You are on page 1of 7

Questo sito web utilizza i cookie per assicurare una migliore esperienza di navigazione, oltre ai cookie di natura tecnica

sono utilizzati anche cookie di profilazione utente e cookie di terze parti. Per saperne di più, conoscere i cookie
utilizzati ed esprimere il tuo consenso accedi alla pagina Cookie - Se prosegui nella navigazione di questo sito
acconsenti all’utilizzo dei cookie.

 

monachesimo
di Antonio Menniti Ippolito - Enciclopedia dei ragazzi (2006)

Crea un ebook con questa voce | Scaricalo ora (0)

Condividi    

Monachesimo

Alla ricerca di una vita religiosa perfetta

La parola monaco viene dal greco mònos, che significa «solo». Il monaco è colui che si
isola dal mondo per compiere un cammino di ricerca spirituale, caratterizzato dalla
rinuncia e dalla preghiera. I primi monaci vissero da eremiti, poi prevalse un modello
di vita comunitaria.

Rinunciare al mondo

Per un monaco è fondamentale l’idea di rinuncia: egli si isola dal mondo per dedicarsi
interamente alla ricerca di una vita religiosa perfetta; al ritiro si affiancano pratiche
ascetiche, come digiuno, povertà, forme di mortificazione di sé, sostenute dalla
meditazione e dalla preghiera. Tutte le forme di monachesimo hanno almeno all’inizio
identificato questo percorso con l’eremitismo. I monaci si ritiravano in luoghi
inaccessibili, come deserti o alture: questa è la fase dell’anacoretismo (da una parola
greca che significa «ritirato», «appartato»). Poi prevalsero forme di vita comunitaria
– fase del cenobitismo (dal greco koinòs bìos «vita comune») – nell’ambito delle quali i
monaci accettano di osservare delle norme, definite regola, cui sottoporsi per vivere
disciplinatamente in comunità.

Monachesimo orientale non cristiano

Si ha notizia di monaci in India, nell’ambito dell’induismo, a partire dal 2° millennio


a.C. I monaci erano individui che abbandonavano ogni avere per dedicarsi con
assoluta libertà alla meditazione, alla preghiera, al miglioramento di sé. Vivevano di
elemosina e pellegrinavano tra luoghi di culto. Ancora oggi, non sono pochi in India
coloro che, magari nel corso di una esistenza ‘normale’, si spogliano di tutto per
praticare questo genere di vita.

Il modello fu adottato anche dai giainisti e dai buddisti (Buddha e il buddismo), che
sono seguaci di altre religioni affermatesi in quell’area (nel 6° secolo a.C.). I buddisti
disciplinarono con regole molto complesse l’immissione nella vita monastica e loro
monasteri sono diffusi in tutto l’Oriente (e meno frequenti proprio dove il buddismo
nacque, ossia in India). In area islamica il monachesimo si identificò nel sufismo
(misticismo), a partire dal 9° secolo. Tra il 12° e il 13° secolo i sufi costituirono vere e
proprie confraternite.

Il primo monachesimo cristiano

I primi monaci cristiani appaiono in Egitto, nel 4° secolo. All’inizio vivevano isolati,
poi si raggrupparono, organizzandosi in comunità. A spingerli a ciò fu l’esempio di
alcuni monaci, s. Antonio abate e Pacomio anzitutto. Antonio, nato in Egitto tra il
251 e il 252, iniziò come eremita, ma finì col raccogliere attorno a sé molti discepoli,
attratti dal suo esempio. Pacomio intorno al 322 fondò un monastero in cui si
raccolsero un centinaio di monaci. Chi viveva in quel luogo doveva obbedire al capo
della comunità e sottoporsi alla regola comune che si proponeva di garantire il bene
di tutti. I monaci indossavano un rozzo saio e dormivano in celle separate, però
mangiavano, pregavano e lavoravano insieme.
L’esperienza di Pacomio ebbe un grande successo, non solo in Egitto (dove i monaci
arrivarono a essere decine di migliaia), ma anche in Palestina, in Grecia e in tutto
l’Occidente. Egli aveva trovato la sintesi tra l’ideale di una vita ascetica e l’aspirazione
a condividere tale percorso in comunità.

