You are on page 1of 11

Appunti 03 - serie numeriche.

A cura della prof. B.Bacchelli


Riferimenti: R.Adams, Calcolo Differenziale 1 - Si consiglia vivamente di
fare gli esercizi del testo.
Serie numeriche: definizione, serie convergente, divergente a +, a
, serie divergente; serie geometrica, serie armonica, condizione neces-
saria di convergenza(teo4), teoremi 4-5-6-7.

Def. Serie numerica. P



Una
Pnserie numerica reale n=0 an e la successione delle somme parziali :
sn = k=0 ak .
an e detto termine generale della serie.
Def. Serie convergente, divergente, irregolare.
- Se la successione
P sn converge a L , diciamo che la serie converge e ha
per somma L ( n=0 n = L).
a
- Se la successione sn diverge a + (o a ) , diciamo che la serie
diverge a + (o a )
- Se la successione sn e indeterminata (ne convergente ne divergente),
diciamo che la serie e indeterminata.
Def. Serie regolari: Le serie convergenti o divergenti a + (o )
sono dette regolari.
Def. Carattere della serie: Con carattere di una serie si intende il suo
comportamento, cioe che sia convergente, divergente o indeterminata.
Teorema 4. Condizione necessaria di convergenza: Se la serie
converge, il suo termine generale tende a zero.
In simboli:
X
an = L an 0
n=0
N.B. La condizione NON E SUFFICIENTE!
PER ESEMPIO
la serie armonica (esempio 4, paragrafo 5.2)
X
1
n=1
n
e divergente a + (esempio 4, paragrafo 5.2):
1 1
anche se il suo termine generale an = e infinitesimo (cioe 0).
n n

1
P P
Teorema 5. 1 an converge se e solo se n0 an converge per ogni
n0 1.

La serie geometrica

X 1
qn = , se 1 < q < 1.
n=0
1q

q viene detta ragione della serie geometrica

N.B.
X q n0
qn = , se 1 < q < 1.
n=n0
1q

n
P 2 1 P 4 n 1 7
ES:. = =3; n=0 ( ) = =
n=0
3 1 2/3 7 4 11
1+
7
P 1 e P 1 n 1 7 1 1
en = = ; n=7 ( ) = ( ) =
n=0
1e 1 e1 4 4 1 46 5
1+
4
n
9 9 9 9 P 1 9 1
0.9 = + + 3 + .... = = =1
10 100 10 10 n=0 10 1 10
1
10
(ecco perche per avere lunicita della rappresentazione decimale devo es-
cludere il periodo 9 !)

Teorema 6. Una serie a termini positivi e regolare: o converge


(se le sue somme parziali sono limitate), altrimenti diverge a +.
Infatti la successione delle somme parziali e monotona.

Teorema
P 7.P
can = c an , c 6= 0
P P
Se Pan = A e bn = B , allora
i) (an bn ) = A B
ii) se an bn , n, allora A B
P P P
Se an = A e bn diverge , allora (an bn ) diverge
P P
Se an diverge a + e bn diverge a + , allora

2
P
i) (an + bn ) diverge a + P
ii) nulla si puo dire sul carattere di (an bn )

p- serie (zita di Rieman):


P 1
converge se e solo se p > 1
np
Criteri di convergenza per le serie a termini positivi
Ricordo che le serie a termini positivi sono regolari, o convergono o di-
vergono a +.
Teorema 9. Criterio del confronto.
Se definitivamente 0 an K bn allora
P P
(a) se la serie bn converge, allora pure la serie an converge;
P P
(b) se la serie an diverge, allora pure la serie bn diverge.

ES:
P log n log n 1 P P
: an = > , 1/n diverge an diverge.
n n n
P log n 3 1 1
3/2
: si ha = 1 + + e quindi
n 2 4 4
log n 1 log n 1 P 1 P
an = 3/2 < 1+1/4 1/4 < 1+1/4 , 5/4
converge an converge.
n n n n n
P log n 1 log n 1 P 1 P
: an < < , converge an converge.
n3 n2 n n2 n2
Osserviamo che (a) e una condizione sufficiente per la convergenza, (b) e
una condizione sufficiente per P la divergenza.
PN.B. Se 0 a n b n e bn diverge, non si puo dire nulla sul carattere
di an . P
P Se 0 an bn e an converge, non si puo dire nulla sul carattere di
bn .

