You are on page 1of 24

COME PROGETTARE UNAPPLICAZIONE SCADA/HMI CON IFIX VERSIONE 5.

X DI GE INTELLIGENT PLATFORMS

ServiTecno s.r.l. Via Raffaello Sanzio, 5 - 20090 Cesano Boscone (MI) Tel. 02/48.61.41 - Fax 02/48.61.441 www.servitecno.it - info@servitecno.it

Vers. 5.0 Giugno 2010

Tutte le informazioni riportate nel presente manuale sono modificabili in qualsiasi momento da ServiTecno. Lutilizzo delle medesime non consentito se non a seguito di autorizzazione di ServiTecno.

Come sviluppare applicazioni Scada HMI

Versione 5.0 Giugno 2010

SOMMARIO
1 2 2.1 2.2 3 3.1 3.1.1 3.1.2 3.1.3 3.1.4 3.2 3.2.1 3.3 3.3.1 3.3.2 3.3.3 3.3.4 4 4.1 4.1.1 4.1.2 4.1.3 4.2 4.2.1 4.3 4.3.1 4.4 4.4.1 5 5.1 5.2 5.3 6 Oggetto .................................................................................................................................................................. 5 Lattenzione alla produttivit ................................................................................................................................. 5 Integrit e sicurezza dei dati ..................................................................................................................................5 Sviluppo rapido, facilit di gestione .......................................................................................................................5 Come raggiungere un alto livello di integrit e sicurezza dei dati ............................................................................ 6 Strumenti per ottenere la compliance ...................................................................................................................6 Come implementare la firma elettronica ..........................................................................................................6 Le firme elettroniche in azione .........................................................................................................................8 Come raccogliere i segnali di allarme e gli eventi .............................................................................................9 La sincronizzazione con il sistema di sicurezza di Windows ............................................................................10 Unimplementazione rapida ................................................................................................................................10 Come aggiornare il database di processo .......................................................................................................10 Strategie di implementazione ..............................................................................................................................11 Identificazione dei gruppi di sicurezza, degli utenti e delle aree di sicurezza .................................................11 Identificare i parametri che richiedono la firma elettronica ...........................................................................12 Come implementare ODBC alarm logger ........................................................................................................12 Laccesso allaudit trail ....................................................................................................................................12

Uno sviluppo veloce ............................................................................................................................................. 13 Grafici ..................................................................................................................................................................13 Wizard per la creazione di videate ..................................................................................................................13 Come creare la grafica ....................................................................................................................................14 Come utilizzare il wizard per i gruppi di grafici ...............................................................................................17 Le opzioni per linserimento dei dati ...................................................................................................................17 Tastiera popup sullo schermo .........................................................................................................................17 Integrazione web .................................................................................................................................................18 Dynamo di Proficy Real Time Information Portal (ex infoAgent) ....................................................................18 Come gestire lapplicazione .................................................................................................................................19 Cross Reference Report Tool ..........................................................................................................................19

Come integrare iFix con i tool pi aggiornati ........................................................................................................ 21 Supporto per Windows XP, 2000, NT...................................................................................................................21 SQL Option per SQL Server 2000 .........................................................................................................................21 Crystal Report ......................................................................................................................................................22 Conclusioni .......................................................................................................................................................... 22

Come sviluppare applicazioni Scada HMI

Versione 5.0 Giugno 2010

Questa pagina stata lasciata intenzionalmente bianca

Come sviluppare applicazioni Scada HMI

Versione 5.0 Giugno 2010

OGGETTO

GE Intelligent Platforms continua a svolgere il proprio ruolo di leader nel settore industriale grazie alle soluzioni software pi flessibili, produttive e innovative, che adesso sono state aggiunte alla nuova generazione di prodotti SCADA, iFIX versione 5.x. La versione 5.x di iFIX rappresenta un progresso sotto molti aspetti, ma in particolare lenfasi va posta sui due oggetti principali: la sicurezza dei dati e lefficienza nello sviluppo. iFIX 5.x nasce attorno alle funzioni centrali del sistema SCADA di iFIX per fornire la sicurezza e lintegrit dei dati. Questi miglioramenti possono essere daiuto, sia ai settori regolamentati, sia a quelli che non sono sottoposti ad alcuna normativa speciale, per trarre vantaggio dalla raccolta e dallo scambio di informazioni elettroniche, mantenendo nel frattempo il massimo livello di sicurezza per quel che riguarda laccuratezza e la validit dei dati. Nuove funzionalit, wizard e strumenti sono stati aggiunti al pacchetto SCADA di iFIX per rendere ancora pi semplice la possibilit di creare pacchetti SCADA completi di tutte le funzioni, che cio contengano tutte le pi potenti opzioni di iFIX disponibili. In questo documento vengono riviste e discusse tutte le caratteristiche di iFIX versione 5.0. Inoltre, viene spiegato lutilizzo delle nuove funzioni per creare le applicazioni SCADA pi efficaci.

LATTENZIONE ALLA PRODUTTIVIT

iFIX 5.x lultimo prodotto software SCADA di GE Intelligent Platforms e presenta una gran variet di nuovi strumenti che pongono una particolare enfasi sulla produttivit. Inoltre, sono state aggiunte nuove funzionalit per la sicurezza, che renderanno possibile limplementazione di questi sistemi allinterno di settori regolamentati.

2.1 INTEGRIT E SICUREZZA DEI DATI


La possibilit di raccogliere e archiviare i dati molto velocemente, una pi stretta integrazione delle applicazioni plant floor e dei sistemi di business, ed efficaci strumenti di analisi sono gi disponibili. Historian di GE Intelligent Platforms offre una soluzione per la raccolta di informazioni di processo. La nuova interfaccia web-based di Proficy Real Time Information Portal (ex infoAgent) fornisce un portale per analizzare i dati provenienti da fonti diverse del plant floor. A causa di una sempre crescente fiducia nelle informazioni elettroniche e al loro maggiore utilizzo da parte delle aziende, il tema della sicurezza e dellintegrit di queste informazioni diventato molto critico. I settori regolamentati hanno seguito in ogni dettaglio la normativa 21CFR11 della FDA considerandola come la linea guida per implementare i sistemi di automazione, basati sui computer. GE Intelligent Platforms ha aggiunto al sistema SCADA iFIX la possibilit di utilizzare la firma elettronica per garantire ancora maggiore sicurezza ai dati. Per poter tracciare le modifiche effettuate dagli utenti, gli eventi operativi e i segnali dallarme, lODBC Alarm Logger di Proficy HMI/SCADA iFIX stato migliorato per diventare a tutti gli effetti un sistema di audit trail completo. Lintegrazione del sistema di sicurezza di iFIX con quello di Windows stata semplificata affinch possa essere gestita attraverso luso di un nuovo strumento chiamato Windows Security Sinchronizer.

