N.
+1
2
X
X 1
X

1
1
<
.
La
serie
convergente e
Ne segue che
k=0 2k + 1
k=0 2k
k=0 2k
X 1
= 2. Ne risulta che anche la serie
sappiamo calcolarne la somma,
k=0 2k
data convergente.

Ci che abbiamo fatto stato: maggiorare la serie data con una serie
convergente e concludere che se la serie con i termini maggiori converge allora
anche la serie data converge.
Precisiamo quanto osservato nel seguente teorema
Soluzione. Notiamo che

2k

Teorema 2.43 (Teorema del confronto per serie a termini positivi)


P
Supponiamo
che k N sia 0 ak bk . Consideriamo le due serie
k=1 ak
P
e
k=1 bk .
P
P
(a) Se la serie
k=1 bk converge allora anche la serie
k=1 ak converge e

X
k=1

(b) Se la serie

k=1

ak

bk .

k=1

ak diverge , allora anche la serie

k=1

bk diverge.

50

CAPITOLO 2. SERIE NUMERICHE

Nota 2.44 Abbiamo supposto che k N sia 0 ak bk . Questo non


completamente necessario. Ci basta che questo avvenga da un certo indice in
poi, cio che esista N N tale che 0 ak bk k N In questo caso

ak

k=N

bk

k=N

Per calcolare la somma mancano i primi termini, ma come noto la somma


di un numero finito di termini sempre finita.
Vogliamo qui notare che un teorema del confronto analogo si aveva per gli
integrali impropri. Si aveva che se 0 a (x) b (x) , 1 x +, allora
Z
Z
a (x) dx
b (x) dx .
1

1
converge. Consid+1
eriamo il valore della somma parziale S10 ; qual lordine di approssimazione
rispetto al valore S della somma della serie?
Esempio 2.45 Abbiamo visto che la serie

k=0 2k

Soluzione. Sappiamo che S = S10 + R10 , cio che


S = S10 + R10 =

10
X
k=0

X
1
1
+
.
2k + 1 k=11 2k + 1

Sappiamo inoltre che vale la disuguaglianza


2k

1
1
< k
+1 2

Ne segue che si ha

Il termine

k=101

X
1
1
<
.
k +1
k
2
2
k=11
k=11

1
pu essere scritto nella forma
2k

X
1
1
1
1
= 11 + 12 + 13 +
k
2
2
2
2
k=11

1
1 X 1
1
1
1
=
.
= 11 1 + + 2 + = 11
2
2 2
2 k=0 2k
210

2.3. CRITERI DI CONVERGENZA E STIMA

51

1
1
Se proviamo a calcolare 10 si ha che 10 9.7656 104 Lerrore che si
2
2
commette al pi sulla quarta cifra decimale.

Lidea del confronto facile da capire. Non sempre, nella pratica, banale
vedere quale sia la maggiorazione da fare. Vogliamo allora considerare un
altro test del confronto che coinvolge luso degli integrali.
E noto che
Z +
Z +
1
1
dx converge .
dx diverge, mentre
x
x2
1
1
Lintuito ci dice che si ha anche

X
X
1
1
diverge, mentre
converge .
2
k
k
k=0
k=0

Vediamo come sostanziamo il nostro intuito.


Supponiamo di aver individuato
una funzione a (x) tale che a (k) = ak , k
X
ak la si pu identificare come una somma
intero. Allora la somma
R + k=1
parziale dellintegrale 1 a (x) dx pensando ad una partizione di [1, +)
di ampiezza 1 fatta sugli interi. Osserviamo il disegno.
1/x
1
0.9
0.8
0.7
0.6
0.5
0.4
0.3
0.2
0.1
0 1

Se

R
1

5 x 6

a (x) dx diverge, allora

k=1

10

ak diverge

Notiamo che tutti i rettangoli hanno larghezza 1 e altezza a (k) = ak ,


quindi la loro area ak . Quindi lidea la seguente la serie rappresenta una
somma parziale superiore (sinistra) quando x varia tra 1 e + quindi
Z +

X
ak
a (x) dx
k=1

52

CAPITOLO 2. SERIE NUMERICHE

Ne segue che se lintegrale diverge anche la serie diverge.


NOTA Il precedente ragionamento richiede (come la figura evidenzia)
che la funzione a (x) sia monotona decrescente, perch solo questa ipotesi
ci garantisce che larea di ogni singolo rettangolo sia maggiore della somma
sinistra.
Consideriamo adesso la seguente figura
1
0.9
0.8
0.7
0.6
0.5
0.4
0.3
0.2
0.1
0 1

Se

R
1

5 x 6

a (x) dx converge, allora

k=1

10

ak converge

Ancora, tutti i rettangoli hanno larghezza 1 e altezza a (k) = ak , quindi


la loro area ak , stavolta
X per il primo rettangolo ha area a2 , poi a3 e cos
ak rappresenta una somma parziale superiore
via. Quindi la serie
k=2
(destra) quando x varia tra 1 e +. Si ha perci

X
k=2

ak

a (x) dx

Mettendo insieme le due disuguaglianze precedenti si ha


Z

a (x) dx

X
k=1

ak a1 +

a (x) dx .

Possiamo allora enunciare il seguente


X
Teorema 2.46 (Test dellintegrale per serie positive) Sia
ak una
k=1
serie a termini positivi e sia a (x) una funzione positiva, monotona decrescente, definita su [1, +) tale che a (k) = ak per ogni intero k N. Si ha

2.3. CRITERI DI CONVERGENZA E STIMA


allora che

k=1

ak converge se e solo se

53

a (x) dx converge. Inoltre,

per il resto n-esimo Rn vale la seguente stima


Rn =

k=n+1

ak

a (x) dx .

P-Serie: Convergenza e Divergenza


X 1
. Esse formano una famiglia
Chiameremo p-serie una serie della forma
k=1 k p
importante anche per gli esempi ed i confronti che ci possono fornire al variare
dellesponente p.
Problema 2.47 Per quali valori di p una p-serie converge?
Dimostrazione. La teoria degli integrali impropri ci dice che
converge se e solo se p > 1. Quindi il test integrale si dice che
X 1
converge se e solo se p > 1.
Una pserie
k=1 k p
X 1
In particolare la serie armonica
diverge.
k=1 k

1
dx
xp

X 1
Esempio 2.48 La serie
converge per il test dellintegrale ad un
k=1 k 3
limite S. Quanto deve essere grande n per essere sicuri che Sn disti da S per
meno di 104 ?.
Soluzione. Bisogna scegliere n in modo che il resto nesimo sia
minore di 0.0001. Il test dellintegrale ci dice che
Z
1
Rn
dx
x3
n
Bisogna perci trovare quale il primo n per cui
Z
1
dx 0.0001
x3
n
Calcoliamo lintegrale,

Z
1 1
1
1
dx = 2 =
3
x
2x n
2 n2
n

54

CAPITOLO 2. SERIE NUMERICHE


Deve perci essere
100
104
1
2
4
= n 70.711 = n = 71 .
=
n

10

2
2n
2
2

Si ha quindi che S71 =


per meno di 0.0001.

X71

k=1

1
1.20196 dista dalla somma S
k3

Esempio 2.49 Dire se converge la serie

k=1

1
.
10k + 1

1
si ha
10x + 1
che monotona decrescente e sugli interi riproduce i termini della
serie. Si pu quindi usare il test dellintegrale. Si ha
n
Z n
Z
1
1
ln (10x + 1)
dx = lim
dx = lim
= +
n 1 10x + 1
n
10x + 1
10
1
1
Soluzione. Se consideriamo la funzione a (x) =

quindi la serie non converge, ma diverge.


Proviamo ad usare anche il test del confronto. Poich 1 k si ha
1
1

10k + 1
11k

per cui

X
k=1

X 1
1
1 X1

=
10k + 1 k=1 11k
11 k=1 k

Lultima la serie armonica, che come abbiamo visto diverge,


quindi diverge anche la serie data (come gi sapevamo).

Il Test del Rapporto: Confronto con una Serie Geometrica


In una serie geometrica
r + r2 + r3 + + rn + rn+1 +

an+1
r e la serie converge se e solo se
an
|r| < 1. Il test del rapporto basato sullo stesso principio ed infatti nella sua
dimostrazione formale si riconduce al confronto con una serie geometrica.

il rapporto tra due termini successivi,

2.3. CRITERI DI CONVERGENZA E STIMA

55

Teorema 2.50 (TestX


del rapporto per serie a termini positivi) Sup
poniamo che la serie
ak sia a termini positivi e che
k=1

lim

ak+1
=L.
ak

Se L < 1, la serie converge;


Se L > 1, la serie diverge
Se L = 1 sono possibili sia la convergenza che la divergenza. Il test non
in grado di dare risposta.
Dimostrazione. (Solo unidea di dimostrazione). Per illustrare la
connessione tra il test del rapporto e le serie geometriche e allo stesso tempo
dare unidea della dimostrazione, consideriamo il caso in cui sia
lim

Come mai la serie

k=1

ak+1
1
= .
ak
2

ak converge?

ak+1
1
=
Lidea che per valori di k abbastanza grande la condizione limn
ak
2
ak
e quindi la serie si comporta come una serie geometrica.
implica che ak+1
2
Supponiamo, per fissare le idee, che sia ak+1 < 0.6 ak per tutti i valori di
k 1000. Si ha allora
a1001 < (0.6) a1000 , a1002 < (0.6) a1001 < (0.6)2 a1000 , a1003 < (0.6)3 a1000
cos

ak

k=1000

= a1000 + a1001 + a1002 + a1003 +

< a1000 1 + (0.6) + (0.6)2 + (0.6)3 + .

Questultima disuguaglianza
Xquella che fornisce il risultato.
ak maggiorata dalla serie geometrica
Essa aerma che la serie
k=1000
X
convergente a1000
(0.6)k .
k=1
La divergenza della serie nel caso L > 1 si dimostra in modo analogo.
Osservazione:

56

CAPITOLO 2. SERIE NUMERICHE

Sono molte le serie per le quali il test del rapporto tende ad 1. In


queste situazioni niente si pu dire del comportamento della serie. Notiamo,
per esempio che questo il caso per le p-serie P
qualunque
lindice

P sia
P p.k
k
Il criterio funziona bene per serie del tipo 1/k! ,
r e
1/ 2 + 3
in cui lindice k compare come esponente o fattoriale.
X 1
Esempio 2.51 Mostrare che la serie
converge. Cercare di indik=0 k!
viduare il suo limite.
Soluzione. Usiamo il test del rapporto. Si ha
lim

ak+1
k!
1
= lim
= lim
=0.
k
k
ak
(k + 1)!
k+1

La serie converge. Non solo, come possiamo vedere calcolando i primi termini
alla decima cifra decimale, essa converge rapidamente.
S5 =
S10
S100

5
X
1
= 2.716666667 ;
k!
k=0

10
X
1
=
= 2.718281801 ;
k!
k=0
100
X
1
=
= 2.718281828 ;
k!
k=0

Come possiamo notare, le cifre della somma S100 sono uguali a quelle dellapprossimazione alla decima cifra decimale, del numero e. Ci possiamo allora
domandare se la somma della serie proprio il numero e. La risposta
positiva.

X
1
=e
k!
k=0

100k
.
k=0
k!
Soluzione. Applichiamo il test del rapporto. E

Esempio 2.52 Dire se converge la serie

lim

ak+1
100k+1 k!
100
=0.
= lim
= lim
k
k (k + 1)! 100
k k + 1
ak

La serie quindi converge. Il risultato ci dice che nonostante il termine 100k


cresca molto velocemente k! cresce ancora pi velocemente.

2.3. CRITERI DI CONVERGENZA E STIMA

2.3.1

57

Esercizi

1. Usare il test del confronto per mostrare che la serie


(a) converge;

k=0

1
k + 2k

(b) mostrare che 0 R10 210 ;

(c) dire qual il minimo valore di n per cui S Sn < 105 ;

(d) dire se la stima di (c) per eccesso o per difetto.


2. Considerare la serie

k=0

1
2 + 3k

(a) mostrare che la serie converge;


(b) stimare il valore del limite con un errore massimo di 0.001 ;
(c) dire se la stima di (b) per eccesso o per difetto.
3. Nei prossimi esercizi supporre che a (x) sia continua, positiva, decrescente per tutti gli x 1 e che a (k) = ak per tutti gli interi k 1
Si possono usare, per esempio, i comandi leftbox e rightboxm per
disegnare grafici che aiutino a rispondere.
X
X
R
(a) dati i numeri
ak , 1 a (x) dx ,
ak ordinarli in ordine
k=1
k=2
crescente;
X
R
R
ak , n a (x) dx , n+1 a (x) dx
(b) fare la stessa cosa per
k=n+1
Xn
R n+1
ak
(c) mostrare che 1 a (x) dx
k=1
X
R
R
ak an+1 + n+1 a (x) dx n a (x) dx.
(d) mostrare che
k=n+1

4. Negli esercizi che seguono, usare il test dellintegrale per trovare un


limite superiore ed uno inferiore alla somma della serie
(a)
(b)
(c)

k=0

k=1
X
k=1

1
k2 + 1
k ek
1

k k

5. Mostrare che la serie

n=2

1
diverge
n log n

58

CAPITOLO 2. SERIE NUMERICHE


6. Mostrare che la serie

7. Mostrare che la serie


8. Data la serie

n=2

n=2

1
diverge
(log n)2
1
diverge
(log n)n

k=1

(a) spiegare perch il criterio dellintegrale non pu essere usato


(b) mostrare che la serie converge.
9. Usare il criterio del rapporto per mostrare la convergenza delle seguenti
serie
X n2 X 2k X j!
,
,
n=0 n!
k=0 k!
j=0 (2j)!
X i2 X arctan n
X ln k
(b)
,
,
i=1 2i
n=0 1 + n2
k=0 k 2
(a)

10. Determinare la convergenza o meno delle seguenti serie.


1
1
1
1
+
+
+
+
1000 2000 3000 4000
X
m2
(b)
m=1 1 + m5
X
1

(c)
3
n=1
1 + n2
X
k2
(d)
k=0 1 + k 3

X
k
(e)
k=0 k 2 + k + 1
X
1

(f)
n=1
1 + n3
1 1 1 1 1 1 1 1
1
(g) 1 + + + +
+
2 2 4 3 6 4 8 5 10
(a)

X
an una serie a
11. Criterio di condensazione di Cauchy. Sia
n=1
termini positivi tale che an+1 an per tutti gli n 1

2.3. CRITERI DI CONVERGENZA E STIMA

59

(a) Sia m 1 un numero intero. Spiegare perch


2m1 a2m a2m1 +1 + a2m1 +2 + + a2m 2m1 a2m1
X2m
1 Xm n
2 a2n
an
(b) usare il risultato di (a) per mostrare che
n=2
n=1
2
X
X
2n a2n diverge allora
an
(c) usare (b) per mostrare che se
n=1
n=1
diverge
(d) X
siano m ed X
n interi tali che n 2m . Usare (a) per mostrare che
n
m
ak
2k1 a2k1
k=2
k=1
X
2k a2k converge, allora con(e) usare (d) per mostrare che se
k=1
X
verge anche
ak .
k=1

X 1
12. Usare lesercizio precedente per mostrare che la serie armonica
k=1 k
diverge
X
1
13. Usare lesercizio (11) per mostrare che la serie
p converge
k=2 k (ln k)
se p > 1 , diverge altrimenti.

60

CAPITOLO 2. SERIE NUMERICHE

2.4

Serie a Segni Alterni

I criteri del confronto, dellintegrale e del rapporto si applicano solo a serie


a termini positivi. Queste non sono, come ovvio, le uniche serie possibili. Ci
sono serie a segni alterni che sono di notevole interesse.
Esempio 2.53 Consideriamo la serie a segni alterni

X
(1)n+1
n=1

=1

1 1 1 1
+ +
2 3 4 5

Cosa possiamo dire del suo comportamento?


Soluzione. A questo livello di conoscenza non siamo in grado di usare
nessuno dei criteri noti per poter dare una risposta definitiva. Possiamo,
prima di cercare un metodo teorico che ci permetta una risposta, provare ad
usare i software che abbiamo usato lungo tutto il volume, per avere conferma
ad intuizioni o confronto con i calcoli fatti.
Usando, per esempio il comando sum di Maple, possiamo scrivere
>sum((-1)^(n+1)*(1/n), n=1..N);
e calcolare la somma (arrotondata, per esempio alla decima cifra decimale). Facciamolo per N=3, 5, 10, 30, 100, 1000 si ha
X3

n=1

X10

n=1

X100

n=1

X5 (1)n+1
(1)n+1
0.8333333333
0.7833333333
n=1
n
n
X30 (1)n+1
(1)n+1
0.6456349206
0.6767581377
n=1
n
n
X1000 (1)n+1
(1)n+1
0.6881721793
0.6926474306
n=1
n
n

Si nota chiaramente che passando da dallindice 10 in poi le somme rimangono


al di sotto del numero 0.7.
Costruiamo anche il grafico che ha in ascisse lindice N ed in ordinate
XN (1)n+1
Per fare ci usiamo il seguente comando di Maple
n=1
n
>pointplot({seq([n,sum(((-1)^(k+1))*(1/k),k=1..n)],n=1..100)});
Si ottiene

2.4. SERIE A SEGNI ALTERNI

61

Grafico delle somme parziali per N = 1, ..., 100


A causa dei segni alterni, le somme parziali salgono e diminuiscono alternativamente tenendosi una volta sotto e laltra sopra il valore della somma che sembra essere nellintorno di 0.69. In eetti si pu dimostrare (non
X (1)n+1
banalmente) che
= ln 2 0.6931471806.

n=1
n

2.4.1

Convergenza e Convergenza Assoluta

X (1)n+1
serve bene ad illustrare il fatto che
n=1
n
X 1
mentre essa converge, la serie dei suoi valori assoluti
diverge, come
n=1 n
abbiamo visto usando il test dellintegrale.
La serie a segni alterni

X (1)n+1
Esempio 2.54 Converge la serie
? Se si cosa si pu dire
n=1
n2
della convergenza della serie dei valori assoluti?
Soluzione. Pur non avendo ancora un criterio per decidere della convergenza o meno delle serie a segni alterni, potremmo
!
operare come prima
XN (1)n+1
al
e calcolare al computer, o far disegnare, il grafico N,
n=1
n2
variare di N .
Per fare i conti, un modo usare il comando Maple (Provare a fare)
>sum((-1)^(n+1)/n^2, n=0..N); (dove N il numero scelto)
Scopriremmo che la serie converge. Non solo, se adesso consideriamo la
X 1
che, come sappiamo, converge.
serie dei valori assoluti essa
n=1 n2

62

CAPITOLO 2. SERIE NUMERICHE

Siamo cos di fronte a due serie a segni alterni che, pur convergendo,
hanno propriet diverse rispetto al comportamento delle serie dei loro valori
X (1)n+1
assoluti. Nel secondo caso
converge cos come la serie dei
2
n=1
n
X 1
suoi valori assoluti
.
n=1 n2
X
Definizione 2.55 Diremo che la serie a segni alterni
(1)n+1 an ,
n=1
an 0 converge X
assolutamente se converge ed inoltre, converge la serie

an .
dei valori assoluti
n=1

Vogliamo qui ricordare (solo perch molto particolare e da riflettere) una


propriet stupefacente delle serie che non convergono assolutamente, che
contrasta totalmente con la nozione di propriet commutativa della somma.
X
(1)n+1 an convergente ma non assolutamenProposizione 2.56 Sia
n=1
te convergente. Sia L un qualsiasi numero reale. Allora i termini della serie
possono essere riordinati in modo tale che

(1)n+1 an = L

n=1

Che relazione c tra convergenza ed assoluta convergenza delle serie a segni alterni? Abbiamo gi visto che la convergenza NON implica la convergenza
assoluta. Daltra parte sappiamo, dalla teoria degli integrali generalizzati che
Z
Z

f
(x)
dx
| f (x)| dx

cio che se una funzione assolutamente convergente, allora anche convergente. Lo stesso criterio si applica alle serie a segni alterni
X
an una serie a termini non necessariamente posTeorema 2.57 Sia
X n=1
X
itivi. Se la serie
an e si
|an | converge, converge anche la serie
n=1
n=1
ha

X X

a
|a |

n=1 n n=1 n

Lidea della dimostrazione quella di scrivere la serie originaria come


somma di due serie, una costruita con tutti i termini positivi e laltra con
quelli negativi e mostrare che entrambe le serie convergono.

2.4. SERIE A SEGNI ALTERNI

63

X sin k
?
k=1 k 2
X |sin k|
1
|sin k|
Soluzione. Consideriamo la serie
. Si ha
2 e
2
2
k=1
k
k
k
X |sin k| X 1
quindi
che una serie convergente. Il criterio del

k=1
k=1 k 2
k2
X |sin k|
confronto ci dice che anche
convergente. Ne segue quindi che
k=1
k2
X sin k
converge.

k=1 k 2
X
Esempio 2.59 Per quali valori del numero x converge la serie
k xk ?
Esempio 2.58 Converge la serie

k=1

Soluzione. Usiamo il test del rapporto per verificarne lassoluta convergenza (il numero x potrebbe non essere positivo).

(k + 1) xk+1

= lim k + 1 |x| = |x|


lim
n k
k
n
kx

Il criterio del rapporto ci dice che se |x| < 1 la serie converge, se |x| > 1 la
serie diverge.
Rimane da vedere cosa accade per |x| = 1. Si vede immediatamente che in
questo caso il termine generale della serie NON tende a zero quando n .
Non essendo soddisfatta la condizione necessaria per la convergenza delle
serie, la serie non converge.

X100
Esempio 2.60 Un calcolo col computer di S100 =
(1)k+1 k3 da
k=1
come risultato 0.901542. Qual lordine di grandezza dellerrore rispetto al
valore della somma S ?
Soluzione. E
100

X
X
X
S=
(1)k+1 k3 =
(1)k+1 k3 +
(1)k+1 k 3 = S100 + R100
k=1

k=1

k=101

Dobbiamo stimare R100

X
X

k+1 3
k+1 3
(1) k
|R100 | =
(1) k

k=101
k=101

X
1
1
1
3
= 0, 00005
k <
dx = 2 =
=
3
x
2
x
20,
000
101
101
k=101

La stima S S100 0.901542 buona almeno fino alla quarta cifra decimale.

64

2.4.2

CAPITOLO 2. SERIE NUMERICHE

Convergenza e Stima dellErrore

Per la maggior parte delle serie, a termini positivi o meno, il test dellassoluta
convergenza normalmente lopzione
Nel caso di serie a segni
X migliore.
k+1
(1) ak , ak 0 si pu usare un
alterni, cio di serie della forma
k=1
test pi ecace sia nel determinare la convergenza che a stabilire lerrore nel
troncamento della somma.
X
1
Unidea precisa la fornisce la serie
(1)k+1 che abbiamo gi consik=1
k
derato. Riscriviamo le prime somme parziali, si ha
S1 = 1
S2 = 1
S3 = 1
S4 = 1
S5 = 1
S6 = 1

1
2
1
2
1
2
1
2
1
2

= S1

1
3
1
+
3
1
+
3
1
+
3
+

1
2

= S2 +

1
3

1
1
= S3
4
4
1 1
1
+ = S4 +
4 5
5
1 1 1
1
+ = S5
4 5 6
6

Si ha allora, (controllare il grafico delle somme parziali della serie)


S1 > S3 > S5 > > S2
S2 < S4 < S6 < < S1
Considerando le due successioni {S2n+1 } e {S2n }vediamo che la prima
monotona decrescente, limitata inferiormente da S2 , mentre la seconda
monotona crescente, limitata superiormente da S1 . Ne segue che sono entrambe convergenti, inoltre
S2n+1 S2n =

1
0 per n
2n + 1

quindi {S2n+1 } e {S2n } hanno lo stesso limite S, somma della serie. Inoltre
poich an+1 < an ne segue che

X
1
1

(1)k+1 <
|Rn | =

k n + 1
k=n+1

Partendo da questo esempio, possiamo enunciare il seguente teorema

2.4. SERIE A SEGNI ALTERNI

65

Teorema 2.61 (Criterio di Liebnitz) Consideriamo la serie

(1)k+1 ak

k=1

e supponiamo che sia:


I a1 a2 a3 0 ;
I limk ak = 0.
Allora la serie converge ed il suo limite S giace tra due qualsiasi somme
parziali successive, cio, per ogni n 1 si ha Sn S Sn+1 oppure Sn+1
S Sn . In particolare,
|S Sn | an+1 .
La dimostrazione segue essenzialmente i passi che abbiamo fatto conP
k+1 1
. Si tratta di rendere formale ed
siderando il caso della serie
k=1 (1)
k
1
astratto il ragionamento sostituendo ak al termine .
k
P
k+1 1
Esempio 2.62 Consideriamo la serie
. Cosa ci dice il
k=1 (1)
k3
criterio di Liebnitz sulla convergenza e su S100 ?
1
Soluzione. In questo contesto ak = 3 . Il teorema ci dice non solo che
k
la serie converge, cosa che avevamo gi visto, ma anche che
|S S100 | < a101 =

1
9.705901479 107
1013

cio che lerrore che si commette sostituendo S100 0.901542 ad S dellordine di 0, 000001 (un milionesimo). Equivalentemente, essendo S101

0.901543 possiamo aermare che S compreso tra S100 e S101 .


P
n
n+1
Esempio 2.63 La serie
converge o diverge?
n=1 (1)
n+1

Soluzione. A prima vista sembrerebbe si potesse applicare il test sulle


serie a segni alterni. La serie a segni alterni, ma unipotesi importante
del teorema, e condizione necessaria per la convergenza delle serie non
soddisfatta. Infatti
n
lim
=1
n n + 1

Quindi, poich il termine generale della serie NON tende a zero, la serie non
converge.

66

CAPITOLO 2. SERIE NUMERICHE

Esempio 2.64 Determinare la convergenza o meno della serie

X
k=1

k2

sin k
.
+k+1

Soluzione. Poich non siamo in grado di dire, con immediatezza se


la serie a segni alterni, proviamo dapprima a vedere se la serie converge
assolutamente. Si ha

sin k
|sin k|
1
1

k2 + k + 1 = k2 + k + 1 k2 + k + 1 < k2
Da cui

X sin k X
sin k X
1

2
2

k + k + 1
k +k+1
k2
k=1

k=1

k=1

Lultima serie, come noto, converge. Ne consegue che la serie data converge
assolutamente.

2.4. SERIE A SEGNI ALTERNI

2.4.3

67

Esercizi

1. Consideriamo la serie 1 + 2 + 3 + 4 + 5

1 1 1 1
+ +
6 7 8 9

(a) dire se la serie converge a qualche limite S ;


(b) la serie converge assolutamente?
(c) Calcolare S15 . Dire se sovrastima o sottostima S e perch;
(d) Usando Maple si ottiene S60 14.902 .Usare questo risultato per
trovare una buona stima per eccesso e per difetto di S. Spiegare
la risposta;
(e) Dire quanto vale la somma della serie.
2. Abbiamo mostrato che la serie

X
k=1

k2

sin k
+k+1

converge ad un qualche limite S.


(a) Calcolare S50 (non a mano)
Z
dx
;
(b) spiegare perch |R50 |
2
50 x
(c) usare (b) per dare una stima per eccesso e per difetto di S.
P
3. Supponiamo che la serie
k=1 ak converga assolutamente.

P ak
converge.
k=1
k
P
ak
converga. Si pu aermare che
(b) Supponiamo che la serie
k=1
k
P
la serie k=1 ak converge? Giustificare la risposta.
(a) Mostrare che la serie

4. Mostrare che le serie


mente.

k=1

(1)k

k2

k
converge ma non assoluta+1

5. Mostrare che le seguenti serie convergono. Calcolare poi la somma con


un errore inferiore a 0.005.
(a)

k=1

(1)k

1 X
1
;
(1)k 2
4
k=1
k
k + 2k

68

CAPITOLO 2. SERIE NUMERICHE


X (2)k X (3)k
;
k=0 7k + k
k=0 (k 2 )!
X
k10 X
k10
(1)k k ;
(1)k
(c)
k=0
k=1
10
(k + 1) 2k

(b)

X
n
(1)n 2
converge e se converge assoluta6. Dire se la serie
n=2
n 1
mente.
Z +
dx
7. Sia ak =
2
x 1
k
(a) valutare limk ak ;
X
(1)k ak converge e converge assolutamente.
(b) dire se la serie
k=1

X ln k
?;
k=2 k p
X
ln k
(1)k p ?;
9. Per quali valori di p converge la serie
k=2
k
X
ln k
(1)k p ?;
10. Per quali valori di p converge assolutamente la serie
k=2
k
8. Per quali valori di p converge la serie

11. Per le seguenti serie determinare se esse convergono assolutamente,


convergono o meno. Per le serie convergenti dare una stima per eccesso
e difetto con un errore inferiore a 104 .
X
1
1 X
1
(1)k ,
(1)k 2 ,
(3)n 3 ;
k=1
k=1
n=1
k
n
k
X sin m X
X
cos n
ln k
(b)
;
;
;
(1)k
3
m=1 m
k=1
n=1
k
n
X
X
k
m3 X (2)k
;
(1)k
(1)m m ;
;
(c)
k=1
m=1
k=1 2k + 3k
2k + 1
2
X
X
m!
arctan n
;
(1)m
(1)n+1
(d)
2
m=0
n=1
(m )!
n
(a)

Capitolo 3
Serie di Potenze
Una serie di potenze una serie della forma
2

a0 + a1 x + a2 x + a3 x + a4 x + + an x + =

ak xk

k=0

Le costanti ak sono chiamate coecienti di xk . Il simbolo x indica la variabile. Una serie di potenze pu convergere per alcuni valori di x e divergere
per altri.
Esempio 3.1 (Serie geometrica) Tra le serie di potenze pi semplici
possiamo considerare la serie
S (x) =

X
k=0

xk = 1 + x + x2 + x3 + x4 +

(dove ovviamente ak = 1 k 1). Dire per quali valori di x converge.


Soluzione. Supponiamo x fissato e applichiamo alla serie numerica il
criterio del rapporto, si ha
n+1
x
lim n = lim |x| = |x|
n
n
x

Poich il criterio del rapporto implica convergenza per valori del limite minori
di uno, si ha convergenza se |x| < 1 e divergenza se |x| > 1. Verifichiamo
cosa accade per |x| = 1. P
Per x = 1 si ha la serie
k=0 1 che chiaramente diverge, mentre per x =
P
k
1 si ha la serie k=0 (1) che indeterminata. Ne segue che la serie
converge solo per |x| < 1.
69

70

CAPITOLO 3. SERIE DI POTENZE

E possibile calcolare la somma della serie? Sappiamo che la somma della


P
1
k
quando |a| < 1 ne segue che
serie numerica
k=0 a data da
1a
S (x) =

X
k=0

xk =

1
se |x| < 1
1x

X 1
Esempio 3.2 Sappiamo che la serie
converge. Consideriamo al
k=0 k!
X 1
xk . Questa serie converge chiaramente per
serie di potenze S (x) =
k=0 k!
x = 1 ed S (1) = e. Per quali altri valori di x converge la serie?
Soluzione. Usiamo il test del rapporto per valutare la convergenza
assoluta della serie. Per ogni valore dellingresso x
k+1

k!
ak+1 xk+1
|x|
= lim x
lim
=0
= lim

k
k
k
k (k + 1)! |x |
k k + 1
ak x

Il test del rapporto ci dice che il limite minore di uno (vale 0) per ogni
valore di x, cio che la serie data converge per ogni valore dellingresso x.
X 1
Si pu mostrare che la serie
xk converge a ex per ogni x. In particok=0 k!
X 1
lare e =
2.718281828450945 approssimato alla sedicesima cifra
k=0 k!
decimale.

Come abbiamo fatto per le serie numeriche, possiamo calcolare le somme


parziali di una serie di potenze
Sn (x) =

n
X
k=0

ak xk = a0 + a1 x + a2 x2 + a3 x3 + a4 x4 + + an xn

Come si nota immediatamente Sn (x) un polinomio di grado n. I polinomi


sono facili da derivare ed integrare, termine a termine.
Con la dovuta attenzione allintervallo di convergenza, le serie di potenze
mantengono la stessa propriet.
Nota 3.3 (Scelta del Centro o Punto Centrale) Consideriamo le seguenti espressioni polinomiali

3.1. SERIE DI POTENZE COME FUNZIONI

71

p (x) = x2 2x + 2
q (x) = (x 1)2 + 1
r (x) = (x 2)2 + 2 (x 2) + 2
Esse rappresentano sostanzialmente la stessa funzione. La loro dierenza
solo nella scelta di evidenziare un punto centrale (o centro) rispetto al
quale esprimere lespressione polinomiale. Lespressione p (x) centrata in
x = 0, lespressione q (x) centrata in x = 1 ed infine lespressione r (x)
centrata in x = 2.
Esse rappresentano tre traslazioni della stessa funzione. La scelta della espressione dipende solo dal punto intorno al quale si vuole focalizzare lattenzione
nello studio del comportamento del polinomio.
Lo stesso tipo di ragionamento lo applichiamo alle serie di potenze. Per
esempio, le due serie

X
k=0

k k

2 x

X
k=0

2k (x 1)k

hanno come base x = 0 la prima, e x = 1 la seconda. La seconda pu essere


letta come la traslazione (della quantit 1) della prima, nel senso che il comportamento nellintorno di x = 1 della seconda identico al comportamento
intorno a x = 0 della prima.

3.1

Serie di Potenze come Funzioni

Ogni serie di potenze


S (x) =

X
k=0

ak xk = a0 + a1 x + a2 x2 + a3 x3 + a4 x4 + + an xn +

definisce, in modo naturale, una funzione x S (x) . Per ogni valore di x,


S (x) il valore della somma della serie, se la somma esiste.
Come sappiamo, ogni funzione definita attraverso una formula ha un suo
dominio naturale: linsieme degli x per cui la formula ha senso. La stessa
cosa vale per le serie di potenze; il dominio di una serie, pi noto come intervallo di convergenza linsieme degli x per cui la serie converge.
X
Abbiamo visto, per esempio che linsieme di convergenza della serie
xk
k=0
X xk
ha intervallo di conver lintervallo (1, 1), mentre per la serie
k=0 k!
genza (, +) .

72

CAPITOLO 3. SERIE DI POTENZE

Esempio 3.4 Qual lintervallo di convergenza della serie


Soluzione. Possiamo riscrivere la serie nella forma
S (x) =

2k xk =

k=0

k=0

2k xk ?

(2 x)k

k=0

Questa una serie geometrica di ragione 2x. Noi sappiamo che una serie
geometrica converge se la ragione minore di uno; deve allora essere |2x| <
1
1 = |x| < . In questo caso la somma della serie data da
2
S (x) =

(2 x)k =

k=0

1
1 2x

Il primo problema, nellarontare lo studio di una serie di potenze quello di trovare lintervallo di convergenza, cos come per le funzioni il primo
problema trovare il dominio di definizione. In molte situazioni il test del
rapporto utile allo scopo. Mostriamo il suo uso con un esempio.
Esempio 3.5 Trovare lintervallo di convergenza della serie
2

1 + 2x + 3x + 4x + 5x + =

kxk1

k=1

Provare a individuare la somma della serie.


Soluzione. Usiamo il test del rapporto per verificare la convergenza
assoluta della serie.

ak+1
(k + 1) xk
= lim
= lim (k + 1) |x| = |x|
lim

k k
k1
k
k
ak
kx

Quindi la serie converge per |x| < 1 e diverge per |x| > 1. Per |x| = 1 il test
non da risposta, ma basta notare che in questo caso il termine generale della
serie NON tende a zero per aermare che anche in questo caso la serie non
converge. Se ne conclude che la serie converge solo per |x| < 1.
In un esempio precedente abbiamo visto che
S (x) = 1 + x + x2 + x3 + x4 + x5 + =

1
1x

3.1. SERIE DI POTENZE COME FUNZIONI

73

con la serie che converge per |x| < 1. Se si derivano il primo ed il secondo
membro si ha
S 0 (x) = 1 + 2x + 3x2 + 4x3 + 5x4 + =

1
(1 x)2

E allora ragionevole aspettarsi che

X
k=1

kxk1 =

1
(1 x)2

Rimane un problema da arontare per essere sicuri di ci che abbiamo fatto.


La propriet che la derivata della somma uguale alla somma delle derivate
stata ricavata nel caso di un numero FINITO di addendi; ormai sappiamo
che il passaggio da somme finite a somme infinite implica molti problemi.
Dobbiamo assicurarci che ci che abbiamo fatto abbia senso. Per il momento, non avendo ancora stabilito la teoria, possiamo provare a vedere cosa
accade per un punto particolare (NON una dimostrazione). Prendiamo,
per esempio x = 1/2 e vediamo cosa si ottiene. Da una parte si ha
k1

X
1
k
2
k=1
dallaltra
1

2 = 4 .
1 12

Valutiamo (con software) la somma della serie, si ha


k1

X
1
k
3.999958038
2
k=1
Levidenza numerica ci suggerisce luguaglianza.

Nota 3.6 Per quanto loperazione fatta sembri corretta, rimangono due di
problemi da arontare:
I E legittimo derivare una serie termine a termine?
I Su quale intervallo la serie derivata converge?
Daremo una risposta a queste domanda tra breve.

74

CAPITOLO 3. SERIE DI POTENZE

Esempio 3.7 Integriamo la serie geometrica S (x) =


x2 + x3 + termine a termine. Si ottiene

k=0

xk = 1 + x +

X xk
x2 x3 x4
+
+
+ =
.
T (x) = x +
2
3
4
k
k=1

Qual linsieme di convergenza di T (x) ? Qual la somma ?


Soluzione. Poich S (x) converge (assolutamente) per |x| < 1 lecito
aspettarsi la stessa cosa per T (x) . Controlliamo usando il test del rapporto,
si ha

ak+1 xk+1

= lim |x| k = |x|


lim
k
k
ak x k
k+1

quindi, come ci apettavamo, T (x) converge assolutamente nellintervallo


(1, 1) .
Vediamo cosa accade agli estremi. Ponendo x = 1 si ottengono le due serie
numeriche

X
1
T (1) =
,
k
k=1

X
(1)k
T (1) =
.
k
k=1

Come sappiamo, la prima serie diverge, mentre la seconda converge (ma non
assolutamente). La serie T (x) converge allora nellintervallo [1, 1) .
Poich abbiamo ottenuto T (x) integrando S (x) lecito pensare una relazione
equivalente per i limiti:
1 + x + x2 + x3 + =

x2 x3 x4
1
= x +
+
+
+ = ln (1 x) .
1x
2
3
4

Facciamo un test, per esempio per x = 1/2 ; si ha


20
X
(1/2)k
0.69314714 e
k
k=1

ln 1/2 0.69314718

(i calcoli sono ovviamente stati fatti con il computer).

Nota 3.8 Per quanto loperazione fatta sembri corretta, rimangono due di
problemi da arontare:
I E legittimo integrare una serie termine a termine?
I Su quale intervallo la serie derivata converge?

3.1. SERIE DI POTENZE COME FUNZIONI

75

Daremo una risposta a queste domanda tra breve.


X
Esempio 3.9 Consideriamo la serie di potenze
k! xk . Dire dove conk=0
verge.
Soluzione. La serie converge certamente per x = 0. Se x 6= 0 il test del
rapporto da

ak+1 xk+1

= lim |x| (k + 1)! = lim k |x| = +


lim
k
k
k
ak x k
k!

Il test del rapporto ci dice per ogni x 6= 0 la serie NON converge. La serie
converge quindi solo per x = 0.

3.1.1

Cosa Dicono gli Esempi

Gli esempi precedenti illustrano bene alcune propriet importanti delle serie
di potenze e dei loro insiemi di convergenza.
X
ak xk converRaggio di convergenza. Tutte le serie di potenze
k=0
gono per x = 0 . La vera questione questa:
Quanto si pu discostare x da zero senza distruggere la convergenza ?
In tutti gli esempi fatti, linsieme di convergenza un intervallo centrato
nellorigine. Questo fatto non casuale. Il dominio di convergenza di ogni
serie di potenze un intervallo centrato nellorigine. Il suo raggio chiamato
raggio di convergenza della serie.
Enunciamo un teorema che mette insieme tutti questi fatti.
X
Teorema 3.10 Sia S (x) =
ak xk una serie di potenze e sia C un
k=0
numero reale. Se S (x) converge per x = C allora converge per ogni |x| < C.
Dimostrazione. (Idea della dimostrazione per C X
> 0 ) Supponiamo che
X

ak xk converga per x = C > 0, quindi la serie


ak C k converge.
k=0
k=0
Allora il termine generale della
serie ak C k 0 quando k .
X

ak xk con |x| < C e confrontiamola con


Consideriamo adesso la serie
k=0
X
la serie
ak C k . Si ha che
k=0

ak xk x k

ak C k = C < 1

76

CAPITOLO 3. SERIE DI POTENZE

poich |x| < C. Quindi

X
X
k X

a
x
a
ak C k .
x
<

k
k

k=0

k=0

Il criterio del confronto ci dice che

k=0

k=0

ak xk converge se |x| < C.

Se C < 0 la dimostrazione analoga.


Cosa accade agli estremi. Abbiamo visto dagli esempi che la serie convergeva in un intervallo aperto (1, 1) , o in un intervallo semichiuso [1, 1)
o altro. Per saper cosa accade negli estremi ci che si deve fare calcolare la
serie numerica in quei punti e valutare. Ci che comunque pi interessa il
raggio di convergenza.
Raggio di convergenza. Negli esempi sopra il raggio di convergenza
era R = 1 ; in realt sono possibili raggi di convergenza di qualsiasi valore
X xk
positivo. Per sincerarsene considerate la serie
e verificate che il
k=0 Rk
raggio di convergenza R.

3.1.2

Convergenza delle Serie di Potenze

Per ogni n 0 , la somma parziale n-esima della serie di potenze S (x) =


X

ak xk il polinomio
k=0

pn (x) = a0 + a1 x + a2 x2 + a3 x3 + + an xn .
Aermare che la serie di potenze converge nellintervallo (R, R) significa
che, per ogni x nellintervallo pn (x) S (x) quando n . IlX
seguente

grafico ci da leetto visivo di ci che accade nel caso della serie


xk
k=0
1
nellintervallo (1, 1)
che sappiamo convergere a
1x

3.1. SERIE DI POTENZE COME FUNZIONI

77

8
6
4
2

-0.8

-0.6

k=0

-0.4

-0.2

xk converge a

0.2

0.4x

0.6

0.8

1
in (1, 1)
1x

1
e dei primi sette polinomi p0 (x) , p1 (x) ,
1x
, p6 (x) . Si vede che al crescere dellindice essi approssimano sempre
meglio la funzione limite.
Sono qui disegnati i grafici di

Nota 3.11 Per finire, vorremmo notare la dierenza lessicale ma anche sintattica che esiste nelle due seguenti aermazioni:
1) per ogni x (R, R) i polinomi approssimanti pn (x) convergono a S (x) ;
2) i polinomi approssimanti pn (x) convergono a S (x) per ogni x (R, R)
Tradotta nel linguaggio formale la prima aerma che:
x (R, R) , > 0 N tale che n > N = |S (x) pn (x)| <
la seconda
> 0 N tale che n > N = |S (x) pn (x)| < x (R, R) .
Ovvero:
- nella prima si fissa x ed , quindi si trova N , che dipende sia da x che da
(N = N (x, )), infine si considera la dierenza tra polinomio e somma nel
punto fissato ;
- nella seconda si fissa solo in dipendenza del quale si trova N (che quindi
dipende solo da , N = N ()), e si mostra che la dierenza tra polinomio e
somma vale per tutti i punti nellintervallo.

78

CAPITOLO 3. SERIE DI POTENZE

La prima si chiama convergenza puntuale (si fissa il punto), la seconda


convergenza uniforme.
Si pu dimostrare che la convergenza dei polinomi approssimanti uniforme
in ogni intervallo chiuso contenuto in (R, R) .

3.1. SERIE DI POTENZE COME FUNZIONI

3.1.3

79

Esercizi

1. Trovare il raggio di convergenza delle seguenti serie


X x k X xk
;
k=0
k=1 k 2k
2
X xk
X
xn
;
(b)
k=1
n=1 n2 + 1
k
X
X
xn
n n
n x ;
(c)
n=1
n=0 n! + n
(a)

2. Trovare raggio ed intervallo di convergenza delle seguenti serie


(a)
(b)
(c)
(d)

( 3x)m
( 3x) ;
i=1
m=0
m!
X ( 3x)n X ( 3x)j
;
n=1
j=1
n
j2
X (x 3)2n
X
n
(x 2) ;
n=1
n=1
n4
m
X (x 5)
X (x + 1)m
;
m=1 m ln m
m=1
m
i

3. Sia R > 0 una costante positiva,


X

xk
converge in (R, R)
k=0 Rk
X xk
converge in [R, R)
(b) mostrare che la serie
k=0 k Rk
X
xk
(c) mostrare che la serie
converge in [R, R]
k=0 k 2 Rk
(d) determinare una serie che converge in (R, R]
(a) mostrare che la serie

4. Per ognuno dei seguenti intervalli determinare una serie che ha lintervallo dato come intervallo di convergenza
(a) [4, 4) ; [1, 5]
(b) (4, 0) ; (8, 16] ; [11, 3)

X
an converga. Mostrare che la serie di
5. Supponiamo che la serie
n=0
X
an xn converge assolutamente per |x| < 1
potenze
n=0

80

CAPITOLO 3. SERIE DI POTENZE


6. Supponiamo che la serie

an xn converga in 2 < x 2

n=0

(a) spiegare perch la serie


R=2

k=0

ak (x 1)k ha raggio di convergenza

(b) mostrare che la serie di potenze


(1, 5]

k=0

ak (x 3)k converge in

(c) trovare lintervallo di convergenza della serie


7. Supponiamo che la serie
17

k=0

k=0

ak (x + 1)k

ak (x b)k converga solo se 11 x <

(a) qual il raggio di convergenza della serie ?


(b) quanto vale b ?
8. Trovare lintervallo di convergenza (valutando il comportamento agli
estremi) delle seguenti serie di potenze
X x 2 k X (x 2)j
;
(a)
k=0
j=0
3
j!
X (x 1)k X (x 1)n

(b)
;
k=1
n=1
k 4k
n
X (x + 5)i X 2m (x + 1)m
;
(c)
i=1 i (i + 1)
m=1
m

X
an (x + 2)n converga per x = 7 e
9. Supponiamo che la serie
n=0
diverga per x = 7, dire quale delle seguenti aermazioni vera, quale
falsa, quale possibile, giustificando la risposta.
(a) la serie converge per x = 8

(b) la serie converge per x = 1


(c) la serie converge per x = 3

(d) la serie diverge se x = 11

(e) la serie diverge se x = 10


(f) la serie diverge per x = 5

(g) la serie diverge per x = 5

3.1. SERIE DI POTENZE COME FUNZIONI

81

X
an (x 1)n dire quali delle seguenti
10. Data la serie di potenze
n=0
aermazioni vera, falsa o possibile. Giustificare la risposta
(a) la serie converge solo se |x| > 2

(b) la serie converge per tutti i valori di x


(c) se il raggio di convergenza della serie 3 la serie converge per
2 < x < 4

(d) lintervallo di convergenza della serie [5, 5]

(e) Se lintervallo di convergenza della serie (7, 9) il raggio di


convergenza 7
11. La serie di potenze

X xn
converge ad ex per ogni x R
n=0 n!

(a) se x = 1 la serie converge a 1/e. Trovare S10 in questo caso. Di


quanto S10 dierisce da 1/e ? (usare calcolatrice o computer per il
conto).
(b) per x = 1 la serie a segni alterni. Cosa possiamo dire sul
massimo errore commesso calcolando S10 per stimare 1/e ? Per
quale valore di n Sn stima 1/e con un errore minore di 1010
12. Sia f (x) =

n=0

2 xn
3n + 5

(a) mostrare che f (10) non definito, cio che la serie che definisce
f (x) diverge per x = 10
(b) quali tra i numeri 0.5, 1.5, 3 e 6 fanno parte del dominio di f ?
(c) Stimare f (1) con un errore inferiore a 0.01
X (x 2)k
13. Sia h (x) =
k=0 k! + k 3
(a) qual il dominio di definizione di h (x) (cio linsieme degli x per
i quali la serie converge) ?
(b) stimare h (0) a meno di 0.005 del suo valore esatto
(c) stimare h (3) a meno di 0.005 del suo valore esatto
14. Sai data la serie

k=0

(1)k xk

82

CAPITOLO 3. SERIE DI POTENZE


(a) calcolare limx1

k=0

(1)k xk

(b) spiegare perch il risultato di (a) non implica che


converga.

k=0

(1)k

3.1. SERIE DI POTENZE COME FUNZIONI

3.1.4

83

Serie di Potenze: Integrazione e Derivazione

Ogni serie di potenze


S (x) =

X
k=0

ak xk = a0 + a1 x + a2 x2 + a3 x3 + + an xn +

pu essere pensata come una funzione della variabile x. Il suo dominio lintervallo di convergenza della serie. In questo paragrafo cerchiamo di mostrare
limportanza e lutilit delle funzioni definite come serie di potenze.
Data la serie S (x), convergente o divergente che sia, facile derivare o
integrare termine a termine la serie, costruendo cos due nuove serie D (x) e
I (x)

S (x) =

k=0

D (x) =

k=1

I (x) =

k=0

ak xk = a0 + a1 x + a2 x2 + a3 x3 + + an xn +
kak xk1 = a1 + 2 a2 x + 3 a3 x2 + + n an xn1 +
ak

xk+1
x2
x3
x4
xn+1
= a0 x + a1 + a2 + a3 + + an
+
k+1
2
3
4
n+1

Rimangono ancora aperte le questioni poste precedentemente


Se la serie S ha raggio di convergenza R, qual il raggio di convergenza
di D ed I ?
Ammesso che abbiano lo stesso raggio di convergenza R (siano cio definite nello stesso intervallo (R, R) ) possiamo dire che
Z x
0
D (x) = S (x) e I (x) =
S (t) dt ?
0

Il seguente teorema, che enunceremo senza dimostrazione, da una risposta


completa ai problemi posti
Teorema 3.12 (Derivazione ed integrazione delle serie di potenze)
Sia S (x) una serie di potenze con raggio di convergenza R > 0 Siano D (x)
e I (x) definite come sopra. Allora:
Sia D che I hanno raggio di convergenza R ;
D (x) =ZS 0 (x) per tutti gli |x| < R ;
x

I (x) =

S (t) dt per tutti gli |x| < R .

84

CAPITOLO 3. SERIE DI POTENZE

Il teorema ci dice, fra laltro, che la funzione S , data dalla serie di potenze, dierenziabile e che la sua derivata ancora una serie di potenze (quindi
dierenziabile). Ne segue che una serie di potenze dierenziabile uninfinit
di volte e tutte le serie ottenute hanno lo stesso raggio di convergenza R.
Esempio 3.13 Abbiamo aermato che la funzione ex espressa dalla serie
X xk
. Spiegare perch.
k=0 k!
d x
e = ex , cio che
dx
ex lunica funzione (a meno di costanti moltiplicative) con la propriet che
f (x) = f 0 (x) . Dierenziamo ora la serie termine a termine di ha
Soluzione. Noi sappiamo dallAnalisi 1 che si ha

X
X
d xk X xk1
xk
=
=
dx k!
(k 1)! k=0 k!
k=0
k=1

cio S 0 (x) = S (x) . Ne risulta che S (x) della forma S (x) = C ex , ma

e0 = 1 = S (0) per cui ex = S (x) .


1
, ex , ln (1 x) possano
1x
essere espresse, in un certo intervallo, in termini di serie di potenze. E naturale domandarsi quali altre funzioni posseggano la stessa propriet, possano
cio essere rappresentate come serie di potenze e come fare a rappresentarle.
Il Teorema (3.12) fornisce alcune tecniche che permettono la determinazione
di nuove serie da quelle gi ottenute, ma non basta.
Per esempio, non permette di vedere che anche le funzioni trigonometriche
sono sviluppabili in serie di potenze. La funzione sin x ha sviluppo
Abbiamo gi visto come alcune funzioni:

sin x =

X
k=0

(1)k

x3 x5 x7
x2k+1
=x
+

+
(2k + 1)!
3!
5!
7!

che converge per tutti gli x di R.


Questo sviluppo particolarmente importante, tra laltro, perch le funzioni
trigonometriche, cos come la funzione esponenziale e, pi in generale, le
funzioni trascendenti, non hanno una formula algebrica finita con cui essere
espresse. Per queste funzioni, il loro sviluppo in serie quindi la cosa migliore
che possiamo conoscere ed il metodo pi semplice ed adabile per calcolarne
i valori, anche se approssimati.
Esempio 3.14 Usare lespressione dello sviluppo di sin x dato sopra, per
calcolare sin 1 con accuratezza.

3.1. SERIE DI POTENZE COME FUNZIONI

85

Soluzione. Valutando la serie nel punto x = 1 si ha


sin 1 =
=

X
k=0

(1)k

12k+1
(2k + 1)!

(1)k

1
1
1
1
= 1 + +
(2k + 1)!
3! 5! 7!

k=0

Siamo in presenza di una serie a segni alterni di cui sappiamo che lerrore
che commettiamo troncando la serie al termine n-esimo minore del valore
assoluto del termine n+1-esimo. Allora se ci fermiamo al termine di ordine
sette lerrore commesso minore di 1/9! 2.755731922 106 cio lerrore
sulla sesta cifra decimale. Il valore approssimato
1
1
1
+ 0.841468
3! 5! 7!

sin 1 1

Durante il corso di Analisi I stato spesso fatto notare che non sempre
possibile calcolare una primitiva in forma chiusa e quindi usare il Teorema
Fondamentale del Calcolo Integrale per calcolare gli integrali definiti. Per
esempio, non conosciamo la primitiva
della funzione sin x2 e non possiamo
Z
1

sin x2 dx. Ovviamente i metodi numeri, for-

quindi calcolare direttamente

niscono una possibilit di calcolo approssimato del valore dellintegrale. In


particolare le serie di potenze, quando usabili, ci forniscono un metodo rapido
ed eciente.
Z 1
Esempio 3.15 Trovare un valore approssimato dell integrale
sin x2 dx
0

Soluzione. La funzione sin x2 non ha una primitiva esprimibile in forma


elementare, ma si pu ragionare nel seguente modo. Poich la serie di potenze
che rappresenta la funzione sin x data da
sin x =

(1)k

k=0

x3 x5 x7
x2k+1
=x
+

+ ,
(2k + 1)!
3!
5!
7!

serie di potenze che esprime sin x2


X
x6 x10 x14
(x2 )
x4k+2
sin x =
=
= x2
+

+ ,
(1)
(1)k
(2k
+
1)!
(2k
+
1)!
3!
5!
7!
k=0
k=0
2

2k+1

86

CAPITOLO 3. SERIE DI POTENZE

da cui si ricava
Z x
Z x

X
(1)k
2
sin t dt =
t4k+2 dt
(2k
+
1)!
0
0
k=0

X
x7
x15
(1)k x4k+3
x3
x11
=

+ .
=
(2k
+
1)!
4k
+
3
3
7

3!
11

5!
15

7!
k=0

Ne segue che
Z

X
1
(1)k
sin x dx =
(2k + 1)! 4k + 3
k=0
2

1
1
1
1

+
3 7 3! 11 5! 15 7!

Valutando la somma dei primi quattro termini si ha


1
1
1
1

0.3102681578
3 7 3! 11 5! 15 7!
Poich la serie a segni alterni a termini monotoni decrescenti, il criterio di
Liebnitz ci dice che lerrore, rispetto al valore vero, inferiore al valore del
termine successivo della serie che
1
1.45 107
19 9!
Lerrore commesso allora di una unit sulla settima cifra decimale.

3.1.5

Uso dellAlgebra e del Calcolo Dierenziale per


la Determinazione di Nuove Serie

Il Teorema (3.12) permette, come abbiamo detto, di calcolare nuove serie


a partire da quelle note. In particolare, derivare la serie di potenze della
funzione sin x ci d
X
x2k+1
d x2k+1
d
d X
cos x =
sin x =
=
(1)k
(1)k
dx
dx k=0
(2k + 1)! k=0
dx (2k + 1)!

x2k
x2 x4 x6 x8
(1)
=
=1+
+
+
+
+
(2k)!
2!
4!
6!
8!
k=0
k

che, come la precedente, converge x R.

3.1. SERIE DI POTENZE COME FUNZIONI

87

Ancora, da
X
1
xk = 1 + x + x2 + x3 + x4 + x5 +
=
1 x k=0

cambiando x in x si ha,
X
X
1
=
(x)k =
(1)k xk = 1 x + x2 x3 + x4 x5 + ;
1 + x k=0
k=0

sostituendo x con x2 si ottiene


X
1
=
(1)k x2k = 1 x2 + x4 x6 + x8 x10 + ;
1 + x2
k=0

lintegrazione nellintervallo [0, x] ci d


arctan x =

(1)k

k=0

x3 x5 x7 x9
x2k+1
=x
+

2k + 1
3
5
7
9

Ricordando che arctan 1 = /4 si pu scrivere


X
1 1 1 1
1
(1)k
=
= 1 + +
4
2k + 1
3 5 7 9
k=0

In realt, nel fare questo passaggio, siamo andati oltre ci che ci permesso
1
che
dalle propriet note. Infatti ci che sappiamo dallo sviluppo di
1x
lintervallo di convergenza (1, 1) . Dimostrare che la serie di potenze che
rappresenta arctan x converge anche per x = 1 lasciato per esercizio.
Le serie di potenze convergenti possono anche essere moltiplicate tra loro,
per formare nuove serie. Per quanto riguarda lintervallo di convergenza si
pu dire che il prodotto di due serie convergenti converge nellinsieme dove
entrambe convergono. Mostriamo con esempi come si pu fare il prodotto tra
serie, il prodotto cio due infinit di termini.
Esempio 3.16 Consideriamo le due serie
X
1
=
xk = 1 + x + x2 + x3 + x4 + x5 +
1 x k=0

88

CAPITOLO 3. SERIE DI POTENZE

e
X
1
(1)k xk = 1 x + x2 x3 + x4 x5 + .
=
1 + x k=0

Sappiamo che entrambe le serie convergono in(1, 1) . Come si fa e cosa


rappresenta il prodotto delle due serie?
1
Soluzione. Il prodotto dei primi membri da come risultato
che
1 x2
1
sostituendo x con x2
potremmo ricavare dalla serie che rappresenta
1x
ed ottenendo cos
X
1
=
x2k = 1 + x2 + x4 + x6 + x8 + x10 +
1 x2
k=0

Il prodotto delle due serie date dovr allora darci lo stesso risultato. Si ha

(1)k xk

k=0
k=0

= 1 + x + x2 + x3 + x4 + x5 + 1 x + x2 x3 + x4 x5 + .
P
k
Quello che vorremmo fare costruire una nuova serie
k=0 ck x i cui coecienti si ottengono mettendo a fattore tutti i prodotti che contengono elementi
la cui somma degli indici n. indichiamo con ak i coecienti
della prima

k
serie (ak = 1 k) e con bk quelli della seconda bk = (1) .
I termini di ordine zero sono solo a0 e b0 da cui

c0 = a0 b0 = 1 1 = 1
I termine di ordine uno si ottengono moltiplicando i termini di ordine zero
di una per i termini di ordine uno dellaltra, cio
c1 x = a0 .b1 x + a1 x b0 = (a0 .b1 + a1 b0 a0 ) x
= 1 (x) + x 1 = (1 + 1) x = 0
I termini di ordine due della nuova serie si ottengono solo moltiplicando quelli
di ordine zero per quelli di ordine due e quelli di ordine uno tra di loro, cio
c2 x2 = a0 b2 x2 + a1 x b1 x + a2 x2 b0
= (a0 b2 + a1 b1 + a2 b0 ) x2 = (1 1 + 1) x2 = x2

3.1. SERIE DI POTENZE COME FUNZIONI

89

Si incomincia ad intravedere la regola che costruisce i coecienti della serie


prodotto
ck =

k
X

ai bki

i=0

Si ottiene cio il coeciente di indice k sommando tra loro i prodotti dei


coecienti delle due serie le cui somme dei valori di indice da come risultato
k
c3 = a0 b3 + a1 b2 + a2 b1 + a3 b0
c4 = a0 b4 + a1 b3 + a2 b2 + a3 b1 + a4 b0
Tornando al prodotto dellesempio si vede che c2k+1 = 0 , e c2k = 1 da cui

xk

(1)k xk

k=0
k=0

= 1 + x + x2 + x3 + x4 + x5 + 1 x + x2 x3 + x4 x5 + .

X
=
(1)k x2k
k=0

La serie prodotto rappresenta, nellintervallo (1, 1) , la funzione

1
.
1 x2

Esempio 3.17 Determinare la serie di potenze che rappresenta la funzione


ln (1 + x) nellintervallo (1, 1) . Usare il risultato per calcolare ln 1.5 con un
errore minore di 0.0001.
Soluzione. Sappiamo che la serie
X
1
(1)k xk = 1 x + x2 x3 + x4 x5 + .
=
1 + x k=0

converge nellintervallo (1, 1) . Integrando termine a termine nellintervallo


[0, x] si ottiene
ln (1 + x) =

= x

X
1
= dt =
(1)k
1+t
k=0

tk dt

X
x2 x3 x4 x5
xk+1
(1)k
+

+
. =
2
3
4
5
k+1
k=0

90

CAPITOLO 3. SERIE DI POTENZE

che converge nellintervallo (1, 1) come la serie da cui deriva.


Lespressione trovata per la funzione ln (1 + x) ci da

k
x2 x3 x4
(0.5)k+1 X
k+1 (0.5)
ln 1.5 =
(1)
(1)
=
=x
+

+
k+1
k
2
3
4
k=0
k=1

Per ottenere laccuratezza desiderata lerrore deve essere inferiore a 0.0001,


il che implica, poich la serie a segni alterni
(0.5)n+1
< 104
n+1
Si pu andare per tentativi, per esempio fermandosi per n = 5 si avrebbe
(0.5)6
2.6042 103 e lerrore sarebbe maggiore della tolleranza richiesta;
6
(0.5)10
9.7656 105 , un errore minore di
fermandosi per n = 9 si ha
10
quello richiesto. Il valore approssimato del logaritmo allora

ln 1.5

9
X
k=1

(1)k+1

(0.5)k
0.40553
k

e possiamo anche scrivere


0.40552 ln 1.5 0.40554

3.1.6

Un Atlante Sintetico delle Serie di Potenze

Si riporta qui di seguito un breve lista delle serie di potenze pi comuni


che pu essere utile come riferimento, senza dover appesantire la memoria
ricordando tutti i possibili sviluppi.

3.1. SERIE DI POTENZE COME FUNZIONI

91

Una lista di serie di potenze


Funzione
Serie
Intervallo di convergenza
2k+1
X
x
sin x
(1)k
(, +)
k=0
(2k + 1)!
X
x2k
cos x
(1)k
(, +)
k=0
(2k)!
X xk
exp x
(, +)
k=0 k!
X
1
xk
(1, 1)
k=0
1x
X
1
(1)k xk
(1, 1)
k=0
1+x
X
1
(1)k x2k
(1, 1)
k=0
1 x2
X
x2k+1
arctan x
(1)k
[1, 1]
k=0
2k + 1
X
xk+1
ln (1 + x)
(1)k
(1, 1)
k=0
k+1

Nel paragrafo seguente cercheremo comunque di dare un metodo per


costruire gli sviluppi date che siano le funzioni. Cercheremo, cio di rispondere alle domande
Sotto quali condizioni una funzione f : R R sviluppabile in serie di
potenze ? Come si costruisce la serie di potenze che la rappresenta ?

92

CAPITOLO 3. SERIE DI POTENZE

3.1.7

Esercizi

1. Sia f (x) =

X x k
k=0
2

(a) qual il raggio di convergenza della serie?


X k xk1
.
(b) usando il teorema (3.12) si ha f 0 (x) =
k=1
2k
Qual il suo raggio di convergenza?
Z x

X
f (t) dt =
(c) usando il teorema (3.12) si ha F (x) =
0

k=0

xk+1
.
(k + 1) 2k

Qual il suo raggio di convergenza?