3
Teorema 10. Criterio del confronto asintotico.
an P P
Se an > 0, bn > 0 e an bn (cioe lim = 1), allora le serie an e bn
bn
hanno lo stesso carattere.

ES:
P 3n4 2n + 5 3n4
: a n 9 0 la serie diverge
sin n7 4n3 4n3
P 3n2 2n + 5 3
3/4 3
: an armonica (divergente) la serie diverge
n n n
2
P 3n4 2 cos n + 5 3n 1
7 3
: an 7
= 3/2 5 p-serie con p=5 la
2n 4n 2n n
serie converge
P 2n7 + 32n 9
n
: an ( )n 9 0 la serie diverge
5 +2 5
7
P 2n + 3 n
3
n
: an ( )n geometrica di ragione 3/4 (convergente) la
4 + 2n 4
serie converge
P n 3 log n n 1
3 : a n 3 = (p s)-serie con-
n2 log n + 2n2 log n n2 log n n log3 n
vergente la serie converge

Teorema 11. Criterio del rapporto.


an+1
Sia an > 0 e lim = L (finito o +) allora
an
P
(a) se L < 1 la serie an converge
P
(b) se L > 1 o L = + la serie an diverge
(c) se L = 1 il criterio non fornisce informazione.
P 1
Esempio in cui L = 1 e la serie converge:
n2
P1
Esempio in cui L = 1 e la serie diverge:
n
ES:
c
N.B. Per questo criterio spesso e utile il limite notevole lim(1 + )n = ec
n
Pn 3 3
an+1 (n + 1) n! n+1 3 1
: = 3
=( ) 0 la serie converge
n! an (n + 1)! n n n+1

4
P n! an+1 (n + 1)! nn (n + 1)n! nn
: = = =
nn an (n + 1)n+1 n! (n + 1)n (n + 1) n!
n
n 1 1
= = = e1 la serie converge
n+1 n+1 n 1 n
( ) (1 + )
n n

Teorema 12. Criterio della radice.



Sia an 0 e lim n an = L (finito o +) allora
P
(a) se L < 1 la serie an converge
P
(b) se L > 1 o L = + la serie an diverge
(c) se L = 1 il criterio non fornisce informazione.
P 1
Esempio in cui L = 1 e la serie converge:
n2
P1
Esempio in cui L = 1 e la serie diverge:
n
ES:
N.B. Per questo criterio spesso e utile il limite notevole lim n na + b = 1
P n+1 n n+1
( ) : n an = 1/2 la serie converge
2n 1 2n 1

n
P n5 n5
: n an = 1/3 la serie converge
3n 3
P 2
en : n an = en 0 la serie converge
P n + 1 n2 n+1 n 2 n
2n ( ) : n an = 21 ( ) = 21 (1 + ) e2 /2
n1 n1 n+1
la serie diverge

P
P Def. Convergenza assoluta: Se |an | converge, si dice che la serie
an converge assolutamente
P P
Def. Convergenza semplice: P Se la serie an converge ma |an |
diverge, si dice che la serie an converge semplicemente.
P 1
Per esempio, la serie (1)n converge semplicemente, per il criterio di
n
Leibnitz (vedere poco oltre).

5
Teorema 13. Se una sere converge assolutamente, allora converge:
X X
se |an | converge an converge


an , se an 0 0 , se an 0
Infatti an = a+
n an ,
dove a+
=n

e an = .
0 , se an < 0 Pa n ,Pse an < 0
Evidentemente 0 a+ n P|an | e 0 a
n |an | quindi le serie a+
n e a
n
convergono; quindi anche an converge essendo differenza di due serie con-
vergenti.