Benedetto da Norcia

Il fondatore del monachesimo occidentale è però Benedetto da Norcia (nato nel 480
circa e morto nel 547). Nato da famiglia nobile, studiò a Roma per dedicarsi poi alla
vita eremitica. Chiamato a governare una prima volta una comunità monastica, quella
di Vicovaro, fallì per l’indisciplina dei monaci. Tentò allora una nuova esperienza di
vita comunitaria presso Subiaco, dove fondò 12 monasteri, ma anche qui sorsero
problemi con i confratelli. Tra il 525 e il 529 arrivò così a Cassino: sulla cima del
monte fondò un nuovo monastero, lì dove sorgeva un tempio pagano (sua sorella
Scolastica ne istituì a sua volta uno femminile nelle vicinanze).

La vita comunitaria era organizzata a Montecassino da una regola elaborata con


grande equilibrio e moderazione. I monaci non erano sottoposti a norme
particolarmente severe e tutto era predisposto per garantire una serena vita comune,
come in una famiglia naturale di fratelli governata da un padre. Questi era l’abate, che
era aiutato da altri superiori e dal consiglio dei confratelli. Il monastero era una specie
di Stato autosufficiente, luogo di preghiera e di lavoro, e il precetto ora et labora, ossia
«prega e lavora», racchiude l’essenza del monachesimo benedettino (abbazie). I
monaci lavoravano nei campi, ma anche nelle biblioteche dei monasteri, dove si
dedicavano allo studio e alla copia manuale delle Sacre Scritture, di libri liturgici e di
altri testi.

Cassiodoro e Colombano

Nel tempo di Benedetto fiorirono tuttavia altre esperienze monastiche, come quelle di
Cassiodoro e di s. Colombano. Cassiodoro (vissuto tra il 490 e il 580) ebbe un ruolo
politico rilevante nella ricerca di una intesa tra i Romani e i Goti; con l’esplodere del
conflitto tra questi ultimi e i Bizantini si ritirò in Calabria, e a Vivario, nei pressi di
Squillace, dove era nato, fondò un monastero, dotato di una ricca biblioteca.
Qui promosse una intensa attività culturale: traduzioni di opere greche, scritti di
formazione religiosa, copia manoscritta di testi antichi. Con ciò indicò un modello di
attività poi proficuamente seguito nel mondo monastico. Colombano era invece
irlandese, e visse tra il 540 e il 615. Fondatore di vari monasteri in Francia, in quello
di Luxeuil elaborò una regola assai rigorosa, che prescriveva un percorso di
realizzazione spirituale caratterizzato da dure pratiche penitenziali. La regola di
Colombano ebbe ampia diffusione iniziale, poi finì col prevalere quella di s.
Benedetto.

Il ruolo dei monaci

Nel generale scadimento della vita civile, economica e politica che seguì la fine
dell’Impero Romano, i monasteri costituirono piccole isole quiete e operose. I monaci
tramandarono la cultura dell’antichità studiandone e riproducendone le opere. Non
solo, costituirono pure un vivaio di uomini colti e preparati che vennero
continuamente utilizzati da papi e imperatori per opere di evangelizzazione ma
anche, per esempio, per attività come la bonifica di terreni incolti.

Ciò portò a uno snaturamento della missione monastica: i monaci erano sempre più
impegnati nelle cose del mondo, e le ricchezze e i possedimenti dei monasteri
diventavano sempre più grandi. Tra l’8° e l’11° secolo un ampio movimento di riforma
scosse così il monachesimo. Fu soprattutto per iniziativa dei monaci del monastero
francese di Cluny, nel 10° secolo, che questo nuovo spirito religioso prese forme più
mature. Da Cluny si affermò un messaggio di riforma spirituale della Chiesa, che
doveva riscattarsi dalla corruzione che la dominava e dalle ingerenze del potere
politico che subiva. I monaci di Cluny, che definirono una nuova regola, eliminarono
l’obbligo di dedicare parte del tempo al lavoro manuale: i religiosi dovevano anzitutto
dedicarsi alla preghiera e al silenzio. Cluny e la rete dei monasteri collegati, infine, per
evitare interferenze delle autorità locali, civili ed ecclesiastiche, si posero direttamente
sotto la dipendenza della Santa Sede.

Nuove congregazioni

Cluny divenne una potenza (religiosa ed economica) e finì a sua volta con il decadere.
Tra l’11° e il 12° secolo ciò determinò nuove fondazioni di ordini benedettini che si
proponevano un’applicazione più rigorosa della regola: camaldolesi, virginiani,
cistercensi, e ancora in seguito silvestrini, olivetani e così via.