2. Usare lo sviluppo di (1 x)1 per ricavare la rappresentazione in serie


delle seguenti funzioni.
x2
1
,
1 x 1 x2
1
x
(b)
2 ,
1 x4
(1 + x)
(a)

3. Determinare la serie di potenze e il raggio di convergenza, per le seguenti funzioni. Usando il software disegnare il grafico della funzione ed il
polinomio approssimante di grado cinque
(a) arctan (2x)
(b) x2 sin x
(c) cos (x2 )

(d) ln (1 + 3 x)

4. Usare lo sviluppo di ex per calcolare il valore di 1/ e con un errore


inferiore a 5 102
Z 0.2
3
x ex dx con un errore
5. Usare lo sviluppo in serie per calcolare
0

inferiore a 105

X n
6. Calcolare esattamente il valore della serie
(Suggerimento:
n=1 2n
X
X
xn allora f 0 (x) =
n xn1 )
se f (x) =
n=0

n=1

7. Usare le serie di potenze per mostrare che limx0

(sin x x)3
2
4 =
27
x (1 cos x)

3.1. SERIE DI POTENZE COME FUNZIONI


8. Mostrare che limx0

x sin x

3/2

(x sin x)

93

1
6

9. Calcolare i seguenti limiti usando gli sviluppi in serie di potenze. Controllare il risultato usando la regola dellHospital o verificandoli con il
software.
(a) limx0
(b) limx0
(c) limx0
(d) limx0
(e) limx0

sin x
ex 1
, limx0
x
x
x
x
e e
ln (1 + x) x
, limx0
x
x2
1 cos x
x arctan x
, limx0
x
x2
1 cos x
ln x
, limx1
2
x
x1
arctan x
1 cos 2x
, limx0
x
x2

10. Trovare le serie di potenze ed i raggi di convergenza per le seguenti


funzioni
1
, f (x) = ln (1 + x2 )
2+x
(b) f (x) = (x2 1) sin x , f (x) = sin x + cos x
1+x
(c) f (x) = 2x , f (x) = ln
1x
1
2
5+x
=

,
(d) f (x) = 2
x +x2
x1 x+2
1
(e) f (x) = sin3 x = (3 sin x sin 3x)
4
X 1
1
11. Mostrare che
=
se |x| > 1
k=1 xk
x1
(a) f (x) =

12. Usare le serie di potenze per mostrare che 1 cos x < ln (1 + x) < x
per tutti gli x dellintervallo (0, 1)
13. Dire se convergono le seguenti serie

X
1
sin
(a)
k=1
k

X
1
k sin
(b)
k=1
k

94

CAPITOLO 3. SERIE DI POTENZE


(c)
(d)

n=1
X
n=1

e1/n

1 e1/n

14. Sia r un numero fissato e definiamo una funzione f nel seguente modo


X
r (r 1) (r 2) (r n + 1) n def X r
xn
x =
f (x) =
n
n!
n=1
n=1
(a) mostrare che la serie converge per |x| < 1

(b) mostrare che (1 + x) f 0 (x) = r f (x)

(c) sia g (x) = (1 + x)r f (x) . Mostrare che g 0 (x) = 0


(d) mostrare che la parte (c) implica che f (x) = (1 + x)r
[Nota: la serie di potenze per f nota come serie binomiale]

3.2. SERIE DI TAYLOR E MAC LAURIN

3.2

95

Serie di Taylor e Mac Laurin

Nel paragrafo precedente abbiamo visto come scrivere una funzione sotto
forma di serie di potenze portasse ad alcuni vantaggi pratici. Abbiamo anche
usato la serie di una funzione per costruirne altre usando lalgebra, il calcolo
dierenziale e integrale. Vogliamo adesso capire e determinare sotto quali
condizioni una funzione scrivibile sotto forma di serie di potenze.
Certamente tutto sarebbe pi semplice se ogni funzione fosse descrivibile
come serie di potenze ed il raggio di convergenza della serie coincidesse con il
dominio di definizione delle funzioni stesse. Sfortunatamente non cos. Abbiamo gi visto per esempio che la funzione ln (1 + x) ammette come svilupk+1
X
k x
po
. Questa serie converge per solo nellintervallo (1, 1)
(1)
k=0
k+1
mentre il dominio della funzione lintervallo (1, +), oppure che la funX
1
zione
(1)k x2k che
,
definita
su
tutto
R
ammette
uno
sviluppo
k=0
1 + x2
converge solo per |x| < 1.
Il Teorema (3.12) ci dice che ogni serie di potenze dierenziabile termine a
termine quante volte si vuole mantenendo lo stesso intervallo di convergenza.
Quindi ogni funzione che ammette serie di potenze deve essere dierenziabile
ripetutamente per x = 0. Ne segue, per esempio, che la funzione f (x) = |x|
che continua ma non derivabile per x = 0 non pu essere sviluppabile in
serie di potenze nellintorno di 0.
Consideriamo adesso la serie
S (x) =

ak xk

k=0

e dierenziamola ripetutamente. Si ha
S 0 (x) =
S 00 (x) =
S

000

(4)

..
.

k=1

(x) =
(x) =

k=2

ak k xk1
ak k (k 1) xk2

k=3

k=4

ak k (k 1) (k 2) xk3
ak k (k 1) (k 2) (k 3) xk4

96

CAPITOLO 3. SERIE DI POTENZE

Valutiamo tutte queste funzioni per x = 0, si ha


S (0) = a0 , S 0 (0) = a1 , = 2 a2 , S

000

(0) = 2 3 a3 , S (4) (0) = 2 3 4 a4

Se ne ricava che:
a0 = S (0)

a0 =

S (0)
0!

a1 =

S 0 (0)
1!

a1 = S 0 (0)
00

a2 =

a3 =

S (0)
2
S

000

(0)
23

00

S (0)
a2 =
2!
a3 =

000

(0)

S (4) (0)
a4 =
234

3!
S (4) (0)
a4 =
4!

..
.

..
.

Se ne ricava una regola generale che possiamo scrivere nel seguente modo
Conclusione 3.18 Se S (x) =
i valori dellindice k 0.

k=0

ak xk , allora ak =

S (k) (0)
per tutti
k!

Questo fatto importante lega tra di loro coecienti dello sviluppo in serie
e le derivate della funzione nel punto x = 0. Conoscendo le une si ricavano
le altre.
Illustriamo il risultato con un esempio.
Esempio 3.19 Assumiamo (per ora) che la funzione f (x) = sin x ammetta
sviluppo in serie di potenze centrata nellorigine. Trovare tale serie.
X
Soluzione. Vogliamo costruire una serie della forma
ak xk che
k=0
rappresenti la funzione. Per fare questo bisogna conoscere i coecienti ak .
f (k) (0)
, dobbiamo perci derivare
La conclusione precedente ci dice che ak =
k!

3.2. SERIE DI TAYLOR E MAC LAURIN

97

ripetutamente la funzione sin x e valutare le derivate in x = 0. Si ha


cos x
f 0 (0)
f (0)
=
a1 =
=1
= sin 0 = 0
a0 =

1!
1! x=0
0!

000
00
sin x
f (0)
cos x
f (0)
1
=
=0
a2 =
=
=
a3 =

2!
2! x=0
3!
3!
3!
x=0
(4)

(5)

sin x
f (0)
f (0)
1
cos x
=
=0
a4 =
a5 =
=
=

4!
4! x=0
5!
5! x=0 5!

Si nota immediatamente che i coecienti di indice pari sono tutti nulli


(1)k
.
(a2k = 0) mentre quelli di indice dispari sono a segni alterni del tipo
(2k + 1)!
Si pu allora scrivere
sin x =

X
x3 x5 x7
(1)k
x2k+1 = x
+

+
(2k
+
1)!
3!
5!
7!
k=0

Non dicile vedere che la serie converge assolutamente per tutti gli x R.
Serie di MacLaurin: Sviluppo Intorno ad x = 0
Usando la Conclusione precedente come ricetta per la costruzione dei coecienti, possiamo scrivere una serie di potenze per ogni funzione che sia ripetutamente derivabile per x = 0. Riportiamo qui sotto la definizione formale che
porta il nome del matematico scozzese Colin MacLaurin (17 Secolo)
Definizione 3.20 (Serie di MacLaurin) Sia f una funzione infinitamente
derivabile
per x = 0. La serie di MacLaurin di f definita come la serie
X
ak xk dove i coecienti ak sono dati da
k=0

ak =

f (k) (0)
,
k!

k = 0, 1, 2, 3, . . .

NOTA: Rimane aperto il problema di sapere se e dove converge la serie


cos costruita.
Serie di Taylor: Sviluppo Intorno ad x = a
Una serie di MacLaurin

X
f (k) (0) k
x
k!
k=0

98

CAPITOLO 3. SERIE DI POTENZE

si dice centrata in x = 0 perch tutte le derivate di f sono calcolate in quel


punto.
Questa scelta, sebbene conveniente, non obbligatoria. Una serie del tutto
simile pu essere trovata sviluppando intorno ad un generico punto x = a
purch la funzione f ammetta derivate di ogni ordine nel punto. Lespressione
generica di tale serie detta serie di Taylor di f intorno ad x = a , e si
esprime nella forma

X
f (k) (a)
(x a)k
k!
k=0

In alcuni casi, lo sviluppo intorno ad un punto diverso dallo zero conveniente. Si nota, infine, che la serie di MacLaurin pu essere considerata
come un caso particolare della serie di Taylor, quando a = 0.
Esempio 3.21 Consideriamo la funzione f (x) = ln (x) . Scrivere lo sviluppo
di f intorno ad x = 1.
Soluzione. Cominciamo col calcolare le derivate della funzione ln x cercando di trovare una regola generale (se c) che ci dica come varia il valore
della derivata per x = 1. Si ha
1
x
23
(4)
f (x) = 4
x

f 0 (x) =

1
(x) = 2
x
234
(5)
f (x) =
x5

00

2
x3
2345
f (6) (x) =
x6
f

000

(x) =

Valutiamo le derivate per x = 1:


f 0 (1) = 1
f (4) (1) = 2 3

00

f (1) = 1
f (5) (1) = 2 3 4

000

f (1) = 2
f (6) (1) = 2 3 4 5

E chiaro che f (1) = 0 e che le derivate, a partire dallindice k = 1, sono a


segni alterni e che il loro valore dato da
f (k) (1) = (1)k+1 (k 1) !
La serie ha allora la forma
X (1)k+1 (k 1) !
X (1)k+1
(x 1)k =
(x 1)k
k=1
k=1
k!
k
(x 1)2 (x 1)3 (x 1)4
+

+
= (x 1)
2
3
4

3.2. SERIE DI TAYLOR E MAC LAURIN

99

Tutto il problema di costruzione della serie quindi legato alla conoscenza delle derivate della funzione in zero. Il processo di derivazione non
sempre semplice e piano, fortunatamente Maple e gli altri pacchetti
software possono aiutarci a trovare le somme parziali in modo semplice
attraverso luso del seguente comando:
> taylor(f(x), x=a, n);
f(x) lespressione a funzione che si vuole sviluppare, x=a il punto
intorno al quale si vuole lo sviluppo, n lordine dellerrore al quale si
vuole il troncamento.
Per esempio, con il comando:
>taylor(sin(x), x=0, 7); si ottiene come risposta
x 1/6x3 + 1/120x5 + O(x7 ) .
NOTA: nelle versioni precedenti alla versione 5 il comando non era
taylor bens taylorpoli
Un comando equivalente :
>series(f((x), x=a, n), lelemento n indica quanti elementi della serie si richiedono. Esso opzionale, il non indicarlo implica una
risposta di default di ordine 6.
Convergenza della Serie di Taylor
Abbiamo visto che per ogni funzione che sia derivabile infinite volte in un
X f (k) (a)
punto x = a, possibile scrivere una serie del tipo
(x a)k .
k=0
k!
Di questa serie possibile valutare il raggio di convergenza usando una delle
tecniche che abbiamo sviluppato. Rimane un problema, sapere qual la
funzione a cui converge la serie costruita.
La risposta a questo problema fu data da Taylor nel seguente teorema
Teorema 3.22 (Teorema di Taylor) Supponiamo che la funzione f sia
infinitamente dierenziabile su di un intervallo I contenente il punto x = a.
X f (k) (a)
Sia
(x a)k la serie di Taylor centrata in x = a, e sia
k=0
k!
n
X
f (k) (a)
(x a)k
Pn (x) =
k!
k=0
il polinomio approssimante di grado n .
Supponiamo inoltre che per tutti gli x I si abbia
(n+1)

f
(x) Kn+1 .

100

CAPITOLO 3. SERIE DI POTENZE

Si ha allora
|f (x) Pn (x)|

Kn+1
|x|n+1 .
(n + 1) !

Notiamo le seguenti propriet del teorema.


Il teorema stima lerrore commesso sostituendo Pn (x) ad f (x) . A meno
che Kn+1 cresca molto velocemente con n lerrore tende a 0 quando
n e quindi la serie converge a f (x) .
Il teorema usa solo elementi noti e lerrore dapprossimazione dipende
solo dal comportamento della derivata di ordine pi alto.
Non faremo la dimostrazione del teorema. Lessenza di essa comunque
basata essenzialmente sul teorema del valor medio.
Esempio 3.23 Sia f (x) = sin x . Mostrare che la serie di MacLaurin converge a sin x per ogni valore di x.
Soluzione. Le derivate della funzione sin x sono tutte (a parte il segno)
sin x o cos x, si ha allora che
(n+1)

f
(x) 1 x R
Il teorema di Taylor ci dice allora che

1 |x|n+1
|Pn (x) sin x|
n 0 x R
(n + 1)!

cio la serie converge alla funzione per ogni valore di x.


Il seguente grafico
3
2
1
0
-1
-2
-3

-4

-2

x0

Grafico di sin x, P1 (x) , P3 (x) , P5 (x) , P7 (x)


da una idea di come i polinomi approssimino la funzione sin x.

3.2. SERIE DI TAYLOR E MAC LAURIN

3.2.1

101

Esercizi.

1. Sia f (x) = x4 8 x3 + 4 x2 2 x + 1
(a) trovare lo sviluppo di MacLaurin di f
(b) trovare lo sviluppo di Taylor di centro x = 3
2. Sia p (x) = (1 + x)n , dove n un intero positivo. Spiegare perch lo
sviluppo di MacLaurin di p p stesso.
Z x
t et dt.
3. Sia f (x) =
3

(a) mostrare che se x 3 allora :

5 3
23 3
3 e (x 3)2 +
3 e (x 3)3
f (x) 3 e3 (x 3)
12
216
(b) dire di che ordine di grandezza lerrore che si commette quando
f (3.5) stimata usando il polinomio in (a)

4. Sia f (x) = 1 + x .
(a) trovare i primi tre termini non nulli dello sviluppo di MacLaurin
(b) dire di che ordine di grandezza lerrore che si commette quando
f (1) stimata usando il polinomio in (a)
X

xn
non pu essere lo sviluppo
n=0
(n + 1)2
di MacLaurin della funzione f il cui grafico

5. Dire perch la serie

(1)n

1.5

0.5

-0.5

-2

-1

0x

Grafico di f
6. Data funzione f (x) =

1+x

102

CAPITOLO 3. SERIE DI POTENZE


(a) Scrivere il polinomio di MacLaurin di ordine due per f
(b) il potenziale elettrico V a distanza r sulla perpendicolare di un
disco di raggio a avente carica uniforme di densit

V = 2
r2 + a2 r
Se r grande rispetto ad a, allora a/r 0. Usare (a) per trovare
unapprossimazione per V.

7. Sia f una funzione tale che f (0) = 1 e f 0 (x) = 1 + (f (x))10 . Trovare


i primi quattro termini dello sviluppo di MacLaurin per f.
8. Supponiamo che f sia positiva, crescente e concava nellintervallo [2, 2]
(a) qual il segno del coeciente di x2 nella serie di MacLaurin di f
? Giustificare la risposta
p
(b) sia g (x) = 1/ 1 + f (x), qual il segno del coeciente di x2 nella
serie di MacLaurin di g ? Giustificare la risposta
9. Data la funzione

1
2+x

(a) trovare lo sviluppo di MacLaurin


(b) trovare f (259) (0) esattamente.
10. Sia f (x) =

x
1 x3

(a) trovare lo sviluppo di MacLaurin di f


(b) trovare il raggio di convergenza della serie trovata in (a)
(c) usare (a) per trovare lo sviluppo di f 00 (x)
Rx
(d) usare (a) per trovare lo sviluppo di 0 f (t) dt

11. Sia

Valutare f (100) (0)

1 cos x

se x 6= 0

2
x
.
f (x) =

1
se x = 0
2

3.2. SERIE DI TAYLOR E MAC LAURIN


12. Sia
f (x) =

103

e1/x

se x 6= 0

se x = 0

(a) Usare la definizione di derivata (e la regola dellHospital) per


mostrare che f 0 (0) = 0
(b) Usando (a) mostrare che f (k) (0) = 0 k 0 e scrivere la formula
di MacLaurin per f
(c) Qual il raggio di convergenza della serie di (b) ?
(d) Per quali valori di x la serie converge ad f (x)?
13. Usare la serie binomiale per mostrare
(a) che
Z

dt
1 t2
0

X
1 3 5 7 x2n+1
= x+
2 4 6 8 2n + 1
n=1

arcsin x =

X
(2n + 1)!! x2n+1
= x+
(2n)!! 2n + 1
n=1

(b) se n 1 un intero, allora


Z /2
sin2n+1 x dx =
0

2 4 6 8 2n
.
1 3 5 7 (2n + 1)

Usare questo fatto per calcolare


Z 1 2n+1
x

dx .
1 x2
0
(c) usare (a) e (b) per mostrare che
Z 1

X
arcsin x
1

dx =
2
1x
(2k + 1)2
0
k=0
(d) usare la sostituzione u = arcsin x per mostrare che
Z 1
arcsin x
2

dx
=
8
1 x2
0

104

CAPITOLO 3. SERIE DI POTENZE


(e) usare (c) e (d) per mostrare che

X
1

=
n2
6
n=1

14. Sia f una funzione che ammette derivate continue su un intervallo


contenente i punti a ed x
Z x
f 0 (t) dt
(a) spiegare perch f (x) = f (a) +
a

(b) usando (a) e lintegrazione per parti, mostrare che


Z x
00
0
f (x) = f (a) + f (a) (x a)
(t x) f (t) dt
Za x
00
= f (a) + f 0 (a) (x a) +
(x t) f (t) dt
a

[suggerimento: porre dv = dt e v = t x (questo legittimo


perch x non la variabile di integrazione)]
(c) usare (b) e lintegrazione per parti per mostrare che
f (x) = f (a) + f 0 (a) (x a)
Z
1 00
1 x
000
2
+ f (a) (x a) +
(x t)2 f (t) dt
2
2 a
(d) usare (c) e mostrare che ripetute integrazioni per parti portano a
f (x) = f (a) + f 0 (a) (x a)
1
1 00
+ f (a) (x a)2 + f 000 (a) (x a)3
2
3!
Z
1 (n)
1 x
n
f (a) (x a) +
+ +
(x t)n f (n+1) (t) dt
n!
n! a
Iniziare al caso n = 3.
Z x
1
(x t)n f
15. Sia Rn (x) = n!
a

(n+1)

(t) dt (questo termine viene chiam-

ato resto di Taylor in forma integrale).

Mostrare che se a = 0 e f (n+1) (t) Kn+1 per tutti i valori di t, allora


si ha
Kn+1
|x|n+1 .
| f (x) Pn (x)| = |Rn (x)|
(n + 1)!

Capitolo 4
Funzioni di Pi Variabili: Primi
Elementi
L analisi delle funzioni di una singola variabile fatta sostanzialmente sulla
retta R e nel piano R2 . Questi sono gli ambienti naturali per lo studio dei
numeri, delle successioni, delle funzioni x f (x) , delle loro propriet di
continuit ed anche del loro grafico dato dalle coppie (x, y) che soddisfano
lequazione y = f (x) , per lo studio delle tangenti a tali grafici e le aree
che potremmo voler misurare con lintegrazione.
Per operare con funzioni di pi variabili abbiamo bisogno di rivolgersi
almeno ad R3 , infatti, come noto il grafico di una funzione z = f (x, y) ,
dove (x, y) rappresentano le variabili indipendenti, vive in R3 .
In questo primo capitolo vogliamo ricordare alcune delle propriet dello
spazio Euclideo tridimensionale R3 . Per quanto familiare esso sia ( lo spazio
in cui viviamo) esso ci pone tuttavia una serie di problemi di visualizzazione.
La visione bidimensionale (su foglio o schermo) di oggetti tridimensionali
sempre distorta ed incompleta. Imparare a controllare punti di osservazione,
prospettive, sezioni un momento importante dellapprendimento intuitivo.

4.1

Coordinate Cartesiane in Tre Dimensioni.

Ricordo che nel piano R3 la distanza tra i punti P = (x1 , y1 ) , Q = (x2 , y2 )


data dal familiare teorema di Pitagora
q
d (P, Q) = (x2 x1 )2 + (y2 y1 )2
105

106

CAPITOLO 4. FUNZIONI DI PI VARIABILI

e che le coordinate (x, y) del punto medio M del segmento che unisce P e
Q sono date da:

x2 + x1 y2 + y1
M = (x, y) =
,
.
2
2
In tre dimensioni le formule non sono molto diverse limitandosi ad
aggiungere in modo simmetrico (come ovvio) la terza coordinata z
Definizione 4.1 La distanza tra i punti P = (x1 , y1 , z1 ) , Q = (x2 , y2 , z2 )
data da:
q
d (P, Q) = (x2 x1 )2 + (y2 y1 )2 + (z2 z1 )2
Il punto medio M del segmento P Q ha coordinate (x, y, z) date da

x2 + x1 y2 + y1 z2 + z1
,
,
2
2
2

Esempio 4.2 Consideriamo i punti P=(0, 0, 0) e Q =(1, 3, 5). Trovare la


distanza tra P e Q ed le coordinate del punto medio M.
Soluzione: Usando la formula della distanza si ottiene
q

d (P, Q) = (1 0)2 + (3 0)2 + (5 0)2 = 1 + 9 + 25 = 35 5. 916 1 .


Le coordinate del punto medio sono date da

1+0 3+0 5+0


1 3 5
M = (x, y, z) =
,
,
, ,
=
2
2
2
2 2 2

4.2

Equazioni e Loro Grafici

In due variabili il grafico di una equazione in x ed y linsieme dei punti


del piano (x, y) che soddisfano lequazione. Il grafico di x2 + y 2 = a2 ,
per esempio, la circonferenza centrata nellorigine di raggio a. Il grafico
dellequazione y = 0 lasse delle x.
In R3 la situazione del tutto analoga, il grafico di una equazione che
lega tra loro le variabili x, y, z linsieme dei punti (x, y, z) dello spazio che
soddisfano lequazione.

4.2. EQUAZIONI E LORO GRAFICI

107

Per esempio le equazioni x = 0, z = 4, y = 3 hanno grafici (relativamente


al solo primo ottante) del tipo:

3
z
2

3
z
2

4
3
z
2
1
1
3

0 1
2

3
4

x=0

2
3x

z=4

0
1

2y

2
3x

2y

y=3

Da notare, come negli esempi di cui sopra , il grafico sia un piano, cio
un oggetto bidimensionale.
Il disegno ci indica che il grafico di unequazione ha (intuitivamente)
dimensione meno uno rispetto al numero delle variabili (il concetto di dimensione per situazioni non piane verr chiarito meglio nel seguito).

4.2.1

Equazioni Lineari.

Come gi visto nel corso di geometria una equazione lineare in R3 un oggetto


della forma ax + by + cz = 0 con almeno uno dei tre coecienti a, b, c non
nulli. Per estensione chiameremo lineare, anche se laggettivazione corretta
sarebbe ane, una equazione del tipo ax + by + cz = d con d non nullo.
I tre esempi sopra sono perci equazioni lineari ed esemplificano il fatto
a voi noto che il grafico di una equazione lineare (rappresenta) un piano.

Esempio 4.3 Lequazione 2x + 3y + 4z = 5 rappresenta lequazione di un


piano che intercetta i punti (5/2,0,0), (5/3,0,0), (5/4,0,0) relativamente agli
assi x, y, z rispettivamente.

108

CAPITOLO 4. FUNZIONI DI PI VARIABILI

2
1.5
z
0.5
0

x2

1 1.5y

2 2.5

2x + 3y + 4z = 5
Ricordiamo che lintersezione di un grafico con i piani coordinati rappresenta la traccia del grafico rispetto a tali piani. Un modo semplice per
ottenere la traccia quello di porre uguale a zero il valore della variabile
non appartenente al piano dato. Ad esempio ponendo z = 0 nellequazione
precedente si ottiene 2x + 3y = 5 che rappresenta la retta traccia del piano
dato rispetto al piano coordinato x y.

4.2.2

Sfera

Ci limitiamo a ricordare che la sfera il luogo geometrico dei punti equidistanti da un punto dato, detto centro. Quindi, dato il centro P0 = (x0 , y0 , z0 )
e la distanza R, i punti della sfera sono quelli che soddisfano lequazione
q
(x x0 )2 + (y y0 )2 + (z z0 )2 = R
o, che lo stesso
(x x0 )2 + (y y0 )2 + (z z0 )2 = R2

4.2. EQUAZIONI E LORO GRAFICI

109

8
6
z4
2
0
0

2y

6 6

2x

-2

(x 2)2 + (y 3)2 + (z 4)2 = 10


Esempio 4.4 Consideriamo lequazione x2 4x + y 2 + 2y + z 2 = 1. E
questa lequazione di una circonferenza?
Soluzione: Per rispondere al quesito posto basta completare i quadrati
relativi alle espressioni per le variabili x, y, z e verificare se lequazione che
definisce una sfera soddisfatta.
x2 4x + y 2 + 2y + z 2 = x2 4x + 4 + y 2 + 2y + 1 + z 2 4 1
da cui si ottiene
2
2
2
(x 2) + (y + 1) + z = 1 + 5 = 4
Si ha cio lequazione della sfera di centro (2, 1, 0) e raggio 2.

4.2.3

Cilindro

Cosa rappresenta nel piano lequazione x2 + y 2 = 1 ? La risposta ovvia


per tutti, lequazione della circonferenza di centro (0, 0) e di raggio 1. Cosa
rappresenta la stessa equazione quando letta in R3 ?
Lequazione ci dice che il legame tra le variabili (a priori x, y, z) non
implica z. Questo significa che per qualunque valore z0 della variabile z si
ottiene lo stesso risultato che per z = 0. Cio variando la z, o che lo stesso
sezionando il grafico col piano z = z0 si ottiene sempre la stessa figura, una
circonferenza di raggio 1 centrata nellorigine

110

CAPITOLO 4. FUNZIONI DI PI VARIABILI

2
1

yx

z
1

-1
-2

x2 + y 2 = 1
Non si hanno cio vincoli sulla variabile z. Il luogo dei centri delle circonferenze che si ottengono considerando il grafico sui piani z = z0 (costante),
che in questo caso lasse z, detto asse del cilindro
Se consideriamo adesso lequazione y = x2 in R2 abbiamo come ben noto
lequazione di una parabola, se la consideriamo in R3 ci troviamo di fronte
alla stessa situazione appena vista per lequazione x2 + y 2 = 1.
Anche in questo caso, qualunque sia il valore z0 della variabile z otteniamo
la stessa figura

x
z

y = x2
Definizione 4.5 In R3 , chiameremo cilindro, o meglio, diremo che unequazione rappresenta un cilindro quando in questa manca almeno una variabile indipendente.
Nota 4.6 Nel linguaggio comune la parola cilindro indica un tubo circolare. Come si intuisce dagli esempi e dalla definizione, in matematica il suo
significato molto pi generale.
Esempio 4.7 Discutere il grafico dellequazione z = tan x in R3 .

4.2. EQUAZIONI E LORO GRAFICI

111

Soluzione: Poich manca la variabile y il grafico di questa equazione


non ha restrizioni rispetto a questa variabile. Rappresenta perci lequazione
di un cilindro.
Che tipo di cilindro? Se ci restringiamo al piano x z lequazione data ha
come grafico quello della funzione tangente. Siamo allora di fronte ad un
cilindro che ha come sezione su ogni piano parallelo al piano x z il grafico
della funzione tangente.tan x

-4

-1

-2
z

0.5

y
x
4

z = tan x

4.2.4

Orientazione

Tre rette, a due a due perpendicolari e coincidenti in un punto possono


servire come assi coordinati. La scelta degli assi possono essere molteplici
Tre sistemi di assi
10

10

10

0
0

x
10

z
10

10

x
10

y
10

10

Un attento esame mostra una sottile dierenza, che chiameremo orientazione, tra i primi due ed il terzo sistema di riferimento. I primi due sistemi
sono sistemi orientati secondo la mano destra, mentre il terzo orientato
secondo la mano sinistra.

112

CAPITOLO 4. FUNZIONI DI PI VARIABILI

La motivazione la seguente:
se indice e medio vanno a rappresentare lorientazione positiva degli assi x
ed y rispettivamente, allora il pollice indica il verso positivo dellasse z .
Risulta anche chiaro, allora la denominazione del terzo.
I due sistemi non sono congruenti, nel senso che non possibile, con un
movimento rigido, sovrapporre i due sistemi di riferimento.
In queste dispense useremo sempre sistemi della mano destra.

4.2. EQUAZIONI E LORO GRAFICI

4.2.5

113

Esercizi

1. Abbiamo detto che il grafico dellequazione y = tan (x) rappresenta un


cilindro in R3 , con asse parallelo allasse z.
(a) Disegnare il grafico di z = tan (y) in R3 . Qual lasse del cilindro?
(b) Disegnare il grafico di x = tan (y) in R3 . Qual lasse del cilindro?
2. Disegnare il grafico dellequazione 3x2 + 4y 2 = 12, dapprima come
elemento di R2 e poi come elemento di R3
3. Disegnare in R3 i grafici delle equazioni di cui sotto e descriverne le
propriet
(a) x2 z 2 = 0;

(b) x2 + z 2 = 1;
(c) y 2 + z = 1;

(d) x2 y 2 = 1.
4. Scrivere le equazioni dei seguenti luoghi geometrici:
(a) Sfera di raggio 2 centrata nel punto (1, 4, 9);
(b) Sfera di raggio 5 centrata nel punto (0, 3, 4);
(c) Cilindro circolare di raggio 1 avente come asse lasse delle x;
(d) Cilindro circolare di raggio 4 avente come asse lasse delle z;
(e) Come rappresentereste, usando una superficie cilindrica, onde che
si muovono lungo lasse x ?
5. Cosa rappresenta lequazione z = 3 ?
6. Il grafico dellequazione x2 6x + y 2 + 4y + z 2 z = 0 rappresenta una
sfera.
(a) Trovarne centro e raggio;
(b) Porre x = 0 nellequazione data. Dire cosa rappresenta lequazione
ottenuta. (Att.ne: si intersecano i grafici di due equazioni);
7. Lo spazio R3 diviso dagli assi coordinati in ottanti. Scrivere 8 punti
diversi aventi coordinate 1, uno per ogni ottante. Disegnare un grafico
mostrando gli otto punti.

114

CAPITOLO 4. FUNZIONI DI PI VARIABILI

8. Considerare lequazione lineare Ax + By + Cz = D con A, B, C, non


tutti nulli.
(a) Trovare (se possibile) lintersezione del piano con lasse x. Dare
un esempio di piano senza intersezione con lasse x;
(b) Trovare (se possibile) lintersezione del piano con lasse z. Dare
un esempio di piano senza intersezione con lasse z ;
9. Lequazione lineare 3x + 4y + 5z = 6 definisce un piano p in R3 .
(a) Trovare la traccia del piano p sul piano x y;
(b) Trovare la traccia del piano p sul piano y z;
(c) Trovare la traccia del piano p sul piano z = 1;
10. Dato il piano p di equazione 4x + 2y + z = 4.
(a) Trovare lintersezione con i tre assi coordinati; usarla per tracciare
p nel primo ottante;
(b) Trovare la traccia di p su ognuno dei piani coordinati;
11. Siano P1 = (x1 , y1 , z1 ) , P21 = (x2 , y2 , z2 ) due punti appartenenti al
piano di equazione Ax + By + Cz = D. Mostrare che il punto medio
del segmento P1 P2 appartiene al piano.

4.3. FUNZIONI DI PI VARIABILI

4.3

115

Funzioni di Pi Variabili

Consideriamo la funzione g definita da g (x, y) = x2 + y 2 . La g accetta, come


ingresso (variabile indipendente) una coppia di numeri reali (x, y) e rende
in uscita (variabile dipendente) un terzo numero reale, x2 + y 2 . Se, per
esempio x = 2 e y = 1 allora si ha che g (2, 1) = 4 + 1 = 5.
Notiamo immediatamente che cos come abbiamo definito una funzione di
due variabili, possiamo senza molto sforzo definire funzioni di tre o quattro
variabili, come ad esempio
h (x, y, z) = x2 + y 2 + z 2 , k (x, y, z, w) = x2 + y 2 + z 2 + w2
In questo corso, ci limiteremo comunque a due (a volte tre) variabili
indipendenti.

4.3.1

Perch Studiare Funzioni di Pi Variabili.

Non vi dubbio che gi lo studio delle funzioni di una sola variabile di per
se non banale. Perch complicare ancora le cose aggiungendo variabili?
Una (non la sola, e neanche la pi amata dai matematici) possibile, semplice risposta che le funzioni di pi variabili sono essenziali per descrivere
e prevedere fenomeni di varia natura. Per esempio, in economia, il guadagno
di unazienda manifatturiera dipende da molti fattori tra loro indipendenti
(variabili): costo delle materie prime, costo del lavoro, distanza dai mercati,
etc. In fisica, il moto di un satellite nello spazio dipende dallattrazione della
terra, da quella lunare, dalla forza dei motori, etc. In biologia, la variazione di una popolazione dipende dalle variazioni climatiche, dalle scorte
di cibo, dalla presenza o meno di predatori e quantaltro. La temperatura varia sia con la latitudine che con la longitudine. Il nostro mondo, in
breve, multidimensionale: per modellarlo abbiamo bisogno di strumenti a
pi variabili.
Vocabolario. La maggior parte delle parole base e delle notazioni per
funzioni di pi variabili sono simili a quelle per funzioni di una variabile. Una
funzione non altro che una macchina che accetta ingressi (input) (uno
o pi dimensionali) e assegna uscite (output) (uno o pi dimensionali). In
modo pi formale ricordo che gli elementi formativi di una funzione sono:
Dominio. Il dominio di una funzione linsieme degli ingressi ammissibili. Per la funzione g di cui sopra il dominio linsieme delle coppie (x, y)
per cui le operazioni che definiscono la funzione, sono ammissibili, cio R2 .

116

CAPITOLO 4. FUNZIONI DI PI VARIABILI

Rango (o Codominio). Il rango di una funzione linsieme delle


possibili uscite. Per la funzione g il rango il sotto insieme di R dei numeri
non-negativi, cio [0, +) .
Legge. La legge (di trasformazione) di una funzione il metodo (linsieme delle operazioni) che trasforma lingresso in uscita. Nellesempio della
funzione g la legge data dalla formula algebrica x2 + y 2 .
NOTA. Abbiamo usato la notazione g (x, y) = x2 + y 2 per descrivere una
certa funzione di due variabili. Altre notazioni sono a volte convenienti. La
notazione
g : R2 R
ci dice che la funzione g accetta coppie di numeri reali come ingresso e produce
un numero reale come uscita. Se vogliamo specificare la legge con cui g
trasforma ingressi in uscite, possiamo scrivere
g : (x, y) x2 + y 2
Entrambe queste notazioni ci dicono che una funzione parte con un ingresso
(una coppia di numeri, in questo caso) e finisce con unuscita (un numero in
questo caso).

4.3.2

Grafici

Consideriamo ancora la funzione g (x, y) = x2 + y 2 . Il suo grafico linsieme


dei punti (x, y, z) di R3 per i quali z = g (x, y) = x2 + y 2 . Per esempio, poich
g(2, 1) = 5, il punto (2, 1, 5) fa parte del grafico di g.
Ecco, riportato sotto, una porzione di tale grafico con accanto il grafico
del suo analogo in una variabile

8
3
6
2

4
2

0
-2

-1

0x
22

Il Paraboloide z = x2 + y 2 .

-2

-1

1x

La Parabola y = x2 .

4.3. FUNZIONI DI PI VARIABILI

117

Il grafico di g, chiamato paraboloide, apparentemente piuttosto diverso


da quello della parabola. Il grafico di g una superficie bidimensionale1 nello
spazio R3 . Come regola potremmo dire che la dimensione del grafico di
una funzione uguale al numero delle variabili indipendenti che definiscono
la funzione stessa (Questo regola vera per quasi tutte le funzioni che si
incontrano in questi corsi di analisi. Esistono, comunque, alcune funzioni
strane che violano questa regola)

4.3.3

Attenzione ai Grafici ...

I grafici sono di grande importanza nel riuscire ad intuire le propriet di


una funzione. Lo sono per funzioni di una variabile, ed ancor di pi per
funzioni di pi variabili. Daltra parte, come facile intuire, disegnare in
modo ecace un grafico che sta in R3 su un foglio di carta non banale. Per
questo, oltre a capire qual la prospettiva migliore per disegnare un grafico,
occorre cercare altri modi, altre forme di rappresentazione del grafico, che ci
permettano almeno di intuirne la forma.
Curve di Livello e Mappe.
Tutti voi avrete letto almeno una volta una buona carta geografica. Avrete
immediatamente notato, che oltre ad indicare localit, monti, laghi, fiumi,
strade, sentieri e quantaltro, nella carta sono rappresentate delle linee chiuse
con segnata accanto una cifra, chiamate curve di livello. Quelle linee indicano
quale parte di territorio ha una certa altezza sul livello del mare. Cos,
ad esempio, la curva 100 indica quali sono le parti di territorio aventi una
elevazione di 100 metri sul livello del mare.
Queste curve ci permettono di leggere meglio il territorio descritto dalla
carta, di visualizzare i dislivelli, di capire meglio (se per esempio siamo in
montagna) la fatica che faremo seguendo un sentiero, leggendone non solo
la lunghezza, ma anche il dislivello complessivo ed anche i punti pi faticosi,
perch in maggior pendenza.
E come se si sezionasse il territorio a varie altezze e poi si proiettasse sul
piano (la carta geografica) i contorni delle sezioni fatte.
Una procedura simile estremamente ecace anche nello studiare le funzioni, lidea ancora quella di sezionare il grafico ad una certa altezza e
riportare poi il contorno della sezione ottenuta sul piano. Formalizziamo
1

bidimensionale per noi vuole dire che per qualcuno che cammina su esso il grafico di
g appare come un piano esattamente come la superficie della Terra appare piatta a noi
che ci viviamo sopra.

118

CAPITOLO 4. FUNZIONI DI PI VARIABILI

Definizione 4.8 Siano f (x, y) una funzione e c una costante. Linsieme dei
punti (x, y) per i quali f (x, y) = c chiamata curva di livello di f. Una
collezione di curve di livello anche detta mappa di contorno (o mappa)
di f
Esempio 4.9 Consideriamo ancora la funzione g (x, y) = x2 + y 2 . Vogliamo
scrivere le curve di livello per g. Esse sono rappresentate dall insieme delle
coppie (x, y) del piano tali che g (x, y) = c. Cio

(x, y) R2 : x2 + y 2 = c .
E chiaro
che esse rappresentano circonferenze centrate nellorigine e di rag
gio c se c > 0, lorigine (0, 0) se c = 0, linsieme vuoto se c < 0. Questultimo dato esprime banalmente il fatto che la somma di due quadrati non pu
essere negativa. Vediamo una mappa di contorno.

3
2
1
y0
-1
-2
-3
-3

-2

-1

0x

Curve di livello di g (x, y) = x + y 2

4.3. FUNZIONI DI PI VARIABILI

4.3.4

119

Esercizi

1. Trovare dominio e rango delle seguenti funzioni.


(a) f (x, y) = x4 + y 4 ;
(b) g (x, y) = x2 + y 2 1;
1
;
(c) h (x, y) = 2
x + y2
(d) k (x, y) = y 2 x2 ;
p
(e) l (x, y) = 1 x2 y 2

2. Data la funzione f (x, y) = y x2 valutare e tracciare le curve di livello


z = 4, 3, ..., 3, 4 nel quadrato [4, 4] [4, 4] .
Fare la stessa cosa con la funzione f (x, y) = x y 2 .
Cercare di valutare i due risultati cominciando a pensare in termini di
simmetrie.
Provare ad usare gli strumenti di laboratorio per disegnare i grafici.
3. Sia g (x, y) = x2 + y 2 e h (x, y) = x2 + y 2 + 1. Valutare e disegnare,
per ognuna delle due funzioni, le curve di livello z = 4, 3, ..., 3, 4 nel
quadrato [4, 4] [4, 4] . Valutare i due risultati e confrontarli.
4. Sia f (x, y) = 2x 3y una funzione lineare. Valutare e disegnare, per
ognuna delle due funzioni, le curve di livello z = 5, 4, ..., 4, 5 nel
quadrato [4, 4] [4, 4] . Quale la forma delle curve di livello?
Fare la stessa cosa per la funzione g (x, y) = 2x + 3y.
5. Siano f (x, y) = 2 + x2 e g (x, y) = 2 + y 2 . Valutare e disegnare, per
ognuna delle due funzioni, le curve di livello z = 2, 0, 2, 4 , 6, 8 nel
quadrato [4, 4] [4, 4] . Quale forma hanno? Quali sono le similitudini e le dierenze nei due casi? Che cosa rappresenta il grafico delle
due funzioni? Come questo si riflette sulle curve di livello? Cercare di
fare le stesse operazioni di cui sopra usando i mezzi di laboratorio.
6. Sia f : R3 R definita come la distanza dei punti del piano dallorigine.
(a) Trovare dominio e rango di f ;
(b) Disegnare il grafico di f .
(c) Disegnare le curve di livello di f ; Se ne pu dedurre una qualche
forma di simmetria?

120

CAPITOLO 4. FUNZIONI DI PI VARIABILI

7. Per ogni punto (x, y) del piano sia f (x, y) la distanza del punto (x, y)
dalla retta x = 1.
(a) Scrivere la formula per f ;
(b) Disegnare il grafico di f ;
(c) Tracciare la curva di livello passante per (3, 4) ;
(d) Tutte le curve di livello di f hanno la stessa forma, come mai?

4.4. DERIVATE PARZIALI

4.4

121

Derivate Parziali

Sia f una funzione di una sola variabile. Ricordiamo alcune propriet note
delle derivate.
Tangente. Per ogni elemento x0 per il quale la derivata definita, il
valore della derivata f 0 (x0 ) il coeciente angolare della retta tangente al
grafico di f nel punto (x0 , f (x0 )) . In particolare, il segno della derivata nel
punto ci dice se la funzione crescente o meno.
Velocit. La derivata f 0 pu essere inoltre interpretata nel seguente
modo: f 0 (x0 ) ci dice qual il tasso di variazione della funzione nel punto. Se
f d la posizione al tempo x di un oggetto che si muove, alloraf 0 (x) ci d la
corrispondente velocit al tempo x.
Limite. La derivata f 0 (x) definita come il limite del rapporto incrementale:
f 0 (x0 ) = lim

h0

f (x0 + h) f (x0 )
h

Approssimazione lineare. Nel punto (x0 , f (x0 )) sulla curva y = f (x)


, la retta tangente ha come coeciente angolare f 0 (x0 ). Lespressione della
retta tangente data da
y = L (x) = f (x0 ) + f 0 (x0 ) (x x0 )
La funzione L anche lapprossimazione lineare di f in x0 . In simboli
L (x) f (x) quando x x0 .

4.4.1

Derivate in Pi Variabili.

La definizione di derivata, per funzioni di pi variabili, , come facilmente


intuibile, pi complicata. Per esempio, linterpretazione di tangente: nel caso
di funzioni di una variabile descrive completamente la pendenza della funzione nel punto. Il grafico di una funzione di due variabili , come abbiamo
visto una superficie, e non possiamo perci parlare di pendenza. In un punto
della superficie la pendenza dipende dalla direzione in cui ci si sposta dal
punto.
Per dirla in altre parole, non basta conoscere come cambia in una direzione
per approssimare localmente il grafico, bisogna sapere come varia relativamente a tutte direzioni uscenti dal punto. Come vedremo pi avanti

122

CAPITOLO 4. FUNZIONI DI PI VARIABILI

lidea di approssimazione lineare lidea corretta che pu essere generalizzata


dal caso di una variabile a quella di pi variabili.
Per fare ci, partiamo estendendo lidea di derivata per le funzioni di pi
variabili. Le derivate parziali che introduciamo qui, nel caso multivariabile,
sono il pi semplice analogo delle derivate ordinarie.
Idea: Dato un punto (x0 , y0 ) nel dominio, facciamo variare una sola
variabile, tenendo costante laltra. Otteniamo cos una funzione di una sola
variabile, rispetto alla quale possiamo usare gli strumenti noti dallanalisi
delle funzioni di una sola variabile.
Esempio 4.10 Sia f (x, y) = x2 3xy + 6. Supponiamo la funzione costante
rispetto alla variabile y. Indichiamo con fx (x, y) la derivata fatta rispetto
alla variabile x, si ha
fx (x, y) = 2x 3y.
Analogamente, se supponiamo la funzione costante rispetto ad x e indichiamo
con fy (x, y) la derivata rispetto alla variabile y si ha
fy (x, y) = 3x.
Se volessimo valutare queste due derivate per es. nel punto (1, 2) si ha
fx (2, 1) = 4 3 = 1 , fy (2, 1) = 6
Dal punto di vista del calcolo la valutazione stata molto semplice, quello
che dobbiamo chiederci il significato che ha loperazione fatta ed il risultato
ottenuto. Per esempio, cosa ci dicono le due derivate calcolate nel punto
(2, 3) riguardo al comportamento della f intorno al punto (2, 1) ? Come
interpretare il risultato dal punto di vista grafico e numerico? Cominciamo
ad interpretare ci che abbiamo fatto.
Mantenere una variabile costante. Per trovare, quelle che abbiamo
denominato derivate parziali, fx (x, y) , fy (x, y) , abbiamo, nel primo caso,
considerato la variabile y come costante, nellaltro x come costante.
Questo produce una funzione di una sola variabile. Vediamo infatti, che
se in f (x, y) poniamo y = 1 si ha f (x, 1) = x2 3x + 6 e la derivata di
questa funzione 2x 3, che valutata in x = 2 ci d il valore 1 in accordo
a quanto trovato sopra.
Tasso di variazione Le derivate parziali (cos come le derivate ordinarie) possono essere interpretata come tangente o rapidit di variazione,
con laccortezza di capire che per una funzione f (x, y) la derivata parziale
rispetto ad x nel punto (x0 , y0 ) , fx (x0 , y0 ) ci dice come cambia la funzione
f rispetto alla variabile x. Cio come varia la f quando ci si sposta dal punto

4.4. DERIVATE PARZIALI

123

(x0 , y0 ) muovendosi lungo una direzione parallela allasse x.


Laltra derivata parziale fy (x0 , y0 ) ci dice come cambia la f spostandosi dal
punto (x0 , y0 ) muovendosi lungo una direzione parallela allasse y.
Esempio 4.11 La funzione f (x, y) = x2 3xy + 6 ha derivate parziali
fx (x, y) = 2x 3y , fy (x, y) = 3x. Cosa ci dice questo sulla variazione
di f nei punti (x, y) = (2, 1) e (x, y) = (1, 2)?
Soluzione. Cominciamo col considerare il punto di coordinate (2, 1) . Le
formule per le derivate parziali ci hanno dato fx (2, 1) = 1 e fy (2, 1) = 6..
Questi valori rappresentano la rapidit di variazione di f rispetto ad x ed y nel
punto (2, 1) rispettivamente. Scriviamo una tavola di valori di f centrati
nel punto (2, 1) .

y/x
1, 03
1, 02
1, 01
1, 00
0, 99
0, 98
0, 97

Valori di f (x, y) = x2 3xy + 6 nellintorno di (2, 1)


1, 97
3, 7936
3, 8527
3, 9118
3, 9709
4, 0300
4, 0891
4, 1482

1, 98
3, 8022
3, 8616
3, 9210
3, 9804
4, 0398
4, 0992
4, 1586

1, 99
3, 8110
3, 8707
3, 9304
3, 9901
4, 0498
4, 1095
4, 1692

2, 00
3, 8200
3, 8800
3, 9400
4, 000
4, 0600
4, 1200
4, 1800

2, 01
3, 8292
3, 8895
3, 9498
4, 0101
4, 0704
4, 1307
4, 1910

2, 02
3, 8386
3, 8992
3, 9598
4, 0204
4, 0810
4, 1416
4, 2022

2, 03
3, 8482
3, 9091
3, 9700
4, 0309
4, 0918
4, 1527
4, 2136

Leggendo la colonna per x = 2 (ad ogni passo y aumenta di 0, 01) si


nota che ad ogni passo successivo i corrispondenti valori di f diminuiscono
di circa 0, 06. Questo ci conforta nel fatto che la rapidit di variazione sia
6. In modo simile il fatto che fx (2, 1) = 1 suggerisce che i valori di f (x, 1)
debbano aumentare alla stessa rapidit di x quando x 2. Se si legge la
variazione nella riga per y = 1 si trova confermata questa tesi.

Definizioni Formali
Definiamo le derivate parziali, in modo analogo a quanto fatto per le funzioni di una variabile, come limiti dei rapporti incrementali che si ottengono
variando una variabile, mentre si tiene costante laltra
Definizione 4.12 Sia f (x, y) una funzione di due variabili. La derivata
f
parziale di f rispetto ad x, nel punto (x0 , y0 ), indicata con
(x0 , y0 ) ,
x

124

CAPITOLO 4. FUNZIONI DI PI VARIABILI

definita da:
f
f (x0 + h, y0 ) f (x0 , y0 )
(x0 , y0 ) = lim
h0
x
h
se il limite esiste.
Analogamente, la derivata parziale di f rispetto ad y, nel punto (x0 , y0 ) ,
f
(x0 , y0 ) ,ed data da
viene indicata con il simbolo
y
f
f (x0 , y0 + k) f (x0 , y0 )
(x0 , y0 ) = lim
h0
y
k
se il limite esiste.
Nota 4.13 E duopo ricordare che condizione necessaria perch i limiti della definizione esistano che la funzione f (x, y) sia definita sia nel punto
(x0 , y0 ) che nei punti (x, y) vicini. In particolare non vi sono problemi se la
funzione definita in un intorno del punto stesso.
E altres ovvio che lesistenza di uno dei due limiti non implica necessariamente laltro. Si possono cio avere funzioni che ammettono derivata parziale
rispetto ad x ma non rispetto ad y o viceversa.
f
(x0 , y0 ) non lunica che viene usata per inx
dicare la derivata parziale rispetto ad x della funzione f (x, y) nel punto
(x0 , y0 ) . Useremo indierentemente anche il simbolo fx (x0 , y0 ), ed anche a
volte, se scriviamo z = f (x, y) indicheremo la derivata parziale con il simbolo zx (x0 , y0 ) .
f
, fx , zx per indicare, in modo generico la
Useremo inoltre i vari simboli
x
funzione derivata parziale rispetto ad x.
Ovviamente quanto detto per la derivata rispetto alla variabile x vale anche
per quanto riguarda la derivata fatta rispetto alla variabile y.
Nota 4.14 La notazione

4.4.2

Derivate Parziali e Mappe di Contorno.

Abbiamo visto, in un esempio precedente, come stimare, in un punto, le


derivate parziali da una tabella che esprimeva i valori della funzione. Si pu
fare una cosa analoga usando le mappe di contorno. Pensando alle derivate
parziali fx , fy come rapidit di variazione si pu usare la mappa di contorno
per valutare quanto rapidamente z = f (x, y) cresce o decresce nelle vicinanze
del punto (x0 , y0 ) quando x o y variano.

4.4. DERIVATE PARZIALI

125

Esempio 4.15 Consideriamo la mappa di contorno della funzione f (x, y) =


x2 3xy + 6 centrata in (2, 1) .
Vediamo come usarla per stimare le derivate parziali
2
1.8
1.6
1.4
1.2
y1
0.8
0.6
0.4
0.2
0 1

1.2

1.4

1.6

1.8

x2

2.2

2.4

2.6

2.8

Curve di livello di f (x, y) = x 3xy + 6


Le curve di livello rappresentate sono quelle per valori interi di z =
f (x, y) da 1 fino a 9.
Esaminiamo da prima fx (2, 1) . Si nota subito che al crescere di x la funzione aumenta valore, inoltre si vede che f (2.1, 1) 4.1 che suggerisce che
fx (2, 1) 1. Per quanto riguarda fy (2, 1) si nota da prima che al crescere
di y la funzione decresce il proprio valore, inoltre si ha che f (2, 1.1) 3.4
con un diminuzione di 0.6 che suggerisce che fy (2, 1) 6.

4.4.3

Derivate Parziali ed Approssimazioni Lineari.

Lidea dellapprossimazione lineare, per funzioni di due o pi variabili,


essenzialmente la stessa che per funzioni di una variabile. Data una funzione
f (x, y) ed un punto (x0 , y0 ) nel dominio di f , si cerca una funzione lineare
L (x, y) che ha lo stesso valore e le stesse derivate della funzione f nel punto
(x0 , y0 ). In altre parole, vogliamo una funzione lineare tale che
L (x0 , y0 ) = f (x0 , y0 ) , Lx (x0 , y0 ) = fx (x0 , y0 ) , Ly (x0 , y0 ) = fy (x0 , y0 ) .
Per una funzione di due variabili il grafico dellapprossimazione lineare
chiamato piano tangente. Cercheremo di illustrare e riassumere le idee con
il prossimo esempio
Esempio 4.16 Trovare lapprossimazione lineare L della funzione f (x, y) =
x2 + y 2 nel punto (x0 , y0 ) = (2, 1) .

126

CAPITOLO 4. FUNZIONI DI PI VARIABILI

Soluzione. Le derivate parziali della funzione sono rispettivamente


fx (x, y) = 2x, fy (x, y) = 2y.
Se valutiamo f e le due derivate parziali nel punto (2, 1) otteniamo
f (2, 1) = 5, fx (2, 1) = 4, fy (2, 1) = 2
Cerchiamo una funzione lineare che assuma i valori trovati. Scriviamo dapprima L nella forma generale
L (x, y) = a (x x0 ) + b (y y0 ) + c
e cerchiamo poi i valori appropriati per a, b, c.sapendo che (x0 , y0 ) = (2, 1) .
Poich L (x, y) = a (x 2) + b (y 1) + c si ha:
L (2, 1) = c, Lx (2, 1) = a, Ly (2, 1) = b
da cui risulta immediatamente che deve allora essere c = 5, a = 4, b = 2,
cos che
L (x, y) = 4 (x 2) + 2 (y 1) + 5.
Vediamo nel grafico qua sotto come stanno tra loro i grafici di f e di L

20
10
0
-10
-2

-1

1y

x2

I grafici di f e di L nellintorno di (2, 1)

-1

4.4. DERIVATE PARZIALI

127

Il disegno illustra le nozioni di piano tangente e di approssimazione lineare. Il piano L (x, y) = 4 (x 2) + 2 (y 1) + 5 tocca la
superficie z = f (x, y) nel punto di coordinate (2, 1, 5) . In questo punto, inoltre, il piano rappresenta la miglior approssimazione lineare alla superficie
nel punto dato. Possiamo cogliere questo dato anche guardando, nellintorno
del punto (2, 1) , come stanno tra loro le mappe di contorno delle due funzioni

1.4
1.2
y 1
0.8
0.6
1.6

1.8

2x

2.2

2.4

Curve di livello di f e di L
La procedura usata nellesempio precedente funziona nello stesso modo
anche per funzioni di pi variabili, purch la funzione ammetta derivate
parziali nel punto considerato. Si riporta di seguito la definizione per due
e tre variabili, ricordando che lidea vale anche per un numero di variabili
superiore
Definizione 4.17 (Approssimazione lineare). Siano f (x, y) e g (x, y, z)
funzioni, e supponiamo che tutte le derivate parziali delle due funzioni esistano.
Lapprossimazione lineare di f nel punto (x0 , y0 ) la funzione
L (x, y) = f (x0 , y0 ) + fx (x0 , y0 ) (x x0 ) + fy (x0 , y0 ) (y y0 ) .
Lapprossimazione lineare di g nel punto (x0 , y0 , z0 ) la funzione
L (x, y, z) = g (x0 , y0 , z0 ) + gx (x0 , y0 , z0 ) (x x0 ) + gy (x0 , y0 , z0 ) (y y0 ) +
gz (x0 , y0 , z0 ) (z z0 )
Esempio 4.18 Trovare lapprossimazione lineare di g (x, y, z) = x + y z 2 nel
punto (1, 2, 3) .

128

CAPITOLO 4. FUNZIONI DI PI VARIABILI

Soluzione. E: g (1, 2, 3) = 19, gx (1, 2, 3) = 1, gy (1, 2, 3) = 9, gz (1, 2, 3) =


12. Lapprossimazione lineare ha quindi la forma
L (x, y, z) = gx (1, 2, 3) (x 1) + gy (1, 2, 3) + gz (1, 2, 3) (z 3) + g (1, 2, 3)
= (x 1) + 9 (y 2) + 12 (z 3) + 19.

4
3
z
2
1
1

0
0.5

1.5
x1

2y
2.5

1.5
3

Superfici di livello di g e L

4.4. DERIVATE PARZIALI

4.4.4

129

Esercizi

1. Per ogni funzione trovare le derivate parziali rispetto ad ogni variabile.


(a) f (x, y) = x2 y 2 ;

(b) f (x, y) = x2 y 2 ;

x2
;
y2
(d) f (x, y) = cos (x y) ;
(c) f (x, y) =

(e) f (x, y) = cos (x) cos (y) ;


cos (x)
;
(f) f (x, y) =
cos (y)
(g) f (x, y) = x y 2 z 3 ;
(h) f (x, y) = cos (x y z) .
2. Trovare lapprossimazione lineare nel punto (1, 1) per le funzioni (a),
(b), (c); nel punto (0, 0) per le funzioni (d), (e), (f); nel punto (1, 1, 1)
per (g) e nel punto (0, 0, 0) per (h). Controllate le risposte graficamente
disegnando f ed L.
3. Traccia la mappa di contorno per le seguenti funzioni nei domini indicati.

x
, 2 y 2 ;
2
2
(b) f (x, y) = 2x 3y , 3 x 3 3 y 3 ;
(a) f (x, y) = cos (y) ,

(c) f (x, y) = x y , 1 x 1 1 y 1 ;

(d) f (x, y) = x2 y 2 , 1 x 1 1 y 1 .
4. Usando Maple controllare le mappe di contorno disegnate.
5. Supponiamo che di una funzioneg si conoscano g (3, 4) = 5, gx (3, 4) =
3/5, gy (3, 4) = 4/5 e g (4, 5) = 40.
(a) Trovare la miglior approssimazione lineare L di g nel punto (3, 4) .
(b) Usare L per stimare g (2.9, 4.1) e g (4, 5) .
(c) Potrebbe g essere una funzione lineare? Motivare la risposta.
6. Sia f (x, y) = |x| cos y.

130

CAPITOLO 4. FUNZIONI DI PI VARIABILI


(a) Esistono le derivate parziali di f nel punto (0, 0)?
(b) Dopo aver dato una risposta analitica provare a disegnare la funzione in un intorno di (0, 0).

7. Sia g (x, y) = |x| sin y.


(a) Esistono le derivate parziali di g nel punto (0, 0)?
(b) Dopo aver dato una risposta analitica provare a disegnare la funzione in un intorno di (0, 0).

4.5. OTTIMIZZAZIONE

4.5

131

Ottimizzazione e Derivate parziali: Un


Primo Approccio.

Se una funzione di una variabile x f (x) ha un massimo od un minimo


relativo nel punto x0 allora la derivata della funzione nel punto (se esiste)
deve valere zero in x0 . Se una funzione di due variabili f (x, y) ha un massimo
o un minimo locale nel punto (x0 , y0 ), allora entrambe la derivate parziali
(se esistono) devono annullarsi, cio
fx (x0 , y0 ) = 0 , fy (x0 , y0 ) = 0.
In altre parole (x0 , y0 ) un punto stazionario di f .
Sebbene il risultato risulti plausibile, dobbiamo chiederci perch vero.
Consideriamo allora, per fissare le idee, il caso di un massimo locale. Geometricamente, la superficie z = f (x, y) ha un massimo relativamente al punto
del dominio (x0 , y0 ) ..Se sezioniamo questa superficie con un qualunque piano
passante per il punto (x0 , y0 ) , per esempio il piano y = y0 , la curva risultante,
la curva cio che si ottiene come intersezione tra la superficie z = f (x, y) ed
il piano y = y0 ha equazione z = f (x, y0 ) e questa curva ha un massimo
nel punto x0 . Dalla teoria delle funzioni di una variabile sappiamo che, se la
funzione x f (x, y0 ) dierenziabile, allora la sua derivata deve essere zero
in x0 .
f (x0 + h, y0 ) f (x0 , y0 )
dz
(x0 ) = lim
= fx (x0 , y0 ) = 0
h0
dx
h
Per analoghe ragioni si ha, ovviamente, fy (x0 , y0 ) = 0.
Possiamo riassumere quanto detto nel seguente Teorema
Teorema 4.19 (Punti estremi e derivate parziali) Sia (x0 , y0 ) un punto
di massimo od un minimo locale per f (x, y) , interno al dominio di definizione
della funzione stessa. Se esistono entrambe la derivate parziali, allora
fx (x0 , y0 ) = 0 , fy (x0 , y0 ) = 0.
ATTENZIONE ... Il teorema importante anche per ci che non dice.
Il teorema non garantisce, in particolare, che in un punto stazionario la funzione ammette un massimo od un minimo locale. Il prossimo esempio mostra
entrambe le due facce della medaglia
Esempio 4.20 Sia f (x, y) = x2 + y 2 e g = x y. Trovare i punti stazionari
di entrambe le funzioni.

132

CAPITOLO 4. FUNZIONI DI PI VARIABILI

Soluzione. Trovare le derivate parziali semplice:


fx (x, y) = 2 x, fy (x, y) = 2 y , gx (x, y) = y, gy (x, y) = x .
Sia f che g hanno quindi come unico punto stazionario lorigine (0, 0). Per
f lorigine chiaramente un minimo, poich si ha che x2 + y 2 0 per ogni
coppia (x, y) Per quanto riguarda g invece, l0 origine non n massimo, n
minimo poich g (x, y) assume sia valori positivi che negativi intorno allorigine. Le mappe di contorno di f e g illustrano il loro diverso comportamento
nellintorno dellorigine

0.5

x0

-0.5

-1

-0.5

y0

0.5

Mappa di contorno di f
I valori di z sono 0.2, 0.4, 0.6, 0.8.
Le curve di livello sono circonferenze centrate nellorigine. Il disegno ci fa
capire che f ha un minimo locale nel punto stazionario (0, 0). Non solo ma
poich f (0, 0) = 0, e f (x, y) > 0 per ogni coppia (x, y) 6= (0, 0) abbiamo che
il punto (0, 0) anche un minimo assoluto.

0.5

y0

-0.5

-1
-1

-0.5

0x

0.5

Mappa di contorno per g

4.5. OTTIMIZZAZIONE

133

I valori di z sono 0.6, 0.4, 0.2, 0, 0.2, 0.4, 0.6.


Le curve di livello mostrano una sella. La superficie sale sopra zero
nel primo e terzo quadrante, e scende sotto lo zero nel secondo e quarto
quadrante.

Dierenti tipi di punti stazionari. Come si notato la strategia che


si usa per trovare massimi e minimi per funzioni di pi variabili la stessa
che nel caso di una variabile - trovare i punti stazionari e analizzare le loro
caratteristiche - ma la metodologia pu essere pi complicata, in parte per
la maggior dicolt di calcolo, dallaltra perch le funzioni di pi variabili
possono avere un comportamento pi complesso nellintorno di un punto
stazionario.
Individueremo tre diversi tipi di punti stazionari

Punto di minimo locale. Un punto stazionario (x0 , y0 ) un punto di


minimo locale per la funzione f se f (x, y) f (x0 , y0 ) in tutti i punti in
un intorno di (x0 , y0 ) . Da un punto di vista formale scriveremo che (x0 , y0 )
un punto di minimo locale se > 0 tale che f (x, y) f (x0 , y0 ) (x, y) :
|(x, y) (x0 , y0 )| < . In questo caso diremo che f assume un valore di
minimo locale in (x0 , y0 ). Nellesempio precedente (0, 0) un minimo locale
per la funzione f (x, y) = x2 + y 2 .