2.2 SVILUPPO RAPIDO, FACILIT DI GESTIONE


Proficy HMI/SCADA iFIX di GE Intelligent Platforms possiede le caratteristiche e le opzioni pi potenti. La possibilit per gli utenti di avvantaggiarsi di questo strumento pi rapidamente e con maggiore sicurezza il maggior obiettivo della nuova versione di Proficy HMI/SCADA iFIX 5.x.
Come sviluppare applicazioni Scada HMI 5 Versione 5.0 Giugno 2010

Molti i miglioramenti apportati a iFIX lo hanno reso uno strumento facile da usare: Un wizard per creare immagini Un Cross Reference La possibilit di creare oggetti multipli Un Data Link Stamper Una finestra di dialogo per le animazioni di base Proficy Real Time Information Portal (ex infoAgent) Dynamo Una tastiera virtuale Un wizard per creare Dynamo Un wizard per creare gruppi grafici Un nuovo supporto software

COME RAGGIUNGERE UN ALTO LIVELLO DI INTEGRIT E SICUREZZA DEI DATI

Un ulteriore progresso di Proficy HMI/SCADA iFIX versione 5.x include gli strumenti e i miglioramenti per garantire la sicurezza nella fase di inserimento e di raccolta dei dati. Queste nuove caratteristiche sono nate dal desiderio di GE Intelligent Platforms di fornire la migliore tecnologia possibile per implementare soluzioni SCADA nei settori regolamentati. In ogni caso, queste nuove funzionalit possono essere vantaggiose per qualunque tipo di azienda che voglia raggiungere un alto livello nellintegrit dei dati attraverso avanzate funzioni di sicurezza.

3.1 STRUMENTI PER OTTENERE LA COMPLIANCE


Proficy HMI/SCADA iFIX 5.x sviluppa le proprie caratteristiche centrali per fornire gli strumenti software di automazione necessari per ottenere soluzioni compliant in modo facile e veloce. Il prodotto iFIX contiene una nuova funzione, la firma elettronica, che pu essere implementata sulle nuove soluzioni di iFIX oppure pu essere aggiunta ai sistemi di iFIX gi esistenti. Complementari allopzione della firma elettronica ci sono altri miglioramenti per quel che riguarda larchiviazione dei segnali di allarme, gli eventi e le firme elettroniche in un audit trail compliant, utilizzando ODBC alarm logger di iFIX. Lintegrazione del sistema di sicurezza di iFIX al sistema di sicurezza di Windows NT/2000 a sua volta stato semplificato grazie a un nuovo strumento che permette di sincronizzare le informazioni dellaccount utente di Windows con quelle di iFIX.

3.1.1 COME IMPLEMENTARE LA FIRMA ELETTRONICA


Le firme elettroniche di Proficy HMI/SCADA iFIX vengono fornite come unopzione acquistabile separatamente e poi vengono integrate allinterno del database di processo di iFIX. Uno degli approcci seguiti da GE Intelligent Platforms per includere le firme elettroniche linserimento di questa funzione al livello tag del database. Invece di scorrere attraverso le videate o di aggiungere complesse descrizioni di ogni oggetto in ciascuna pagina, la firma elettronica viene configurata solo sul punto per il quale richiesto un controllo, ed poi disponibile ogni volta in cui quel punto viene visualizzato o utilizzato. Questa integrazione della firma elettronica a livello di tag ha molte importanti implicazioni, tra le quali: E difficile riuscire a integrare le firme elettroniche nelle fasi di progettazione delle videate, con tutte le opzioni e gli stili di implementazione, che possono variare da sviluppatore a sviluppatore. Lapproccio di iFIX , che integra le firme

Come sviluppare applicazioni Scada HMI

Versione 5.0 Giugno 2010

elettroniche ai tag nel database di processo, molto pi metodico e risulta cos pi facile gestire linserimento della firma elettronica. La firma elettronica attivata ogni volta in cui viene effettuata una modifica al valore di un tag, da qualunque videata in cui il tag sia utilizzato. iFIX avr sempre lo stesso comportamento ogni volta in cui il tag sar usato. Agli account degli utenti possono essere assegnati diritti del tipo performed by e/o del tipo verified by per lutilizzo della firma elettronica. Inoltre agli utenti pu essere concesso il diritto di utilizzare la firma elettronica in un punto utilizzando larea di sicurezza di iFIX. Lutente, per, per utilizzare la firma elettronica, deve appartenere alla stessa area di sicurezza di cui fa parte il punto. Lapproccio basato sui tag permette un pi rapido e pi accurato recupero dei progetti di iFIX esistenti: il database di processo esistente viene esportato, modificato e poi importato per aggiungere lopzione della firma elettronica. La firma elettronica in iFIX una combinazione di un nome-utente (username) e di una password. Lo username e la password sono definiti nel sistema di sicurezza di iFIX. Bisogna ricordare che il sistema di sicurezza di iFIX pu essere legato a quello di Windows NT/2000/XP: questo non un requisito indispensabile per lutilizzo della firma elettronica. Agli account degli utenti o ai gruppi di sicurezza viene assegnato uno dei due nuovi privilegi: firma elettronica del tipo performed by oppure firma elettronica del tipo verified by. Inoltre, agli account degli utenti dovrebbe essere assegnata almeno unarea di sicurezza, per stabilire in quali tag lutente pu utilizzare la firma elettronica e pu fare delle modifiche. Un tag di iFIX pu essere configurato per essere richiamato con una combinazione username/password (performed by) e anche con una seconda combinazione username/password (verified by). I punti devono essere messi in unarea di sicurezza. Le aree di sicurezza funzionano nello stesso modo in cui funzionavano nelle precedenti versioni di iFIX, limitando laccesso alle funzioni di modifica dei dati a quegli utenti che sono stati assegnati alla stessa area di sicurezza a cui stato assegnato il tag che deve essere modificato. Con lutilizzo delle firme elettroniche ogni utente che vuole modificare un tag deve utilizzare una firma elettronica del tipo performed by con successo, e se lutente appartiene alla stessa area di sicurezza a cui appartiene il tag, allora il cambiamento del dato sar permesso.

Fig.1: Assegnazione funzionalit Electronic Signature Performed By

Come sviluppare applicazioni Scada HMI

Versione 5.0 Giugno 2010

3.1.2 LE FIRME ELETTRONICHE IN AZIONE


Quando un utente decide di cambiare il valore di un dato, attraverso qualunque finestra di dialogo per linserimento dati (nelle linee di inserimento, cursori, ), viene visualizzata la finestra di dialogo per la firma elettronica sullo schermo. La finestra di dialogo d allutente informazioni molto importanti come lattuale valore del punto, una breve descrizione dellazione che si intende compiere e uno spazio in cui possibile inserire dei commenti. Lutente pu scegliere tra una lista di commenti gi configurati oppure pu formulare liberamente il testo. Solo gli utenti, ai quali stato assegnato il privilegio di sicurezza del tipo performed by, possono utilizzare la firma elettronica del tipo performed by. Per utilizzare la firma elettronica, lutente deve inserire il suo username e la sua password. Bisogna notare che lutente pu navigare allinterno della finestra di dialogo utilizzando solo la tastiera e i tasti enter (invio) e tab (tabulatore), permettendo, quindi, anche luso di una pistola per la lettura dei codici a barre. Nei casi in cui sono richieste due firme, vengono presentate una a fianco allaltra sia la firma del tipo performed by sia quella del tipo verified by cos che lutente con il compito di verificare loperazione possa vedere per che cosa sta firmando. Agli utenti possono essere assegnati sia i privilegi performed by sia quelli verified by; in ogni caso iFIX richieder che la firma del tipo performed by e quella del tipo verified by siano diverse per una singola operazione.