Ma il modello monastico, nonostante tutto questo, declinò. A partire dal 13° secolo i
nuovi ordini mendicanti imposero modelli di vita religiosa diversi, fondati sulla
partecipazione, sulla presenza sociale attiva. I monasteri finirono per costituire
soprattutto serbatoi di rendite ecclesiastiche e molte congregazioni a poco a poco
vennero soppresse.

Soltanto nell’Ottocento il monachesimo benedettino ebbe un risveglio. Nel 1964, poi,


papa Paolo VI, riconoscendo la funzione avuta dai benedettini soprattutto nei secoli
bui dell’Alto Medioevo, ha proclamato Benedetto da Norcia patrono d’Europa.

VEDI ANCHE

benedettini
Religiosi, uomini e donne, che vivono secondo la regola benedettina (camaldolesi, cistercensi e trappisti,
mechitaristi, olivetani, silvestrini e vallombrosani). In senso più stretto quelli riuniti nella confederazione
benedettina, o benedettini confederati.  ● La regola benedettina, frutto dell’esperienza ...

Benedétto di Montecassino
Benedétto di Montecassino. - Nome, come monaco, di Guaiferio da Salerno.

cenobitismo
Forma di vita monastica caratterizzata dalla vita in comune, con la condivisione del tempo del lavoro, della
preghiera e della liturgia, e solitamente anche dei pasti. Il cenobitismo si contrappone all'eremitismo. Il più
grande teorico del cenobitismo fu Basilio di Cesarea (ca. 330-379), che lo vide ...

congregazióne cluniacènse
cluniacènse, congregazióne Unione di più monasteri benedettini sotto l'autorità dell'abate di Cluny. Fu
istituita (910) da Bernone di Cluny, che compì la prima riforma dell'ordine benedettino, che fino al 10° sec.
aveva sempre sottolineato l’indipendenza delle singole abbazie, legate fra loro esclusivamente ...

Pubblicità

CATEGORIE

ORDINI CONGREGAZIONI E CULTI MARGINALI in Religioni

ALTRI RISULTATI PER MONACHESIMO


monachesimo
Dizionario di Storia (2010)
Complesso fenomeno religioso, con numerosi addentellati sociali e culturali, per cui, nelle maggiori
religioni, individui si allontanano dalla consueta vita sociale, per realizzare nel modo più completo in
vita solitaria (anacoretismo) o in vita di comunità (cenobitismo) i principi della fede. Come ...

monachesimo
Enciclopedia on line
Complesso fenomeno religioso per cui, nelle maggiori religioni, alcuni individui si allontanano dalla
consueta vita sociale, per realizzare nel modo più completo i principi della fede in vita solitaria
(anacoretismo) o in vita di comunità (cenobitismo). 1. Tipi di monachesimo Nell’induismo si riscontra
...

EZZELINO II DA ROMANO, IL MONACO


Federiciana (2005)
Ezzelino II da Romano, il Monaco In una lettera spedita nel 1238 a Federico II, Ezzelino III da
Romano, secondo il contemporaneo cronista Rolandino da Padova, avrebbe ricordato che, essendo
stato suo padre EZZELINO II DA ROMANO, IL MONACO un suddito obbediente dell'Impero e della
Corona, anch'egli ...

Monachesimo
Enciclopedia delle scienze sociali (1996)
MONACHESIMO Monachesimo cristiano di Vito Fumagalli sommario: 1. Lo spirito del
monachesimo. 2. Il monachesimo orientale cristiano. 3. Il monachesimo occidentale.  4.
L'evangelizzazione e la colonizzazione ad opera dei monaci. 5. L'apogeo del monachesimo. 6.
L'agricoltura monastica. 7. Le riforme ...

Mostra altri risultati 

VOCABOLARIO

monachéṡimo
monachéṡimo (non com. monachismo) s. monachesimo [der. di monaco]. – Complesso fenomeno religioso,
caratteristico di quasi tutte le maggiori religioni, consistente nell’abbandono della vita sociale da parte di
individui che, in genere rinunciando anche...

convèrso³

convèrso3 s. m. [dal lat. eccles. conversus «convertito»; v. la voce prec.]. – Nell’antico monachesimo,
uomo passato a professione monastica in età adulta; in seguito, con l’elevazione dell’ordine monastico al
grado sacerdotale, fratello laico che, nelle...

Pubblicità


Treccani © All rights Reserved |
Partita Iva 00892411000


Copyright | Contatti | Redazione | Informazioni sulla Privacy | Informazioni sui Cookie | Condizioni d'uso | Termini e condizioni