Punto di massimo locale. Un punto stazionario (x0 , y0 ) un punto di


massimo locale per la funzione f se f (x, y) f (x0 , y0 ) in tutti i punti in
un intorno di (x0 , y0 ) . Da un punto di vista formale scriveremo che (x0 , y0 )
un punto di massimo locale se > 0 tale che f (x, y) f (x0 , y0 ) (x, y) :
|(x, y) (x0 , y0 )| < . In questo caso diremo che f assume un valore di
massimo locale in (x0 , y0 ). Un esempio di tale situazione il punto (0, 0)
per la funzione f (x, y) = 1 x2 y 2 .
Disegniamo le curve di livello di z = 1 x2 y 2 per valori di z uguali a
0, 1/4, 1/2, 3/4, 1

134

CAPITOLO 4. FUNZIONI DI PI VARIABILI

1
0.8
0.6
0.4
0.2
y0
-0.2
-0.4
-0.6
-0.8
-1
-1 -0.8 -0.6-0.4 -0.2 0x 0.2 0.4 0.6 0.8 1

Mappa di contorno di 1 x2 y 2
Punto di sella. Un punto stazionario (x0 , y0 ) un punto di sella per
la funzione f se f non assume n un minimo locale, n un massimo locale
in (x0 , y0 ) . Un esempio di tale situazione il punto (0, 0) per la funzione
g (x, y) = x y vista sopra.
Vediamo, con un esempio, come queste tre possibilit possano coesistere
vicine tra loro. La funzione in questione f (x, y) = cos (x) sin (y)
Disegnamo la mappa di contorno di f per i seguenti valori: cos (x) sin (y) =
0.6, 0.2, 0, 0.2, 0.6
3
2
1
y0
-1
-2
-3

-2

-1

0x

Mappa di contorno di cos (x) sin (y)

4.5. OTTIMIZZAZIONE

135

Ottimizzazione: Continua ....


Abbiamo appena accennato il problema di trovare massimi, minimi e selle
per funzioni di pi variabili. Ci sono, come nel caso di una variabile altri
problemi da arontare. Ecco due questioni su cui torneremo pi tardi.
Test della derivata seconda. Nel caso di funzioni di una sola variabile
il test del valore della derivata seconda f 00 viene spesso usato per classificare i
punti di massimo, minimo e di flesso. Per esempio se f 0 (x0 ) = 0 e f 00 (x0 ) > 0,
allora x0 un punto di minimo locale per f . Un approccio simile, ma pi
sofisticato possibile anche per funzioni di due o pi variabili. Vedremo come
si opera nel Capitolo 6.
Estremi al bordo. Ricordiamo cosa accade per una funzione di una
variabile continua e derivabile, definita in un intervallo chiuso [a, b] . La f (x)
pu assumere il suo massimo o minimo (assoluto) sia in un punto stazionario
in cui la derivata prima zero ( f 0 (x) = 0 ), o agli estremi x = a, o x = b .
La situazione simile per funzioni di due o pi variabili definita in una
regione chiusa. Analizziamo per semplicit il caso di due variabili. La f (x, y)
pu assumere il suo massimo o minimo (assoluto) sia in un punto stazionario
in cui le derivate parziali sono entrambe zero ( fx (x, y) = 0, ,fy (x, y) = 0 ) o
sul bordo della regione che in questo caso non sono semplicemente due punti
ma una curva chiusa del piano Illustriamo la situazione, per rendere lidea in
un caso semplice.
Esempio 4.21 Dove, nel rettangolo R = [1, 1][1, 1] la funzione g (x, y) =
x y assume i suoi valori massimo e minimo?
Soluzione. Abbiamo gi visto che la funzione g ha allinterno un solo
punto stazionario (0, 0) e che questo punto una sella. Allora il massimo
e minimo (assoluti) devono essere sul bordo di R. Unocchiata alla mappa
di contorno ci mostra la simmetria del grafico e ci permette di vedere cosa
succede su un pezzo del contorno, ad esempio x = 1, per poi estrapolare
il comportamento sul resto del bordo. Cos, per x = 1 la funzione g si
comporta come una funzione di una variabile g (1, y) = y. Chiaramente il
massimo si ha per y = 1 e vale 1 , il minimo si ottiene per y = 1 e vale 1.
Concludiamo allora che g(1, 1) = g (1, 1) = 1 e g(1, 1) = g (1, 1) = 1
rappresentano il massimo ed il minimo (assoluto) per g su R.

136

4.5.1

CAPITOLO 4. FUNZIONI DI PI VARIABILI

Esercizi

1. Sia g (x, y) = x y. Guardando la mappa di contorno si nota che se si


segue un cammino rettilineo dal basso a sinistra in alto a destra, lorigine sembra un minimo. Viceversa, se si segue un cammino rettilineo da
destra in basso a sinistra in alto, lorigine sembra essere un massimo.
(a) Cosa accade se si segue un cammino rettilineo dal punto (0, 1)
al punto (0, 1)? Come cambiano i valori della funzione?
(b) Cosa accade invece se si segue un cammino rettilineo dal punto
(0.5, 1) al punto (0.5, 1)? Come cambiano i valori della funzione?
Qual in questo caso il massimo? Quanto vale?
2. Guardate la mappa di contorno di f (x, y) = cos (x) sin (y) .
(a) La superficie z = f (x, y) sembra un cartone per uova. Dove vanno
le uova (dove sono i minimi)?
(b) Usando la figura stimate le coordinate dei punti di massimo, di
minimo e di sella.
(c) Usare la formula f (x, y) = cos (x) sin (y) per trovare (in modo
esatto) tutti i punti stazionari nel rettangolo [3, 3] [3, 3]
(d) Trovare il valore massimo e minimo dif (x, y) = cos (x) sin (y) nel
rettangolo [3, 3] [3, 3].
3. Sia f (x, y) = x (x 2) sin (y) . Qui sotto disegnata una mappa di
contorno nellinsieme R = [3, 3] [3, 3]
3
2
1
y0
-1
-2
-3
-3

-2

-1

0x

Mappa di contorno di f

4.5. OTTIMIZZAZIONE

137

I valori di z sono z = 0, 1/4, 1/2, 3/4, 1 (disegnarli sul grafico !).


(a) La funzione ha due punti stazionari lungo la linea x = 1. Usare la
figura per stimare le loro coordinate. Che tipi di punti stazionari
sono?
(b) Ci sono quattro punti stazionari in R. Trovarli usando la formula
per f .
(c) La mappa di contorno mostra che la funzione assume il valore
massimo o minimo sul bordo dellinsieme R. Trovare questi valori
[Sugg.: se x = 3 allora f (3, y) = 3 sin (y) . Questa una funzione
di una variabile definita nellintervallo 3 y 3]
4. Per ogni funzione qui sotto trovare i punti stazionari. Decidere di che
tipo sono usando gli strumenti tecnologici (mappa di contorno o grafico
della superficie).
(a) f (x, y) = x2 y 2 ;

(b) f (x, y) = x2 y 2 ;

(c) f (x, y) = 3 x2 + 2 y 2 ;

(d) f (x, y) = x y y 2 x + 2.
5. Consideriamo la funzione lineare L (x, y) = 1 + 2 x + 3 y. L ammette
punti stazionari ? Se si, di che tipo, se no, perch?
6. Considerate la funzione lineare L (x, y) = a + b x + c y dove a, b, c,
sono costanti.
(a) Il grafico di L un piano. Quali piani hanno punti stazionari e
quali sono le loro equazioni?
(b) Sotto quali condizioni per a, b, c, L ha punti stazionari? In questo
caso quali sono? Confronta la risposta con (a).
7. Sia f (x, y) = x2 . Il grafico di f un cilindro senza restrizioni rispetto
alla variabile y.
(a) Usare gli strumenti tecnologici per disegnare la superficie z =
f (x, y) e dire quali sono i punti stazionari nel piano x, y ? Di che
tipo sono? [Sugg.: c una intera linea di punti stazionari].
(b) Usare le derivate parziali di f per trovare i punti stazionari. Confronta la risposta con (a).

138

CAPITOLO 4. FUNZIONI DI PI VARIABILI

8. Dare un esempio di funzione che abbia le propriet descritte sotto


[sugg.: (1) guarda lesercizio precedente; (2) controlla la tua risposta
disegnando il grafico.
(a) Una funzione g (x, y) per la quale ogni punto dellasse x sia un
minimo locale;
(b) Una funzione h (x, y) per la quale ogni punto della linea x = 1 sia
un massimo locale;
(c) Una funzione non-costante h (x, y) che ha un minimo locale nel
punto (3, 4) .

Capitolo 5
Integrali Multipli
In questo capitolo introduciamo il concetto di integrale per funzioni di pi
variabili, (integrali multipli), studiando cosa accade nel caso di funzioni di due
e tre variabili. Cercheremo prima di capire come si definiscono e come possono esser interpretati. Successivamente, considereremo in modo sistematico
come poterli calcolare.
Tutti gli integrali - singoli, doppi, tripli, o di qualsiasi variabile - sono
definiti come il limite di somme approssimanti, note anche col nome di
somme di Riemann. Questa idea gi stata studiata nel primo corso di
Analisi per le funzioni di una variabile. Ricordo che sebbene gli integrali
siano definiti come limiti delle somme di Riemann, essi vengono poi calcolati
in modo diverso, usando il concetto di primitiva di una funzione.
Ecco qui una tipica e semplice situazione:
Z

1
xn+1
1
x dx =
=

n+1 0 n+1
n

Il metodo di calcolo dellintegrale, cercando una primitiva della funzione


per poi valutarla negli estremi di integrazione estremamente ecace, grazie
al teorema fondamentale del calcolo integrale (vedi Analisi I). Sorge quindi spontanea la domanda del perch si usino le somme approssimanti di
Riemann.
Le ragioni sono essenzialmente due:
Problemi con le primitive. Il metodo funziona bene se si sa valutare
una conveniente primitiva della funzione integranda. Sfortunatamente, non
tutte le funzioni hanno una primitiva facile da calcolare, cio una primitiva esprimibile con una formula combinando funzioni semplici. Per esempio la funzione f (x) = sin (x2 ) non ha una primitiva esprimibile in modo
139

140

CAPITOLO 5. INTEGRALI MULTIPLI

elementare. Il meglio che si pu fare con lintegrale

I=


sin x2 dx

approssimarlo usando con una qualche somma, per esempio, usando lapprossimazione dellestremo sinistro, o del punto centrale della partizione, oppure la regola del trapezoide. (Per vostra conoscenza, approssimando la
funzione col metodo del trapezoide con una partizione dellintervallo in 10
suddivisioni, si ottiene I 0.311)
Il significato dellintegrazione. Il teorema fondamentale del calcolo
integrale (quando funziona) rende il calcolo dellintegrale pi semplice, ma le
somme approssimanti illustrano pi chiaramente il significato del risultato.
Il seguente disegno, per esempio, illustra come la scelta del punto medio
dellintervallo, approssima larea limitata dalla curva y = x2 , 0 x 1,
usando quattro suddivisioni.

1
0.8
0.6
0.4
0.2

0.2

0.4 x 0.6

0.8

Stima di y = x2 usando il punto medio

Il valore approssimato dato da

1
4

P3 1
i=0

i+

1 2
8

21
64

0.32813.

Lidea fondamentale dellintegrale come limite delle somme approssimanti


la stessa per funzioni di due o pi variabili.

5.1. INTEGRALI DOPPI.

5.1

141

Integrali Doppi.

La dierenza tra integrali di funzioni in una variabile e di pi variabili pi


di tipo tecnico che teorico. Infatti, le definizioni di
Z b
ZZ
f (x, y) dA e
f (x) dx
R

sono molto simili. Nella situazione attuale f una funzione di due variabili e
R una regione (un rettangolo nel caso pi semplice) di R2 . Il meccanismo
con il quale si valutano questi integrali usando il metodo delle primitive,
invece alquanto diverso.
Cominciamo col fare
Z Zla lista delle operazioni che ci servono per definire
un integrale doppio

f (x, y) dA

Cercate, per quanto vi possibile, di valutare le somiglianze e le dierenze


col caso di una variabile.
R , la regione di integrazione. Nel caso di una variabile la regione
di integrazione sempre un intervallo [a, b] nel dominio di definizione di f
Rb
(questo implicito nella notazione a f (x) dx ).
Nel caso di due variabili invece, la regione di integrazione R , pu essere una
qualsiasi regione limitata del piano. Nel caso pi semplice un rettangolo
[a, b] [c, d]. In questo caso scriveremo a volte
Z

f (x, y) dy dx invece di

ZZ

f (x, y) dA
R

(la prima notazione suggerisce il fatto, che vedremo nel prossimo paragrafo,
che lintegrale doppio pu essere calcolato integrando una variabile alla volta.
Partizione. In una variabile si divide lintervallo [a, b] , anche in parti
non uguali, in sotto intervalli del tipo a = x0 < x1 < x2 < < xn = b. La
dimensione dell i-esimo sotto intevallo semplicemente la sua lunghezza
xi .
In due variabili facciamo pi o meno la stessa cosa: Dividiamo la regione
R in m sotto regioni pi piccole R1 , R2 , R3 , Rm , che possono per essere
diverse sia per dimensioni che per forma. La dimensione di una sotto
regione Ri ora la sua area indicata con Ai .
In pratica - qualunque sia il numero delle variabili - comunque conveniente
scegliere la partizione in modo consistente e regolare. In una variabile, una
partizione regolare (una con i sotto intervalli della stessa lunghezza) la
pi semplice. Unanaloga procedura in due variabili, se R un rettangolo
[a, b] [c, d] quella di dividere i due intervalli in un numero uguale di

142

CAPITOLO 5. INTEGRALI MULTIPLI

parti, ottenendo cos una partizione in n sotto intervalli in ogni direzione,


producendo n2 sotto regioni. Ovviamente questa non lunica possibilit, un
altra potrebbe essere dividere in due intervalli [a, b] e [c, d] in sotto intervalli
di uguale lunghezza, tagliando cio R in piccoli quadrati uguali.
Somme approssimanti. In una variabile, una somma approssimante
ha la forma
f (c1 ) x1 + f (c2 ) x2 + + f (cn ) xn =

n
X

f (ci ) xi ,

i=1

dove ci un punto qualsiasi scelto nell i-esimo sotto intervallo.


Una somma approssimante in due variabili simile. Da ogni sotto regione
Ri si sceglie un punto Pi (xi , yi ) , e si forma la somma approssimante
Sm = f (P1 ) A1 + f (P2 ) A2 + + f (Pn ) Am =

m
X

f (Pi ) Ai ,

i=1

dove Ai larea del sotto rettangolo Ri .

5
0
4

y
0

z = x + y ed una somma approssimante.


Il disegno (nei suoi limiti) mostra come la somma approssimante dia una
stima del volume limitato dal disopra dal grafico della funzione z = x + y e
dal di sotto dal rettangolo [0, 4] [0, 4] . Se si prova a fare i conti ricordando

5.1. INTEGRALI DOPPI.

143

che Ai = 1 per ogni indice i, si vede che essa fa 48 (provare a fare i conti).
E ragionevole aspettarsi che infittendo la partizione le stime trovate convergano al volume quando n (numero delle suddivisioni) tende allinfinito.
Cosa dA ? Il simbolo dA nellintegrale doppio ricorda il simbolo
dx negli integrali di una variabile. Il simbolo A ci ricorda la nozione di
area
ZZ
Esempio 5.1 Dato lintegrale doppio
f (x, y) dA , dove f (x, y) = x+y
R

e R = [0, 4] [0, 4] , calcolare la somma approssimante S4 ottenuta con 4


sub-divisioni uguali (2 in ogni direzione, valutando f nellangolo pi vicino
allorigine).

Soluzione. Tutte e quattro le sotto regioni hanno lato 22 a quindi area


4. Tutti gli angoli hanno coordinate intere. I punti scelti (quelli dellangolo
pi vicino allorigine sono: P1 = (0, 0) , P2 = (2, 0) , P3 = (0, 2) , P4 = (2, 2) .
La somma approssimante desiderata allora:
S4 =

4
X
i=1

5.1.1

f (Pi ) Ai = 0 4 + 2 4 + 2 4 + 4 4 = 32

Lintegrale come Limite

Abbiamo definito lintegrale di una variabile


ZZ
somme approssimanti. Lintegrale doppio

f (x) dx come il limite delle

f (x, y) dA pu essere definiR

to in modo simile. La seguente definizione adeguata per i tipi di funzioni


sucientemente regolari, f (x, y) che studieremo in questo corso:
Definizione 5.2 : Sia f (x, y) una funzione definita nella regione R, e sia
Sm una somma approssimante, come definita sopra, con m suddivisioni. Sia
I un numero tale che Sm tende ad I quando m tende allinfinito ed il diametro
delle suddivisioni tende a zero. Allora I lintegrale doppio di f su R, e
si scrive
ZZ
m
X
I=
f (x, y) dA = lim
f (Pi ) Ai
R

i=1

144

CAPITOLO 5. INTEGRALI MULTIPLI

Come nel caso di una variabile, la definizione di integrale come limite,


sebbene cruciale per capire il significato di integrale e spesso usata per la loro
approssimazione, non il metodo usato per il calcolo esatto degli integrali.
Per questo scopo, fortunatamente, possiamo ancora usare metodi legati alla
ricerca delle primitive. Lo vedremo tra poco.
Somme triple ed integrali tripli.
Lidea di integrale pu essere estesa a tre (ed anche pi) dimensioni.. Noi
ci limiteremo (per ora) a considerare il caso tridimensionale definito su un
parallelepipedo R = [a, b] [c, d] [e, f ] che indicheremo come
Z bZ dZ f
ZZZ
g (x, y, z) dV oppure
g (x, y, z) dz dy dx .
a

(come per gli integrali doppi, la seconda notazione suggerisce che tali integrali
possano essere calcolati una variabile alla volta).
Gli integrali tripli, cos come gli integrali doppi e di una sola variabile,
sono definiti come limite delle somme approssimanti. In tre dimensioni le
somme approssimanti vengono definite dividendo il parallelepipedo R in m
sotto regioni Ri ognuna di volume Vi , scegliendo un punto Pi in ogni singola
sotto regione, valutando infine la somma
m
X

g (Pi ) Vi .

i=1

Lintegrale triplo , infine, definito come il limite di tali somme quando il


diametro di tutte le sotto regioni tende a zero.
ZZZ
g (x, y, z) dV dove g (x, y, z) =
Esempio 5.3 Consideriamo lintegrale
I

x + y + z ed R = [0, 2] [0, 2] [0, 2] . Calcolare la somma S8 che si ottiene dividendo ogni intervallo in due parti uguali e scegliendo per il punto
Pi langolo pi vicino allorigine di ogni suddivisione cubica.
Soluzione. Tutte le otto sotto regioni sono cubi di lato uno, quindi si
ha che Vi = 1 per ogni valore dellindice i. I punti Pi scelti sono i seguenti:
(0, 0, 0) , (1, 0, 0) , (0, 1, 0) , (0, 0, 1) , (1, 1, 0, ) , (1, 0, 1) , (1, 1, 0) , (1, 1, 1) .
La somma approssimante quindi
8
X

g (Pi ) Vi = 0 + 1 + 1 + 1 + 2 + 2 + 2 + 3 = 12

i=1

5.1. INTEGRALI DOPPI.

145

Interpretazione degli integrali multipli


Agli integrali possiamo dare interpretazioni sia fisiche che geometriche. Qui
di seguito diamo una serie di esempi di queste possibilit.
Integrali doppi e volume. Cos come gli integrali semplici possono
essere interpretati come larea limitata tra lasse delle x e il grafico della
funzione (quando la funzione positiva
Z Z nellintervallo di integrazione), se
f (x, y) dA misura il volume del

f (x, y) 0 in R , lintegrale doppio

solido limitato dal di sopra dalla superficie z = f (x, y) e dal di sotto dalla
regione R nel piano xy con i lati perpendicolari al piano stesso.
Ovviamente se la funzione definita su R la funzione identicamente uguale ad
uno, f (x, y) = 1 allora il valore dellintegrale doppio pu essere interpretato
come il valore dellarea della regione R.
ZZ
1 dA = area di R.
R

Vedremo, nella prossima sezione, come ci risulti utile nel caso di regioni
piane che non possono essere (facilmente) lette come regioni comprese tra il
grafico di una funzione e gli assi coordinati.

Integrali tripli e di volume. Poich il grafico di una funzione di tre


variabili sta in uno spazio a quattro dimensioni, non possibile, a questo
livello, dargli uninterpretazione geometrica a parte il caso in cui la funzione
che si considera sia costante, cio g (x, y, z) = 1 sulla regione R dello spazio
tridimensionale. In questo caso lintegrale ci da il volume della regione R, in
simboli
ZZZ
1 dV = Volume di R
R

Densit, massa ed integrali multipli. Sia gli integrali doppi che quelli
tripli possono, spesso, essere interpretati, da un punto di vista fisico, come
rappresentanti la massaZoZla densit di massa di un corpo.
Per un integrale doppio

f (x, y) dA si pu pensare ad una regione piana

(come approssimazione di un corpo molto sottile ed omogeneo in altezza) R


avente densit Zvariabile
di valore f (x, y) in ogni punto (x, y) della regione.
Z

In questo caso

f (x, y) dA rappresenta la massa totale di R.


ZZZ
g (x, y, z) dV , si pu pensare ad una
Nel caso dellintegrale triplo
R

regione solida R, di densit variabile g (x, y, z) in ogni punto (x, y, z) della

146
regione. Anche in questo caso
totale del corpo R.

CAPITOLO 5. INTEGRALI MULTIPLI


ZZZ

g (x, y, z) dV
R

rappresenta la massa

5.1. INTEGRALI DOPPI.

5.1.2

147

Esercizi.

Nota: Fare gli esercizi personalmente e provare a controllare i risultati


ottenuti con il software di calcolo formale.
Quando si richiede la valutazione delle somme approssimanti usare sempre
come punti i baricentri dei sotto intervalli o delle sotto regioni.
ZZ
1. Sia f (x, y) = x+y, R = [0, 4][0, 4] . Calcolare
f (x, y) dA usanR

do 4 partizioni per ogni intervallo (16 suddivisioni in tutto) e valutando


la f nei punti mediani della partizione.
Z 1
2. Calcolare la somma approssimante lintegrale
x2 dx usando quattro
0

partizioni. Valutare con il software cosa accade per 10 e 100 sotto


divisioni.
ZZ
3. Calcolare la somma approssimante lintegrale
sin (x) sin (y) dA
R

con 3 partizioni per ogni intervallo, sul rettangolo R = [0, ] [0, ] .


Valutare con il software cosa accade per 10 e 100 sotto divisioni.
ZZ
x y dA con 4 par4. Calcolare la somma approssimante lintegrale
R

tizioni per ogni intervallo, sul rettangolo R = [0, 2] [0, 2] . Valutare


con il software cosa accade per 10 e 100 sotto divisioni.
ZZZ
5. Calcolare la somma approssimante lintegrale
x y z dV, con 2
R

partizioni per ogni intervallo, sul cubo R = [0, 4][0, 4][0, 4] . Valutare
con il software cosa accade per 10 e 100 sotto divisioni.
ZZZ
2

6. Calcolare la somma approssimante lintegrale


x + y 2 + z 2 dV,
R

con 2 partizioni per ogni intervallo, sul cubo R = [0, 4] [0, 4] [0, 4] .
Valutare con il software cosa accade per 10 e 100 sotto divisioni.

148

5.1.3

CAPITOLO 5. INTEGRALI MULTIPLI

Calcolo degli Integrali per Iterazione.

Nella sezione precedente abbiamo dato la definizione di integrale doppio e


triplo come limite delle somme approssimanti. Qui, vogliamo cominciare a vedere come si possono calcolare gli integrali usando il metodo delle
primitive. Il metodo delle somme approssimanti, come abbiamo visto,
concettualmente semplice e con laiuto della tecnologia anche abbastanza
facile da essere implementato. Ma noi, siamo interessati, quando possibile,
a calcolare lintegrale in modo esatto e non solo approssimato ( per quanto
buona possa essere lapprossimazione), cercheremo quindi di usare il metodo
delle primitive, gi usato nel caso dellintegrazione delle funzioni di una sola
variabile, opportunamente modificato per tenere conto del fatto che stiamo
considerando funzioni di pi variabili.
Iterazione: come funziona.
Lidea chiave quella di integrare una funzione di pi variabili, una variabile alla volta, trattando le altre variabili come costanti. Questo processo
viene chiamato integrazione per iterazione. Vediamo con alcuni esempi
come funziona. Spiegheremo pi avanti perch funziona.
Esempio 5.4 Sia f (x, RR
y) = x + y, e R = [0, 4] [0, 4] . Calcolare, usando
il metodo di iterazione, R f (x, y) dA .
Soluzione. Integriamo prima in x considerando la y come una costante.
Controllare con attenzione i singoli passaggi

ZZ
Z y=4 Z x=4
f (x, y) dA =
(x + y) dx dy
R

y=0
y=4

y=0
Z y=4
y=0

x=0

x2
+xy
2

x=4

dy

x=0

(8 + 4 y) dy

y=4
= 8 y + 2 y 2 y=0 = 64

Controllate lesercizio 1 del paragrafo precedente. Il risultato pu essere


interpretato dicendo che il solido limitato dal basso da R = [0, 4] [0, 4], dal
di sopra dal grafico del piano z = x + y e lateralmente da pareti verticali che
uniscono la base col grafico, ha volume pari a 64 unit`a cubiche.
Nota 5.5 Come si vede dallesempio gli integrali iterati si risolvono cominciando dal pi interno.

5.1. INTEGRALI DOPPI.

149

Nota 5.6 Nellesempio sopra il primo integrale stato fatto rispetto ad x


trattando la y come una costante. Il risultato stato quello di avere una
funzione, g della sola variabile y , la cui formula
Z 4
g (y) =
(x + y) dx = 8 + 4 y
0

La funzione g ha un significato geometrico interessante. Per ogni y0 fissato


nellintervallo [0, 4] , g (y0 ) ci da il valore dellarea della figura piana posta
nel piano y = y0 , delimitata dal di sopra dalla curva z = f (x, y0 ) e dal di
sotto dallintervallo in x, [0, 4]. Qui sotto lintersezione tra il piano z = x+y
e il piano y = 2. Poich g (y) = 8 + 4 y si ha che g (2) = 16; questa larea
della parte di piano y = 2 contenuta allinterno del solido. Al variare di y
tra 0 e 4, g (y) misura larea tagliata da piani paralleli a quello mostrato in
figura.

8
6
z4
2
0
0

4
1

3
y2

2x
3

1
4

Iterazione: perch funziona.


Perch il metodo di iterazione che abbiamo mostrato con un esempio funziona? Al di l dellintuizione geometrica che possiamo avere in casi semplici
come quello indicato e del fatto che, in questo caso, si lavora in R3 con la sua
espressivit geometrica, come giustifichiamo il metodo nella sua generalit?
Una buona spiegazione, valida in ogni dimensione basata sul metodo
delle somme approssimanti. Descriveremo lidea in due dimensioni, sapendo
per che tutto ci che facciamo pu essere esteso a dimensioni maggiori.
Lidea, semplice in se, quella di raggruppare la somma approssimante di un
integrale doppio dapprima per righe e poi per colonne.
Sia allora f (x, y)
RR definita nel rettangolo R = [a, b] [c, d] del piano x y.
Vogliamo valutare
f (x, y) dA usando il metodo delle somme approssiR
manti.

150

CAPITOLO 5. INTEGRALI MULTIPLI

Dividiamo dapprima entrambi gli intervalli [a, b] , [c, d] in n sottointervalba dc


li uguali la cui lunghezza rispettivamente,
,
. Questo produce
n
n
una griglia di n2 sottorettangoli Ri,j con 1 i, j n ognuno dei quali ha
area x y. Indichiamo con (xi , yj ) il punto intermedio di ogni singolo sottointervallo (ricordo che potrebbe essere scelto un qualsiasi altro punto del
sottorettangolo). Si ha allora
Sn2 =
f (x1 , y1 ) xy + f (x1 , y2 ) x y + f (x2 , y1 ) xy + f (xn , yn ) xy
P
= ni,j=1 f (xi , yj ) x y

P
Il subscritto del simbolo
significa che sommiamo su tutti i possibili valori
degli indici i, j da 1 a n.
Poich, come ben noto, le somme finite godono della propriet commutativa ed associativa, possiamo riscrivere la somma rearrangiando i termini
nella forma che pi riteniamo conveniente, ad esempio
Sn2 = (f (x1 , y1 ) x + f (x2 , y1 ) x + + f (xn , y1 )) y
+ (f (x1 , y2 ) x + f (x2 , y2 ) x + + f (xn , y2 )) y
+
+ (f (x1 , yj ) x + f (x2 , yj ) x + + f (xn , yj )) y
+
+ (f (x1 , yn ) x + f (x2 , yn ) x + + f (xn , yn )) y
Prima osservazione: la somma dentro parentesi in ogni riga sopra una
somma di Riemann con n suddivisioni rispetto alla variabile x, cio la somma
relativa ad un integrale per la singola variabile x.
Possiamo, in
Z una somma di Riemann
Z particolare dire che la prima riga
b

f (x, y1 ) dx, la seconda per

per lintegrale

f (x, y2 ) dx e cos via..

Ora, se n abbastanza grande, tutte queste somme approssimano abbastanza bene gli integrali corrispondenti, quindi per n grande
Sn2

f (x, y1 ) dx y +

f (x, y2 ) dx y +

f (x, yn ) dx y

5.1. INTEGRALI DOPPI.

151

Seconda osservazione: La somma al secondo membro una somma di Riemann con n suddivisioni per lintegrale

Rd

g (y) dy, dove g (y) =

Rb
a

f (x, y) dx.

Quindi per n grande si ha la seguente situazione:

Sn2

n
X
j=1

g (y) y

g (y) dy =

f (x, y) dx dy .

Questo mostra (in modo del tutto informale) quello che volevamo provare,
cio che lintegrale doppio poteva essere valutato integrando prima in x e poi
in y.
NOTA: Come chiaro da tutto il procedimento avremmo potuto intercambiare il ruolo delle variabili
appena fatti

Z x ed
Z y nei ragionamenti
b

ottenendo come integrale iterato

ZZ

f (x, y) dA =
[a,b][c,d]

dx . Si ha quindi

f (x, y) dy

Z b Z
f (x, y) dx dy =
a

f (x, y) dy

dx

Integrali Iterati in Tre Dimensioni


Literazione funziona esattamente nello stesso modo quando si considera un
integrale triplo definito su di un parallelepipedo nello spazio R3 . Vediamolo
con un esempio.

Esempio
5.7 Sia f (x, y, z) = x + y + z, R = [0, 1] [0, 2] [0, 3] . Calcolare
RRR
f (x, y, z) dV per iterazione.
R

152

CAPITOLO 5. INTEGRALI MULTIPLI

Soluzione.
ZZZ
(x + y + z) dV

=
=
=
=

Z 3 Z 2 Z


(x + y + z) dx dy dz
0
0
0
1 ! !
Z 3 Z 2 2

x
dy dz
+ x y + x z
2
0
0
0

Z 3 Z 2
1
+ y + z dy dz
2
0
0
2 !
Z 3

y2
1
dz
y+
+ y z
2
2
0
0
Z 3
(3 + 2 z) dz
1

= 18

5.1.4

Integrali su Regioni Non-Rettangolari

Non tutti gli integrali che interessano sono fatti su di una regione rettangolare. E spesso utile integrare su domini aventi frontiera curva. In queste
situazioni il procedimento di iterazione si applica ancora, ma bisogna fare pi
attenzione nello scegliere lordine di integrazione. Illustreremo il processo con
un esempio.
ZZ
Esempio 5.8 Trovare
(x x y) dA, dove R la regione piana limitata
R

dalle curve y = 0, y = x, x = 1

0.8
0.6
y
0.4
0.2

0.2

0.4

0.6

0.8

Dominio di integrazione R

5.1. INTEGRALI DOPPI.

153

Soluzione. Possiamo pensare che il dominio R sia limitato dalle rette


x = 0, x = 1 da una parte, e dalle curve y = 0, y = x dal basso verso
lalto. Possiamo adesso integrare per iterazione facendo attenzione che il
primo integrale che bisogna fare quello rispetto alla variabile y perch essa
dipende da x Si ha quindi:
ZZ

(x x y) dA =

x=1

y=x

( x x y) dy dx
y=x !
Z x=1
x y 2
xy
dx
=
2 y=0
x=0

Z x=1
x3
2
=
dx
x
2
x=0
1
x3 x4
5
1 1
=
= =
3
8 0 3 8
24
x=0

y=0

Come si vede, questo integrale non molto diverso da quelli definiti su rettangoli. I limiti di integrazione dellintegrale interno riflettono semplicemente
il fatto che il dominio di integrazione tale che la sua altezza dipende da
x.

Provate anche a calcolare lintegrale usando Maple. I comandi sono i


seguenti:
>int( int( x-x*y, y=0..x), x=0..1);

Cambio nellOrdine di Integrazione


Per integrali su rettangoli o parallelepipedi, possiamo integrare in qualunque
ordine si desideri. Nel caso di regioni con frontiere curve possibile
(entro certi limiti che dipendono dalla forma della regione) fare lo stesso.
Riprendiamo lesempio precedente integrando le variabile in ordine opposto

Esempio 5.9 Calcolare

ZZ

do prima in x e poi in y.

(x x y) dA dellesempio precedente integran-

154

CAPITOLO 5. INTEGRALI MULTIPLI

Soluzione. Se leggiamo linsieme R a partire dallasse y si vede che


mentre 0 y 1 la variabile x varia tra y ed 1 (y x 1). Si scrive allora:

ZZ
Z y=1 Z x=1
(x x y) dA =
(x x y) dx dy
R
y=0
x=y
x=1 !
Z y=1 2
x2 y
x
dy

=
2
2 x=y
y=0

Z y=1
1 y y2 y3
=

+
dy
2 2
2
2
y=0
y=1
y y 2 y 3 y 4

+
2
4
6
8
y=0

5
=
24

Se voleste usare Maple anche in questo caso dovreste scrivere:


>int( int( x-x*y, x=y..1), y=0..1);
Attenzione non sempre cos semplice. Le cose non sono sempre
cos semplici come sembrano. Alcuni domini di integrazione si esprimono
meglio con un ordine di integrazione, piuttosto che con un altro. Gli integrali
in tre variabili possono essere pi dicoltosi da risolvere, perch capire in che
modo vanno divisi i domini per poter costruire literazione pi dicile,
anche per la maggior dicolt di interpretazione geometrica dei domini.

5.1. INTEGRALI DOPPI.

5.1.5

155

Esercizi

Usare Maple (o altri software equivalenti) per controllare i risultati degli


esercizi.
1. Usare literazione per risolvere i seguenti integrali
ZZ
sin (x) sin (y) dA ; R = [0, ] [0, ] .
(a)
R
ZZ
sin (x + y) dA ; R = [0, ] [0, ] .
(b)
R
ZZ
2

x y 2 dA ; R = [0, 1] [0, 1] .
(c)
R
ZZZ
x z dV ; R = [0, 1] [0, 2] [0, 3] .
(d)
R
ZZZ
y z dV ; R = [0, 1] [0, 2] [0, 3] .
(e)
R
ZZZ
2

x + y 2 + z 2 dV ; R = [0, 1] [0, 2] [0, 3]


(f)
R

2. Usare literazione per risolvere i seguenti integrali su domini non rettangolari. Risolverli dapprima, avendo come integrale interno quello in
y; rifare poi lesercizio invertendo lordine di integrazione.
ZZ
(x + y) dA ; R la regione limitata dalle curve y = x e
(a)
R

y = x2 .
ZZ

x y dA ; R la regione limitata dalle curve y = x2 e y = x.


(b)
R
ZZ
y dA ; R il primo quadrante del cerchio x2 + y 2 1.
(c)
R

3. Calcolare lintegrale

ZZ

(x + y) dA ; dove R la regione limitata


R
2

dalle curve y = 1 e y = x . Usare entrambe le iterazioni.


4. Sia f (x, y) = x, R la regione piana limitata dalle curve y = ex , y =
0 , x = 0 , x = 1.
ZZ
(a) Calcolare
f (x, y) dA integrando prima in y poi in x.
R

156

CAPITOLO 5. INTEGRALI MULTIPLI


(b) Calcolare

ZZ

f (x, y) dA integrando prima in x poi in y. [Nota


R

bene: prima dividete la regione R in due parti pi semplici, poi


integrate e sommate i due singoli pezzi].
5. Sia y = f (x) una funzione, con f (x) 0 per a x b; sia ora R
la regione del piano limitata dalle curve y = f (x) ; y = 0 ; x = a ; e
x = b.
(a) Cosa ci dice lanalisi delle funzioni di una variabile rispetto allarea
di R ?
ZZ
1 dA calcola larea di R. Usare lintegrazione

(b) Sappiamo che

iterata per mettere in relazione (a) con (b).

6.

7.

ZZZ

(x + y + z) dV dove R la regione limitata da z = x2 + y 2 e


R

z = 1.
ZZZ

(x + y + z) dV dove R la regione x2 + y 2 1, 1 z 1.

5.1. INTEGRALI DOPPI.

5.1.6

157

Integrali Doppi in Coordinate Polari

Integrali
facili ed integrali dicili. Cosa rende un integrale doppio I =
ZZ
f (x, y) dA dicile da calcolarsi?
R

Sia f che R giocano un ruolo: se una delle due complicata da scrivere


e/o descrivere, o magari entrambe, allora I pu essere davvero brutto da
calcolare. Vediamo con un esempio cosa intendiamo per integrale buono e
cattivo
ZZ
ZZ
p
2
Esempio 5.10 Calcolare I1 =
x dA, I2 =
x2 + y 2 dA, dove
R1

R2

R1 = [0, 1] [0, 2] , e R2 la regione interna alla circonferenza x2 + y 2 = 1.


Soluzione. Il primo integrale facile:
ZZ
Z x=1 Z
2
I1 =
x dA =
=

R1
x=1

x=0

x=0

y=2

y=0
x=1

x dy

y=2
2
2
x2 y y=0 dx = x3
= .
3 x=0 3

dx

La soluzione del secondo appare sin da subito pi complicata da descrivere.


dal di sotto dalla curva y =
Laregione circolare R2 si pu pensare limitata

2
2
1 x e dal di sopra dalla curva y = 1 x , mentre la variabile x varia
tra 1 x 1. I2 pu essere allora scritto come integrale iterato nella
seguente forma:
!
Z x=1 Z y=1x2 p
x2 + y 2 dy dx .
I2 =

x=1

y= 1x2

Lintegrale appare, ed , complicato anche se non impossibile da fare. Per


esempio si sa che:
Z p

p
1 p 2

y p + y 2 + ln y + p2 + y 2 .
p2 + y 2 dy =
2
Di fronte a questa prospettiva sospendiamo, temporaneamente, il calcolo per
tornarci quanto prima.

Quali problemi abbiamo trovato:


Lintegrale I2 ci ha portato a calcoli complicati in x ed y per i seguenti
motivi:

158

CAPITOLO 5. INTEGRALI MULTIPLI

1. (a) Lintegrando
in y .

p
x2 + y 2 ha una primitiva complicata sia in x che

(b) Il dominio dintegrazione per quanto geometricamente semplice


ha unespressione algebrica complicata quando la si esprime in
coordinate cartesiane.
Si tratta allora di prendere in considerazione un sistema di coordinate polari, nel quale sia lespressione della funzione che quella del dominio appaiono
particolarmente semplici. Lintegrando
p
x2 + y 2 = r

Il dominio di integrazione, nel linguaggio delle coordinate polari, assomiglia


molto ad un rettangolo; infatti definito dalle disuguaglianze
0 r 1 ; 0 2 .
In questo caso quindi, luso di un diverso sistema di coordinate sembra dare
una forma particolarmente semplice sia al dominio che alla funzione integranda e quindi ci conduce a pensare che lintegrale I2 sia pi facile da calcolarsi
in coordinate polari.
La domanda a cui dobbiamo rispondere adesso la seguente: in coordinate cartesiane lelemento di area dA veniva espresso nella forma dy dx negli
integrali iterati. Come si esprime lelemento di area in coordinate polari?

5.1.7

Rettangoli Polari.

Un rettangolo in coordinate cartesiane definito da due disuguaglianze della


forma
a x b; c y d;
dove ognuna delle coordinate x ed y variano in un intervallo. Un rettangolo
polare definito da due disequazioni simili
a r b; ;
anche in questo caso le due variabili indipendenti r e variano in un intervallo

5.1. INTEGRALI DOPPI.

159

Un rettangolo polare
Integrazione in coordinate polari. Come funziona.
ZZ
f (x, y) dA, dove
Un integrale doppio in coordinate cartesiane I =
R

R = [a, b] [c, d] , scritto, in forma iterata come


ZZ
Z bZ d
f (x, y) dA =
f (x, y) dy dx
a

(da qui in poi ometteremo le parentesi avendo compreso che si fa per prima
lintegrale pi interno).
RR Supponiamo ora di avere un integrale doppio in coordinate polari, I =
g (r, ) dA dove R un rettangolo polare definito dalle disuguaglianze
R
a r b;

e g (r, ) una funzione definita su R. . Si ha il seguente fatto:


Aermazione 5.11 (Integrali doppi in coordinate polari). Siano g e
R come sopra. Allora
ZZ
Z = Z r=b
g (r, ) dA =
g (r, ) r dr d
R

r=a

La formula da luogo ad alcune importanti osservazioni:


Passaggio da coordinate cartesiane a coordinate polari. Ogni funzione f (x, y) pu essere mutata in una funzione equivalente g delle
variabili r, usando le seguenti relazioni:
x = r cos e y = r sin .

160

CAPITOLO 5. INTEGRALI MULTIPLI


Lo stesso metodo si applica per le relazioni tra x ed y. Per esempio,
lequazione x = y in coordinate polari diventa r cos = r sin , o equivalentemente tan = 1. In coordinate polari questa equazione descrive
la stessa retta che la primitiva equazione in coordinate cartesiane.

Da ricordare. Se si confrontano le due formule di integrazione iterata,


nel caso di coordinate cartesiane e di coordinate polari, si nota subito
che la dierenza pi importante che salta agli occhi che lelemento
infinitesimo di area dA viene espresso in modo molto diverso. Infatti
si ha (ed bene memorizzare)
dA = dx dy

in coordinate cartesiane;

dA = r dr d in coordinate polari.
Il fattore moltiplicativo r. Come mai la formula in coordinate polari
contiene il fattore r e non solo dr d come in coordinate cartesiane?
Cercate di dare una risposta, in termini dimensionali; cercate poi di valutare larea infinitesima che si crea quando il raggio cambia dal valore r al
valore r + dr e langolo varia dal valore al valore + d.
Esempio 5.12 Sia R2 la regione interna ZalZcerchio unitario. Usare le coorp
x2 + y 2 dA.
dinate polari per risolvere lintegrale I2 =
R2

Soluzione. Scriviamo dapprima tutti i dati in coordinate


polari. Per
p
quanto riguarda la funzione integranda si ha f (x, y) = x2 + y 2 = r =
g (r, ) . Per il dominio di integrazione si ha che lequazione cartesiana x2 +
y 2 = 1 viene tradotta nellequazione r = 1. Si ha allora
ZZ

R2

Z
p
2
2
x + y dA =
=

=2

=0
Z =2
=0
=2

=0
=2

=0

r=1

r=0
Z r=1

r dA
r2 dr d

r=0

1
r3
d
3 0
1
r3
2
d =

3 0
3

5.1. INTEGRALI DOPPI.

161

Integrali in Coordinate Polari - Cosa Significano.


Gli integrali in coordinate polari hanno esattamente lo stesso significato
degli integrali in coordinate cartesiane. Dipendentemente dalla situazione e
dal punto di vista che assumiamo un integrale pu rappresentare un volume,
larea di una regione piana, la massa si una lastra sottile, o altro. Per esempio,
lintegrale appena fatto pu rappresentare il volume del solido che
psta sopra
il disco unitario nel piano x y ed al di sotto della superficie z = x2 + y 2

1
z 0.5
0
-1

-1
-0.5

-0.5
x0

0y
0.5

0.5
1

p
Il solido z x2 + y 2 , 0 z 1
Integrazione in Coordinate Polari - Perch Funziona.
La domanda chiave come mai funziona la formula di integrazione in
coordinate polari; cosa significa sostituire dA con r dr d ?
Le propriet degli integrali, qualunque sia il sistema di coordinate in cui
vengono rappresentate le funzioni, provengono dalle propriet delle somme
approssimanti, usate per definire gli integrali. Per esempio, per una funzione
f definita in una regione R , si ha
ZZ
m
X
f dA = lim
f (Pi ) Ai ,
R

i=1

dove Ai larea della i esima sotto regione di R e Pi un punto scelto


nella sotto regione.
Se R = [a, b] [c, d] un rettangolo cartesiano, naturale suddividere R
in rettangoli, ognuno dei quali ha lati x e y. Ognuno di questi rettangoli
ha unarea Ai = x y. passando al limite che definisce lintegrale si arriva
allora ad avere dA = dx dy.
Se R un rettangolo polare, la situazione alquanto diversa. In questo
caso, il modo naturale di dividere R quello di una griglia polare, ecco la

162

CAPITOLO 5. INTEGRALI MULTIPLI

figura di un elemento compreso tra langolo langolo + ed i raggi r e


r + r

Elemento di modulo compreso tra r


ed r + r, e di angolo tra e +
Larea di questo elemento data da
r + r + r
r
2
La prima cosa da notare che le sotto regioni hanno area diverse, che
dipende dal valore di r cio dalla loro distanza dallorigine. Gi questo
primo fatto spiega la diversit col caso in cui si usano coordinate cartesiane
e comincia a dare lidea del perch di r nella definizione di elemento darea
infinitesimo
r + r + r
La seconda, ancora pi cruciale che notare che il termine
2
rappresenta il valore medio del raggio della data sotto regione, cio la coordinata r del punto centrale (ri , i ) delli-esimo elemento della partizione.
Quindi
Ai =

Ai = ri r
Questo esattamente ci che ci serve per poter dire che in coordinate polari,
la somma approssimante fatta scegliendo il punto centrale della partizione
data da
m
m
X
X
f (ri , i ) Ai =
f (ri , i ) ri r
i=1

i=1

da cui si vede immediatamente che lintegrale, inteso come passaggio al limite


rispetto alla somma ha la forma
ZZ
f (r, ) r dr d
R

5.1. INTEGRALI DOPPI.

163

Integrali Polari su Regioni Non-Rettangolari.


Gli integrali in coordinate polari, cos come gli integrali in coordinate cartesiane, possono essere calcolati su regioni che non siano rettangolari (rispetto
ad un sistema di coordinate polari). Il metodo simile a quello gi visto per
il caso cartesiano.
Aermazione 5.13 : Sia R una regione limitata dalle linee radiali =
e = , da una curva interna r = r1 () e da una curva esterna r = r2 () , (interna ed esterna sono intese relativamente alla distanza
dallorigine). Sia g (r, ) una funzione definita su R. Allora:
ZZ

g (r, ) dA =

r=r2 ()

g (r, ) r dr d .

r=r1 ()

Esempio 5.14 Usare le coordinate polari per trovare larea interna alla cardioide di equazione r = 1 + cos .
Soluzione. Usiamo il principio semplice che
ZZ
Area di R =
1 dA
R

Calcoleremo questo integrale in coordinate polari. Si ha allora:


Z 2 Z 1+cos
ZZ
1 dA =
1 r dr d
0

1+cos
r2
d
2 0

(1 + cos )2
3
d =
2
2

Lultimo integrale pu essere valutato anche con Maple nel seguente


modo:
>int((1+cos(t))^2, t=0..2*Pi);

164

CAPITOLO 5. INTEGRALI MULTIPLI

5.1.8

Esercizi.

1. Sia R un rettangolo polare definito da a r b, . Mostrare


a+b
che larea di R data da
(b a) ( ) .
2
2
2
2. Siano
Z Zf (x, y) = y ed R la regione data da x + y 1, y 0. Sia
I=
f dA.
R

(a) Calcolare I in coordinate cartesiane come integrale iterato, avendo


come integrale interno quello in y ;
(b) Calcolare I in coordinate cartesiane come integrale iterato, avendo
come integrale interno quello in x ;
(c) Calcolare I come integrale iterato in coordinate polari
3. Usare lintegrale doppio in coordinate polari per calcolare:
(a) Larea interna alla cardioide r = 1 + sin ;
(b) Larea della regione limitata da y = x, y = 0, x = 1.
(c) Larea del cerchio di centro (1, 0) e di raggio r = 1.
ZZ
1
p
dA dove R la regione interna alla cardioide
4. Calcolare
x2 + y 2
R
r = 1 + sin , essendo x 0

5. Calcolare il volume del solido limitato superiormente dalla superficie


z = 1 x2 y 2 ed inferiormente dal piano x y.
6. Calcolare il volume
p del solido conico limitato superiormente dalla superficie z = 1 x2 + y 2 ed inferiormente dal piano x y.

5.2. INTEGRALI TRIPLI. COORDINATE CILINDRICHE E SFERICHE.165

5.2

Integrali Tripli. Coordinate Cilindriche e


Sferiche.

Riguardiamo la definizione. Gli integrali tripli sono definiti nello stesso


modo degli integrali doppi e degli integrali semplici (integrali di funzioni di
una sola variabile). Per una funzione f (x, y, z) definita in una regione solida
di R3 , lintegrale definito come il limite delle somme approssimanti
ZZZ

f (x, y, z) dV = lim
S

m
X

f (Pi ) Vi .

i=1

La somma sulla destra formata suddividendo S in m sotto regioni Si , i =


1, ..., m. La i esima sotto regione ha volume Vi ; allinterno di ogni sotto
regione scelto il punto Pi . Nella somma approssimante quindi, il contributo di ognuno dei valori f (Pi ) pesato dal volume della corrispondente
suddivisione.
Ricordiamo infine che la definizione, a parte il suo valore unificante, pu
essere utile, come gi visto, per una valutazione numerica e approssimata del
valore dellintegrale, ma non permette il calcolo esatto. Per fare ci bisogna
ancora basarsi sul metodo della ricerca delle primitive.
Integrali tripli, diretti e meno.
Il caso pi semplice, nel calcolare un integrale triplo, si ha quando la
regione un parallelepipedo [a, b] [c, d] [e, f ] (un mattone). In tal caso
lintegrale diventa
Z f Z dZ b
Z dZ aZ f
f (x, y, z) dx dy dz =
f (x, y, z) dz dx dy
e
c
a
c
b
e
Z bZ f Z d
=
f (x, y, z) dy dz dx
a

o qualunque altra permutazione delle variabili si voglia eettuare.


Lintegrale diventa pi complicato se il dominio non un parallelepipedo.
Ovviamente se si hanno domini molto irregolari tutto pu andare oltre le
nostre capacit, ma ci sono molti domini con una certa regolarit che
possono essere trattati con una certa semplicit. Li chiameremo domini
base (non una definizione solo una denominazione generica). Vediamone
qualcuno in due e tre dimensioni.
Domini base in due variabili. Ovviamente i domini pi semplici sono
i rettangoli sia in coordinate cartesiane che polari; le altre sono delle seguenti
forme:

166

CAPITOLO 5. INTEGRALI MULTIPLI

la regione limitata dal di sopra da una curva del tipo y = f2 (x) , dal
di sotto da y = f1 (x) , a sinistra e a destra da x = a, x = b;
la regione limitata a sinistra da una curva del tipo x = g1 (y) , a destra
da x = g2 (y) e sotto e sopra da y = c, y = d;
la regione polare limitata esternamente dalla curva r = f2 (), allinterno dalla curva r = f1 () e dalle linee = , = ;
In tutti questi tre casi gli integrali possono essere risolti per iterazione nel
seguente modo:
Z bZ
a

f2 (x)

f (x, y) dy dx ,

f1 (x)

g2 (y)

f (x, y) dx dy ,

g1 (y)

r2 ()

f (r, ) r dr d

r1 ()

Esempio 5.15 Sia R la regione del primo quadrante limitata esternamente


dallequazione della cardioide r = 1 + cos ed internamente
dal cerchio di
ZZ
p
f (x, y) dA.
equazione r = 1. Sia f (x, y) = 1/ x2 + y 2 . Trovare
R

p
Soluzione Notiamo che f (x, y) = 1/ x2 + y 2 = 1/r. Lintegrale pu
essere risolto per iterazione nel seguente modo
Z

/2

1+cos

1
r dr d =
r

/2

cos d = 1

Con Maple si avrebbe


>int(int(1/r,r=1..1+cos(theta) ), theta=0..Pi/2);
Domini base in tre variabili. Vari tipi di domini in tre variabili potrebbero essere valutati buoni quasi quanto i parallelepipedi, noi concentreremo
la nostra attenzione su due casi principali:
Il solido S limitato superiormente dalla superficie z = f2 (x, y) ed
inferiormente dalla superficie z = f1 (x, y) e le loro proiezioni sul piano
x y danno una regione R del piano;
Un solido rettangolare in coordinate cilindriche o sferiche (per i dettagli vedi dopo).

5.2. INTEGRALI TRIPLI. COORDINATE CILINDRICHE E SFERICHE.167


Nel primo caso, R pu essere pensato come lombra proiettata sul piano
x y dal solido S da una luce parallela allasse z . Nello stesso modo, nel caso
di due variabili, lintervallo [a, b] poteva essere pensato come la proiezione
delle curve sullasse x.
In questo caso si ha che lintegrale triplo pu essere scritto come integrale
iterato nella forma:
Z Z Z z=f2 (x,y)
ZZZ
f (x, y, z) dV =
f (x, y, z) dz dA
S

z=f1 (x,y)

Si ha cio che integrato rispetto a z rimane da fare un integrale doppio


di cui conosciamo gi le possibili forme di soluzione.
Esempio 5.16 Sia S la regione limitata dal di sotto dalla
z = x2 +
Z Zsuperficie
Z
y 2 e dal di sopra da z = 4; sia f (x, y, z) = 2z. Calcolare

f (x, y, z) dV.

Soluzione Il dominio su cui si vuole integrare il seguente


z (x2 + y 2 ) = 0

4
3
z
2
1
-2

-1
2

0
yx

-2
1

Dominio di Integrazione
Per trovare la proiezione sul piano x y dobbiamo vedere dove le due superfici si intersecano. Uguagliando i valori di z si ottiene x2 + y 2 = 4. Allora
la proiezione dellintersezione delle due superfici sul piano x y il cerchio
x2 + y 2 4. Si ha perci
ZZZ
ZZ Z 4
ZZZ
f (x, y, z) dV =
2 z dV =
2 z dz dA
S
S
R x2 +y 2
ZZ

2
16 x2 + y 2
dA
=
R

168

CAPITOLO 5. INTEGRALI MULTIPLI

Questultimo integrale si risolve in modo semplice passando a coordinate


polari nel piano; si ottiene perci
Z 2 Z 2

256
16 r4 r dr d =
5
0
0

5.2.1

Coordinate Cilindriche.

Come abbiamo visto in R2 luso delle coordinate polari semplifica enormemente i conti quando si ha a che fare con certi tipi di regioni e funzioni. Le
coordinate cilindriche rappresentano una naturale estensione della stessa
idea in R3 . Lidea semplice: usare un sistema di coordinate polari nel piano x y e mantenere il sistema cartesiano sullasse z. Si ha cos la seguente
rappresentazione di un punto in R3 .

x = r cos
p
y = r sin , dove r = x2 + y 2

z = z
Le coordinate cilindriche si chiamano cos perch descrivono in modo particolarmente semplice lequazione di un cilindro circolare e forme correlate.
Vediamo alcuni esempi:

cilindri: in coordinate cilindriche il grafico dellequazione r = a , per


ogni a > 0, rappresenta un cilindro infinito di raggio a, centrato lungo lasse
delle z;
piani orizzontali: il grafico dellequazione z = a quello di un piano
orizzontale ad altezza a sopra (o sotto) il piano x y
piani verticali: Il grafico dellequazione = a quello di un piano
verticale contenente lasse z e quindi perpendicolare al piano x y che forma
un angolo di a radianti rispetto allasse x.
coni: Il grafico dellequazione z = m r un cono centrato nellasse z con
vertice nellorigine. m misura il valore della tangente dellangolo formato dal
con il piano x y.
Integrazione in Coordinate Cilindriche
Ricordiamo la formula di integrazione per gli integrali doppi in coordinate
polari
ZZ
ZZ
f (x, y) dA =
f (r, ) r dr d
R

5.2. INTEGRALI TRIPLI. COORDINATE CILINDRICHE E SFERICHE.169


dove dA = r dr d chiamato lelemento darea in coordinate polari.
La formula corrispondente in coordinate cilindriche simile. Sia S la
regione dintegrazione, si ha
ZZZ
ZZZ
f (x, y, z) dV =
f (r, , z) r dr d dz
S

In breve, dV = r dr d dz rappresenta lelemento di volume in coordinate


cilindriche.
La forma dellelemento di volume non sorprendente in quanto se chiamiamo dA = r dr d lelemento darea in coordinate polari e, dz lelemento
di altezza rispetto alla coordinata z, si ha che dV = dA dz, ci il prodotto
dellarea del rettangolo polare il cui valore non dipende da z per laltezza
elementare che la variazione di z implica.
Esempio 5.17 Trovare la classica formula del volume di un cono di altezza
h e raggio di base a.
Soluzione. Il cono C cercato ha, in coordinate cilindriche, equazione
rh
z=
. (Verificate da soli che ci vero). Il suo volume allora:
a
ZZZ
Z =2 Z r=a Z z=h
a2 h
Volume =
1 dV =
r dz dr d =
3
C
=0
r=0
z= rah
come facile vedere sviluppando in modo iterativo lultimo integrale.

5.2.2

Coordinate Sferiche

Le coordinate sferiche ci orono un altro modo di leggere la posizione di


un punto nello spazio tridimensionale. Svilupperemo qui i primi elementi e
ci torneremo sopra pi avanti.

Indicheremo le coordinate sferiche con le lettere , , e . Il punto P sar

espresso nella forma P (, , ) . La prima coordinata misura la distanza


del punto dallorigine nello spazio R3 . rappresenta langolo che la proiezione

di P sul piano x y forma con lasse delle x, come nelle coordinate polari e

cilindriche, mentre rappresenta langolo che il vettore P forma con lasse


delle z. Si ha cos che
z = cos ,

r = sin

170

CAPITOLO 5. INTEGRALI MULTIPLI

essendo r la lunghezza della proiezione del vettore P sul piano x y. Essendo


langolo che r forma con lasse delle x si ha allora

x = sin cos
y = sin sin

z = cos

Queste relazioni permettono di convertire ogni funzione f (x, y, z) delle


variabili cartesiane x, y, z in una funzione delle variabili sferiche, f (, , ) =
f ( sin cos , sin sin , cos )

Integrazione in coordinate sferiche. Gli integrali tripli in coordinate


sferiche hanno una loro forma particolare. Se S una regione sferica ed
f (x, y, z) definita su essa, si ha
ZZZ
ZZZ
f (x, y, z) dV =
f (, , ) 2 sin d d d
S

Questo ci dice che dV = 2 sin d d d lelemento di volume in


coordinate sferiche. (Cercate da soli di valutare il perch di tale espressione).
Esempio 5.18 Usare la formula data per trovare il volume di una sfera di
raggio a.
Soluzione La sfera definita dalle disuguaglianze
0 , 0 2, 0 a
Si ha perci che il volume della sfera dato da:
ZZZ
Z 2 Z Z a
4 a3
Volume=
1 dV =
2 sin d d d =
3
0
0
0
S
(fare i calcoli!).

5.2. INTEGRALI TRIPLI. COORDINATE CILINDRICHE E SFERICHE.171

5.2.3

Esercizi

1. Trovare il volume di ogni regione sotto riportata. (Controllare i risultati


con il software)
(a) Il volume del cilindro di raggio a ed altezza h;
(b) Il volume della regione limitata dal di sopra dal piano z = x + y,
dal di sotto dal piano x y e lateralmente dal cilindro r = 1;
(c) Il volume della sfera di raggio a usando le coordinate cilindriche;
(d) Il volume della regione limitata inferiormente dalla superficie z =
x2 + y 2 e superiormente dal piano z = x + y;
(e) Il volume della regione sotto il cono z = r, sopra il piano x y e
entro il cilindro r = 2;
p
(f) Il volume della regione sopra il cono z = x2 + y 2 e sotto la sfera
x2 + y 2 + z 2 = 1.
2. Calcolare i seguenti integrali (verificare poi i risultati trovati con il
software).
ZZZ
(a)
z dV dove C il cilindro di raggio a ed altezza h;
C
ZZZ
(b)
x dV dove S la regione dellesercizio (b) precedente;
S
ZZZ
(c)
x dV dove S la regione dellesercizio (e) precedente (Att.ne
S

Considerate la simmetria della regione);


ZZZ
z dV dove S la regione dellesercizio (e) precedente;
(d)
S
ZZZ
(e)
z dV dove S la sfera centrata nellorigine e di raggio a
S

(Att.ne Considerate la simmetria della regione);

3. Disegnate le superfici, descritte sotto in coordinate cilindriche:


(a) z = r ;

(b) = 1;

(c) r = , 0 2 ;

(d) z = 1 r;

172

CAPITOLO 5. INTEGRALI MULTIPLI


(e) z = 1 r2 .

4. Scrivere in coordinate cilindriche la formula di ogni superficie descritta


sotto:
(a) La superficie di equazione cartesiana x = 1;
(b) Il cilindro di raggio 3 centrato sullasse z;
(c) Una sfera di raggio 3 centrata nellorigine;
(d) La superficie di equazione cartesiana x2 x + y 2 y = 0. (Che
superficie ?)
5. Riconoscere dal punto di vista geometrico e scrivere lequazione cartesiana delle seguenti superfici scritte in coordinate sferiche:
(a) = a, a > 0;
(b) = /4;
(c) = /4.

Capitolo 6
Curve nel piano
6.1

Curve Piane ed Equazioni Parametriche.

Introduzione: Vari Tipi di Curve.


Le curve nel piano x y si presentano con una tipologia molto variegata.
Ecco quattro esempi base:

1
0.8

0.5

0.6
-3

-2

-1

x 2

0.4

-0.5

0.2

-1

-1

-0.5

C2 : La curva x2

C1 : La curva sin x
173

0.5
x

174

CAPITOLO 6. CURVE NEL PIANO

2
1.5

y
0.5

-1

-0.5

0.5
x

1
-2

-0.5

-1

0
-0.5

-1
-1.5

-1

C3 : La curva x2 + y 2 = 1

C4 : La spirale r = log ()

Osservazione: le curve C1 e C2 sono parti di grafici di funzioni che sono


familiari dallanalisi 1. Specificamente, la curva C1 quel pezzo del grafico
della funzione sin (x) per x ; C2 il pezzo del grafico di y = x2
che si ottiene quando 1 x 1. Usando le propriet fondamentali delle
funzioni siamo in grado di descrivere queste curve in dettaglio: dove crescono
e decrescono, il valore del coeciente angolare della retta tangente, concavit
e convessit, etc. .
Laermazione sopra che sono parti di grafico vuole dire, come chiaro
dal contesto, che abbiamo considerato il grafico delle funzioni restringendo
lattenzione ad un intervallo del dominio.
Le curve C3 e C4 non sono grafici di funzioni, n di loro pezzi per il motivo (che dovrebbe essere noto) che esistono valori di x a cui corrispondono
pi valori di y . Tuttavia curve come quelle date da C3 e C4 sono estremamente significative da un punto di vista fisico ed applicativo e possono ben
rappresentare il movimento di oggetti. Ricordo, per esempio, che intorno al
1600 lastronomo Giovanni Keplero (Johannes Kepler) asser che il moto dei
pianeti intorno al sole segue un orbita ellittica e che alla fine del 1600 Isaac
Newton usando i mezzi del calcolo dierenziale verific ed estese i risultati
di Keplero

6.1.1

Equazioni Parametriche.