Criterio di convergenza per le serie a segni alterni

PTeorema n1
14. Criterio di Leibnitz. Sia data una serie a segni alterni
n=0 (1) an ,dove
1) an > 0,
2) an 0,
3) an+1 an per n 0
P
Allora la serie n=0 (1)
n1
an converge .
Inoltre, detta S la somma, vale la limitazione dellerrore:

|S sn | |an+1 |

P P
N.B.: n=0 (1)
n1
an = n=0 (1)
n1
bn con bn = an e quindi anche
tale serie soddisfa il criterio di Leibnitz, anche se la successione bn e negativa e
crescente a zero. Cioe, se trovo
P che la successione bn e infinitesima e crescente
non significa che la serie ()n bn non verifichi il criterio di Leibnitz, ma
significa che bn e negativa, e bn P e lopposto di una successione an positiva,
decrescente a zero, cioe laP serie (1)n an con an = bn soddisfa il criterio
di Leibnitz, quindi anche (1)n bn converge, essendo lopposto di una serie
che soddisfa il criterio di Leibnitz.

P 1 1 1
ES. 1. 1 () n1
log(cos( )) |an | log(1 ) e la serie
n 2n 2n
diverge assolutamente;
1
la successione an = log(cos( )) e crescente tendente a zero quindi la
P P n
n1 n1
serie 1 () an = 1 () (an ) e semplicemente convergente per
Leibnitz.
P 2 + (1)n
2. 1 questa e una serie a termini positivi
2n

6
n
3 P 1 P 1
an n1 e la serie converge , inoltre la somma e
0 + 1 =
2 2n 2
1 1/2 5
+ =
1 1 3
1 1+
2 2
P (1)n
3. an 9 0 quindi manca la condiz. necessaria di
1 1
log(1 + )
n
convergenza e la serie diverge.
P enx
4. Stabilire per quali x R la serie 2 converge.
n
Per ogni x e serie a termini positivi; applico il criterio della radice:
p ex
n
an (x) = ex
n
n
se ex < 1, cioe x > 0, la serie converge,
se ex > 1, cioe x < 0, la serie diverge,
se ex = 1, cioe x = 0, non si puo concludere, e devo riconsiderare la
serie data:
P 1
x=0: 2 serie divergente a + (e serie armonica),
n
quindi riassumendo la serie converge per x (0, +).

7
P (2x 1)n
5. Stabilire per quali x R la serie 2 converge
n log n p
Applico il criterio della radice alla serie dei valori assoluti: n |an (x)| =
|2x 1|
|2x 1|
n
n log n
se |2x 1| < 1, cioe 0 < x < 1, la serie converge (assolutamente),
se |2x 1| > 1, cioe x < 0, x > 1, la serie diverge,
se |2x 1| = 1, cioe o x = 0 o x = 1, non si puo concludere, e devo
riconsiderare la serie data per tali valori:
P (1)n
x=0: 2 serie convergente per Leibnitz,
n log n
P 1
x=1: 2 serie divergente a + (e serie campione),
n log n
quindi riassumendo la serie converge per x [0, 1).

N.B. : Il criterio fornisce solo una condizione sufficiente di convergenza,


non e necessaria.
Esempio di serie semplicemente convergente che non soddisfa il criterio
di Leibnitz:
X (1)n
1
n + (1)n
si ha |an+1 | |an | solo per n dispari, quindi la serie data non soddisfa Leib-
nitz,
ciononostante converge semplicemente: infatti poiche
(1)n n (1)n (1)n (n (1)n ) (1)n n 1
an = = =
n + (1)n n (1)n n2 P1 n2 1 n2 1
n n
Pcioe an = (1) bP n cn , si ha facilmente (1) bn c.sempl. per Leibnitz
e cn converge an converge semplicemente.

Si osservi inoltre che non e lecito passare allasintotico per dedurre la


monotonia:
1 1
|an | = non e monotona, mentre lo e.
n + (1)n n

ES. Dire quanti termini della serie occorrono per calcolare la somma con
un errore minorendi = 103
P (1) 1
1. 1 ; basta risolvere la disequazione < , cioe n > 1000
n n
1001 termini.
P 1 1
2. 1 (1)n ; < 1 + 2n > 1000 9 termini.
1 + 2 n 1 + 2n

8
Def. Serie telescopiche. Sono le serie che il cui termine generale an si
puo scrivere
P come differenza di due termini successivi di una successione bn ,
cioe 1 (bn bn+1 ).
Per tali serie la successione delle somme parziali e sn = b1 bn+1 e la
somma S si calcola facilmente dalla definizione:

S = lim sn = b1 lim bn

Per esempio,
P 1 P 1 1
la serie Mengoli: 1 =
1 ( ) = 1.
n(n + 1) n n+1

Per ciascuna serie dimostrare che converge alla somma indicata.