Fig.2: Performed By Signature

Fig.3: Performed By e Verified By Signature

Dopo che la firma elettronica stata inserita una prima volta, i seguenti processi di firma richiederanno solo la password dellutente, che ha fatto la prima firma. Questo comportamento continuer finch un altro strumento di iFIX, lo screensaver di iFIX, non far uscire dal nodo e interromper la sequenza continua di firme. Lo screensaver di iFIX, come tutti gli screensaver, viene attivato dal sistema operativo quando trascorso un certo intervallo di tempo di inattivit. Per dimostrare la flessibilit di questo approccio basato sui tag, si pu considerare uno scenario in cui la firma elettronica richiesta in alcune occasioni, ma non in altre. In questo caso, si pu utilizzare il database di processo di iFIX per creare due tag, che fanno riferimento allo stesso indirizzo. Uno dei due tag viene configurato con la firma elettronica e con la possibilit di accesso delloperatore a una certa area di sicurezza. Il secondo tag, che invece non richiede la firma elettronica, dovr essere configurato senza le opzioni della firma elettronica.

Come sviluppare applicazioni Scada HMI

Versione 5.0 Giugno 2010

3.1.3 COME RACCOGLIERE I SEGNALI DI ALLARME E GLI EVENTI


ODBC alarm logger di iFIX il luogo in cui possono essere archiviati gli eventi e le informazioni che andranno a formare laudit trail. ODBC alarm logger di iFIX pu raccogliere eventi come cambiamenti dei tag, accessi o violazioni al sistema di sicurezza e eventi del sistema come lavvio o larresto di unapplicazione di iFIX. Queste potrebbero sembrare tutte le informazioni richieste per un audit trail completo; in realt ci sono un gran numero di altre informazioni importanti che mancano. I progressi fatti da ODBC alarm logger di iFIX 5.x colmano le lacune, rendendo questo strumento un audit trail comprensivo di tutti gli eventi che possono avere luogo allinterno di unapplicazione SCADA di iFIX. ODBC alarm logger di iFIX stato configurato utilizzando la funzione SCU. Durante la fase di configurazione, si sceglie di configurare e di creare una tabella del database in grado di contenere i dati dellaudit trail. La schermata di configurazione fornisce una lista di campi che possono essere scelti per memorizzare i dati nella tabella del database. Si pu controllare ogni campo e aggiungerlo alla tabella. Ci sono anche caselle di controllo per aggiungere tutti i campi o per rimuoverli tutti. La casella di controllo create table on start-up permette al servizio di allarme di ODBC di creare la tabella nel database se ancora non esiste. C da notare che al servizio di ODBC si pu accedere solo utilizzando un account che abbia il privilegio di creare la tabella. ODBC alarm logger di iFIX aggiunge anche nuovi campi per poter immagazzinare ulteriori nuove informazioni.

Nuova colonna

Definizione

Descrizione del tag

Il testo di descrizione del tag del database

Nome di accesso completo delloperatore

Il nome completo dellutente che accede al nodo dove stato fatto un cambiamento

Nome dellutente performed by

Il nome utente della persona che ha messo in atto unazione che richiede la firma elettronica

Nome completo performed by

Il nome completo della persona che ha messo in atto unazione che richiede la firma elettronica

Commento performed by

Il commento inserito dalla persona che ha messo in atto unazione che richiede la firma elettronica

Nome utente verified by

Nome utente della persona che ha controllato unazione che richiede la firma elettronica

Nome completo verified by

Nome completo della persona che ha controllato unazione che richiede la firma elettronica

Commento verified by

Commento inserito dalla persona che ha controllato unazione che richiede la firma elettronica

Codice identificativo del messaggio

Il codice identificativo (in forma binaria) di un messaggio identifica in modo unico il record

Come sviluppare applicazioni Scada HMI

Versione 5.0 Giugno 2010

Un nuovo tipo di messaggio stato aggiunto, chiamato E-SIGNATURE, viene utilizzato da Alarm ODBC Logger per catturare i record delle firme elettroniche. Il file di backup utilizzato per archiviare e inviare le funzionalit criptato e nasconder i record dei segnali di allarme e degli eventi quando il servizio di allarme ODBC messo in pausa o non pu stabilire la connessione con il database relazionale. Un tag del database del processo pu essere facoltativamente specificato come mezzo per avvertire lutente attraverso un segnale dallarme o unanimazione grafica che ODBC alarm logger non connesso al database. Il campo di descrizione dellevento, che un tempo veniva archiviato come un testo di descrizione dellevento, stato migliorato in modo da contenere il nome completo dellutente che entrato nel nodo per compiere la modifica al dato e anche il valore attuale del tag del database e quello precedente. Lultimo miglioramento che stato aggiunto al database linserimento di un unico campo che contiene il codice identificativo del messaggio (ID message). Questo campo utile da includere in altre tabelle di normali database come mezzo per associare certi eventi al contesto di altre informazioni, come il codice identificativo del lotto dellattuale lotto in produzione.

3.1.4 LA SINCRONIZZAZIONE CON IL SISTEMA DI SICUREZZA DI WINDOWS


Perch importante integrare il sistema di sicurezza di Proficy HMI/SCADA iFIX con la di sicurezza di Windows NT, 2000 o XP? Una prima ragione che il sistema di sicurezza di Windows ha delle caratteristiche che possono migliorare, ampliandolo, il sistema di sicurezza di iFIX, come, ad esempio, limposizione della lunghezza della password e la sua unicit e le caratteristiche di scadenza della password. Unaltra ragione la facilit di gestione. Le password per gli account degli utenti possono essere modificate nel database di sicurezza di Windows e i cambiamenti si riflettono automaticamente in tutti i nodi di iFIX dove il sistema di sicurezza legato a un account-utente di Windows. La nuova opzione Windows Security Sinchronizer aggiunge potenti funzionalit al processo di sincronizzazione. Windows Security Sinchronizer configura le caratteristiche delle applicazioni di iFIX decise dallutente e le aree di sicurezza nel database di sicurezza di Windows come gruppi locali. Gli account degli utenti definiti in Windows vengono inclusi come membri in questi nuovi gruppi locali di sicurezza. La sincronizzazione di queste informazioni allinterno del database di sicurezza di Windows si svolge in ununica direzione: da Windows a iFIX. Windows Security Sinchronizer non si aggiorna in modo automatico, ma deve essere avviato per rendere validi i cambiamenti di Windows verso iFIX e per garantire che i profili di sicurezza siano accurati.

3.2 UNIMPLEMENTAZIONE RAPIDA


I nuovi strumenti presenti in Proficy HMI/SCADA iFIX versione 5.0 sono stati costruiti intorno alla precedente architettura di iFIX. Questi progressi sono stati costruiti basandosi sulla potenza del prodotto iFIX utilizzando la flessibilit del suo database di processo, alarm ODBC logger e la possibilit di integrazione con il sistema di sicurezza di Windows, caratteristiche queste che esistono fin dalla prima versione di iFIX.