Consideriamo un punto P che si muove nel piano x y durante un intervallo


di tempo a t b. Le due coordinate di P saranno entrambe funzioni reali
del tempo t , x = f (t) , y = g (t) , definite nellintervallo [a, b] .
Quindi al variare del tempo, per t [a, b] le due coordinate del punto P (t) =

6.1. CURVE PIANE ED EQUAZIONI PARAMETRICHE.

175

(f (t) , g (t)) descriveranno nel piano R2 una qualche figura che indicheremo
con C. Dipendentemente dalla forma delle funzioni f e g , C pu avere aspetti
molto diversi: un segmento, un arco circolare, un punto, una spirale, il grafico
di una funzione seno, una intricata ragnatela di segmenti o curve, o anche
peggio. Anche considerando f e g funzioni continue la figura nel piano pu
avere le forme pi strane.
Se f e g sono sucientemente regolari allora la figura C diventa una curva
liscia come le C1 C4 sopra.
Chiariremo pi avanti cosa intendiamo esattamente con le espressioni
sucientemente regolari e curva liscia.
Introduciamo adesso un po di vocabolario.
Equazioni della forma
(
x = f (t)
con a t b
y = g (t)
sono chiamate equazioni parametriche della curva (o curva parametrica). La figura C tracciata nel piano x y dal punto P (t) = (f (t) , g (t)) per
t [a, b] chiamata supporto della curva parametrica ( o pi semplicemente supporto, ma a volte la chiameremo anche con abuso di linguaggio
curva), la variabile t infine chiamata il parametro. Le funzioni f e g sono
le funzioni coordinate e si dice che f e g parametrizzano la curva C.
Esempio 6.1 Per 0 t 12 consideriamo le equazioni parametriche
(
x = t 2 sin t
.
y = 2 2 cos t
Quale supporto traccia il punto P (t) = (t 2 sin t , 2 2 cos t) nel piano
x y ? Quanto vale P (1)? In quale direzione si muove P ?
Soluzione. Il modo pi semplice, per cominciare, quello di calcolare il
valore di P per un certo numero di valori del parametro t e cercare poi da
ci di valutare la figura.
Di seguito si riporta il valore (approssimato alla seconda cifra decimale) di
un certo numero di valori del parametro t.

t
x
y

0
0
0

0.1 0.2 0.7 0.8 0.9 1

0.10 0.20 0.59 0.63 0.67 0.68


0.01 0.04 0.47 0.61 0.76 0.92

Ecco, la curva (supporto) C

9.8 9.9 10
12
10.53 10.82 11.09 11.45
3.86 3.78 3.68 2.38

176

CAPITOLO 6. CURVE NEL PIANO

5
4
3
2
1
0
-1

10

12

La curva parametrica (t 2 sin t, 2 2 cos t) , t [0, 12]


Da notare:
Non un grafico. Il supporto della curva C non il grafico di una
funzione, y = f (x) perch ad alcuni valori di x corrispondono pi di
un valore di y;
Punti: corrispondono a valori interi del parametro, da 0 a 12, a t = 1
P ha coordinate (0.68, 0.92) ed il movimento di P quasi verticale;
Non compare lasse delle t. La figura mostra gli assi x ed y ma non
lasse delle t.
I valori delle coppie (x, y) come funzione di t compaiono solo nei punti
in grassetto che indicano i valori interi del parametro, ed appaiono solo
per convenienza del lettore. Servono, in questo primo approccio, anche
a far vedere che ad intervalli di tempi uguali non corrispondono spazi
percorsi uguali, cio che la velocit lungo la traiettoria non costante;
Linee chiuse, tangenti verticali ed altro. Questo esempio ci mostra
come le curve possano avere propriet che non appaio nei grafici di
funzione. Infatti, qui si osserva un circuito chiuso e punti interni al
dominio con tangente verticale, nonostante le funzioni coordinate siano
molto regolari. Vedremo, in altri esempi come coordinate regolari
possano dar luogo a curve parametriche con angoli vivi ed altro.

Esempio 6.2 Parametrizzare le curve C1 e C2 a inizio capitolo.

6.1. CURVE PIANE ED EQUAZIONI PARAMETRICHE.

177

Soluzione: Lidea pi semplice quella di usare la variabile indipendente


come parametro t. Si ha
Per C1

x = t ; y = sin t ;

Per C2

x = t ; y = t2

t
1 t 1

La stessa idea pu essere usata per una qualsiasi funzione f definita su di


un intervallo [a, b] . Infatti basta porre
x = t;

y = f (t) ;

atb

per avere una parametrizzazione del grafico della funzione y = f (x) , x


[a, b] .

Esempio 6.3 (segmento che unisce due punti). Siano P = (a, b) e


Q = (c, d) due punti in R2 . Parametrizzare il segmento che unisce P con Q
Soluzione: Una possibilit la seguente. Poniamo la curva C uguale a
x (t) = a (1 t) + c t ;

y (t) = b (1 t) + d t ;

0t1.

Notiamo subito che si ha (x (0) , y (0)) = (a, b) = P ed anche (x (1) , y (1)) =


(c, d) = Q.
Si ha perci che C parte ed arriva nei punti giusti.
E lasciato allo studente mostrare che per tutti i t [0, 1] il punto
(x (t) , y (t)) giace sul segmento P Q.

Esempio 6.4 Parametrizzare lequazione della circonferenza x2 + y 2 = r2


Soluzione: La parametrizzazione pi semplice la si pu attuare usando
le funzioni trigonometriche osservando che, preso un qualsiasi punto P sulla
circonferenza, chiamato t langolo che il segmento che unisce P allorigine
forma con lasse x, le coordinate di P sono date da:
P = (x, y) = (r cos t, r sin t) .
Se ne deduce che al variare di t nellintervallo [0, 2] si coprono tutti i punti
della circonferenza, per cui una possibile parametrizzazione data da
x = r cos t ; y = r sin t ;

0 t 2

178

CAPITOLO 6. CURVE NEL PIANO

Nota 6.5 Notare che abbiamo pi volte aermato che quella trovata una
possibile parametrizzazione. Infatti di parametrizzazioni se ne possono trovare
uninfinit. Eccone qui di seguito un paio di esempi.
x = r sin t ; y = r cos t ;

0 t 2

e ancora
x = r cos 2t ; y = r sin 2t ;

0t.

Provare a valutare cosa distingue queste due parametrizzazioni dalla precedente.


Nota 6.6 Come si fa a vedere che realmente queste tre diverse parametrizzazioni rappresentano lo stesso oggetto in R2 ?
Per vederlo cerchiamo di fare loperazione opposta alle precedenti, cerchiamo
cio di eliminare il parametro t. Se si prende il quadrato delle componenti
della prima parametrizzazione si ha

x2 = r2 cos2 t ; y 2 = r2 sin2 t ; da cui x2 + y 2 = r2 cos2 t + sin2 t = r2 .


Procedimento analogo per le altre due.
ATTENZIONE Date le curve x = r cos t ; y = r sin t ; 0 t 2
e x = r cos t ; y = r sin t ; 0 t , un banale calcolo di eliminazione
del parametro darebbe per entrambe lequazione x2 + y 2 = 1 ma questo vi
indurrebbe in errore. Perch?
Abbiamo considerato fino ad ora lequazione della circonferenza centrata
nellorigine. Come si parametrizza lequazione di una circonferenza di raggio
r e di centro (a, b)?
Chiaramente quello che dobbiamo fare una traslazione del centro della
circonferenza dal punto (0, 0) al punto (a, b) , si ha quindi
(x a) = r cos t ; (y b) = r sin t;

0 t 2

o che lo stesso
x = a + r cos t ; y = b + r sin t;

0 t 2

Esempio 6.7 Dare due diverse parametrizzazioni della parabola C2 ad inizio


capitolo. In cosa dieriscono?

6.1. CURVE PIANE ED EQUAZIONI PARAMETRICHE.

179

Soluzione: Dierenti coppie di equazioni parametriche devono rappresentare esattamente la stessa curva geometrica. Per esempio
x = t ; y = t2 ;

1 t 1

x = t3 ; y = t6 ;

1 t 1

producono esattamente la stessa curva parabolica:

-1

0.8

0.8

0.6

0.6

0.4

0.4

0.2

0.2

-0.5

0.5

x = t, y = t2 ; 1 t 1

-1

-0.5

0.5

x = t3 , y = t6 ; 1 t 1

I punti sono calcolati in entrambi i casi con lo stesso intervallo del parametro
t, (1, 3/4, 1/2, 1/4, 0, 1/4, 1/2, 3/4, 1).

Esempio 6.8 Data la curva chiusa definita nel disegno sotto, scriverne una
possibile parametrizzazione che percorra la curva in senso antiorario.

2
1.5
1
0.5
0
-0.5
-1

x2

C un triangolo di vertici (0, 0) , (4, 0) , (2, 2)

180

CAPITOLO 6. CURVE NEL PIANO

Soluzione. Volendo percorrere il sostegno in senso antiorario, va trovata


una parametrizzazione che partendo, ad esempio, da (0, 0) , arrivi a (4, 0) ,
prosegua per (2, 2) per tornare infine in (0, 0) . Una possibile parametrizzazione la seguente

per t [0, 1]
(4 t, 0)
(4 (2 t) + 2 (t 1) , 2 (t 1)) per t [1, 2]

(2 (3 t) , 2 (3 t))
per t [2, 3]

Invertire la direzione. Se consideriamo la curva

x = f (t)
atb
y = g (t)
si ha che la curva viene percorsa a partire dal punto (f (a) , g (a)) per arrivare
al punto finale (f (b) , g (b)) . Viene spontaneo chiedersi come fare nel caso
si volesse percorrere la curva nella direzione inversa mentre il parametro
continua a variare tra a e b.
Il modo pi semplice quello di riscrivere la curva nel modo seguente

x = f (a + b t)
atb
y = g (a + b t)
Come si vede quando t varia tra a e b, a + b t varia tra b ed a.
Quindi nellesempio precedente dovremmo, nel primo tratto, sostituire t con
(1 t) , nel secondo t con (3 t) , infine nel terzo t con (5 t); si ottiene
cos

per t [0, 1]
(4 (1 t) , 0)
(4 (2 (3 t)) + 2 ((3 t) 1) , 2 ((3 t) 1)) per t [1, 2]

(2 (3 (5 t)) , 2 (3 (5 t)))
per t [2, 3]

per t [0, 1]
(4 (1 t) , 0)
(4 (t 1) + 2 ((2 t)) , 2 ((2 t))) per t [1, 2]
=

(2 (t 2) , 2 (t 2))
per t [2, 3]

Dierenti intervalli parametrici. Come ovvio per tutti lautostrada


A1 sempre la stessa ogni giorno o notte dellanno, ci che pu cambiare

6.1. CURVE PIANE ED EQUAZIONI PARAMETRICHE.

181

percorrendola in giorni diversi la velocit con cui la si percorre.


Cos se C la curva parametrizzata da

x = f (t)
atb
y = g (t)
C pu essere parametrizzata anche usando lintervallo unitario, 0 t 1
nel seguente modo

x = f (a + (b a) t)
y = g (a + (b a) t)

0t1 .

Viceversa, se una curva parametrizzata da

x = f (t)
y = g (t)

0t1

pu essere parametrizzata usando lintervallo [a, b] come

ta

x = f
b a
ta

y = g
ba

atb

Curve polari come equazioni parametriche. Curve sono spesso


definite in coordinate polari come equazioni della forma r = f () con
. Ricordiamo adesso che in coordinate polari le componenti cartesiane
sono descritte da x = r cos , y = r sin . I punti sulle curve polari hanno
quindi una forma parametrica naturale, in coordinate cartesiane, espressa da

x = r cos = f () cos
y = r sin = f () sin

La curva polare r = 4 per esempio, ha come forma parametrica

x = 4 cos
y = 4 sin

0 2 .

che la familiare parametrizzazione della circonferenza di raggio 4 percorsa


in senso antiorario.

182

6.2

CAPITOLO 6. CURVE NEL PIANO

Esercizi

Note per luso della tecnologia. Maple pu essere molto utile per controllare le risposte date ad alcuni dei seguenti esercizi. Ricordiamo qui alcuni
dei comandi di Maple per disegnare curve parametriche.
>plot( [sin(t), cos(t),t=0..2*Pi]);
>plot( [sin(t), cos(t),t=0..2*Pi], -3..3, -1..1);
>plot( [t,t^2,t=0..2]);
>plot( [t,t^2,t=0..2],scaling=constrained);
>plot( {[t,t^2,t=-1..1],[t,1,t=-1..1]});
Controllare anche il comando >parametricplot
1. Provare a disegnare le curve parametriche sotto indicate. Capire e
segnare sul grafico la direzione in cui vengono percorse e marcare i
punti corrispondenti a t = 1, t = 0, e t = 1.

1 t2 , 1 t 1;

(b) x = t, y = 1 t2 , 1 t 1;

(c) x = 1 t2 , y = t , 1 t 1;

(d) x = 1 t2 , t = t , 1 t 1;
(a) x = t, y =

(e) x = sin (t) , y = cos (t) , 1 t 1;

2. Scrivere ognuna delle curve polari qui di seguito in forma parametrica,


quindi provare a disegnare il risultato. Confrontarlo, eventualmente,
con quello trovato usando il software.
(a) La cardioide r = 1 + cos , 0 2;

(b) La curva polare r = sin , 0 ;

(c) La spirale di Archimede r = , 0 4.

3. Trovare almeno una parametrizzazione (c pi di una possibilit) per


ognuna delle curve descritte sotto.
(a) Il segmento che unisce i punti (0, 0) e (1, 2) (muovendosi da sinistra
a destra);
(b) Il segmento che unisce i punti (0, 0) e (1, 2) (muovendosi da destra
a sinistra);

6.2. ESERCIZI

183

(c) Il cerchio unitario, partendo ed arrivando ad est muovendosi in


senso antiorario;
(d) Il cerchio unitario, partendo ed arrivando ad est muovendosi in
senso orario;
(e) La semicirconferenza unitaria, in senso antiorario partendo da
nord per arrivare a sud;
(f) Il cerchio unitario ma usando come intervallo parametrico 0 t
1.
4. Le curve sotto rappresentano segmenti. Scrivere lequazione cartesiana
dei segmenti.
(a) x = 2 + 3t , y = 1 + 2t, 0 t 1;

(b) x = 2 + 3 (1 t) , y = 1 + 2 (1 t) , 0 t 1;
(c) x = t , y = m t + b , 0 t 1;

(d) x = a + bt, y = c + dt , 0 t 1;

(e) x = x0 + (x1 x0 ) t , y = y0 + (y1 y0 ) t , 0 t 1;

5. Considerare la curva dellEsempio 1 supponendo che t indichi la variabile tempo in secondi.


(a) In quale dei punti indicati (interi) ti aspetti che il punto si muova
pi velocemente? Pi lentamente? Perch?
(b) Usare le equazioni parametriche per valutare la velocit per t = 3,
e per t = 6.
6. Disegnare le curva parametrica
x = t3 ; y = sin t3 ,

2 t 2

Cosa si ottiene? Come lo confronteresti con la curva classica?


7. Sia (a, b) R2 , r > 0. Consideriamo lequazione parametrica
x = a + r cos t , y = b + r sin t , 0 t 2
(a) Disegnare la curva parametrica nel caso (a, b) = (2, 1) , r = 2.
Descrivere il risultato in generale.
(b) Mostrare, usando il calcolo, che se x, y sono quelli sopra si ha
(x a)2 + (y b2 ) = r2 ;

184

CAPITOLO 6. CURVE NEL PIANO


(c)
Scrivere le equazioni parametriche della circonferenza di raggio
13 centrata nel punto (2, 3)

8. Siano a, b numeri positivi non nulli. Consideriamo la curva parametrica


x = a cos t , y = b sin t , 0 t 2
(a) Provare che lequazione del sostegno rappresenta un ellisse;
(b) Cosa accade se 0 t 4?;
9. Dare due diverse parametrizzazioni della parabola di inizio capitolo.

6.3. FUNZIONI A VALORI VETTORIALI

6.3

185

Funzioni a Valori Vettoriali

Fino ad adesso abbiamo sempre considerato funzioni a valori scalari, cio


funzioni i cui valori sono degli scalari. Anche le funzioni a pi variabili
considerate nel quarto capitolo, come ad esempio f (x, y, z) = x3 + y 2 + z,
sono funzioni scalari. Per questo tipo di funzione usiamo la notazione f :
R3 R che esplicita il fatto che il dominio di f un insieme dello spazio
tridimensionale e la sua immagine uni-dimensionale, cio i valori f (x) sono
degli scalari.
Una funzione a valori vettoriali tale che la sua immagine appartiene
ad uno spazio pluridimensionale. Consideriamo come esempio la funzione
definita dalla legge
f (t) = (cos t, sin t) .
Per tale funzione la notazione f : R R2 ha senso perch t, la variabile
indipendente di f un elemento di R e produce come risultato dellapplicazione di f il vettore (cos t, sin t) che un elemento di R2 . Le due componenti del vettore immagine sono chiamate funzioni componenti o funzioni
coordinate.
Nel paragrafo precedente abbiamo studiato le curve nel piano parametrizzate dalle funzioni x (t) e y (t). In che modo (se lo sono) le curve sono
legate alle funzioni a valori vettoriali?
Esempio 6.9 Sia f : R R2 la funzione definita da f (t) = (cos t, sin t).
Come correlata f ad una curva parametrica? Quale curva?
Soluzione. Abbiamo visto nel paragrafo precedente che
x = cos t , y = sin t ;

0 t 2

una parametrizzazione della circonferenza x2 + y 2 = 1 percorsa in senso


antiorario a partire dal punto (1, 0) . Allora, per ogni valore di t il vettore
f (t) = (cos t, sin t) pu essere pensato come il vettore posizione di un punto sulla circonferenza unitaria. Se pensiamo a t come elemento di R allora
mentre t percorre lintervallo (, ) il vettore (cos t, sin t) percorre la circonferenza infinite volte, in senso antiorario, ogni volta per ogni intervallo di
ampiezza 2.
Se, per esempio, vogliamo percorrere solo la semicirconferenza a destra
dellorigine, basta restringere lintervallo del parametro:
x = cos t , y = sin t ;

/2 t /2 .

186

CAPITOLO 6. CURVE NEL PIANO

Nel linguaggio delle funzioni a valori vettoriali possiamo aermare che f :


[/2, /2] R2 .

La stessa idea, due punti di vista. Come mostra il precedente


esempio, la dierenza tra un paio di equazioni parametriche e una funzione a valori vettoriali molto sottile. Noi useremo entrambe le due
nozioni in modo pi o meno intercambiabile.

6.3.1

Derivate delle Funzioni a Valori Vettoriali, Vet


tori Tangenti.

La derivata di una funzione a valori vettoriali si trova in modo ovvio,


dierenziando rispetto alla variabile t le singole componenti separatamente.
Definizione 6.10 Sia f : R R2 definita da f (t) = (x (t) , y (t)) . La derivata di f una funzione a valori vettoriali f 0 : R R2 definita da
f 0 (t) =

d
f (t) = (x0 (t) , y 0 (t)) .
dt

Calcolare queste derivate non pi complicato del calcolare le derivate


per le funzioni da R in R. Per esempio,
f (t) = (cos t, sin t) = f 0 (t) = ( sin t, cos t) ;

Ci che interessante dal punto di vista applicativo il significato geometrico che assume la derivata. Qui scriviamo il risultato fondamentale,
discuteremo pi avanti il perch.
Definizione 6.11 Sia f : (a, b) R2 una funzione a valori vettoriali che
descrive una curva piana C come indicato sopra.
Supponiamo che f 0 (t) 6= (0, 0) per ogni t (a, b) . Per tutti i valori t0 (a, b) ,
il vettore f 0 (t0 ) tangente alla curva C nel punto f (t0 ), e punta nella
direzione di t crescente. Inoltre, il modulo |f 0 (t0 )| ci dice qual la velocit
(in termini di unit di misura di t) con la quale f (t) si muove lungo C.
In altri termini, se f (t) descrive la posizione di una particella che si
muove nel piano, la derivata f 0 (t) descrive la velocit allo stesso istante.

6.3. FUNZIONI A VALORI VETTORIALI

187

Esempio 6.12 Consideriamo la funzione lineare L (t) = (x0 , y0 )+t (x1 , y1 ) .


Cosa ci dice la definizione sopra?
Soluzione. Poich L (t) = (x0 , y0 ) + t (x1 , y1 ) = (x0 + t x1 , y0 + t y1 ) si
ha che L0 (t) = (x1 , y1 ) . Si ha quindi che la derivata una funzione costante
di valore (x1 , y1 ) .Questo risultato consistente con la definizione sotto due
aspetti:
1. (a)

i. Il vettore (x1 , y1 ) tangente ad L in ogni punto ed ha il verso


nella direzione delle t crescenti;
ii. In ogni unit di tempo, la posizione L (t) aumenta
p di un
multiplo di (x1 , y1 ), cio L (t) si muove con velocit x21 + y12 .

6.3.2

Rotazione

Dato un vettore v = (a, b) talvolta utile trovare un nuovo vettore w con


la stessa norma di v, che formi con v un angolo assegnato. Un minimo di
geometria e trigonometria (verifica) ci dicono che
w = (a cos b sin , a sin + b cos )
In particolare, se = /2 allora w = (b, a)

Due vettori rotati di e loro proiezioni

Esercizio 6.13 Ruotare il vettore v = (1, 2) di un angolo = /3 radianti.

188

CAPITOLO 6. CURVE NEL PIANO

Soluzione. Seguendo la formula descritta sopra si ha


w = (1 cos (/3) 2 sin (/3) , 1 sin (/3) + 2 cos (/3))
=

!
!

1
3 3
3
1
1
2
,
+2
=
3,
+1 .
2
2 2
2
2
2

La procedura applicata qui ad un vettore pu essere applicata anche al


caso in cui si volesse ruotare di un angolo una curva. Vediamolo con un
esempio
Esempio 6.14 Consideriamo la curva C data in forma vettoriale da
r (t) = (t, 3 + sin t) ; 3 t 3

Essendo = /3 applicare la formula della rotazione al vettore posizione


r (t) per formare una nuova curva r (t) .

Soluzione. Come visto sopra cos (/3) = 1/2 e sin (/3) = 3/2.
Applicando la formula di rotazione si ottiene
r (t) =

1
t 3 (3 + sin t) , 3 t + (3 + sin t) ; 3 t 3
2

4
2
-8

-6

-4

-2

-2

Le due curve ruotate di /3

6.3. FUNZIONI A VALORI VETTORIALI

6.3.3

189

Il Vettore Velocit e la Lunghezza di una Curva.

Se C una curva descritta in forma vettoriale , e pensiamo alla variabile


indipendente t come al tempo, allora per ogni valore t0 il vettore derivata
r0 (t0 ) = (x0 (t0 ) , y 0 (t0 )) ,
porta in s due informazioni importanti:
1. (a) Il modulo del vettore velocit:
p
|r0 (t0 )| = x0 2 (t0 ) + y 0 2 (t0 ) ,

che d la velocit istantanea (in unit di distanza per unit di


tempo) con la quale r (t) si muove lungo C.

(b) La direzione del vettore velocit. Se r0 (t0 ) 6= (0, 0) , allora


r0 (t0 ) un vettore tangente alla curva nel punto (x (t0 ) , y (t0 )) e
punta nel verso delle t crescenti.
Esempio 6.15 Sia C la curva parametrizzata da
r (t) = (cos t, 2 sin t) , 0 t 2 .
Trovare lequazione parametrica della retta l (t) che passa per r (/3) con
direzione data da r0 (/3) .

1
Soluzione. Calcoliamo r (/3) = (cos /3, 2 sin /3) =
, 3 . Il
2
vettore velocit dato da
r0 (t) = ( sin t, 2 cos t)
!

3
, 1 . Ne segue quindi che lequazione
e quindi si ha che r0 (/3) =
2
parametrica della retta cercata data da
!

!

1
3
3
1
l (t) =
, 3 +t
,1 =

t, 3 + t
2
2
2
2

Vediamo graficamente lequazione della curva e della retta

190

CAPITOLO 6. CURVE NEL PIANO

2
1

-1

-1
-2

La curva r (t) e la retta tangente in r (/3)

b?

Quanto lunga una curva C descritta da r (t) = (x (t) , y (t)) a t

Abbiamo detto prima che la velocit con la quale C viene percorsa data
al tempo t da:
p
|r0 (t)| = x0 2 (t) + y 0 2 (t) ,

Ricordando dalla fisica che per trovare la distanza totale percorsa da un


oggetto in movimento si deve integrare la funzione velocit, poniamo in
questo caso il seguente fatto:

Aermazione 6.16 (Lunghezza di una curva). Sia C una curva come


sopra, parametrizzata nellintervallo a t b. La lunghezza della curva
data da

Z bp
Lunghezza di C =
x0 2 (t) + y 0 2 (t) dt
a

Cerchiamo di illustrare con esempi le implicazioni positive o meno di


questo fatto.
Esempio 6.17 Trovare la lunghezza della semicirconferenza superiore unitaria.

6.3. FUNZIONI A VALORI VETTORIALI

191

Soluzione. Usiamo la seguente parametrizzazione della semicirconferenza :


r (t) = (cos t, sin t) ; 0 t
Poich r0 (t) = ( sin t, cos t) si ha
Lunghezza di C =

Z
q
2
2
( sin t) + cos t dt =

1 dt = .

Esempio 6.18 Trovare la lunghezza della semicirconferenza


superiore uni
taria parametrizzata da r (t) = (cos t2 , sin t2 ) ; 0 t .
Soluzione. Apparentemente il problema pi complicato, la velocit
data da r0 (t) = (2 t sin t2 , 2 t cos t2 ) . Il modulo della velocit dato da
q
q

2
2
2
2
(2 t sin t ) + (2 t cos t ) = 4 t2 sin2 t2 + cos2 t2 = 2 t

Si ha allora

Lunghezza di C =

2 t dt = .

Abbaiamo cos visto che pur usando parametrizzazioni diverse il risultato


della lunghezza non cambia. Pur non essendo una dimostrazione, questo
risultato ci fa intuire che la lunghezza di una curva una propriet intrinseca
alla curva stessa e non dipende dalla scelta della parametrizzazione.

Nota. Gli esempi dati sembrerebbero voler mostrare che calcolare la


lunghezza di una curva sia facile.
In realt non cos. Spesso la radice quadrata presente nellintegrale da
luogo a situazioni che non permettono di calcolare esattamente lintegrale. In
queste situazioni bisogna ricorrere ad una valutazione numerica dellintegrale.

Esempio 6.19 Valutare la lunghezza della curva r (t) = (t, sin t) , 0 t


.

192

CAPITOLO 6. CURVE NEL PIANO

Soluzione. La lunghezza della curva data dallintegrale


Z
1 + cos2 t dt .
0

Sfortunatamente questo integrale non pu essere calcolato in forma chiusa.


Possiamo, per, usare metodi numerici per la valutazione dellintegrale, come
per esempio quello legato alla regola del punto intermedio di un intervallo, si
ottiene cos (usando Maple)
>middlesum(sqrt(1+(cos(x))^2)), x=0..Pi, 20);
3.820197791

Terminiamo questa sezione sulle curve piane con lesempio di una nuova
curva costruita a partire da una curva assegnata, la concoide.
Definizione 6.20 Una concoide definita come segue: Siano dati una curva C, un punto fissato P0 , ed un numero k. Per ogni punto P su C, si determina un punto Q muovendosi verso lesterno di k unit di distanza lungo la
linea che unisce P e P0 . Linsieme di tutti i punti Q cos costruiti definisce
la concoide.
Esempio 6.21 Sia P0 = (0, 0) , k = 1, e C una curva data nella forma
vettoriale r (t) = (x (t) , y (t)) , a t b. Scrivere lequazione vettoriale
della concoide generata da P0 e da r.
Soluzione Per ottenere la concoide cercata bisogna aggiungere al vettore

r(t) una unit di distanza del vettore P0 P cio r (t) / |r (t)| . Si ha cos

r (t)
1
q (t) = r (t) +
= r (t) 1 +
|r (t)|
|r (t)|

6.4. ESERCIZI

6.4

193

Esercizi

Maple pu essere utile per la verifica di molti degli esercizi che seguono.
1. Consideriamo la linea l passante per il punto P = (1, 2) nella direzione
definita dal vettore v = (2, 3) .
(a) La linea l limmagine della funzione a valori vettoriali L (t) =
(1, 2) + t (2, 3) con t R+ . Disegnare la retta e segnare i punti
corrispondenti al valore del parametro t = 0, t = 1, t = 1, t =
2.
(b) Qual limmagine di L (t) = (1, 2) + t (2, 3) se si restringe il
dominio a t 0?
(c) Qual limmagine di L (t) = (1, 2) + t (2, 3) se si restringe il
dominio a 1 t 1?

2. Ripetere lesercizio precedente in modo astratto essendo l la linea passante per (a, b) nella direzione individuata dal vettore (c, d) (si assuma
che c e d non siano entrambi zero).
3. Consideriamo la funzione F (t) = (cos t, sin t) .
(a) Disegnare la curva definita da F . Trovare il valore di F (t) e di
F 0 (t) per i seguenti valori: t = 0, t = , t = /2, t = /4.

(b) Disegnare tutti i vettori della parte (a) sul cerchio unitario (Disegnare i vettori F (t) con vertice nellorigine; disegnare invece i
vettori F 0 (t) con il vertice sullappropriato punto della circonferenza).
4. Rifare lesercizio 3 essendo F (t) = (sin t, cos t) .
5. Rifare lesercizio 3 essendo F (t) = (t, sin t)
6. Usare le formule di rotazione per trovare lespressione in forma vettoriale di ognuna delle seguenti curve:
(a) La parabola y = x2 ruotata di /4 radianti in senso antiorario.
(b) La curva seno, ma ruotata cos da andare da nord-ovest a sud-est.
(c) La cardioide r = 1 + cos , ruotata di /4 in senso orario [Sugg:
trova prima lequazione della cardioide in forma parametrica].

194

CAPITOLO 6. CURVE NEL PIANO

7. Fare questo esercizio nello spirito dellesempio del capitolo. In ogni


parte, trovare una curva lineare l (t) che passa per r (t0 ) con vettore
direzione r0 (t0 ) .
(a) r (t) = (t2 , t3 ) ; t0 = 1.
(b) r (t) = (cos t, sin t) ; t0 = /4.
(c) r (t) = (t, sin t) ; t0 = /4.
(d) r (t) = (t sin t, t cos t) ; t0 = .
8. Considerare la curva C data da r (t) = (3 cos t, sin t) , 0 t 2.
(a) Dare lequazione della curva C in termini di x e di y.
(b) Trovare e disegnare la nuova curva C1 che si ottiene ruotando C
di un angolo di /4 in senso antiorario.
(c) Trovare e disegnare la nuova curva C2 che si ottiene ruotando C
di un angolo di /2 in senso antiorario. Scrivere una equazione in
x ed in y per C2 .
9. Disegnare le curve qui sotto e valutarne la lunghezza ad occhio. Calcolatene inoltre la lunghezza esattamente se possibile, altrimenti stimate la risposta usando la somma approssimante fatta usando il punto
di mezzo degli intervalli; usate 20 suddivisioni.
(a) r (t) = (3 + t, 2 + 3t) , 0 t 1.

(b) r (t) = (cos 2t, sin 2t) , 0 t .

(c) r (t) = (cos 3t, sin 3t) , 0 t 2.

(d) r (t) = (3 sin t, cos t) , 0 t 2.

(e) r (t) = (t cos t, t sin t) , 0 t 4.

10. Usare la formula generale per la concoide per costruire nuove curve
rispetto a quelle assegnate. Disegnarle entrambe.
(a) La concoide basata su p (t) = (2 sin t, 2 cos t) , 0 t 2.

(b) La concoide basata sulla linea retta x = 1. [Sugg: scrivere prima


lequazione vettoriale di questa curva].
(c) La concoide basata sulla spirale x = t cos t, y = t sin t, 0 t
4.

6.5. MOTI BIDIMENSIONALI

6.5

195

Moti Bidimensionali

Una funzione a valori vettoriali f : R R2 , in essenza, una coppia di


funzioni reali di variabile reale. In quel che segue useremo la notazione
f (t) = (f1 (t) , f2 (t)) ;
dove f1 , f2 sono le componenti di f . Per definire la derivata della funzione
f basta costruire il rapporto incrementale per la funzione e passare poi al
limite. Si ottiene
f (t + h) f (t)
(f1 (t + h) , f2 (t + h)) (f1 (t) , f2 (t))
= lim
h0
h0
h
h
(f1 (t + h) f1 (t) , f2 (t + h) f2 (t))
lim
h0
h

f1 (t + h) f1 (t) f2 (t + h) f2 (t)
lim
,
h0
h
h

f1 (t + h) f1 (t)
f2 (t + h) f2 (t)
, lim
lim
h0
h0
h
h
0

0
f1 (t) , f2 (t)

f 0 (t) = lim
=
=
=
=

lultimo passaggio ha, ovviamente, senso solo se le due funzioni componenti f1 , f2 sono derivabili come funzioni reali di variabile reale. Se ne deduce perci che una funzione a valori vettoriali derivabile se lo sono le sue
componenti.
Dal punto di vista delle applicazioni, si ha allora che se indichiamo con
p (t) = (p1 (t) , p2 (t) ) il vettore posizione come funzione della variabile tempo,
allora, come noto dalla fisica, il vettore velocit v ed il vettore accelerazione
a sono legati al vettore posizione dalle relazioni
v (t) = p0 (t) , a (t) = v0 (t) = p00 (t)
che in componenti diventano
v1 (t) = p01 (t) , v2 (t) = p02 (t) ; a1 (t) = v10 (t) = p001 (t) , a2 (t) = v20 (t) = p002 (t)

Dalla definizione di derivata di una funzione a valori vettoriali ne deriva


anche la definizione di primitiva e di integrale.

196

CAPITOLO 6. CURVE NEL PIANO

6.5.1

Primitive e Integrali di una Funzione a Valori


Vettoriali

Cos come le derivate, anche gli integrali delle funzioni a valori vettoriali
vengono trovate componente per componente. In simboli
Z

Z
Z
f dt =
Se f = (f1 , f2 ) , allora
f1 dt, f2 dt .
Mostriamo ci che intendiamo con un esempio.
Esempio 6.22 Sia f (t) = (1, 2) + (3, 4) t. Trovare una primitiva della funzione f .
Soluzione. Le due componenti della funzione f
3t, f2 (t) = 2 + 4t. Si ha allora che
Z

f (t) dt =

(1 + 3t, 2 + 4t) dt =

sono f1 (t) = 1 +

(1 + 3t) dt,

= t + 3t2 /2 + C1 , 2t + 2t2 + C2

(2 + 4t) dt

dove C1 , C2 sono costanti arbitrarie.


Se si fattorizza in t si ottiene
t (1, 2) +

t2
(3, 4) + (C1 , C2 ) .
2

Entrambe le forme sono corrette, la seconda mette meglio in evidenza come


stata costruita la risposta a partire da f .

Teorema 6.23 Siano f e g due funzioni vettoriali dierenziabili. Allora, le


funzioni f + g, a f, a : R R, f g (somma, prodotto per una funzione
scalare e prodotto scalare delle funzioni) sono dierenziabili con le seguenti
derivate
(f (t) + g (t))0 = f 0 (t) + g 0 (t)
somma
0
0
0
= a (t) f (t) + a (t) f (t) prodotto con funzione scalare
(a (t) f (t))
0
(f (t) g (t))
= f 0 (t) g (t) + f (t) g 0 (t) prodotto scalare

6.5. MOTI BIDIMENSIONALI

197

Dimostrazione. Ci limiteremo a dimostrare la propriet relativa al


prodotto scalare. Si consiglia gli studenti di provare a dimostrare le altre
due propriet.
(f (t) g (t))0 =
=
=
=

(f1 (t) g1 (t) + f2 (t) g2 (t))0


f10 (t) g1 (t) + f1 (t) g10 (t) + f20 (t) g2 (t) + f2 (t) g20 (t)
f10 (t) g1 (t) + f20 (t) g2 (t) + f1 (t) g10 (t) + f2 (t) g20 (t)
f 0 (t) g (t) + f (t) g 0 (t) .

Esempio 6.24 Usare le regola appropriata per dierenziare la funzione g (t) =


t (cos t, sin t) .
Soluzione. Possiamo considerare la funzione come il prodotto della funzione scalare a (t) = t con la funzione vettoriale f (t) = (cos t, sin t) . Si ha
allora:
g 0 (t) = 1 (cos t, sin t) + t ( sin t, cos t) = (cos t t sin t, sin t + t cos t) .

Funzioni a Valori Vettoriali di Modulo Costante


Consideriamo il caso di una funzione vettoriale f di modulo costante, cio
di una funzione f tale che |f (t)| = k il che implica che f (t) f (t) = k2 .
Poich il lato destro dellequazione una costante (k2 ) si ha che la derivata
del prodotto scalare di f per se stessa zero, cio
(f (t) f (t))0 = 2f (t) f 0 (t) = 0.
Si ha quindi un fatto interessante:
Sia f una funzione a valori vettoriali dierenziabile di modulo costante rispetto al tempo ( |f (t)| = k). Allora il vettore f (t) e f 0 (t) sono perpendicolari
per ogni valore di t.
Esempio 6.25 Consideriamo
la funzione f (t) = (sin t, cos t) . Il modulo di
2
f dato da |f (t)| = sin t + cos2 t = 1. f ha quindi modulo costante. La
derivata data da f 0 (t) = (cos t, sin t) . Il prodotto scalare tra f ed f 0
dato da
f (t) f 0 (t) = (sin t, cos t) (cos t, sin t) = sin t cos t cos t sin t = 0.

198

CAPITOLO 6. CURVE NEL PIANO

Posizione, Velocit ed Accelerazione nel Piano


Usando le metodologie appena sviluppate, possiamo modellare i moti bidimensionali. Lidea chiave che accelerazione (intesa vettorialmente), velocit e posizione sono legate tra loro dalle operazioni di derivazione ed
antiderivazione. Cominciamo con i casi pi semplici.
Accelerazione Nella modellizzazione dei moti fisici, spesso naturale iniziare lo studio ricavando informazioni sullaccelerazione per passare poi a
velocit e posizione. Laccelerazione, nella pratica, compare naturalmente
per la sua stretta connessione alla forza. La seconda legge di Newton
stabilisce infatti che:
Una forza agente su un punto materiale produce unaccelerazione che
direttamente proporzionale alla forza ed inversamente proporzionale alla
massa.
Le forze (gravitazionale, resistenza dellaria, attrito, forza di lancio di un
razzo) possono essere misurate direttamente e (grazie alla legge di Newton)
convertite in informazioni sullaccelerazione.
Gravit e Accelerazione Come certamente sapete, la gravit terrestre
spinge tutto verso il centro della terra producendo unaccelerazione verso il
basso, che chiamiamo accelerazione di gravit, che ha lo stesso valore per tutti
i corpi, indipendentemente dalla loro forma o peso. Il modulo dellaccelerazione di gravit pu essere considerata costante quando si pensi di lavorare
vicino alla superficie terrestre. Il suo valore g 9, 81 metri al secondo
quadrato.
Supponiamo di essere in un sistema in cui laccelerazione il vettore zero.
Come si scrive lequazione oraria dello spazio?.
Soluzione. Per quanto riguarda la velocit si ha
Z

Z
Z
a (t) = (0, 0) = v (t) = (0, 0) dt =
0 dt, 0 dt = (C1 , C2 ) ,
dove C1 , C2 sono costanti arbitrarie.
Per quanto riguarda la posizione p (t) si ha

v (t) = (C1 , C2 ) = p (t) =

= (C1 t + C3 , C2 t + C4 )

(C1 , C2 ) dt =

C1 dt,

C2 dt

6.5. MOTI BIDIMENSIONALI

199

dove (C3 , C4 ) sono costanti arbitrarie.


In casi specifici le quattro costanti si possono valutare usando addizionali
informazioni sul sistema quali la velocit e la posizione del sistema al tempo
zero.
Da notare, che anche in assenza di valori numerici per le costanti, i calcoli
fatti ci dicono una cosa molto interessante. In assenza di forze esterne, un
oggetto ha accelerazione zero, velocit costante, e una funzione della posizione
lineare. (Principio di Galileo).

Esempio 6.26 Al tempo t = 0, una particella nel piano ha velocit (1, 2) e


posizione (3, 4) (Questi dati sono anche chiamati condizioni iniziali.) Non ci
sono forze esterne agenti cos che laccelerazione a (t) = (0, 0) Descrivere
il moto della particella. Qual la posizione per t = 100?
Soluzione.
Come abbiamo visto dallesercizio precedente si ha che
v (t) = (C1 , C2 ) da cui v (t) = (1, 2) .
Da ci si ricava che p (t) = (C1 t + C3 , C2 t + C4 ) = (t + C3 , 2 t + C4 ),
quindi p (0) = (C3 , C4 ) = (3, 4) .
Infine si ha p (t) = (t + 3, 2 t + 4) = t (1, 2) + (3, 4) . Per t = 100 si ha che
p (100) = 100 (1, 2) + (3, 4) = (103, 204) .

Accelerazione Costante In questo semplice esempio laccelerazione


costante, ma diversa da zero. Questo un caso importante che si ha
quando una forza costante (per.es. la forza di gravit) agisce su di un oggetto.
Supponiamo quindi che sia a (t) = (a1 , a2 ) .Allora
Z
v (t) = (a1 , a2 ) dt = t (a1 , a2 ) + (C1 , C2 )
dove (C1 , C2 ) sono costanti arbitrarie. Poich v (0) = (C1 , C2 ), le costanti
rappresentano le coordinate della velocit iniziale delloggetto. Per trovare
la posizione integriamo ancora
Z
t2
p (t) = (t (a1 , a2 ) + (C1 , C2 )) dt = (a1 , a2 ) + t (C1 , C2 ) + (C3 , C4 )
2
dove ancora (C3 , C4 ) un vettore arbitrario. poich p (0) = (C3 , C4 ) questo
vettore costante rappresenta la posizione iniziale delloggetto.
Si noti, in particolare, che accelerazione costante implica velocit lineare e
posizione quadratica.

200

CAPITOLO 6. CURVE NEL PIANO

Esempio 6.27 Un oggetto parte da fermo allorigine ed ha accelerazione


costante a = (1, 2). Che posizione e velocit possiede per t = 100?.
Soluzione. Dallesercizio precedente si ricava che essendo la sua la sua
posizione iniziale (C3 , C4 ) = (0, 0) le funzioni posizione e velocit sono date
da
v (t) = t (1, 2) ,

p (t) =

t2
(1, 2)
2

Dopo 100 secondi la velocit data da v (100) = 100 (1, 2) = (100, 200) Il
modulo della velocit 100 5 223, 6 unit per secondo e la posizione
p (100) = 5000 (1, 2) = (5000, 10.000) .

Caduta Libera Un corpo che sia soggetto alla sola gravit si dice che
in caduta libera. Nella realt gli oggetti che cadono sono sempre soggetti
a qualche altra forza, resistenza dellaria, vento laterale, etc.. In alcuni casi
queste forze si possono considerare trascurabili, altre volte no. E comunque
importante capire cosa accade in caduta libera, anche come primo passo verso
la costruzione di modelli pi complicati.
Poich stiamo considerando moti bidimensionali ci mettiamo nel piano x z .
In tal caso il vettore accelerazione dato da a (t) = (0, g) essendo la forza
di gravit verticale e diretta verso il basso.
Usando il modello precedente in cui a (t) = (a1 , a2 ) = (0, g) si ottiene
v (t) = t (0, g) + (C1 , C2 )
dove (C1 , C2 ) sono costanti arbitrarie. Poich v (0) = (C1 , C2 ), le costanti
rappresentano le coordinate della velocit iniziale delloggetto.
p (t) =

t2
(0, g) + t (C1 , C2 ) + (C3 , C4 )
2

dove (C3 , C4 ) rappresenta la posizione iniziale delloggetto.

Esempio 6.28 Un proiettile in caduta libera lascia lorigine al tempo t = 0,


con velocit iniziale di 100 m/ sec formando un angolo con lorizzontale.
Quale cammino descrive il proiettile? Dove atterra? (lasse delle x rappresenta il livello orizzontale).

6.5. MOTI BIDIMENSIONALI

201

Soluzione. Le condizioni date ci dicono che


a (t) = (0, g) , v (0) = 100 (cos , sin ) , p (0) = (0, 0) .
Quindi, usando i calcoli eettuati sopra si ottiene
v (t) = t (0, g) + 100 (cos , sin ) ,
p (t) =

t2
(0, g) + 100 t (cos , sin ) .
2

La curva parametrica p (t) ha equazioni parametriche della forma


x (t) = 100 t cos ; z (t) = g

t2
+ 100 t sin
2

Vediamo qui di seguito alcuni esempi di tali curve al variare di

400

300

200

100

200

400

600

800

1000

Traiettorie per vari angoli iniziali


I grafici suggeriscono quella che fu la risposta di Galileo: le traiettorie
sono parabole.
Per un dato valore dellangolo il proiettile atterra quando si ha y (t) = 0,
cio
g t2
+ 100 t sin = 0
2

202

CAPITOLO 6. CURVE NEL PIANO

Risolvendo in t si ottiene
t = 0 (istante di partenza), t =

200 sin
g

per questo valore di t la distanza dallorigine data da

200 sin
200 sin
= 100
cos
x
g
g
che ci da la
gittata
del proiettile. Se, per esempio = /4 si ha che la gittata
100 200 2 2 10.000
=
1020.

g
2 2
g

6.5. MOTI BIDIMENSIONALI

6.5.2

203

Esercizi

1. Trovare la velocit e la posizione come funzioni del tempo sapendo che:


(a) a (t) = 0, v (0) = 0, p (0) = 0;
(b) a (t) = 0, v (0) = 1, p (0) = 0;
(c) a (t) = 1, v (0) = 1, p (0) = 0;
(d) a (t) = t, v (0) = 0, p (0) = 0.
2. Siano v, w : R R2 e R+ Dimostrare che (v (t) + w (t))0 = v0 (t) +
w0 (t) e (v (t))0 = v0 (t) .
3. Un oggetto viene lanciato dallorigine con velocit iniziale nulla. Trovare
lequazione parametrica della posizione sapendo che il vettore accelerazione dato da a (t) = (1, 1) . Eliminare poi la variabile t nellequazione parametrica della curva ottenuta.
4. Al tempo t = 0 una particella si trova nellorigine con velocit (4, 4) ,
subendo unaccelerazione costante a (t) = (0, 1) .
(a) Trovare la formula della velocit v (t) e della posizione p (t) ;
(b) Disegnare p (t) nellintervallo 0 t 10;

(c) Eliminare la variabile t nellequazione parametrica della curva


p (t) ;

(d) Trovare la lunghezza della curva p (t) nellintervallo 0 t 10.


5. Nellultimo esempio si mostrato che un proiettile con velocit iniziale
100m/sec ed angolo di tiro segue una curva data parametricamente
dalle equazioni
x (t) = 100 t cos ; y (t) = g

t2
+ 100 t sin .
2

(a) Eliminando il parametro t trovare lequazione della parabola nel


piano x y;
(b) Mostrare che la gittata massima si ottiene per = /4 e valutarne
il valore.
6. Un proiettile ha velocit iniziale v0 m/sec, angolo iniziale e viaggia
in caduta libera finch non cade sul terreno.

204

CAPITOLO 6. CURVE NEL PIANO


(a) Trovare le equazioni delle funzioni velocit e posizione;
(b) Per quale valore del tempo raggiunge laltezza massima?
(c) Trovare il valore del vettore velocit nel punto pi alto e valutarne
il modulo;
(d) Trovare il valore del vettore velocit nel punto di impatto e valutarne il modulo.

6.5. MOTI BIDIMENSIONALI

6.5.3

205

Moti Lineari, Circolari e Combinati.

Un braccio di un robot industriale, composto da due componenti, potrebbe


essere descritto come segue:

(6.1)

Il braccio maggiore ruota intorno ad un asse, mentre il minore ha il


suo centro che si muove sulla circonferenza generata dal moto del braccio
maggiore. Ogni braccio capace di moto indipendente.
Le prime domande che si pongono sono: Quale traiettoria pu percorrere
lestremit del braccio del robot? Quale lespressione della sua posizione,
velocit ed accelerazione al variare del tempo? (il controllo dellaccelerazione
importante essendo essa proporzionale alla forza agente sullestremit).
Ad un primo sguardo questi problemi possono sembrare di dicile soluzione.
La risposta dipende, dopo tutto, da molte variabili: la lunghezza dei due
bracci, la velocit di movimento ed il moto relativo, per esempio.
Vedremo come tutto ci possa essere risolto in modo abbastanza semplice
impiegando gli strumenti del calcolo di funzioni a valori vettoriali.
La strategia: studiare separatamente il moto delle due parti e successivamente ricomporre il sistema.
Per avere una visione di quello che pu succedere, i disegni sotto mostrano
tre possibili movimenti del robot

206

CAPITOLO 6. CURVE NEL PIANO

1
-2

-1

0
-1

-2

-1

-1

-2

-2
-3

Un primo percorso

Un secondo percorso

3
2
1

-2

-1

-1
-2
-3

Un terzo percorso
Spiegheremo pi avanti come abbiamo realizzato questi percorsi.
Modellizzazione del Moto Lineare
Come vi ben noto, il moto su di una linea retta, a velocit costante, chiamato moto lineare uniforme. Questo tipo di moto facilmente modellato
usando una funzione posizione di tipo lineare, cio, come abbiamo visto nella
sezione precedente
p (t) = (x0 , y0 ) + t (a, b)
che ci dice che al tempo t = 0 la particella parte dalla posizione (x0 , y0 ) e che
si muove nella direzione
indicata dal vettore velocit (a, b) con una velocit
costante di modulo a2 + b2 .

6.5. MOTI BIDIMENSIONALI

207

Esempio 6.29 Supponiamo che una particella si muova linearmente nel piano, a velocit costante partendo dal punto (1, 2) al tempo t = 0 per arrivare al punto (5, 6) al tempo t = 3. Trovare le funzioni posizione, velocit
e accelerazione della particella.
Soluzione. Consideriamo il vettore v = (5, 6) (1, 2) = (4, 4) .Questo
unisce il punto (1, 2) al punto (5, 6) . Per percorrere questo cammino la particella impiega 3 sec . Il vettore velocit allora dato da (4, 4) /3 = (4/3, 4/3) .
Il vettore posizione allora dato da p (t) = (1, 2) + t (4/3, 4/3) . Il vettore velocit , ovviamente v (t) = (4/3, 4/3) , mentre laccelerazione ovviamente
nulla, a (t) = (0, 0) .

Il modulo della velocit dato da 42 + 42 /3 = 32/3 1, 89 m/ sec .

Modellizzazione del Moto Circolare


Il moto lungo un cammino circolare che abbia modulo della velocit costante
chiamato moto circolare uniforme. I due casi particolari sotto riportati
sono di grande utilit:
Aermazione 6.30 Per ogni centro (x0 , y0 ) e per ogni valore del raggio
R > 0, la funzione posizione p (t) = (x0 , y0 ) + R (cos t, sin t), modella un moto circolare uniforme antiorario di raggio R intorno al punto (x0 , y0 ), avente
modulo di velocit uguale ad R.
Il vettore posizione p (t) = (x0 , y0 ) + R (sin t, cos t) modella un moto circolare uniforme orario di raggio R intorno al punto (x0 , y0 ) avente modulo di
velocit uguale ad R
Esempio 6.31 (Velocit diverse). Una particella ha una funzione posizione data da
p (t) = (x0 , y0 ) + R (cos ( t) , sin ( t)) ,
con > 0 costante positiva. Quale dierenza comporta la presenza della
costante?
Soluzione. La presenza della costante non modifica il fatto che il moto
si svolga sulla circonferenza di raggio R centrata nel punto (x0 , y0 ) .
La dierenza la si trova quando si vanno a considerare velocit ed accelerazione. Infatti, dierenziando si ha
v (t) = R ( sin ( t) , cos ( t)) ;

208

CAPITOLO 6. CURVE NEL PIANO

ne segue che il modulo della velocit |v (t)| = R.


In modo analogo
a (t) = 2 R ( cos ( t) , sin ( t))
La presenza della costante ha quindi leetto di moltiplicare il modulo della
velocit per ed il modulo dellaccelerazione di 2 .

Esempio 6.32 (Cambio di velocit). Una particella si muove in senso antiorario, con velocit costante s , su di una circonferenza di raggio R e centro
(x0 , y0 ) . Trovare la funzione posizione.
Soluzione Se consideriamo la funzione posizione
p (t) = (x0 , y0 ) + (R cos t, R sin t)
abbiamo che il vettore velocit del sistema dato da
(R sin t, R cos t)
e quindi il punto ha velocit di modulo costante uguale ad R. . Per le
s
e
propriet della derivazione, se adesso moltiplichiamo il parametro t per
R
consideriamo perci la nuova funzione posizione

s
s
p (t) = (x0 , y0 ) + R cos t , R sin t
R
R
abbiamo che la nuova funzione posizione ha la velocit richiesta.

Esempio 6.33 Una particella parte dal punto (2, 3) al tempo t = 0. Si muove
con velocit di modulo 1 su di una circonferenza centrata in (2, 0) fin quando
non raggiunge la posizione (1, 0) . Trovare la funzione posizione.
Soluzione. Il raggio della circonferenza 3, cos che p (t) = (2, 0) +
(3 cos t, 3 sin t) descrive una particella partente dal punto (5, 0) al tempo t =
0. Per partire dal punto (2, 3) si pu operare una rotazione angolare di /2
e considerare il vettore posizione


p (t) = (2, 0) + 3 cos t +
, 3 sin t +
= (2, 0) + (3 sin t, 3 cos t) .
2
2

6.5. MOTI BIDIMENSIONALI

209

Questo nuovo vettore ha velocit di modulo 3. Per ottenere la velocit richiesta di 1 bisogna allora considerate il vettore

t
t
p (t) = (2, 0) + 3 sin , 3 cos
.
3
3
La particella arriva nel punto (1, 0) quando t =

3
.
2

Moto Circolare, Accelerazione e Forza Centripeta Supponiamo che


una particella si muova di moto circolare uniforme con velocit s su di
una circonferenza di raggio R centrata nellorigine. Per quanto detto prima
lequazione di moto data da

s
s
p (t) = R cos t , R sin t
.
R
R
Dierenziando due volte si ottiene lespressione del vettore velocit
s
s2
s
s
s
s2
=
cos t , sin t
a (t) = 2 R cos t , R sin t
R
R
R
R
R
R
Il calcolo che ci ha portato ha trovare il vettore accelerazione banale, ma il
risultato molto interessante dal punto di vista fisico:

In un moto circolare uniforme di velocit s su di una circonferenza di


raggio R , il vettore accelerazione punta sempre verso il centro
s2
della circonferenza ed ha modulo .
R
A prima vista pu sembrare sorprendente che un moto circolare di velocit
costante generi unaccelerazione. Ma, ricordando la seconda legge di Newton
che la forza proporzionale allaccelerazione ed anche le sensazioni provate
quando si ruota un oggetto legato ad una corda o quando si aronta in
velocit una curva stretta, si riconosce la presenza di una forza centripeta.
Quello che il calcolo aerma che tale forza proporzionale al quadrato della
velocit ed inversamente proporzionale al raggio.
Per gli automobilisti lindicazione chiara, prendere curve strette ad alta
velocit non un idea brillante.

210

6.5.4

CAPITOLO 6. CURVE NEL PIANO

Principio di Sovrapposizione degli Eetti

Molti moti di interesse applicativo, come ad esempio quelli di un braccio di


robot, sono semplici combinazioni di moti lineari e circolari. E importante,
da un punto di vista fisico, che queste combinazioni di moti possano essere
rappresentati, da un punto di vista matematico, come combinazione di funzioni a valori vettoriali.
Vediamo il significato di quanto detto attraverso alcuni esempi.

Esempio 6.34 Consideriamo un braccio snodato di robot. Assumiamo (i)


che il braccio lungo abbia lunghezza 1; (ii) che quello corto abbia lunghezza
0.4; (iii) che il braccio lungo ruoti in senso antiorario compiendo una rotazione in secondi; (iv) che il braccio corto ruoti in senso antiorario compiendo 8 rotazioni in 2 secondi. Trovare la funzione posizione dellestremo
del braccio.

Soluzione Lestremo del braccio lungo compie un moto circolare uniforme di centro (0, 0) e raggio 1 con velocit unitaria, quindi la funzione
posizione ha forma
pl (t) = (cos t, sin t) .
Il braccio corto, se fosse fissato allorigine, avrebbe come funzione posizione
il vettore
pc (t) = (0.4 cos (8t) , 0.4 sin (8t)) .
Il robot combina i due moti spostando il centro di rotazione alla fine del
braccio lungo.
Si ottiene il risultato voluto sommando i vettori posizione
p (t) = (cos t, sin t) + (0.4 cos (8t) , 0.4 sin (8t))

6.5. MOTI BIDIMENSIONALI

211

1.5
1
0.5

-1.5

-1

-0.5

0.5

1.5

-0.5
-1
-1.5

Moto del robot


Un risultato simile si ottiene combinando, per esempio, un moto lineare
ed un moto circolare uniforme.

Esempio 6.35 Combiniamo il moto lineare uniforme


plin (t) = (t, 1)
con il moto circolare uniforme
pcir (t) = (cos, sin t) .

Cosa rappresenta la combinazione

p (t) = (t + cos t, 1 sin t)

dei due moti?


da

Soluzione. Il grafico del moto nellintervallo di tempo 0 t 4 dato


2
1.8
1.6
1.4
1.2
1
0.8
0.6
0.4
0.2
0

10

12

212

CAPITOLO 6. CURVE NEL PIANO

La curva chiamata cicloide e rappresenta il moto di un punto sul bordo


di un cerchio che ruota, mentre il centro trasla.

6.6. ESERCIZI.

6.6

213

Esercizi.

1. Scrivere lequazione che modella un dato moto lineare uniforme. Usare


Maple o altro software per disegnare il cammino della particella come
curva parametrica.
(a) La particella parte da (0, 0) a t = 0 e viaggia verso (1, 2) con
velocit costante uguale a 1.
(b) La particella parte da (1, 2) a t = 0 e viaggia verso (0, 0) con
velocit costante uguale a 1.
(c) La particella parte da (2, 1) a t = 0 e viaggia verso (5, 6) con
velocit costante uguale a 100.
(d) La particella in (1, 2) a t = 1 e in (5, 6) al tempo t = 10.
2. Sia p (t) = (x0 , y0 ) + (R cos t, R sin t) .
(a) Mostrare che | p (t) (x0 , y0 )| = R.

(b) Mostrare che p ha velocit costante uguale ad R.


(c) Trovare v (0) . Come si collega il risultato al fatto che il moto
antiorario?
3. Consideriamo il vettore posizione p (t) = (1, 2) + (3 cos t, 3 sin t) con
/2 t /2.
(a) Descrivere geometricamente il cammino della particella. In quale
direzione viaggia?
(b) Mostrare che p ha velocit di modulo 3.
(c) Trovare v (0). Cosa dice la risposta rispetto alla direzione di
viaggio?
4. In ognuno degli esercizi sotto, scrivere la funzione vettoriale che modella
il moto circolare uniforme descritto. Usare poi il software per disegnare
la curva posizione.
(a) Centro (0, 0) raggio 3, velocit di modulo 1 e direzione antioraria.
Una rotazione completa partendo da est
(b) Centro (0, 0) raggio 3, velocit di modulo 2 e direzione oraria. Una
mezza rotazione partendo da est.

214

CAPITOLO 6. CURVE NEL PIANO


(c) Centro (1, 2) passando per (4, 5), velocit di modulo 1 e direzione
antioraria. Una rotazione intera partendo da (4, 5).

5. Rifare lesempio del braccio del robot di pagina 210 assumendo che il
braccio piccolo ruoti 4 volte (invece di 8) volte pi veloce del braccio
lungo in senso antiorario. Disegnarne il grafico per 0 t 2.
6. Rifare lesempio del braccio del robot di pagina 210 assumendo che il
braccio piccolo ruoti 4 volte (invece di 8) volte pi veloce del braccio
lungo, ma in senso orario. Disegnarne il grafico per 0 t 2.
7. Rifare lesempio del braccio del robot di pagina 210 assumendo questa
volta che il braccio lungo ruoti 4 volte pi veloce del braccio corto, in
senso antiorario. Disegnarne il grafico per 0 t 2.
8. Considerare un robot come nellesempio di pagina 210 assumendo questa volta che (i) il braccio lungo ha lunghezza 2; (ii) il braccio corto ha
lunghezza 1; (iii) il braccio lungo ruota uniformemente in senso antiorario compiendo una rotazione in 2 secondi; (iv) il braccio corto ruota,
in senso antiorario, facendo 4 rotazioni in 2 secondi.
(a) Trovare la funzione posizione dellestremo del braccio;
(b) Trovare il vettore velocit;
(c) Trovare il modulo di velocit dellestremo. Usarla per trovare la
lunghezza di un ciclo (se necessario usare un software per fare
unintegrazione numerica dopo aver impostato lintegrale).
(d) Trovare il vettore accelerazione come funzione del tempo.
9. Questo esercizio riguarda lEsempio 6.35 di pag. 211.
(a) Trovare il vettore velocit. Usare il risultato per trovare i punti
nei quali la velocit (0, 0) . Come appaio questi punti nel grafico?
(b) Trovare lespressione orario del modulo della velocit. Usarla per
trovare (esattamente) la lunghezza della curva;
(c) Mostrare che laccelerazione ha modulo costante.

6.6. ESERCIZI.

6.6.1

215

Curvatura

Chiunque abbia guidato un auto su di una strada tortuosa, anche su un


terreno pianeggiante ed a bassa velocit, sa la tensione a cui sono sottoposti
il motore, i freni ed i passeggeri. Anche leventuale carico risente delle curve,
spostandosi, in special modo in quelle pi strette, quelle che chiamiamo curve
secche, quelle col pi piccolo raggio di curvatura.
Ci che vogliamo definire e calcolare in questa sezione la misura matematica di quanto rapidamente una curva piana curva intorno ad un punto
dato. Lanalogia dellautomobile ci dice come ci siano buone ragioni teoriche
ed applicative (disegno di strade e circuiti di vario tipo) per saper misurare
la curvatura di una curva.
Come da aspettarsi, in generale, la curvatura di una curva varia da punto
a punto. Per esempio, se consideriamo la parabola y = x2 la curvatura
maggiore intorno al vertice e diventa sempre minore allontanandosi da esso
dove la parabola diventa sempre pi simile ad una retta. In una circonferenza, per contrasto, la curvatura la stessa in ogni punto, essendo maggiore
la curvatura quanto minore il raggio. Su di una linea retta la curvatura
ovunque zero.
Cerchiamo di formalizzare adesso lidea usando gli strumenti che abbiamo
introdotto per lo studio delle curve.
Definizione di Curvatura
Sia una curva C data attraverso il vettore posizione p (t) = (x (t) , y (t)) .
Definiamo la curvatura in un punto p (t0 ) = (x (t0 ) , y (t0 )) . Ricordo che per
ogni t il vettore velocit v (t) = (x0 (t) , y 0 (t)) tangente a C nel punto p (t).
La nozione di curvatura misurer quanto velocemente il vettore velocit ruota
rispetto alla distanza percorsa lungo la curva. Per questo scopo siamo pi
interessati alla direzione del vettore velocit che al suo modulo. Scriviamo
allora il vettore velocit nella forma
q
(x0 (t) , y 0 (t))
v (t) = s (t) T (t) = x0 (t)2 + y 0 (t)2 q
x0 (t)2 + y 0 (t)2

dove s (t) rappresenta il modulo del vettore velocit e T (t) il vettore


unitario tangente a C al tempo t.
La curvatura a t = t0 ci dice quanto velocemente la direzione tangente (data
da T (t)) varia rispetto alla lunghezza darco, cio rispetto alla distanza
viaggiata lungo la curva. Per questo scopo ci calcoliamo il modulo |T 0 (t0 )|
della derivata T 0 (t0 ). Il suo valore ci dice quanto il vettore direzione tangente
varia per unit di tempo. Per trovarne la variazione rispetto alla lunghezza

216

CAPITOLO 6. CURVE NEL PIANO

darco dividiamo allora il modulo per il valore della velocit per t = t0 .


La definizione formale quindi la seguente
Definizione 6.36 (Curvatura). Sia data una curva C definita dal vettore posizione p (t) = (x (t) , y (t)) . Assumiamo che il modulo della velocit
s (t0 ) 6= 0 nel punto t0 . La curvatura di C nel punto p (t0 ) definito da
|T 0 (t0 )|
s (t0 )
Vediamo, attraverso esempi, di capire il senso alla definizione.
Linee rette. Per una funzione di tipo lineare il vettore tangente T (t)
costante, cos T 0 (t) = (0, 0) . Ne consegue che una linea retta (come ci
saremmo aspettati) ha curvatura zero.
Circonferenze. Se C una circonferenza di raggio R allora lespressione
del vettore posizione , come ben noto, data da
p (t) = (R cos t, R sin t) .
Si ha quindi
v (t) = (R sin t, R cos t) , s (t) = R , T (t) = ( sin t, cos t) .
Quindi, per ogni t si ha
curvatura =

1
|T 0 (t)| |( cos t, sin t)|
=
= .
s (t)
R
R

Come ci si aspettava, la curvatura la stessa in ogni punto della circonferenza,


inoltre maggiore il raggio, minore la curvatura.
Lesempio precedente motiva la seguente:
Definizione 6.37 Se C ha curvatura K nel punto P , diremo che C ha
raggio di curvatura 1/K in P .
Velocit diversa, stessa curvatura. La curvatura, per sua definizione
dovrebbe dipendere dalla curva stessa, non dal modo in cui la si percorre,
cio dalla particolare parametrizzazione scelta per rappresentare la curva.
E infatti lespressione al denominatore della definizione (il valore del modulo della velocit) che tiene conto di questo fatto. Lo vediamo bene nel
calcolo fatto per la circonferenza; supponiamo infatti di avere una nuova
parametrizzazione a velocit doppia
p (t) = (x0 , y0 ) + R (cos 2t, sin 2t) .