P 1 1
1 =
(2n 1)(2n + 1) 2
1 1 1
infatti an = ( )e
2 (2n 1) (2n + 1)
1 1 1 1 1 1
sn = (1 + + + ... )
2 3 3 5 (2n 1) (2n + 1)

P (1)n (2n + 1) 1
2 =
n(n + 1) 2
()n ()n+1
infatti an = ...
n n+1
P 2n + 1 1
3 =
n2 (n
+ 1) 2 9
1 1
infatti an = 2 ...
n (n + 1)2
P 2 P 2n + 3n 3
1 n1
= 3 1 n
=
3 6 2
(queste non sono serie telescopiche....)
P 1
0 (x2 1)n =
2
, se x ( 2, 0) (0, 2)
x
P n
Supponendo noto che x
0 x /n! = e per ogni x, dimostrare
P n + 1
2 = 2e 3
n!

9
Esercizi
P n 1
1 (an div.)
(4n
2)(4n 1) 16n
P 2n 1 log(5n + 1) log n n1/3 2
1 (an 2 3/2 < 2 3/2 = 7/6 conv.)
n(n + 1) n n n
P n + 3
1 ( n an 1/3 conv.)
3n
P n + 22n
1 (an 9 0, div.)
3n
P (1)n
2 (|an | 1/n, div.ass., conv.s. per Leib.)
log(en + en )
P n2
1 n
( n an 1/2 conv.)
2
P 1
2 (an > 1/n div.)
(log n)4
P sin nx
1 (|an (x)| 1/n2 conv. (assolut.) per ogni x)
n2
P n! 1
1 (an 3 conv.)
(n + 3)! n
P
1 ne n2
( n a 0
n conv.)
P 1 + n + cos n3 1
1 2
(an 3/2 conv.)
P 1/n (n + 1) 1 n
n
1 (n 1) ( an 0 conv.)
n

P 1
1 ( en ) (an 1/n, div.)
n
P 1
1 ( 2 e
1/n
+ 1) (an 1/n, div.)
n
P 1 1
1 ( 2 sin ) (an 1/n, div..)
n n
P (1)n (1)n n
1 (moltiplico e divido per ... an =
n + (1)n n1
1
, div..)
n1
P (1)n
1 (idem..., conv. sempl. ma non verifica Leib.)
n3/2 + (1)n
P 1 1
1 cos 1 (an 2 , conv.)
n 2n
P n!
1 n (an 9 0 div.)
2n
P 3 n!
1 (an 9 0 div.)
nn n
P 2 n! an+1
1 n
( 2e1 conv.)
n an

10
P (1)n
2 (an 9 0 div.)
(log n)1/n
P n(n + 2) 1
2 log( 2
) (an 2 , conv.)
(n + 1) n
P n(n + 2)
2 ( ) (an 9 0, div.)
(n + 1)2
2
P
1 (e
n 1) (an 2/n, div..)
P 10
2n (3 log x)
5 (3 log x) = se e1/3 < x < e1/3 .
1 (3 log x)2
P 1
2 log(1 + ) (an 9 0 div.)
|sin n|
P n 1 1
1 (1) (1 n sin ) (|an | 2 , conv.ass.)
n 6n
P n 31 a
(1) n
( n+1
1
(n + 1)! an 0 conv.ass.)
P (1)n 1
1 2 (|an | , conv.ass.)
n log (n + 1) n log2 n
P (1)n 1
1 sin (|an | , div..ass., c.sempl ( Leib.))
n n
P 1 1
0 = se x < 1, x > 3.
(2 x)n x1
P n 2x
0 (2 x) = se 1 < x < 3..
1x
P x n
1 ( ) = x se x < 1/2..
x1
P n 1 1 + 5
0 ( x + 2 x) = se 2 < x < .
1+x x+2 2
P 1
1 n ( n an 0 conv.)
log (n + 1)
P 1 1
1 arcsin (an div.)
n n

11