3.2.1 COME AGGIORNARE IL DATABASE DI PROCESSO


Come gi stato accennato in precedenza, lopzione della firma elettronica integrata allinterno del database di processo ed configurata basandosi sui tag (tag-by-tag basis). In fase di aggiornamento di Proficy HMI/SCADA iFIX da una versione precedente, questi campi sono aggiunti automaticamente ai tag del database di processo e contemporaneamente viene creato anche un file di backup del database di processo. A differenza di questi campi, le firme elettroniche non vengono create automaticamente. Per aggiungere le firme elettroniche alle applicazioni esistenti, o a quelle nuove, bisogna in una prima fase stabilire quali tag richiedono la firma elettronica. In seguito si pu aggiungere la firma elettronica ai tag direttamente nel Database Manager.
Come sviluppare applicazioni Scada HMI 10 Versione 5.0 Giugno 2010

Se dover passare in rassegna centinaia di tag , di fatto, unattivit scoraggiante, in questo documento viene presentato un nuovo strumento (cross reference tool) che pu essere di grande aiuto, rendendo questo processo pi efficiente. Questo strumento, che una novit di iFIX 5.x, aiuta lutente a identificare quali tag sono accessibili dalle videate cos da poter applicare la firma elettronica ai giusti tag nel database di processo.

Fig.4: Configurazione Electronic Signature

3.3 STRATEGIE DI IMPLEMENTAZIONE


Il processo di implementazione di un progetto di automazione allinterno di un ambiente regolamentato non un compito semplice da svolgere, come stanno scoprendo molte aziende e molti team di ingegneri. La soluzione SCADA di iFIX lunica che nella complessit di strumenti e di opzioni in grado di fornire le funzionalit chiave per la compliance, la sicurezza dellaudit trail, una configurazione di sicurezza legata al sistema di sicurezza di Windows e lopzione delle firme elettroniche. Prima di iniziare un progetto, di grande utilit pianificare in modo accurato il processo di ingegnerizzazione e il ciclo di vita, ed importante capire quali sono i requisiti necessari del processo di automazione prima di iniziare la fase di implementazione o anche quella di remediation.

3.3.1 IDENTIFICAZIONE DEI GRUPPI DI SICUREZZA, DEGLI UTENTI E DELLE AREE DI SICUREZZA
Molte delle richieste di compliance potrebbero essere soddisfatte grazie ad un sistema di sicurezza ben progettato. Il sistema di sicurezza deve essere facile da capire, disponendo di livelli e di confini chiaramente definiti. Gli utenti del sistema devono essere identificati. Le caratteristiche e le funzioni del sistema devono essere identificate. Bisogna inoltre stabilire quali caratteristiche e quali funzioni del sistema necessitano di un accesso di sicurezza. La configurazione degli account degli utenti pu essere semplificata assegnando loro ad uno o pi gruppi di sicurezza. Una volta che sono stati assegnati dei privilegi a questi gruppi di sicurezza, i diritti diventano automaticamente disponibili per tutti gli utenti che fanno parte del gruppo. Infine, bisogna decidere quali aree del sistema hanno bisogno di una limitazione degli accessi e mettere queste aree in contrasto rispetto ai gruppi di sicurezza. Da qui si possono creare aree di sicurezza del sistema per separare le aree del sistema e gli accessi.

Come sviluppare applicazioni Scada HMI

11

Versione 5.0 Giugno 2010

3.3.2 IDENTIFICARE I PARAMETRI CHE RICHIEDONO LA FIRMA ELETTRONICA


Per identificare le attivit che richiedono la firma necessario svolgere unanalisi delle SOP, delle aspettative GxP e delluso dei dati che il sistema genera. Il controllo batch e le operazioni potrebbero essere attivit che richiedono la firma elettronica. Ne sono esempi linvio di materie prime per la produzione, il controllo del serbatoio e la preparazione dellattrezzatura, come le azioni di avvio, arresto, fermo e cancellazione del lotto. Inoltre i set point del sistema e i range di allarme possono essere protetti con le firme elettroniche.

3.3.3 COME IMPLEMENTARE ODBC ALARM LOGGER


Il sistema Proficy HMI/SCADA iFIX in grado di raccogliere i segnali di allarme del sistema e gli eventi del sistema. Tra gli eventi del sistema sono compresi laccesso e luscita degli utenti dal nodo, laccesso a particolari funzioni del sistema, lavvio e larresto del sistema e le violazioni al sistema di sicurezza. ODBC alarm logger pu essere utilizzato per creare un audit trail del sistema.

3.3.4 LACCESSO ALLAUDIT TRAIL


GE Intelligent Platforms fornisce gli strumenti necessari per garantire un accesso sicuro allaudit trail del sistema. GE Intelligent Platforms propone gli strumenti di VisiconX per un accesso rapido ai dati del sistema attraverso le schermate di Proficy HMI/SCADA iFIX. Gli strumenti di VisiconX possono essere configurati senza scripting, creando tabelle di dati nellaudit trail. I controlli possono essere integrati con altri strumenti, come il Calendar Control di Microsoft per filtrare i dati per data. VisiconX fornisce una visione dei dati in sola lettura, sotto forma di tabelle semplici da leggere e da navigare. iFIX, inoltre, mette a disposizione la versione runtime di Crystal Report. Crystal Report uno strumento che pu essere utilizzato per costruire report professionali e grafici. La versione runtime permette di vedere, stampare e spedire via email i report contenuti in iFIX. Gli eventi che scatenano la stampa automatica di Crystal Report sono integrati allinterno del sistema di iFIX. Infine, iFIX permette lintegrazione con Acrobat di Adobe per produrre report dellaudit trail in un formato di sola lettura, il PDF. I file in formato PDF sono facilmente distribuibili e archiviabili.

Fig.5: Visualizzazione Audit Trail con VisiconX

Come sviluppare applicazioni Scada HMI

12

Versione 5.0 Giugno 2010

UNO SVILUPPO VELOCE

Quali strumenti renderebbero pi rapide le fasi di sviluppo di applicazioni SCADA, lasciando pi tempo per concentrarsi sulla risoluzione delle questioni di progettazione del sistema? Il team di sviluppatori di iFIX si posto questa domanda nel momento in cui ha iniziato a lavorare sullultima versione SCADA di iFIX, iFIX 5.x. Ci sono diversi miglioramenti allinterno di iFIX 5.x, che permettono di rendere pi veloce la fase di implementazione. La presenza di questi nuovi strumenti permette alla soluzione SCADA di iFIX di far parte di una nuova classe per produttivit e facilit di utilizzo.