6.6. ESERCIZI.

217

Si ha
v (t) = 2R ( sin 2t, cos 2t) , v (t) = 2R , e T (t) = ( sin 2t, cos 2t)
da cui si ricava che per ogni t
curvatura =

1
|T 0 (t)|
|2 ( cos 2t, sin 2t)|
=
=
s (t)
2R
R

come gi trovato.
Come calcolare la curvatura. La definizione data sopra esprime bene
il senso geometrico della curvatura, ma la formula diventa rapidamente complicata da adoperarsi anche per curve semplici.
Diamo allora di seguito una formula pi maneggevole per il calcolo della
curvatura.
Criterio 6.38 Sia C la curva definita dallequazione parametrica
p (t) = (x (t) , y (t))
Se il modulo della velocit s (t) 6= 0 allora:
curvatura =

o pi succintamente
curvatura =

|x0 (t) y 00 (t) y 0 (t) x00 (t)|


q
3
2
2
0
0
x (t) + y (t)
|x0 (t) y 00 (t) y 0 (t) x00 (t)|
s (t)3

Questa formula pu essere ricavata, partendo dalla definizione, con un


calcolo diretto, ma lungo e tedioso, che omettiamo.
Esempio 6.39 Trovare e discutere la curvatura della parabola y = x2 . Cosa
accade per x ?
Soluzione: Parametrizziamo la parabola nella forma (t, t2 ) . Si ha x0 =
1, x00 = 0, y 0 = 2t, y 00 = 2. Applicando la formula si ha
2
curvatura =
3 .
1 + 4t2

La curvatura ha il suo valore massimo 2 per t = 0, il raggio


di curvatura vale
1/2. Nel punto (1,
1) , al tempo t = 1, la curvatura vale 5 5/2 e il raggio di
curvatura vale 2/5 5.

La figura sotto cerca di dare un idea di cosa significhi geometricamente il


raggio di curvatura.

218

CAPITOLO 6. CURVE NEL PIANO

14
12
10
8
6
4
2
-20 -18 -16 -14 -12 -10 -8 -6 -4 -2

02
-2
-4
-6

Raggi di curvatura in due punti di y = x2


Nei due punti P si tracciato una circonferenza con le seguenti caratteristiche: (i) la circonferenza tangente alla curva in P ; (ii) ha raggio uguale al
raggio di curvatura della curva in P (il centro della circonferenza sulla retta
perpendicolare a C in P . Tale circonferenza chiamata cerchio osculatore
a C in P .
Per finire lesempio, si vede che la curvatura tende a zero quando t
e quindi il cerchio osculatore diventa sempre pi grande quando t .

6.7. ESERCIZI

6.7

219

Esercizi

1. Mostrare che la linea L passante per (1, 2) nella direzione di (3, 4) ha


curvatura zero.
2. Sia C il grafico della funzione y = f (x). Mostrare che in questo caso
la curvatura di C in ogni punto (x, f (x)) ha la forma
|f 00 (x)|
curvatura = q
3
2
0
1 + f (x)
3. Spiegare geometricamente perch la parabola y = x2 ha la stessa curvatura nei punti simmetrici (t, t2 ) e (t, t2 ) . In che modo la formula
della curvatura lo garantisce?
4. Usare Maple o altro software per disegnare il cerchio osculatore come
nellesempio dopo aver calcolato centro e raggio.
5. Trovare la curvatura di y = x3 nel punto (0, 0) . Spiegare la risposta
geometricamente.
6. Trovare la curvatura di y = x3 nel punto (1, 1) . Usare la tecnologia per
disegnare la curva e il cerchio osculatore.
7. Questi sono i passaggi che portano alla formula sulla curvatura a pagina
217. Sia data la curva C in forma parametrica (x (t) , y (t)) . Per trovare
la curvatura K in un punto P supponiamo che il vettore tangente a C
in P formi un angolo con lasse delle x. Sia l (t) la lunghezza darco
di C misurata a partire da un punto P0 . Per definizione, la curvatura
il valore assoluto della derivata di fatta rispetto alla lunghezza darco
l. Cio

d
K = .
dl
Vediamo, passo per passo, come calcolare questa derivata.
(a) Per tutti i t per i quali dl / dt 6= 0 si ha:
d
d/dt
=
dl
dl/dt
Spiegare il perch.

220

CAPITOLO 6. CURVE NEL PIANO


q
(b) Spiegare perch dl / dt = s (t) = x0 (t)2 + y 0 (t)2 .
(c) Se x0 (t) 6= 0 , allora

tan ( (t)) =

y 0 (t)
x0 (t)

Spiegare perch vale questa relazione.


(d) Dierenziare entrambi i membri dellequazione precedente per mostrare che
d
x0 (t) y 00 (t) y 0 (t) x00 (t)
sec2 ( (t))
=
dt
x0 (t)2 + y 0 (t)2
(e) Usare lequazione precedente per mostrare che
d
x0 (t) y 00 (t) y 0 (t) x00 (t)
=
dt
x0 (t)2 + y 0 (t)2
[Sugg.: sec2 ( (t)) = 1 + tan2 ( (t)) ; e tan ( (t)) = y 0 (t) /x0 (t) .]
(f) Derivare infine la formula 6.38.

Capitolo 7
Derivate
Abbiamo gi introdotto la nozione di derivata parziale e labbiamo applicata
a problemi di massimo e minimo. Ricordiamo, prima di estendere la teoria
della derivazione di funzioni di pi variabili, la definizione di derivata parziale.
Sia f : R2 R sia una funzione di due variabili x, e y e sia (x0 , y0 ) un punto
nel dominio.

Definizione 7.1 (Derivata parziale) La derivata parziale di f rispetto alla


variabile x nel punto (x0 , y0 ) data da:
f (x, y0 ) f (x0 , y0 )
f
(x0 , y0 ) = fx (x0 , y0 ) = lim
xx
x
x x0
0
se il limite esiste.

(x0 , y0 ) (fx (x0 , y0 )) definita allo stesso moLaltra derivata parziale f


y
do. Nello stesso modo sono definite le derivate parziali delle funzioni di tre
o pi variabili.

Esempio 7.2 Usiamo la funzione esempio f (x, y) = 3 + cos x sin 2y per


illustrare vari punti di vista ed usi delle derivate parziali.
Qui di seguito riportato una parte del suo grafico, una superficie ondosa in
tre dimensioni
221

222

CAPITOLO 7. DERIVATE

4
3.5
3
2.5
2
-4

-2

0y

x0

-2

-4

La superficie z = 3 + cos x sin 2y


Trovare le derivate parziali; qual il loro valore allorigine?
Soluzione La definizione ci dice semplicemente che per ottenere la derivata parziale rispetto ad una variabile bisogna dierenziare la funzione rispetto
ad una variabile considerando laltra come costante. Si ha allora
f
f
(x, y) = sin x sin 2y ,
(x, y) = 2 cos x cos 2y .
x
y
Nellorigine si ha quindi
f
f
(0, 0) = 0 ,
(0, 0) = 2 .
x
x

Fissare una Variabile; Sezionare. Fissare y = y0, come si fa per


trovare fx (x0 , y0 ) , pu essere pensato, dal punto di vista geometrico, come
lintersezione della superficie col piano y = y0 . Lintersezione della superficie
col piano da luogo ad una curva; fx (x0 , y0 ) rappresenta il coeciente angolare
alla curva nel punto x = x0 .
f
f
(0, 0) = 0 ,
(0, 0) = 2 della funzione
Per esempio, le derivate parziali
x
x
di cui sopra, possono essere viste nel seguente modo: sezionare la superficie
z = 3 + cos x sin 2y col il piano y = 0 produce la superficie z = 3 che un
piano orizzontale e quindi la derivata in x = 0 ovviamente zero. In modo
simile, sezionando la superficie col piano x = 0 produce la curva z = 3+sin 2y
che ha derivata 2 in y = 0.

223
Approssimazione lineare. Le derivate parziali fx , fy ci dicono come
varia la funzione relativamente alle direzioni determinare dalle direzioni positive degli assi x e y.
Usando le derivate parziali, come abbiamo gi visto, possiamo scrivere lequazione del piano tangente alla superficie grafico della funzione z = f (x, y)
nel punto (x0 , y0 , z0 ) nella forma
z = f (x0 , y0 ) + fx (x0 , y0 ) (x x0 ) + fy (x0 , y0 ) (y y0 )
Il grafico qui sotto rappresenta il piano tangente alla superficie z = f (x, y) =
3 + cos x sin 2y nel punto (0, 0, 3) (insieme con la superficie stessa).
z = 3 + 2y

4
z
2

-1

-1

-0.5

0.5

y
1

Una superficie e lapprossimazione lineare


Le due superfici concordano molto bene nel punto (0, 0, 3) ma non necessariamente negli altri.

7.0.1

Punti Stazionari, Massimi e Minimi

Un punto (x0 , y0 ) appartenente al dominio di f detto punto stazionario


se le derivate di f sono entrambe nulle nel punto. Questo equivale a dire,
dal punto di vista geometrico, che il piano tangente orizzontale nel punto
(x0 , y0 , z0 ) od anche che lapprossimazione lineare costante.

224

CAPITOLO 7. DERIVATE

I punti stazionari si trovano quindi risolvendo il sistema

(x, y) = 0

x
f

(x, y) = 0
y

Tornando al caso dellesempio f (x, y) = 3 + cos x sin 2y, significa risolvere il


sistema
(
fx (x, y) = sin x sin 2y = 0
fy (x, y) = 2 cos x cos 2y = 0

4
3
2
1
y0
-1
-2
-3
-4

-3

-2

-1

0x

Curve di livello di f (x, y) = 3 + cos x sin 2y


Linterpretazione delle curve di livello permette di individuare, almeno
qualitativamente, i massimi ed i minimi delle funzioni.
Derivate Parziali, Prodotto Vettoriale e Piano Tangente
Cerchiamo di arontare in modo diverso il problema del piano tangente alla
superficie z = f (x, y) nel punto (x0 , y0 , z0 ) . Consideriamo ancora le curve
che si ottengono intersecando la superficie con i piani della forma x = x0
oppure y = y0 .

225
Parametrizziamo, per esempio, la curva intersezione la superficie z = f (x, y)
con il piano y = y0 sapendo che a x b , c y d. I punti di tale curva
hanno la forma (x, y0 , f (x, y0 )). Se vogliamo scriverla in forma parametrica
si ha
x = t , y = y0 , z = f (t, y0 ) ; a t b.
Per t = x0 la curva passa per il punto di coordinate (x0 , y0 , z0 ) . Il vettore
velocit in questo punto ha valore uguale a
v (x0 ) = (1, 0, fx (x0 , y0 ))
(Lultima coordinata stata trovata dierenziando rispetto a t in f (t, y0 ) ,
ma t gioca lo stesso ruolo di x in f (x, y0 ) Sappiamo che il vettore velocit
tangente alla curva nel punto e che la curva appartiene alla superficie cos
che il vettore v (x0 ) tangente alla superficie nel punto (x0 , y0 , z0 ) .
Facciamo ora la stessa operazione fatta sopra, ma intersecando la superficie con il piano x = x0 . Ragionando nello stesso modo si ottiene il vettore
(0, 1, fy (x0 , y0 )) anchesso tangente alla superficie nel punto (x0 , y0 , z0 ) . e non
parallelo al primo.
Riepilogando: Sia z = f (x, y) lequazione di una superficie, e sia z0 =
f (x0 , y0 ) . Allora i due vettori
(1, 0, fx (x0 , y0 )) , e (0, 1, fy (x0 , y0 ))
sono tangenti alla superficie nel punto (x0 , y0 , z0 ) .
Avendo ottenuto due vettori non paralleli, entrambi tangenti alla superficie nel punto (x0 , y0 , z0 ) possiamo scrivere lequazione del piano tangente
alla superficie nel punto. In forma parametrica vettoriale si ottiene:
X (t, s) = (x0 , y0 , z0 ) + s (1, 0, fx (x0 , y0 )) + t (0, 1, fy (x0 , y0 )) ;
In forma parametrica si ha:
x = x0 + s , y = y0 + t , z = z0 + sfx (x0 , y0 ) + tfy (x0 , y0 ) .
Si pu scrivere lequazione del piano nella solita forma di equazione scalare
trovando prima il vettore normale al piano dato da
n = (1, 0, fx (x0 , y0 )) (0, 1, fy (x0 , y0 )) = (fx (x0 , y0 ) , fy (x0 , y0 ) , 1)
Lequazione del piano data allora da:
((x, y, z) (x0 , y0 , z0 )) (fx (x0 , y0 ) , fy (x0 , y0 ) , 1) = 0 ,

226

CAPITOLO 7. DERIVATE

cio
(x x0 ) fx (x0 , y0 ) + (y y0 ) fy (x0 , y0 ) = z z0
che dovrebbe essere nota.
Esempio 7.3 Trovare il piano tangente alla superficie f (x, y) = x2 2y 3
relativamente al punto nel piano di coordinate (1, 1) .
Soluzione Nel punto (1, 1) la funzione vale f (1, 1) = 1. Il punto sulla superficie di cui si cerca il piano tangente quindi (1, 1, 1) . Le
derivate parziali di f sono fx (x, y) = 2x e fy (x, y) = 6y 2 da cui fx (1, 1) =
2, fy (1, 1) = 6. Ne consegue che i vettori (1, 0, 2) e (0, 1, 6) sono tangenti
alla superficie nel punto (1, 1, 1) .
Il vettore normale allora dato da n = (2, 6, 1) . Quindi lequazione del
piano tangente data da
z = 2x + 4y 3
In forma vettoriale da
(x, y, z) = (1, 1, 1) + s (1, 0, 2) + t (0, 1, 4)

0
-10
0

0
0.5

0.5
y1

1x
1.5

1.5
2

La superficie z = x2 2y 3 ed il suo piano tangente in (1, 1, 1)

227

7.0.2

Esercizi

1. In questo paragrafo stato studiato il piano tangente alla superficie


z = 3 + cos x sin 2y.
(a) Trovare la funzione approssimazione lineare L (x, y) di f nel punto
(0, 0) (il suo grafico il piano tangente);
(b) Scrivere lequazione del piano in forma vettoriale (trovare prima
il vettore normale).
2. Usando il grafico di contorno di z = 3 + cos x sin 2y pagina 224:
(a) Spiegare perch f ha un punto stazionario in ognuno dei punti di
coordinate (/2, k/2) dove k un intero;
(b) Come appaiono questi punti nel grafico di contorno di f ?
(c) Trovare di che natura sono i punti (/2, k/2) al variare di
k .Cercare di capirlo valutando landamento del grafico della funzione dal grafico di contorno.
3. Per ognuna delle funzioni trovare il piano tangente alla superficie z =
f (x, y) nel punto dato, sia in forma scalare che in forma parametrica.
Se possibile usare il computer per disegnare la superficie ed il piano
tangente nello stesso punto.
(a) z = x2 + y 2 , nel punto (1, 2, 5) ;
(b) z = x2 y 2 , nel punto (1, 2, 3) ;

(c) z = sin (xy) , nel punto (1, /2, 1) ;

(d) z = 1 + cos xy , nel punto (0, 0, 2)


4. Possono, i vettori (fx (x0 , y0 ) , 0, 1) , (0, fy (x0 , y0 ) , 1) essere mai
paralleli? Motivare la risposta.
5. Trovare lequazione della retta ortogonale alle superfici date nei punti
assegnati. Se possibile usare il computer per disegnare la superficie e
la retta ortogonale.
(a) z = x2 y 3 nel punto (1, 1, 0) ;

(b) z = sin 2x cos y nel punto (/4, 0, 1) ;


(c) z = log (x + 2y) nel punto (1/2, 1/4, 0) ;
(d) z = x2 + y 2 nel punto (1, 1, 2) .

228

7.1

CAPITOLO 7. DERIVATE

Il Gradiente

Abbiamo visto che una funzione f : R2 R pu ammettere , in un punto


(x0 , y0 ) del dominio, derivate parziali fx (x0 , y0 ) e fy (x0 , y0 ) . Diventa naturale
considerare il vettore di R2 che ha come componente queste due derivate
f (x0 , y0 ) = (fx (x0 , y0 ) , fy (x0 , y0 ))
chiamato il gradiente di f in (x0 , y0 ) .
Nel paragrafo precedente, abbiamo visto ed interpretato il significato delle
derivate parziali e quindi delle componenti del vettore gradiente. Vogliamo
ora capire come interpretare il vettore gradiente, capire cosa il suo modulo e la
sua direzione ci possono dire; in che modo collegarlo agli oggetti matematici
che abbiamo gi studiato.
Definizione 7.4 (Gradiente di una funzione in un punto). Sia f (x, y) una
funzione di due variabili e (x0 , y0 ) un punto del dominio. Assumiamo che
entrambe le derivate parziali esistano in (x0 , y0 ) . Il gradiente di f nel punto
(x0 , y0 ) il vettore del piano
f (x0 , y0 ) = (fx (x0 , y0 ) , fy (x0 , y0 )) .
Per una funzione di tre variabili g (x, y, z) il gradiente il vettore tridimensionale
g (x0 , y0 , z0 ) = (gx (x0 , y0 ) , gy (x0 , y0 ) , gz (x0 , y0 )) .
Nota. Ricordarsi che il grafico di una funzione f : R2 R un
oggetto bidimensionale (superficie) in R3 e che f (X0 ) un vettore della
stessa dimensione della dimensione del dominio di f. Di fatto il vettore gradiente giace naturalmente nel dominio di f . Spesso tracceremo f (X0 )
applicato nel punto X0 .
0

Il gradiente come funzione. La derivata f (x) , di una funzione di


una variabile f (x) , anchessa una funzione di una variabile. Nel caso di
una funzione di due variabili f (x, y) si ha invece che il vettore gradiente,
visto come funzione della coppia (x, y) , (x, y) f (x, y) una funzione da
R2 R2 . Si ha cos che nonostante f sia una funzione scalare, la funzione
f una funzione vettoriale che a volte chiameremo campo vettoriale.
Il calcolo del gradiente di f : R2 R, o anche f : Rn R , n > 2
semplice una volta che si sappiano fare le derivate delle funzioni di una
variabile.

7.1. IL GRADIENTE

229

Esempio 7.5 Sia f (x, y) = x2 y 2 . Calcolare il gradiente di f. Cosa ci


dicono modulo e direzione del vettore gradiente?
Soluzione. Si ha che f (x, y) = (2x, 2y) . Per esempio, f (0, 0) =
(0, 0) ; f (1, 1) = (2, 2) ; f (1, 1) = (2, 2) ; f (2, 4) = (4, 8)

3
2
1
y0
-1
-2
-3
-3

-2

-1

0x

Mappa di contorno di f (x, y) = x2 y 2

3
2
1
y0
-1
-2
-3
-3

-2

-1

0x

Campo vettoriale gradiente di f (x, y) = x2 y 2


Guardando le due figure si osserva che la funzione gradiente assegna un
vettore ad ogni punto del dominio. Per ovvie ragioni la figura ne mostra

230

CAPITOLO 7. DERIVATE

solo alcune. Da notare che, per esempio, lungo lasse x, f (x, y) = x2 , cos
che f (x, y) cresce dapprima lentamente, poi sempre pi velocemente, allontanandosi dallorigine sia verso destra che verso sinistra. Queste informazioni
appaiono in figura. Lungo lasse x il vettore gradiente punta in direzione opposta allorigine. Lungo lasse y accade esattamente lopposto.
In un punto stazionario di f il gradiente nullo (come accade nellorigine per
lesempio dato). Le figure ci fanno anche capire che lorigine un punto di
sella.

Losservazione pi importante da fare comunque:


In ogni punto (x0 , y0 ) del dominio, il vettore gradiente perpendicolare
alla curva di livello passante per (x0 , y0 ) .
Vedremo pi avanti una dimostrazione rigorosa di questo fatto. Intuitivamente esso ci dice che le curve di livello sono perpendicolari alle direzioni di
massima pendenza.
Il Gradiente di una Funzione Lineare
Una funzione lineare ha la forma L (x, y) = ax + by + c e quindi ha derivate
parziali costanti. Il vettore gradiente dato perci da L (x, y) = (a, b) per
tutte le coppie (x, y) .
Vediamo il grafico, per esempio, della funzione L (x, y) = 3x + 2y

3
4

2
1

y0

y0

-1

-2

-2

-4

-3
-3

-2

-1

0x

Mappa di contorno di L (x, y)

-4

-2

0x

Campo vettoriale (3, 2)

Anche in questo caso, come si vede bene osservando i due grafici, il vettore
gradiente (3, 2) appare essere perpendicolare alle curve di livello 3x + 2y = k
Come ben noto, il coeciente angolare di questa retta 3/2 e quindi il

7.1. IL GRADIENTE

231

vettore (2, 3) un vettore tangente che ortogonale al vettore (3, 2), come
aermato.
Funzioni lineari in tre variabili: gradienti e superfici di livello
Una funzione lineare in tre variabili data da L (x, y, z) = ax+by +cz +d.
Il vettore gradiente dato da L = (a, b, c) , vettore costante tridimensionale.
Consideriamo linsieme {(x, y, z) R3 : L (x, y, z) = w0 } , cio la superficie di
livello L (x, y, z) = w0 . Si ha, ax + by + cz + d = w0 che rappresenta il piano
di equazione ax + by + cz = w0 d. Come noto dalla geometria elementare
il vettore (a, b, c) perpendicolare al piano stesso. Questo mostra, come
nel caso di due variabili, che il vettore gradiente nel punto di coordinate
(x0 , y0 , z0 ) ortogonale alla linea di livello per lo stesso punto.

7.1.1

Gradiente ed Approssimazione Lineare

Sia f : D R2 R una funzione dierenziabile, (x0 , y0 ) un punto nel dominio D. Abbiamo precedentemente definito lapprossimazione lineare di f
nellintorno di (x0 , y0 ) come la funzione definita da

L (x, y) = f (x0 , y0 ) + fx (x0 , y0 ) (x x0 ) + fy (x0 , y0 ) (y y0 ) .


Possiamo scrivere questa espressione nella forma vettoriale,

L (X) = f (X0 ) + f (X0 ) (X X0 )


essendo X0 = (x0 , y0 ) , X = (x, y) .
(Da notare che, in forma vettoriale, la formula in tre variabili scritta
nella identica forma).
Come abbiamo visto e detto ripetutamente, ogni funzione di pi variabili
che sia dierenziabile pu essere approssimata, in ogni punto del dominio
X0 con una funzione lineare. Prima di proseguire osserviamo ancora, per
esempio, il caso di f (x, y) = x2 + y 2

232

CAPITOLO 7. DERIVATE

y0

y0

-2

-2

-4

-4
-4

-2

x0

-4

Mappa di contorno di x2 + y 2

-2

0x

Il campo gradiente (2x, 2y) .

Come negli altri casi, il vettore gradiente perpendicolare alle curve di


livello.
La propriet di perpendicolarit del gradiente molto utile quando si
voglia trovare il piano tangente ad un punto di una superficie in R3 .
Esempio 7.6 Trovare lequazione del piano tangente alla sfera x2 +y 2 +z 2 =
14 nel punto di coordinate (1, 2, 3)
Soluzione. Possiamo pensare alla sfera come la superficie di livello 14
della funzione f (x, y, z) = x2 + y 2 + z 2 . Il gradiente di f f (x, y, z) =
(2x, 2y, 2z) , in particolare si ha f (1, 2, 3) = (1, 4, 6) . Questo anche il
vettore normale al piano cercato che ha perci equazione (x 1)+2 (y 2)+
6 (y 3) = 0, o anche x + 2y + 3z = 23.

E lecito domandarsi quale errore si commette, sostituendo, localmente,


f (X) con la sua approssimazione lineare L (X) . Quello che possibile aermare al nostro livello di conoscenza la seguente aermazione
Teorema 7.7 Indichiamo con (X X0 ) la dierenza tra f (X) ed L (X)
in un intorno di X0 . Si ha
lim

XX0

| (X X0 )|
=0
kX X0 k

7.1. IL GRADIENTE

233

Derivate Direzionali
Le derivate direzionali ci dicono come varia una funzione quando la variabile
indipendente varia lungo le direzioni degli assi coordinati. Ma gli assi coordinati, oltre ad essere usati come elemento di orientamento del piano non
sono direzioni privilegiate rispetto alle altre ed quindi ovvio chiedersi come
si individua la variazione della funzioni lungo direzioni che non siano quelle
degli assi coordinati. La definizione di Derivata direzionale risponde alla domanda che ci siamo appena fatti. Scriviamo la definizione in forma
vettoriale che una scrittura unificante rispetto alla dimensione dello spazio
Definizione 7.8 (Derivata direzionale). Sia f una funzione, X0 un punto nel dominio, u un vettore unitario. La derivata di f in X0 nella direzione
determinata da u data da
f (X0 + hu) f (X0 )
Du (X0 ) = lim
h0
h
se tale limite esiste.
Notare che se u = i (i versore dellasse x) la definizione sopra quella di
fx (X0 ) . Di pi
Di (X0 ) = fx (X0 ) , Dj (X0 ) = fy (X0 ) , Dk (X0 ) = fz (X0 )
avendo indicato con j il versore dellasse y e con k quello dellasse z.
Sebbene la definizione soddisfi il nostro bisogno di descrivere la variazione
di una funzione lungo una direzione qualsiasi, non semplice da usarsi.
Si pone allora il problema di come calcolare le derivate direzionali. Non
volendo entrare in dettagli tecnici assumiamo che la funzione f abbia derivate
continue in X0 .
Proposizione 7.9 Siano f, X0 , u, come sopra. Supponiamo che f ammetta
derivate parziali continue in X0 , allora:
Du (X0 ) = f (X0 ) u
Dimostrazione. Per provare che quanto abbiamo detto vero vediamo
dapprima cosa accade se f una funzione lineare, cio se f (x, y, z) = ax +
by + cz + d = f (x, y, z) + d. In questo caso si ha
f (X0 + hu) f (X0 )
f (X0 + hu) f (X0 )
=
h
h
f hu hf u
=
=
h
h
= f u

234

CAPITOLO 7. DERIVATE

Questo dimostra che ci che abbiamo aermato vale nel caso di funzioni
lineari.
Nel caso di funzioni non lineari, ricordando la propriet della dierenza tra
valore della funzione e approssimazione lineare, la dimostrazione la si ottiene
scrivendo
f (X0 + hu) f (X0 )
f (X0 + hu) f (X0 ) hf u
f u =
h
h
f (X0 + hu) f (X0 ) f hu
=
h
(hu)
=
h
(hu)
e, come noto 0 = lim
h0
h
Interpretazione del vettore gradiente. Sia u un vettore unitario.
Ricordando le propriet del prodotto scalare si ha
Du (X0 ) = f (X0 ) u = |f (X0 )| cos
dove langolo tra f (X0 ) e u. In particolare
Du (X0 ) |f (X0 )| ;
con luguaglianza che vale solo se il vettore u parallelo a f (X0 ) . Ne
seguono due importanti propriet che vale la pena evidenziare:
(a) Il vettore f (X0 ) punta nella direzione di massima crescita di f
rispetto al valore f (X0 ) ;
(b) Il modulo |f (X0 )| la massima velocit di cambiamento di f.
Esempio 7.10 Trovare la derivata direzionale di f (x, y) = x2 + y 2 in varie
direzioni nel punto (2, 1) . In quale direzione f cresce maggiormente? In
quale decresce maggiormente?
Soluzione Il gradiente di f in (2, 1) dato da f (2, 1) = (4,
2) . Lungo
questa direzione, quindi, f cresce ad una velocit di |(4, 2)| = 20 unit di
uscita per unit di ingresso. Nella direzione opposta (la direzione indicata

cio dal vettore (4, 2)


,
cos

=
1
)
la
derivata
direzionale
vale

20.


Nella direzione data da 1/ 2, 1/ 2 la derivata direzionale vale:

Du (2, 1) = (4, 2) 1/ 2, 1/ 2 = 6/ 2.

7.1. IL GRADIENTE

7.1.2

235

Esercizi

Nota. Maple o altri pacchetti software possono essere usati per gli esercizi.
Riportiamo alcuni comandi utili di Maple.
>with(plots);with(linalg);
>gradplot(x^2+y^2,x=-5..5,y=-5..5,grid=[10,10],scaling=constrained);
>grad(x^2+y^2, [x,y]);
>fieldplot([2*x,2*y],x=-5..5,y=-5..5,grid=[10,10],scaling=constrained);
( porre la griglia (grid) come negli esempi determina il numero di frecce tracciate. Imporre che la scala sia la stessa sui due assi (scaling=constrained)
mantiene la perpendicolarit dei vettori).
1. Tracciare (a mano) la mappa gradiente nel quadrato [0, 2] [0, 2]. In
ogni punto a coordinate intere calcolare e tracciare il vettore gradiente.
Tracciate inoltre le curve di livello passanti per tali punti.
(a) f (x, y) = (x + y) ;
(b) f (x, y) = (x2 y) /2 ;
(c) f (x, y) = (y x2 ) /2 ;

(d) f (x, y) = (x2 y 2 ) /2 .


2. Trovare il gradiente delle funzioni nei punti indicati. Tracciare anche le
curve di livello per i punti assegnati e mostrare che il vettore gradiente
perpendicolare alle curve nei punti assegnati.
(a) f (x, y) = x + y; (x0 , y0 ) = (2, 2) ;
(b) f (x, y) = x2 + y; (x0 , y0 ) = (1, 2) ;
(c) f (x, y) = x y 2 ; (x0 , y0 ) = (2, 1) ;

(d) f (x, y) = x2 + y 2 ; (x0 , y0 ) = (1, 1) .


3. Sia f (x, y) = ax + by + c una funzione lineare e (x0 , y0 ) un punto nel
dominio.
(a) Scrivere lequazione della linea di livello per (x0 , y0 ) .
(b) Mostrare che la linea di livello perpendicolare al gradiente.
4. Trovare il piano tangente alle superfici date nei punti assegnati. Provare
ad usare il software per controllare il risultato, disegnando superficie e
piano tangente.

236

CAPITOLO 7. DERIVATE
(a) x2 + y 2 + 2z 2 = 4 nel punto (1, 1, 2) ;
(b) x2 + y 2 + 2z 2 = 4 nel punto (0, 2, 0) ;
(c) x2 y 2 + z nel punto (1, 1, 2) ;

(d) z = x2 + y 2 nel punto (2, 1, 5) .


5. Sia f (x, y) = x2 + y 2 .
(a) Trovare la derivata direzionale di f nel punto (2, 1) in ognuna

delle direzioni = k , k = 0, , 7. Esprimere le soluzioni anche


4
in forma decimale.
(b) Disegnare i risultati trovati come funzione dellangolo . Qual
la forma del grafico?
(c) Dato il punto (2, 0), trovare la direzione (o le direzioni) nelle
quali f cresce con un tasso di 3 unit di uscita per unit di
ingresso.
6. Data la funzione f (x, y) = x + y + sin y trovare e disegnare gradiente e
linee di livello nel quadrato [2, 3] [2, 3]. Confrontare con il grafico
che si ottiene con il software.

7.2. LINEARIT LOCALE: TEORIA DELLA DERIVAZIONE

7.2

237

Linearit Locale: Teoria della Derivazione

Ci siamo limitati, fino ad ora, ad operare con le derivate parziali tenendo


la teoria al minor livello compatibile con le necessit del calcolo. In questa sezione svilupperemo la teoria delle funzioni di pi variabili, cercando di
precisare la definizione di dierenziabilit e quindi la nozione di approssimazione lineare locale. Non intendiamo ovviamente sviluppare la teoria in
tutta la sua completezza, ma focalizzare meglio alcune questioni teoriche (
e loro ricadute). Nel farlo ci limiteremo (per ragioni di semplicit) alle sole
funzioni di due variabili.

7.2.1

Approssimazione Lineare e Funzioni Dierenziabili

Sia (x, y) f (x, y) una funzione e (x0 , y0 ) un punto del dominio. Abbiamo
definito come approssimazione lineare la funzione lineare
L (x, y) = f (x0 , y0 ) + fx (x0 , y0 ) (x x0 ) + fy (x0 , y0 ) (y y0 )
= f (x0 , y0 ) + f (x0 , y0 ) (X X0 )
Per scrivere L tutto ci che abbiamo bisogno di conoscere sono il valore
della funzione e le sue derivate parziali nel punto (x0 , y0 ) . In queste condizioni
L ed f hanno lo stesso valore e le stesse derivate parziali in (x0 , y0 ) . Per
questo ci aspettiamo che L approssimi bene f non solo in (x0 , y0 ) anche in
un intorno del punto. Gli esempi visti fino ad ora tutto sembrava filare liscio.
Esaminiamo per questaltro esempio
Esempio 7.11 Sia f (x, y) la funzione definita nel seguente modo
xy

se (x, y) 6= (0, 0)
x2 + y 2
f (x, y) =

0
se (x, y) = (0, 0)

Trovare lapprossimazione lineare in (0, 0) e verificare se essa approssima


bene f in un intorno dellorigine.
Soluzione. Si vede immediatamente che f (x, 0) = f (0, y) = 0 che implica fx (0, 0) = fy (0, 0) = 0 Poich f (0, 0) = 0 ne segue che lapprossimazione
lineare in (0, 0) data da L (x, y) 0.
Daltra parte se (x, y) giace sulla retta x = y si ha che f (x, x) = 1/2, oppure
se x = y f (x, x) = 1/2.
Si vede allora immediatamente che, mentre in qualsiasi intorno dellorigine

238

CAPITOLO 7. DERIVATE

L vale zero, la funzione si comporta molto irregolarmente in ogni intorno


dellorigine, assumendo valori costanti, diversi tra loro, quando ci si muove
verso lorigine per segmenti.
Questo avviene perch la funzione non continua in (0, 0). Non vi allora
alcuna possibilit di approssimare f localmente intorno allorigine con una
funzione lineare.

Lesempio precedente ci mostra come, per una funzione di pi variabili,


la continuit non sia necessaria per lesistenza delle derivate parziali. Questo
contrasta con quanto studiato per le funzioni di una variabile dove lesistenza
della derivata in un punto implicava la continuit della funzione nel punto
stesso. Infatti se f (x) una funzione di una variabile, la definizione di
derivata
f 0 (x0 ) = lim

xx0

f (x) f (x0 )
x x0

se tale limite esiste. E ovvio che per funzioni di pi variabili non ha senso
considerare il rapporto
f (X) f (X0 )
X X0
essendo (nel caso di due variabili) X = (x, y) , X0 = (x0 , y0 ) .
Possiamo per, partendo dalla definizione di derivata, scrivere un limite
equivalente:
f 0 (x0 )

f (x) f (x0 )

xx0
x x0
f (x) f (x0 ) f 0 (x0 ) (x x0 )
lim
=0
xx0
x x0
=

lim

Questultima condizione equivalente ad aermare lesistenza di un numero


f 0 (x0 ) per il quale vale

lim

xx0

f (x) (f (x0 ) f 0 (x0 ) (x x0 ))


=0
|x x0 |

(7.1)

(Il valore assoluto al denominatore non modifica nulla rispetto alla definizione precedente, ma essenziale nella definizione che daremo per le funzioni
di pi variabili).

7.2. LINEARIT LOCALE: TEORIA DELLA DERIVAZIONE

239

Notare invece che il numeratore che abbiamo costruito del tipo f (x)
L (x) dove L (x) = f (x0 ) f 0 (x0 ) (x x0 ) una funzione lineare.
Possiamo leggere il quoziente 7.1 nel seguente modo: quando x x0
la dierenza f (x) L (x) tende a zero pi rapidamente del denominatore
|x x0 | ( in altre parole come dire che L (x) approssima f (x) meglio di
quanto x non faccia con x0 ). Questa la condizione chiave per la definizione
di dierenziabilit per funzioni di pi variabili.
Definizione 7.12 Sia f (x, y) una funzione e X0 = (x0 , y0 ) un punto del suo
dominio. Sia
L (x, y) = f (x0 , y0 ) + fx (x0 , y0 ) (x x0 ) + fy (x0 , y0 ) (y y0 )
= f (X0 ) + f (X0 ) (X X0 ) = L (X)
lapprossimazione lineare di f in (x0 , y0 ) . Se
lim

XX0

f (X) L (X)
=0,
|X X0 |

diremo che f dierenziabile in x0 ed il vettore f (X0 ) il gradiente


di f in X0 .
Osservazione: Qui, come nel caso di una variabile, il limite garantisce
che lapprossimazione lineare L (X) approssima bene la funzione f (X) .
Non solo questo, ma si richiede anche che la quantit dentro loperazione di
limite tenda a zero qualunque sia il modo con cui X tende ad X0 .
La domanda che si pone, visto lesempio precedente la seguente: sotto
quali condizioni lesistenza delle derivate parziali implica la dierenziabilit
di una funzione nel punto X0 ?
Diamo qui di seguito, senza dimostrazione ,una condizione suciente facilmente verificabile.
Teorema 7.13 Se le derivate parziali fx e fy sono continua in X0 allora la
funzione dierenziabile in X0 e L (X) = f (X0 ) + f (X0 ) (X X0 ) .
Nota 7.14 Una nota sulla terminologia usata. Abbiamo chiamato funzione lineare una funzione del tipo L (x, y, z) = Ax + By + Cz + D Il nome
ragionevole perch grafici e curve di livello di funzioni lineari sono rette,
piani o altri oggetti piatti.
In realt va ricordato che la parola lineare in geometria viene usata per indicare trasformazioni con la propriet : L (ax + by) = aL (x) + bL (y) . Le due
nozioni coincidono perci solo nel caso che D = 0. Nei testi di geometria,
nel caso D 6= 0 una funzione come L viene chiamata ane.

240

7.2.2

CAPITOLO 7. DERIVATE

Esercizi

Come prima, Maple o altro software pu essere utile in alcuni esercizi.


1. Consideriamo di nuovo la funzione
( xy
x2 + y 2
0

f (x, y) =

se (x, y) 6= (0, 0)
se (x, y) = (0, 0)

(a) Verificare che f costante lungo le linee della forma y = mx


(x 6= 0);

(b) Disegnare le linee di livello f (x, y) = A, A = 1/2, 2/5, 3/10.


Provare poi a vedere come si comportano i pacchetti software in
questo caso. Quali sono i problemi che si presentano?


(c) Sia u = 1/ 2, 1/ 2 . Esiste la derivata direzionale Du f (0, 0)?
Perch o perch no?

(d) Esiste una direzione u per la quale esiste Du f (0, 0)?


(e) Provare a disegnare col software la superficie z =

x2

xy
nellin+ y2

torno dellorigine. Analizzare il risultato.


2. Considerare la funzione

x2
g (x, y) =
x2 + y 2

se (x, y) 6= (0, 0)
se (x, y) = (0, 0)

(a) Esistono le derivate parziali gx (0, 0) , gy (0, 0)? Perch o perch


no?
(b) Lungo quali curve g (x, y) costante? (esclusa lorigine). Qual
il valore di g (x, y) lungo le curve y = mx ?
(c) Tracciare le linee di livello g (x, y) = A, A = 1/2, 2/5, 3/10.
Provare a vedere come si comportano i pacchetti software in questo
caso. Quali sono i problemi che si presentano?


(d) Sia u = 1/ 2, 1/ 2 . Esiste la derivata direzionale Du g (0, 0)?
Perch o perch no?
(e) Esiste una direzione u per la quale esiste Du g (0, 0)?

(f) Provare a far disegnare dal software la superficie z =


nellintorno dellorigine.

x2
x2 + y 2

7.2. LINEARIT LOCALE: TEORIA DELLA DERIVAZIONE

241

3. Per ognuna delle funzioni sotto trovare lapprossimazione lineare L (x, y)


nel punto (0, 0) . Quindi valutare il
lim

(x,y)(0,0)

f (x, y) L (x, y)
p
x2 + y 2

Inoltre far disegnare dal software la quantit


torno dellorigine.
(a) f (x, y) = sin (x + y) ;
(b) f (x, y) = sin (xy) ;
(c) f (x, y) = x2 + y;
(d) f (x, y) = x2 + y 2 .

f (x, y) L (x, y)
p
nellinx2 + y 2

242

7.2.3

CAPITOLO 7. DERIVATE

Derivazione di Funzioni Composte

La regola di derivazione di funzioni composte, cos come la regola di derivazione del prodotto sono tutti risultati di tipo combinatorio. Ci dicono come
trovare le derivate di funzioni che si ottengono componendo tra loro funzioni
di cui si conoscono le derivate. Le derivate che otteniamo sono anche loro
combinazioni delle derivate delle funzioni componenti.
La combinazione di funzioni e la regola di derivazione, nel caso di funzioni di
una variabile relativamente semplice. Componendo due funzioni di una sola
variabile f e g si ottiene ancora una funzione di una variabile f g definita da
f g (x) = f (g (x)) , se f (x) = x2 e g (x) = ex , allora f g (x) = (ex )2 = e2x .
Per funzioni di pi variabili si opera nello stesso modo, luscita di una funzione
viene usata come ingresso per laltra. Nel calcolo di pi variabili, tuttavia sia
lingresso che luscita possono essere sia scalari che vettori, cos che risulta
importante tener conto di qual la dimensione del dominio e dellimmagine.
La notazione che ci dice tra quali spazi operano le funzioni pu essere
daiuto.
Esempio 7.15 Consideriamo le funzioni f : R R, g : R2 R, h :
R R2 definite da
f (t) = t2 , g (x, y) = x2 + y 2 , h (t) = (cos t, sin t) .
Quali composizioni hanno senso?
Soluzione La notazione f : R R, g : R2 R ci dice immediatamente
che la composizione g f non ha senso. Luscita di f uno scalare mentre il
dominio di g un vettore del piano. Ha invece senso la composizione f g,
infatti luscita di g uno scalare a cui si pu applicare f . Simbolicamente
abbiamo f g : R2 R R o pi semplicemente f g : R2 R definita da


3
f g (x, y) = f x2 + y 2 = x2 + y 2 .

Analogamente, se consideriamo le due funzioni g : R2 R e h : R R2


vediamo che sono possibili due dierenti tipi di composizioni, le quali sono
strutturalmente profondamente diverse tra di loro. Si ha h g : R2 R2 e
g h = R R definite da

h g (x, y) = h x2 + y 2 = cos x2 + y 2 , sin x2 + y 2


e

g h (t) = g (cos t, sin t) = cos2 t + sin2 t = 1.

7.2. LINEARIT LOCALE: TEORIA DELLA DERIVAZIONE


Si pu anche definire la composizione h f : R R2

h f (t) = h t3 = cos t3 , sin t3 .

243

Prima di arrivare a definire e calcolare la derivazione della composizione


per funzioni di pi variabili ricordiamo quello che accade per funzioni di una
sola variabile.
Derivazione della Composizione per Funzioni di una Variabile
Proposizione 7.16 Siano f e g funzioni dierenziabili con a elemento del
dominio di g. Allora
(f g)0 (a) = f 0 (g (a)) g0 (a) .
Ci sono altre notazioni per dire le stesse cose. Se scriviamo y = f (u) e
u = g (x), allora la regola di derivazione della composizione pu essere scritta
come
dy
du
dy
(a) =
(g (a))
(a) .
dx
du
dx
Qualunque sia la forma simbolica con cui la scriviamo lidea chiave che:
la derivazione della composizione f g il prodotto delle derivate f 0 e g 0 .
La regola di derivazione semplice. Da notare tuttavia che le due derivate
del prodotto f 0 (g (a)) e g 0 (a) sono valutate in punti diversi; g in x = a ed
f in g (a).
Il seguente diagramma
g

a g (a) f (g (a))
mostra perch queste scelte hanno senso. Le due derivate sono valutate nei
corrispondenti punti del dominio.
Perch la regola di derivazione funziona? La risposta semplice
e cercheremo di darla in modo che possa essere estesa con immediatezza al
caso di pi variabili.
la regola funziona per le funzioni lineari; sia cio f (x) = A+Bx, g (x) =
C + Dx , A, B, C, D costanti. In questo caso f 0 (x) = B e g0 (x) = D.
La composizione f g (x) da luogo a
f g (x) = f (C + Dx) = A + B (C + Dx) = A + BC + BDx .

Allora (f g) (x) = BD come il prodotto di f 0 con g0 .

244

CAPITOLO 7. DERIVATE

Come abbiamo visto le funzioni dierenziabili sono localmente lineari,


nel senso che in ogni punto del dominio possono essere localmente approssimate con funzioni lineari. Sia f una funzione dierenziabile e
indichiamo con Lf lapprossimazione lineare.
Consideriamo la composizione f g ; sia a un punto del dominio di g
e indichiamo con b = g (a) ,
g

a b f (b)
Lapprossimazione lineare di g in a
Lg (x) = g (a) + g0 (a) (x a) = b + g0 (a) (x a) ;
notiamo che
Lg (a) = g (a) e L0g (a) = g0 (a) .
In modo analogo lapprossimazione di f in b
Lf (x) = f (b) + f 0 (b) (x b)
con
Lf (b) = f (b) e L0f (b) = f 0 (b) .
Se componiamo Lf Lg abbiamo
Lg

Lf

a b f (b) .
come per le funzioni di cui sono approssimazione . Esplicitando si ha
Lf Lg (x) = Lf (b + g 0 (a) (x a)) = f (b) + f 0 (b) g 0 (a) (x a)
Poich Lf e Lg sono lineari sappiamo che la composizione Lf Lg (x)
ha derivata f 0 (b) g 0 (a) .
Si ottiene cio che anche sostituendo alle funzioni la loro approssimazione lineare locale, il risultato della derivazione della composizione
ripropone la formula che avevamo indicato nella proposizione iniziale.
Il risultato sopra oltre ad essere vero scritto in una forma che ci permette la sua generalizzazione al caso di funzioni di pi variabili. La sua
dimostrazione rigorosa va al di l degli scopi di questo corso.

7.2. LINEARIT LOCALE: TEORIA DELLA DERIVAZIONE

245

Derivazione di Funzioni Composte: Moltiplicazione fra Matrici


La derivazione della composizione di funzioni, come abbiamo cercato di illustrare, porta sempre allo stesso risultato: la derivata della composizione di
f g si trova moltiplicando, nel senso appropriato, le derivate di f e g.
Nel caso di funzioni di pi variabili le derivate sono vettori e/o matrici, quindi
in questo caso moltiplicazione significa moltiplicazione tra matrici o prodotto
scalare di vettori.
Derivate come matrici. Funzioni di pi variabili e funzioni a valori
vettoriali generano una intera collezione di derivate e derivate parziali.
Consideriamo, per esempio, il caso di una funzione K : R2 R2 definita da

k (x, y) = (u (x, y) , v (x, y)) = x2 + y, 3x y 2 .

Ognuna delle due funzioni u (x, y) e v (x, y) ammette come gradiente il


vettore (ux , uy ) e (vx , vy ) . Con questi due elementi costruiamo la matrice
22

ux uy
vx vy

2x

2y

Lidea di derivata come matrice ha senso indipendentemente dalle dimensioni di dominio e codominio, compreso il caso di funzioni reali di variabile
reale (riflettere sul perch).
Diamo di seguito la definizione generale
Definizione 7.17 Sia f : Rn Rm una funzione a valori vettoriali, di n
variabili indipendenti x1 , x2 , . . . , xn data da
f (X) = (f1 (x1 , x2 , . . . , xn ) , f2 (x1 , x2 , . . . , xn ) , . . . , fm (x1 , x2 , . . . , xn )) .
. Sia X0 = (x01 , x02 , . . . , x0n ) un punto nel dominio di f . La derivata (che
chiameremo derivata totale) di f ed indicheremo con f 0 data da

f1
f1
f1
(X0 )
(X0 )
(X0 )

x1
x2
xn

f2
f2
f2

(X
)
(X
)

(X
)
0
0
0
x
0
x
x
f (X0 ) =
1
2
n

..
..
..
..

.
.
.
.

f
f
f
m
m
m
(X0 )
(X0 )
(X0 )
x1
x2
xn

246

CAPITOLO 7. DERIVATE

Notare che ogni riga della matrice data dal gradiente di una delle componenti di f . Infatti a volte la derivata totale viene scritta nella forma

f1 (X0 )

(X
)
f
2
0

f 0 (X0 ) =

.
..

fm (X0 )

La matrice f 0 (X0 ) di f viene chiamata matrice Jacobiana, ed a volte


indicata nella forma:
f0 =

(f1 , , fm )
(x1 , , xn )

Esempio 7.18 Consideriamo le seguenti funzioni


f (x) = log (1 + x) , g (x, y) = x2 y 2 , h (t) = (sin t, cos t)

p (s, t) = 1 + 2s2 + 3t, s t3 , q (x, y, z) = (yz, xz, xy) .

Trovare le loro matrici Jacobiane.

Soluzione. Si ha

1
0
f (x) =
, g 0 (x, y) = (2x, 2y) ,
1+x

0
!

4s
3

, q 0 (x, y, z) =
p0 (s, t) =
z
2
1 3t
y

h (t) =
z y

cos t
sin t

0 x

x 0

Notate forma e disposizione delle matrici. In particolare f 0 (x) una matrice


1 1 (cio uno scalare), g0 (x, y) il gradiente di g o anche una matrice 1 2.
Notare infine che h0 (t) una matrice 2 1.

Ancora su funzioni lineari, Matrici e Derivate


C una connessione stretta tra funzioni lineari e matrici. Per esempio,
lespressione
L (x, y) = (1 + 2x + 3y, 4 + 5x + 6y)

7.2. LINEARIT LOCALE: TEORIA DELLA DERIVAZIONE

247

dice esattamente la stessa cosa dellequazione matriciale


L (x, y) =

1
4

2 3
5 6

dove il punto sta ad indicare la moltiplicazione di matrici.


Pi in generale, ogni funzione lineare pu essere scritta nella forma
L (X) = C + M X
dove M una matrice, spesso chiamata matrici dei coecienti, X il
vettore degli ingressi e C un vettore costante.
Scrivere le funzioni lineari in questa forma ha due vantaggi:
(A) composizione e prodotto tra matrici. Consideriamo due funzioni
lineari espresse in forma matriciale
L1 (X) = C1 + M1 X e L2 (X) = C2 + M2 X
La composizione L1 L2 ha allora la forma
L1 L2 (X) = L1 (C2 + M2 X)
= C1 + M1 (C2 + M2 X)
= C1 + M1 C2 + (M1 M2 ) X
|
{z
} | {z }
= C +M X
dove C = C1 + M1 C2 ed M = M1 M2 I passaggi seguono dalle propriet
algebriche della moltiplicazione tra matrici.
(B) Derivate di funzioni lineari. Riprendendo il punto (A) si vede
ancora una volta un fatto semplice ma importante delle funzioni lineari, e
cio che se esprimiamo L nella forma matriciale
L (X) = C + M X
e notiamo che la sua derivata data da
L0 = M ,
si ha che la derivata della composizione L1 L2 la matrice prodotto M1 M2 .

248

CAPITOLO 7. DERIVATE

Approssimazione Lineare di Funzioni e Derivazione della Composizione


Per funzioni dierenziabili a valori reali abbiamo visto che lapprossimazione
lineare, nellintorno di un punto X0 data da
L (X) = f (X0 ) + f (X0 ) (X X0 )
dove il punto rappresenta il prodotto scalare tra vettori. Se la funzione a
valori vettoriali, f = (f1 , f2 ) (o f = (f1 , f2 , f3 ) ) , allora lapprossimazione
lineare di f in X0 lanalogo matriciale dellequazione precedente
L (X) = f (X0 ) + f 0 (X0 ) (X X0 )
dove ora f 0 rappresenta la derivata totale (matriciale) di f ed il punto il
prodotto tra matrici. Da notare che adesso L (X) (cos come f ) una
funzione a valori vettoriali tale che
L (X0 ) = f (X0 ) , L0 (X0 ) = f 0 (X0 ) .
Ci considerato possiamo formulare il seguente teorema
Teorema 7.19 (Teorema di derivazione della composizione) Siano f
e g funzioni dierenziabili tali che X0 appartiene al dominio di g e g (X0 ) al
dominio di f . Si ha che
(f g)0 (X0 ) = f 0 (g (X0 )) g 0 (X0 )
dove il punto rappresenta il prodotto tra matrici.
Dimostrazione. (Diamo solo unidea della dimostrazione).
Lidea sostanzialmente la stessa che per le funzioni reali di variabile reale.
Prima approssimiamo f e g con appropriate funzioni lineari Lf e Lg per le
quali il teorema vale (come abbiamo visto sopra). Dopo concludiamo che il
teorema vale in generale. Per g in X0 ed f in g (X0 ) abbiamo le seguenti
approssimazioni
Lg (X) = g (X0 ) + g 0 (X0 ) (X X0 )

Lf (X) = f (g (X0 )) + f 0 (g (X0 )) (X X0 )

La natura dellapprossimazione f Lf e g Lg implicano che f g Lf Lg


ed anche che (f g)0 (X0 ) = Lf Lg (X0 ) . Daltra parte, come abbiamo visto,
questultima derivata corrisponde al prodotto delle matrici derivate. Perci
(f g)0 (X0 ) = Lf Lg (X0 ) = f 0 (g (X0 )) g0 (X0 ) .

7.2. LINEARIT LOCALE: TEORIA DELLA DERIVAZIONE

249

Esempio 7.20 Consideriamo le funzioni

f (u, v) = (uv, u v) e g (x, y) = x + y, x2 + y 2 .

Trovare (f g)0 (x, y) e (f g)0 (3, 4) .

Soluzione. Le derivate sotto forma di matrice sono:

!
v
u
1
1
f 0 (u, v) =
e g 0 (x, y) =
.
1 1
2x 2y
La regola di derivazione delle funzioni composte ci dice allora che

!
!
!
v
u
1
1
v
+
2ux
v
+
2y

=
;
(f g)0 (x, y) =
1 1
2x 2y
1 2x 1 2y
Sostituendo adesso u = x + y e v = x2 + y 2 si ottiene
!
2
2
2
2
+
y
+
2
(x
+
y)
x
x
+
y
+
2y
x
.
(f g)0 (x, y) =
1 2x
1 2y
Per trovare (f g)0 (3, 4) basta sostituire i valori di x = 3 e y = 4 sopra.
Alternativamente, osserviamo che g (3, 4) = (7, 25) quindi

!
25 7
1 1
0
0
f (7, 25) =
, e g (3, 4) =
1 1
6 8
da cui
(f g)0 (3, 4) =

25

1 1
6 8

67

81

5 7

Esempio 7.21 A volte si opera una composizione di funzione senza esplicitare nominalmente le funzioni. Per esempio, supponiamo che u sia funzione
di x ed y mentre x ed y sono funzioni di s e t . Trovare le derivate parziali
u/s e u/t.
Soluzione. Vediamo come applicare la regola di derivazione delle funzioni composte. Scriviamo dapprima
u = u (x, y) , X (s, t) = (x (s, t) , y (s, t)) .

250

CAPITOLO 7. DERIVATE

Allora

u0 (x, y) =

u u
,
x y

, e X 0 (s, t) = s
y
s

x
t ,

y
t

la regola di derivazione del prodotto ci da

u0 (s, t) =

u u
,
x y

s
y
s

x
t

y
t

da cui segue
u u x u y u u x u y
=
+
,
=
+
s
x s y s
t
x t
y t
(notate la cancellazione simbolica delle derivate parziali).

7.2. LINEARIT LOCALE: TEORIA DELLA DERIVAZIONE

7.2.4

251

Esercizi

1. Sia f (x) = a + bx , g (x) = c + dx , h (x) = x2 ; a, b, c, d costanti.


(a) Determinare valori di a, b, c, e d in modo tale che f g (x) 6=
g f (x). (le possibilit sono molte).

(b) Determinare valori di a, b, c,e d in modo tale che f e g siano


funzioni diverse ma tali che f g (x) = g f (x) .
(c) Quali condizioni su a, b, c, e d garantiscono che f g (x) = gf (x)
?

(d) Sotto quali condizioni per a e b si ha f h (x) = h f (x) ?


2. Sia f = ax2 e g = bx3 , dove a e b sono costanti non nulle. Sotto quali
condizioni si ha che f g (x) = g f (x) ?
3. Scrivere le derivate di ognuna delle funzioni qui di seguito e valutarle
nei punti assegnati.
(a) f (x, y) = (x + 2y + 3, 4x + 5y + 6) ; X0 = (0, 0) ;
(b) f (x, y) = (x + 2y + 3, 4x + 5y + 6) ; X0 = (1, 2) ;
(c) g (x, y, z) = (y + z, x + z, y + z) ; X0 = (1, 2, 3) ;
(d) h (t) = (cos t, sin t, t) ; t0 = /2 ;
(e) k (s, t) = (1, 2, 3) + s (4, 5, 6) + t (7, 8, 9) ; (s0 , t0 ) = (1, 1) .
4. Siano f, g, h, k come sopra. In ognuna delle parti sotto valutare se la
composizione sensata o meno. In caso aermativo trovare la funzione
composta ed usare il teorema di derivazione delle funzioni composte
per calcolare la derivata nel punto assegnato.
(a) k f ; (x0 , y0 ) = (0, 0) ;

(b) f g ; (x0 , y0 , z0 ) = (1, 2, 3) ;


(c) g k ; (s0 , t0 ) = (1, 1) .

5. In questo esercizio f (x) = x + x2 , g (x) = sin x e x0 = 0


(a) Trovare Lg , approssimazione lineare di g in x0 ;
(b) Trovare Lf , approssimazione lineare di f in g (x0 ) ;
(c) Trovare le formule per f g e Lf Lg ;

(d) Mostrare che (f g)0 (x0 ) = (Lf Lg )0 (x0 ) ;

252

CAPITOLO 7. DERIVATE
(e) Usare il software per disegnare f g e Lf Lg nellintorno di x0
Valutare come stanno tra loro i grafici.

6. Ripetere lesercizio precedente essendo f (x) = x + x2 , g (x) = ex , e


x0 = 0.
7. Ripetere lesercizio precedente essendo f (t) = t2 9t + 20 , g (x, y) =
x2 + y 2 e X0 = (2, 1). In (e) disegnare le funzioni come superfici dello
spazio xyz.
8. Siano f, g, h e L le funzioni f (t) = t3 , g (x, y) = x2 + y 2 , h (t) =
(cos t, sin t) , L (x, y) = (1 + 2x + 3y, 4 + 5x + 6y) .
(a) Usando la regola di derivazione composta calcolare (f g)0 (x0 , y0 ) ;

(b) Usando la regola di derivazione composta calcolare (h g)0 (x0 , y0 ) ;

(c) Usando la regola di derivazione composta calcolare (g L)0 (x0 , y0 ) ;


[Sugg.: per evitare di imbrogliarsi nei nomi riscrivete g come
g (u, v) = u2 + v 2 .]

9. Siano g ed h come nellesercizio precedente.


(a) Usare la regola di derivazione composta per valutare (g h)0 (t) ;

(b) Calcolare la composizione (g h) (t) e valutare poi la derivata delle


funzione ottenuta. Confrontare il risultato con quello ottenuto in
(a).
10. Sia f (t) = t3 e h (t) = (cos t, sin t) .
(a) Calcolare (h f )0 (t) usando la regola di derivazione della composizione;
(b) Calcolare la composizione (h f ) (t) e valutare poi la derivata delle
funzione ottenuta. Confrontare il risultato con quello ottenuto in
(a).

7.3. DERIVATE DI ORDINE SUPERIORE

7.3

253

Derivate di Ordine Superiore e Approssimazione Quadratica.

Per funzioni di una variabile, sucientemente regolari, non dicile calcolare le derivate di ordine superiore al primo. Le derivate di ordine superiore,
daltra parte, rivestono un interesse non solo di tipo teorico. La derivata
seconda f 00 , per esempio, ha un importante significato geometrico; ci dice
quanto rapidamente ed in quale direzione varia la pendenza del grafico data
dal valore di f 0 e ci da quindi la concavit del grafico di f . Questo dato ci
permette anche di distinguere tra i vari tipi di punti stazionari di f . Supponiamo, per esempio, che sia f 0 (x0 ) = 0 e f 00 (x0 ) < 0. Allora in x0 il grafico
concavo e quindi f ammette un massimo locale in x0 .
Un altro uso che se ne fa lestensione del polinomio approssimante di Mac
Laurin o Taylor.
Cerchiamo di vedere cosa accade nel caso di funzioni di pi variabili.

7.3.1

Derivate Seconde e Superiori

Le funzioni di pi variabili possono avere derivate parziali ripetute di vari


ordini, ma come abbiamo gi visto si passa da scalari a vettori e matrici.
Vediamo con un esempio.
Esempio 7.22 Sia f = x2 + xy 2 . Trovare tutte le possibili derivate seconde.
Soluzione: Le derivate parziali prime sono
fx =

f
f
= 2x + y 2 , fy =
= 2xy
x
y

Derivando ancora otteniamo i seguenti quattro risultati.


Da fx si ha
fxx =

2f
2f
= 2y
=
2
,
f
=
xy
x2
yx

mentre da fy si ottiene
fyx =

2f
2f
= 2y , fyy = 2 = 2x
xy
y

2f
hanno lo stesso significato anche se
(Da notare che i simboli fyx e
xy
lordine dei simboli pu sembrare rovesciato).

254

CAPITOLO 7. DERIVATE

Si deve osservare che se f una funzione da R2 R, il suo gradiente


f = (fx , fy ) una funzione f : R2 R2 e quindi la sua derivata (derivata
seconda per f ) data dalla matrice
!
!

f
2
2y
f
xx
xy
0
=
.
f 00 = (f ) =
2y 2x
fyx fyy
Questa matrice anche chiamata matrice Hessiana di f (La matrice Hessiana di f calcolata ne punto X0 viene indicata come Hf (X0 ) .
(Il nome di matrice Hessiana deriva da quello del matematico tedesco Ludwig
Otto Hesse (1811-1874) ).

Osserviamo alcuni fatti relativi alla matrice delle derivate seconde:


Dimensione. Per una funzione f (x1 , x2 , . . . , xn ) di n variabili lHessiana una matrice n n. L0 elemento di posto j nella riga i esima
fxi xj che si ottiene derivando f prima rispetto ad xi e poi rispetto ad
xj .
Per esempio se f (x, y, z) = xz+yz 2 allora lHessiana di f una matrice
3 3 della forma


0 0 2z
fxx fxy fxz


f 00 (x, y, z) =
fyx fyy fyz = 0 0 1 .
2z 1 2x
fzx fzy fzz
Le righe sono gradienti. Le righe delle matrice Hessiana sono i
vettori gradienti delle derivate parziali fx , fy , fz che sono funzioni da
R3 R. La seconda riga, per esempio fy .

Lordine di derivazione (di solito) non conta. In entrambi gli


esempi che abbiamo proposto la matrice Hessiana simmetrica rispetto
alla diagonale principale, in altre parole
fxy = fyx , fxz = fzx , fyz = fzy ;
cio lordine di derivazione nelle derivate parziali miste sembra non essere importante (almeno ad ora). E un dato interessante che questo
fatto vale per tutte le funzioni di pi variabili con un comportamento
sucientemente regolare.
Chiariremo i termini del problema per una funzione di due variabili
(anche se il risultato vale qualunque sia il numero delle variabili indipendenti).