4.1 GRAFICI
A volte, la fase di costruzione dei grafici , di fatto, quella che richiede il maggior dispendio in termini di tempo nel processo di sviluppo di unapplicazione SCADA. iFIX 5.x possiede uno straordinario numero di strumenti, che permetto di realizzare un grafico in modo semplice e veloce, prevedendo anche collegamenti animati, dynamo e anche il supporto di controlli ActiveX. In iFIX 5.x ci sono nuovi wizard e strumenti addizionali per permettere lutilizzo di tutte le potenzialit del prodotto iFIX, in poco tempo.

4.1.1 WIZARD PER LA CREAZIONE DI VIDEATE


Create picture wizard uno strumento che aiuta a scegliere il layout di una o pi videate allinterno di un progetto. Questo strumento permette allutente di creare molto velocemente unapplicazione con intestazioni, note a pi di pagina, immagini e menu a tendina (popup), e gli permette di gestire la dimensione e la posizione di queste finestre in modo pi rapido di quanto non sia mai stato possibile finora. In iFIX 5.x quando si decide di creare una nuova immagine, Create picture wizard viene visualizzato. Sullo schermo vengono presentate diverse possibilit rispetto al tipo di figura che si vuole produrre. Creare immagini partendo da configurazioni predefinite, Creare una figura personalizzata, Creare una figura defaulf senza titolo

Fig.6: Wizard creazione immagini Come sviluppare applicazioni Scada HMI 13 Versione 5.0 Giugno 2010

4.1.1.1

CONFIGURAZIONI PREDEFINITE

Si pu scegliere tra una o pi configurazioni di figure predefinite. Quando si visualizza il wizard per la creazione di immagini, appare una finestra di dialogo, che descrive il layout dello spazio di lavoro della figura con delle finestre, che rappresentano le dimensioni e la codifica dei colori. Questa schermata permette di visualizzare insieme tutte le finestre, prima di doverle effettivamente completare. La maggior parte dei progetti SCADA richiede una o pi finestre comuni che possono essere visualizzate in ogni momento durante lesecuzione dellapplicazione. Spesso, vengono visualizzati header e footer comuni ed il corpo centrale della schermata, compreso tra lintestazione e le note di fondo, che cambia graficamente. Il wizard per la creazione di immagini d allutente diverse possibili configurazioni delle finestre tra cui scegliere. Ci sono varie configurazioni per le intestazioni, il corpo centrale e le note di fondo e anche altri esempi, che mostrano una porzione del video con una barra degli strumenti per le immagini sul lato destro dello schermo. Se lutente non soddisfatto dalle soluzioni proposte dalle finestre, pu scegliere una finestra per configurare limmagine in modo da soddisfare le sue personali esigenze; sufficiente cliccare sul comando Modifica la Configurazione per personalizzare una configurazione predefinita. La finestra di dialogo Modifica la Configurazione apparir quando sar possibile modificare le dimensioni della figura. Si potranno cos fare i cambiamenti sullimmagine e poi ritornare alla pagina Scelta della Configurazione. Una volta che la figura e il layout sono stati definiti, bisogna cliccare sul pulsante Next e la pagina Scegli il nome del file apparir sullo schermo. A questo punto lutente dovr scegliere quale figura tra le configurazioni previste vuole creare e specificare un nome per il file. Per disattivare una figura, sufficiente cancellare il contenuto del checkbox a fianco del nome generico. Le immagini che sono state disattivate non verranno create. Per attivare unimmagine, si deve invece inserire il nome del file nel campo successivo.

4.1.1.2

FIGURE PERSONALIZZATE

Lopzione per la creazione di immagini personalizzate permette allutente di poter specificare tutte le propriet di una figura che verr creata ex novo. Ci sono due opzioni tra cui lutente pu scegliere, utilizzare dimensioni specifiche, in cui pu specificare la dimensione dellimmagine che si sta creando oppure utilizzare le dimensioni di figure esistenti, in cui lutente sceglie le dimensioni per la nuova figura scegliendo fra una lista di figure gi esistenti. Una volta che le dimensioni della figura sono state stabilite, bisogna cliccare sul tasto Next e verranno definiti tutti gli attributi personalizzati che lutente vuole per la sua figura. Infine, cliccando nuovamente sul tasto Next si pu attribuire un nuovo nome alla figura.

4.1.1.3

CREARE UNA FIGURA DEFAULF SENZA TITOLO

Quando si seleziona questopzione e poi si preme il tasto fine, il wizard esce e crea la tipica figura senza titolo nella dimensione attuale dello spazio di lavoro. Questo il tipico modo di lavorare che iFIX gi utilizzava nelle versioni precedenti, che di fatto evita il wizard.

4.1.2 COME CREARE LA GRAFICA


Una volta che il wizard ha semplificato il processo di creazione di unimmagine, ci sono altre nuove funzionalit disponibili in iFIX per creare oggetti aggiuntivi in modo molto semplice.

4.1.2.1

CREAZIONE DI OGGETTI MULTIPLI

Una nuova caratteristica, che stata introdotta nellambiente di sviluppo di iFIX, permette di scegliere un oggetto e di crearne diverse copie senza dover richiamare loggetto dalla barra degli strumenti tutte le volte. Per trarre dei vantaggi da questa nuova funzione, sufficiente cliccare due volte sullicona delloggetto nella finestra degli strumenti. Il pulsante rimane premuto, indicando che la funzione per la creazione di oggetti multipli stata attivata.

Come sviluppare applicazioni Scada HMI

14

Versione 5.0 Giugno 2010

Una volta che lutente inizia a creare un oggetto, pu decidere di riposizionarlo o di disegnarlo di nuovo tutte le volte che vuole. Quando sar soddisfatto del risultato ottenuto, dovr premere il comando ESC oppure cliccare sullicona rimasta premuta nella finestra degli strumenti per terminare la sessione di creazione. Questo strumento permette di evitare molti clic e molti trascinamenti non necessari rendendo la creazione di immagini complesse molto pi rapida. La funzione per la creazione multipla disponibile per i seguenti oggetti: Rettangoli e rettangoli smussati Rette e poligoni regolari Ovali Archi Poligoni Testi Grafici Bitmap Collegamenti alla data e allora attuali

4.1.2.2

DATA LINK STAMPER

Data link stamper non uno strumento nuovo in iFIX. La novit che ora, per, lutente pu specificare la fonte dei dati e il loro formato prima di specificare la posizione del collegamento dei dati. Quando si clicca sullicona del collegamento nella barra degli strumenti, appare una finestra di dialogo per scegliere il tag o il gruppo di tag fonte del collegamento. Una volta completata la fase di scelta, licona del Data link stamper appare sullo schermo e permette di posizionare il collegamento dei dati con il mouse. Quando si clicca su un grafico, il collegamento viene visualizzato nel punto dove si ciccato. La dimensione del collegamento basata sia sulla fonte selezionata sia sulle preferenze di carattere dallutente.

4.1.2.3

FINESTRA DI DIALOGO PER LE ANIMAZIONI DI BASE

Una volta utilizzata lopzione per la creazione di oggetti multipli per disegnare, per esempio, i quattro ovali che rappresentano le aree di un processo, lutente potrebbe voler animare questi oggetti. In passato avrebbe dovuto passare attraverso molti strati di finestre di dialogo prima di trovare le funzioni che desiderava, per ciascun oggetto, ma ora con iFIX 5.x la finestra di dialogo per lanimazione stata aggiornata. Per i nuovi utenti si semplificher notevolmente il processo di comprensione delle opzioni disponibili quando si aggiungono le animazioni ad un oggetto. La finestra di dialogo organizzata in modo da differenziare le diverse possibili animazioni, ciascuna con una serie di comandi e di check-box per permettere lattivazione di queste funzioni: Colore per scegliere il colore del primo piano, dei bordi o dello sfondo delloggetto selezionato Movimento per scegliere la posizione, le dimensioni e la movimento di rotazione delloggetto Riempimento per scegliere la fonte di riempimento delloggetto Visibilit per scegliere la fonte di visibilit delloggetto

Come sviluppare applicazioni Scada HMI

15

Versione 5.0 Giugno 2010

Fig.7: finestra di dialogo per le animazioni di base

Si pu utilizzare il pulsante wizard per aggiungere scripting al significato dei clic sulloggetto. Si pu scegliere fra diverse funzioni previste, che sono presentate dal wizard in una lista tra cui si possono scegliere: Riconoscere i segnali di allarme Riconoscere tutti i segnali di allarme Campanello di allarme Chiusura dei tag digitali Chiusura della figura Disattivazione dei segnali di allarme Attivazione dei segnali di allarme Localizzazione dei segnali di allarme Apertura dei tag digitali Apertura della figura Stampa Crystal report Ramp tag value Aggiorna la figura Set automatico dei tag Set manuale dei tag Toggle dei tag digitali Toggle automatico/manuale dei tag Toggle dello stato di scansione dei tag Togliere i tag dalla scansione Mettere i tag nella scansione Scrivere il valore sul tag
Come sviluppare applicazioni Scada HMI 16 Versione 5.0 Giugno 2010

Cliccando due volte su una delle opzioni nella lista si sceglie la funzione che si attiver in automatico ogni volta che si cliccher su un tag. Gli utenti pi esperti di iFIX hanno la garanzia che tutte le potenti opzioni di animazione e gli eventi degli oggetti, che erano disponibili nelle versioni precedenti di iFIX, sono presenti anche in iFIX 5.x. Si deve cliccare sul comando configurare nella finestra di dialogo per le animazioni di base sotto la selezione delle animazioni avanzate. La finestra di dialogo per le animazioni di iFIX viene visualizzata come tutte le tradizionali finestre di dialogo di iFIX note alla maggior parte degli utenti di iFIX. La finestra di dialogo mette a disposizione dellutente tutte opzioni con tutti i dettagli per permettere allo sviluppatore di regolare in modo molto accurato lanimazione.

4.1.2.4

WIZARD PER LA COSTRUZIONE DI DYNAMO

Una volta che gli oggetti sono stati creati e che le animazioni sono state attivate, arriva il momento di salvare il grafico. iFIX 5.x di GE Intelligent Platforms permette adesso allutente di salvare i propri grafici come fossero dynamo utilizzando il nuovo wizard per la creazione di dynamo. Questo wizard permette di salvare uno o pi grafici come dynamo in un set di dynamo. I set di dynamo che erano presenti nelle precedenti versioni di iFIX sono ancora disponibili, adesso lutente ha, per, la possibilit di salvare i suoi grafici in dynamo con questa nuova funzionalit. I set di dynamo sono inseriti in file che vengono creati dallutente e poi salvati. Questi file possono essere copiati, come fossero semplicemente figure o gruppi di tag, per essere poi distribuiti a sistemi multipli.

4.1.3 COME UTILIZZARE IL WIZARD PER I GRUPPI DI GRAFICI


Lapplicazione SCADA di iFIX supportata da un sistema di controllo del grafico di andamento che permette allutente di presentare la visualizzazione di un trend allinterno di una figura di iFIX. La visualizzazione dellandamento pu mostrare, sia dati in tempo reale tratti dal database di processo di iFIX, sia tratti dallarchivio storico di iFIX. La visualizzazione di un trend prevede diverse pagine sulle sue propriet, che sono disponibili durante la fase di progettazione della schermata e quella di esecuzione, per poter scegliere le penne da visualizzare, insieme alle loro dimensioni, al loro colore e a tutte le altre loro caratteristiche. Una novit di iFIX 5.x il wizard per i gruppi di grafici, che permette di salvare nei file configurazioni multiple di penne per poi riapplicare queste configurazioni. Questa nuova funzione permette di creare visualizzazioni molto flessibili dei trend utilizzando un unico oggetto dellandamento. Si possono autorizzare gli utenti dellapplicazione a scegliere fra un gruppo precostituito di file di gruppi di grafici o permettere loro di creare, modificare e salvare le loro visualizzazioni degli andamenti. Quando si pensa che per ogni processo e per ogni utente importante un diverso set di dati o una diversa visualizzazione dei dati, questo nuovo strumento fa aumentare notevolmente la potenza e la flessibilit delle visualizzazioni dei trend da parte di iFIX.

4.2 LE OPZIONI PER LINSERIMENTO DEI DATI


Lo spazio e lambiente a livello di plant floor sono raramente adatti alluso delle tastiere e dei mouse tradizionali, e il risultato e che l spesso questi strumenti non sono disponibili. Lapplicazione SCADA di iFIX 5.x aggiunge una nuova visualizzazione popup configurabile della tastiera, che permette una modalit di inserimento dei dati flessibile ed alternativa allequivalente hardware.

4.2.1 TASTIERA POPUP SULLO SCHERMO

Come sviluppare applicazioni Scada HMI

17

Versione 5.0 Giugno 2010

La nuova tastiera sullo schermo unapplicazione separata, MYTSOFT.EXE. Lapplicazione della tastiera pu essere avviata senza iFIX, e la sua visualizzazione presenta una tastiera standard con 101 tasti e con funzioni integrative. La visualizzazione della tastiera pu essere personalizzata. Lutente pu, ad esempio, scegliere se visualizzarne una con 88 tasti nascondendo il tastierino numerico. I tasti possono essere spostati usando le funzioni di modifica. Anche la dimensione della tastiera pu essere cambiata (aumentata o diminuita). Le potenti opzioni di configurazione permettono allutente di controllare laspetto e la reale condizione della tastiera e di visualizzare la tastiera di cui ha bisogno per la sua applicazione. La facolt di poter decidere la dimensione della tastiera permette di creare i tasti nella giusta dimensione, affinch possano essere utilizzati in un ambiente touch-screen. Un grande bottone minimize sulla tastiera permette di nascondere la tastiera. Ogni volta che la tastiera stata ridotta a icona, ci sar unicona della tastiera che apparir nellangolo in alto a destra della finestra dellapplicazione. Cliccando su questa icona la tastiera virtuale verr ripristinata. Licona della tastiera apparir in qualunque finestra attiva per ogni applicazione. A differenza delle precedenti modalit di inserimento dei dati, la nuova visualizzazione sullo schermo della tastiera non unopzione limitata solo alle applicazioni SCADA di iFIX. Una volta che viene attivata, la tastiera virtuale disponibile per tutte le applicazioni presenti sul computer. Questo permette di usare iFIX con qualunque applicazione sulla macchina e offre agli operatori un potente mezzo per linserimento dei dati per tutte le applicazioni.