7.3. DERIVATE DI ORDINE SUPERIORE

255

Teorema 7.23 (Eguaglianza delle derivate miste). Sia f : R2 R una


funzione con la propriet che le derivate seconde miste fxy , fyx : R2 R
sono definite e continue nel dominio di f . Allora per ogni (x, y) si ha
fxy (x, y) = fyx (x, y) .
Dimostrazione. (Idea della dimostrazione). Ci sono molti modi di dimostrare il teorema. Noi ne useremo uno che coinvolge luso di un integrale
doppio. Diamo solo lidea della dimostrazione, lasciando i dettagli per esercizio.
Dimostreremo che fxy (0, 0) = fyx (0, 0) . Questo suciente visto che il
punto (0, 0) non ha niente di particolare.
Consideriamo il quadrato R = [0, h] [0, h] , con h generico, vogliamo
mostrare che
ZZ
ZZ
fxy (x, y) dA =
fyx (x, y) dA .
(7.2)
R

Fermiamoci prima a capire come questa uguaglianza ci pu aiutare a risolvere


il problema. Supponiamo, per esempio, che sia fxy (0, 0) > fyx (0, 0) . Allora
per la continuit delle due funzioni si ha che fxy (x, y) > fyx (x, y) in tutto
un intorno del punto (0, 0) . In particolare si pu trovare un rettangolo R =
[0, h] [0, h] nel quale fxy (x, y) > fyx (x, y) (x, y) R. In questo caso,
ovviamente luguaglianza integrale non pu valere. Infatti, consideriamo il
lato sinistro delluguaglianza 7.2 e calcoliamo lintegrale in modo iterato,
ricordando che, per definizione, fxy la derivata fatta rispetto ad y di fx .Si
ha

ZZ
Z h Z h
fxy (x, y) dA =
fxy (x, y) dy dx
0
0
R
Z h
=
fx (x, y)|h0 dx
0

= f (x, h) f (x, 0)|h0


= f (h, h) f (0, h) f (h, 0) + f (0, 0) .

Un calcolo simile mostra che il lato destro delleguaglianza integrale 7.2 ha


lo stesso valore.
Polinomi di Taylor ed Approssimazione Quadratica
Abbiamo gi visto quale sia lapprossimazione lineare di una funzione di pi
variabili. Data f (x, y) lapprossimazione lineare (nel caso di due variabili)

256

CAPITOLO 7. DERIVATE

in X0 = (x0 , y0 ) stata definita come


L (x, y) = f (x0 , y0 ) + fx (x0 , y0 ) (x x0 ) + fy (x0 , y0 ) (y y0 )
= f (X0 ) + f (X0 ) (X X0 )
Il passo successivo, che implica luso delle derivate seconde(in analogia a
quanto fatto e allanalogia con il caso di una variabile), dato da
Q (x, y) = f (x0 , y0 ) + fx (x0 , y0 ) (x x0 ) + fy (x0 , y0 ) (y y0 )
fxx (x0 , y0 )
(x x0 )2 + fxy (x0 , y0 ) (x x0 ) (y y0 )
+
2
fyy (x0 , y0 )
(y y0 )2
+
2
Osserviamo che:
La definizione di Q garantisce che nel punto (x0 , y0 ) la funzione f e q
hanno le stesse derivate prime e seconde. Infatti, cerchiamo per esempio Qxy
si ha
Qx (x, y) = fx (x0 , y0 ) + fxx (x0 , y0 ) (x x0 ) + fxy (x0 , y0 ) (y y0 )
da cui
Qxy = fxy (x0 , y0 )
In forma vettoriale lapprossimazione quadratica pu essere scritta nel seguente modo
Q (x, y) = f (X0 ) + f (X0 ) (X X0 ) +

1
(X X0 )T f 00 (X0 ) (X X0 )
2

dove il termine
(X X0 ) f 00 (X0 ) (X X0 )T
indica il prodotto del vettore riga (X X0 ) per la matrice f 00 (X0 ) per il
vettore colonna (vettore trasposto) (X X0 )T .
La scrittura vettoriale ci aiuta, in parte perch pi simile allanaloga scrittura
per le funzioni di una variabile, soprattutto perch questa scrittura svincolata dalla dimensione dello spazio di arrivo che pu essere di dimensione 2
come 3 o altro essendo il significato dei simboli lo stesso.

7.3. DERIVATE DI ORDINE SUPERIORE

257

Approssimazioni di Ordine Superiore Ovviamente non necessario


fermarsi ad una approssimazione del secondo ordine. Se la regolarit della
funzione lo permette possiamo scrivere lapprossimazione cubica ed oltre. Il
vero problema la complessit della scrittura. Infatti, se consideriamo i
termini di ordine 3 gi nel caso di una funzione di due variabili si ha
1
fxxx (x0 , y0 ) (x x0 )3 + 3fxxy (x0 , y0 ) (x x0 )2 (y y0 )
3!

+ 3fxyy (x0 , y0 ) (x x0 ) (y y0 )2 + fyyy (x0 , y0 ) (y y0 )3 .


Ricordiamo comunque che Maple o altri software non hanno problemi anche
nel calcolare i termini di ordine superiore.

Esempio 7.24 Trovare lapprossimazione del secondo ordine per la funzione


f (x, y) = yex nel punto (0, 0) .

Soluzione. Calcoliamo f e le derivate prime e seconde in (0, 0) . Si ha


f (0, 0) = 0, f (x, y) = (yex , ex ) da cui f (0, 0) = (0, 1) ,
x x !

!
e
ye
0
1
f 00 (x, y) =
da cui f 00 (0, 0) =
1 0
ex 0
perci
1
Q (x, y) = (0, 1) (x, y) + (x, y)
2
= y + xy

0 1
1 0

x
y

Come lapprossimazione lineare, lapprossimazione quadratica approssima


bene f nellintorno del punto (0, 0)

Qui di seguito diamo il grafico di f , L, Q per un confronto. Il grafico di


Q fornisce unapprossimazione migliore di quello di L.

258

CAPITOLO 7. DERIVATE

2
0
-2
-1

-1
-0.5

-0.5
x0

0y
0.5

0.5
1

Grafici di f e di L

2
0
-2
-1

-1
-0.5

-0.5
x0

0y
0.5

0.5
1

Grafici di f e Q

7.3. DERIVATE DI ORDINE SUPERIORE

7.3.2

259

Esercizi

Luso di software pu essere utile. Riportiamo per comodit alcuni comandi


di Maple. I primi due caricano comandi. Sperimentare i comandi per vedere
come operano, usate inoltre, se necessario, lhelp in linea.
>with(linalg);
>readlib(mtaylor);
>grad(x^2+y^2, [x,y]);
>grad(x^2+y^2+z^2, [x,y,z]);
>hessian(x^2*y, [x,y]);
>hessian(x^2*y*z, [x,y,z]);
>mtaylor(sin(x), x=0, 5);
>mtaylor(sin(x)+cos(y), [x,y]);
>mtaylor(x^2+y^2, [x=2,y=1]);
1. Trovare (a mano) i polinomi di Taylor di primo, secondo e terzo grado
p 1 , p 2 , p 3 per ognuna delle seguenti funzioni. Se possibile usare la
tecnologia per disegnare f, p 1 , p 2 , p 3 .
(a) f (x) = cos x ; x0 = 0;
(b) f (x) = log x ; x0 = 1;

(c) f (x) = sin x ; x0 = 0.


2. Per ognuna delle funzioni calcolare la matrice hessiana f 00 (X0 ) nel punto X0 assegnato. Usare Maple (o altro software) per controllare il
risultato.
(a) f (x, y) = sin(x y) ; X0 = (0, 0) ;
(b) f (x, y) = x y ; X0 = (0, 0) ;
(c) f (x, y) = sin (x ) + cos (2y) ; X0 = (0, 0) ;
(d) f (x, y) = x 2 + y 2 ; X0 = (0, 0) ;
(e) f (x, y) = x 2 y 2 ; X0 = (0, 0) ;

(f) f (x, y) = Ax2 + By 2 + Cxy + Dx + Ey + F ; X0 = (x0 , y0 ) ;

(g) f (x, y, z) = sin (x + y + z 2 ) ; X0 = (0, 0, 0) .


3. Per ognuna delle funzioni, calcolare lapprossimazione quadratica Q (X0 )
nel punto X0 assegnato. Usare Maple (o altro software) per controllare
il risultato. Se possibile, usare la tecnologia per disegnare f e Q.
(a) f (x, y) = sin(x y) ; X0 = (0, 0) ;

260

CAPITOLO 7. DERIVATE
(b) f (x, y) = x y ; X0 = (0, 0) ;
(c) f (x, y) = sin (x ) + cos (2y) ; X0 = (0, 0) ;
(d) f (x, y) = x 2 + y 2 ; X0 = (0, 0) ;
(e) f (x, y) = x 2 y 2 ; X0 = (0, 0) ;

(f) f (x, y, z) = sin (x + y + z 2 ) ; X0 = (0, 0, 0) .

4. Abbiamo, nel capitolo, aermato che Q (X) pu essere scritto, in forma


vettoriale, nella forma
Q (X) = f (X0 )+f (X0 )(X X0 )+ 12 (X X0 )f 00 (X0 )(X X0 )T
Esplicitare tutti i dettagli di calcolo per verificare che la formula vera.

7.4. MASSIMI E MINIMI

7.4

261

Massimi, Minimi ed Approssimazione Quadratica

Una funzione, come noto, ha un massimo locale in X0 se f (X0 ) f (X)


per tutti gli ingressi X in un intorno di X0 . In questo caso il valore f (X0 )
chiamato valore di massimo locale di f . Le definizioni di minimo
locale e valore minimo locale sono definite in modo simile. Il problema
che ci poniamo quello di dare le condizioni necessarie e quelle sucienti per
determinare i punti di massimo e di minimo di una funzione di pi variabili.
Per semplicit ci limiteremo essenzialmente alle funzioni di due variabili.
Sia f una funzione di due variabili ; per evitare questioni tecniche, che
esulano lo scopo di questo corso, assumeremo che tutte le derivate parziali
esistano e siano continue. Consideriamo inoltre il caso che il punto X0 sia
lorigine (0, 0) . Lapprossimazione quadratica di f (x, y) ha la forma
Q (x, y)
= f (0, 0) + fx (0, 0) x + fy (0, 0) y +

fxx (0, 0) 2
fyy (0, 0) 2
x + fxy (0, 0) xy +
y
2
2

Se (0, 0) un punto stazionario, allora i termini del primo ordine scompaiono


(sono zero) e si ha
Q (x, y) = f (0, 0) +

fyy (0, 0) 2
fxx (0, 0) 2
x + fxy (0, 0) xy +
y
2
2

La domanda capire come i valori di fxx , fxy , fyy determinano il tipo di


punto stazionario.
In Q (x, y) il primo termine costante, quindi ci che conta sono gli altri
termini che hanno la forma del tipo

fxx (0, 0)
fyy (0, 0)
2
2
Ax + Bxy + Cy
A=
, B = fxy (0, 0) , C =
2
2

Analisi di Ax2 + Bxy + Cy2


Sia f (x, y) = Ax2 + Bxy + Cy 2 . Il punto (0, 0) un punto stazionario di
f qualunque siano i valori di A, B, e C. Per vedere come il tipo di punto
stazionario dipende da questi valori, studieremo alcuni esempi semplici ma
importanti. In ognuno degli esempi valuteremo la matrice hessiana in (0, 0),
utile anche nel seguito.

262

CAPITOLO 7. DERIVATE

Esempio 7.25 Sia f (x, y) = x2 + y 2 . Come si comporta f nellintorno del


punto stazionario (0, 0)? Descrivere la superficie z = f (x, y) . Cosa cambia
se consideriamo f (x, y) = (x2 + y 2 ) .
Soluzione. La matrice hessiana della funzione semplice

!
1 0
.
0 1
Chiaramente, f ha un minimo locale in (0, 0) poich per tutte le coppie (x, y)
si ha
f (x, y) = x2 + y 2 0 = f (0, 0) .

La superficie z = f (x, y) , come gi detto, chiamata paraboloide di


rotazione (o semplicemente paraboloide), ha vertice in (0, 0) e le curve di
livello di f sono circonferenze centrate nellorigine. Il cambio di f (x, y) in
f (x, y) cambia il minimo in massimo, il paraboloide rivolto verso il basso
e la matrice hessiana cambia di segno.
Esempio 7.26 Sia g (x, y) = 3x2 + 2y 2 . Come si comporta g nellintorno di
(0, 0)? Descrivere la superficie z = g (x, y)
1
0.8
0.6
0.4
0.2
y0
-0.2
-0.4
-0.6
-0.8
-1
-1 -0.8 -0.6-0.4 -0.2 0x 0.2 0.4 0.6 0.8 1

Grafico di contorno di 3x2 + 2y 2


Soluzione La dierenza con lesempio precedente solo nella presenza
dei coecienti 2 e 3. Cos , visto che
g (x, y) = 3x2 + 2y 2 0 = g (0, 0) .

7.4. MASSIMI E MINIMI

263

Questa volta, tuttavia, i dierenti coecienti di x2 e y 2 significa che le curve


di livello 3x2 + 2y 2 = c sono ellissi. La superficie z = 3x2 + 2y 2 chiamata
paraboloide ellittico. La matrice hessiana data da

!
6
0
g 00 (0, 0) =
0 4

Esempio 7.27 Sia h (x, y) = 3x2 2y 2 . Qual il comportamento di h nellintorno del punto stazionario (0, 0)? Descrivere la superficie z = h (x, y) .
Soluzione Poich i coecienti di x2 e y 2 hanno segno dierente, le curve
di livello, che corrispondono ad equazioni della forma h (x, y) = 3x2 2y 2 = c,
sono delle iperboli e la superficie chiamato paraboloide iperbolico. Qui
di seguito un esempio di mappa di contorno

0.6
0.4
0.2
y0
-0.2
-0.4
-0.6
-0.6 -0.4 -0.2

x0

0.2

0.4

0.6

Mappa di contorno di 3x2 2y 2


La mappa di contorno ci fa vedere che il punto (0, 0) una sella, cio
un punto che rappresenta sia un massimo ed un minimo per h dipende dalla
direzione in cui si osserva il fenomeno. Se fissiamo x = 0 si ha h (0, y) = 2y 2
, quindi questa sezione una parabola rivolta verso il basso e lorigine un
massimo; daltra parte se consideriamo la sezione y = 0 si ha h (x, 0) = 3x2

264

CAPITOLO 7. DERIVATE

cio una parabola rivolta verso lalto e lorigine un minimo. La matrice


hessiana adesso
!

2
2
=
1/4
6
03x

2y
h00 (0, 0) =
0
4

Esempio 7.28 Consideriamo ora j (x, y) = xy Qual il comportamento


di j nellintorno del punto stazionario (0, 0). Descrivere la superficie z =
j (x, y) .
Soluzione La funzione j si comporta come la funzione h dellesempio
precedente. Le curve di livello sono anche in questo caso delle iperboli del
tipo xy = c.
1

y0

-1
-1

0x

Mappa di contorno di xy
Prendendo una sezione della superficie col piano x = y si ottiene j (x, y) =
x2 , mentre rispetto al piano x = y si ha (x, y) = x2 . Queste opposte
tendenze ci dicono che anche in questo caso il punto (0, 0) una sella e la
superficie un altro paraboloide iperbolico.
La matrice hessiana questa volta

!
0 1
00
j (0, 0) =
1 0

Con questo ultimo esempio vogliamo illustrare una tecnica importante


che useremo nel seguito.

7.4. MASSIMI E MINIMI

265

Esercizio 7.29 Sia k (x, y) = x2 + xy + y 2 . Discutere il punto stazionario


(0, 0) .
Soluzione. Completiamo il quadrato in x ed y.

y 2 3 2
k (x, y) = x2 + xy + y 2 = x +
+ y
2
4

Questa nuova scrittura mostra che (0, 0) un punto di minimo, poich per
tutti gli (x, y)

y 2 3 2
+ y 0 = k (0, 0)
k (x, y) = x +
2
4
La matrice hessiana data da

k00 (0, 0) =

2 1
1 2

Il caso generale. Vogliamo considerare il caso generale f (x, y) = Ax2 +


Bxy + Cy 2 , e vedere, come nel caso precedente, come completare il quadrato.
Supponiamo, per convenienza che sia A 6= 0. Si ha

B
C 2
2
2
2
f (x, y) = Ax + Bxy + Cy = A x + xy + y
A
A
!

2
B2
C
B
y2
y +

= A
x+
2A
A 4A2
Questo mostra che il tipo di punto stazionario dipende dal segno dei
coecienti di y 2 .
Si ha che
B2
B2
C
C

4AC B 2 0
A 4A2
A
4A2
Se 4AC B 2 > 0 allora f ha un minimo locale in (0, 0) se A > 0, un
massimo locale se A < 0.
Se 4AC B 2 < 0 , allora f ha un punto di sella in (0, 0) .
In termini di derivate. Se riscriviamo le conclusioni di cui sopra in
termini di derivate, ricordando che 2A = fxx (0, 0) , B = fxy (0, 0) , 2C =
fyy (0, 0) , si ha che
2
;
4AC B 2 = fxx fyy fxy

266

CAPITOLO 7. DERIVATE

in altre parole, 4AC B 2 il determinante della matrice hessiana


!

(0,
0)
f
(0,
0)
f
xx
xy
f 00 (0, 0) =
.
fxy (0, 0) fyy (0, 0)

Riscriviamo adesso il risultato ottenuto come teorema generale. Assumiamo, come sopra, che la funzione f ha derivate seconde continue.
Teorema 7.30 (Punti stazionari e matrice Hessiana) Sia (x0 , y0 ) un
punto stazionario di una funzione f (x, y) . Sia f 00 (x0 , y0 ) la matrice hessiana
di f , e sia
2
D = fxx (x0 , y0 ) fyy (x0 , y0 ) fxy
(x0 , y0 )

il determinante di f 00 (x0 , y0 ) . Allora


(I) Se D > 0 e fxx (x0 , y0 ) > 0, allora f ha un minimo locale in (x0 , y0 ) ;
(I) Se D > 0 e fxx (x0 , y0 ) < 0, allora f ha un massimo locale in (x0 , y0 ) ;
(I) Se D < 0 allora f ha un punto di sella nel punto (x0 , y0 ) ;
(I) Se D = 0 si ha bisogno di ulteriori informazioni.

Questo teorema rende, in molti casi, routine il calcolo di massimi e minimi.


Esempio 7.31 La funzione f (x, y) = xyy2x+2 ha un punto stazionario.
Trovarlo e dire di che tipo di punto stazionario si tratta.
Soluzione. Per trovare il punto stazionario risolviamo il sistema
f (x, y) = (y 2, x 1) = (0, 0) ;
chiaramente lunica soluzione il punto (1, 2) . In questo punto la matrice
hessiana ha la forma

!
0 1
Hf (1, 2) =
.
1 0
Ne segue che D = 1 e quindi il punto (1, 2) un punto di sella.

7.4. MASSIMI E MINIMI

267

Nota 7.32 La stessa idea, basata sulla matrice hessiana, pu essere applicata in dimensioni superiori a 2. Ma le conclusioni sono pi complicate
e macchinose. Non le presenteremo qui. In molti casi unanalisi diretta
permette comunque di risolvere il problema.
Esempio 7.33 Sia f (x, y, z) una funzione di tre variabili e supponiamo che
sia f (0, 0, 0) = (0, 0, 0) cos che f ha un punto stazionario nellorigine.
Supponiamo che sia fxx (0, 0) > 0 e fyy (0, 0) < 0. Mostrare che lorigine non
n massimo n minimo.
Soluzione. Consideriamo la funzione g (t) = f (t, 0, 0) . Si ha che g (0) =
0, g0 (0) = 0 e g 00 (0) = fxx (0, 0) > 0. Ne segue che g ha un minimo locale
per t = 0. In modo simile consideriamo la funzione h (t) = f (0, t, 0) ; questa
ha un massimo locale per t = 0. Ne segue che la funzione f non pu avere
n massimo n minimo in (0, 0, 0, ) .

268

7.4.1

CAPITOLO 7. DERIVATE

Esercizi

1. Supponiamo che f (x, y) abbia un punto stazionario in (x0 , y0 ) e che sia


fxx (x0 , y0 ) fyy (x0 , y0 ) < 0. Mostrare che (x0 , y0 ) un punto di sella.
2. Per ogni costante A 6= 0, il grafico di z = Ax2 + Ay 2 un paraboloide
circolare.
(a) Spiegare cosa si ottiene tagliando la superficie con un piano z = c;
(b) Qual la forma della sezione che si ottiene sezionando la superficie
con un piano x = c.
(c) Qual la forma della sezione che si ottiene sezionando la superficie
con un piano y = c.
3. Ripetere lesercizio precedente per il paraboloide z = x2 y 2 .
4. Sia f (x, y) = 3x2 6xy + 2y 3 . Trovare e classificare i punti stazionari
di f.
5. Trovare e classificare i punti stazionari di f (x, y) = x3 + y 3 + 3x2
3y 2 8.
6. Trovare e classificare i punti stazionari di f (x, y) = x2 xy y 2 .
7. Trovare e classificare i punti stazionari di f (x, y) = x4 +y 4 . E possibile
usare il teorema di classificazione dei punti stazionari?
8. Sia f (x, y) = x2 + axy + by 2 , con a, b costanti reali.
(a) Spiegare perch (0, 0) stazionario indipendentemente dal valore
delle costanti;
(b) Per quali valori di a, b lorigine un massimo locale? Un minimo
locale? Una sella? Dare una risposta esauriente fornendo esempi
dei tre casi;
(c) Supponiamo adesso che sia b = a2 /4. Che tipo di punto critico
lorigine in questo caso?
9. Sia f (x, y) = sin x+cos 2y. Mostrare che (/2, 0) un punto stazionario.
Di che tipo ?
10. Sia f (x, y) = x2 ; il grafico di questa funzione detto cilindro.
(a) Descrivere il grafico di f vicino al punto stazionario (0, 0) ;

7.4. MASSIMI E MINIMI

269

(b) Mostrare che f ha un minimo locale in (0, 0) (Notare che il minimo


locale non stretto nel senso che f (x, y) f (0, 0) ma non
detto che sia f (x, y) > f (0, 0));
(c) Cosa dice il test delle derivate seconde?
11. Considerare la funzione f (x, y) = x2 + bxy + y 2 dove b una qualsiasi
costante.
(a) Per quali valori di b la funzione ha in zero un massimo? Un
minimo? Una sella?
(b) Se possibile usare il software per disegnare curve di livello e
superfici nei vari casi;
(c) Per quali valori di b lhessiano zero? Qual il comportamento
della funzione nellintorno dellorigine, in questo caso? Provare a
disegnare (a mano) varie curve di livello nellintorno dellorigine
per capire cosa accade.

270

7.5

CAPITOLO 7. DERIVATE

Moltiplicatori di Lagrange e Ottimizzazione Vincolata

Sia f (x, y) una funzione definita su un dominio di R2 ; abbiamo visto come


trovare i massimi e minimi relativi della funzione. I possibili candidati sono
i punti stazionari ed il test delle derivate seconde ci aiuta (in molti casi) a
scegliere tra i vari casi. Se, per esempio, f (x, y) = x2 4x + 2y 2 , allora
f (x, y) = (2x 4, 4y) e (2, 0) lunico punto stazionario, ed facile vedere
che tale punto un minimo locale.
In alcune situazioni interessante trovare il valore massimo e minimo di
una funzione sottoposta a qualche vincolo rispetto al dominio. Per esempio
potremmo voler trovare il massimo ed il minimo di f (x, y) quando (x, y)
vincolato a stare sulla circonferenza x2 + y 2 = 9. Risolvere lequazione per
il gradiente, come sopra, non ci da nulla di buono; infatti il punto (2, 0)
non appartiene alla circonferenza e non risolve quindi il problema richiesto.
Vedremo che luso della tecnica di soluzione dellequazione del gradiente
ancora lo strumento da usare, ma in modo appropriato al nuovo tipo di
problema in esame.
Il problema che vogliamo studiare chiamato di ottimizzazione vincolata, la funzione di cui si cerca massimo o minimo detta funzione obiettivo, la restrizione sugli ingressi descritta da unequazione detta equazione
del vincolo (a volte i vincoli sono dati da disuguaglianza o pi equazioni).

Esempio 7.34 Cerchiamo massimi e minimi di f (x, y) = x2 4x + 2y 2


soggetta al vincolo x2 + y 2 = 9.

Soluzione Il vincolo descrive una circonferenza nel piano xy centrata


nellorigine e di raggio 3. Vediamo in uno stesso grafico il vincolo e le curve
di livello di f (x, y)

7.5. MOLTIPLICATORI DI LAGRANGE

271

4
3
2
1
y0
-1
-2
-3
-4

-3

-2

-1

0x

Mappa di contorno di f (x, y) e vincolo


Osserviamo il disegno pi da vicino.
Funzione Obiettivo Le curve di livello di f sono ellissi con centro in
(2, 0) dove f ha il suo valore minimo. Pi grandi sono le ellissi maggiori sono
i valori di f .
Il Vincolo Gli ingressi che soddisfano il vincolo sono quelli che giacciono
sulla circonferenza C, x2 + y 2 = 9. Se immaginiamo di camminare sulla
superficie z = f (x, y) sopra la curva C il problema decidere in quale punto
laltezza della superficie, descritta dalle curve di livello, massima o minima.
Una Risposta Grafica Una osservazione attenta alla curva C suggerisce
i quattro punti della circonferenza (3, 0) , (3, 0) , e
in particolare

di considerare
2, 5 , 2, 5 . In questi punti si ottiene il massimo ed il minimo dellaltezza, mentre tra questi punti sulla superficie si sale e si scende. I valori
di f in questi punti sono



f (3, 0) = 21, f (3, 0) = 3, e f 2, 5 = f 2, 5 = 22 .

Seguendo questi punti, il massimo vincolato vale 22 nei punti 2, 5 ,


mentre il minimo vale 3 in (3, 0) .

Osservazione La scelta di quei quattro punti P dovuta al fatto che le


curve di livello di f passanti per P sono tangenti al vincolo C.

272

CAPITOLO 7. DERIVATE

Losservazione appena fatta, che cercheremo di reinterpretare in termini


di gradiente, lidea principale di questo paragrafo. Vedremo poi come usare
questa propriet che chiameremo condizione di Lagrange
E possibile usare un approccio diretto come mostra il seguente esempio.
Esempio 7.35 Cerchiamo massimi e minimi di f (x, y) = x2 4x + 2y 2
soggetta al vincolo x2 + y 2 = 9 parametrizzando il vincolo.
Soluzione La circonferenza x2 + y 2 = 9 pu essere parametrizzata, per
esempio, come
X (t) = (x (t) , y (t)) = (3 cos t, 3 sin t) , 0 t 2
Vincolare (x, y) a giacere sulla circonferenza significa vincolare la funzione f
a stare sulla circonferenza, cio
h (t) = f (X (t)) = 9 cos2 t 12 cos t + 18 sin2 t = 9 sin2 t 12 cos t , 0 t
2 .
Questo riduce il problema al caso di una sola variabile, che si risolve semplicemente
h0 (t) = 18 sin t cos t + 12 sin t = sin t (18 cos t + 12) .
Si ha h0 (t) = 0 se sin t = 0 (cio y = 0) oppure cos t = 2/3 (cio x = 2)
che sono gli stessi punti trovati prima.
Osserviamo anche che dalla regola di derivazione della composizione si ha
h0 (t) = f (X (t)) X 0 (t) .
Dal punto di vista geometrico, nei punti in cui si ha h0 (t) = 0, si ha che
il gradiente f perpendicolare al vettore X 0 (t) che il vettore tangente
alla curva che rappresenta il vincolo. Questo un altro modo di enunciare
la condizione di Lagrange, perch in ogni punto P (x, y) il gradiente di f
perpendicolare alla curva di livello di f passante per P .

7.5.1

Gradienti e Condizioni di Lagrange

Il punto fondamentale, illustrato nei due esempi precedenti, il seguente.


In un problema di ottimizzazione vincolata, un punto di massimo o minimo caratterizzato dallavere il gradiente della funzione obbiettivo deve essere
perpendicolare allinsieme dei vincoli.
La condizione complicata ad esprimersi verbalmente ma semplice ad
usarsi con laiuto del gradiente. Il fatto fondamentale che unisce tutte le idee
principali, la connessione fra gradienti ed insiemi di livello.

7.5. MOLTIPLICATORI DI LAGRANGE

273

Teorema 7.36 Gradienti ed insiemi di livello. Sia g (x, y) una funzione dierenziabile, (x0 , y0 ) un punto nel dominio di g. Sia C la curva di
livello di g passante per (x0 , y0 ). Se g (x0 , y0 ) 6= (0, 0) allora g (x0 , y0 )
perpendicolare a C in (x0 , y0 ) .
Dimostrazione. La dimostrazione una semplice e elegante applicazione della regola di derivazione della composizione di funzioni. Supponiamo che la curva C sia parametrizzata da una funzione a valori vettoriali
X (t) tale che X (t0 ) = (x0 , y0 ) . Il vettore X 0 (t) tangente a tangente a C in
(x0 , y0 ) . (Stiamo assumendo il fatto tecnico che tale parametrizzazione esista
poich abbiamo assunto che g (x0 , y0 ) 6= (0, 0) ). Poich g costante lungo
C la funzione composta g (X (t)) costante in t. Allora si ha

d
0 = g (X (t)) = g (x0 , y0 ) X 0 (t0 )
dt
(t0 )

Ne segue che g (x0 , y0 ) perpendicolare a X 0 (t0 ) e quindi a C.


Cosa accade in dimensioni maggiori Nonostante la maggior parte
della teoria sia sviluppata in dimensione due, il teorema precedente vale
anche in dimensioni maggiori di due, eccetto che in questi casi linsieme
di livello una superficie, non una curva. Per esempio, in dimensione tre
linsieme di livello g (x, y, z) = x2 + y 2 + z 2 = 1 una sfera in R3 . Il teorema
ci dice che in ogni punto (x, y, z) della sfera il vettore gradiente (2x, 2y, 2z)
perpendicolare alla sfera.
Il gradiente della funzione vincolo. Il vincolo di solito descritto da
un equazione. Se scriviamo lequazione del vincolo nella forma g (x, y) = 0
dove g (x, y) una funzione, allora la curva che descrive il vincolo la curva
di livello zero di g (x, y) . Il teorema aggiunge inoltre che in ogni punto (x, y)
della curva di livello, il vettore gradiente g (x, y) della funzione vincolo o
il vettore zero oppure perpendicolare alla curva di livello.
Il gradiente della funzione obiettivo. Sia (x0 , y0 ) un punto della
curva g (x, y) = 0 e supponiamo che la funzione obiettivo f (x, y) assuma un
minimo o un massimo locale in (x0 , y0 ) (in confronto ai punti vicino sulla
curva vincolo). Si ha allora che
Il gradiente f (x0 , y0 ) perpendicolare alla curva di vincolo in (x0 , y0 ) .
Il primo esempio fatto illustra la situazione. In tutti e quattro i punti
candidati ad essere massimi o minimi le curve di livello di f sono parallele
alla curva di vincolo. I calcoli alla fine del secondo esempio spiega il perch
di questo fatto.

274

7.5.2

CAPITOLO 7. DERIVATE

Moltiplicatori di Lagrange

Ci che abbiamo cercato di indicare sopra ci dice una cosa importane. Se


(x0 , y0 ) un punto di massimo o minimo vincolato allora entrambi i vettori
f (x0 , y0 ) e g (x0 , y0 ) sono perpendicolari alla curva di livello g (x, y) = 0.
Ne segue che questi due vettori sono paralleli tra di loro, cio multipli scalari
uno dellaltro. Scriviamo formalmente il risultato nel caso bidimensionale,
ricordando per che esso vale in qualunque dimensione.
Teorema 7.37 (Moltiplicatori di Lagrange). Siano f (x, y) e g (x, y)
funzioni da R2 R . Consideriamo il problema di ottimizzare f (x, y)
soggetta al vincolo g (x, y) = 0. Se f assume un massimo od un minimo
vincolato in (x0 , y0 ) allora esiste R tale che
f (x0 , y0 ) = g (x0 , y0 ) .
Lo scalare chiamato moltiplicatore di Lagrange.
Vediamo come funziona il Teorema in alcuni casi semplici.
Esempio 7.38 Ottimizzare f (x, y) = x + y soggetta al vincolo x2 + y 2 = 9.
Soluzione Se scriviamo x2 + y 2 9 , allora il vincolo diventa g (x, y) = 0
come nel teorema. (Questo trucco funziona sempre; notare che la costante 9
assorbita in g. Si ha allora f (x, y) = (1, 1) e g (x, y) = (2x, 2y) .
Il teorema aerma che il massimo o minimo vincolato si ha, se esiste, nei
punti (x, y) nei quali
f (x, y) = g (x, y)
per qualche valore dello scalare . Inoltre deve essere soddisfatta lequazione
del vincolo. Si ha allora
(1, 1) = (2x, 2y) , e x2 + y 2 = 9.
Si ottengono cos tre equazioni nelle tre incognite x, y, .
La soluzione di questo sistema si ottiene, per esempio, notando che (1, 1) =
(2x, 2y) implica x= y. Sostituendo nellequazione del vincolo si ottiene
2x2 = 9, o x = 3/ 2.(non importa trovare , limportante trovare
x, y ).

I punti candidati ad essere massimo o minimo sono allora 3/ 2, 3/ 2 e

3/ 2, 3/ 2 .


I valori di f sono f 3/ 2, 3/ 2 = 3/ 2 e f 3/ 2, 3/ 2 = 3/ 2.
Il primo quindi il massimo vincolato, il secondo il minimo vincolato.

Il disegno che segue suggerisce la stessa conclusione

7.5. MOLTIPLICATORI DI LAGRANGE

275

y0

-2

-4
-4

-2

0x

Mappa di contorno di x + y e vincolo.

ATTENZIONE !
Il teorema spesso utile, ma va usato con molta attenzione e con alcuni
distinguo. E specialmente importante capire cosa il teorema non dice.
La condizione necessaria ma non suciente. Il teorema di Lagrange aerma che la condizione f = g necessaria perch un punto (x0 , y0 ) sia di massimo o minimo vincolato, ma NON suciente (Ricordate che anche nel caso di una funzione di una sola variabile la condizione
f 0 (x) = 0 era necessaria ma non suciente).
Potrebbe non esserci soluzione. Non tutti i problemi di ottimo vincolato hanno soluzione. Anche in questo caso, comunque, la condizione di
Lagrange pu essere utile.
Esempio 7.39 Ottimizzare f (x, y) = x + y soggetta al vincolo g (x, y) =
y = 0.
Soluzione. E chiaro che f (x, 0) = x pu assumere tutti i valori, quindi
f non ha n massimo ne minimo vincolato. Daltra parte se scriviamo la
condizione di Lagrange si ha f (x, y) = (1, 1) = (1, 0) = g (x, y) che
chiaramente impossibile, quindi il teorema ci dice che non esiste n massimo
n minimo.

Quando esiste una soluzione? Il problema di ottimo dellesempio


precedente non aveva soluzione. Il fatto che il vincolo illimitato, lascia
libera la funzione di crescere senza limiti.
La teoria generale (che supera i nostri scopi) garantisce tuttavia che se f e
g sono funzioni dierenziabili, ed il vincolo g (x, y) = 0 limitato, allora f
assume (finito) un massimo e minimo vincolato. In questo caso, il teorema
garantisce che questi valori devono occorrere dove la condizione di Lagrange
soddisfatta

276

CAPITOLO 7. DERIVATE

Se il vincolo illimitato, come nellesempio precedente, allora la funzione


obiettivo pu o meno assumere un massimo o minimo vincolato; dipende
dalla funzione obiettivo e non c una regola semplice per decidere.
Risolvere pu essere dicile. Data la funzione f (x, y) e il vincolo
g (x, y) = 0, la condizione di Lagrange e lequazione del vincolo formano un
sistema di tre equazioni, non necessariamente lineari, in tre incognite. Nel
caso di funzioni di tre variabili sono coinvolte quattro variabili. Risolvere tali
sistemi pu essere complicato o anche impossibile. Fortunatamente, molti
problemi interessanti portano a sistemi di equazioni semplici. Il fatto che il
particolare valore di usualmente non importi, pu a volte aiutare.
Esempio 7.40 Ottimizzare f (x, y, z) = x + y + z vincolata da g (x, y, z) =
x2 + y 2 + z 2 = 3.

Soluzione. Il vincolo la sfera di raggio 3, quindi limitata e poich


le funzioni sono dierenziabili il massimo e minimo vincolato esiste. Le
condizioni di Lagrange sono
f = (1, 1, 1) = g = (2x, 2y, 2z)
da cui segue immediatamente x = y = z. Mettendo questo risultato nellequazione del vincolo si ha
x2 + y 2 + z 2 3 = 0 = 3x2 = 3 = x = 1 .
Allora i possibili candidati sono i punti (1, 1, 1) e (1, 1, 1) che sono in
realt massimo e minimo rispettivamente.

7.5. MOLTIPLICATORI DI LAGRANGE

7.5.3

277

Esercizi

1. Usa il metodo dei moltiplicatori di Lagrange per risolvere lesercizio,


quando possibile. Quindi rifare lesercizio usando metodi elementari,
usando il vincolo per riscrivere la funzione obiettivo come funzione di
una variabile.
(a) f (x, y) = xy, soggetta a g (x, y) = x + y 1 = 0.

(b) f (x, y) = x + y, soggetta a g (x, y) = xy 1 = 0.

2. Usa il metodo dei moltiplicatori di Lagrange per risolvere lesercizio,


quando possibile. Se non esistono massimi e minimi, spiegarne il motivo. Calcolare f e g in ogni punto di minimo e massimo vincolato.
(a) f (x, y) = x y, soggetta a g (x, y) = x2 + y 2 1 = 0.

(b) f (x, y) = xy, soggetta a g (x, y) = x2 + y 2 1 = 0.

(c) f (x, y) = x2 + y 2 soggetta a g (x, y) = x + y 2 = 0

(d) f (x, y) = x2 + xy + y 2 soggetta a g (x, y) = x + y 2 = 0


(e) f (x, y) = x + 2y soggetta a g (x, y) = x2 + y 2 9 = 0.

(f) f (x, y, z) = 2x + y + z soggetta a g (x, y) = x2 + y 2 + z 2 6 = 0.

3. Il contadino Rossi ha una rete di 100 m e vuole usarla per racchiudere


una porcilaia rettangolare. Aiutare il contadino Rossi a risolvere il
problema (usare i moltiplicatori di Lagrange per risolvere il problema).
4. Il contadino Bianchi ha una rete di 100 m e vuole usarla per racchiudere una porcilaia a forma di triangolo rettangolo. Aiutare il contadino Bianchi a risolvere il problema [Sugg.:Usare i moltiplicatori di
Lagrange per risolvere il problema].

278

CAPITOLO 7. DERIVATE

Capitolo 8
Integrazione
Nel calcolo elementare esiste un sol tipo di Rintegrale. Data una funzione
b
f : R R ed un intervallo chiuso [a, b] , I = a f (x ) dx un numero reale,
definito come il limite di somme approssimanti. Sebbene I abbia diverse
interpretazioni, fisiche, geometriche, numeriche (come posizione se f rappresenta la velocit, larea sottesa dal grafico di f , media pesata dei valori di f
etc. ), esse non sono altro che modi diversi di interpretare il solito oggetto
matematico.
Nel calcolo di pi variabili le possibilit per gli integrali sono molto maggiori. Gli integrandi possono essere funzioni di una o pi variabili, e possono
essere scalari o a valori vettoriali. Gli insiemi su cui integrare possono essere
di vario genere, intervalli, curve in R2 o R3 , regioni piane di R2 o solidi in R3
ed anche superfici bidimensionali in R3 . Abbiamo gi visto alcune di queste
situazioni, quali:
Z b
ZZ
ZZ
ZZZ
v (t) dt,
f (x, y) dA,
g (r, ) rdrd,
h (r, , z) rdrddz.
a

In questo capitolo vogliamo introdurre due nuovi tipi di integrale, integrali


di linea e integrali di superficie nei quali i domini di integrazione sono
rispettivamente curve o superfici in R2 o R3 .
Il teorema fondamentale del calcolo integrale, scritto nella sua
forma classica, dice che sotto appropriate condizioni si ha
Z b
f 0 (x) dx = f (b) f (a) .
a

Lidea che sottintende il teorema fondamentale del calcolo integrale pu essere


estesa e reinterpretata nellambiente del calcolo di pi variabili.. Per esempio,
279

280

CAPITOLO 8. INTEGRAZIONE

una versione del teorema fondamentale per integrali di linea dice che
Z
f dX = f (b) f (a)

dove f (x, y) una funzione dierenziabile e una curva che unisce a e


b in R2 . Molto rimane da dire, compreso il significato del lato sinistro delluguaglianza. Ma ci che ci premeva era mostrarne la similarit. in entrambi
i casi, un qualche tipo di integrale applicato ad un qualche tipo di derivata
di f e la risposta coinvolge la f stessa.
Dare un senso a tutti gli ingredienti dellequazione sopra lobiettivo
principale di questo capitolo.
Esempio 8.1 La funzione posizione
r (t) = (cos t, sin t, t)
descrive un elica (spirale) in R3 . Trovare la lunghezza darco di un giro;
pensare a t come al parametro tempo.
Soluzione. Se r (t) rappresenta il vettore posizione, il modulo della
velocit dato da
|r0 (t)| = |( sin t, cos t, 1)| =

sin2 t + cos2 t + 1 = 2

ed una funzione scalare (in questo caso particolare, costante). Un


giro delica richiede 2 unit di tempo, cos la lunghezza darco data
dallintegrale
Z

2
0

|r (t)| dt =

2 dt = 2 2 .

Ne segue che la lunghezza vale 2 2 unit di lunghezza.

Vediamo un altro esempio che ci ricorda come si integra una funzione a


valori vettoriali di una variabile, su di un intervallo. Un uso importante di
tali integrali lo si fa nel modellare fenomeni di moto.
Esempio 8.2 Una particella si muove nel piano xy. Al tempo t il suo vettore
velocit
v (t) = (5, 32t) .

R6
Trovare 0 v (t) dt. Qual il significato dellintegrale rispetto al moto della
particella?

8.1. CAMBIO DI VARIABILI NEGLI INTEGRALI MULTIPLI

281

Soluzione. Il calcolo pura routine. Si integra ogni componente separatamente:


Z 6

Z 6
Z 6
v (t) dt =
5 dt,
32t dt = (30, 576) .
0

Pi interessante, del puro risultato numerico, il suo significato. Se p (t) il


vettore posizione della particella, allora
Z 6
v (t) dt = p (6) p (0) .
0

Ovvero, se v (t) rappresenta la velocit (in metri al secondo, per esempio),


il calcolo ci dice che nel tempo di 6 secondi, loggetto si muove di 30 metri
verso destra e di 576 verso il basso.

8.1

Cambio di Variabili negli Integrali Multipli

Abbiamo gi visto nel Capitolo I come operare quando il dominio di integrazione un rettangolo in R2 o un dominio semplice rispetto agli assi. Un
altra possibilit la si ha quando il tutto esprimibile convenientemente in
coordinate polari r e .
Vediamo ancora un esempio
Esempio 8.3 Sia R la regione interna alla circonferenza unitaria, f (x, y) =
x2 + y 2 . Calcolare lintegrale di f su R usando le coordinate polari.
Soluzione. Scriviamo tutto in coordinate polari usando il cambio di
coordinate
x = r cos , y = r sin , x2 + y 2 = r2 , dA = r dr d
Lultima identit chiamata elemento darea in coordinate polari. Il
dominio R diventa
0 r 1 , 0 2 .
Scritto in coordinate polari lintegrale diventa
Z 2 Z 1
I=
r2 r dr d
0

. Geometricamente, lintegrale misura il volume


2

della regione interna al paraboloide z = x2 + y 2 con 0 z 1.


Il risultato dellintegrale

282

8.1.1

CAPITOLO 8. INTEGRAZIONE

Coordinate Sferiche e Cilindriche

Un simile cambio di variabile una strategia che funziona anche per gli
integrali tripli, quando il dominio di integrazione o lintegrando o entrambi,
sono descritti meglio usando un sistema di coordinate cilindriche (r, , z) o
sferiche (, , ) . Come gi discusso nel Capitolo I gli elementi di volume
corrispondenti sono
dV = r dr d dz
dV = 2 sin d d d
Diamo ancora un esempio
ZZZ
Esempio 8.4 Calcolare

in coordinate cilindriche
in coordinate sferiche

1
dV dove P quella parte della
+ y2 + z 2
P
palla unitaria x2 + y 2 + z 2 1 che giace nel primo ottante.
x2

Soluzione. Il primo ottante di R3 linsieme di punti le cui coordinate


sferiche soddisfano le condizioni 0 /2, (questo assicura che x
0, y 0) e 0 /2 (questo assicura che z 0) I punti che sono
interni alla palla unitaria soddisfano la condizione 0 1. Quindi P (dal
punto di vista delle coordinate sferiche) un rettangolo solido. Lintegrando,
espresso in coordinate sferiche, data da
x2

1
1
= 2 .
2
2
+y +z

Si ha quindi
ZZZ

1
dV
+ y2 + z 2
P
Z /2 Z /2 Z 1
1 2
=
sin d d d
2
0
0
0
Z

/2
sin d = .
=
2 0
2

I =

8.1.2

x2

Cambiamento di Variabile negli Integrali Multipli

La cosa pi misteriosa, negli esempi precedenti, capire come, nel cambio da


coordinate cartesiane a coordinate polari, cilindriche o sferiche gli elementi

8.1. CAMBIO DI VARIABILI NEGLI INTEGRALI MULTIPLI

283

di area e volume si esprimono con le formule


dA = r dr d , dV = r dr d dz , dV = 2 sin d d d .
Infatti, tutte e tre queste formule sono esempi di un principio pi generale,
conosciuto come formula di cambiamento di variabile, che dice come cambiano gli integrali quando si opera un cambio di coordinate.
Ricordiamo con un esempio come si opera nel caso di una variabile.
Z /2
Esempio 8.5 Calcolare, per sostituzione, lintegrale
3 sin2 u cos u du.
0

Soluzione. La sostituzione x = sin u e dx = cos u du sembra quella


naturale. Infatti si ottiene
Z u=/2
Z x=1
2
3 sin u cos u du =
3 x2 dx = 1.
u=0

x=0

Notare il cambio di limiti dintegrazione. Poich x = sin u lintervallo


Iu = [0, 2] viene trasformato nellintervallo Ix = [0, 1].
Il punto fondamentale da notare il seguente: se scriviamo f (x) = 3 x2 e
x = x (u) = sin u , allora si ha
Z

Iu

dx
du =
f (x (u))
du

f (x) dx

Ix

dx
. Il metodo di integrazione per sostiFermate lattenzione sul fattore
du
tuzione a volte succintamente indicato con
dx
du = dx .
du
La formula ci dice che data la relazione tra x e u una variazione infinitesima
dx
du provoca una variazione in x, dx , che viene moltiplicata del fattore
du
chiamato anche fattore di cambiamento di scala.
La metodologia per cambiare variabili negli integrali multipli simile a
quello appena visto.
Usiamo gli integrali doppi come esempio paradigmatico.
RR
f (x, y) dA con f funzione integranda ed Rxy la regione
Sia dato
Rxy
dintegrazione nel piano xy. Supponiamo inoltre che, siano date (o comunque

284

CAPITOLO 8. INTEGRAZIONE

trovate) due funzioni che collegano le variabili x, y (vecchie coordinate) con


le variabili u, v (nuove coordinate):
x = x (u, v) , y = y (u, v) .
Assumiamo che queste funzioni trasformino il piano u v (o almeno una
sua parte) nel piano x y in modo tale che una certa regione Ruv del piano u v
sia trasformata nella regione Rxy del piano x y (idealmente la regione . Ruv
pi semplice della regione Rxy )
Il problema capire cosa si sostituisce al termine dx/du. Ci che si usa
il determinante Jacobiano, cio il determinante della matrice


xu xv
(x, y)

= | xu yv xv yu |
(u, v) = det y y

u
v

Il determinante Jacobiano, gioca, nel caso di integrali doppi, lo stesso


ruolo di dx/du negli integrali di una variabile. Per ogni valore (u, v) dellingresso, il fattore | (x, y) / (u, v)| il fattore di cambiamento darea. Esso
ci dice che la trasformazione data trasforma, nel piano (u, v) il rettangolo
infinitesimo di area u v nel rettangolo, nel piano (x, y) di area

(x, y)
u v .

x y =
(u, v)
Enunciamo adesso il teorema generale. Bisogna aggiungere alcune ipotesi
tecniche per poterlo esprimere con precisione.

Teorema 8.6 (Cambio di variabile negli integrali doppi). Supponiamo che le coordinate (x, y) e (u, v) sia legate come sopra. Assumiamo che
tutte le derivate in questione esistano e siano continue; che la trasformazione
(u, v) (x, y) sia biiettiva e che la regione Rxy sia la trasformata della
regione Ruv . Allora

ZZ
ZZ
(x, y)
dAuv

f (x, y) dAxy =
f (x (u, v) , y (u, v))

(u,
v)
Rxy
Ruv

ZZ
(x, y)
du dv
=
f (x (u, v) , y (u, v))
(u, v)
Ruv
Dimostrazione. (Diamo solo unidea della dimostrazione). Lidea della
dimostrazione legata al concetto di somme approssimanti. Ricordiamo

8.1. CAMBIO DI VARIABILI NEGLI INTEGRALI MULTIPLI


che ogni integrale doppio
approssimanti della forma

RR

Ruv

lim

285

g (u, v) dA definito come limite di somme

n
X

g (ui , vi ) A (Ri )

i=1

dove A (Ri ) larea di un piccolo rettangolo nel piano u v contenente il


punto (ui , vi ) . Supponiamo adesso che sia

(x, y)

g (u, v) = f (x (u, v) , y (u, v))


(u, v)

In tal caso la somma approssimante diviene


lim

n
X
i=1

(x, y)

(ui , vi ) A (Ri )
f (x (ui , vi ) , y (ui , vi ))
(u, v)

Usando il ragionamento precedente sulla variazione dellarea si ha che la


somma pu essere scritta come
lim

n
X

f (xi , yi ) A (Ri0 )

i=1

punto (xi , yi ) nel


dove A (Ri0 ) larea del rettangolo piccolo Ri0 contenente ilRR
piano x y.Questa una somma approssimante dellintegrale Rxy f (x, y) dA.
Si ottiene quindi la conclusione.
Esempio 8.7 Come si applica il teorema nel passaggio a coordinate polari?
Soluzione. Usando r e al posto di u e v si ha x = r cos , y = r sin .
La matrice Jacobiana

!
!
xr x
cos r sin
=
;
sin r cos
yr y
il suo determinante r . Allora il teorema ci dice che
ZZ
ZZ
f (x, y) dA =
f (x (u, v) , y (u, v)) r dr d
Rxy

Ruv

che il familiare elemento darea in coordinate polari.

286

CAPITOLO 8. INTEGRAZIONE

Cambiamento in Tre Variabili


La stessa formula vale anche nel caso di integrali tripli. In questo caso
il determinante Jacobiano ha la forma | (x, y, z) / (u, v, w)| . Il lavoro
potenzialmente noioso e laborioso nel calcolo, ma in molti casi semplice.
Esempio 8.8 Siano a , b , e c numeri positivi. Trovare il volume dellellissoide E
x2 y 2 z 2
+ 2 + 2 =1.
a2
b
c
Soluzione. Operiamo il cambio di coordinate
u=

y
z
x
, v= , w= ,
a
b
c

allora lellissoide E nello spazio x y z corrisponde la sfera unitaria nello spazio


u v w , u2 +v 2 +w2 = 1. che, come noto, ha volume 4/3. Per usare la formula
del cambiamento di variabili dobbiamo considerare la mappa (u, v, w)
(x, y, z) data da:
x (u, v, w) = a u , y (u, v, w) = b v , z (u, v, w) = c w .
La matrice Jacobiana diagonale ed data da

a 0 0

(x, y, z)

= 0 b 0 = abc .
(u, v, w)

0 0 c

La formula del cambio di variabile da

ZZZ
ZZZ
(x, y, z)
dVuvw

Volume di E =
1 dVxyz =
1

(u,
v,
w)
B
Z ZEZ
4abc
.
= abc
1dVuvw =
3
B

Notare che il risultato ha un significato geometrico interessante. In ogni punto dello spazio (u, v, w) , la trasformazione (u, v, w) (x, y, z) =
(au, bv, cz) moltiplica le distanze nei singoli assi dei fattori a, b e c rispettivamente; il corrispondente eetto sui volumi di moltiplicare il volume del
fattore abc.

8.2. ESERCIZI.

8.2

287

Esercizi.

1. Ricordando lesempio della spirale, calcolare la lunghezza della spirale

r (t) = cos t2 , sin t2 , t2 ; 0 t 2.

Confrontare questa parametrizzazione con quella dellesercizio di cui


sopra.

2. Si chiama cicloide la curva


r (t) = (t + sin t, 1 + cos t) .
(a) disegnare a mano o con un software la curva;
(b) trovare la lunghezza dellarco di curva 0 t 2 [Sugg.: 2 +
2 cos t = 4 cos2 (t/2) , verificare inoltre che t = asse di simmetria. Calcolare quindi lintegrale in [0, ] e raddoppiarne poi il
valore].
(c) pensando a r (t) come la posizione di un punto al variare del tempo
t , trovare laccelerazione a (t) e calcolarne lintegrale per 0 t
6.
3. Ripetere lesercizio precedente per la curva (t/2 + sin t, 1 + cos t) (Questa rappresenta il tracciato di un punto su di una ruota che scivola mentre rotola). Lintegrale non si calcola, calcolarne unapprossimazione
col metodo del punto mediano usando 10 suddivisioni.
RR 2
4. Considerare lintegrale I =
x y dA dove R la regione limitata
R
2
dalle curve y = x e y = 1.
(a) calcolare I integrando prima in x , poi in y;
(b) calcolare I integrando prima in y , poi in x.
5. Sia f (x, y) = y ed R la regione limitata dalle curve y = ln x, y = 0, e
x = e.
RR
(a) calcolare R f (x, y) dA integrando prima in x , poi in y;
RR
(b) calcolare R f (x, y) dA integrando prima in y , poi in x.
x2 y 2
6. Considerare, nel piano x y lellisse 2 + 2 = 1 dove a e b sono numeri
a
b
positivi.

288

CAPITOLO 8. INTEGRAZIONE
(a) calcolare larea dellellisse usando lintegrale della funzione di una
variabile (come fareste in Analisi I);
(b) usare la stessa idea dellesercizio del volume dellellissoide per
trovare larea dellellisse.

7. Calcolare il volume della regione limitata dal paraboloide z = x2 + y 2


e dal cilindro x2 + y 2 = 1 operando un cambiamento di variabili in
coordinate cilindriche.
8. Questo esercizio esplora laermazione che il determinante Jacobiano
della trasformazione (u, v) (x, y) descriva il fattore di scala. In
tutti gli esempi sotto sia Ruv il quadrato unitario 0 u 1, 0
v 1. Sia Rxy limmagine di Ruv nel piano x y ,della trasformazione
(u, v) (x, y) . Per ognuna delle trasformazioni sotto: (i)Disegnare
Rxy ; (ii) Trovare larea di Rxy ; (iii) Trovare il valore del determinante
Jacobiano. (Nota: in ogni caso Rxy un parallelogramma, cos basta
trovare i trasformati dei vertici)
(a) x = 2u , y = v ;
(b) x = 1 + 2u , y = 3 + 4v ;
(c) x = 2v , y = 3u ;
(d) x = 1 + 2u + 3v , y = 4 + 5u + 6v
(Suggerimento: usare il prodotto scalare per trovare larea.)

8.3. INTEGRALI CURVILINEI

8.3

289

Integrali Curvilinei

Nel
R b paragrafo precedente abbiamo visto unestensione dellintegrale definito
f (x) dx. Vogliamo qui considerarne unaltra, quello dellintegrale lungo
a
una curva,
Z
f (X) dX

dove f : R2 R2 una funzione a valori vettoriali e una curva orientata


in R2 . (in dimensioni superiori il ragionamento assolutamente identico).
Come vedremo pi sotto c una stretta correlazione tra integrali curvilinei
ed integrali doppi, una correlazione a priori sorprendente vista lintrinseca
dierenza. Il risultato che li unisce noto come Teorema di Green.
Gli integrali curvilinei sono strumenti di notevole importanza in fisica.
Essi compaiono tutte le volte che si debbano considerare funzioni a valori
vettoriali, per modellare forze, il flusso di fluidi, elettricit, magnetismo.
La teoria matematica degli integrali curvilinei stata sviluppata agli inizi
dellottocento in parte motivata proprio dalle necessit di sviluppare modelli
matematici dei fenomeni fisici che si venivano scoprendo. Il teorema di Green,
per esempio ha la sua origine dallo studio quantitativo del moto dei fluidi.
Iniziamo ad introdurli.

8.3.1

Campi Vettoriali

Lintegrando di un integrale curvilineo una funzione vettoriale f : R2 R2 .


La funzione ha la forma:
f (x, y) = (P (x, y) , Q (x, y)) ,
dove P : f : R2 R e Q : f : R2 R sono funzioni reali di due variabili
reali, o come si usa dire f una coppia di funzioni scalari.
Lapproccio migliore quello di pensare ad f come ad un campo vettoriale in R2 , per ogni vettore dingresso (x, y) R2 f assegna il vettore
bidimensionale (P (x, y) , Q (x, y)) che pu essere rappresentato come un vettore avente origine nel punto (x, y) . Disegnando (a mano o con il software)
molte di queste frecce possiamo capire il comportamento complessivo della
funzione f .
Esempio 8.9 Consideriamo la funzione vettoriale f (x, y) = (x y, x + y)
come campo vettoriale. Disegnare f nel dominio [3, 3] [3, 3]. Discutere
il disegno. In quali punti le frecce sono verticali o orizzontali? Perch?

290

CAPITOLO 8. INTEGRAZIONE

Soluzione. Si riporta qui di seguito il disegno fatto da Maple.

3
2
y
1
-3

-2

-1

x2

-1
-2
-3

Il campo vettoriale (x y, x + y)
Ci sono molte cose da osservare in questo grafico.
1. (a) Come per ogni grafico questo rappresentato solo un campione
dei valori assunti da f . In figura sono mostrati circa 100 valori
(uscite).
(b) Se calcoliamo f nel punto (1, 1) si ha f (1, 1) = (0, 2) , cio un
vettore verticale lungo 2 ; tuttavia, nel punto (1, 1) del disegno,
il vettore rappresentato molto pi corto. Questo cambiamento
di scala viene operato dal software per evitare che le frecce nei
vari punti si sovrappongano con quelle vicine ( ma anche a mano
bisognerebbe fare lo stesso per chiarezza del disegno). Sebbene
in questo processo si perdano alcune informazioni la limpressione qualitativa del fenomeno rimane inalterata. Inoltre poich il
riscalamento operato su tutte le frecce, quelle che risultano pi
lunghe sono le pi lunghe.
(c) Una freccia verticale se la prima componente P (x, y) = x y
zero. Ci avviene lungo la curva x = y come si pu vedere anche
dalla figura. Le frecce orizzontali si hanno quando Q (x, y) =
x + y = 0 cio lungo la linea x = y.

(d) Si ha che f (0, 0) = 0 quindi nellorigine il vettore uscita il vettore


nullo. In questo esempio (0, 0) anche lunico punto in cui ci
avviene.

8.3. INTEGRALI CURVILINEI

291

Il disegno, infine, suggerisce una situazione inversa a quella di uno


scarico, il fluido esce dal centro e tende a ruotare sempre pi velocemente in
senso antiorario, allontanandosi dal centro.

Esempio 8.10 Disegnare g (x, y) = (y, x) come campo vettoriale. E possibile vedere una connessione con la funzione scalare h (x, y) = xy ?
Soluzione.. Vediamo il disegno fatto da Maple nel dominio [0, 5] [0, 5]

4
y
2

-4

-2

2 x

-2
-4

Il campo vettoriale g (x, y) = (y, x)

Come si vede P (x, y) = y si annulla lungo lasse x ; in fatti, come mostra


il disegno lungo tale asse i vettori sono verticali. In modo del tutto simile
si vede che Q (x, y) = x si annulla lungo lasse y ed infatti lungo tale asse
le frecce sono orizzontali. Come nellesempio precedente g (0, 0) = 0 solo
nellorigine.

Nota: Il grafico simile a quello della mappa di contorno di h (x, y) = xy.


Questa connessione non , ovviamente, accidentale. Si ha infatti che

g (x, y) = h (x, y) .
Riprenderemo questa connessione pi avanti, nei prossimi paragrafi.

292

8.3.2

CAPITOLO 8. INTEGRAZIONE

Curve Orientate

Laltro ingrediente fondamentale, per la costruzione di un integrale curvilineo, una curva orientata su cui calcolare lintegrale curvilineo. Una
curva orientata, come dice il nome stesso, una curva con una direzione di
percorrenza specificata dal punto di partenza al punto di arrivo. La curva
pu essere nel piano o nello spazio. La semicirconferenza superiore centrata
nellorigine, per esempio, pu avere come punto di partenza il punto (1, 0) e
punto di arrivo (1, 0) ,oppure essere percorso in senso inverso partendo da
(1, 0) per arrivare a (1, 0).
E tradizione indicare una curva orientata con una lettera, ad esempio , e
la curva percorsa in senso inverso con (Ricordiamo che e sono lo
stesso insieme di punti, solo la direzione di percorrenza cambia). Vedremo
presto che negli integrali curvilinei, invertire il senso di percorrenza di una
curva cambia il segno dellintegrale.
Parametrizzare una curva significa specificare le equazioni parametriche e
lintervallo di parametrizzazione, come ad esempio
x = x (t) , y = y (t) , a t b.

Per evitare problemi tecnici assumeremo sempre che x0 (t) e y 0 (t) esistano e
non siano contemporaneamente nulli, eccetto forse che agli estremi. Altrimenti la parametrizzazione potrebbe fermarsi o cambiare direzione.
Notare infine che una tale parametrizzazione implica un orientazione della
curva. La curva parte da (x (a) , y (a)) e termina in (x (b) , y (b)). Quindi,
volendo parametrizzare una curva in una data direzione diventa necessario
scegliere una parametrizzazione appropriata.
Esempio 8.11 Sia la curva di parametrizzazione
x = cos t , y = sin t , 0 t .
Descrivere e . Come va parametrizzata ?.
Soluzione. la semicirconferenza unitaria superiore, parametrizzata
in senso antiorario, partendo da (1, 0) per arrivare a (1, 0) . Ne consegue che
rappresenta la stessa semicirconferenza percorsa per in senso orario partendo da (1, 0) per arrivare a (1, 0) . Ci sono molti modi per parametrizzare
. Una possibilit quella di pensarla come il grafico della funzione

x = t , y = 1 t2 , 1 t 1
oppure pensando alla parametrizzazione
x = cos t , y = sin t , 0 t .

8.3. INTEGRALI CURVILINEI

8.3.3

293

Calcolo degli Integrali Curvilinei

Abbiamo adesso a disposizione tutti gli elementi che ci permettono di calcolare un integrale curvilineo. Cominciamo con alcuni esempi semplici. Fare
attenzione sia ai calcoli che alle semplificazioni e scorciatoie.
Esempio 8.12 Sia la semicirconferenza superiore di cui sopra, orientata
in senso antiorario. Sia poi f (x, y) = (x y, x + y) il campo vettoriale visto
nel primo esempio. Calcolare
Z
f (X) dX .

Soluzione. Per calcolare un integrale di linea lidea quella di esprimere


tutto, anche lintegrale, attraverso la parametrizzazione di nei termini della
variabile indipendente t.
Scelta allora come parametrizzazione di
X (t) = (x (t) , y (t)) = (cos t, sin t) ; 0 t
si ha,
f (X) = f (X (t)) = (x y, x + y) = (cos t sin t, cos t + sin t)
che esprime lintegrando come funzione (a valori vettoriali) della sola variabile
t.
per quanto riguarda il fattore dX segue dalla parametrizzazione che dx/dt =
sin t , e dy/dt = cos t o equivalentemente
dx = sin t dt , dy = cos t dt .
In forma vettoriale si ha
dX = (dx, dy) = ( sin t dt , cos t dt) = ( sin t, cos t) dt = X 0 (t) dt .
Adesso, sia f che dX sono espressi come vettori funzioni della variabile indipendente t , ha quindi senso eettuare il prodotto scalare tra i due, si
ha
f (X) dX = f (X (t)) X 0 (t) dt
= (cos t sin t, cos t + sin t) ( sin t, cos t) dt = 1 dt .
Il calcolo dellintegrale da allora
Z
Z
Z
0
f (X) dX =
f (X (t)) X (t) dt =

1 dt =

294

CAPITOLO 8. INTEGRAZIONE

La seguente definizione esprime, in termini generali, quanto illustrato con


lesempio.
Definizione 8.13 (Integrale curvilineo). Sia una curva orientata in R2
e sia f : R2 R2 un campo vettoriale definito su e in un intorno di . Sia
X (t) una parametrizzazione dierenziabile di , con a t b. Lintegrale
curvilineo (o di linea) di f lungo , indicato con
Z
f (X) dX

definito da
Z

f (X (t)) X 0 (t) dt .