Fig.8: Virtual Keyboard

4.3 INTEGRAZIONE WEB


Lapplicazione iFIX stata pensata per supportare la tecnologia di ActiveX di Microsoft. Con questo supporto, gli utenti sono sempre stati in grado di inserire lapplicazione Internet Explorer di Microsoft in una figura di iFIX per visualizzare pagine di Internet o della Intranet societaria. Tuttavia, linclusione di ActiveX non banale, inoltre linserimento di pulsanti per la navigazione e la programmazione del corretto URL pu essere unoperazione complessa. Con il crescente utilizzo della tecnologia web nei nuovi strumenti di Proficy Real Time Information Portal (ex infoAgent), GE Intelligent Platforms sta portando avanti lintegrazione di contenuti del web in unapplicazione di iFIX semplicemente con un drag and drop con Dynamo di Proficy Real Time Information Portal (ex infoAgent).

4.3.1 DYNAMO DI PROFICY REAL TIME INFORMATION PORTAL (EX INFOAGENT)


La nuova dynamo permettere di inserire contenuti web allinterno di schermate di iFIX. Tra questi contenuti web sono compresi schermate browsable di Proficy Real Time Information Portal (ex infoAgent), report in formato HTML del software iDowntime di GE Intelligent Platforms, e qualunque altra pagina web. sufficiente unoperazione di drag and drop sulla dynamo di Proficy Real Time Information Portal (ex infoAgent) dal suo folder delle dynamo. Lutente dovr inserire lindirizzo URL, che pu essere derivato da un path di file locale o da un server web HTTP. Infine, dovr posizionare la dynamo sullo schermo nel modo che preferisce. Grazie alla crescente importanza dellintegrazione delle informazioni web-based, questa nuova dynamo potr essere utilizzata in molti modi diversi nei sistemi SCADA, ora o in futuro.
Come sviluppare applicazioni Scada HMI 18 Versione 5.0 Giugno 2010

Fig.9: Dynamo Proficy Real Time Information Portal (ex infoAgent)

4.4 COME GESTIRE LAPPLICAZIONE


Durante la fase di sviluppo di un sistema SCADA di medie o grandi dimensioni, lattivit di registrazione di quali link sono stati utilizzati su quali schermate, script e programma pu essere scoraggiante. Una buona documentazione e una gestione efficiente nelle prime fasi del progetto pu ridurre parte di questo sforzo. In ogni caso, come si pu valutare quale livello di completamento stato raggiunto dal team degli ingegneri durante il percorso seguendo il piano di lavoro? Inoltre, sviluppare una buona documentazione in fase di controllo ancora necessario e quando ci si pu effettivamente fermare per testare il sistema e registrare i risultati dei test, quanto tempo occuper questa fase di controllo? Quando bisogna verificare tutti i collegamenti? Fortunatamente, allinterno dellapplicazione SCADA di iFIX 5.x stato incluso un nuovo strumento per riportare referenze incrociate, Cross Reference Report Tool.

4.4.1 CROSS REFERENCE REPORT TOOL


Cross Reference Report Tool mette a disposizione dellutente molte opzioni interessanti. Permette di localizzare tutte le fonti dei dati in una figura selezionata, o qualunque oggetto nella figura, oppure levento di un punto in una o pi figure. Cross Reference Report Tool pu essere utilizzare per documentare un sistema, fornire il controllo delle schermate e degli script del sistema durante la fase di verifica e di intervenire per localizzare i problemi in un sistema molto velocemente. Si pu attivare Cross Reference Report Tool cliccando due volte il nome dello strumento dal menu ad albero del sistema. Quando si seleziona Cross Reference Report Tool, si apre la sua nuova finestra e viene visualizzata la finestra di dialogo di ricerca rapida (Quick Find). Mentre la finestra di dialogo per la ricerca rapida visualizzata, lutente pu selezionare una o pi immagini visualizzate nella finestra principale dal menu ad albero degli oggetti.

Come sviluppare applicazioni Scada HMI

19

Versione 5.0 Giugno 2010

Fig.6: Quick Reference Tool

La finestra di dialogo per la ricerca rapida fornisce box di controllo per le tre opzioni principali: Picture Cross Reference trova tutti i tag contenuti nella figura, nel programma, in User Global o nelloggetto selezionato Tag Cross Reference trova un tag specifico, i cambiamenti di un tag o un simbolo nella figura, nel programma, in User Global o nelloggetto selezionato e tutti i file di definizione dei gruppi di tag (Tag Group Definition file). Si deve inserire la sequenza nel campo Tag Cross Reference o cliccare il pulsante per la ricerca (Browse) per aprire Expression Editor Object Cross reference trova tutti gli oggetti allinterno delloggetto selezionato. Se si vogliono cercare oggetti specifici, si pu inserire qualunque comando di filtro che si trova nelle colonne Oggetto, Propriet, Risolti o Tag Group File nel campo Find What. Per trovare tutti gli oggetti, sufficiente lasciare in bianco il campo Find What o digitare <All>. Per ciascuna di queste scelte, si possono applicare diverse opzioni di report: Resolve with Tag Group File se la figura selezionata o loggetto contiene i simboli di Tag Group, questa opzione scompone (resolves) questi simboli cercando di far corrispondere i simboli con i file TGD (Tag Group Definition) e di trovare tutte le sostituzioni. Questa opzione disponibile per tutti i tipi di report. Include VBA Scripts questa opzione permette a Cross Reference Tool di cercare i tag tra gli script allinterno della figura selezionata. Sia i report delle figure che quelli dei tag rinviano ai tag, se li trovano, mentre il report degli oggetti riporta tutte le linee dello script.
Come sviluppare applicazioni Scada HMI 20 Versione 5.0 Giugno 2010

Add Summary Report questa opzione aggiunge un sommario alla fine del report elencando nei dettagli il numero degli oggetti, il numero dei tag e le informazioni sulle referenze del progetto VBA Dopo aver effettuato tutte le proprie scelte, si deve cliccare sul tasto Trova. Quindi appaiono una finestra di dialogo e una barra di stato, che permettono di visualizzare la percentuale di completamento mentre il wizard analizza lapplicazione. Oltre alla finestra di dialogo di ricerca rapida, la schermata del Report Wizard permette di impostare il report in modo pi flessibile. Come la finestra di dialogo di ricerca rapida, il Report Wizard permette di scegliere i tre tipi di report, ma una tabulazione aggiuntiva permette di selezionare file multipli tra cui cercare mentre viene prodotto il report. Si pu modificare lordine gerarchico di ricerca, selezionando il file appropriato e cliccando i pulsanti per lo scorrimento verso lalto o verso il basso nella finestra di dialogo. I risultati dellanalisi vengono visualizzati automaticamente sulla schermata di Cross Reference Report Tool. Inoltre, le opzioni permettono allutente di salvare il report in un file o di stamparlo automaticamente ogni volta che viene prodotto. Naturalmente, il report pu essere salvato o stampato anche dalla schermata.

Fig.7: Risultato Cross Reference

COME INTEGRARE IFIX CON I TOOL PI AGGIORNATI

La versione di iFIX 5.x include i supporti per le ultime versioni del software.

5.1 SUPPORTO PER WINDOWS XP, 2000, NT


iFIX 5.x supporta Windows XP (professional edition), Windows 2000 (professional, server e advanced server) e Windows NT (workstation e server). Anche nel caso di Windows 2000 Terminal Server, le funzioni di terminal server sono supportate da iFIX, permettendo di schierare tutti i thin client che possono avere accesso a unapplicazione di iFIX che gira sul server.

5.2 SQL OPTION PER SQL SERVER 2000


Lopzione SQL, che pu abilitare i blocchi del database per registrare i dati di iFIX, basati su eventi o sul tempo, adesso pu supportare la versione SQL Server 2000 di Microsoft. I blocchi SQT/SQD stanno avendo nuova fortuna come

Come sviluppare applicazioni Scada HMI

21

Versione 5.0 Giugno 2010

strumenti per registrare dati di processo e dati di eventi in un database relazionale per la creazione di archivi di batch elettronici.

5.3 CRYSTAL REPORT


GE Intelligent Platforms continua nella sua attivit di supporto e di integrazione dei pi diffusi strumenti di reporting di Windows, Crystal Report di Crystal Decision. Lultima versione di Crystal Report, la versione 8.5, include nuove caratteristiche per lo sviluppo dei report e per il supporto web. iFIX adesso in grado di supportare i report creati con Crystal report 8.5 e continua a includere gli eventi VBA personalizzati che possono essere usati per stampare automaticamente i report.

CONCLUSIONI

iFIX 5.x di GE Intelligent Platforms presenta dei miglioramenti di grande importanza per garantire la sicurezza, lintegrit e lefficienza nello sviluppo dei dati. Lapplicazione SCADA di iFIX supporta la registrazione delle firme elettroniche per la convalida di cambiamenti sui dati. La firma elettronica fornisce le caratteristiche necessarie per facilitare la creazione di applicazioni compatibili con il 21CFR11 utilizzando il pacchetto SCADA di iFIX. Le firme elettroniche sono state costruite partendo dalle caratteristiche di sicurezza gi presenti in iFIX (applicazione di diritti di firme performed by o verified by, assegnazione di aree di sicurezza e integrazione facoltativa al sistema di sicurezza di Windows). Le firme elettroniche si applicano ai tag del database di processo, e non ai grafici. Alarm ODBC Logger stato ulteriormente migliorato per metter a disposizione le funzioni di archivio e di invio e molti campi addizionali per creare un audit trail completo e affidabile. La gestione e la sincronizzazione del sistema di sicurezza di iFIX collegato a Windows sono diventate molto pi semplici grazie a Windows Security Sinchronizer. Cross Reference Report Tool mette a disposizione un potente strumento per ricercare ed eliminare i problemi e per documentare i grafici e gli script. Sono stati fatti miglioramenti nello sviluppo di grafici, includendo la modalit di creazione di grafici multipli, Datalink Stamper, la finestra di dialogo per le animazioni di base, il wizard per la creazione di dynamo, il wizard per i gruppi di grafici, il wizard per la creazione di figure. Questi miglioramenti estendono il potere delle funzionalit di iFIX SCADA, rendendo pi semplice il processo di implementazione di soluzioni SCADA. Lintegrazione della tastiera virtuale permette di costruire soluzioni SCADA per ambienti touch screen. La Dynamo di Proficy Real Time Information Portal (ex infoAgent) permette di integrare le schermate di Proficy Real Time Information Portal (ex infoAgent) nel sistema di iFIX. Proficy Real Time Information Portal (ex infoAgent) la soluzione web-based id GE Intelligent Platforms per i trend e le analisi, permettendo laccesso remoto a diverse fonti di informazioni. Questa versione di iFIX rappresenta unimportante transizione del prodotto SCADA, da semplice visualizzazione e controllo delle automazioni di processo allaggregazione di informazioni. Il prodotto SCADA di iFIX, che pu essere utilizzato per sviluppare un ambiente che sia compatibile con i requisiti di importanti normative, diventato a questo punto lo strumento che permetter al plant floor di essere elevato a elemento di vantaggio competitivo nel ventunesimo secolo.

Come sviluppare applicazioni Scada HMI

22

Versione 5.0 Giugno 2010

Su GE Intelligent Platforms: GE Intelligent Platforms (http://www.ge-ip.com/), ha sede vicino a Boston, a Foxborough, Mass. USA ed opera utilizzando una tecnologia che ha ricevuto numerosi riconoscimenti a livello internazionale e globale. GE Intelligent Platforms propone una piattaforma software, divenuta uno standard di settore, che raccoglie, distribuisce, controlla e visualizza linformazione dai reparti di produzione attraverso tutta lazienda, fornendo ai clienti soluzioni scalabili che garantiscono incremento di produttivit e ritorno degli investimenti (ROI). GE Intelligent Platforms un fornitore leader mondiale di software per applicazioni industriali, con pi di 200.000 installazioni in tutto il mondo, delle quali oltre 8000 sviluppate ed installate da aziende italiane. I prodotti GE Intelligent Platforms sono distribuiti e supportati in Italia da: ServiTecno Srl Via Raffaello Sanzio, 5 20090 Cesano Boscone (MI) Tel 02/48.61.41 - Fax 02/48.61.441 e-mail: info@servitecno.it www.servitecno.it

ServiTecno (www.servitecno.it) unazienda specializzata nella fornitura di software e sistemi per applicazioni in ambito industriale. Attiva dal 1980, ServiTecno si caratterizza per la qualit e lalto contenuto di tecnologia dei prodotti hardware e software offerti e per la competenza e il supporto ai propri clienti, dalla fase di pre-vendita, al training di prodotto, fino allassistenza tecnica post-installazione. Dal 1986 ServiTecno il distributore per l'Italia dei prodotti GE Intelligent Platforms, leader per applicazioni Scada/HMI e Plant Intelligence su PC in rete, con oltre 200.000 applicazioni nel mondo e alcune migliaia realizzate da societ italiane, su diverse piattaforme hardware e software, per piccoli impianti o per medie e grandi applicazioni distribuite. Dal 2010 Vision Automation, azienda di cui gi deteneva la completa propriet, confluisce in ServiTecno come Business Unit dedicata a soluzioni e servizi che ne ampliano lofferta con una cospicua gamma di prodotti e servizi nellambito di Videosorveglianza industriale; Cyber Security e Control System Protection; Change Control e Change Management; gestione informatica della manutenzione di cantiere, di reparto o di stabilimento; sistemi e servizi per applicazioni M2M, prodotti e servizi per tele-metria GPRS.

Come sviluppare applicazioni Scada HMI

23

Versione 5.0 Giugno 2010

ServiTecno s.r.l. Via Raffaello Sanzio, 5 - 20090 Cesano Boscone (MI) Tel. 02/48.61.41 - Fax 02/48.61.441 www.servitecno.it - info@servitecno.it