Nota 8.14 (Definizione equivalente). Siano f (x, y) = (P (x, y) , Q (x, y))


ed X = (x, y) . Ne segue che lintegrale curvilineo pu essere scritto nella
seguente forma alternativa
Z
Z
Z
f (X) dX = (P (x, y) , Q (x, y)) (dx, dy) =
P dx + Q dy .

Questultima forma spesso usata nella stampa per la sua semplicit tipografica.
Integrali Curvilinei; Forza e Lavoro
Scriviamo lintegrale curvilineo in un altra forma ancora, come
Z

f (X (t))

X 0 (t)
|X 0 (t)| dt .
|X 0 (t)|

Questa versione porta ad unutile interpretazione fisica dellintegrale curvilineo in termini di lavoro.
Per capire come, notiamo come il vettore a destra del prodotto scalare sia
un vettore unitario. Se pensiamo adesso ad f come lespressione analitica di
una campo di forze, allora il prodotto scalare
f (X (t))

X 0 (t)
|X 0 (t)|

8.3. INTEGRALI CURVILINEI

295

rappresenta la proiezione del campo f nella direzione di X 0 (t), cio nella direzione tangente alla curva nel punto X (t). Quindi questo prodotto scalare
rappresenta il lavoro fatto, per unit di distanza, dalla forza f (X (t)) . Lultimo fattore sotto integrale |X 0 (t)| ci dice quale sia il modulo della velocit
della curva (pensando a t come tempo) nel punto X (t), cio la distanza percorsa nellunit di tempo. In un breve intervallo di tempo t la forza rimane
essenzialmente costante. In tale intervallo, il lavoro fatto dalla forza f lungo
dato approssimativamente da
X 0 (t)
f (X (t)) 0
|X 0 (t)| t
|X (t)|
da cui segue che:
R
lintegrale di linea f (X) dX dice quanto il lavoro fatto dalla forza
f muovendosi lungo la curva orientata .

296

8.3.4

CAPITOLO 8. INTEGRAZIONE

Esercizi

Nota Un software pu essere utile nello svolgimento degli esercizi precedenti.


Usando Maple usare il comando fieldplot per disegnare i campi vettoriali.
I seguenti comandi, che implementano i calcoli di cui sopra, illustrano alcune
tecniche utili.
>P:=x-y; Q:=x+y;
P:=x-y
Q:=x+y
>x:=cos(t); y:=sin(t);
x:=cos(t)
y:=sin(t)
>dx:=diff(x,t); dy:=diff(y,t);
dx:=-sin(t)
dy:=cos(t)
>P*dx+Q*dy;
(-cos(t)-sin(t)) sin(t) + (cos(t)+sin(t))cos(t)
>int(P*dx+Q*dy, t=0..Pi);
Pi
>plot1:=fieldplot([x-y,x+y], x=-2..2, y=-2..2, grid=[10,10]):
>plot2:=plot( [cos(t), sin(t), t=0..Pi] ):
>display([plot1, plot2] );
(Nelle ultime 3 linee di comando, vengono definite due figure, nella prima
il campo vettoriale, nella seconda la curva. Infine nella terza la combinazione
di due in un unico disegno.)
R
1. In ognuno dei casi sotto, calcolare lintegrale di linea f (X) dX .
Fare lesercizio a mano; controllare lesercizio usando il software.
(a) f (x, y) = (x, y) ; la semicirconferenza unitaria superiore, percorsa in senso orario;
(b) f (x, y) = (x, y) ; la semicirconferenza unitaria superiore, percorsa in senso antiorario;
(c) f (x, y) = (x, y) ; il segmento che unisce (1, 0) con (1, 0) ;
(d) f (x, y) = g (x, y) dove g (x, y) = x2 y e la circonferenza
unitaria percorsa in senso antiorario;
(e) f (x, y) = (y, x); il circolo unitario percorso in senso antiorario;
(f) f (x, y) = (y, x); il circolo unitario percorso in senso orario;
(g) f (x, y) = (x, 0) ; il segmento che unisce (0, 0) con (a, b) ;

8.3. INTEGRALI CURVILINEI

297

(h) f (x, y) = (0, y) ; il segmento che unisce (0, 0) con (a, b) ;


(i) f (x, y) = (x, y) ; il segmento che unisce (a, b) con (c, d) .
2. Sia f (x, y) una qualsiasi funzione dierenziabile da R2 in R2 ; una
curva dierenziabile. Supponiamo che sia parametrizzata da X (t) ,
con 0 t 1.
(a) Spiegare perch parametrizzato da X (1 t) con 0 t 1 ;

(b) Usare la parte (a) per mostrare che


Z
Z
f (X) dX = f (X) dX

(cambiando orientazione alla curva cambia segno lintegrale).


3. In ognuna della parti sotto fare tre cose (i) usare il software per tracciare
sia il campo vettoriale f che la curva nel rettangolo [2, 2] [2, 2] ;
(ii) usare la figura per capire se lintegrale positivo, negativo o nullo;
(iii) usare la definizione (ed il software) per calcolare lintegrale.
(a) f (x, y) = (x/x2 + y 2 , y/x2 + y 2 ) ; la circonferenza unitaria;
(b) f (x, y) = (y/x2 + y 2 , x/x2 + y 2 ) ; la circonferenza unitaria;
(c) f (x, y) = (x, 0) ; la semicirconferenza unitaria superiore, percorsa in senso antiorario;
(d) f (x, y) = g (x, y) dove g (x, y) = x2 + y 2 e la semicirconferenza unitaria superiore, percorsa in senso antiorario.
4. Sia h (x, y) = x + 2y e sia g (x, y) = h (x, y) .
(a) Calcolare g (x, y). Dopodich disegnare g (x, y) come campo vettoriale nel rettangolo [3, 3] [3, 3] ; tracciare le frecce nei punti
a coordinate intere (le frecce andranno scalate per rientrare nel
disegno, ci sono 16 frecce in tutto);
(b) Disegnare le curve di livello h (x, y) = 1; h (x, y) = 2; e h (x, y) =
3. Quale relazione c tra le curve di livello ed il campo vettoriale
di (a)?
5. Ripetere lesercizio precedente con la funzione h (x, y) = y x2 . Questa
volta usare il software per disegnare il campo vettoriale, controllando
comunque alcuni casi a mano).

298

8.4

CAPITOLO 8. INTEGRAZIONE

Un Teorema Fondamentale per gli Integrali di Linea.

R
Abbiamo introdotto lidea dellintegrale di linea f (X) dX o equivalenteR
mente P dx+Q dy dove f (x, y) = (P (x, y) , Q (x, y)) un campo vettoriale
nel piano, e una curva orientata nel dominio di f
In questo paragrafo continuiamo lo sviluppo delle propriet dellintegrale
curvilineo, dando un teorema fondamentale per tali integrali.
Gli integrali curvilinei non hanno unaRsemplice interpretazione geometrica. In particolare, il valore dellintegrale f (X) dX non in alcun modo
interpretabile come un area sottesa dal grafico. Questo non vuole dire che
figure e disegni non siano utili, solo che vanno interpretati in modo diverso
dai disegni standard del calcolo elementare.
FORZA. Gli integrali curvilinei sono stati sviluppati intorno a problemi
di fisica; lintuizione fisica ci aiuta quindi bene a spiegarne il senso da questo
punto di vista. Abbiamo gi visto, nella sezione precedente che se interpretiamo f (o (P, Q) ) come una forza nel piano, allora lintegrale curvilineo
rappresenta il lavoro fatto dalla forza applicata ad un oggetto che si muove
lungo la curva, dal punto iniziale a quello finale. Ci ci spiega anche perch,
invertendo il senso di percorrenza sulla curva, cambia segno lintegrale. Il lavoro fatto spostando un oggetto lungo una curva in una direzione opposto
al lavoro richiesto per muoversi nella direzione opposta.
FLUSSO DI UN FLUIDO. Unaltra interpretazione fisica che si pu
dare allintegrale curvilineo nei termini del moto di un fluido. Da questo
punto di vista, un campo vettoriale f descrive in ogni punto la velocit di un
fluidoRche si muove nel piano x y. Data una curva orientata lintegrale di
linea f (X) dX chiamato integrale di flusso. Esso misura la tendenza
del fluido a muoversi lungo la curva. Se una curva chiusa, cio una
curva in cui i punti iniziali e finali coincidono, lintegrale di linea chiamato
circolazione di f lungo .

Esempio 8.15 Considerate i due flussi ragurati qua sotto e per ognuno di
loro considerate la circonferenza unitaria percorsa in senso antiorario. Cosa
suggeriscono
le due figure, riguardo allintegrale curvilineo (cio integrale di
R
flusso) f (X) dX ?

8.4. UN TEOREMA FONDAMENTALE

299

2
y1

y1

-2

-1

1
x

-2

-1

1x

-1

-1

-2

-2

Il flusso (x y, x + y)

Il flusso (x, y)

Soluzione. Nella figura a sinistra il fluido sembra ruotare in senso antiorario, nello stesso verso di , ci aspettiamo perci un valore positivo
dellintegrale. Si ha infatti, con semplici calcoli (verificate)
Z
Z
f (X) dX =
(x y) dx + (x + y) dy = 2 .

Nella figura a destra, il flusso in ogni punto perpendicolare alla curva ,


ci aspettiamo perci una circolazione uguale a zero. Infatti i calcoli ci danno
(verificare)
Z
Z
f (X) dX =
x dx + y dy = 0

Ancora Integrali di Linea


Gli integrali di linea hanno propriet algebriche simili a quelle degli integrali
ordinari. La seguente Proposizione indica le pi utili.
Proposizione 8.16 (Algebra degli integrali di linea) Siano f = (P, Q)
e g = (R, S) campi vettoriali in R2 , c una costante e una curva orientata.
Si ha
Z
Z
Z
(i)
(f g) dX = f dX g dX

300
(ii)

CAPITOLO 8. INTEGRAZIONE
Z

(c f ) dX = c

f dX

(iii) Sia la stessa curva descritta da ma orientata in senso opposto. Si


ha
Z
Z
f dX = f dX .

(iv) Supponiamo che sia lunione di due curve orientate 1 e 2 . Si ha


Z
Z
Z
f dX =
f dX +
f dX

Lultima propriet interessante soprattutto quando le due curve si incontrano negli estremi, come per esempio, la met inferiore e quella superiore
della circonferenza unitaria.
Le altre propriet sono conseguenze immediate della definizione di integrale
curvilineo e delle propriet degli integrali. La dimostrazione omessa.
Il teorema ci permette comunque di mettere insieme risultati noti per
ottenerne di nuovi.
Esempio 8.17 Sia f (x, Ry) = (x y, x + y) e g (x, y) = (x, y) . Usare risultati gi noti per calcolare y dx + x dy , dove la circonferenza unitaria
orientata in senso antiorario.
Soluzione. Notiamo dapprima che f g = (x y, x + y) (x, y) =
(y, x) = h (x, y) , cos si ha
Z
Z
h dX =
y dx + x dy ,

che lintegrale che cerchiamo. Gli integrali di f e g sono gi stati calcolati,


si ha allora
Z
Z
Z
f dX
g dX = 2 0 = 2 .
y dx + x dy =

Il disegno del campo vettoriale nellintorno di ci dice che lintegrale


eettivamente positivo

8.4. UN TEOREMA FONDAMENTALE

301

2
y1

-2

-1

1x

-1

-2

Il flusso h (x, y) = (y, x)


Ci che interessa la curva, NON la parametrizzazione.
R
Come ci suggerisce la notazione f dX il valore dellintegrale dipende
sia da f che dalla curva . Ma ogni curva pu essere parametrizzata in molti
modi; si pone allora la domanda se lintegrale pu dipendere o meno dalla parametrizzazione scelta per rappresentare la curva. Fortunatamente la
risposta no. Lintegrale non dipende dalla parametrizzazione scelta per la
curva. Senza questa propriet lintegrale curvilineo non sarebbe di nessuna
utilit.
Illustriamo con un esempio la propriet di indipendenza dalla parametrizzazione.
Esempio 8.18 Sia la semicirconferenza unitaria superiore, percorsa in
senso antiorario. Consideriamo le due parametrizzazioni
X (s) = (cos s, sin s) , 0 s ;

X (t) = (cos t2 , sin t2 ) , 0 t


R
Mostrare che lintegrale y dx + x dy ha stesso valore per le due diverse
parametrizzazioni.
Soluzione. La prima parametrizzazione da luogo a
x = cos s ; dx = sin s ds ; y = sin s ; dy = cos s ds .
Si ha allora

y dx + x dy =

2
sin s + cos2 s ds = .

302

CAPITOLO 8. INTEGRAZIONE

Usando la seconda parametrizzazione si ha


x = cos t2 ; dx = 2t sin t2 dt ; y = sin t2 ; dy = 2t cos t2 dt
da cui
Z

y dx + x dy =

sin t2 + cos t2 2t dt = .

Il risultato, come si vede lo stesso nei due casi.

Largomento generale per lindipendenza della parametrizzazione, simile.


Supponiamo che siano date due dierenti parametrizzazioni dierenziabili
X (s) = (x (s) , y (s)) e X (t) = (x (t)R, y (t)) di una curva , con a s b, e
c t d. Dato lintegrale curvilineo P dx+Q dy , le due parametrizzazioni
danno luogo ai due integrali

Z d
Z b
dy
dy
dx
dx
+ Q (X (s))
ds,
+ Q (X (t))
dt.
P (X (s))
P (X (t))
ds
ds
dt
dt
a
c
I due integrali hanno lo stesso valore, infatti si pu mostrare che s una
funzione dierenziabile di t, cio s = s (t) , con s (c) = a e s (d) = b. Allora,
operando il cambio di variabile s = s (t) nel primo integrale si ha

Z b
dx
dy
P (X (s))
+ Q (X (s))
ds
ds
ds
a

Z d
dx
dy ds
P (X (s (t)))
+ Q (X (s (t)))
dt
=
ds
ds dt
c

Z d
dx
dy
P (X (s (t)))
=
+ Q (X (s (t)))
dt
dt
dt
c
(nei vari passaggi si usato il teorema del cambio di variabile e la derivazione
di funzioni composte.)
Ricordiamo che il teorema fondamentale del calcolo integrale aerma che
se una funzione f e la sua derivata f 0 sono continue in [a, b] allora
Z b
f 0 (x) dx = f (b) f (a) .
a

Un risultato simile vale per gli integrali curvilinei. Assumiamo che la


funzione h (x, y) abbia derivate parziali continue su e nellintorno della curva
che assumiamo dierenziabile, eccetto, eventualmente, che agli estremi.

8.4. UN TEOREMA FONDAMENTALE

303

Teorema 8.19 (Teorema fondamentale per gli integrali di linea)


Sia h (x, y) : R2 R una funzione. Sia una curva orientata, con punto
iniziale X0 = (x0 , y0 ) e punto finale X1 = (x1 , y1 ). Si ha allora
Z
h dX = h (X1 ) h (X0 ) .

Se una curva chiusa (cio X1 = X0 ), allora


Z
h dX = 0 .

Dimostrazione. La dimostrazione unapplicazione diretta del teorema


di derivazione delle funzioni composte. Sia parametrizzata dalla funzione
X (t) = (x (t) , y (t)) ; a t b.
Lintegrale di linea ha la forma
Z
Z b
I=
(hx (X (t)) , hy (X (t))) X 0 (t) dt .
h dX =

Daltra parte, data la funzione composta h (X (t)) , la regola di derivazione


delle funzioni composte per funzioni di pi variabili aerma che
d
(h (X (t))) = h (X (t)) X 0 (t) .
dt
Si ha perci che lintegrando dellintegrale sopra pu essere letto come la
derivata rispetto a t della funzione composta h (X (t)) . Il teorema fondamentale del calcolo ci dice allora che
Z b
d
I=
(h (X (t))) = h (X (b)) h (X (a)) = h (x1 , y1 ) h (x0 , y0 ) .
a dt

Nota 8.20 Il teorema implica una propriet importante per ogni campo vettoriale che pu essere letto come il gradiente di una funzione. Per tali campi
vettoriali, un integrale curvilineo dipende solo dagli estremi della curva di integrazione e non dalla curva stessa (ovviamente pensando a curve che stiano
nella regione in cui il gradiente definito). Integrali curvilinei con questa
propriet li diremo indipendenti dal cammino.
Quindi il teorema fondamentale rende semplice il compito di valutare gli integrali di linea se, ma solo se, possibile trovare una funzione il cui gradiente
il campo vettoriale nellintegrando. Se h = f allora h chiamata la
funzione potenziale del campo vettoriale f .

304

CAPITOLO 8. INTEGRAZIONE

Esempio 8.21 Sia g (x, y) = (y, x) , f (x, y) = (x y, x + y) , e R il segmento da (0, 0) e (2, 1). Usare il teorema, se possibile, per trovare g dX
R
e f dX.
Soluzione. Notiamo dapprima che se h (x, y) = xy allora
h (x, y) = g (x, y) .
(abbiamo trovato la funzione potenziale h per intuito; daremo un approccio
pi sistematico fra poco). A questo punto non importa parametrizzare ,
infatti usando il teorema si ha
Z
g dX = h (2, 1) h (0, 0) = 2

Consideriamo adesso laltro integrale di linea: Tentare di valutare una funzione potenziale per f sembra piuttosto dicile - di fatto impossibile (spiegheremo
pi avanti il perch), quindi il teorema non ci aiuta nel calcolo di
R
f dX

La domanda che ci poniamo adesso la seguente: Quando un campo


vettoriale un gradiente? Perch, ad esempio, f (X) = (x y, x + y)
dellesempio precedente non pu essere un gradiente?
Se esistesse la funzione potenziale h (X) di f (X) dovrebbe essere
hx (x, y) = x y , hy (x, y) = x + y
ma derivando ancora una volta si avrebbe
hxy (x, y) = 1 , hyx (x, y) = 1 .

Questo impossibile perch il teorema di Schwartz ci dice che in una


funzione sucientemente regolare le derivate seconde miste devono essere
uguali. Abbiamo allora trovato un test utile e sucientemente generale
che ci dice se un campo vettoriale NON un gradiente.
Proposizione 8.22 (Gradienti e derivate miste)
Sia f (x, y) = ((P (x, y) , Q (x, y)) un campo vettoriale. nellintorno di una
curva . Se Py 6= Qx lungo allora f (x, y) NON il gradiente di una
funzione potenziale h : R2 R.
Se un campo vettoriale soddisfa la condizione che Py = Qx allora si pu
pensare di trovare una funzione potenziale. Il metodo che spesso da buoni
risultati quello della ricerca di primitive, integrando rispetto ad x o ad y
separatamente. Illustriamo il metodo con alcuni esempi.

8.4. UN TEOREMA FONDAMENTALE

305

Esempio 8.23 Trovare la funzione potenziale del campo vettoriale


(P, Q) = (y cos (x y) + 1, x cos (x y))
R
Usarla per calcolare P dx + Q dy dove la semicirconferenza unitaria
superiore, orientata in senso antiorario.
Soluzione. Controlliamo dapprima che sia Py = Qx . Si ha
Py = cos (x y) x y sin (x y) = Qx .
E quindi possibile continuare la ricerca. Se h (x, y) la funzione potenziale,
deve essere
hx (x, y) = y cos (x y) + 1 ,

e hy (x, y) = x cos (x y) .

Integriamo la prima delle due eguaglianze rispetto ad x considerando y come


costante, si ha
Z
Z
Z
h (x, y) = (y cos (x y) + 1 ) dx = y cos (x y) dx + 1 dx
Nel primo integrale operiamo la sostituzione: u = x y da cui du = y dx, si
ottiene
Z
Z
y cos (x y) dx = cos u du = sin (x y) + C .
Mettendo insieme i due pezzi si ha
Z
Z
h (x, y) = y cos (x y) dx + 1 dx = sin (x y) + x + C ;
Da notare che C pu dipendere da y poich abbiamo integrato in x . Dobbiamo allora scrivere
h (x, y) = sin (x y) + x + C (y) .
Per capire cosa C (y) deriviamo rispetto ad y, si ha
hy (x, y) =

(sin (x y) + x + C (y)) = x cos (x y) + C 0 (y) .


y

Confrontiamo il risultato ottenuto con il valore che deve avere la seconda


componente del campo,
x cos (x y) + C 0 (y) = x cos (x y)

306

CAPITOLO 8. INTEGRAZIONE

che implica C 0 (y) = 0. Quindi C non dipende da y e pu essere preso


costante. Se ne deduce allora che per ogni valore della costante C la funzione h (x, y) = sin (x y) + x + C una funzione potenziale per (P, Q) .
Il lavoro fatto per trovare h (x, y) ci permette ora di risolvere rapidamente lintegrale curvilineo richiesto. Infatti, per il teorema fondamentale la risposta
dipende solo dagli estremi della curva ,
Z
P dx + Q dy = h (1, 0) h (1, 0) = 2 .

(Provare a calcolare direttamente lintegrale).

8.4. UN TEOREMA FONDAMENTALE

8.4.1

307

Esercizi

Nota La tecnologia pu essere a volte utile per capire la forma del campo
vettoriale, ma anche per calcolare gli integrali standard.
1. In questo esercizio f (x, y) = (x, y) ; potete pensare ad f come alla
velocit del flusso di un fluido. R Per ognuna delle curve date qui
sotto calcolare il flusso integrale f (X) dX. Cercare di prevedere il
segno dellintegrale (positivo, negativo o nullo) vedendo come la curva
immersa nel campo vettoriale.
(a) la circonferenza unitaria percorsa in senso antiorario;
(b) la semicirconferenza superiore del cerchio di raggio 1 centrato
in (1, 0) percorsa in senso orario;
(c) la semicirconferenza inferiore del cerchio di raggio 1 centrato
in (1, 0) percorsa in senso orario;
(d) il cerchio di raggio 1 centrato in (1, 0) percorso in senso orario;
(e) il segmento che unisce il punto (0, 1) con il punto (1, 0) ;
(f) il segmento che unisce il punto (0, 2) con il punto (1, 0) .
2. In questo esercizio f (x, y) = (x y, x + y); potete pensare ad f come
alla velocit del flusso di un fluido.
R Per ognuna delle curve date qui
sotto calcolare il flusso integrale f (X) dX. Cercare di prevedere il
segno dellintegrale (positivo, negativo o nullo) vedendo come la curva
immersa nel campo vettoriale.
(a) la circonferenza unitaria percorsa in senso antiorario;
(b) il cerchio di raggio 1 centrato in (1, 0) percorso in senso
antiorario;
(c) la semicirconferenza superiore del cerchio di raggio 1 centrato
in (1, 0) percorsa in senso antiorario.
3. In questo esercizio f (x, y) = (x, 0) .
(a) Tracciare a mano (o usando la tecnologia) il campo vettoriale nel
quadrato [2, 2] [2, 2] ;

(b) Sia
R la circonferenza unitaria centrata nellorigine. Calcolare
f (X) dX . Come, la figura della parte (a) predice il segno

del risultato?

308

CAPITOLO 8. INTEGRAZIONE
R
(c) Sia la circonferenza unitaria centrata in (1, 0). Calcolare f (X)
dX . Come, la figura della parte (a) predice il segno del risultato?
(d) Sia la circonferenza
unitaria centrata nel generico punto (a, b).
R
Calcolare f (X) dX .

4. Ripetere lesercizio precedente con f (x, y) = (0, x) .

5. Per ognuno dei campi qua sotto applicare la proposizione sulle derivate
miste. Se il campo passa il test trovare la funzione potenziale imitando
la tecnica usata nellesempio sopra.
(a) (P, Q) = (x, y) ;
(b) (P, Q) = (y, x) ;
(c) (P, Q) = (y, x) ;
(d) (P, Q) = (1, sin x) ;
(e) (P, Q) = (sin x, 1) ;
(f) (P, Q) = (x/x2 + y 2 , y/x2 + y 2 ) .
R
6. Per ognuna delle parti dellesercizio precedente calcolare P dx + Q dy
dove il segmento che unisce il punto (1, 1) con (2, 2) .

8.5. IL TEOREMA DI GREEN

8.5

309

Il Teorema di Green

Il teorema fondamentale degli integrali curvilinei aerma che se un campo


vettoriale f il gradiente di una funzione, cio f = h per una qualche
funzione h allora
Z
Z
f dX =
h dX = h (X1 ) h (X0 )

dove X0 e X1 sono il punto iniziale e finale della curva .


Due conseguenze di questa eguaglianza sono particolarmente importanti.

Indipendenza dal Cammino.


Lequazione ci dice che lintegrale curvilineo di un gradiente dipende solo
da gli estremi X0 e X1 ,e non dalla particolare curva che unisce questi due
estremi. Questo significa che se 1 unaltra curva che unisce X0 e X1 e 1
anchessa nel dominio di h allora si ha
Z
Z
f dX =
f dX .

Curve Chiuse, Integrali Zero e Legge di Conservazione.


Il teorema aerma che se una curva chiusa, una curva cio in cui
lestremo iniziale e finale coincidano ( X0 = X1 ) allora lintegrale di un campo gradiente deve essere zero, infatti
Z
h dX = h (X1 ) h (X0 ) = 0

In termini fisici questo significa che se un campo di forze il gradiente di


un potenziale, la forza fa lavoro nullo (non fa lavoro) nel muovere una particella lungo una qualunque curva chiusa. I fisici chiamano questa forze
conservative. In tali campi, lavoro ed energia sono conservati. Il teorema
fondamentale, tra le altre cose, ci dice allora che ogni campo vettoriale di
tipo gradiente conservativo.
Esempio 8.24 Sia f = (P, Q) = (y 2 , 2xy) . Consideriamo le seguenti tre
curve che uniscono il punto (1, 1) al punto (1, 1) (a) 1 + cos (x) , 1
x 0 ; (b) (t, 2 t2 ) , 1 t 1; (c) (t, 4t2 3) , 1 t 1. Valutare
se lintegrale curvilineo di f ha lo stesso valore lungo le tre curve. Qual
questo valore?

310

CAPITOLO 8. INTEGRAZIONE

Soluzione. Prima di mettersi a calcolare i tre integrali, valutiamo se f


il gradiente di una qualche funzione h. Calcoliamo dapprima Py e Qx si ha
Py = 2y , Qx = 2y .
Poich sono uguali cerchiamo di trovare la funzione potenziale. Integriamo
P rispetto ad x pensando y come costante. Si ha
Z
Z
P (x, y) dx = y 2 dx = x y 2 + C (y) .
Derivando rispetto ad y e confrontando con Q si ha
2x y + C 0 (y) = 2x y
da cui, ancora (ma non sempre) C (y) = C. Abbiamo allora che la funzione
h (x, y) = x y 2 + C un a funzione potenziale per f. Quindi sicuramente
lintegrale lungo le tre curve hanno lo stesso valore visto che le curve hanno
gli stessi estremi. Il valore dellintegrale pu essere calcolato con il teorema
fondamentale
Z
Z
P dx + Q dy =
h dX = h (1, 1) h (1, 1) = 1 (1) = 2

La risposta risulta ragionevole anche guardando il problema del punto di


vista grafico, considerando le curve immerse nel campo vettoriale. Infatti, le
curve sono orientate pi verso il flusso che contro di esso, dando il senso di
un risultato positivo.

8.5.1

Un Risultato Analogo al Teorema Fondamentale

Il teorema di Green un risultato che collega lintegrale doppio fatto su


una regione del piano con un integrale di linea fatto sul bordo della regione.
Per arrivare subito al punto: il teorema di Green aerma che sotto ipotesi
opportune sulla regione e sul campo vettoriale, si ha

I
ZZ
Q P
P dx + Q dy =

dA .
(8.1)
x
y

R
Diamo una occhiata analitica alluguaglianza sopra scritta.
Nel lato sinistro delluguaglianza si ha lintegrale curvilineo del campo vettoriale (P (x, H
y) ,Q (x, y)) su R2 , fatto su di una curva chiusa semplice
, ed il segno
indica che la frontiera di una regione R (supporremo

8.5. IL TEOREMA DI GREEN

311

sempre le curve orientate in senso antiorario, salvo aermazione contraria).


Nel lato destro delleguaglianza R la regione limitata da . Notare poi che
lintegrando Qx Py una funzione scalare di due variabili, loggetto giusto
da integrare in R2 .
Osservare infine che una curva chiusa semplice (semplice significa che nella
curva i soli punti uguali tra di loro sono liniziale ed il finale) divide il piano
in due regioni.
Definizione 8.25 Chiamiamo regione interna alla curva semplice chiusa,
la regione del piano che rimane sulla sinistra quando si percorre la curva in
senso antiorario.
Le curve a cui siamo interessati sono quelle dierenziabili, o almeno
dierenziabili a tratti, nel senso di essere formata da un numero finito di
pezzi dierenziabili.
In termini tecnici curve di questo genere, che limitano aree di forma ragionevole sono chiamate curve di Jordan dierenziabili a tratti.
Curve di Jordan. Le curve nel piano, anche quelle chiuse semplici, possono essere molto complicate. Sebbene possa sembrare ragionevole che una
tale curva divida il piano in due regioni, una interna ed una esterna, sorprendentemente dicile dimostrare questa aermazione rigorosamente. La
prima dimostrazione, fatta sotto ipotesi opportune, fu data dal matematico
francese Camille Jordan (1838-1922). In suo onore, le curve chiuse semplici
che limitano unarea, sono conosciute come curve di Jordan.

312

CAPITOLO 8. INTEGRAZIONE

La relazione tra ed R mostrata in alcuni esempi.


Prima di stabilire il teorema, vediamo cosa ci dice in alcuni casi semplici.
Esempio 8.26 Supponiamo che il campo vettoriale (P, Q) sia il gradiente di
una funzione h, cio
(P (x, y) , Q (x, y)) = h (x, y) ,
dove h definita su e nellintorno di una curva . Cosa ci dice lequazione
8.1 ?
Soluzione.

P dx + Q dy =

h dX = 0

poich una curva chiusa. Daltra parte si ha

I
ZZ
I
hy hx

dA
P dx + Q dy =
hx dx + hy dy =
x
y

R
ZZ
ZZ
=
(hxy hyx ) dA =
0 dA = 0 .
R

Abbiamo come conseguenza che per ogni campo vettoriale (P, Q) che gradiente di una funzione, entrambi i lati dellequazione 8.1 sono zero.

Esempio 8.27 Sia (P, Q) = (x y, x + y) e sia R il disco unitario. Cosa


dice lequazione 8.1 in questo caso ?
Soluzione. Abbiamo gi calcolato lintegrale sulla circonferenza unitaria
del campo. Si ha
I
P dx + Q dy = 2 .

Daltra parte si ha
Qx Py = 1 (1) = 2 ;
Si ha allora

ZZ

(Qx Py ) dA =

ZZ

2 dA = 2 .
R

Quindi lequazione 8.1 vale anche in questo caso.

8.5. IL TEOREMA DI GREEN

313

Esempio 8.28 Considerate il campo vettoriale

y
x
(P, Q) =
.
,
x2 + y 2 x2 + y 2
Cosa ci dice lequazione 8.1 ?
Soluzione. Per calcolare lintegrale di linea usiamo la solita parametrizzazione X (t) = (cos t, sin t) , con 0 t 2. Il risultato
I
Z 2
2

sin t + cos2 t dt = 2 .
P dx + Q dy =
0

Per lintegrale doppio si ottiene

y 2 x2
.
(x2 + y 2 )2
RR
(Qx Py ) dA = 0 e quindi
Ne consegue che, almeno apparentemente
R
che lequazione 8.1 fallisce. Cosa che non funziona?
La spiegazione semplice; il campo vettoriale (P, Q) non definito nel punto
(0, 0) , di conseguenza non sono definiti in zero neanche Qx e Py , e quindi
non detto che esista lintegrale doppio.
Morale: controllare bene il dominio di definizione delle funzioni e che tutto
sia definito nel dominio.

Qx = Py =

Teorema 8.29 (Teorema di Green). Sia R una regione di R2 la cui frontiera una curva di Jordan liscia a tratti. Siano P e Q due funzioni da
R2 R con derivate parziali continue su e nellintorno di R. Allora

ZZ
I
Q P

dA
P dx + Q dy =
x
y

Non E Mai Troppo Tardi. George Green (1793-1841) di mestiere


faceva il mugnaio a Nottingham, in Inghilterra. Aveva solo due anni di
istruzione elementare. Nonostante questo handicap egli pubblic 10 lavori di
matematica, di cui alcuni sulla teoria del potenziale. Si iscrisse allUniversit
di Cambridge allet di 40 anni, solo otto anni prima della sua morte. Il
teorema che porta il suo nome, probabilmente non fu solo opera sua.

314

CAPITOLO 8. INTEGRAZIONE

Dimostrazione. (Solo unidea) Una dimostrazione rigorosa del teorema di Green non banale. Richiede, tra le altre cose, una definizione rigorosa
di cosa si intenda per antiorario ed un trattamento attento dei problemi
legati a domini che possono essere anche molto irregolari. Tuttavia lidea
base della dimostrazione legata ad unattenta applicazione dei teoremi base
del calcolo. Per capire come, supponiamo dapprima che R sia una regione
semplice della forma

La regione speciale nel senso che ogni linea orizzontale o verticale interseca R al massimo due volte. Per dimostrare il teorema, dimostreremo le
due identit
ZZ
ZZ
I
I

Py dA =
P dx e
Qx dA =
Q dy
R

Per la prima identit pensiamo R della seguente forma

8.5. IL TEOREMA DI GREEN

315

La regione limitata da una curva superiore data da y = g (x) e da una


inferiore data da y = f (x) con a x b. Lintegrale doppio diventa
!
ZZ
Z x=b Z y=g(x)

Py dA =
Py (x, y) dy dx
R

x=a

y=f (x)

x=b

(P (x, g (x)) P (x, f (x))) dx


H
Consideriamo adesso lintegrale di linea P (x, y) dx. Adesso lunione
delle due curve, quella superiore e quella inferiore. Possiamo parametrizzare
entrambe nello stesso modo
x=a

x = t ; y = f (t) ; a t b
x = t ; y = g (t) ; a t b .

In entrambi i casi dx = dt . Inoltre, poich la curva superiore orientata


da destra a sinistra bisogna considerare lintegrale con il segno meno. Con
questa parametrizzazioni si ha
Z
Z
I
P (x, y) dx =

inferiore
b

superiore

P (t, f (t)) dt

P (t, g (t)) dt

Come si pu facilmente vedere questa espressione identica a quella ottenuta


partendo dallintegrale doppio, quindi la prima identit provata.
La seconda identit si prova in modo analogo.
Queste argomentazioni mostrano che il teorema di Green vale per regioni di
tipo particolare come quella mostrata.
Per vedere come funziona per regioni di tipo pi generale, il trucco quello
di dividere la regione data in sottoregioni, ognuna delle quali del tipo appena
studiato, come mostrato in figura.

316

CAPITOLO 8. INTEGRAZIONE

Notare che ognuna delle frontiere interne attraversata due volte, in direzioni opposte. Abbiamo mostrato che il teorema vale per ogni sottoregione
Ri con frontiera i , cio
ZZ

Ri

(Qx Py ) dA =

P dx + Q dy

RR
Sommando insieme questi risultati per i = 1...4 si ottiene R (Qx
H Py ) dA
per il membro sinistro delleguaglianza. Per il membro destro si ha P dx +
Q dy poich gli integrali di linea sulle curve di contorno interne si cancellano per essere percorse due volte in senso opposto. Questo completa la
dimostrazione del teorema di Green.
Nota: a volte il teorema di Green serve per sostituire ad un integrale
curvilineo (magari complicato) un integrale doppio pi semplice.
Esempio 8.30 Dato il campo di forze (P, Q) = (x y, x + y) trovare il lavoro fatto nello spostare un oggetto lungo la curva bordo del quadrato S di
angoli (1, 1) , (1, 1) , (1, 1) e (1, 1) .
Soluzione. Integrare lungo il quadrato implicherebbe spezzare lintegrale
curvilineo in quattro integrali con diverse parametrizzazioni. Si pu usare il
teorema di Green per ridurre il tutto ad un integrale doppio molto semplice.
Infatti, si ha
I

P dx + Q dy =

ZZ

(Qx Py ) dA =

ZZ

2 dA = 2 Area (S) = 8
S

8.5.2

Il Teorema di Green in Regioni con i Buchi

Il teorema di Green, come lo abbiamo definito sopra, si applica a regioni con


una sola curva come contorno. Tuttavia, un piccolo trucco ci permette di
applicarlo anche a regioni che abbiano pi curve distinte che lo delimitino,
come ad esempio una corona circolare R.

8.5. IL TEOREMA DI GREEN

317

In questo caso possiamo, come fatto in figura, immaginare la regione R


come lunione delle due regioni pi semplici R1 ed R2 con bordo dato dalle
curve C1 e C2 . Nella figura 1 e 2 sono le circonferenze interne ed esterne,
rispettivamente. Il teorema di Green si applica alle due regioni R1 ed R2 , si
ottiene cos
ZZ
I
(Qx Py ) dA =
P dx + Q dy
R1
C1
ZZ
I
(Qx Py ) dA =
P dx + Q dy
R2

C2

Sommando insieme le due equazioni ( e tenendo conto delle cancellazioni) si


ha
ZZ
I
I
(Qx Py ) dA =
P dx + Q dy
P dx + Q dy
R

dove adesso entrambi gli integrali sono fatti prendendo le curve in senso
antiorario.
Possiamo allora esprimere il principio generale
Teorema 8.31 (teorema di Green per regioni con fori). Supponiamo
che valgano le ipotesi del teorema di Green ed assumiamo che R sia limitata
esternamente dalla curva 1 ed internamente dalla curva 2 . Allora
I
I
ZZ
(Qx Py ) dA =
P dx + Q dy
P dx + Q dy .
R

318

CAPITOLO 8. INTEGRAZIONE

Esempio 8.32 Sia

(P, Q) =

y
x
,
x2 + y 2 x2 + y 2

e sia S il quadrato
di lato 1 centrato nellorigine, orientata in senso antioH
rario. Trovare S P dx + Q dy.

Soluzione. Lintegrale di linea complicato dal fatto che bisogna dividerlo nei quattro pezzi che sono i lati del quadrato. Potremmo allora,
usare il teorema di Green come lo abbiamo esteso sopra, per semplificare il
calcolo. Consideriamo allora la regione R compresa tra il cerchio unitario
ed il quadrato S.
Come gi abbiamo calcolato Qx = Py , cio Qx Py = 0 per tutti gli (x, y)
in R. Si ha
I
I
ZZ
(Qx Py ) dA =
P dx + Q dy
P dx + Q dy
0 =
R

S
I
I
P dx + Q dy =
P dx + Q dy.
=

Daltra parte abbiamo gi visto che


cercato.

P dx + Q dy = 2. Questo il valore

8.5. IL TEOREMA DI GREEN

8.5.3

319

Esercizi

1. In ognuna delle parti


H seguenti usare il teorema di Green per calcolare
lintegrale di linea P dx + Q dy (scambiare lintegrale curvilineo con
lintegrale doppio). Tutte le curve sono percorse in senso antiorario.
(a) (P, Q) = (y 2 + x, x + y) ; il quadrato di vertici (0, 0) , (1, 0) ,
(1, 1) e (0, 1) ;
(b) (P, Q) = (x y, x + y) ; il quadrato di vertici (0, 0) , (1, 0) ,
(1, 1) ,e (0, 1) ;
(c) (P, Q) = (y 2 + x, x + y) ; il cerchio di raggio 1 centrato nellorigine;
(d) (P, Q) = (x y, x + y) ; la circonferenza di raggio 1 centrato
nellorigine;
(e) (P, Q) = (y 2 + x, x + y) ; il bordo della regione 0 r 1, 0
/2
(f) (P, Q) = (x y, x + y) ; il bordo della regione 0 r 1, 0
/2.

2. Sia dato il campo vettoriale (P, Q) = (y 2 , 2x y) . Spiegare come mai:


H
(a) Lintegrale curvilineo P dx+Q dy ha lo stesso valore qualunque
sia la curva che unisce il punto (0, 0) con il punto (1, 1) .
(b) Trovare il valore comune citato in (a).

(c) Sia (a, b) un qualsiasi punto nel piano e una qualsiasi


curva che
H
unisce lorigine con il punto dato. Trovare il valore P dx+Q dy.

3. Ripetere lesercizio precedente con il campo

2x
2y
(P, Q) =
,
1 + x2 + y 2 1 + x2 + y 2
(suggerimento: cercare la funzione potenziale).

(a) Nelle vicinanze della superficie terrestre, la forza di gravit pu


essere considerata costante e diretta verso il basso. Essa pu essere
modellata nel piano x z come un campo vettoriale della forma
(P, Q) = (0, k) dove k una costante positiva.
i. Mostrare che (P, Q) un campo di forze conservativo trovando
una funzione potenziale. Cosa significa fisicamente la risposta?

320

CAPITOLO 8. INTEGRAZIONE
(b) Nel moto su larga scala (ad esempio il moto di un satellite o di
una navetta spaziale), la gravit modellata meglio da una forza
che sempre diretta verso il centro della terra e a cui grandezza
inversamente proporzionale al quadrato della distanza dal centro
della terra. Nel piano x z pu essere modellata da una forza della
forma

!
x
y
(P, Q) = k
,
(x2 + y 2 )3/2
(x2 + y 2 )3/2
dove k una costante positiva.
i. Mostrare che (P, Q) conservativo trovando la funzione potenziale;
ii. Trovare il lavoro fatto dalla forza spostando un oggetto dal
punto (1, 1) al punto (3, 4) . La risposta positiva o negativa?

4. Considerare il campo vettoriale

(P, Q) =

y
x
, 2
2
2
x + y x + y2

e la curva data dal circolo unitario percorso in senso antiorario.


H
(a) Parametrizzare e trovare P dx + Q dy;

(b) (P, Q) e non il gradiente di un campo vettoriale?


H
(c) Calcolare S P dx+Q dy dove S un qualsiasi quadrato contenente
la circonferenza unitaria;
H
(d) Calcolare C P dx+Q dy dove C una qualsiasi circonferenza non
contenente lorigine.

5. Sia dato il campo vettoriale


(P, Q) =

x
y
, 2
2
2
x + y x + y2

e la curva data dal circolo unitario percorso in senso antiorario.


H
(a) Parametrizzare e trovare P dx + Q dy;

(b) Controllare che Qx (x, y) = Py (x, y) per tutti gli (x, y) 6= (0, 0) ;

(c) Si applica il teorema di Green a (P, Q) nella circonferenza unitaria? Se si, cosa significa? Se no, perch?

Capitolo 9
Superfici ed Integrazione
Il calcolo degli integrali curvilinei ci ha fatto familiarizzare con il concetto di
parametrizzazione di curve nel piano x y e per estensione anche nello spazio
tridimensionale.
Vogliamo, in questo capitolo, introdurre il concetto di superficie e di integrale
di superficie; integrali nei quali il dominio di integrazione una superficie in
R3 , quali ad esempio, piani, la superficie di una sfera o di un ellissoide o, pi
in generale, il grafico di una funzione z = f (x, y) . Gli integrali di superficie
sono la versione in dimensione maggiore degli integrali di linea, cercheremo di
esplicitare questa connessione quando possibile. Inoltre gli integrali di superficie soddisfano una versione generalizzata dei teoremi fondamentali studiati
nel capitolo precedente.
Il nostro obiettivo, in questo capitolo, quello di stabilire e capire questi
teoremi, che mettono insieme vari tipi di integrali e derivate. Essenziale, per
calcolare questi integrali, la capacit di capire e parametrizzare le superfici
nello spazio. Cominciamo quindi ad illustrare alcune idee e tecniche.

9.1

Curve, Superfici e Dimensioni

Il modo generale per parametrizzare una curva sostanzialmente di questa


forma
321

322

CAPITOLO 9. SUPERFICI ED INTEGRAZIONE

Parametrizzazione di una curva nel piano


La curva un oggetto unidimensionale nello spazio bidimensionale. E
limmagine dellintervallo unidimensionale [a, b] fatto dalla funzione vettoriale X (t) . Possiamo dire che la funzione X deforma lintervallo della
variabile t nella curva unidimensionale.
Ecco di seguito, per similitudine, come si parametrizza una superficie

In questa situazione la funzione vettoriale X : R2 R3 trasforma la


regione D nel piano u v nella superficie bidimensionale S nello spazio x y z
. Possiamo dire che la funzione X deforma la regione piana bidimensionale
D nella superficie bidimensionale S nello spazio tridimensionale. Bisogna,
ovviamente fare attenzione a come definita la funzione X. Pensate infatti
ad X come la mappa costante che assegna ai punti (u, v) di D il valore
(1, 2, 3) ; chiaramente limmagine di D un punto. Bisogna allora quale
propriet deve avere la funzione X per trasformare insieme bidimensionali di
R2 in superfici bidimensionali in R3 .

9.1. CURVE, SUPERFICI E DIMENSIONI

9.1.1

323

Parametrizzazione di una Superficie. Esempi.

Ogni superficie di R3 pu essere parametrizzato in diversi modi (cos come


per le curve) ed usando domini diversi. Diamo alcuni esempi che danno il
senso delle possibilit.
Grafici di funzioni. Le superfici pi facili da parametrizzare sono i
grafici di funzioni z = f (x, y) , o pi precisamente parti di tali grafici.
Parametrizzare una parte particolare di un grafico pu richiedere una certa
attenzione nella restrizione del dominio.
Esempio 9.1 Parametrizzare S1 , la parte del grafico di z = x2 +y 2 che giace
sopra il quadrato [0, 2] [0, 2] nel piano x y.
Soluzione Data la superficie z = x2 + y 2 possiamo porre

X (u, v) = u, v, u2 + v2 ; 0 u 2 ; 0 v 2.
Disegnare la superficie usando il software un buon modo per vedere se
la parametrizzazione corretta

0.5

1
y

1.5

22

1.5

0.5

0 0

Parte della superficie z = x2 + y 2

Vediamo adesso come cambia la superficie se si cambia il dominio D nel


quale si considera la legge di trasformazione.
Esempio 9.2 Parametrizzare S2 , la parte del grafico di z = x2 +y 2 che giace
sopra il disco unitario del piano.

324

CAPITOLO 9. SUPERFICI ED INTEGRAZIONE

Soluzione. La parametrizzazione dellesempio precedente funziona anche in questo caso, eccetto che adesso il dominio D il disco unitario. E
forse, per, preferibile usare le coordinate polari nel piano per descrivere la
circonferenza unitaria e di conseguenza la funzione.
Si ha che il disco unitario descritto da 0 r 1, e 0 2. In queste
coordinate x = r cos e y = r sin da cui si ricava x2 + y 2 = r2 . Per
consistenza di notazione scriviamo u = r e v = . Si ha allora

X (u, v) = u cos v, u sin v, u2 ; 0 u 1 ; 0 v 2.

Usiamo il software per disegnare la superficie

1
0.5
0
-1

-0.5

0r

0.5

0.5

0z

-0.5

-1

Unaltra parte della superficie z = x2 + y 2

Vediamo, nel prossimo esempio, come un piano (od una porzione di esso)
viene parametrizzato (in modo ovviamente lineare). Pi importante ancora
notare come le aree del dominio e dellimmagine sono correlate.
Esempio 9.3 Descrivere la superficie S parametrizzata da
X (u, v) = (x0 + u A + v B, y0 + u C + vD, z0 + u E + v F ) ;
0 u U , 0 v V.
(tutte le lettere, eccetto u e v indicano delle costanti). Larea del dominio
U V , quanto vale larea della superficie corrispondente?

9.1. CURVE, SUPERFICI E DIMENSIONI

325

Soluzione. Riscriviamo la parametrizzazione nella forma


X (u, v) = ( x0 , y0 , z0 ) + u ( A, C, E) + v ( B, D, F ) .
Si vede meglio (forse) come si forma la superficie S. E il traslato, attraverso il vettore costante ( x0 , y0 , z0 ) , della combinazione lineare dei vettori
u ( A, C, E) e v ( B, D, F ) mentre (u, v) [0, U] [0, V ] .
La superficie S quindi il parallelogramma generato dai vettori U ( A, C, E)
e V ( B, D, F ) traslato del vettore ( x0 , y0 , z0 ) .
Ricordando che larea di un parallelogramma generato da due vettori il
valore assoluto del loro prodotto vettoriale, indicando con Xu = ( A, C, E)
e Xv = ( B, D, F ) si ha
Area S = |U Xu V Xv | = U V | Xu Xv | .

Nota 9.4 Notare che nellesempio precedente Xu pu essere considerato (e


non casuale) come la derivata parziale rispetto alla variabile u della parametrizzazione,

Xu =
(x0 + Au + Bv, y0 + Cu + Dv, z0 + Eu + F v) = (A, C, E) .
u
In modo simile

(x0 + Au + Bv, y0 + Cu + Dv, z0 + Eu + F v) = (B, D, F ) .


Xv =
v
La stessa notazione conveniente anche quando consideriamo una generica parametrizzazione X (u, v) = ( x (u, v) , y (u, v) , z (u, v)) . In questo caso
scriveremo

x (u, v) ,
y (u, v) ,
z (u, v) ,
Xu (u, v) =
u
u
u

x (u, v) ,
y (u, v) ,
z (u, v) .
Xv (u, v) =
v
v
v
Abbiamo ricordato sopra che nel caso della parametrizzazione lineare, il prodotto vettoriale | Xu Xv | descrive il fattore di scala nella variazione dellarea
rispetto al valore U V del dominio.
Un risultato dello stesso genere vale in generale per ogni parametrizzazione
X (u, v) dierenziabile. Come abbiamo visto ripetutamente in tutti i capitoli
precedenti, quando si passa dal caso lineare a quello nonlineare, la propriet
va letta in modo locale. Si ha allora che, nellintorno di ogni punto (u0 , v0 ) del
dominio, la parametrizzazione X modifica il valore delle aree di un fattore
del valore (approssimativamente) di | Xu (u0 , v0 ) Xv (u0 , v0 )|
Torneremo su questo pi avanti.

326

9.1.2

CAPITOLO 9. SUPERFICI ED INTEGRAZIONE

Esercizi.

1. In ognuna delle parti qua sotto, trovare una parametrizzazione per la


superficie S definita su di un rettangolo D dello spazio u v. Se possibile
usare il software per disegnare la superficie relativamente al dominio
dato ( e controllare la correttezza dei vostri risultati).
p
(a) S quella parte del cono z = x2 + y 2 che giace sopra il quadrato
[1, 1] [1, 1] nel piano xy.
p
(b) S quella parte del cono z = x2 + y 2 che giace sopra il disco
unitario nel piano xy.
(c) S quella parte del piano z = 2x + 3y + 4 che giace sopra il
quadrato [0, 1] [0, 1] nel piano xy.

(d) S quella parte del piano z = 2x + 3y + 4 che giace sopra il disco


unitario nel piano xy.
2. Calcolare il fattore | Xu (u0 , v0 ) Xv (u0 , v0 )| per (u0 , v0 ) = (1, 0) , per
ognuna delle superfici precedenti
3. Supponiamo che la superficie S abbia come parametrizzazione X (u, v) =
(sin v cos u, sin v sin u, cos v) , con 0 u 2, e 0 v .
(a) Descrivere la superficie. Usare il software per verificare i risultati;
(b) Spiegare il legame con le coordinate sferiche.
4. Sia S la met superiore della sfera unitaria x2 + y 2 + z 2 = 1.
(a) Parametrizzare S essendo D il disco unitario u2 + v2 = 1;
(b) Parametrizzare S essendo D un rettangolo del piano u v [Sugg::
vedere lesercizio precedente).

9.2. INTEGRALI DI SUPERFICIE

9.2

327

Integrali di Superficie

Gli integrali di superficie dieriscono da quelli di linea in quanto nei il dominio


dintegrazione una superficie nello spazio e non una curva. Daltra parte,
invece, gli integrali curvilinei e di superficie sono simili perch per poterli
calcolare bisogna, in entrambi i casi, iniziare parametrizzando la curva o la
superficie in modo adeguato. Una volta fatto ci sia gli integrali di linea che
quelli superficiali si riducono (anche se in modo diverso, come vedremo) a
integrali ordinari in una o due variabili.
La loro similarit anche legata al fatto che entrambi ci aiutano ad impostare e risolvere problemi fisici legati a fenomeni vettoriali. Abbiamo visto
che se f un campo vettoriale nel piano, rappresentante la velocit di un
fluido
R nei dintorni di una curva chiusa orientata , allora lintegrale di linea f dX misura la circolazione del fluido, cio la tendenza del fluido a
circolare intorno a nella direzione (o contro) dellorientazione. Nello stesso
modo, vedremo che se f rappresenta un flusso tridimensionale attorno ad
una superficie chiusa S , possiamo usare uno speciale tipo di integrale di superficie (integrale di flusso) per misurare il flusso attraverso la superficie
S. Vedremo in dettaglio lintegrale di flusso nel prossimo paragrafo.

9.2.1

Definizione di Integrale Superficiale

Sia S una superficie in R3 e f (x, y, z) una funzione a valori scalari definita


su S. Vogliamo definire
ZZ
f dS ,

cio, lintegrale di f sulla superficie S. (qui il simbolo dS analogo al dA


per gli integrali darea e dV per gli integrali di volume).
Una buona definizione deve essere in grado, prima di tutto di permetterci di
calcolare larea della superficie, deve cio essere
ZZ
1 dS
Area(S) =
S

La chiave per la risoluzione del problema la parametrizzazione. Supponiamo


che S sia parametrizzata da una funzione sucientemente regolare
X (u, v) = ( x (u, v) , y (u, v) , z (u, v))
definita su di un dominio D conveniente (un quadrato, un disco, etc.) nel
piano u v. Componendo la superficie parametrizzata con f si ha
f (X (u, v)) = f ( x (u, v) , y (u, v) , z (u, v))

328

CAPITOLO 9. SUPERFICI ED INTEGRAZIONE

definita su D.
E forte la tentazione di integrare semplicemente la funzione composta su
D e chiamare il risultato integrale di superficie. Bisogna, per notare immediatamente, che una superficie pu essere parametrizzata in molti modi,
ed una buona definizione di integrale di superficie non deve dipendere dalla
parametrizzazione scelta per la superficie.
La soluzione al problema ci viene dal fattore di scala visto nella sezione
precedente.
Ancora una volta useremo un esempio per illustrare il procedimento.
Esempio 9.5 Sia S la parte della superficie 5 x2 y 2 che giace sopra il
rettangolo [1, 1] [1, 1] nel piano x y.
La superficie parametrizzata nel seguente modo

X (u, v) = (x, y, z) = u, v, 5 u2 v 2
dove (u, v) [1, 1] [1, 1] nel piano u v.
Discutere come X varia localmente larea.
Soluzione

4
2
0
-1

-1
-0.5

0y

x0

-0.5

0.5

0.5
1

z = 5 x2 y 2 in [1, 1] [1, 1]
Il disegno mostra sia il dominio che limmagine della parametrizzazione
X. Il dominio il quadrato piatto nel piano x y ( o, che lo stesso,
u v), limmagine S la superficie curva al di a griglia rettangolare sopra del
quadrato. Notare, (per quanto possibile) la griglia del quadrato D e della
superficie S. La griglia rettangolare D viene trasformata da X nella griglia

9.2. INTEGRALI DI SUPERFICIE

329

sulla superficie S - ogni elemento che contribuisce a formare la griglia D viene


sollevato su di uno corrispondente sulla superficie, cio, X solleva ogni
elemento rettangolare della griglia D trasformandolo in un parallelogramma
curvo che contribuisce a formare la griglia di S. Ora siamo in grado di
confrontare le aree relative dei singoli rettangoli della griglia di D e della
griglia di S. Come si vede anche in figura la deformazione varia da elemento
ad elemento; minore al vertice e massima agli angoli della figura, dove la
pendenza della superficie maggiore.
Come calcoliamo il fattore di scala nei vari punti (u, v) del dominio?
Abbiamo visto nei paragrafi precedenti che i due vettori tridimensionali
Xu =

X (u, v) , Xv =
X (u, v)
u
v

sono entrambi tangenti ad S nel punto X (u, v). Ne segue che il loro prodotto
vettoriale Xu Xv perpendicolare ad S nello stesso punto. Infine, il modulo
|Xu Xv | ci d il fattore di scala relativamente al punto (u, v) .
Vediamo come si applica alla superficie che abbiamo appena visto. Si ha
X (u, v) = (u, v, 5 u2 v 2 )

Xu (u, v) = (1, 0, 2u) , Xv (u, v) = (0, 1, 2v)


Da questo si ricava
Xu (u, v)Xv (u, v) = (2u, 2v, 1) , e |Xu (u, v) Xv (u, v)| =

4u2 + 4v2 + 1.

Questultimo risultato ci dice che il fattore di scala aumenta al crescere di u


e di v come abbiamo gi osservato dal disegno, non mai minore di uno, ed
minimo per (u, v) = (0, 0) cio al vertice del paraboloide. Nel punto (1, 1)
il fattore di scala vale 3.
Per finire, notiamo che il vettore Xu (u, v) Xv (u, v) = (2u, 2v, 1)
perpendicolare alla superficie nel punto di coordinate X (u, v) .

Il disegno dellesempio precedente ci pu aiutare ancora.


Pensiamo alla griglia del quadrato [1, 1] [1, 1] come ad una partizione
del dominio nel piano u v.
La funzione X produce una corrispondente suddivisione sulla superficie S.
Usiamo questa suddivisione per definire lintegrale di superficie.
Data la funzione f (x, y, z) definita su S possiamo costruire la somma approssimante
n
X
f (xi , yi , zi ) Area (Si ) ,
i=1

330

CAPITOLO 9. SUPERFICI ED INTEGRAZIONE

dove (xi , yi , zi ) un punto appartenente alla i-esima suddivisione Si . Usando


la parametrizzazione si ha che (xi , yi , zi ) = X (ui , vi ) per qualche (ui , vi ) ,
inoltre
Area (Si ) |Xu (ui , vi ) Xv (ui , vi )| Area (Di )
dove Di la suddivisione di D corrispondente ad Si . Si ha allora
n
X

f (xi , yi , zi ) Area (Si )

i=1
n
X

f (X (ui , vi )) |Xu (ui , vi ) Xv (ui , vi )| Area (Di )

i=1

Questultima somma, una somma approssimante per lintegrale


ZZ

f (X (u, v)) |Xu (u, v) Xv (u, v)| du dv .

Lanalisi eettuata motiva la seguente definizione


Definizione 9.6 (Integrale di superficie di una funzione) Sia S una
superficie nello spazio x y z, parametrizzata attraverso la funzione X : D
R2 R3 definita sullinsieme D del piano u v. Sia f : R3 R definita su
S.
Lintegrale di superficie di f su S dato da
ZZ

f dS =

ZZ

f (X (u, v)) |Xu (u, v) Xv (u, v)| du dv

se lintegrale esiste.
Una caso speciale si ha quando la funzione integranda la funzione
costante f (x, y, z) = 1
Definizione 9.7 (Area di una superficie) Siano S, D, X come definiti
sopra. Larea della superficie S definito da
ZZ

1 dS =

ZZ

|Xu (u, v) Xv (u, v)| du dv .

9.2. INTEGRALI DI SUPERFICIE

331

Aree di Superfici, Grafici di Funzioni


Se la superficie ha la forma z = f (x, y) con (x, y) appartenente ad un dominio D, la definizione precedente assume una forma relativamente semplice.
Usando come funzione di parametrizzazione
X (u, v) = (u, v, f (u, v))
si ha
Xu = (1, 0, fu ) , Xv = (0, 1, fv ) .
Il prodotto vettoriale da
Xu Xv = (fu , fv , 1) e |Xu Xv | =

p
1 + fu2 (u, v) + fv2 (u, v) .

Ne segue che larea di S data da


ZZ p
1 + fu2 (u, v) + fv2 (u, v) du dv .
Area (S) =
D

Vorremmo qui far notare la somiglianza con la formula per la lunghezza


darco della curva unidimensionale y = f (x) , a x b :
Z bp
1 + f 02 (x) dx .
lunghezza =
a

Notiamo infine che nel caso semplice in cui f (x, y) costante la superficie
S parallela a D , e la formula per larea della superficie si riduce a
ZZ
ZZ p
2
2
1 + fu (u, v) + fv (u, v) du dv =
1 du dv = Area (D) .
Area (S) =
D

Esempio 9.8 Trovare larea di quella parte del paraboloide z = x2 + y 2 che


sta sopra al disco unitario x2 + y 2 1.
Soluzione Si ha che f (x, y) = x2 + y 2 da cui fx (x, y) = 2x , fy (x, y) =
2y per cui lintegrale di superficie diventa
ZZ p
1 + 4x2 + 4y 2 dx dy
D

dove D il disco unitario.


Questo integrale si risolve pi facilmente passando in coordinate polari; la
sostituzione
x = r cos , y = r sin , dx dy = r dr d ,
si ottiene perci
Area (S) =

5 51
2
r 1 + 4 r dr d =
6

332

CAPITOLO 9. SUPERFICI ED INTEGRAZIONE

Aree di Superfici, Non Grafici di Funzioni


La stessa formula funziona ( a volte in modo pi complicato dal punto di
vista del calcolo) per superfici date in forma parametrica piuttosto che come
grafici di funzioni
Esempio 9.9 La sfera di raggio R non rappresentabile come il grafico di
una funzione. Trovare comunque la sua area usando la parametrizzazione in
coordinate sferiche
X (u, v) = ( R sin u cos v, R sin u sin v, R cos u)
con 0 u , 0 v 2.
Soluzione. In questo caso si ha
Xu = R (cos u cos v, cos u sin v, sin u)
e
Xv = R ( sin u sin v, sin u cos v, 0)
Un calcolo senza complicazioni anche se un po lungo (provate a farlo) da il
seguente risultato,

Xu Xv = R2 sin2 u cos v, sin2 u sin v, sin u cos u

da cui

|Xu Xv | = R2 sin u .
La formula dellarea ci da
Area (S) = R

v=2

v=0

u=

sin u du dv = 4R2

u=0

come sappiamo dalla formula classica.

Integrandi Non Costanti: Massa e Centro di Massa


Abbiamo visto due esempi in cui la funzione f 1 e si calcola larea di
una superficie. Ovviamente non sempre cos. Per esempio,una superficie S
potrebbe avere una densit variabile (cio massa per unit di area) (x, y, z)
al variare dei punti sulla superficie. In questo caso la massa della superficie
data da
ZZ
(x, y, z) dS .
S

9.2. INTEGRALI DI SUPERFICIE

333

Il centro di massa della superficie il punto di coordinate (x, y, z) date da


x=

RR

x (x, y, z) dS
, y=
massa

RR

y (x, y, z) dS
, z=
massa

RR

z (x, y, z) dS
.
massa

Ogni coordinata del centro di massa la media pesata delle coordinate


sulla superficie.
Esempio 9.10 Supponiamo che il paraboloide dellesempio precedente abbia
densit costante (x, y, z) = 1. Trovare la massa ed il centro di massa.
Soluzione Poich la densit vale 1 la massa della superficie uguale
allarea della superficie

5 51
6
Ragioni di simmetria suggeriscono che il centro di massa si trovi sullasse z
(cercate di capire il perch). Basta cos calcolare
RR
z dS
z= S
massa
Ci basta calcolare lintegrale al numeratore. Lavorando come fatto nellesempio precedente (fare i conti) si arriva a
ZZ
2

u + v2 1 + 4u2 du dv
D

e usando ancora il cambiamento di variabili in coordinate polari si arriva a


Z 1
Z 2 Z 1
2
2
r 1 + r dr d = 2
r2 1 + r2 dr
0

Questultimo integrale pu essere fare usando il metodo per sostituzione


(provare) o usando qualche software simbolico, si ha
!

Z 1
5
1
5
+
.
r2 1 + r2 dr = 2
2
24
120
0
Il valore della coordinata del baricentro z dato da

!
5 5
1
2
+
24
120

0.56
z=
5 51
6

334

9.2.2

CAPITOLO 9. SUPERFICI ED INTEGRAZIONE

Esercizi

1. Per le parametrizzazioni X (u, v) calcolare Xu , Xv , il vettore Xu Xv


ed infine |Xu Xv |.
(a) X (u, v) = (u, v, u2 + v2 ) ;

(b) X (u, v) = u, v, u2 + v 2 ;

(c) X (u, v) = (u cos v, u sin v, u2 ) ;

(d) X (u, v) = (u cos v, u sin v, u) ;


(e) X (u, v) = (sin u cos v, sin u sin v, cos u) .
2. Usando la propriet del vettore Xu Xv trovare il piano tangente ad
ognuna delle superfici nel punto fissato. Se possibile usare la tecnologia
per disegnare sia la superficie che il piano tangente.
(a) X (u, v) = (u, v, u2 + v2 ) nel punto (u0 , v0 ) = (1, 1) ;

(b) X (u, v) = u, v, u2 + v 2 nel punto (u0 , v0 ) = (1, 1) ;



2
;
2,
(c) X (u, v) = (u cos v, u sin v, u ) nel punto (u0 , v0 ) =
4

(d) X (u, v) = (sin u cos v, sin u sin v, cos u) nel punto (u0 , v0 ) =
,0
2
3. Trovare larea delle superfici sotto indicate.
(a) La parte del piano z = 3 che giace sopra il disco 0 r 1 ;

(b) La parte del piano z = 2x + 3y + 4 che giace sopra il disco 0


r 1;

(c) La parte del piano z = 2x + 3y + 4 che giace sopra il quadrato


unitario [0, 1] [0, 1] ;

(d) La parte della superficie z = x2 y 2 che giace sopra (o sotto) il


disco x2 + y 2 1 ;
(e) La parte della superficie z = x2 y 2 che giace sopra (o sotto) il
disco x2 + y 2 a2 .

4. Usare le coordinate cilindriche per trovare larea di quella parte del


cono z = r che giace tra z = 1 e z = 2 (Suggerimento: usare come
parametrizzazione del cono X (u, v) = (u cos v, u sin v, u). Qual il
dominio D nel piano u v ?)

9.2. INTEGRALI DI SUPERFICIE

335

5. Ripetere lesercizio precedente usando il paraboloide z = r2 invece del


cono z = r. (Suggerimento: usare come parametrizzazione del cono
X (u, v) = (u cos v, u sin v, u2 ). Qual il dominio D nel piano u v ?)
6. Sia S un un grafico parametrizzato da X (u, v) = (u, v, f (u, v)) con
(u, v) D. Verificare che allora
ZZ
Area (S) =
sec du dv
D

dove langolo tra il vettore Xu Xv ed il vettore verticale k (versore


dellasse z).
(Questo fatto ci spiega meglio come e perch il fattore di scala cambia
con la pendenza della superficie).

336

9.3

CAPITOLO 9. SUPERFICI ED INTEGRAZIONE

Derivate ed Integrali di Campi Vettoriali

Questultima sezione presenta gli ultimi due risultati analoghi al teorema fondamentale del calcolo: il teorema della divergenza ed il teorema
di Stokes. L dove il teorema fondamentale del calcolo mette in relazione
derivate ed integrali di funzioni scalari, questi teoremi in dimensioni superiori
coinvolgono alcuni tipi di derivate ed integrali di campi vettoriali.
Abbiamo gi visto, integrando campi vettoriali in R2 lungo curve nel piano,
come interpretare i risultati nei termini di lavoro fatto da una forza o di
circolazione di un fluido lungo una curva (chiusa). In questa sezione incontriamo un altro tipo di integrale di campo vettoriale, lintegrale di flusso di
un campo attraverso una superficie S. Questo integrale misura quanto fluido
attraversa una superficie nellunit di tempo.
Vedremo anche due diversi modi di interpretare la derivazione di un campo
vettoriale nello spazio; ognuno di questi due modi ha un suo significato geometrico e fisico diverso.
Cominciamo con lintrodurre gli oggetti e le operazioni di cui abbiamo bisogno per poter definire ed enunciare i teoremi.

9.3.1

Integrali di Flusso

Sia f (x, y, z) = (P (x, y, z) , Q (x, y, z) , R (x, y, z)) un campo vettoriale in R3 ,


possiamo pensare ad f come al campo di velocit di un fluido in movimento.
Sia S una superficie in R3 , immaginiamola come una membrana permeabile
sospesa nel fluido, tipo una rete da pesca in una corrente. Il problema che
vogliamo studiare quello di misurare il flusso del fluido attraverso S ,
cio la percentuale di fluido che traversa S nellunit di tempo (pensando nei
termini di una rete da pesca, la questione quanta acqua fluisce attraverso
la rete per unit di tempo).
E chiaro dallintuizione fisica che la risposta dipende dallangolo con il quale
il flusso incontra la rete. In particolare il flusso sar massimo se il fluido si
muove perpendicolarmente alla superficie, minimo se si muove parallelamente
alla superficie.
In altre parole, si ha che il flusso in ogni punto (x, y, z) della superficie
la componente del vettore di scorrimento del fluido (P, Q, R) nella direzione
perpendicolare alla superficie.
Se n = n (x, y, z) il vettore unitario perpendicolare alla superficie nel punto
(x, y, x) allora il prodotto scalare
n f = n (P, Q, R)

9.3. DERIVATE ED INTEGRALI DI CAMPI VETTORIALI

337

ci d la componente in questione. Integrando questa componente sulla superficie otteniamo il flusso totale che stiamo cercando
Definizione 9.11 (Flusso integrale) Sia f una campo vettoriale e S una
superficie di R3 . Sia n (x, y, z) il vettore unitario, normale ad S in ogni punto
(x, y, z) . Lintegrale di superficie
ZZ
f n dS
S

chiamato integrale di flusso e misura il flusso, per unit di tempo traverso


S nella direzione di n.
Osserviamo che:
1. (a) Lintegrale di flusso coinvolge il prodotto scalare di due vettori (
f n ) che uno scalare. Quindi lintegrale di flusso una forma
particolare dellintegrale di superficie che abbiamo studiato nello
scorso paragrafo.
(b) Una superficie bidimensionale in R3 ha due direzioni normali in
ogni punto in direzione opposta una allaltra che chiameremo a
volte normale esterna e normale interna, riferendoci al fatto che
punti verso lesterno o linterno della superficie. Superfici di questa natura saranno chiamate orientabili. Questo ci dice che nella
definizione di integrale di flusso bisogna fare una scelta sulla normale da usare.
Ci sono superfici, tuttavia, nelle quali non possibile operare una
scelta consistente di normale (pensate al nastro di Mbious). Superfici con questa propriet vengono chiamate non orientabili .
Non ci preoccuperemo di questo problema. Diciamo solo che per
essere rigorosi, nella definizione precedente, bisogna supporre che
S sia orientabile.
(c) Gli integrali di flusso si calcolano esattamente come ogni altro
integrale di superficie. Se la superficie S parametrizzata dalla
funzione X (u, v) definita su un dominio D dello spazio u v allora
il vettore
Xu Xv
normale ad S nel punto X (u, v) . Il vettore normale n pu essere
scelto allora come
Xu Xv
n=
|Xu Xv |

338

CAPITOLO 9. SUPERFICI ED INTEGRAZIONE


Scriviamo adesso lintegrale, si ha
ZZ
ZZ
Xu Xv
dS
f n dS =
f (X (u, v))
|Xu Xv |
S
Z ZS
Xu Xv
f (X (u, v))
|Xu Xv | du dv
=
|Xu Xv |
Z ZD
f (X (u, v)) (Xu Xv ) du dv
=
D

Lultima riga ci dice che lintegrale di flusso pu essere anche pi


facile da calcolare che non gli integrali di superficie (non ci sono
radici).

Esempio 9.12 Sia S quella parte della superficie z = x2 + y 2 sopra il disco


unitario. Sia f (x, y, z) = (x, y, z) Trovare lintegrale di flusso. Qual la
direzione di n ?
Soluzione Parametrizziamo S come grafico di funzione, ponendo X (u, v) =
(u, v, u2 + v2 ) , con (u, v) appartenente al disco unitario. Si ha allora che
Xu = (1, 0, 2u) , Xv = (0, 1, 2v) , e Xu Xv = (2u, 2v, 1) .
Lintegrale di flusso allora
ZZ
ZZ

f n dS =
u, v, u2 + v 2 (2u, 2v, 1) du dv
S
Z ZD
2

=
u v 2 du dv =
2
D

Notare che nella nostra scelta di normale la coordinata z ha segno positivo,


cos che punta verso linterno della superficie del paraboloide.

9.3.2

Divergenza e Rotore: Derivate di un Campo Vettoriale

Un campo vettoriale f (x, y, z) = (P (x, y, x) , Q (x, y, z) , R (x, y, z)) pu essere visto come una funzione f : R3 R3 con matrice Jacobiana data
da

Px Py Pz

Qx Qy Qz

Rx Ry Rz

Diverse combinazioni di derivate possono essere fatti con queste derivate. Ce


ne sono due che hanno un particolare interesse in fisica.

9.3. DERIVATE ED INTEGRALI DI CAMPI VETTORIALI

339

Definizione 9.13 (Divergenza e rotore) Sia f = (P, Q, R) un campo


vettoriale su R3 . La divergenza di f una funzione scalare definita da
div f = Px + Qy + Rz .
Il rotore di f il campo vettoriale definito da
rot f = (Ry Qz , Pz Rx , Qx Py ) .
Da notare:
1. (a) Sia la divergenza che il rotore sono formate in modo chiaro dagli
elementi della matrice Jacobiana: la divergenza la somma degli
elementi della diagonale (chiamata la traccia della matrice). Ogni
componente del campo rotore la dierenza di due elementi della
diagonale che sono simmetrici rispetto alla diagonale.
(b) Il calcolo di divergenza e rotore sono facili da fare e i software
disponibili operano il calcolo facilmente.
(c) Se pensiamo ad f come un movimento di un fluido, in ogni punto
(x, y, z) la divergenza Px + Qy + Rz misura la tendenza totale del
fluido ad allontanarsi dal punto.
Per cercare di capire perch sia cos, cominciamo con losservare
che P (x, y, z) descrive la velocit del fluido lungo lasse x. Allora Px rappresenta laccelerazione nella direzione dellasse x. Se
Px (x, y, z) > 0 il fluido tende ad aumentare la sua velocit nella
direzione dellasse x nel punto (x, y, z) , si pu allora dire che diverge da (x, y, z) . Se Px (x, y, z) < 0 il fluido rallenta e tende
perci a convergere o ammassare il fluido. Considerando anche i contributi nelle direzioni y e z si capisce come la divergenza ci
dica complessivamente di quanto il fluido si allontani o si ammassi
intorno al punto (x, y, z) .
(d) Se f un campo gradiente, cio se f = h = (hx , hy , hz ) per
qualche funzione h (x, y, z) si ha allora che (fare i conti)
rot h = (0, 0, 0) .
In altre parole, ogni campo gradiente ha rotore nullo.
In un certo senso, allora, il rotore di un campo vettoriale misura
quanto un campo vettoriale dierisce da un campo gradiente.
Come abbiamo visto anche in esempi ed esercizi in sezioni precedenti, campi vettoriali che non sono gradienti sembrano avere la
caratteristica di ruotare attorno a certi punti.

340

CAPITOLO 9. SUPERFICI ED INTEGRAZIONE


(e) Abbiamo definito divergenza e rotore per campi vettoriali in R3 .
Sfortunatamente campi vettoriali tridimensionali sono dicili da
disegnare su un foglio, molti dettagli si perdono nella proiezione
oggetti tridimensionali su due dimensioni. In alcuni esempi, allora
lavoreremo in R2 Lidea quella di pensare ad un campo bidimensionale come ad un campo tridimensionale che non dipende
da z. Il campo vettoriale f (x, y) = (x y, x + y) si pu pensare
come la sezione a z = 0 del campo tridimensionale f (x, y, z) =
(x y, x + y, 0)
E naturale allora definire la divergenza ed il rotore di un campo
vettoriale bidimensionale f (x, y) = (P (x, y) , Q (x, y)) nel seguente
modo
div f = Px + Qy ; rot f = (0, 0, Qx Py ) .
Notare una propriet del rotore: esso punta nella direzione dellasse z perpendicolare al piano x y , cio il vettore rotore perpendicolare allasse rispetto al quale il fluido tende a ruotare.

Esempio 9.14 Discutere la divergenza ed il rotore dei campi vettoriali

f (x, y) = (x y, x) , g (x, y) = x2 , 2y
mostrati nelle seguenti figure

-3

-2

-1

2
y

2
y

x2

-3

-2

-1

-1

-1

-2

-2

-3

-3

Il campo f (x, y) = (x y, x)

x2

Ilcampo g (x, y) = (x2 , 2y)

Soluzione I calcoli simbolici sono molto semplici. Cominciamo a calcolare la divergenza dei due vettori, ricordando che essa data da Px + Qy . Si
ottiene
div f = 1 , div g = 2x + 2 .

9.3. DERIVATE ED INTEGRALI DI CAMPI VETTORIALI

341

Entrambi i risultati possono essere intuiti dalle figure disegnate.


Infatti, se si guarda il disegno relativo ad f si ha che in ogni punto (x, y) le
frecce entranti verso il punto sono pi piccole di quelle uscenti. Quindi la
divergenza, che misura il flusso in uscita ovunque positiva.
Per quanto riguarda g, la formula div g = 2x + 2 ci dice che la divergenza
cambia segno nel punto x = 1.Questo fatto pu essere notato dal disegno,
osservando che a sinistra di 1 le lunghezze delle frecce in arrivo su di un
punto sono pi corte di quelle in uscita, mentre vero il viceversa per x > 1.
Il calcolo del rotore altrettanto semplice. I risultati sono
rot f = (0, 0, 1) , rot g = (0, 0, 0) .
Anche questi risultati possono essere osservati (in modo qualitativo) nei disegni. Il campo vettoriale f appare ruotare, in senso antiorario, intorno allasse
verticale (una rotazione antioraria produce una coordinata z negativa). Il
campo g, in contrasto, non appare ruotare, per cui il suo rotore zero.
Ci possiamo allora domandare se g il gradiente di un potenziale. Un conto
facile (provare a farlo !) ci dice che

3
2

x
2
g = x , 2y =
+y
3

e come abbiamo visto ogni campo vettoriale che sia un gradiente ha rotore
zero.

342

9.3.3

CAPITOLO 9. SUPERFICI ED INTEGRAZIONE

Esercizi

1. In questo esercizio S sempre quella parte della superficie z = x2 + y 2


che giace sopra il disco x2 + y 2 1.
(a) Sia f (x, y, z) = (x, 0, 0) . Trovare il flusso attraverso S ; discutere
il segno della risposta;
(b) Sia f (x, y, z) = (0, 1, 0) . Trovare il flusso attraverso S ; discutere
il segno della risposta;
(c) Sia f (x, y, z) = (0, 0, z) . Trovare il flusso attraverso S.
2. Rifare lesercizio precedente, usando la parametrizzazione in coordinate
cilindriche, X (u, v) = (u cos v, u sin v, u2 )
3. Sia S il triangolo di vertici (1, 0, 0) , (0, 1, 0) , (0, 0, 1) .
(a) Trovare larea del triangolo senza integrare; usare in modo appropriato il prodotto vettoriale;
(b) Parametrizzare S come grafico di una funzione z = f (x, y) con
(x, y) in una appropriata regione del piano;
(c) Usare la parametrizzazione trovata al punto precedente per calcolare larea di S;
(d) Sia f (x, y, z) = (x, y, z) , trovare il flusso attraverso S;
(e) Sia f (x, y, z) = (a, b, c) , con a, b, c costanti. Trovare il flusso
attraverso S. Sotto quali condizioni per a, b, e c il flusso zero?
4. Sia S la parte del cilindro x2 + y 2 = 1 con 0 z 1.
(a) Parametrizzare S usando coordinate cilindriche. Usare il risultato
per calcolare larea di S per integrazione;
(b) Sia f (x, y, z) = (1, 0, 0) . Trovare il flusso attraverso S;
(c) Sia f (x, y, z) = (0, 0, R (x, y, z)) . Mostrare che il flusso attraverso
S zero qualunque sia la forma della funzione R (x, y, z)
5. Sia f = h = (hx , hy , hz ) dove h una funzione liscia (derivabile
quanto ci serve). Spiegare perch
rot h = (0, 0, 0) .
6. Per ogni campo vettoriale descritto sotto, trovare divergenza e rotore.

9.3. DERIVATE ED INTEGRALI DI CAMPI VETTORIALI

343

(a) f (x, y, z) = (x, y, z) ;


(b) f (x, y, z) = (y, z, x) ;
(c) f (x, y, z) = (y, x, z) ;

y
x
(d) (x, y, z) =
,
x2 + y 2 x2 + y 2
7. Sia f (x, y) = (sin (x y) , cos (x)) il campo vettoriale il cui disegno

y1

-2

-1

1x

-1

-2

Il campo vettoriale (sin (x y) , cos (x))

(a) Trovare la formula per rotore e divergenza di f ;


(b) Mostrare che la divergenza zero lungo lasse y . Confrontarsi poi
con la figura;
(c) Trovare la divergenza nei punti (1, 1) , (1, 1) , (1, 1) , (1, 1) .
Come appaiono i segni delle risposte confrontati con la figura?
(d) Trovare il rotore in (/2, 0) e (/2, 0) . Cercare di capire come
la dierenza di segno si riflette sul rotore controllando la figura.
8. In ognuno dei campi sotto, usare il software per disegnare i campi dati
nel quadrato [2, 2] [2, 2] . Cercare di vedere dove la divergenza
positiva, dove negativa , e valutare la presenza o assenza di rotore.
(a) f (x, y, z) = (1, 0, 0) ;
(b) f (x, y, z) = (x, 0, 0) ;

344

CAPITOLO 9. SUPERFICI ED INTEGRAZIONE


(c) f (x, y, z) = (x2 , 0, 0) ;
(d) f (x, y, z) = (x y, x + y, 0) .

9. Mostrare che per ogni campo vettoriale dierenziabile f : div (rot f ) =


0.

9.4. TEOREMI DI STOKES E DELLA DIVERGENZA.

9.4

345

Teoremi di Stokes e della Divergenza.

Terminiamo questo capitolo ed il corso, riassumendo lintera problematica del


calcolo integrale (al livello a cui labbiamo trattata) in cinque teoremi fondamentali. Abbiamo gi sviluppato tutti i processi e gli argomenti necessari,
si tratta adesso di metterli insieme per strutturarli.
Cercheremo di enunciare i teoremi confrontandoli. Prima di andare avanti
ricordiamo i simboli che abbiamo gi usato ed useremo.

Simbologia:
: curva orientata in R2 o in R3 ;
D : regione in R2 ;
S : superficie bidimensionale in R3 ;
V : solido tridimensionale in R3 ;
n : campo vettoriale unitario, normale alla superficie S in ogni punto
di S
f : campo vettoriale in R2 o in R3 o funzione a valori scalari di una o
pi variabili (il contesto ne chiarisce la forma).

Ipotesi tecniche.
Per essere sicuri che ci che facciamo abbia senso, faremo diverse ipotesi
tecniche sulla regolarit degli oggetti matematici che useremo. Vedremo comunque, che negli esempi semplici, ma tipici che faremo, esse sono sempre
soddisfatte. Vogliamo comunque far presente che le ipotesi sono realmente
importanti; in loro assenza niente garantisce che gli oggetti di cui parliamo
esistano o possano essere soggetti alle operazioni a cui li sottoponiamo. Nel
caso di superfici non orientabili, per esempio, non c possibilit di scegliere
un vettore normale esterno, cos che in questa situazione non ha senso parlare
di integrali di superficie.
Assumeremo inoltre che tutte le funzioni che consideriamo siano continue
insieme a tutte le loro derivate; questo ci assicura che tutti gli integrali che
trattiamo esistano.
Anche per le curve e superfici assumeremo che siano lisce o lisce a tratti (cio
unione di un numero finito di curve lisce con spigoli solo dove i tratti si

346

CAPITOLO 9. SUPERFICI ED INTEGRAZIONE

uniscono).
Infine come detto, le superfici sono supposte orientabili.
Con queste ipotesi possibile enunciare i cinque teoremi. Gli ultimi due
sono nuovi.

9.4.1

Cinque Teoremi

Teorema 9.15 (Teorema fondamentale del calcolo)


Z b
f 0 (x) dx = f (b) f (a)
a

Teorema 9.16 (Teorema fondamentale per gli integrali curvilinei)


Z
f dX = f (b) f (a)

Teorema 9.17 (Teorema di Green) Sia f = (P, Q) un campo vettoriale


in R2 , una curva chiusa (orientata in senso antiorario) e D la regione
interna a . Si ha
I
ZZ
(Qx Py ) dA =
P dx + Q dy
D

Teorema 9.18 (Teorema di Stokes) Sia f (x, y, z) = (P, Q, R) un campo


vettoriale in R3 . S una superficie in R3 , con normale unitaria n, limitata
da una curva chiusa . Si ha
I
ZZ
(rot f ) n dS = f dX
S

Teorema 9.19 (Teorema della divergenza) Sia f (x, y, z) = (P, Q, R)


un campo vettoriale in R3 . V una regione di R3 limitata da una superficie S
avente normale unitaria esterna n. Si ha
ZZ
ZZZ
div f dV =
f n dS
V

9.4. TEOREMI DI STOKES E DELLA DIVERGENZA.

347

Tutti e cinque i teoremi hanno lo stesso tema:


E dato un campo vettoriale f. Nel lato sinistro dellequazione, una qualche
derivata di f integrata su qualche dominio di R, R2 , o R3 . Nel lato destro
f viene valutata su di un insieme di dimensione minore, il bordo del dominio
originario.
Vediamo adesso gli ultimi due teoremi, che rappresentano una novit.

9.4.2

Teorema di Stokes

Come sempre, usiamo gli esempi come metodo induttivo per capire.
Esempio 9.20 Sia S la parte della superficie z = x2 + y 2 sopra il disco
unitario x2 + y 2 = 1, e sia f = (P, Q, R) = (y, x, z) . E valido il teorema
di Stokes in questo caso?
Soluzione. Si devono calcolare i due integrali dei due membri delleguaglianza e confrontare i risultati.
Notiamo che il bordo di S la circonferenza unitaria in R3 , data dallintersezione del paraboloide con il piano z = 1. Possiamo parametrizzare questa
circonferenza nel seguente modo
X (t) = (cos t, sin t, 1) 0 t 2 .
H
Lintegrale curvilineo f dX diventa
I

P dx + Q dy + R dz =

2
sin t + cos2 t dt = 2 .

Per calcolare lintegrale doppio, consideriamo la parametrizzazione della superficie gi usata in precedenza X (u, v) = (u, v, u2 + v2 ) con (u, v) appartenenti al disco unitario; i vettori normali sono Xu = (1, 0, 2u) e Xv = (0, 1, 2v).
Ne segue che Xu Xv = (2u, 2v, 1) . Il rotore del campo vettoriale
f (x, y, z) = (y, x, z) dato da rot f = (0, 0, 2) . Lintegrale di flusso
allora
ZZ
ZZ
ZZ
(rot f ) n dS =
(0, 0, 2) (2u, 2v, 1) du dv =
2 du dv = 2
S

Lintegrale curvilineo e quello di superficie danno lo stesso risultato, quindi


il Teorema di Stokes vale (con la scelta opposta del vettore normale il flusso
avrebbe cambiato segno, ma questo il teorema di Stokes lo consente).

348

CAPITOLO 9. SUPERFICI ED INTEGRAZIONE

9.4.3

Da Stokes a Green

Il teorema di Stokes , in modo naturale, lestensione a R3 del teorema di


Green che ha come ambiente di lavoro R2 (infatti a volte il teorema di Green
noto come teorema di Stokes nel piano). Non dimostreremo il teorema di
Stokes, poich la sua dimostrazione necessita delle stesse idee (appropriatamente tradotte) del teorema di Green. Invece, cerchiamo di vedere in quale
senso il teorema di Green un caso particolare.
Notiamo che un campo vettoriale in R2 , f (x, y) = (P (x, y) , Q (x, y)) pu
essere esteso ad R3 ponendo banalmente f (x, y, z) = (P (x, y) , Q (x, y) , 0) .
Per questo campo vettoriale si ha che
rot f = (Ry Qz , Pz Rx , Qx Py ) = (0, 0, Qx Py )
in cui si vede che rot f ha come terza coordinata lintegrando del teorema
di Green.
Il secondo passo quello di considerare il dominio D del teorema di Green
come una semplice superficie in R3 . Poich D giace nel piano x y la normale esterna ovviamente (0, 0, 1) (si potrebbe prendere lopposta cambiando
segno allintegrale). Mettendo insieme questi risultati si ha
ZZ

(rot f ) ndS =

ZZ

(0, 0, Qx Py ) (0, 0, 1) dS =

ZZ

(Qx Py ) dA .

In altre parole, lintegrale di flusso nel teorema di Stokes si riduce, in questo


caso speciale allintegrale darea del teorema di Stokes.
In modo simile, la curva che parametrizza il bordo, che giace nel piano
z = 0 pu essere parametrizzata sia in R2 che in R3 ponendo
X (t) = (x (t) , y (t)) , o X (t) = (x (t) , y (t) , z (t)) .
In questo ultimo caso si ha
Z

P dx + Q dy + R dz =

P dx + Q dy

poich z = 0 Cos lintegrale curvilineo nei teoremi di Stokes e di Green sono,


in questo caso, identici.
Abbiamo cos mostrato che per domini nel piano il teorema di Stokes si
riconduce al teorema di Green.

9.4. TEOREMI DI STOKES E DELLA DIVERGENZA.

349

Rotore, Flusso e Circolazione: Una Interpretazione Fisica


La teoria matematica degli integrali curvilinei e di superficie cresciuta insieme allo sviluppo dei problemi fisici ed i termini rotore, flusso e circolazione sono stati mutuati dalla fisica. Cerchiamo di dare uninterpretazione
del teorema di Stokes, almeno in modo intuitivo, in termini del linguaggio
fisico dei fluidi in moto.
Cominciamo pensando di avere un campo di un fluido f definito nellintorno di una superficie S in R3 . In ogni punto (x, y, z) sulla superficie il
vettore rot f misura la tendenza a ruotare intorno al punto (x, y, z) (il vettore rot f agisce come unasse intorno al quale tende ad avvenire la rotazione
del fluido). Ne segue che se n la normale esterna alla superficie in (x, y, z),
il prodotto scalare (rot f ) n (che compare nel lato sinistro delluguaglianza
del teorema di Stokes) misura quanto il fluido tende a ruotare sulla superficie,
piuttosto che traversarla perpendicolarmente; quindi lintegrale di superficie
ZZ
(rot f ) n dS
S

misura, in qualche senso, la


H rotazione totale del fluido lungo la superficie.
Lintegrale di linea f dX pi facile da interpretare. Misura la
circolazione del fluido intorno al bordo di S. Il teorema di Stokes aerma che
sono uguali tra loro:
1. (a)

i. La circolazione del fluido intorno al bordo di S;


ii. La rotazione totale del fluido su S.

Che (i) e (ii) siano uguali fisicamente credibile, poich i due fenomeni
possono essere pensati ognuno generatore dellaltro.

9.4.4

Il Teorema della Divergenza

Il teorema della divergenza aerma che sotto opportune ipotesi


ZZ
ZZZ
div f dV =
f n dS
V

Dividiamo lequazione e studiamo singolarmente i due lati delluguaglianza, cercando di dargli uninterpretazione fisica.
Lato sinistro: unintegrale triplo sul volume V di R3 . Se f rappresenta il
campo di velocit del fluido allora, per ogni punto (x, y, z) la funzione div f

350

CAPITOLO 9. SUPERFICI ED INTEGRAZIONE

misura la quantit di fluido che tende ad allontanarsi da (x, y, z) per unit


di tempo. Lintegrale di div f su V misura, quindi, il flusso totale uscente
da V per unit di tempo, cio la quantit di fluido che lascia V per unit di
tempo.
Lato destro: Si ha un integrale di flusso del tipo gi descritto. Esso misura
la quantit di fluido che traversa la superficie S, bordo di V , nellunit di
tempo. Poich la normale scelta uscente da V , lintegrale di flusso misura
la quantit di flusso che esce da V attraverso S.
Le due considerazioni sopra ci dicono che i due lati dellequazione nel
teorema della divergenza misurano la stessa cosa: la quantit di fluido uscente
da V per unit di tempo.
Da questo punto di vista il teorema della divergenza aerma una cosa ragionevole: due integrali che misurano la stessa quantit devono avere lo stesso
valore.
Esempio 9.21 Sia V il solido in R3 limitato dal di sopra dal piano z = 1
e dal di sotto dal paraboloide z = x2 + y 2 . Sia f il campo vettoriale dato da
(P, Q, R) = (x, y, z) . Cosa dice il teorema della divergenza in questo caso?

1
0.5
0
-1

-1
-0.5

0z

r0

-0.5

0.5

0.5
1

Il solido V
Soluzione. In questo caso la superficie S composta da due parti: (i)
S1 , la parte del paraboloide z = x2 + y 2 sotto il piano z = 1, e (ii) S2 , la

9.4. TEOREMI DI STOKES E DELLA DIVERGENZA.

351

parte del piano z = 1 per il quale x2 + y 2 1.


Calcoliamo entrambi i lati dellequazione del teorema di Stokes, cominciando
dal lato sinistro. Si ha
div f = div (x, y, z) = 3
Lintegrale di volume allora
ZZZ

3 dV = 3

ZZZ

dV

Questo integrale si calcola meglio passando in coordinate cilindriche


ZZZ
Z =2 Z r=1 Z z=1
3
3
dV = 3
r dz dr d =
.
2
=0
r=0
z=r2
V
Calcoliamo adesso il lato destro dellequazione. Il flusso ha due componenti,
la situazione relativa alla superficie S1 labbiamo gi calcolata in un esercizio
precedente dove S1 stata parametrizzata come X (u, v) = (u, v, u2 + v2 )
con (u, v) nel disco unitario D. Il vettore normale ad S1 dato da Xu Xv =
(2u, 2v, 1) ; da notare tuttavia che questo vettore punta verso linterno del
volume, dovendo scegliere la normale unitaria esterna si prende, invertendo
il segno del vettore
(2u, 2v, 1)
.
n=
1 + 4u2 + 4v2
Con questa parametrizzazione lintegrale di flusso diventa
ZZ
ZZ

f n dS =
u, v, u2 + v2 (2u, 2v, 1) du dv = .
2
S1
D

La superficie S2 ancora pi semplice da parametrizzare ponendo X (u, v) =


(u, v, 1) con (u, v) nel disco unitario D. Poich S2 parallela al piano x y la
sua normale esterna data dal vettore (0, 0, 1) . Lintegrale di flusso diventa
allora
ZZ
ZZ
ZZ
f n dS =
(u, v, 1) (0, 0, 1) du dv =
1 du dv = .
S2

Il flusso totale :
ZZ
ZZ
f n dS =
S

S1

f n dS +

ZZ

S2

f n dS =

+ .
2

I due lati dellequazione sono quindi uguali, come aerma il teorema della
divergenza.

352

CAPITOLO 9. SUPERFICI ED INTEGRAZIONE

Vogliamo adesso dare unidea della dimostrazione del teorema della divergenza.
Dimostrazione. (Idea della dimostrazione). Il teorema si mostra in
modo simile al teorema di Green.
Se f = (P, Q, R) e la normale esterna ad S ha forma n = (n1 , n2 , n3 ) si
pu scrivere il teorema della divergenza nella forma
ZZZ
ZZ
(Px + Qy + Rz ) dV =
(P n1 + Q n2 + R n3 ) dS
V

Pu essere allora pi semplice provare separatamente le tre identit


ZZ
ZZZ
Px dV =
P n1 dS ;
Z ZS
Z Z ZV
Qy dV =
Q n2 dS ;
V
S
ZZ
ZZZ
Rz dV =
R n3 dS
V

Ci limitiamo a provare la terza identit assumendo che la frontiera S di V sia


composta di due parti, una superficie inferiore S1 ed una superficie superiore
S2 (come nellesempio precedente) e che entrambe le superfici possano essere
descritte come grafici delle funzioni z = g (x, y) e z = h (x, y) rispettivamente,
per (x, y) in una regione D del piano x y. Allora, come abbiamo visto, i
vettori normali alle superfici S1 e S2 sono rispettivamente, (gx , gy , 1) e
(hx , hy , 1) (abbiamo usato il segno meno per la normale esterna alla superficie
inferiore). Si pu allora scrivere:
ZZ
ZZ
R n3 dS =
R (x, y, g (x, y)) dA
S1

ZZ

R n3 dS

S2

eZ Z

R (x, y, h (x, y)) dA

(i due integrali hanno segno opposto per le dierenti direzioni delle loro
normali). Si ha cos
ZZ
ZZ
R n3 dS =
(R (x, y, h (x, y)) R (x, y, g (x, y))) dA .
S

Consideriamo adesso lintegrale triplo del lato sinistro dellequazione, si ha


!
Z Z Z z=h(x,y)
ZZZ
Rz dV =
Rz dz dA
V

z=g(x,y)

9.4. TEOREMI DI STOKES E DELLA DIVERGENZA.

353

ed applicando il teorema fondamentale del calcolo integrale, si ha


ZZ
ZZZ
Rz dV =
(R (x, y, h (x, y)) R (x, y, g (x, y))) dA .
V

Lintegrale di volume e di superficie sono quindi uguali. Argomentazioni


simili valgono anche per gli integrali che coinvolgono P e Q; questo completa
la dimostrazione.

354

CAPITOLO 9. SUPERFICI ED INTEGRAZIONE

9.4.5

Esercizi

1. Per ognuna delle parti sotto usare il teorema di Stokes per trovare il
valore dellintegrale di superficie
ZZ
(rot f ) n dS .
S

Per fare ci trasformare lintegrale di superficie in quello equivalente di


linea e calcolare questultimo.
(a) Sia S la met superiore delle sfera x2 +y 2 +z 2 = 1 e sia f (x, y, z) =
(x, y, z) ;
(b) Sia S la met superiore delle sfera x2 +y 2 +z 2 = 1 e sia f (x, y, z) =
(y, x, z) ;
(c) Sia S la parte del paraboloide z = x2 +y 2 con z 1 e f (x, y, z) =
(x, y, z) .
2. Sia V il solido in R3 limitato dal di sopra dal piano z = 1 e dal di
sotto dal paraboloide z = x2 + y 2 . Sia f il campo vettoriale dato da
(P, Q, R) = (x, 0, 0)
(a) Calcolare lintegrale di volume

RRR

(b) Calcolare lintegrale di superficie

RR

div f dV ;
f n dS

3. Sia V il cubo definito da 0 x 1, 0 y 1, 0 z 1. Sia f il


campo vettoriale f (x, y, z) = (x, y, z) . Sia S la superficie frontiera di
V (ricordare che S ha sei facce).
(a) Come si scrive il teorema della divergenza in questo caso?
RRR
div f dV ;
(b) Calcolare lintegrale triplo
V
RR
(c) Calcolare lintegrale di flusso S f n dS (ricordare che S ha sei
facce).
4. Sia V un solido in R3 con frontiera S liscia. Sia f un campo vettoriale gradiente, cio f = h = (hx , hy , hz ) per una qualche funzione
h (x, y, z) . Usare il teorema della divergenza per mostrare che
ZZ
f n dS = 0
S

9.4. TEOREMI DI STOKES E DELLA DIVERGENZA.

355

5. Per ognuno delle parti sotto


RR usare il teorema della divergenza per calcolare lintegrale di flusso S f n dS. La superficie sempre la sfera
x2 + y 2 + z 2 = 1 con normale esterna.
(a) f = (x, 2y, 3z) ;
(b) f = (x, y 2 , 0) ;
(c) f = (0, y 2 , 0) .
6. Sia la circonferenza unitaria sul piano z = 0, orientata in senso
antiorario, e sia f = (y, x, z)
R
(a) Calcolare lintegrale f dX ;
(b) Sia S la semisfera unitaria superiore. Allora il bordo di S.
Verificare il teorema di Stokes;

(c) Sia adesso S la parte del paraboloide z = 1 x2 y 2 per z 0.


ancora la frontiera di S. Verificare il teorema di Stokes.

Capitolo 10
Appendice 1
10.1

Gli operatori GRAD, DIV, ROT

10.1.1

Significato del Gradiente

Sia data la funzione f : D R3 R, D insieme aperto, f C 2 (D).


Tale funzione anche detta campo scalare. Scelto un sistema di riferimento
cartesiano, se indichiamo con i, j, k i versori degli assi, il gradiente della
funzione pu essere scritto, in forma vettoriale come:
grad f =

f f f
i+ j+ k .
x y z

Prendiamo adesso una superficie di livello f = c (costante) e consideriamo


due superfici infinitamente vicine: : f = c e 0 = f = c + dc.

359

360

CAPITOLO 10. APPENDICE 1

Sia P un punto appartenente alla superficie e dP uno spostamento


infinitesimo dalla superficie . Ovviamente

df = grad f dP ,

ma poich dP tangente alla superficie non c variazione di f e quindi


grad f dP = 0. In conclusione grad f dP , ovvero, il grad f in un punto
P del campo ha direzione normale alla superficie di livello passante per quel
punto.
Sia dP uno spostamento da a 0 , cio verso i valori crescenti di f .
Allora,

df = dc = grad f dP > 0 ,

ovvero, langolo formato con la direzione dello spostamento dP minore di

10.1. GLI OPERATORI GRAD, DIV, ROT

,
2

361

il grad f ha quindi verso rivolto verso la parte dove f cresce

Consideriamo infine uno spostamento dP 0 normale alla superficie e diretto verso 0 di modulo |dP 0 | = ds, si ha: df = grad f dP 0 , ed essendo dP 0
parallelo al grad f
dc = |df | = |grad f dP 0 | = |grad f | ds .
Quindi,
dc
,
ds
in altre parole, il modulo del grad f direttamente proporzionale allincremento dc della funzione f ed inversamente proporzionale alla distanza tra
e 0.
Sia f : D R2 R, D insieme aperto, f C 2 (D), (x, y) f (x, y). Sia
f da ammettere c come curva di livello c, c = {(x, y) R2 : f (x, y) = c}.
Sia P0 c e sia f dierenziabile in P0 con grad f (P0 ) 6= 0. Cerchiamo
la retta tangente alla linea di livello in P0 . Sia P un punto generico di
tale retta, la derivata direzionale di f in P0 nella direzione v = P P0 sar
zero, ovvero la tangente al grafico in (P0 , f (P0 )) ha come normale il vettore
grad f (P0 ), quindi
grad f (P0 ) (P P0 ) = 0 ,
|grad f | =

ovvero

f
f
(P0 ) (x x0 ) +
(P0 ) (y y0 ) = 0 .
x
y

(10.1)

362

CAPITOLO 10. APPENDICE 1

Si noti dalla figura che i punti (x, y) dellequazione (10.1) sono quelli della
retta tangente in p0 alla linea di livello. Il vettore grad f (P0 ) un vettore del piano R2 , dove sta la linea di livello (nel dominio della funzione)
ed ortogonale alla retta tangente alla linea di livello nel piano. Non si commetta lerrore di pensare il gradiente ortogonale alla retta tangente
al grafico o al grafico stesso. Si noti infine che il gradiente punta verso
la porzione di piano dove la funzione crescente. Pi precisamente, il gradiente gode della propriet che la massima variazione della funzione si ha
nella direzione del gradiente, la minima variazione nella direzione
opposta a quella del gradiente.

10.1.2

Loperatore

E utile introdurre il vettore simbolico o operatore simbolico


=
, ,
.
x y z
opera formalmente su una funzione scalare f , col risultato di ottenere, in
coordinate cartesiane il vettore gradiente di f

f f f
f =
,
,
.
x y z
uno strumento simbolico utile nella dierenziazione dei campi sia scalari
che vettoriali. Nellusuale sistema di riferimento cartesiano, di versori i, j, k,
useremo il vettore

=
i + j + k,
x
y
z
come se lo fosse a tutti gli eetti.
vediamone adesso i vantaggi formali. Si consideri un campo vettoriale
F : R3 R3 , aperto, F = (A, B, C) definito dalle componenti scalari
A : R3 R , (x, y, z) A (x, y, z) ;
B : R3 R , (x, y, z) B (x, y, z) ;
C : R3 R , (x, y, z) C (x, y, z) ;

che supponiamo di classe C 2 (). Possiamo associare ad F la matrice delle


derivate parziali, le cui righe sono date dalle derivate parziali di ciascuna
componente

JF (x, y, z) =

A
x

A
y

A
z

B
x

B
y

B
z

C
x

C
y

C
z

(10.2)

10.1. GLI OPERATORI GRAD, DIV, ROT

363

E facile riconoscere negli elementi della matrice J che si trovano sulla diagonale principale quelli che definiscono la divergenza del campo vettoriale
F. Mentre gli elementi fuori della diagonale di J contribuiscono a formare le
componenti del rotore di F.
A
A

A
A

&

B
y

&

C
z

div F ;

B
x
C
x

B
y
C
y

B
z
C
z

rot F .

La divergenza del campo vettoriale definita come la traccia della matrice


J. Formalmente si ha

A B C
i + j + k (A i + B j + C k) =
+
+
.
x
y
z
x
y
z
Il rotore formalmente definito da

C B
A B
B A
rot F = F =

i+
j+
k.
y
z
z
y
x
y
Conviene ricordare la regola mnemonica

j
k

rot F = F = x y z ,

A B C

che usa il determinante per scrivere le componenti del prodotto vettoriale.


Ricordiamo alcune propriet del gradiente, rotore e divergenza che si
ricavano facilmente usando in modo simbolico le regole del calcolo vettoriale:
div rot F = F = 0
rot grad f = f = 0
div grad f = f = f ,
dove

2
2
2
= = 2 + 2 + 2,
x
y
z
detto operatore di Laplace o Laplaciano.
2

rot rot F = grad div F F ,

364

CAPITOLO 10. APPENDICE 1

dove, in coordinate cartesiane, F = A i+B j+C k .


Ancora,
div (f F) = f divF + grad f F ,
rot (f F) = grad f F + f rot F ,
div (F G) = F rot G G rot F .
Nota 10.1 Il gradiente un concetto che pu essere introdotto senza fare
uso delle coordinate (in modo intrinseco). f invece definito come un
operatore in coordinate cartesiane. Il gradiente assume una forma diversa
se si fanno uso di altri sistemi di coordinate curvilinee, vediamone i due pi
noti.
Coordinate sferiche.
Siano (r, , ) le coordinate sferiche, legate alle coordinate cartesiane dalle
note relazioni:

x = r sin cos

y = r sin sin

z = r cos

ed indichiamo con e1 , e2 , e3 i versori tangenti alle linee coordinate r=cost,


=cost, =cost. Si ha
f
1 f
1 f
e1 +
e2 +
e3 ;
r
r
r sin
1 (r2 A)
1 (B sin )
1 C
div F = 2
+
+
;
r
r
r sin

r sin
1

1
1
2

e
e
e
1
2
3
r sin
r
r sin

;
rot F = r

A
rB
r C sin

1
2f
1

f
1
2 f
f = 2
r
+ 2
sin
+ 2 2
.
r r
r
r sin

r sin 2

grad f =

Coordinate cilindriche.
Siano (r, , z) le coordinate cilindriche, legate alle coordinate cartesiane
dalle relazioni

x = r cos

y = r sin

z=z

10.1. GLI OPERATORI GRAD, DIV, ROT

365

e siano u1 , u2 , u3 i versori tangenti alle linee coordinate r=cost, =cost,


z=cost Si ha
1 f
f
f
u1 +
u2 +
u3 ;
r
r
z
C
1 (rA) 1 B
+
+
;
div F =
r r
r

1
u1 u2 1 u3
r

;
rot F = r

A
rB C

1
f
1 2f 2f
f =
r
+ 2 2 + 2.
r r
r
r
z

grad f =

CAMPO DEL GRADIENTE


In questa sezione ci limitiamo a considerare campi scalari f : D R2 R,
definiti su un insieme aperto D di R2 , (x, y) f (x, y). Come abbiamo gi
detto, le linee di livello della funzione f sono definite da
c = {(x, y) : f (x, y) = c} .
Linsieme delle linee di livello c formano, al variare di c linsieme di livello
del campo scalare f . In tre dimensioni linsieme c definisce una superficie
di livello.
La fisica fornisce innumerevoli esempi di superfici di livello, si pensi, per
esempio, ai punti dello spazio che hanno la stessa temperatura (isoterme) o la
stessa pressione (isobare). Dal punto di vista matematico, il problema della
determinazione delle linee di livello spasso dicile e complesso, solo sotto
opportune ipotesi (gradiente diverso da zero) la linea rappresenta localmente
il grafico di una funzione.

Fig. 4a

Fig. 4b

366

CAPITOLO 10. APPENDICE 1

Nella figura 4a sono disegnate le curve di livello di un campo scalare f ,


per diversi valori della costante c, nella figura 4b sono invece disegnate le
curve che hanno, punto per punto, direzione perpendicolare alle precedenti.
Queste curve costituiscono il cosiddetto campo gradiente.
Vediamo adesso le propriet principali del campo gradiente. Indichiamo
con F = grad f In questo caso si ha che lintegrale curvilineo lunga una
curva regolare di estremi P0 e P1 , parametrizzata da = (t), vale
Z
Z
F d = grad f d = f (P1 ) f (P0 ) .

Se vogliamo scrivere tale integrale come funzione del generico punto P di una
curva regolare nel dominio del campo gradiente si ha
Z
F d = f (P ) + cost.
(10.3)

La funzione scalare f , determinata a meno di una costante, viene detta


potenziale scalare. E chiaro che in generale non tutti i campi vettoriali F hanno un potenziale scalare. Lequazione (10.3) implica che lintegrale
curvilineo (che si pu interpretare fisicamente come il lavoro fatto dal punto
P mentre si sposta lungo la curva , allinterno di un campo di forze F )
indipendente dal cammino dintegrazione. Questo non vero per tutti i
campi vettoriali. Limitiamoci a vedere un esempio grafico, analizzando il
campo delle direzioni di F

Per andare da P0 a P1 si trovano due valori diversi del lavoro se ci si muove


in senso orario o antiorario.
Un campo vettoriale F : R3 R3 , aperto, definito da F=(A, B, C)
che ammette un potenziale scalare si dice campo conservativo.
Condizione necessaria e suciente perch un campo di classe C 1 , definito su un aperto e connesso (due punti qualsiasi dellinsieme sono sempre
raggiungibili da una traiettoria regolare contenuta in esso) R3 sia il
gradiente di un campo scalare che lintegrale curvilineo del campo tra due
punti qualsiasi P0 e P1 risulti indipendente dal cammino percorso.

10.1. GLI OPERATORI GRAD, DIV, ROT

367

Dato un campo vettoriale F : R3 , aperto, di classe C 1 , si pu


dimostrare anche che le seguenti aermazioni sono equivalenti:
i) F ammette potenziale scalare in ;
ii) Lintegrale curvilineo di F dipende solo dagli estremi di integrazionee
non dal cammino fatto per unirli;
iii) Lintegrale curvilineo di F lungo ogni traiettoria chiusa in zero.
Nelle applicazioni il seguente criterio importante per stabilire se un
campo non conservativo.
Teorema 10.2 Sia F = (A, B, C) un campo vettoriale di classe C 1 (),
aperto di R3 . Se F il gradiente di un campo scalare in , allora rot F = 0
in .
Dimostrazione. Poich F il gradiente di un campo scalare, esiste una
funzione : R3 R, tale che F = grad , quindi
A=

, B=
, C=
.
x
y
z

Ne segue che rot F dato da


rot F =
=
=
=


rot (A, B, C) = rot
,
,
x y z

A B
B A
C B

i+

j+

k
y
z
z
y
x
y

2
2

2
2

2

2

i+

j+

k
yz zy
xz zx
yx xy
(0, 0, 0) .

Esempio 10.3 Si consideri il campo vettoriale, definito in R2 \ {(0, 0)} da


F (x, y) =

x2

y
y
i+ 2
j,
2
+y
x + y2

noto anche come campo di Biot-Savart.


Lasciamo al lettore di verificare che in questo caso rotF, ma il lavoro su
una curva chiusa che racchiude lorigine non uguale a zero.
Lesempio precedente mostra che in generale lipotesi rot F = 0 una
condizione necessaria ma non suciente perch un campo vettoriale sia conservativo. Tale condizione diventa suciente se il campo vettoriale F di

368

CAPITOLO 10. APPENDICE 1

classe C 1 () su un insieme stellato rispetto ad un suo punto, o pi in generale semplicemente connesso (ogni curva chiusa contraibile in un punto
dellinsieme).
In letteratura un campo vettoriale con rotore nullo viene detto irrotazionale.

10.1.3

Divergenza di un campo vettoriale.

Un campo vettoriale detto solenoidale quando il flusso del campo attraverso ogni superficie chiusa zero. Questo non vero per un qualsiasi
campo vettoriale e la divergenza misura quanto un campo dierisce
dallessere solenoidale.
Si consideri un campo vettoriale F : R3 R3 , aperto, definito da
F = (A, B, C). Sia V un volume qualsiasi di contenente il punto P ,
diamo una nuova definizione della divergenza di F come:
ZZ
1
F n d
(10.4)
div F = lim
V 0 V
S
dove S la superficie chiusa che racchiude il volume V ed n la normale
uscente alla superficie. V nella (10.4) sta ad indicare la misura del volume V
ed il simbolo V 0 significa che il volume tende a ridursi al solo punto P .

Per un campo non solenoidale si ha un flusso netto attraverso una superficie


infinitesima intorno al punto P ed in questo caso la div F diversa da zero in
quel punto. Verifichiamo che questa definizione coincide con quella gi data in
coordinate cartesiane, limitandoci ad un volume a forma di parallelepipedo.

10.1. GLI OPERATORI GRAD, DIV, ROT

369

Consideriamo un volume come in figura. Il flusso approssimato netto


uscente attraverso le facce parallele al piano xy:

Consideriamo un volume come in figura. Il flusso approssimato netto uscente


attraverso le facce del parallele al piano xy:

A
A
Adydz + Adydz +
dydzdx =
dydzdx .
x
x
Quindi sommando i tre flussi netti uscenti attraverso le facce del parallelepipedo, si ha

ZZZ
ZZ
A B C
+
+
dx dy dz .
F n d =
x
y
z
S
V
Dividendo per la misura del volume V e passando al limite per mis V 0
si ottiene

ZZ
ZZZ
A B C
1
1
lim
+
+
dx dy dz (10.5)
F n d = lim
V 0 V
V 0 V
x
y
z
S
V
e quindi, per la vecchia definizione
div F =

A B C
+
+
.
x
y
z

(10.6)

Se assumiamo la (10.6) come definizione di divergenza di un campo vettoriale, la dimostrazione fatta sopra, anche se limitata ai domini a forma di parallelepipedo, esprime tramite la (10.5) il famoso teorema della divergenza
(teorema di Gauss).

370

CAPITOLO 10. APPENDICE 1

Teorema 10.4 Il flusso di un campo vettoriale F attraverso una superficie


chiusa S uguale allintegrale di volume della divergenza del campo F sul
volume V racchiuso da S :
ZZZ
ZZ
F n d =
div F dV .
S

Se la normale n espressa da cos i+ cos j+ cos k e dV = dxdydz,


allora il teorema della divergenza per ogni componente prende la forma
ZZZ
ZZ
A
dxdydz ,
A cos d =
x
Z ZS
Z Z ZV
B
B cos d =
dxdydz ,
S
V y
ZZZ
ZZ
C
dxdydz .
C cos d =
S
V z
Ancora sulla Divergenza di un Campo Vettoriale
Vogliamo approfondire cosa significhi lessere un campo vettoriale solenoidale
e come la divergenza misuri quanto un campo vettoriale dierisca dallessere
solenoidale.
Si consideri un campo vettoriale F : R3 , aperto, definito da
F = (A, B, C) ed una superficie a forma di tubo contenuta in .

Si consideri una curva chiusa 1 contenuta in e si prendano le linee del


campo F che passano attraverso 1 . Tutte queste linee costituiscono un tubo,
del quale consideriamo un tratto delimitato tra le superfici S1 e S2 , entrambe
con la propriet di essere perpendicolari alle linee di campo. Denotiamo
infine con S3 la superficie laterale del tubo.

10.1. GLI OPERATORI GRAD, DIV, ROT

371

Nellipotesi che il campo vettoriale F sia solenoidale, il flusso totale attraverso lintera superficie S = S1 + S2 + S3 zero. Quindi facendo attenzione
al segno delle normali alle superfici, si ha
ZZ
ZZ
ZZ
ZZ
F n ds =
F n ds +
F n ds +
F n ds = 0 .
S

S1

S2

S3

Lintegrale su S3 zero perch il campo non ha componenenti normali alla


superficie laterale, ne segue che
ZZ
ZZ
F n ds =
F n ds ,
(10.7)
S1

S2

ovvero, se F solenoidale, i flussi attraverso le due superfici trasversali del


tubo sono uguali.
Possiamo interpretare questa eguaglianza in termini infinitesimi, considerando delle superfici sucientemente piccole da trascurare le variazioni
di campo in direzione ed intensit attraverso le due superfici S1 e S2 . Allora,
se F solenoidale, la (10.7) si pu scrivere nella forma
|F1 | mis (S1 ) = |F2 | mis (S2 ) .
Il numero di linee del campo che attraversano S1 deve essere uguale a quello
delle linee che passano per S2 . Allora se mis (S2 ) > mis (S1 ) il numero
di linee per unit di area che attraversano S2 ridotto nella proporzione
mis (S1 ) /mis (S2 ) . In conclusione, in un campo solenoidale il valore di |F|
in ogni punto direttamente proporzionale al numero di linee di campo che
attraversano perpendicolarmente lunit di area.

10.1.4

Rotore di un Campo Vettoriale

Sia F : R3 , aperto, definito da F = (A, B, C) un campo vettoriale


definito da F = (A, B, C), il rotore di F un campo vettoriale definito da

A C
B A
C B

i+

j+

k.
(10.8)
rot F =
y
z
z
x
x
y
Si pu definire il rotore di di F in altra maniera con un processo di limite
sulla circuitazione lungo una curva intorno. Sia P un punto e ed S
una superficie sucientemente qualsiasi (ma sucientemente regolare) contenente il punto P ed avente normale n in P , delimitata da una curva chiusa
C. Assumiamo come definizione di rotore di F :
Z
1
rot F n = lim
F d .
(10.9)
S0 S C

372

CAPITOLO 10. APPENDICE 1

dove d lo spostamento elementare sulla curva C pensata parametrizzata


da = (t). Per ogni direzione n in P esiste un unico limite (abbiamo supposto che A, B, C siano sucientemente regolari); ripetendo questo processo
di limite per ogni direzione (ne bastano tre linearmente indipendenti) si ottiene il vettore rot F nel punto P . Ripetendo poi il calcolo per ogni punto P
si ottiene il nuovo campo vettoriale in .
La nuova definizione pu sembrare un p macchinosa, vogliamo quindi
provare che essa porta alla definizione (10.8), usando le coordinate cartesiane.
Per semplicit partiamo limitandoci al caso piano e dimostriamo il teorema
di Green.
Teorema 10.5 (di Green per un rettangolo nel piano). Sia F = (A, B)
un campo vettoriale di classe C 1 (R), dove R R2 il rettangolo [a, b][c, d].
Allora

Z
ZZ
B A

dx dy =
A dx + B dy ,
x
y
R
R
dove R la curva costituita dai quattro segmenti che delimitano il rettangolo.
Dimostrazione. Fissiamo come verso di percorrenza quello antiorario
come in figura.

Calcoliamo il primo degli integrali doppi, integrando rispetto ad x,


ZZ

B
dx dy =
x
=

e poich lintegrale di linea


si ha che
Z

B dy =

B
dx dy
x

B dy lungo i tratti orizzontali uguale o zero

(B (b, y) B (a, y)) dy .

10.1. GLI OPERATORI GRAD, DIV, ROT

373

Analogamente,

ZZ
Z b Z d
A
A

dx dy =
dy dx
R y
a
c y
Z b
Z
=
(A (x, c) A (x, d)) dy =
a

A dx .

Sommando le due identit si ottiene il teorema di Green nel piano.


Il teorema precedente si generalizza ad un qualunque insieme R R2 limitato
da una curva chiusa = R percorsa in senso antiorario.

Z
ZZ
B A

dx dy =
A dx + B dy .
x
y
R
R

Vogliamo ora estendere questo teorema al caso tridimensionale. La dimostrazione


di tale estensione richiede la conoscenza di dettagli tecnici che esulano dai
nostri scopi, ci limitiamo quindi a riportare il risultato finale.
Teorema 10.6 (di Stokes). Sia S una superficie semplice e regolare (immagine tramite una trasformazione di classe C 2 di una regione di R2 limitata
da una curva semplice chiusa) e sia C la frontiera di S. Sia F un campo
vettoriale di classe C 1 su S, allora si ha:


Z
Z Z
C B
A C
B A
A dx+B dy+C dz

i+
j+
k n ds =
y
z
z
x
x
y
S
C
(10.10)
dove n la normale esterna alla superficie.
Ritorniamo adesso alla definizione di rotore data in (10.9). E facile
riconoscere
nel secondo membro dellidentit (10.10) lintegrale curvilineo
R
F

n
d,
quindi se C una curva chiusa che delimita una superficie pasC
sante per P ed avente normale n in P , dividendo ciascun membro per la
(misura della) superficie S si ha


Z Z
Z
1
C B
A C
B A
1

i+

j+

k n ds =
F n d .
S
y
z
z
x
x
y
S C
S

A questo punto facciamo tendere a zero la misura di S, mantenendo la superficie S sempre tangente al piano perpendicolare alla normale esterna n.
Si ottiene cos
Z
1
rot F n =
F n d
S C


Z Z
1
C B
A C
B A

i+

j+

k n ds
= lim
S0 S
y
z
z
x
x
y
S

A C
B A
C B

i+

j+

k n,
=
y
z
z
x
x
y

374

CAPITOLO 10. APPENDICE 1

trovando nuovamente lespressione del rotore in coordinate cartesiane:

C B
A C
B A
rot F =

i+

j+

k.
y
z
z
x
x
y
Ancora sul campo del rotore
Significato di rotore. Il significato del rotore dovrebbe essere gi chiaro
dalla definizione (10.9). Lessere diverso da zero nel punto P , significa che
la circuitazione di F lungo ogni curva chiusa intorno a P diversa da zero,
ovvero il campo dei vettori intorno a P presenta una tendenza a circolare,
ovvero ruotare intorno alla direzione di n.

Un altro modo di giustificare il nome di rotore che stato dato al campo


vettoriale (10.8) il seguente. Si consideri il campo vettoriale delle velocit
di un insieme di punti O e P che si muovono mantenendosi rigidamente
collegati fra loro (corpo rigido). Dalla fisica sappiamo come varia la velocit
dei punti P ed O
v (P) = v (O) + (P O) ,
dove la velocit angolare caratteristica del corpo rigido.
Si supponga che il punto O sia fisso, ed origine di un sistema di riferimento
fisso di versori (i, j, k) , allora P = x i+y j+z k e = 1 i + 2 j + 3 k, allora
la velocit del punto P
v (P) = ( 2 z 3 y) i + ( 3 x 1 z) j+ ( 1 y 2 x) k .
Calcoliamo il rotore del vettore v (P), si ha

i
j
k

rot v (P) = v (P) =


x
y
z

2 z 3 y 3 x 1 z 1 y 2 x
= ( 1 + 1 ) i + ( 2 + 2 ) j+ ( 3 + 3 ) k =2 .

10.1. GLI OPERATORI GRAD, DIV, ROT

375

Il rotore del campo di velocit risulta uguale a due volte il vettore velocit
angolare del sistema. Si pu pensare al rotore come la tendenza di P a
ruotare intorno ad un punto fisso.
Torniamo alla matrice J F introdotta in (10.2). E noto dalla teoria delle
matrici, che ogni
di una
matrice
reale si pu decomporre nella somme

matrice
simmetrica 12 A + At e di una matrice antisimmetrica 12 A At . Nel caso
di J F si ottiene:

A
A
B
C
0
y
x
z
x

1
B
.
A
0
C
J FJ Ft = B
x
y
z
y
2
C
A
B
C
z y z
0
x

Gli elementi della parte antisimmetrica, ovvero quelli non diagonali, sono gli
elementi del rot F a parte il segno. Se la matrice J F simmetrica, allora
rot F = 0 .
Nello studio del campo del gradiente, abbiamo risposto al seguente problema: dato un campo vettoriale F, esiste un campo scalare tale che F =
grad ?
I campi che godevano di questa propriet si sono chiamati conservativi, ed
abbiamo dato la condizione necessaria rot F (anche suciente se il dominio
semplicemente connesso).
Nello studio del campo del rotore possiamo porci un problema simile:
Dato un campo vettoriale F, esiste un campo vettoriale G tale che F =rot G
?
Dal punto di vista analitico, posto F = (A, B, C) e G = (L, M, N) il
problema posto equivale alla soluzione del sistema di equazioni
A=

M
L N
M
L
N

, B=

, C=

y
z
z
x
x
y

dove le funzioni scalari L, M, N sono le incognite da determinarsi in funzione


di A, B, C. Se L, M, N sono di classe C 2 allora div F = div (rot G) = 0,
quindi
A B C
+
+
=0
x
y
z
condizione necessaria perch esista un campo G di cui F sia il rotore.
Esempio 10.7 Si consideri il campo vettoriale F, nella regione D dello
spazio R3 delimitata da due sfere concentriche di centro O = (0, 0, 0) e raggi
a e b, definito da:
F (P O) =

x i + y j+z k
P O
.
3 =
|P O|
(x2 + y 2 + z 2 )3/2

376

CAPITOLO 10. APPENDICE 1

Con qualche calcolo si vede che


div F =

y 2 + z 2 2x2

(x2 + y 2 + z 2 )5/2

x2 + z 2 2y 2

x2 + y 2 2z 2

(x2 + y 2 + z 2 )5/2 (x2 + y 2 + z 2 )5/2

= 0.

Supponiamo ora (per assurdo) che esista un campo vettoriale G tale che
rot G = F . Se cos fosse, per il teorema di Stokes si avrebbe
Z
ZZ
rot G n d =
G d ,
(10.11)
S

dove S una superficie sferica di di raggio R concentrica con le superfici che


delimitano il dominio D con a < R < b, a cui stata tolta una calotta polare
(vedi figura)

O
La frontiera di S la circonferenza C con normale n = |PP O|
. Valutiamo il
flusso del rotore di G.
ZZ
ZZ
ZZ
1
P O
Area di S
P O
d = 2
rot G n d =
d =
3
|P O|
R
R2
S
S |P O|
S

essendo ogni punto P della sfera distante R da O. Se riduciamo la calotta


polare al solo punto del polo, larea della sfera diventa 4R2 ed il flusso del
rotore di G diventa 4. vediamo adesso lintegrale curvilineo in (10.11)
Z
Z

G d max |G| d = (max |G|) (lunghezza di C) .

Quando la calotta tende al polo, la lunghezza di C e quindi anche lintegrale,


tendono a zero. Il teorema di Stokes (10.11) non vale, siamo caduti in assurdo
e quindi non esister in D un campo vettoriale G tale che rot G = F .
Lasciamo al lettore di verificare che in questo caso rotF = 0 ma il lavoro su
una curva chiusa che racchiude lorigine non zero.

10.1. GLI OPERATORI GRAD, DIV, ROT

377

Lesempio precedente dimostra che in generale lipotesi div F = 0 una


condizione necessaria ma non suciente perch un campo vettoriale F sia un
rotore. Lesempio dato mostra che le dicolt nascono dalle propriet del
dominio, ma non vogliamo dare qui le condizioni pi generali sotto le quali
la condizione div F = 0 diventa suciente. Ci limitiamo al seguente:
Teorema 10.8 Sia F : R3 R3 , aperto, un campo vettoriale di
classe C 1 (). Sia = (a, b)(c, d)(e, f ), allora esiste un campo vettoriale
G tale che rot G = F se e solo se div F = 0.
Prima di concludere mettiamo un po dordine nella terminologia. In
letteratura un campo vettoriale F tale che div F = 0 si dice solenoidale.
Dopo quanto detto sopra, evidente che questa definizione non sempre in
accordo con quella gi data (un campo detto solenoidale quando il flusso
del campo attraverso ogni superficie chiusa zero). Le due definizioni sono
equivalenti quando la regione ha la propriet che ogni superficie chiusa
in la frontiera di un solido giacente interamente in . Vale il seguente
teorema:
Teorema 10.9 Il flusso di un campo vettoriale F attraverso una superficie
chiusa S che racchiude una certa regione dello spazio R3 in cui definito il
campo, zero, cio
ZZ
S

F n d = 0

se e solo se esiste un campo vettoriale G tale che F =rot G .